Trattamento della pielonefrite con il limone

Questo agrume è noto a tutti per la sua enorme quantità di vitamina C. Per molto tempo è stato considerato il re di questa categoria, ma gli scienziati hanno dimostrato che ce ne sono altri che lo hanno notevolmente superato. Non appena abbiamo anche la minima manifestazione di raffreddore, lo afferriamo immediatamente ed eseguiamo misure medicinali. Ma lo sapevi che il limone si è dimostrato efficace contro la pielonefrite. Tutto ciò può essere spiegato dalla presenza di una grande quantità di nutrienti al suo interno. L'azione dei sali e degli esteri dell'acido citrico è molto utile per eventuali problemi renali.

Le proprietà benefiche degli agrumi

Vale la pena ricordare che esiste una grande varietà di questo agrume e i medici dicono che non tutti agiscono allo stesso modo su una persona. Alcuni si faranno subito sentire, mentre altri potrebbero anche non mostrarsi in alcun modo. Pertanto, il trattamento della pielonefrite con il limone deve essere effettuato sotto la supervisione di uno specialista che possa correggere la terapia nel tempo. Contiene un gran numero di sostanze nutritive che aiutano il corpo a far fronte a molte influenze negative dall'esterno. I più famosi sono:

  • pectine;
  • carotene;
  • acidi organici;
  • sali di magnesio, potassio, ferro, zinco, cloro;
  • vitamine e minerali.

Tutto ciò ha un effetto inestimabile sul corpo. Molto spesso si manifesta sotto forma di:

  • anti-sclerotico;
  • antitossico;
  • antinfiammatorio.

L'effetto del limone sul sistema genito-urinario

Conoscendo tutte le qualità positive di questa pianta, viene spesso utilizzata per altri disturbi. Molte persone chiedono se il limone è possibile con la pielonefrite? Alcuni scienziati hanno tratto conclusioni sulla loro ricerca secondo cui il succo di questo frutto è in grado di sciogliere i calcoli di urato e non ha alcun effetto negativo sul corpo. Nel corpo, il calcio si accumula di tanto in tanto e si deposita sotto forma di neoplasie. I medici li rimuovono esponendoli al potassio. La sua composizione può aiutare una persona a far fronte a:

  • acne;
  • normalizzare la pressione sanguigna;
  • proteggere ed eliminare i parassiti intestinali;
  • ridurre la depressione e l'ansia.

Anche metodi alternativi non sono consigliati da soli. Il limone per la pielonefrite cronica è considerato una contrazione efficace alla chirurgia o alla frantumazione laser. Ricorda che è efficace solo con una piccola dimensione della formazione e se esegui manipolazioni simili con quelle grandi, puoi provocare un blocco del condotto.

Come prendere il limone in medicina

Le qualità miracolose di questo prodotto sono note da molto tempo, ma i medici hanno parlato della possibilità di sciogliere le pietre relativamente di recente. C'è un suggerimento che il consumo quotidiano di una bevanda con una piccola quantità di farmaco aiuterà a ridurre la probabilità di formazioni. Sono stati condotti studi durante i quali i pazienti hanno bevuto quotidianamente acqua con limone per i reni dalla pielonefrite, quindi il tasso di calcoli è stato significativamente ridotto. Per preparare una bevanda del genere, è necessario osservare le proporzioni di 50 ml di succo per 1 litro di liquido.

Viene spesso miscelato con olio d'oliva per esaltarne le qualità positive. Sono i depositi distrutti, grazie all'olio, che potranno uscire indolore. Questa cura miracolosa è facile da preparare. Per fare ciò, mescolare 85 ml di entrambi i componenti. La ricezione viene effettuata prima di coricarsi. Si consiglia di provare a consumare quanto più liquido possibile con tale trattamento. Il sollievo della condizione può essere notato entro poche ore. Per aumentare l'efficienza, si consiglia di dormire sul lato dove non ci sono formazioni.

Ricordati di consultare il tuo medico prima di decidere di usare il succo di limone per la pielonefrite. È lui che ti aiuterà a tenere conto di tutti i possibili rischi ed evitare manifestazioni negative..

Una dieta per la pielonefrite è la chiave per un recupero di successo. Tutte le caratteristiche della dieta per la pielonefrite

La pielonefrite è un'infiammazione della pelvi renale derivante da un'infezione. Di solito, la malattia è a lungo termine e richiede un trattamento accurato e premuroso. Allo stesso tempo, per una pronta guarigione, una dieta adeguatamente selezionata ed equilibrata gioca un ruolo importante..

Una dieta per la pielonefrite dovrebbe avere un effetto parsimonioso sui reni, rimuovere i sali e le tossine dal corpo e ridurre il gonfiore. La scelta dei prodotti dipende dallo stadio della malattia..

Dieta per pielonefrite nella fase acuta

Lo stadio acuto della pielonefrite è caratterizzato da dolore acuto nella regione lombare, febbre, debolezza generale, nausea e vomito, perdita di appetito e problemi di minzione. Di norma, la pielonefrite viene trattata in ambiente ospedaliero.

La dieta gioca un ruolo chiave nel trattamento. Una nutrizione correttamente selezionata contribuisce a:

• effetto antinfiammatorio, che accelera il recupero;

• eliminazione del fluido dal corpo, che pulisce le vie urinarie;

• limitare il carico sui reni;

• normalizzazione della pressione sanguigna e del bilancio idrico;

• ridurre il rischio di transizione della malattia in una forma cronica;

• rinforzo generale d'immunità.

La condizione principale per una dieta nella fase di esacerbazione è la selezione di cibi e piatti che prestano un'attenzione delicata alle condizioni dei reni. La quantità di alimenti proteici di origine animale dovrebbe essere limitata. Si consiglia inoltre di ridurre la quantità di sale a 8-10 g al giorno. Tuttavia, l'errore è commesso da coloro che rifiutano completamente di salare il cibo. Questo può portare a insufficienza renale. Se la malattia è accompagnata da vomito grave e febbre alta, la quantità di sale può essere leggermente aumentata..

È meglio cucinare i piatti nel proprio succo, bolliti, al vapore, al forno. Nella fase di aggravamento, i cibi fritti sono completamente esclusi. Dovresti mangiare spesso, almeno cinque volte al giorno, ma in piccole porzioni. Durante la cottura della carne, il primo brodo deve essere scolato per neutralizzare l'effetto degli estrattivi e far bollire la carne fino a cottura in acqua versata.

Alimenti consentiti durante una dieta con pielonefrite nella sua fase acuta:

• verdure fresche (cetrioli, pomodori);

• frutta (mele, pere);

• angurie e meloni, che hanno un forte effetto diuretico;

• latte e prodotti a base di latte fermentato;

• albume d'uovo in piccole quantità;

• semole di grano saraceno e avena;

• agrumi (limoni, arance, mandarini);

• porridge di latte con vermicelli fini;

• primi piatti cucinati in brodo vegetale.

Uno dei principali requisiti dietetici per la pielonefrite è l'assunzione di molti liquidi. In assenza di edema, il volume dovrebbe essere di almeno 1,5-2 litri al giorno. Prendi bevande alla frutta (meglio di tutti i mirtilli rossi), tè nero verde e debole, tisane, brodo di rosa canina dovrebbe essere spesso, ma in piccole porzioni.

Il succo di mirtillo rosso è molto utile per la pielonefrite. La composizione biochimica dei mirtilli rossi fornisce un effetto antibatterico, inoltre, i batteri patogeni non sviluppano resistenza ad esso. Pertanto, il succo di mirtillo allevia l'infiammazione e purifica il corpo dalle tossine. Se non c'è allergia, il miele può essere aggiunto al succo di mirtillo rosso.

