Formazione nefrosica o cisti sul rene: trattamento e perché è apparso, raccomandazioni utili per i pazienti

Una cisti renale è una formazione benigna che si sviluppa per molte ragioni. Il tumore può essere congenito (fino al 5% dei casi) e acquisito (nella maggior parte dei pazienti). Cavità rotonda o ovale riempita con pareti liquide ed elastiche.

Nella maggior parte dei casi, una cisti sul rene si verifica in un organo nella parte inferiore o superiore del polo renale. La formazione è piccola - 1 o 2 cm, alcuni tumori crescono fino a 10 cm Dopo che la cisti è stata rilevata, è importante scoprire da ciò che è apparso, diagnosticare, prescrivere un trattamento.

Probabili cause di occorrenza

Spesso è difficile per i medici capire quale fattore ha dato origine allo sviluppo della formazione cistica. A volte i tumori compaiono con una predisposizione ereditaria, ma i tipi acquisiti spesso si presentano sullo sfondo di varie patologie dei reni e di altri organi.

Possibili cause di cisti renali:

  • necrosi midollare;
  • tubercolosi dei reni e di altri organi;
  • glomerulonefrite;
  • ha subito un attacco di cuore;
  • malattie parassitarie;
  • pielonefrite;
  • tumori in altri organi;
  • disturbo metabolico;
  • focolai di infezione nel corpo.

Codice ICD della cisti renale - 10 - N 28.1 (acquisito), Q 61.9 (tipo di formazione non specificato), Q 61.0 (solitario congenito).

Scopri le cause dello sviluppo della cistite con sangue nelle donne e i metodi di trattamento della patologia.

Leggi le deviazioni e la norma dell'urea nel sangue negli uomini a questo indirizzo.

Segni e sintomi caratteristici

I segni negativi dipendono direttamente dalle dimensioni della formazione e dall'area di localizzazione. Quando il pus appare nella cavità, un processo infiammatorio attivo sviluppa la sindrome del dolore.

I principali sintomi di una cisti sul rene:

  • con una piccola dimensione del tumore, una natura benigna della formazione, il paziente non avverte disagio;
  • più grande è la cisti, prima una persona nota segni negativi nell'organo problematico;
  • dolore sordo e tirante nella regione lombare o sotto le costole. Le sensazioni spiacevoli si intensificano con lo sforzo fisico;
  • la pressione aumenta spesso;
  • si sviluppa l'ematuria totale;
  • con una grande dimensione della cisti, può essere rilevato dalla palpazione del rene;
  • con l'accumulo di masse purulente nella cavità, l'intensificazione del processo infiammatorio, il paziente è tormentato da un forte dolore. La rottura della cisti è accompagnata da un forte disagio, è necessaria l'assistenza immediata di un chirurgo.

Classificazione

Il medico dovrebbe conoscere quante più informazioni possibili sulla formazione cistica. Le cisti si distinguono in molti modi.

Per categoria:

  • primo. I tumori benigni sono facili da identificare con l'ecografia renale. La membrana della cisti è abbastanza morbida, non c'è infezione all'interno della cavità;
  • secondo. Ci sono piccoli cambiamenti e membrane all'interno delle lesioni benigne. In alcune formazioni si accumulano sali di calcio, si sviluppa un processo infiammatorio;
  • terzo. Tumori inclini a malignità (degenerazione in cancro del rene). Le cisti di questa categoria hanno membrane, la membrana è più rigida. Se vengono rilevate tali formazioni, è necessaria un'operazione per rimuovere i tumori.

Per la natura del danno renale:

  • bilaterale;
  • unilaterale.

Per area di localizzazione:

  • periochannel. La formazione si trova vicino alla pelvi renale, ma non viene a contatto con essa;
  • sottocapsulare. Il tumore si trova sotto la capsula renale;
  • multicamera;
  • cisti parenchimale del rene. L'istruzione si trova nel parenchima o nel seno dell'organo accoppiato. Il secondo tipo è la cisti sinusale del rene;
  • corticale. Area di localizzazione - strato corticale.

In base al numero di neoplasie:

  • singola cisti;
  • cisti multiple.

Diagnostica

Quando il disagio appare nella regione lombare, l'urologo scopre il quadro clinico della patologia, chiarisce l'anamnesi e prescrive un'ecografia dei reni. Se sospetti una cisti incline a malignità, viene eseguita la risonanza magnetica.

Inoltre, il paziente prende sangue e urina per l'analisi: è importante controllare gli indicatori, scoprire se è in corso il processo infiammatorio, se ci sono leucociti, proteine, batteri nelle urine. Con la penetrazione dell'infezione, il livello di ESR aumenta, spesso aumenta il numero di globuli bianchi.

Regole generali e metodi di trattamento efficaci

Come trattare una cisti renale e cosa fare? Il medico sviluppa lo schema terapeutico su base individuale. Non puoi prendere pillole, usare decotti a base di erbe su consiglio di persone lontane dalla medicina: un trattamento improprio accelera spesso la crescita della formazione cistica, influisce negativamente sui processi metabolici.

Quando si sceglie il metodo ottimale, l'urologo prende in considerazione:

  • tipo di educazione;
  • la dimensione della cisti sul rene;
  • tasso di crescita del tumore;
  • tendenza della neoplasia alla malignità.

Visualizza una selezione di trattamenti efficaci per l'idronefrosi renale negli adulti e nei bambini.

L'elenco e le regole per l'utilizzo di supposte per il trattamento della cistite possono essere visualizzati in questo articolo..

Vai a http://vseopochkah.com/lechenie/preparaty/furosemid.html e scopri l'azione e le caratteristiche dell'uso del diuretico Furosemide.

I principali trattamenti per le cisti renali:

  • osservazione. Se il diametro del tumore è inferiore a 5 cm, i medici spesso non toccano la cisti, prescrivono un'ecografia (ogni 6 o 12 mesi) per monitorare la formazione. È importante sapere: ci sono cambiamenti all'interno della cavità, c'è pus o emorragia, il tumore sta crescendo, ci sono partizioni, come funzionano i reni? In caso di gravi deviazioni, viene prescritta la crescita della cisti, la rimozione della formazione;
  • smettere di fumare, attività fisica moderata (ginnastica senza l'uso di pesi), prevenzione dell'ipotermia;
  • dieta per cisti renali. Un elemento indispensabile per preservare la funzione renale, riducendo il carico sui nefroni e altri tessuti. È importante ridurre la quantità di cibi proteici, non mangiare brodi forti, rinunciare a cioccolato, caffè, alcol, fritti, grassi, legumi. Il volume di liquido al giorno viene selezionato dal medico per un paziente specifico, tenendo conto della gravità delle malattie, contro le quali è comparsa una formazione cistica;
  • medicinali per alleviare i segni negativi. Farmaci per abbassare e stabilizzare la pressione sanguigna: Kapoten, Enap, Enalapril. Nomi di erbe per sciogliere e rimuovere le pietre: Urolesan, Kanefron. Antibiotici per rilevare un'infezione batterica, a seconda del tipo di patogeno. Antispastici e analgesici per alleviare il dolore: No-shpa, Drotaverin. Con la sindrome del dolore pronunciata, si consiglia il riposo a letto.

Intervento chirurgico

Anche in assenza di reclami, i medici prescrivono un'operazione per rimuovere la cavità con liquido se la dimensione della formazione supera i 5 cm.Altre indicazioni: problemi con il deflusso delle urine, diametro del tumore 8-10 cm, suppurazione, dolore intenso, rischio di rottura del tumore, tendenza alla malignità. A seconda dei sintomi, della natura della formazione, viene utilizzato un metodo minimamente invasivo o viene eseguita un'operazione standard con accesso aperto.

