Disfunzione della vescica neurogena: cause, manifestazioni, trattamento

Vescica neurogena - disfunzione della minzione dovuta a una violazione dell'innervazione dei muscoli della vescica.

Questa patologia è inerente agli uomini di 40-60 anni, alle donne di 30-60 anni, ai bambini fino a 11-14 anni. In altri casi, la malattia è meno comune..

Classificazione

La patologia è classificata in base alla gravità: caratterizza il grado di difficoltà nella minzione, nonché la presenza o l'assenza di altre patologie; dalla natura del cambiamento nell'innervazione - il grado di compromissione della funzionalità di nervi e muscoli.

Per gravità

Esistono 3 tipi di vescica neurogena in base alla gravità della malattia:

  1. Leggero (pollachiuria). Appare raramente. I sintomi compaiono quando il corpo è rilassato (durante il sonno).
  2. Media. I sintomi sono periodici. La minzione involontaria non dipende dall'ora del giorno o dallo stato del corpo.
  3. Pesante. Si verifica quando il tratto urinario è danneggiato. Oltre alle manifestazioni anorettali, ci sono anche malfunzionamenti nel tratto gastrointestinale: costipazione, diarrea o dispepsia. Questi disturbi dipendono dall'equilibrio idrico e salino e dall'attività dei batteri, se sono la causa della patologia.

Dalla natura dei cambiamenti nell'innervazione dell'organo

Se il passaggio degli impulsi nervosi è disturbato, i muscoli dell'urea sono in tono costante o rilassati.

Esistono i seguenti tipi di patologia:

  1. Hyperreflex. Causato da disturbi del sistema nervoso centrale. Con la disfunzione iperreflessa, c'è un frequente bisogno di urinare, indipendentemente dalla pienezza della vescica. Durante la veglia, il rischio di minzione è ridotto al minimo. L'importante è misurare la quantità di liquido che si beve con il tempo trascorso dall'ultimo svuotamento. Durante il sonno, si verifica uno svuotamento involontario. Spesso 3-5 volte in 6-8 ore.
  2. Hyporeflex. Con lesioni al midollo spinale. Nessun bisogno di urinare o incapacità di svuotare completamente la vescica. Quando si riempie, si verifica la minzione involontaria. Questo processo non dipende dall'ora del giorno..

Altri criteri di classificazione

Per natura dell'evento:

  • batterica;
  • micotico: la spremitura delle terminazioni nervose si verifica a causa della moltiplicazione di microrganismi fungini;
  • virale, di regola, iporiflesso a causa del blocco degli impulsi nervosi;
  • psicologico: una violazione artificiale dell'innervazione, provocata da fattori esterni che influenzano l'attività stabile del cervello.

Dalla fase di flusso:

  • acuto - iperriflesso;
  • cronico - periodi di esacerbazione e remissione.

Le ragioni

Tutti i motivi possono essere suddivisi in 5 gruppi:

  1. Interruzione del sistema nervoso centrale. Trauma cerebrale; processi infiammatori del sistema nervoso centrale causati da complicanze di meningite, encefalite, diabete mellito; tumori che comprimono le terminazioni nervose - tubercoloma, colesteatoma; degenerazione neuronale - morbo di Alzheimer; ictus; dopo l'operazione.
  2. Danni al sistema nervoso periferico del midollo spinale. Lesione alla colonna vertebrale; osteocondrosi delle regioni toracica e / o lombare; con un decorso reattivo di artrite acuta nella fase iniziale; vasculite reumatoide.
  3. Diminuzione dell'elasticità dell'urea o diminuzione del suo volume. Calcio in eccesso; mancanza di elastina; danno alle vie urinarie superiori a causa di chirurgia endoscopica o diagnostica mediante citoscopio; diminuzione del volume della vescica come complicanza di cistite, pielonefrite o dopo chirurgia a cielo aperto nel sistema genito-urinario.
  4. A causa di lesioni alla nascita o altre anomalie nello sviluppo fetale.
  5. Psicologico e familiare. Ritenzione urinaria artificiale periodica, forti shock nervosi periodici, alcolismo cronico.