Se il paziente preferisce i succhi, è necessario fare una scelta a favore di quelli preparati al momento, fatti con le proprie mani. I cibi conservati sono generalmente ricchi di conservanti. Le composte e le tisane sono meglio bevute senza zucchero. L'infusione di Kombucha è di grande beneficio.

Dieta per pielonefrite in remissione

Quando lo stadio di esacerbazione della malattia si attenua, la dieta del paziente può essere ampliata. Con moderazione vengono introdotti tuorlo d'uovo, carne magra bollita, pesce bollito, cipolle, aglio, carote e patate. Ulteriori prodotti vengono introdotti gradualmente, in piccole quantità. È meglio usare i prodotti del pane ieri, puoi includere frittelle e frittelle nel menu. È consentito consumare 25-30 g di burro al giorno. La frutta secca, soprattutto l'uvetta e le albicocche secche, aiuteranno a diversificare il cibo. Nella loro composizione contengono una grande quantità di potassio, necessario durante l'assunzione di diuretici.

Una dieta per la pielonefrite esclude categoricamente gli alimenti che irritano le vie urinarie. I prodotti con alti livelli di oli essenziali, ossalico, acido urico non sono raccomandati.

Quando è vietata l'infiammazione della pelvi renale:

• brodi preparati a base di carne o pesce;

• semilavorati a base di carne: insaccati, affumicati, insaccati;

• pesce grasso, caviale, frutti di mare;

• tutti i tipi di carne e pesce in scatola;

• piatti a base di carne fritta o alla griglia;

• ravanello, acetosa, spinaci, cavolfiore;

• formaggi a pasta dura di varietà piccanti;

• vari sottaceti e marinate;

• funghi (sia freschi che in salamoia);

• strutto, margarina;

• salse piccanti, pepe, rafano, senape, maionese, ketchup;

• caffè fortemente fermentato (anche naturale), cacao;

• acque minerali con sali di sodio;

• panna e panna acida ad alto contenuto di grassi;

• prodotti di cioccolato, dolci, torte con crema;

• tutti i tipi di bevande alcoliche.

Una volta alla settimana, puoi organizzare un giorno di digiuno per te stesso. I giorni di frutta sono più efficaci quando si mangiano mele, fragole, lamponi. La pielonefrite cronica è spesso complicata da bassi livelli di emoglobina nel sangue. In questo caso, la dieta viene ampliata con cibi contenenti ferro: melograni, fragole, mele.

Dieta per la pielonefrite nelle donne in gravidanza

Durante la gravidanza, soprattutto nell'ultimo trimestre, aumenta il rischio di pielonefrite. Ciò è dovuto al rallentamento della circolazione delle urine a causa della pressione dell'utero allargato sui reni e sugli ureteri. La situazione può essere aggravata da una frequente stitichezza, che può causare infiammazioni ai reni..

Si consiglia di includere barbabietole bollite e prugne nella dieta. Dai latticini, puoi mangiare torte di formaggio al vapore, budini di ricotta, yogurt naturali e yogurt. La carne è meglio scegliere pollo o tacchino. Tra i primi piatti, il più preferito è la barbabietola condita con panna acida magro. Dai dolci, puoi usare marshmallow, marmellate, marmellata, marshmallow. Oltre alle bevande già elencate, i tè di cenere di montagna e ribes nero riducono bene l'intossicazione del corpo. Le erbe essiccate e la cannella sono buone erbe..

Dieta per pielonefrite: un menu approssimativo per una settimana

Il menù proposto è di natura consultiva ed è pensato per cinque pasti al giorno. Bere acqua minerale e altre bevande lontano dai pasti..

Lunedi

Colazione 1. Barbabietole bollite con kefir. 2. Tè verde.

Seconda colazione Succo di mirtillo rosso.

Pranzo 1. Zuppa vegetariana. 2. Polpette di pollo con porridge di grano saraceno. 3. Tè con latte.

Spuntino pomeridiano 1. Macedonia di frutta. 2. Yogurt naturale.

Cena 1. Pesce bollito. 2. Decotto di rosa canina.

martedì

H. 1. Frittata. 2. Composta di frutta secca.

Zuppa di latte VZ.

Circa 1. Zuppa di verdure. 2. Tacchino bollito con patate al forno. 3. Mousse di mele.

P 1. Frutta. 2. Decotto alle erbe.

U 1. Purea di zucca. 2. Kefir.

mercoledì

З 1. Insalata di verdure. 2. Tè al latte.

Budino di ricotta VZ.

Circa 1. Barbabietola 2. Pesce bollito con purea di zucca. 3. Frutta.

P 1. Uovo. 2. Composta di frutta secca.

U 1. Polpette con insalata di verdure. 2. Succo di fragola.

giovedi

З 1. Manzo bollito con porridge di grano. 2. Succo di mirtillo rosso.

VZ Ricotta con panna acida a basso contenuto di grassi.

Circa 1. Zuppa di verdure. 2. Patate lesse con polpette al vapore. 3. Frutta.

U 1. Porridge di farina d'avena con salsa di mele. 2. Kefir

Venerdì

З 1. Pesce bollito con porridge di grano saraceno. 2. Tè verde.

Budino di mele VZ.

Circa 1. Barbabietola. 2. Vinaigrette con pollo bollito. 3. Yogurt naturale.

P Ricotta con frutta.

Avere 1. Torte di formaggio al vapore. 2. Infuso di rosa canina.

Sabato

З 1. Farina d'avena. 2. Uovo sodo. 3. Tè.

‚Zucca al forno con panna acida.

О 1. Zuppa con tagliatelle fatte in casa. 2. Spezzatino di verdure con tacchino bollito. 3. Kefir.

P Gelatina di frutta.

U 1. Insalata di barbabietole. 2. Pesce bollito con patate al forno.

Domenica

З 1. Porridge di latte. 2. Frittelle.

Circa 1. Zuppa di purea di verdure. 2. Patate bollite con pollo al vapore. 3. Succo di melograno.

P Casseruola di cagliata.

U 1. Insalata di verdure. 2. Gelatina di frutti di bosco.

La stretta aderenza alla dieta con pielonefrite contribuisce a un rapido recupero e forma le giuste abitudini alimentari che aiutano a evitare l'esacerbazione della malattia.

Dieta per la pielonefrite

Regole generali

La pielonefrite è una malattia infiammatoria del tessuto interstiziale e del sistema del calice renale di origine infettiva. La causa principale della sua comparsa è Escherichia coli, Proteus vulgaris, Staphylococcus aureus, Klebsiella, Enterococcus, Streptococcus. La penetrazione dell'infezione è possibile per via ematogena (attraverso il sangue) e urogenica (dall'uretra, dalla vescica e dagli ureteri). Un ruolo importante in questo è svolto dai processi infiammatori negli organi del sistema urinario (uretrite, cistite) e genitale (annessite, prostatite).

Di particolare importanza sono i fattori predisponenti che interrompono il normale passaggio delle urine: stenosi dell'uretere, sua atonia, raddoppio degli ureteri o del bacino, presenza di calcoli, adenoma prostatico. La violazione dell'urodinamica crea condizioni favorevoli per la riproduzione dei microbi e il loro avanzamento verso il bacino, un aumento della pressione delle urine in esso e la penetrazione dell'infezione nel sistema venoso e arterioso dei reni e quindi nel tessuto interstiziale. Le fonti di infezione ematogena sono denti cariati, foruncolosi, tonsillite cronica, mastite, panaritium, osteomielite, colecistite.

La malattia può anche essere provocata da:

  • ipotermia;
  • svuotamento difettoso della vescica durante la minzione, necessità di contenerlo;
  • igiene intima insufficiente durante il sanguinamento mestruale;
  • la presenza di diabete.