Metodi chirurgici per la rimozione della cisti renale:

  • foratura. La procedura minimamente invasiva riduce la pressione sui reni e sugli organi vicini. Il contenuto della cisti viene pompato fuori dalla cavità usando un ago speciale. Attraverso il drenaggio, il fluido esce, gradualmente le pareti della formazione si restringono, si verifica la cicatrizzazione dei tessuti. Il materiale dalla cavità viene inviato per la citologia. Svantaggi: alto rischio di ricaduta - fino all'80%, l'infezione è possibile;
  • Laparoscopia. Viene eseguita un'operazione minimamente invasiva con un tumore di grandi dimensioni, un'alta probabilità di infezioni parassitarie, il rischio di rottura e sanguinamento nella cavità renale. Il medico esegue tre punture nella cavità addominale, attraverso le quali il chirurgo inserisce il laparoscopio e altri strumenti. Il processo si svolge sotto il controllo di una videocamera e una lampadina in miniatura, il medico rimuove completamente la cisti, le ricadute sono rare. La laparoscopia è una valida alternativa all'operazione classica, se non ci sono complicazioni, in cui è impossibile la rimozione intracavitaria del tumore;
  • chirurgia renale aperta. Con un processo infiammatorio attivo, la natura maligna della neoplasia, la perforazione della cisti, i medici prescrivono immediatamente un'operazione addominale. A seconda del grado di danno, vengono rimosse la parete tumorale, una parte specifica del rene o l'intero organo. La chirurgia a cielo aperto provoca spesso complicazioni, il periodo di riabilitazione è lungo, soprattutto all'età di 60 anni o più. Il metodo viene utilizzato con bassa efficienza di laparoscopia e puntura.

Rimedi e ricette popolari

Con una piccola dimensione della cisti, gli urologi consigliano di seguire le raccomandazioni per una corretta alimentazione, cambiamenti nello stile di vita e rafforzamento dell'immunità. È importante eseguire un'ecografia ogni anno o ogni 6 mesi, per monitorare le dinamiche dello sviluppo dell'istruzione.

Il trattamento delle cisti renali a casa è inefficace. I decotti alle erbe aumentano le difese immunitarie, riducono il rischio di ricadute nelle patologie infiammatorie delle vie urinarie, lavano i tubuli renali, rimuovono sabbia e piccoli calcoli renali.

Sotto l'influenza di infusi e unguenti fatti in casa, le cisti non si dissolvono, l'uso di composti irritanti spesso causa danni, provoca la crescita di un'educazione benigna. Per questo motivo, tutte le azioni del paziente devono essere coordinate con l'urologo, assumere decotti a base di erbe solo con il permesso del medico..

Quando una cisti appare nei tessuti renali, il paziente deve scoprire di cosa si tratta, perché si è verificata la formazione. È importante collaborare con un urologo, assumere farmaci, seguire una dieta, venire regolarmente per un esame, fare un'ecografia per monitorare lo stato del tumore.

Puoi ottenere informazioni più utili sul trattamento delle cisti renali dopo aver visto il seguente video:

Cisti renale

La cisti è una neoplasia patologica benigna.

Ha sempre una membrana fibrosa con contenuti liquidi di varie composizioni all'interno. La composizione del fluido dipende dalla posizione della cisti. Tali tumori possono svilupparsi in diversi organi. Sono diagnosticati sulla pelle, sulla mucosa orale, nel cervello, nelle ghiandole mammarie. Abbastanza spesso, una ciste colpisce gli organi del sistema genito-urinario, sia negli uomini che nelle donne.

Di tutti i tumori benigni, la cisti renale occupa uno dei posti principali in epidemiologia..

Cos'è?

Una cisti renale è una neoplasia benigna, che è una cavità sferica piena di contenuto fluido. Questa malattia si verifica abbastanza spesso nella pratica di urologi e nefrologi..

Secondo le statistiche, circa il 25% degli adulti di età superiore ai 45 anni presenta cambiamenti cistici di varia gravità. Gli uomini si ammalano più volte più spesso delle donne.

Nei bambini, le cisti renali sono generalmente congenite..

Classificazione

Tutte le cisti renali sono divise in semplici e complesse.

A loro volta, quelli semplici sono:

  1. Acquisito o congenito,
  2. Multiplo o singolo,
  3. Unilaterale o bifacciale,
  4. Infetto, emorragico o sieroso,
  5. Corticale, intraparenchimale, sottocapsulare, multiloculare o peri-renale.

Le cisti complesse differiscono in quanto la cisti non è liscia, arrotondata e ha pareti ispessite. Spesso queste cisti degenerano in tumori maligni..

Secondo la classificazione, tutte le cisti sono suddivise nelle seguenti categorie:

  • 1a categoria: formazioni semplici e benigne rilevate mediante ecografia o tomografia. Queste sono formazioni molto comuni. Se sono piccoli, praticamente non danno sintomi..
  • 2a categoria: cisti con un piccolo numero di alterazioni, benigne con le membrane, calcificate, infette, nonché quelle contenenti residui di sangue (iperdense). Quest'ultimo, di solito fino a 3 centimetri di diametro. Quando viene iniettato un mezzo di contrasto, non viene trattenuto.
  • 3a categoria: queste sono cisti soggette a malignità. Durante l'esame ecografico o radiografico, sono scarsamente delineati, le membrane e le membrane sono ispessite e su di esse si trovano accumuli di calcio di diverso spessore. Tali cisti vengono solitamente rimosse chirurgicamente..
  • 4a categoria: cisti con una superficie irregolare, inclusa un'abbondanza di liquido. Al contrario, i raggi X, viene raccolto il contrasto, che indica la presenza di cellule maligne. Tali cisti vengono sempre operate.

Questa classificazione consente di distinguere le cisti in base al grado di malignità. Secondo alcuni dati, la prima categoria diventa maligna nel 2% dei casi, la seconda nel 18% dei casi e la terza nel 33% dei casi. Le cisti di categoria 4 sono maligne nel 92% dei casi.

Cause di occorrenza

Le cisti renali rappresentano un gruppo piuttosto eterogeneo di condizioni patologiche. I disturbi della crescita dei tessuti epiteliali e connettivi (interstiziali), causati da danni o processi infiammatori, sono considerati la causa immediata dell'insorgenza della malattia. Lo sviluppo di alcune escrescenze cistiche è spiegato da anomalie congenite del sistema urinario o da caratteristiche genetiche del corpo.

I principali fattori predisponenti sono:

  1. Cambiamenti legati all'età. La comparsa di cisti in persone di età superiore ai 45 anni è spiegata da un aumento del carico sul sistema escretore e dal meccanismo di "accumulo di disturbi". Quest'ultimo nasce come risultato di minore gravità, ma molteplici processi patologici che aumentano l'influenza reciproca.
  2. Danno ai tessuti renali. Processi infiammatori (glomerulo- o pielonefrite), tubercolosi, lesioni ischemiche (infarto), tumori possono provocare disturbi nello sviluppo del tessuto epiteliale dei tubuli del nefrone. Di conseguenza, una cavità a parete sottile si forma principalmente nel midollo dei reni..
  3. Fattori congeniti. A volte le cisti sono il risultato di disturbi nello sviluppo intrauterino dei rudimenti renali. Tali neoplasie si trovano solitamente anche durante l'infanzia e spesso hanno carattere multiplo. Le mutazioni in alcuni geni aumentano la predisposizione alla formazione di cavità cistiche nei reni.

Le condizioni sistemiche (ipertensione arteriosa, obesità, diabete mellito) contribuiscono alla progressione della malattia. Portano all'interruzione dell'afflusso di sangue e della nutrizione agli organi del sistema urinario e, di conseguenza, alla proliferazione del tessuto connettivo meno esigente per l'accesso all'ossigeno. Alcuni tipi di patologia non sono causati dall'insorgenza e dalla crescita della formazione cistica, ma dal processo localizzato di distruzione del tessuto renale (con un ascesso, carbonchio).