Succede che la diagnosi non riesce a determinare la causa. Quindi la diagnosi è "vescica neurogena di eziologia sconosciuta".

Quadro clinico

Le manifestazioni della patologia dipendono dalla natura della disfunzione..

Hyperreflex

Minzione frequente: il numero normale di impulsi è 3-5 durante la veglia e 1-2 durante il sonno. I desideri si avvertono quando la vescica è riempita per più del 66% - 250-300 ml durante la veglia e più dell'80% - 300 ml o più - durante il sonno.

La vescica iperreflessa è caratterizzata da un numero maggiore di impulsi 3-5 volte durante la veglia e durante il sonno: il tratto urinario viene svuotato involontariamente.

L'impulso continua dopo la minzione per 1-3 minuti. Nella fase acuta o durante un'esacerbazione, si avverte dolore da taglio prima e dopo lo svuotamento.

Il desiderio che dura più di 5 minuti provoca mal di testa.

Hyporeflex

Con questa natura di disfunzione, compaiono i seguenti sintomi:

  • nessun bisogno di urinare o sensazione che l'urina non sia vuota;
  • minzione involontaria senza sensazioni inerenti a questo processo;
  • getto intermittente, l'atto è accompagnato da un dolore tagliente;
  • febbre di basso grado, nausea, debolezza con ristagno urinario.

Diagnostica

Prima di tutto, viene raccolta l'anamnesi. I sintomi di una vescica neurogena sono simili alle manifestazioni di cistite, pielonefrite, prostatite, sviluppo del tumore, indipendentemente dalla benignità, ipotermia dell'urea.

La patologia viene diagnosticata con metodi di laboratorio e strumentali. Gli esami di laboratorio comprendono, ed esame visivo strumentale dei tessuti mediante radiazioni magnetiche, ultrasoniche e a raggi X, analisi microscopiche.

Analisi

La prima fase della diagnosi è controllare il sistema genito-urinario per la presenza di malattie infettive e infiammatorie. Per questo, vengono eseguite le seguenti operazioni:

  1. Analisi del sangue generale. Identificazione di indicatori generali per tutto il corpo, corso dei processi infiammatori, presenza di suppurazione, azione di agenti patogeni o parassiti infettivi, livello di zucchero, stato del sistema immunitario.
  2. Analisi del sangue per marker tumorali. Controllo di tumori maligni.
  3. Chimica del sangue. La presenza di macro e microelementi, l'equilibrio ormonale, la presenza di proteine ​​biologicamente attive (AST, globulina).

Inoltre, viene eseguita l'analisi delle urine per tracciare un quadro dei processi che si verificano specificamente nel sistema genito-urinario: un campione secondo Zimnitsky e, se necessario, un'analisi secondo Nechiporenko.

Metodi strumentali

Per stabilire la causa della malattia, vengono utilizzati i seguenti metodi diagnostici:

  1. Ultrasuoni. Determinazione del difetto tissutale. Viene eseguito con disfunzione iporeflessa.
  2. MRI. Registra il passaggio degli impulsi nervosi del sistema nervoso centrale e del sistema periferico dal cervello all'urea.
  3. Uretrocistografia professionale. Consente di visualizzare le dinamiche della minzione.
  4. Urografia a risonanza magnetica. Un'alternativa ai metodi a raggi X per determinare la densità dei tessuti.