Sintomi e trattamento della malattia

Lo stadio acuto è caratterizzato da dolore e sensazione di pesantezza nella regione lombare, debolezza, febbre, grave intossicazione (nausea, vomito, perdita di appetito). Il trattamento viene effettuato in ospedale, viene prescritto il riposo a letto e vengono utilizzati agenti antibatterici. Gli antibiotici vengono solitamente prescritti in base alla sensibilità del microrganismo isolato agli antibiotici. La durata del corso del trattamento è di due settimane.

Un aspetto importante è la corretta alimentazione del paziente. Quale dieta è prescritta per questa malattia? La nutrizione durante questo periodo dovrebbe essere delicata sui reni. I suoi punti principali sono: eliminazione degli effetti irritanti sulla mucosa delle vie urinarie e aumento dell'escrezione urinaria.

Al fine di potenziare la diuresi, si consiglia di bere 2 litri di liquidi al giorno, di consumare cibi e tisane ad effetto diuretico e antinfiammatorio (corteccia di salice, poligono, foglie di mirtillo, ortica, foglie e germogli di betulla, radice di liquirizia, iperico). La dieta consiste in alimenti facilmente digeribili e il suo contenuto calorico è di 3200 kcal al giorno. I primi giorni limitano proteine ​​e sale.

Dieta per la pielonefrite negli adulti

La pielonefrite negli adulti è caratterizzata da una durata del decorso e da un possibile esito sfavorevole - può causare insufficienza renale cronica. Negli adulti, a causa di un trattamento inadeguato o inadeguato, disturbi della dieta, assunzione di alcol, la malattia assume più spesso un decorso cronico. A questo proposito, grande attenzione dovrebbe essere prestata all'alimentazione dietetica..

La dieta comprende:

  • Verdure e frutta con effetto diuretico (angurie, zucchine, cetrioli, zucca), decotti di erbe diuretiche (orecchie d'orso, poligono, seta di mais, raccolta diuretica).
  • Bevande alla frutta e succhi di mirtillo rosso e mirtillo rosso con effetto antisettico e antinfiammatorio. Le protocianidine del mirtillo rosso hanno effetti antimicrobici.
  • I primi giorni con pielonefrite acuta e intossicazione grave (febbre, brividi, malessere generale), si consiglia di rinunciare a cibi proteici (carne e latticini) e passare a una dieta vegetariana - purè di frutta e verdura, mele al forno, succhi di frutta e verdura.
  • Man mano che il processo si attenua, vengono introdotti carne magra (manzo, pollo, vitello) e pesce. La quantità di proteine ​​dovrebbe rientrare nella norma fisiologica.
  • Latte, latticini fermentati, ricotta, formaggio non salato.
  • Crusca integrale e cereali.
  • Acqua cloruro-calcica.
  • Tè verde debole senza zucchero.
  • Olio d'oliva.

Cosa non si può mangiare con questa malattia?

  • Spezie piccanti e salse (rafano, senape, maionese, ketchup).
  • Alimenti contenenti sostanze essenziali (prezzemolo, sedano, ravanello, aglio, cipolla, basilico, ravanello).
  • Brodi concentrati ricchi di estratti - pesce, funghi e carne.
  • Frutta e verdura acide (pomodori e succo di pomodoro, limone). L'eccezione sono i mirtilli rossi..
  • Verdure salate, sott'aceto, sott'aceto.
  • Pasticceria dolce e zucchero.
  • Limitare il sale a 5-10 g, se c'è un aumento della pressione - fino a 2-3 g.
  • In caso di esacerbazione, è necessario abbandonare i grassi animali (sono ammessi burro 15 g al giorno e grassi vegetali).
  • Alimenti contenenti coloranti artificiali e alto contenuto di acido ossalico (acetosa, spinaci).
  • Bevande alcoliche, bevande gassate dolci, tè e caffè forti.

La pielonefrite durante la gravidanza è abbastanza comune. La sua comparsa è facilitata dall'espansione delle vie urinarie, che si verifica con cambiamenti ormonali e compressione degli ureteri da parte di un utero allargato. Un'uretra dritta e più ampia nelle donne crea condizioni favorevoli per la penetrazione dell'infezione dall'esterno nella vescica. Durante la gravidanza, l'utero comprime gli ureteri e il passaggio dell'urina è disturbato, è difficile svuotare la vescica, che contribuisce alla riproduzione della flora patogena e alla sua diffusione verso l'alto.

Anche nelle donne in gravidanza c'è atonia degli ureteri e espansione del bacino (la loro capacità aumenta fino a 10 volte e gli ureteri si allungano e si piegano). Tutto ciò crea le condizioni per la comparsa del reflusso vescico-ureterale. Le donne incinte con gravidanze multiple, con un feto grande, con polidramnios devono eseguire un'analisi batteriologica delle urine una volta al mese.

È imperativo trattare la pielonefrite, così come il ricovero del paziente (anche in caso di batteriuria asintomatica). Molti sono spaventati dal fatto che il medico insista sull'uso di antibiotici, ma il danno da essi è inferiore al danno dalle complicanze della pielonefrite, che non viene trattata.

La dieta di una donna dovrebbe essere equilibrata e includere tutte le sostanze necessarie per il normale sviluppo del bambino..

  • Rifiuto di cibi grassi, fritti, piccanti e salati, prodotti semilavorati, verdure in salamoia, caffè forte, funghi, condimenti, spezie e spezie, aglio, cipolle, aceto.
  • Il consumo di sale si riduce a 5-8 g per colpo, soprattutto se la pressione sanguigna aumenta. Ciò significa che i piatti non vengono salati durante il processo di cottura e il sale nella quantità consentita viene aggiunto ai piatti preparati al tavolo..
  • I primi giorni sono consigliati verdure crude e bollite, kefir, yogurt, ricotta a basso contenuto di grassi e piatti da esso.
  • Pochi giorni dopo, carne magra e pesce, vengono introdotti i petti di pollo.
  • È imperativo osservare il regime di consumo, se l'uso di una grande quantità di liquido non è controindicato - fino a 2,5 litri di liquido al giorno. Il decotto di uva ursina, la tisana, il decotto di foglie di mirtillo rosso e il succo di mirtillo rosso, noti per le loro proprietà antinfiammatorie e diuretiche, hanno un effetto curativo. Tuttavia, la fitoterapia non sostituisce l'assunzione di antibiotici, ma viene eseguita in parallelo o dopo un ciclo di antibiotici.
  • È importante monitorare la funzione intestinale poiché la stitichezza supporta l'infiammazione dei reni. A questo proposito, è necessario utilizzare prodotti lassativi (barbabietole, prugne, fichi, rabarbaro fresco e composta da esso).
  • Dopo una malattia, dovresti astenersi da condimenti caldi, cibi salati e affumicati per un anno.

Dieta per la pielonefrite renale cronica

La pielonefrite cronica procede a ondate con ricadute, esacerbandosi periodicamente se esposta a fattori avversi (ipotermia o raffreddore). Durante il periodo di esacerbazione, si nota la clinica della pielonefrite acuta. In questo momento, il dolore nella parte bassa della schiena, una sensazione di disagio e pesantezza, derivante dal camminare o dalla posizione prolungata, può disturbare. Alcuni pazienti lamentano minzione frequente (più di notte) e aumento della pressione sanguigna, debolezza e debolezza (più al mattino), mal di testa, gonfiore inespresso del viso e delle mani (al mattino) e dei piedi - verso la fine della giornata.

Il decorso latente della forma cronica della malattia è caratterizzato da sindrome urinaria isolata. In remissione, l'ipertensione può essere l'unico sintomo. Naturalmente, i pazienti dovrebbero monitorare costantemente la loro dieta..