Sintomi

Quando una cisti renale si forma negli adulti, si verifica dolore nella regione lombare. Può essere così intenso e doloroso da indurre il paziente a cercare cure mediche..

I sintomi clinici tipici di una cisti renale sono:

  • aumento della pressione sanguigna;
  • scarico di sangue durante la minzione;
  • colorazione rossastra delle urine;
  • dolore e disagio durante la minzione;
  • sviluppo e progressione dell'anemia da carenza di ferro, che si verifica a causa della macroematuria;
  • dolore nella regione lombare quando si tocca con il bordo del palmo.

La palpazione della zona lombare da parte di un medico rivela lo spostamento del rene colpito dal suo letto, nonché un aumento delle dimensioni degli organi.

Complicazioni

Quando una cisti renale viene diagnosticata in una fase avanzata della malattia, possono progredire le seguenti complicazioni:

  1. Diminuzione della funzionalità renale. Una grande cisti esercita una pressione sui vasi del rene, il che porta a un deterioramento del suo lavoro. Può svilupparsi in insufficienza renale cronica..
  2. Aumento della pressione sanguigna.
  3. Rottura della cisti quando il suo contenuto entra nella cavità addominale e inizia l'infiammazione (peritonite). È richiesto un intervento chirurgico urgente.
  4. Suppurazione del contenuto della cisti.
  5. Degenerazione di una cisti benigna in un tumore maligno, che può comportare la rimozione dell'organo.

La peritonite è una conseguenza molto pericolosa di una cisti rotta. Questa infiammazione del peritoneo, che porta a una grave condizione del corpo, è pericolosa per la vita e richiede un ricovero di emergenza. Nella peritonite acuta viene eseguito un intervento chirurgico urgente. L'esito dell'operazione dipende dalla tempestività dell'assistenza. Se l'operazione viene eseguita nelle prime ore di esacerbazione, il 90% dei pazienti sopravvive, il primo giorno - 50%, dopo il terzo giorno - solo l'11%.

L'insufficienza renale cronica è una grave conseguenza di una grossa cisti renale. È caratterizzato dall'estinzione delle funzioni renali fino alla completa cessazione del lavoro dell'organo. La diuresi (il volume di urina escreta in un certo periodo di tempo) diminuisce, negli stadi successivi si sviluppano insufficienza cardiaca, edema polmonare e coma uremico. Indicato emodialisi o trapianto renale.

Diagnostica

In una fase iniziale di sviluppo, è piuttosto difficile identificare una neoplasia a causa dell'assenza di sintomi. La cisti viene spesso scoperta per caso. Di solito, i pazienti si rivolgono al medico per fenomeni disurici (disturbi della minzione) o con un inspiegabile aumento della pressione sanguigna.

Tali segni sono presenti se la cisti ha già raggiunto una dimensione significativa. L'urologo conduce un sondaggio e un esame del paziente e prescrive necessariamente esami di laboratorio e strumentali, poiché i reclami del paziente ei dati dell'esame non contengono informazioni diagnostiche complete - non sono specifici.

Metodi hardware per diagnosticare le cisti renali:

  1. L'ecografia è una componente essenziale delle misure diagnostiche. Per mezzo dell'esame ecografico, è possibile non solo confermare la presenza dell'istruzione, le sue dimensioni e localizzazione, ma anche determinarne le caratteristiche: riempimento interno, partizioni o calcificazioni. L'ecografia viene spesso eseguita in combinazione con l'ecografia Doppler, ovvero lo studio dei vasi renali.
  2. Scansione TC. È usato per chiarire la diagnosi e la differenziazione della cisti da altre formazioni. Nelle immagini, una semplice cisti è un oggetto arrotondato con contorni chiari e contenuto liquido..

Metodi diagnostici di laboratorio:

  1. Analisi generale delle urine. Nella maggior parte dei casi, con una cisti piccola e non complicata, il risultato rimane invariato. Un aumento della densità delle urine, la presenza di eritrociti e proteine ​​indicano una funzionalità renale compromessa a causa di una grande formazione cistica.
  2. Biochimica del sangue. Il livello di creatinina e urea viene studiato per determinare quanto sia diminuita l'attività funzionale dell'organo danneggiato.

In alcuni casi, vengono utilizzati ulteriori studi funzionali:

  1. Urografia escretoria, che consente di scoprire le capacità escretorie dei reni. Il metodo è l'introduzione di un mezzo di contrasto per via endovenosa, seguita da una serie di immagini a raggi X..
  2. Scintigrafia dinamica: uno studio delle funzioni renali fissando il processo di accumulo da parte dei reni di una speciale preparazione radiologica, che viene precedentemente iniettata in una vena.

La diagnosi differenziale delle cisti renali viene effettuata con le seguenti patologie:

  • neoplasia maligna;
  • idronefrosi: espansione patologica della pelvi renale;
  • danno renale tubercolare;
  • ascesso renale - la formazione di una cavità purulenta circondata da una membrana capsulare, è una delle possibili complicanze della pielonefrite - infiammazione dei reni;
  • malformazioni congenite.

Trattamento delle cisti renali

La gestione più comune di una cisti renale negli adulti è l'aspettativa. Implica un monitoraggio dinamico costante della neoplasia. Se, nel corso di tale controllo, viene rilevato un aumento della cisti, viene applicato un trattamento chirurgico. Quest'ultimo viene utilizzato anche quando una cisti interferisce con il normale funzionamento del rene..

Il volume dell'intervento nella maggior parte dei casi comporta la rimozione della cisti renale insieme alla capsula. Se la neoplasia si trova in profondità nel parenchima dell'organo, è possibile l'opzione di rimuovere il rene stesso. Nelle cliniche straniere sono ampiamente utilizzate tecniche minimamente invasive, che prevedono la rimozione del contenuto della cisti attraverso una piccola puntura della pelle nella regione lombare..

Oltre all'intervento chirurgico, viene utilizzato anche un trattamento conservativo per le cisti renali, che include l'uso di antibiotici e farmaci analgesici nel periodo postoperatorio. Tra i farmaci antibatterici si possono usare cefalosporine e penicilline. In termini di antidolorifici, l'analgin tradizionale per la somministrazione intramuscolare è adatto.

Operazione

Anche una cisti solitaria del rene, che non infastidisce il paziente, richiede un trattamento chirurgico se le sue dimensioni superano i 5 cm.È inoltre necessario operare in caso di ipertensione persistente, alterato deflusso di urina, comparsa di pus e sangue in esso. Le masse con più camere e quelle situate nella pelvi renale devono essere rimosse non appena vengono trovate. Prima viene fatto, maggiori sono le possibilità di salvare il rene. La medicina moderna offre le seguenti opzioni per le operazioni:

  • aspirazione percutanea della puntura;
  • scleroterapia;
  • escissione laparoscopica;
  • resezione o nefrectomia;
  • trapianto di rene (nell'ultima fase dell'insufficienza renale).

Trattamento di puntura

Il chirurgo inserisce un ago sottile attraverso la pelle nella cavità cistica ed esegue l'aspirazione (aspirazione) del contenuto. L'istruzione si restringe e resta unita. La puntura può essere eseguita su cisti di dimensioni 5-10 cm e solo con 1 telecamera. Lo svantaggio è che spesso si verificano ricadute. Può verificarsi un'infezione. La procedura viene eseguita sotto la supervisione di un'ecografia o TAC e con anestesia locale. La puntura non può essere eseguita in pazienti con:

  • sanguinamento renale;
  • parassiti in formazione cistica.