Ulteriori esami

Se i metodi diagnostici di laboratorio e strumentali non hanno trovato la causa della patologia o le informazioni durante il loro utilizzo non sono sufficienti per prescrivere una terapia efficace, vengono eseguiti ulteriori esami:

  1. Uroflowmetry. Vengono misurati la velocità del flusso durante la minzione, la durata del processo, la pressione del flusso in tutte le fasi del processo, il rapporto tra la quantità di urina e il liquido bevuto. L'uroflussimetria viene eseguita 3 o più volte durante il giorno, dopo il risveglio, nel mezzo del ciclo di attività, prima di coricarsi.
  2. Cistometria. Misurazione del volume della vescica, in cui si verifica la minzione volontaria, il volume a cui si verifica l'impulso. Una soluzione salina della stessa concentrazione e temperatura dell'urina viene iniettata nell'uretra utilizzando un catetere. Il paziente viene intervistato e le letture del cistometro vengono registrate. Il metodo viene utilizzato per la disfunzione iperriflessa.
  3. Profilometria. Misurazione della rugosità della superficie dell'urea e della superficie interna dell'uretra. La pressione del getto viene misurata in parallelo durante lo svuotamento.
  4. Sfinterometria. Un sensore è inserito nell'uretra, che per 30 minuti legge la pressione degli sfinteri durante la contrazione.

Trattamento

Per il trattamento di una vescica neurogena vengono prescritti terapia farmacologica, fisioterapia, esercizi per i muscoli addominali, psicoterapia, massaggi. Con forti cambiamenti nella disfunzione e in assenza di controindicazioni, viene eseguita la chirurgia.

Trattamento farmacologico

Sono prescritti i seguenti farmaci:

  • farmaci antinfiammatori non steroidei - Diclofenac, Xanthinol, Nimesulide;
  • antibatterico - Ceftriaxone, Cefotaxime, EMSEF-1000, Bicillin, Ofloxacin, Ciprofloxacin;
  • antidepressivi triciclici - Melipramina;
  • alfa-bloccanti - fentolamina;
  • inibitori dell'assorbimento del calcio - Nifedipina;
  • analgesici - Ketanol;
  • antispastici - Euphyllin, Vincamine;
  • stabilizzatori del passaggio degli impulsi nervosi del sistema nervoso centrale - Cerebrolysin.

Trattamento non farmacologico

Parallelamente alla terapia farmacologica, il trattamento urinario è prescritto con rimedi popolari:

  1. Fisioterapia. Per accelerare il passaggio degli impulsi nervosi con lesioni della colonna vertebrale sacrale o per allenare la vescica con neuropatia ipoattiva - magnetoterapia, laser e riflessologia.
  2. Esercizi per allenare gli sfinteri e i muscoli addominali. Fai movimenti con lo sfintere anale. Alza e abbassa le gambe da sdraiato, solleva e abbassa il basso addome, inspirando ed espirando, solleva e abbassa il bacino da sdraiato. Il numero di ripetizioni e approcci è determinato dal medico curante e dal massaggiatore.
  3. Psicoterapia. Il corso è determinato da uno psicologo in base al fattore provocante: paura, bassa autostima, fattori sociali.
  4. Una tecnica basata sul principio del biofeedback. Vengono visualizzate le informazioni sulla pienezza della vescica. Il paziente ha l'opportunità di analizzare i suoi sentimenti e, con l'uso prolungato della tecnica, si sviluppa un riflesso condizionato all'impulso di svuotare.
  5. Rimedi omeopatici. Enuran, Urilan. L'omeopatia è efficace nelle prime fasi della malattia.

Metodi tradizionali

Il complesso del trattamento aggiuntivo è compilato in base al fattore principale di occorrenza:

  1. Se la LUT si verifica a causa di un raffreddore dei muscoli o delle terminazioni nervose, riscaldare 50 g di sale e farina in un contenitore di metallo. Versare in un sacchetto di lino. Applicare uno strato sottile sull'addome inferiore. È impossibile con una vescica ristretta, con suppurazione.
  2. Se il fattore principale è la malattia mentale - 350 g di acqua bollente per 1 cucchiaino. valeriana, camomilla e melissa. Bollire per non più di 1 minuto. Bere 50 g 3-4 volte al giorno. Non con pressione sanguigna bassa, pelle secca, gravidanza, diarrea.
  3. Con regolare ristagno di urina - per 0,5 litri di acqua fredda 4 cucchiai. l. foglia di mirtillo rosso, 2 cucchiai. l. camomilla, 1 cucchiaio. l. piantaggine. Bollire per 3-5 minuti. Bere in 2 dosi. Non ha controindicazioni, ad eccezione delle allergie agli ingredienti.