  • Dovrai limitare in modo significativo o abbandonare definitivamente piatti piccanti, condimenti e spezie.
  • Limitare la dieta a base di carne affumicata e prodotti ittici, cibi fritti, almeno durante i periodi di esacerbazione.
  • Poiché c'è una tendenza ad aumentare la pressione sanguigna, è necessario ridurre la quantità di sale consumata a 3 g, nonché rinunciare a verdure salate e in salamoia, cibo in scatola, pesce salato, carne e prodotti a base di carne..
  • Limita le verdure irritanti come cipolle, aglio, ravanelli, acetosa, rafano, prezzemolo, ravanello o usale come ti senti e nota quali verdure stanno causando l'aggravamento.
  • Dare la preferenza al cibo naturale, principalmente bollito, in umido o al forno.
  • Escludere cibi con coloranti e conservanti, cibi pronti surgelati con conservanti.
  • Consumare regolarmente succhi di frutta, composte e bevande alla frutta.
  • Se non c'è edema, osservare il regime di consumo (1-1,5 litri di liquido).
  • Non è consentito l'uso di acque minerali sodiche (salate).
  • Evita la stitichezza. Per fare questo, mangia verdure con fibre grossolane, cereali, crusca e pane integrale..
  • Condurre corsi preventivi di assunzione di decotti di erbe diuretiche.
  • Limita o elimina l'assunzione di alcol.

È importante non permettere l'ipotermia, rafforzare il sistema immunitario e non interrompere la dieta. Viene corretto se vengono rilevati sali (ossalati o fosfati) in ripetuti test delle urine e, di conseguenza, il pH delle urine cambia. Con la sua acidificazione (pH 4,6-5,8), si consiglia la dieta n. 6 e con alcalinizzazione, la dieta n. 14.

La perdita di sali di acido urico (urati) è associata a una diminuzione del pH delle urine. Gli urati si formano a causa dell'eccessiva assunzione di purine da pesce, carne e pollame. Il trattamento più efficace in questo caso è la dieta, come nella gotta. Prevede l'esclusione dalla dieta di fegato, brodi di carne, rognoni, restrizione di carne, pesce, pollame e grassi. Quando gli ossalati compaiono nelle urine, si raccomanda di ridurre il consumo di grassi e cibi ricchi di acido ossalico: acetosa, spinaci, carote, barbabietole, fagioli, patate, rabarbaro, pomodori, prezzemolo, uva rossa, fragole, arance, pompelmo, verdure a foglia verde, succo di mirtillo rosso, cacao, fagiolini, more, fichi, uva spina, succo di lampone, tè. Dovresti includere nella dieta cibi ricchi di magnesio (pane integrale, cereali), che lega gli ossalati nell'intestino e ne riduce l'assorbimento.

La precipitazione di sali di fosfato di calcio praticamente insolubili si nota quando l'equilibrio viene spostato sul lato alcalino. L'alcalinizzazione è causata da latte e latticini, legumi, patate, bacche dolci e frutta, molte verdure (eccetto piselli, zucca, funghi), nonché succhi di frutta e verdura. Pertanto, i prodotti di cui sopra dovrebbero essere esclusi e la preferenza dovrebbe essere data a carne, pesce, uova, cereali, bacche acide (ribes rosso, mirtilli rossi), miele. In queste condizioni, al contrario, sono ammessi brodi di carne e pesce, dalle bevande - tè, caffè, brodo di rosa canina.

Dieta per la pielonefrite

La malattia renale infiammatoria di origine infettiva - pielonefrite - si verifica sullo sfondo della penetrazione di microbi patogeni in...

La malattia renale infiammatoria di origine infettiva - pielonefrite - si verifica sullo sfondo della penetrazione di microbi patogeni negli organi del sistema genito-urinario ed è caratterizzata da un forte dolore nella regione lombare, una sensazione di nausea. vomito, debolezza generale e febbre. Insieme al trattamento farmacologico, che viene effettuato con farmaci antibatterici, è necessaria una stretta aderenza alla dieta. Una corretta alimentazione durante la malattia riduce al minimo l'irritazione della mucosa delle vie urinarie e migliora l'escrezione di urina dalla vescica.

Caratteristiche della nutrizione con pielonefrite

La base della dieta per una malattia è costituita da alimenti facilmente assorbibili dall'organismo, l'apporto calorico giornaliero è fissato nel range di 3100-3300 Kcal. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata al regime di consumo di alcol. Si consiglia di bere almeno due litri di liquidi al giorno. Inoltre, dovrebbero essere introdotte bevande che migliorano la diuresi e hanno proprietà antinfiammatorie. Questi includono tinture e decotti di corteccia di salice, erba di San Giovanni, foglie di mirtillo, radice di liquirizia, germogli e foglie di betulla, ortica.

Nutrizione per la pielonefrite negli adulti

Gli adulti con pielonefrite non sempre soddisfano adeguatamente i requisiti prescritti dal medico. Il divieto di dieta e alcol sono spesso ignorati. In questi casi, la malattia può essere più difficile e più lunga, portare a conseguenze negative, provocare insufficienza renale cronica.

Per evitare possibili problemi, gli adulti devono prendere sul serio la loro dieta e portarla il più vicino possibile a quanto raccomandato:

  • Includere nella dieta una grande quantità di frutta e verdura che hanno un effetto diuretico;
  • Utilizzare diuretici, decotti a base di erbe antisettiche e antinfiammatorie;
  • I primi giorni della malattia nella fase di esacerbazione, danno la preferenza a cibi vegetali privi di proteine;
  • Man mano che la malattia viene trattata, è necessario introdurre sistematicamente proteine, ma la sua quantità non deve superare la norma fisiologica;
  • Includere latticini e prodotti a base di latte fermentato, ricotta, formaggio dolce nella dieta;
  • Mangia crusca e cereali integrali;
  • Dal liquido, si consiglia di introdurre nella dieta acqua cloruro-calcio e tè verde debole;
  • Dai la preferenza all'olio d'oliva.

È severamente vietato utilizzare:

  • Condimenti, salse, esaltatori di sapidità, maionese, senape, ketchup;
  • Verdure, cipolle e aglio essenziali;
  • Brodi a base di carne, pesce, funghi;
  • Agrumi, pomodori;
  • Qualsiasi verdura in forma salata, in salamoia, in salamoia, in scatola;
  • Dolci;
  • Grassi animali;
  • Colori artificiali;
  • Alcol, soda, bevande dure.

C'è anche una rigorosa restrizione sulla quantità di sale al giorno. Il massimo consentito è di 10 grammi e con maggiore pressione - 3 grammi.

Nutrizione per la pielonefrite nei bambini

Nell'infanzia, la malattia può essere caratterizzata non solo da forti dolori, segni di intossicazione del corpo, ma anche da un ritardo nello sviluppo fisico del bambino, una diminuzione delle sue prestazioni. È importante non consentire un carico pesante sul sistema tubulare delle vie urinarie e non provocare un'esacerbazione della malattia. Per questo, si consiglia una terapia complessa, in cui un'alimentazione adeguatamente organizzata gioca un ruolo importante:

  • Durante la fase attiva della malattia, l'alimentazione del bambino dovrebbe essere basata sulla dieta n. 5 senza introdurre restrizioni sul sale;
  • Aumento del regime di consumo, in cui dovrebbero essere presenti acqua pura, decotti alle erbe, composte e bevande alla frutta. In totale, è necessario bere il 50% in più rispetto alla norma di età stabilita al giorno;
  • Si consiglia di limitare l'assunzione di sale e acqua solo in presenza di disturbi nel funzionamento dei reni;
  • Per prevenire problemi intestinali, è necessario includere nella dieta ogni giorno prodotti a base di latte fermentato, ricotta, formaggio non salato;
  • Il menù si basa sull'alternanza di proteine ​​e cibi vegetali;
  • In assenza di una reazione allergica alle uova, devono essere incluse nella dieta quotidianamente;
  • I pasti dovrebbero essere frequenti, le porzioni piccole, il cibo preparato al momento;
  • I cibi piccanti, fritti, grassi e affumicati dovrebbero essere esclusi dalla dieta..