Laparoscopia

Un metodo in cui la patologia viene completamente rimossa. Il chirurgo vi accede tramite punture di 5 mm. Ce ne sono solo 3, in base al numero di strumenti. L'operazione viene eseguita in anestesia generale. Con questo trattamento, non si verificano ricadute di patologia. Il metodo è consigliato per cisti grandi e multicamera, sanguinamento, suppurazione. Dopo l'operazione, il paziente è indicato per il trattamento con antibiotici e antidolorifici. La procedura è simile a questa:

  1. Il medico inietta il gas per espandere la vista.
  2. Viene eseguita l'escissione delle pareti della formazione cistica. Se si trova all'esterno del rene o è più grande di 3 cm, viene rimossa anche parte dell'organo stesso.
  3. Il tessuto sano viene suturato.

Resezione e rimozione del rene

Se l'organo è gravemente danneggiato o le formazioni sono grandi, viene eseguita una classica operazione addominale. La rimozione di un rene malato (nefrectomia completa) può essere eseguita solo se è presente un secondo organo sano. Spesso questo è necessario con la minaccia del cancro, suppurazione estesa. Per altri casi è indicata la resezione o la rimozione parziale dei tessuti. Il chirurgo accede all'organo attraverso un'incisione nella regione lombare. L'operazione viene eseguita in anestesia generale secondo il seguente schema:

  1. Il chirurgo taglia la pelle e i tessuti molli.
  2. Si sente per il luogo della formazione cistica, fa una puntura con un ago.
  3. Rimuove il contenuto della cavità, asportare il rene.
  4. Rimuove il tessuto d'organo malato.
  5. Dopo aver applicato i punti. Vengono rimossi dopo 1,5 settimane. In media, la riabilitazione dopo tale operazione dura un mese. Sei mesi dopo, il paziente viene sottoposto a un esame di controllo.

Scleroterapia

Questo metodo è simile al trattamento della puntura. Anche sotto il controllo della TC o degli ultrasuoni nella regione lombare, il medico inserisce un ago e perfora la capsula cistica. Innanzitutto, il contenuto viene aspirato, quindi il farmaco viene iniettato. Spesso si tratta di sostanze con iodio o alcol. L'agente viene rimosso dalla cavità dopo un po ', dopodiché viene rimosso anche l'ago. Le cellule del muro della formazione muoiono. La cavità inizia a crescere eccessivamente, quindi le ricadute sono raramente osservate con tale trattamento. Il metodo ha controindicazioni:

  • contorno ispessito e sfocato delle pareti;
  • la dimensione della formazione è superiore a 5 cm;
  • diverse camere nella cavità cistica;
  • eterogeneità dei contenuti.

Nutrizione e dieta

Con una malattia renale come una ciste, oltre ai tradizionali farmaci e interventi chirurgici, al paziente viene mostrata anche una dieta speciale.

Assume i principi di base della nutrizione, tra cui:

  1. Controllo sul liquido bevuto. Limitare la quantità di liquido consumato è necessario per quei pazienti in cui una cisti nel rene è accompagnata da edema periferico, sintomi di insufficienza cardiaca (edema alle gambe, mancanza di respiro), ipertensione. Se la neoplasia renale non è supportata da sintomi simili, non dovresti limitare la quantità di acqua e altri liquidi che bevi..
  2. Limitare l'assunzione di sale. Questo principio è adatto a quei pazienti in cui una cisti di uno o entrambi i reni provoca un malfunzionamento dell'organo, portando così al suo fallimento. Sono proprio questi pazienti che devono ridurre al massimo o abbandonare completamente l'uso di cibi salati. Se l'insufficienza renale non minaccia il paziente, non deve rinunciare a questo condimento..
  3. Limitare l'uso di alimenti proteici. I pazienti con malattie renali sono consapevoli dei pericoli degli alimenti proteici per il loro corpo. Se molta di questa sostanza entra nel corpo del paziente con il cibo, i prodotti del metabolismo dell'azoto verranno rilasciati in grandi quantità: guanidina, creatinina, acido urico, guanidina-acido succinico, poliammina, metilguanidina. Questi prodotti sono particolarmente tossici, quindi un paziente che ha una cisti del rene destro e sinistro dovrebbe limitare attentamente la quantità di cibo proteico consumato per facilitare il funzionamento degli organi. Pertanto, la secrezione di tossine è ridotta, il che è particolarmente importante nelle fasi successive dell'insufficienza renale..
  4. Rifiuto del cibo "proibito". Oltre a uno speciale regime idrico e alla limitazione dell'assunzione di sale, i pazienti che hanno una cisti del rene destro o sinistro devono escludere molti alimenti dalla dieta. Questi includono: cibi piccanti (condimento al peperoncino, per esempio), fritti e salati, eventuali bevande alcoliche e soprattutto birra. Devi anche rinunciare a cioccolato, frutti di mare, caffè e altri cibi che possono essere irritanti. Inoltre, il fumo, sia attivo che passivo, ha un effetto estremamente negativo sulla malattia renale..

Il rispetto di una dieta speciale per le malattie delle vie urinarie, inclusa la presenza di cisti renali, è uno dei componenti importanti nel trattamento di queste patologie. Ciò non significa che tali malattie possano essere curate solo con la dieta. Pertanto, seguendo sistematicamente la dieta, il paziente deve anche seguire tutte le raccomandazioni del medico e controllare la malattia..

Rimedi popolari

Trattamento delle cisti renali con rimedi popolari che vorrei designare separatamente.

È importante capire che tale trattamento non solo è inefficace nella lotta contro il disturbo che stiamo considerando, ma può anche essere pericoloso (a seconda del grado di danno, del tipo di cisti e dello stadio del processo patologico effettivo e di altre caratteristiche che accompagnano il processo patologico). Oltre alla mancanza di risultati positivi, qualsiasi trattamento di questo tipo può non solo far perdere tempo al paziente in trattamenti non necessari, ma anche, al contrario, a causa di un'esposizione eccessivamente attiva ai metodi di trattamento utilizzati, può essere provocata una rottura della cisti.

Come già indicato, in questo caso, il suo contenuto verrà versato nella cavità addominale, che provocherà una peritonite, in cui non è possibile rinunciare a un intervento chirurgico urgente e conseguenze ancora più gravi. Il massimo che può essere utilizzato tra queste misure è alcuni decotti alle erbe.

Prevenzione

Una cisti renale si verifica per molte ragioni ed è completamente impossibile proteggersi da questa malattia. Ma tutti possono ridurre la probabilità di complicazioni causate da una cisti..

Fattori che riducono il rischio di complicanze:

  • cibo nutriente e sano;
  • prevenzione dell'obesità;
  • aderenza a una dieta;
  • trattamento di tutte le infezioni esistenti del sistema genito-urinario;
  • evitare l'abuso di alcol;
  • assenza di lesioni alla schiena e alla colonna vertebrale;
  • un'ecografia una volta all'anno;
  • rifiuto di metodi di guarigione discutibili.

Una corretta alimentazione aiuterà ad accelerare il processo di guarigione e prevenire le ricadute. Si consiglia di ridurre il sale ed evitare cibi fritti e grassi. All'aumentare della pressione, il volume di fluido consumato si riduce.

Previsione

La prognosi della malattia è determinata dalla natura della neoplasia, dalla sua localizzazione, dalle dimensioni.

Con piccole formazioni monocamerali con crescita lenta, è favorevole. Con le cisti policistiche e multicamera, peggiora, poiché esiste il rischio di sviluppare insufficienza renale cronica e malignità.

Tuttavia, con un trattamento chirurgico tempestivo, la probabilità di tali complicazioni è minima..

Da dove viene la cisti ed è possibile curarla

Una cisti renale è una neoplasia benigna costituita da una membrana con contenuto liquido. È localizzato sulla superficie o all'interno del tessuto renale (parenchima). Una cisti renale e il suo trattamento sono determinati da un nefrologo. La malattia viene diagnosticata sulla base dei risultati di vari metodi: ecografia, risonanza magnetica, analisi generale delle urine. Il trattamento è solitamente chirurgico.