Nutrizione per la pielonefrite cronica

La pielonefrite, che è passata allo stadio cronico, necessita anche di un costante mantenimento della corretta alimentazione:

  • Per ridurre al minimo, ed è meglio eliminare completamente dalla dieta cibi grassi, fritti, piccanti, affumicati, conditi, in salamoia, in scatola e salati;
  • Limita il consumo di verdure che irritano le mucose. Questi includono ravanelli, ravanelli, cipolle, rafano, aglio, prezzemolo e acetosa;
  • Metodo di lavorazione degli alimenti: cottura, stufatura, cottura al forno;
  • Escludere coloranti e conservanti dal menu;
  • In assenza di edema, si consiglia di consumare almeno 1,5 litri di liquidi. Succhi naturali di frutta consentita, bevanda alla frutta, composta vengono aggiunti alla semplice acqua potabile;
  • L'acqua minerale con sali è vietata;
  • Per evitare indigestione, stitichezza, è necessario aggiungere una grande quantità di fibre al menu;
  • Elimina l'alcol.

Aderendo a queste raccomandazioni, è possibile evitare l'esacerbazione della malattia e ridurre al minimo la gravità dei sintomi della pielonefrite cronica.

Pro e contro della nutrizione dietetica con pielonefrite

Gli indubbi vantaggi di una corretta alimentazione con pielonefrite includono il suo effetto benefico sugli organi del sistema genito-urinario. Questo menu aiuta a ripristinare la funzionalità renale compromessa, aiuta il corpo a far fronte rapidamente all'infiammazione e ha un effetto preventivo..

L'unico inconveniente della dieta può essere considerato la sua freschezza. Il cibo non salato e non aromatizzato può annoiarsi rapidamente..

Alimenti consentiti e vietati

In generale, la dieta non impone severe restrizioni alimentari. Ma dovresti comunque prestare particolare attenzione per familiarizzare e osservare gli elenchi di cibi consentiti e proibiti..

Permesso

I seguenti alimenti sono ammessi in una dieta con pielonefrite:

  • Verdure: barbabietole, zucca, zucca, carote;
  • Frutta, bacche: pera, mela, anguria, melone, mirtillo rosso, fico, mirtillo rosso;
  • Frutta secca: datteri, uvetta, albicocche, albicocche secche;
  • Semole: grano saraceno, riso, orzo perlato, miglio, farina d'avena, mais;
  • Dolce: gelatine di frutta; miele, zucchero;
  • Latticini: salsa di panna acida, yogurt, latte, ricotta, latte cagliato, kefir, panna acida, panna, acidophilus;
  • Carne, pollame: manzo, vitello, coniglio, pollo, tacchino, uova di gallina;
  • Oli: mais, girasole, burro, oliva, burro chiarificato;
  • Bevande: acqua minerale, succo di zucca, succo di albicocca, succo di carota, anguria, succo di betulla, tè verde.

Vietato

Gli alimenti vietati includono:

  • Verdure: qualsiasi in scatola, piccante, in salamoia, in salamoia, legumi, cavolfiori, cipolle, ravanelli, rape, ravanelli, pomodori, asparagi, rafano, sedano, aglio, acetosa, spinaci;
  • Frutta, bacche: mandarino, arancia, limone, lime, albicocca, prugna, avocado, banana, fragola, uva;
  • Funghi marinati;
  • Cioccolato;
  • Condimenti: aceto, senape, salsa di pomodoro, zenzero, maionese, pepe, zucchero;
  • Carne, pollame: maiale, oca, anatra, carni affumicate;
  • Frutti di mare: pesce in scatola, essiccato, affumicato, caviale;
  • Oli: oli animali e da cucina;
  • Bevande: tè nero, cola, sprite, caffè, pepsi, limonata, succo d'arancia e pomodoro.

Menu di esempio

Il primo giornoSecondo giornoIl terzo giorno
Colazionefarina d'avena con latte, uovo in camicia, tè al latte debolegrano saraceno in acqua, casseruola di ricotta, tè con mieleriso bollito con frutta secca, ricotta, succo di mirtillo rosso
Colazione numero 2biscotti con gelatina, succo di frutta consentitamela cotta, tèbiscotti biscottati, succo di pesca
Pranzozuppa con brodo vegetale con riso, bollito, verdure al vapore, brodo di rosa caninaborsch, purè di patate, petto di pollo in salsa di panna acida, compostazuppa vegetariana, pesce al vapore, grano saraceno, bevanda alla frutta
Spuntino pomeridianosucco di albicoccabrodo di mirtilli rossimela al forno con marmellata, composta
Cenamiglio con burro, purea di carote e mele, succo di mirtillo rossomaccheroni al formaggio, mela al forno con albicocche secche, tè debole con lattepurea di zucca e carote, kefir

Consigli nutrizionali

Nonostante il fatto che una tale dieta possa essere difficile da sopportare per una persona che è abituata a mangiare cibo salato e piccante, non è comunque consigliabile romperla. Il periodo minimo per una dieta terapeutica e profilattica per la pielonefrite è di almeno 6 mesi. Altrimenti, il paziente potrebbe avere una ricaduta, le sue condizioni peggioreranno in modo significativo, ci sarà dolore nell'area dei reni.

Pielonefrite

Questa è una malattia caratterizzata da un processo infiammatorio nei reni come conseguenza della comparsa di batteri nelle vie urinarie [1]. Si verifica, di regola, a causa degli effetti della microflora patologica. Se non inizi a trattare la malattia in modo tempestivo, può svilupparsi in una forma cronica..

Cause di pielonefrite

Le infezioni renali sono causate da batteri o virus. Gli scienziati ritengono che la maggior parte delle infezioni inizi nel tratto urinario inferiore. I batteri entrano nel corpo attraverso l'uretra e iniziano a moltiplicarsi e diffondersi alla vescica. Da lì, viaggiano attraverso gli ureteri fino ai reni. Molto spesso, l'infezione è causata da batteri intestinali, meno spesso - streptococco, stafilococco.

In alcuni casi, batteri o virus possono essere trasferiti da altri organi ai reni attraverso il sangue. [5].

Sintomi di pielonefrite

I sintomi di solito compaiono entro due giorni dall'infezione. I sintomi comuni includono:

  • Aumento della temperatura corporea. Questo sintomo non è sempre presente, tuttavia, a volte la temperatura corporea del paziente può salire fino a 39-39,5 gradi.
  • Mal di schiena, che può variare di intensità. Di regola, è localizzato sul lato in cui si trova il rene colpito dall'infezione, ma anche l'intera parte bassa della schiena può ferire..
  • Nausea e / o vomito È anche un sintomo che può variare dalla completa assenza a grave..
  • La cistite emorragica è un tipo di cistite in cui il sangue appare nelle urine. Ciò è dovuto all'infiammazione della mucosa della parete vescicale. Questo sintomo è più comune nelle donne che negli uomini [2].
  • Dolore all'addome, alla schiena, ai fianchi o all'inguine.
  • Minzione dolorosa, a volte più frequente del solito. L'urina può avere uno specifico odore sgradevole [3].

Altri sintomi possono anche includere:

  • tremori o brividi;
  • nausea;
  • vomito;
  • fatica.
  • aumento della sudorazione.

Di norma, diversi gruppi di persone, ad esempio bambini e anziani, possono presentare sintomi diversi. Nelle persone con una forma cronica della malattia, i sintomi possono essere meno acuti o addirittura assenti nelle manifestazioni esterne. Se noti dei segnali di pericolo, assicurati di consultare un medico per un consiglio [3].

Tipi di pielonefrite

I due tipi principali di questa malattia sono le forme acute e croniche. La pielonefrite acuta primaria è un'infiammazione del parenchima renale e colpisce uno o entrambi i reni. È una forma semplice della malattia ed è la più comune.

Questa condizione può presentarsi con dolore lombare localizzato nel lato, febbre alta, aumento della sudorazione, mal di testa, nausea, vomito, malessere generale ed edema renale. Inoltre, possono essere presenti sintomi di un'infezione del tratto urinario inferiore. I segni evidenti della malattia possono svilupparsi abbastanza rapidamente, entro uno o due giorni.

La pielonefrite acuta secondaria può verificarsi in donne con anomalie del tratto urinario, donne in gravidanza, bambini e uomini ed è generalmente considerata più grave della pielonefrite primaria acuta. I fattori predisponenti possono includere cateterismo vescicale, immunosoppressori, trapianti di rene, diabete mellito, malattia del rene policistico e alcuni tumori.

I sintomi della pielonefrite acuta secondaria (a volte indicata come pielonefrite acuta complessa) assomigliano all'infezione primaria, sebbene questa malattia possa anche essere asintomatica.

La pielonefrite cronica è una malattia renale infiammatoria interstiziale diffusa che non è sempre di origine infettiva. La pielonefrite enfisematosa è una grave infezione necrotizzante del parenchima renale. Un processo granulomatoso distruttivo cronico che deriva da una risposta immunitaria atipica e incompleta a un'infezione batterica subacuta è noto come pielonefrite xantogranulomatosa [6].

Complicazioni di pielonefrite

Una possibile complicanza della pielonefrite acuta è la malattia renale cronica. Se non trattata tempestivamente, un'infezione renale può portare a complicazioni potenzialmente gravi, come:

  • Infiammazione dei reni. Questo può portare a malattie renali croniche, ipertensione e insufficienza renale..
  • Sepsi. I reni filtrano i rifiuti dal sangue e consegnano il sangue filtrato al resto del corpo. Avere un'infezione renale può far sì che i batteri si diffondano attraverso il sangue ad altri organi. Può essere potenzialmente fatale..
  • Complicazioni durante la gravidanza. Le donne che sviluppano un'infezione renale durante la gravidanza possono avere un rischio maggiore di avere un bambino di basso peso alla nascita [4].
  • Infezioni renali ricorrenti.
  • Insufficienza renale acuta.

Prevenzione della pielonefrite

Puoi ridurre il rischio di ammalarti cercando di impedire che l'infezione penetri nel tratto urinario. Le donne, in particolare, possono ridurre il rischio di infezioni delle vie urinarie se bevono abbastanza liquidi. Aiuterà a eliminare i batteri dal corpo durante la minzione. È anche importante svuotare la vescica dopo il rapporto per aiutare a eliminare i batteri dall'uretra, riducendo il rischio di infezione. Si consiglia di non ritardare la minzione quando si avverte un tale desiderio e di non resistere troppo a lungo [4].

Fattori di rischio

Le donne sono più a rischio di sviluppare pielonefrite perché la loro uretra è più corta di quella degli uomini, il che rende più facile per i batteri spostarsi dall'esterno del corpo alla vescica. La vicinanza dell'uretra alla vagina e all'ano crea anche maggiori opportunità per i batteri di entrare nella vescica [4]. Anche a rischio di questa malattia sono le persone con:

  • un sistema immunitario soppresso (affetto da AIDS, cancro, diabete);
  • soffre di reflusso vescico-ureterale (una condizione in cui una piccola quantità di urina ritorna dalla vescica agli ureteri) [3];
  • avere un blocco delle vie urinarie (qualsiasi cosa che rallenti il ​​flusso di urina o diminuisca la capacità di svuotare la vescica durante la minzione, inclusi calcoli renali, anomalie del tratto urinario o ingrossamento della prostata negli uomini) [4].

Le forme croniche della malattia sono più comuni nelle persone con disturbi urinari. Può essere causato da un UTI, reflusso vescico-ureterale o anomalie anatomiche. La pielonefrite cronica è più comune nei bambini che negli adulti [3].

Trattamento della pielonefrite nella medicina ufficiale

Il trattamento più comune sono gli antibiotici. Il loro aspetto dipende dalla possibilità di determinare il tipo di batteri che ha provocato la malattia. In caso contrario, vengono prescritti antibiotici ad ampio spettro. Sebbene il farmaco possa eliminare la pielonefrite in tre o quattro giorni, si consiglia di prenderlo più spesso per l'intero periodo di prescrizione - circa 10 giorni.

In alcuni casi, la terapia farmacologica è inefficace. In caso di malattia grave, il medico può offrire il ricovero al paziente. La durata della degenza ospedaliera dipende dalla gravità della condizione e dalla risposta del corpo al trattamento. Può includere idratazione endovenosa e antibiotici per 24-48 ore. Mentre il paziente è in ospedale, i medici monitoreranno il loro sangue e le urine per monitorare l'attività dell'infezione. Dopo la dimissione, potrebbe anche essere necessario seguire un ciclo di antibiotici..

In alcuni casi, le infezioni renali possono essere il risultato di un problema medico sottostante. In questi casi, può essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere eventuali ostruzioni o problemi strutturali nei reni. Può anche essere necessario un intervento chirurgico per drenare un ascesso che non risponde agli antibiotici [3].

Alimenti utili per la pielonefrite

Con la pielonefrite, vale sicuramente la pena attenersi a una dieta. I suoi obiettivi generali sono creare le condizioni corrette e delicate per il funzionamento dei reni, abbassare la pressione sanguigna, ridurre l'edema, alcalinizzare l'urina (poiché i batteri si moltiplicano meglio in un ambiente acido), nonché l'eliminazione sicura di tossine, sali e sostanze azotate dal corpo. È importante limitare un po 'le proteine ​​e lasciare grassi e carboidrati a un livello che corrisponda alla norma fisiologica di una persona. Allo stesso tempo, è molto importante arricchire la dieta con vitamine. Il cibo dovrebbe essere leggero. Si consiglia di far bollire il cibo o di cuocerlo a vapore. Rifiuta il fritto o riduci al minimo il suo utilizzo. Si consiglia di includere tali alimenti nella dieta.

  1. 1 Liquido: il suo volume totale giornaliero deve essere aumentato per lavare le vie urinarie e rimuovere germi e tossine dai reni. Bevande come la tisana nera, verde o alle erbe, il brodo di rosa canina hanno un effetto benefico sul corpo. Se bevi acqua minerale, il contenuto di sali di sodio dovrebbe essere ridotto.
  2. 2 È importante includere i latticini nella dieta, poiché aiutano a spostare il livello di pH delle urine verso alcalino.
  3. 3 Il pane è desiderabile da mangiare ieri e senza sale.
  4. 4 Sono consentite minestre o minestre di verdura.
  5. 5 insalate a base di verdure come zucchine (hanno un effetto diuretico), patate, zucca, carote, barbabietole, prezzemolo e aneto.
  6. 6 È importante arricchire la dieta con vitamine, perché puoi mangiare frutta e verdura crude, succhi, composte, mousse di frutta e gelatine. Puoi mangiare il miele in piccole quantità.