  1. Cos'è una cisti renale
  2. Classificazione delle cisti renali
  3. Perché compaiono le formazioni
  4. Segni di malattia renale cistica
  5. Metodi diagnostici
  6. Come trattare le cisti renali in modo conservativo
  7. Medicinali
  8. Dieta
  9. Metodi tradizionali
  10. Chirurgia
  11. Puntura
  12. Scleroterapia
  13. Laparoscopia
  14. Qual è la minaccia di una cisti non trattata
  15. Previsione e prevenzione

Cos'è una cisti renale

Una cisti sul rene è una membrana di tessuto connettivo con un contenuto liquido. Cambiamenti cistici nel parenchima renale si verificano nel 25% delle persone dopo 45-50 anni. In 2/3 dei casi si riscontrano neoplasie benigne nel rene destro. Sono più comunemente diagnosticati negli uomini che soffrono di:

  • urolitiasi;
  • obesità;
  • infezioni urogenitali;
  • ipertensione arteriosa.

Le formazioni cistiche provocano un malfunzionamento renale solo nel 30% dei casi. Nella maggior parte dei pazienti, la malattia è asintomatica..

Classificazione delle cisti renali

Le formazioni liquide nei reni sono un gruppo eterogeneo di tumori benigni. In nefrologia, ci sono diverse classificazioni di lavoro della cisti renale a seconda di:

  • strutture;
  • la natura del contenuto;
  • Posizione;
  • origine.

Le cisti sono singole e multiple. In base alla complessità della struttura, si distinguono 2 tipi di neoplasie:

  • semplice - singole cisti, all'interno delle quali non ci sono partizioni aggiuntive;
  • complesso - neoplasie con diverse camere isolate.
La presenza di setti interni è un fattore diagnostico fondamentale da cui dipende il rischio di degenerazione maligna della cisti.

Un alto significato clinico appartiene alla classificazione, che tiene conto delle caratteristiche strutturali delle infestanti patologiche. Per struttura, questi tipi di cisti renali si distinguono:

  • Solitario: una cavità a camera singola a parete sottile, all'interno della quale è contenuto un liquido trasparente. La dimensione delle formazioni varia da 5-7 mm a 12 cm, diagnosticata nell'80% dei casi.
  • Spugnoso - Una cisti che si forma all'interno dei reni. Molto spesso, diverse cavità patologiche sorgono contemporaneamente nel parenchima renale, a causa delle quali la struttura dell'organo diventa porosa.
  • Multiloculare - cavità del tessuto connettivo con molti setti interni. Hanno maggiori probabilità di degenerare in tumori maligni, provocando il cancro ai reni..
  • La malattia policistica è una forma pericolosa della malattia in cui le formazioni cistiche si trovano spesso in entrambi i reni. Nel 95% dei casi è provocato da anomalie congenite. Con la malattia policistica, l'area interessata ricorda visivamente i grappoli d'uva..

All'interno di cisti complesse si accumulano spesso masse eterogenee: fluido sieroso, elementi tissutali, calcio. Una cisti calcificata con un buon apporto di sangue a volte degenera in un tumore maligno. Pertanto, se nel parenchima si trovano cavità patologiche, si raccomanda un trattamento chirurgico..

Perché compaiono le formazioni

Per scoprire da dove provengono le cisti renali, è necessario considerare il meccanismo di insorgenza della malattia. La causa immediata della formazione di cavità patologiche risiede nella ridotta crescita del tessuto connettivo ed epiteliale. Sono provocati da infiammazioni, danni meccanici ai reni, mutazioni genetiche.

L'isolamento dei singoli tubuli del nefrone dal tessuto renale è una delle cause principali della formazione di cisti. Il gruppo di rischio comprende pazienti con adenoma prostatico, malattia di Hippel-Lindau, tubercolosi.

Le principali cause delle cisti renali:

  • Danno ai reni. Le cavità patologiche nel parenchima si verificano quando il tubulo del nefrone, che produce l'urina, è bloccato. Ciò significa che qualsiasi malattia infiammatoria è irta di cisti. Pertanto, sono più comuni nelle persone che soffrono di glomerulonefrite, urolitiasi, pielonefrite.
  • Fattori congeniti. Spesso la malattia policistica si verifica nei bambini con anomalie congenite. I tumori si verificano a causa di mutazioni geniche, disturbi della crescita intrauterina. Pertanto, la malattia è ereditaria e viene trasmessa al bambino dai genitori.
  • Cambiamenti legati all'età. Nel corso degli anni, il carico sugli organi di disintossicazione - reni, fegato - aumenta solo. L'intossicazione del corpo porta a cambiamenti organici nel parenchima. Per questo motivo, aumenta il rischio di formazione di cisti monocamera e multicamera..

La crescita di neoplasie nel parenchima porta alla compressione dei tessuti circostanti. In 1/3 dei casi, questo porta a cisti secondarie. Se il loro diametro supera 8-9 cm, la circolazione sanguigna nell'organo è compromessa.

Segni di malattia renale cistica

La cistosi renale si verifica quasi senza sintomi, che è associata alla lenta formazione di neoplasie. Il parenchima riesce ad adattarsi ai cambiamenti senza un'interruzione visibile delle funzioni degli organi. I primi sintomi compaiono nella fase di spremitura da neoplasie dei vasi sanguigni, terminazioni nervose.

Sintomi della malattia cistica:

  • mal di schiena;
  • instabilità della pressione sanguigna;
  • cardiopalmus;
  • frequenti mal di testa.
Aumento del dolore alla schiena, pallore della pelle indicano la rottura di cisti all'interno del rene e danni ai vasi sanguigni.

Quando le cisti diventano grandi, il tessuto circostante viene compresso. Per questo motivo, il volume della pelvi renale e la pervietà dell'uretere diminuiscono. Quindi il quadro clinico viene reintegrato con nuovi sintomi:

  • bisogno frequente di usare il bagno;
  • dolore nella zona inguinale;
  • sangue nelle urine;
  • aumento della fatica;
  • grave gonfiore degli arti.

Febbre, brividi e febbre alta sono chiari segni di un'infezione secondaria.

Metodi diagnostici

Se la cisti inizia a spremere il tessuto circostante sorgono disturbi di salute. Per identificare le neoplasie nei reni, viene prescritto un esame strumentale:

  • nefroscintigrafia;
  • angiografia;
  • Ultrasuoni della vescica e dei reni;
  • urografia endovenosa;
  • RM o TC dei reni.

Con i sintomi di infiammazione infettiva della cavità cistica, viene prescritto un esame del sangue generale e biochimico. Se necessario, vengono utilizzate tecniche diagnostiche aggiuntive: scintigrafia dinamica, urografia escretoria.

Come trattare le cisti renali in modo conservativo

Se le neoplasie si trovano all'esterno della pelvi renale e il loro diametro non supera i 5 cm, la terapia non è necessaria. La necessità di un trattamento conservativo sorge quando il disturbo della minzione, l'intossicazione del corpo con l'ammoniaca.

Medicinali

La terapia farmacologica ha lo scopo di alleviare i sintomi. La cistosi renale viene trattata con i seguenti farmaci:

  • inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (Enap, Renitek, Invoril) - normalizzano la pressione sanguigna;
  • antibiotici (Augmentin, Ceftriaxone, Vilprafen) - distruggono un'infezione batterica;
  • diuretici (Kanephron, Diacarb, Indiur) - rimuovono l'urina dal corpo, prevengono la formazione di calcoli renali.
I farmaci non eliminano le cavità cistiche, ma facilitano solo il decorso della malattia.

Dieta

Se è necessario seguire una dieta per il danno renale cistico è determinato da un nefrologo. Nel 90% dei casi, i pazienti vengono trasferiti a una dieta per prevenire la ritenzione di liquidi nel corpo. Per alleviare la condizione, si consiglia di:

  • ridurre l'assunzione di sale a 2 g al giorno;
  • escludere conservazione, frutti di mare, piatti grassi;
  • limitare l'assunzione di liquidi gratuita a 500 ml al giorno;
  • evitare gli agrumi e gli alimenti ad alta allergenicità.