Il cibo non ha bisogno di essere tritato, poiché con la pielonefrite il lavoro del tratto gastrointestinale non è ostacolato. La dieta dovrebbe mirare ad eliminare il processo infiammatorio e ad alleviare il decorso della malattia. Ecco perché è importante attenersi a una dieta ed escludere cibi proibiti, il cui elenco è fornito di seguito..

Medicina tradizionale per la pielonefrite

Va notato che nella maggior parte dei casi il trattamento di questa malattia viene effettuato in un reparto di degenza o sotto la stretta supervisione del medico curante. I metodi di trattamento tradizionali non sono di base, ma ausiliari e avranno un effetto se coordinati con un medico, nonché con la stretta aderenza al farmaco prescritto dal medico. Nella fase acuta della malattia, tutti i metodi mirano ad eliminare l'infiammazione..

  • Prepara un decotto di foglie di farfara. Devono essere asciugati, macinati in polvere, versare i buoi e cuocere per circa 5 minuti a fuoco basso. Quindi raffreddare il brodo, filtrare con una garza piegata in più strati e bere 1/3 di tazza tre volte al giorno un'ora prima dei pasti. Proporzione: 1 cucchiaio. foglie per 0,5 litri. acqua.
  • Una raccolta di erbe per eliminare il processo infiammatorio può essere preparata da piante semplici. Ci vorrà 1 cucchiaio. ortica dioica, fiori di calendula, equiseto, foglie di betulla, millenario e 2 cucchiai. semi di finocchio e 2 tazze d'acqua. Versare la raccolta con acqua bollente, lasciare fermentare per un'ora, quindi assumere 50 ml 3-4 volte al giorno durante i periodi di esacerbazione della malattia.
  • Un infuso di erbe e bacche di sambuco viene preparato come segue. Tutti i componenti sono presi in una proporzione di 25 grammi. È necessario mescolare i fiori di sambuco nero, camomilla, tiglio perforatum e erba di San Giovanni. Versate questo composto con un bicchiere di acqua bollente, lasciate fermentare per un'ora, sotto il coperchio, poi filtrate e prendete un bicchiere prima di coricarsi.
  • L'infuso di fiordaliso blu ha effetti antimicrobici e antinfiammatori. Hai bisogno di 2 cucchiaini. fiori di fiordaliso blu versare due bicchieri di acqua bollente, lasciare fermentare per mezz'ora, filtrare e bere mezzo bicchiere tre volte al giorno prima dei pasti [1].

Alimenti pericolosi e nocivi per la pielonefrite

Durante gli stadi sia acuti che cronici della pielonefrite, ci sono una serie di restrizioni dietetiche per i pazienti. È vietato utilizzare prodotti che irritano le vie urinarie o provocano eccitazione del sistema nervoso. Gli alimenti vietati includono:

  • Sale. A causa dell'infiammazione dei reni, le loro funzioni di filtraggio ed escretore sono compromesse. Questo porta ad una difficile eliminazione delle tossine e dei sali in eccesso. Ciò provoca un aumento della pressione, la formazione di edema e calcoli renali. Quindi è consigliabile che il paziente cucini il cibo senza sale. A discrezione del medico curante, gli può essere somministrata una piccola quantità di sale per l'auto-distribuzione.
  • Alcol. Le bevande alcoliche sono categoricamente controindicate in questa malattia, poiché esercitano un carico enorme sui reni. Per questo motivo, il ritiro dei prodotti metabolici dal corpo peggiora, il fluido viene trattenuto in esso, da cui appare l'edema e il decorso della malattia è notevolmente aggravato.
  • È importante ridurre la quantità di proteine ​​animali presenti in qualsiasi carne, pesce, uova, poiché questa sostanza ossida l'urina e questo ambiente è favorevole alla crescita dei batteri. Allo stesso scopo, è importante ridurre la quantità di carboidrati veloci consumati, così come i fagioli.
  • È importante rinunciare a cibi irritanti: cibo in scatola, salsicce, cibi affumicati, carne e pesce grassi, aglio, ravanello, ravanello, funghi, pane e prodotti a base di farina con aggiunta di sale, tè forte, caffè, acqua con sali di sodio, dolci, panna acida grassa, grassi animali, salse, rafano, senape.
  1. La più recente medicina popolare. Trattamento delle malattie più comuni. - M.: Ripol classico, 2007.-544 s.
  2. Articolo: "Pielonefrite acuta", fonte
  3. Articolo: "Pielonefrite", fonte
  4. Articolo: "Infezione renale", fonte
  5. Articolo: "Sintomi e cause di infezione renale (pielonefrite)" Fonte
  6. Articolo: "Che cos'è la pielonefrite?", Fonte

È vietato utilizzare qualsiasi materiale senza il nostro previo consenso scritto..

L'amministrazione non è responsabile per qualsiasi tentativo di applicare qualsiasi ricetta, consiglio o dieta, e inoltre non garantisce che le informazioni specificate ti aiuteranno o ti danneggeranno personalmente. Sii prudente e consulta sempre un medico appropriato!

Pielonefrite: sintomi e trattamento dietetico

La pielonefrite è un processo infiammatorio che invade i reni e porta a danni renali. La patologia è il risultato dell'infezione nel tessuto renale.

Gli agenti causali includono E. coli, stafilococchi, ecc. Con un trattamento improprio o prematuro, la malattia porta a guasti funzionali nel lavoro dei reni, ristagno di sangue venoso e linfa e alterato deflusso di urina.

Per il trattamento viene utilizzata una terapia complessa, in cui la dieta gioca un ruolo importante nella pielonefrite cronica e acuta, che dovrebbe avere un effetto parsimonioso sui reni.

Una razione alimentare appositamente selezionata purifica delicatamente il corpo da sali, liquidi in eccesso e tossine, alleviando efficacemente il paziente dall'edema. Per redigere un menu adatto, è necessario sapere in quale fase si trova la patologia..

Nutrizione cronica

La dieta n. 7 per la pielonefrite è prescritta a pazienti con una forma cronica. Il suo scopo è alleviare i sintomi durante le esacerbazioni della patologia (dolore nella parte bassa della schiena, mancanza di appetito, affaticamento costante, un leggero aumento della pressione sanguigna e della temperatura corporea).

Cosa non può essere mangiato con la pielonefrite, che si presenta in forma cronica:

  • conservazione, marinate;
  • sottaceti, carni affumicate;
  • condimenti e spezie;
  • bevande gassate e alcoliche;
  • brodi grassi;
  • verdure: cavolfiore, cipolla, aglio, ravanello, ravanello;
  • verdure: sedano, spinaci, acetosa, insalata verde;
  • caffè;
  • legumi;
  • funghi;
  • montone, manzo, grasso di maiale;
  • confetteria.

La dieta per la pielonefrite cronica non dovrebbe includere molta panna acida e prugne grasse e si consiglia di sostituire i condimenti con succo di limone, erbe essiccate e cannella. Il consumo di sale deve essere ridotto al minimo, non sono consentiti più di 6 grammi al giorno (1 cucchiaino raso). Durante il processo di cottura, il cibo non deve essere salato, è consentito solo aggiungere leggermente sale a piatti pronti.

La dieta per cistite e pielonefrite esclude un elevato consumo di sale da cucina

La dieta quotidiana è suddivisa in 6 pasti. Macina i prodotti il ​​più possibile, cuocili o portali allo stato di purea. La carne viene lessata a pezzetti. Per liberare il cibo dalle sostanze estrattive, il primo brodo va scolato e, riempiendo la carne con acqua fresca, portare a prontezza.

La quantità massima di liquido al giorno è di 1 litro, ma questa cifra può essere regolata dal medico curante, a seconda delle condizioni del paziente. Gli esperti raccomandano anche di utilizzare la raccolta renale per la pielonefrite.

Quale dovrebbe essere la nutrizione per la pielonefrite? Un possibile menu ha questo aspetto:

  • pesce magro e pollame (150 g al giorno);
  • minestre di verdura, frutta e latte;
  • latte, ricotta a basso contenuto di grassi, kefir 1%, formaggio dolce, ecc.;
  • pane, focacce, biscotti senza sale grigio e bianco di ieri (non più di 400 g al giorno);
  • prodotti a base di farina (pasta ben bollita);
  • 1 uovo sodo al giorno;
  • budini;
  • cereali (grano saraceno, forno, miglio, riso, orzo perlato);
  • verdure ed erbe crude e bollite;
  • frutti e bacche ad alto contenuto di ferro (melograno, fragole, fragole, ecc.);
  • zucca, melone, anguria;
  • miele naturale, marmellata.

La preferenza è data alle bevande che riducono l'intossicazione, vale a dire:

  • succo di mirtillo;
  • gelatina o composta;
  • succo fresco;
  • decotto di rosa canina;
  • tè verde debole;
  • acqua minerale naturale ("Essentuki 20", "Berezovskaya", ecc.).
  • proteine ​​(75% di origine animale) - 80 g;
  • grassi (25% vegetale) - 90 g;
  • carboidrati - 500 g.

Il cibo per la pielonefrite dovrebbe avere un valore energetico totale non superiore a 2800 kcal.

A causa di una temporanea diminuzione del carico sull'organo infiammato, rispetto dell'equilibrio sale-acqua, stimolazione dell'eliminazione delle tossine azotate dall'organismo, la dieta favorisce il benessere del paziente e aumenta l'efficacia del trattamento farmacologico.

Dieta per pielonefrite acuta

Non appena compaiono i primi sintomi di una forma acuta della malattia (dolore lombare, febbre), è necessario bere almeno 2 litri di liquidi al giorno.

La dieta per la pielonefrite acuta comprende bevande come composte, succhi, tè verde al limone, decotto di rosa canina - lava efficacemente le vie urinarie.

Con la pielonefrite, l'uso di frutta e verdura che hanno un effetto diuretico (zucchine, angurie, ecc.).

Ma non appena la patologia inizia a progredire, la quantità di liquido consumato dovrebbe essere strettamente limitata (il volume del bere dovrebbe corrispondere al volume di urina rilasciata al giorno).

Al paziente è severamente vietato mangiare:

  • brodi grassi;
  • piatti piccanti;
  • sottaceti, cibo in scatola e marinate;
  • fumare;
  • confetteria (torte, pasticcini);
  • spezie e condimenti;
  • aglio, cipolla, ravanello, ravanello;
  • insalata verde, sedano;
  • funghi;
  • caffè, cioccolato.

Non appena la gravità dei sintomi si attenua, viene prescritta una dieta a base di latte vegetale per la pielonefrite renale con restrizione di sale. Non sono consentiti più di 2-4 grammi al giorno. È necessario aderire alla dieta per 7-10 giorni. Durante questo periodo di tempo, si consiglia di bere non più di un litro di liquido al giorno..

La dieta con esacerbazione della pielonefrite preferisce bevande che riducono l'intossicazione:

  • gelatina, composte di bacche fresche e frutta;
  • un decotto di rosa canina;
  • bevande ai frutti di bosco;
  • succhi freschi;
  • tè verde debole al limone;
  • acqua minerale naturale.

Qual è il numero della dieta per la pielonefrite? Se la malattia procede in una forma molto acuta, il sale deve essere completamente escluso dalla dieta (dieta numero 7A). Parlando di nutrizione per la pielonefrite renale, il menu dovrebbe essere equilibrato, le porzioni dovrebbero essere frazionarie e tutti i piatti dovrebbero essere preparati in modo delicato (stufato, vapore, bollire). Devi mangiare a poco a poco - 5-6 volte al giorno.

Cosa puoi mangiare con la pielonefrite acuta:

  • latte, ricotta magro, kefir e yogurt 1%, yogurt, ecc.;
  • verdure bollite o schiacciate;
  • frutti ricchi di potassio (albicocche secche, uvetta, ecc.);
  • prodotti di farina;
  • cereali in piccole quantità;
  • pane bianco senza sale;
  • non più di 70 g di zucchero;
  • non più di 30 g di burro.

Il contenuto massimo giornaliero di BZHU con questa dieta è simile a questo:

  • Proteine ​​- 20 g
  • Grassi (15% vegetale) - 80 g
  • Carboidrati - 350 g (non più di 80 grammi di zucchero)

Il valore energetico totale della dieta quotidiana per la pielonefrite acuta è di 2200 kcal.

Per ogni singolo caso, il medico curante fornisce istruzioni speciali sulla nutrizione medica, in modo da non danneggiare, non dovresti prescrivere una dieta da solo.

Dieta per la pielonefrite nei bambini

La malattia in questione è molto comune nei bambini di tutte le età. Colpisce più comunemente i bambini sotto i 7 anni di età. Ciò è dovuto alle peculiarità del loro sviluppo..

Le ragazze sono particolarmente suscettibili alla patologia a causa del mancato rispetto delle norme igieniche. Occorrono più di 6 settimane per trattare la patologia. Ma qual è la dieta per la pielonefrite renale nei bambini?

Nei bambini e negli adulti, la malattia procede con gli stessi sintomi. Di conseguenza, la dieta per la pielonefrite negli adulti differisce poco dal menu dietetico del bambino. La differenza principale è la quantità di cibo consumato. Ai bambini non dovrebbero essere somministrati gli stessi alimenti che sono controindicati nei pazienti adulti..

Cosa puoi mangiare con la pielonefrite per bambini e donne incinte:

  • più latte, kefir 1%, yogurt, yogurt, ecc.;
  • carne magra (coniglio, vitello, pollo);
  • pesce magro di mare bollito;
  • pane di grano;
  • burro e oli vegetali;
  • zucchero;
  • porridge;
  • pasta;
  • verdure.

Puoi cucinare il cibo solo in modi delicati (bollire, cuocere a vapore o stufato). Ci dovrebbero essere 5 pasti al giorno. È importante mantenere l'assunzione di sale al minimo. Inoltre, non sarà superfluo preparare le erbe renali per i reni con pielonefrite.

Mamme e papà dovrebbero cercare di aderire alle regole della dieta per accelerare il recupero del loro bambino:

  • carne e pesce bolliti;
  • zuppe su brodi vegetali senza frittura;
  • insalate di verdure fresche in olio vegetale;
  • bacche più fresche;
  • escludere dalla dieta: cioccolato, pasticcini e torte, caffè e cacao, soda;
  • ridurre al minimo l'assunzione di sale.
Eventuali rimedi popolari per la pielonefrite e la dieta del bambino devono essere concordati con il medico curante. Questo è l'unico modo per migliorare rapidamente ed efficacemente le condizioni di un piccolo paziente..

Video utile

Quali erbe renali dovrebbero essere preparate per la pielonefrite? Perché i mirtilli rossi sono così buoni per i reni? Questo e altro nel video qui sotto:

Con l'infiammazione dei reni, è necessario un farmaco. Ma le iniezioni e le pillole non porteranno l'effetto desiderato se il paziente continua ad abusare di cibo spazzatura, caricando i reni già infiammati. Non dimenticare che una nutrizione medica adeguatamente organizzata per la pielonefrite è la chiave per un recupero rapido e definitivo. Pertanto, è molto importante seguire tutte le raccomandazioni del medico curante e attenersi rigorosamente alla dieta..