Per curare una cisti renale, è consigliabile ridurre l'assunzione di cibi proteici. Aumenta il carico sugli organi di disintossicazione e aggrava i sintomi..

Metodi tradizionali

Le cisti e le malattie renali infiammatorie vengono trattate con bardana (radice di bardana) e baffi d'oro. Le piante hanno proprietà antineoplastiche e diuretiche.

  • Brodo. Mescolare in 1 cucchiaio. l. radice di bardana e radice di consolida maggiore. Aggiungi 2 cucchiai. l. poligono e biancospino erbe. Bollire le erbe in 2 litri d'acqua per 4 minuti. Bere 15 ml tre volte al giorno.
  • Tintura. 2 cucchiai. l. i baffi d'oro schiacciati vengono versati in mezzo litro di vodka. Insistere in frigorifero per 7 giorni. Prendi una tintura di 10-35 gocce diluite in 50 ml di acqua. Il numero di gocce aumenta gradualmente - di 1-2 gocce ogni giorno.

Le cisti dovrebbero essere trattate con rimedi popolari solo dopo aver consultato un medico..

L'uso irrazionale di piante medicinali, i decotti a base di erbe è irto di deterioramento della salute.

Chirurgia

Le indicazioni per la chirurgia sono processi complicati nel parenchima renale - infettivo, infiammatorio, tumore. Sulla base dei dati dell'esame, il chirurgo determina come curare la cisti sui reni. Se è monocamerale, ricorrono a procedure minimamente invasive. Ad alto rischio di trasformazione maligna, il tumore viene asportato. Dopo l'operazione, segue la riabilitazione, durante la quale vengono eseguite le procedure di fisioterapia, il trattamento farmacologico.

Puntura

L'aspirazione per puntura è una procedura minimamente invasiva durante la quale il contenuto della cisti viene aspirato con un ago. Con una diminuzione delle dimensioni delle neoplasie, viene ripristinata la circolazione sanguigna negli organi interessati. Questo metodo di trattamento viene utilizzato se:

  • la cisti è monocamerale e il suo diametro non supera i 6 cm;
  • non c'è infiammazione infettiva nei reni.

Gli svantaggi della tecnica includono un alto rischio di ricaduta..

Scleroterapia

La scleroterapia è un tipo di aspirazione della puntura. Dopo aver pompato il fluido, lo sclerosante viene introdotto nelle formazioni cistiche, una soluzione di composti di iodio e alcol. Irrita le pareti interne della cisti, che le fa aderire. Ciò riduce la probabilità di riempire nuovamente la capsula di liquido..

Laparoscopia

La chirurgia laparoscopica viene utilizzata nei casi in cui la cavità cistica è tecnicamente inaccessibile per l'aspirazione. Viene asportato in più fasi:

  • nella parete addominale vengono praticate diverse incisioni lunghe fino a 6 mm;
  • un laparoscopio e gli strumenti sono inseriti all'interno per rimuovere la cisti;
  • sotto il controllo di una videocamera, il chirurgo asportò la cavità patologica.

I campioni di tessuto vengono inviati per l'analisi istologica per escludere il cancro renale.

A differenza della chirurgia radicale, il periodo di riabilitazione dopo la laparoscopia non richiede più di 2 settimane.

Qual è la minaccia di una cisti non trattata

Il trattamento prematuro dei reni è irto di complicazioni potenzialmente letali. Nel tempo, le cavità cistiche aumentano di dimensioni, interrompendo la circolazione renale e il flusso di urina nell'uretere.

Possibili conseguenze della malattia renale cistica:

  • idronefrosi - espansione patologica dei calici renali e del bacino, che porta all'atrofia del parenchima;
  • ipertensione - malattia cardiovascolare causata da un persistente aumento della pressione sanguigna;
  • insufficienza renale - ipofunzione renale, che porta a una produzione di urina insufficiente;
  • malignità delle cisti - trasformazione maligna della capsula del tessuto connettivo.

Con un'infezione dei reni, il fluido sieroso all'interno delle cisti si trasforma in pus. La rottura della capsula è pericolosa per la penetrazione del pus nei tessuti adiacenti e per il flusso sanguigno generale.

Previsione e prevenzione

L'esito della malattia dipende da molti fattori: la posizione, la struttura e le dimensioni della cisti. Nella maggior parte dei pazienti si trovano formazioni a camera singola, che sono facilmente suscettibili di terapia. Con le cisti multicamera, la prognosi si sta notevolmente deteriorando, il che è associato ad un alto rischio della loro malignità.

Non esiste una profilassi speciale per la malattia cistica. Per prevenire le neoplasie nei reni, si raccomanda:

  • trattare tempestivamente la pielonefrite e la glomerulonefrite;
  • evitare ipotermia e lesioni;
  • controllare la pressione sanguigna;
  • assumere complessi vitaminici e minerali.
I pazienti con ipertensione, obesità, problemi metabolici, malattie del sistema genito-urinario devono essere sottoposti a un esame preventivo annuale da parte di un medico.

Le cisti renali sono una malattia asintomatica per un lungo periodo. Per prevenire complicazioni, si consiglia di farsi visitare da un nefrologo due volte l'anno.

Cause e trattamento delle cisti renali

I reni sono coinvolti in complessi processi metabolici e sono responsabili dell'eliminazione dei prodotti di scarto tossici. Grazie alla funzione omeostatica, gli organi mantengono un volume ottimale di liquidi nel corpo e la sua composizione ionica. Le patologie del sistema urinario senza trattamento rappresentano una seria minaccia per il corpo. Che cos'è una cisti renale ed è necessario eliminarla?

I reni sono coinvolti nel metabolismo metabolico complesso e sono responsabili dell'eliminazione dei prodotti di scarto tossici.

Le cisti renali sono tumori benigni. Nel processo di formazione della cavità, il fluido si accumula. I confini delle pareti variano da pochi millimetri e la capsula più grande a volte raggiunge i 10 cm.

Nel processo di formazione della cavità, il fluido si accumula.

Le formazioni cistiche nel rene sono semplici o unicamerali e complesse. Le cisti renali multiloculari sono costituite da più setti.

  • Tumore solitario. La formazione ha una forma rotonda o ovale con contenuto sieroso, in quasi tutti i casi colpisce un organo. In una semplice cisti del rene sinistro o destro, non ci sono costrizioni e condotti. Coaguli di sangue e inclusioni purulente compaiono nella capsula dopo lesioni o infezioni. Molto spesso, una tale cisti viene diagnosticata sui reni negli uomini sul lato sinistro. In una fase avanzata, il tumore influisce sul funzionamento dell'organo a causa della disfunzione del parenchima renale.
  • Dermoidi. Si presentano durante lo sviluppo intrauterino e sono di natura congenita. Insieme al contenuto della cisti dermoide, i reni rivelano elementi embrionali: capelli, cellule della pelle, dentina e inclusioni di grasso.
  • Disturbo policistico. Si caratterizza per la comparsa di più piccole capsule collegate tra loro come un grappolo d'uva. La malattia del rene policistico colpisce entrambi gli organi, i processi mutazionali complessi sono la pietra angolare della sua formazione.

Cos'è una cisti parapelvica del rene?

Le pareti si formano nell'area del seno dell'organo a causa di un aumento del lume del dotto linfatico. Nella capsula del seno si accumula una sostanza gialla senza inclusioni. Tali tumori provocano lo sviluppo di urolitiasi, il sangue appare nelle urine e nelle coliche. Con la formazione solida, si forma l'idronefrosi (allargamento del bacino).

Classificazione per categoria

  1. Una formazione semplice e benigna è determinata dall'ecografia o da un altro metodo strumentale. Con piccole dimensioni fino a 3-5 mm, esiste la possibilità che la cisti sia in grado di risolversi da sola.
  2. La cavità presenta lievi modifiche, le pareti non sono ispessite, il processo è benigno. A volte si trovano pietre, setti o infezioni.
  3. La probabilità di sviluppare cisti renali atipiche aumenta, questo è provocato dallo sviluppo di un processo maligno. Il decorso patologico è accompagnato da una grave calcificazione, che richiede un intervento chirurgico.
  4. Capsule con una superficie irregolare e molto liquido. Le cisti di entrambi i reni di questo tipo portano a conseguenze irreversibili, il rischio di un processo canceroso è superiore al 90%.

Le ragioni

L'eziologia primaria della formazione di cisti non è stata determinata. Ma ci sono fattori in presenza dei quali i tumori vengono diagnosticati più spesso:

  • processi infettivi;
  • malattia ipertonica;
  • tubercolosi parenchimale;
  • disturbi dell'età;
  • attacco di cuore;
  • malattia da urolitiasi.

Sintomi

Le manifestazioni si notano con un aumento della capsula e con cisti renali multicamera, che interrompono il funzionamento degli organi. Il dolore appare nella zona pelvica o posteriore. L'attività fisica aumenta la sua intensità. Potrebbero esserci fiocchi e impurità del sangue nelle urine, la pressione sanguigna aumenta.

Dolore al bacino o alla schiena.

Con un aumento della capsula di oltre 3 cm o in pazienti con costituzione astenica, il tumore è facilmente palpabile. Le pietre causano coliche.

Diagnostica

Con l'infezione concomitante, il numero di leucociti nelle analisi delle urine cambia e appaiono le proteine. Per una ricerca approfondita, vengono utilizzati metodi strumentali: risonanza magnetica, ecografia, TC. Se si sospetta un processo maligno, può essere prescritta una biopsia d'organo.

Trattamento

Dopo che la diagnosi è stata chiarita, inizia l'osservazione. La terapia viene eseguita da un terapista e nefrologo.

Trattamento conservativo

Nella fase iniziale, il trattamento farmacologico sintomatico è adatto al paziente. Usa antidolorifici, antibiotici e stabilizzatori della pressione sanguigna.

Assicurati di seguire una dieta per ridurre lo stress degli organi.

I preparati a base di erbe possono essere utilizzati per aiutare a rimuovere sabbia e piccoli sassi (fino a 3 mm).

Chirurgia

Con capsule semplici o monocamerali di grandi dimensioni è necessario un intervento chirurgico. La laparoscopia per la rimozione della cisti e la resezione del tessuto renale è ampiamente praticata.

La laparoscopia per la rimozione della cisti e la resezione del tessuto renale è ampiamente praticata.

Le cisti multiple in entrambi i reni non sono curabili. Il paziente è in emodialisi - purificazione del sangue artificiale dai prodotti di decomposizione.

Complicazioni

Lo sviluppo del tumore a lungo termine senza trattamento è molto pericoloso. Il paziente può essere minacciato da:

  • insufficienza cronica;
  • idropisia;
  • pielonefrite in uno stadio purulento;
  • strappare le pareti e versare il contenuto nella cavità;
  • anemia;
  • crisi ipertensive.

Per prevenire la disfunzione d'organo, gli esami ecografici vengono eseguiti regolarmente.

Anche con sospetti minori di cambiamenti patologici, è vietato auto-medicare. Diagnosticare tempestivamente le infezioni del tratto urinario e attenersi alle prescrizioni del medico.

Cisti renale: cosa è pericoloso e come affrontarlo

Cisti renale: è pericoloso e quale trattamento è necessario? Di solito, gli urologi ascoltano questa domanda da pazienti che, secondo i risultati della diagnostica, hanno una neoplasia benigna. Risposta del medico: "Dipende dalle dimensioni della cisti, dal tipo, dalla posizione, dalle malattie concomitanti e dal grado di disfunzione d'organo".

Cause di patologia

Il termine "cisti" in medicina significa una formazione che ha una cavità ed è circondata da una capsula in cima. Il fluido sieroso si accumula all'interno di questa cavità. Cisti renali nel 5% dei casi - congenite, nel resto - acquisite.

La patologia congenita è il risultato di malattie infettive della madre.

Acquisito può derivare da:

  • patologie renali infettive e infiammatorie:
  • lesioni lombari;
  • urolitiasi;
  • glomerulonefrite;
  • tubercolosi renale;
  • invecchiamento del corpo;
  • ridotta immunità;
  • squilibrio ormonale;
  • malattie che si verificano con insufficienza renale.

Negli uomini, le cisti renali si formano più spesso che nelle donne, la causa può essere l'adenoma prostatico e il fumo.

Sintomi tipici

Le piccole cisti vengono quasi sempre rilevate per caso durante una visita medica, o durante un'ecografia degli organi addominali per altre malattie. Tali neoplasie non provocano dolore o altri sintomi. Ma man mano che la loro crescita progredisce, il paziente può sviluppare:

  • Dolore nella parte bassa della schiena o sotto le costole di un personaggio che tira e fa male.
  • Sensazioni spiacevoli nella zona dei reni con uno sforzo fisico significativo.
  • Aumento periodico della pressione sanguigna.
  • Scolorimento dell'urina al rosato, che indica una miscela di sangue nelle urine.

L'aggiunta di un processo infiammatorio o suppurazione di una cisti porta ad un aumento della temperatura corporea, a brividi e ad un aumento del dolore. Grandi lesioni possono essere palpate (palpate con le dita).

Diagnostica

Con denunce di dolore nell'area dei reni, un cambiamento nel colore delle urine, dovresti contattare un terapista o un urologo. Dopo il colloquio, il medico effettuerà un esame e invierà un esame esteso, che include:

  • Analisi del sangue - biochimica e generale;
  • Analisi delle urine;
  • Ultrasuoni dei reni e della cavità addominale;
  • TC e risonanza magnetica;
  • Angiografia.

I metodi diagnostici strumentali consentono di determinare la dimensione e la localizzazione della neoplasia, la sua struttura. Puoi scoprire se un tumore è benigno o maligno usando l'urografia o la scintigrafia..

Possibili complicazioni

Le cisti sono inizialmente considerate benigne, ma non possono essere classificate come innocue. Il pericolo del loro aspetto in un'alta probabilità di complicazioni. I più comuni sono:

  • Infezione, che porta alla suppurazione del contenuto interno e alla rottura della membrana. Il risultato è la peritonite;
  • Idronefrosi;
  • Persistente aumento della pressione sanguigna;
  • Forma purulenta di pielonefrite;
  • Fallimento renale cronico.

La malignità della cisti esistente non è esclusa. I pazienti con tali neoplasie renali devono essere esaminati regolarmente..

Tipi di cisti

Le cisti renali sono suddivise in base alla posizione e alla composizione del fluido all'interno della cavità..

Per localizzazione, l'istruzione può essere:

  • Sottocapsulare. Sorge tra il parenchima del rene e la sua capsula esterna. Non influisce sulla pelvi renale, quindi praticamente non viola le funzioni dell'organo e per lungo tempo non provoca alcun cambiamento nel benessere.
  • Corticale. Si trova nello strato corticale, praticamente non influisce sul deflusso delle urine. Le cisti corticali formate a seguito di un trauma sono pericolose, poiché sangue e pus possono accumularsi all'interno della loro cavità.
  • Intramidollare. Cresce nel midollo dell'organo, quindi interrompe la funzione di filtrazione, che può influire negativamente sul funzionamento dei reni.
  • Okolokhanchny. Situato vicino al bacino, spesso formato da un vaso linfatico. Grandi lesioni periocali influenzano negativamente il processo di minzione.
  • Diverticolo del bacino. Situato nella pelvi renale, è relativamente raro. Le formazioni con tale localizzazione provocano il ristagno, a seguito del quale si sviluppa un'infezione nel rene e il paziente inizia a preoccuparsi dei sintomi concomitanti.

Secondo la composizione del fluido, le cisti renali sono:

  • sieroso;
  • emorragico;
  • purulento.

Il liquido contiene anche calcificazioni - focolai separati di sali di calcio. Le cisti con calcificazioni, masse purulente e sangue possono degenerare in tumori cancerosi.

Secondo la struttura, le cisti sui reni sono monocamerali e multicamera, cioè costituite da diverse cavità separate, separate l'una dall'altra da partizioni.

Un tipo parassitario di cisti è particolarmente distinto, si sviluppa a causa della presenza di una tenia echinococcica nel corpo. Tali formazioni sono soggette a rimozione chirurgica..

Classificazione bosniaca

Nel 1986 è stata sviluppata la classificazione bosniaca, utilizzata per stabilire la probabilità di degenerazione maligna di un tumore. La categoria delle cisti viene determinata sulla base dei dati istologici, dei risultati della tomografia e di una serie di altre procedure diagnostiche. La classificazione di Bosniak permette di scoprire la necessità di un intervento chirurgico. Ci sono 4 categorie di cisti in totale:

  • La prima categoria comprende una formazione a pareti sottili senza setti e calcificazioni. Non c'è rischio di malignità;
  • La seconda categoria sono le cisti, che possono contenere diverse partizioni all'interno; piccole calcificazioni possono essere presenti nelle pareti. Sono considerati benigni;
  • Categoria IIF. Formazione con tramezzi, aree di calcificazioni sono possibili nei muri. L'esame determina "apparente contrasto". Una piccola percentuale di tali formazioni diventa maligna;
  • La categoria III comprende cisti dubbie con setti e pareti ispessite, caratterizzate dall'accumulo di mezzo di contrasto. Con tali formazioni è necessario un monitoraggio costante. Nella metà dei casi degenerano in un tumore canceroso;
  • Categoria IV. Hanno tutti i segni delle formazioni della terza categoria, inoltre conterranno componenti che accumulano bene il contrasto. Hanno segni di un tumore maligno, sono soggetti a rimozione chirurgica in tutti i casi.

Principi di trattamento

La terapia viene selezionata in base alle dimensioni della formazione, tenendo conto della probabilità di malignità e dell'effetto sulla funzione renale. La patologia viene trattata con metodi sia conservativi che chirurgici. La chirurgia non è necessaria se la cisti ha un diametro fino a 4-5 cm e non compromette le funzioni del corpo. Ma con tali tumori, il paziente deve sistematicamente (una volta ogni sei mesi) sottoporsi a un'ecografia ed essere testato.

Il regime di trattamento comprende l'uso di farmaci, terapia dietetica e intervento chirurgico in caso di crescita e complicanze della cisti. La terapia nutrizionale aiuta a ridurre il carico sui reni, migliora i processi metabolici nell'organo e riduce la probabilità di infiammazione. Per fare ciò, il paziente ha bisogno di:

  • Ridurre al minimo l'uso di cibi grassi, salati e fritti, spezie piccanti;
  • Cuocere a vapore o cuocere il cibo;
  • Mangia frazionalmente, in piccole porzioni;
  • Limitare l'uso di caffè e tè forte;
  • Rinuncia all'alcol;
  • Bevi più acqua
  • Riduci l'assunzione di proteine ​​animali nel corpo.

Devi mangiare costantemente con la dieta proposta. Con le cisti minori, la terapia dietetica in combinazione con la terapia farmacologica consente di eliminare la formazione senza intervento chirurgico.

Trattamento farmacologico

È necessario assumere farmaci per le cisti renali solo quelli prescritti da un medico. Se la malattia è accompagnata da un processo infiammatorio, è necessaria una terapia antibatterica. Integralo con urosettici e antispastici, per alleviare il dolore.

Se il trattamento farmacologico è inefficace, l'urologo può suggerire una puntura percutanea. Durante la procedura, il contenuto della cisti viene aspirato e in questo luogo viene iniettato un farmaco sclerosante, che porta gradualmente al collasso delle pareti e alla sostituzione con il tessuto connettivo.

Intervento chirurgico

L'operazione viene assegnata nei seguenti casi:

  • La dimensione della cisti è superiore a 5 cm e si nota la progressione della crescita;
  • Con suppurazione;
  • In caso di rischio di malignità della cisti;
  • Se non vi è alcun effetto della terapia conservativa;
  • Con un pronunciato deterioramento del deflusso di urina e un forte dolore;
  • Con una cisti parassitaria;
  • Con ipertensione persistente associata alla formazione dei reni.

Durante l'operazione, la cisti viene rimossa attraverso la cavità addominale. Se ci sono segni di malignità, parte del tessuto renale viene rimosso insieme alla formazione. Dopo la procedura, il biomateriale viene inviato per l'esame istologico..

Nel periodo postoperatorio, al paziente vengono prescritti antibiotici, terapia dietetica, urosettici.

etnoscienza

È inutile combattere le cisti sui reni con rimedi popolari. L'uso di tutti i tipi di fitopreparati può solo ridurre la probabilità di infezione della formazione e ha un effetto positivo sulla funzione urinaria dell'organo. Per non danneggiare il tuo corpo, prima di utilizzare qualsiasi "ricetta della nonna", dovresti essere d'accordo con il tuo medico.

Per le cisti sui reni, applicare:

  • Succo di bardana, prendendo un cucchiaio tre volte al giorno per due mesi;
  • Succo di viburno con miele. Il succo di viburno appena spremuto in un volume di 200 g deve essere mescolato con due cucchiai di miele liquefatto. Bere la bevanda preparata ogni giorno in un quarto di bicchiere per un mese;
  • Tintura dei baffi d'oro. È preparato da 50 articolazioni di piante e 500 ml di vodka, insistito per 10 giorni. Cominciano a prendere 10 gocce una volta al giorno, ogni giorno successivo questa quantità viene aumentata di una goccia. Dopo un mese, il dosaggio viene ridotto nell'ordine inverso..

Le cisti renali si risolvono da sole

La scomparsa delle cisti diagnosticate è possibile senza trattamento e intervento chirurgico. Questa variante dello sviluppo della malattia è molto probabile se le formazioni sono una conseguenza del processo infiammatorio e le loro dimensioni non superano i 2-3 cm.

Previsione

La prognosi per i pazienti dipende dalle dimensioni della formazione, dalla sua posizione e dal rischio di malignità. Sulla base dei risultati delle procedure diagnostiche, viene selezionato un regime di trattamento individuale per ciascun paziente. La probabilità di progressione della crescita del tumore e la comparsa di complicanze dipendono anche dall'esatta osservanza di tutte le raccomandazioni del medico. Una piccola cisti con contenuto sieroso, non soggetto a crescita, è curabile senza conseguenze.

Le cisti maligne possono essere fatali. Questo risultato è molto probabile se la diagnosi non è tempestiva e si osservano metastasi tumorali.

Dipendenza del recupero dalle dimensioni della cisti

Ai pazienti le cui cisti non superano i 5 cm di diametro e non sono accompagnati da cambiamenti nel funzionamento dell'organo viene offerta solo l'osservazione dinamica. A volte scompaiono da soli o non li infastidiscono per tutta la vita.

Con formazioni di dimensioni superiori a 5 cm, è meglio eseguire la rimozione chirurgica, poiché sono possibili complicazioni:

  • Rottura della capsula cistica;
  • Insufficienza renale cronica;
  • Peritonite.

Il rischio di complicanze con le cisti renali è piuttosto alto. Pertanto, quando compaiono segni che indicano una possibile formazione di educazione, è necessario sottoporsi immediatamente a un esame, in base ai risultati del quale il medico prescriverà il trattamento appropriato..