Intervento chirurgico

Vengono eseguite le seguenti tipologie di operazioni:

  1. Chirurgia plastica della vescica. Può essere eseguito per entrambe le disfunzioni.
  2. Resezione parziale del collo MP. Il paziente può svuotare l'MP premendo leggermente sulla sua parete anteriore.
  3. Incisione dello sfintere. Per aumentare l'area e ridurre la pressione sul detrusore.

Le principali controindicazioni per la chirurgia:

  • malattie infettive;
  • infiammazione;
  • fattori che influenzano il sistema cardiovascolare.

Caratteristiche del trattamento degli uomini

Il trattamento di una vescica neurogena negli uomini ha limitazioni nell'uso di bloccanti adrenergici: l'equilibrio ormonale e l'attività della prostata possono essere disturbati. A causa della lunghezza e del piccolo spessore dell'uretra, ci sono limitazioni nei metodi di cateterizzazione. La resezione del collo o l'incisione del fetrusore possono influire negativamente sulla funzione riproduttiva ed erettile.

Trattamento delle donne

Il trattamento della disfunzione della vescica nelle donne durante la gravidanza implica il divieto di assumere farmaci che influenzano il tono dei muscoli della zona dell'anca, e questo è quasi tutti i farmaci per il trattamento della LUT.

I farmaci omeopatici sono sicuri durante la gravidanza. A causa della complessa organizzazione emotiva, la psicoterapia deve essere somministrata con cautela. Ma questo metodo di trattamento è parte integrante della complessa terapia della LUT nelle donne..

Previsione

Più accurata è la diagnosi, più favorevole è la prognosi di una cura completa. Anche se non è stato possibile trovare la causa della malattia, un trattamento complesso allevierà in modo significativo la condizione.

Ci sono spesso diverse cause di disfunzione. Il trattamento è considerato efficace quando le manifestazioni sintomatiche della malattia sono completamente eliminate. Se la malattia è insorta a causa di traumi o ridotta attività del cervello, il trattamento è considerato efficace se le complicanze sono state prevenute.

Complicazioni

L'accesso tardivo alle cure mediche può portare allo sviluppo delle seguenti patologie:

  • insufficienza renale - ridotta funzione di filtrazione dei reni;
  • nefrosclerosi: porta all'atrofia renale;
  • l'ipertensione arteriosa può provocare infarto o ictus;
  • pielonefrite - infiammazione dei reni, accompagnata da processi purulenti in tutto il corpo e una temperatura elevata di 39,5 e oltre durante il giorno.

Prevenzione

In alcuni casi, non è possibile prevenire traumi, patologie congenite, malattie del sistema muscolo-scheletrico e LUT. Ma nella maggior parte dei casi, puoi prevenire la comparsa di questa patologia..

Per fare questo, è sufficiente mangiare correttamente e in tempo, non raffreddarsi troppo, non abusare di alcol, in base alle caratteristiche del corpo, fare sport, eseguire atti di minzione e defecazione quando se ne presenta la necessità..

Per prevenire qualsiasi malattia della vescica, è necessario bere molti liquidi, ma in piccole porzioni. Le persone inclini all'infiammazione dovrebbero evitare i succhi di frutta acidi. I pazienti con pressione sanguigna bassa vogliono caffè, succo di barbabietola, succo di anguria.

Cos'è la disfunzione neuromuscolare della vescica e può essere curata

Una vescica neurogena è un disturbo urinario causato da una disfunzione del sistema nervoso centrale (SNC). La disfunzione neurogena (NDMP) non è una malattia indipendente. Questo è un complesso di sintomi che indica un danno alle connessioni neuronali delle vie urinarie, che porta a minzione spontanea o frequente.

  1. Quando sospettare la vescica neurogena
  2. Cause comuni di nevrosi urinaria
  3. Classificazione della disfunzione della vescica neurogena
  4. Hyperreflex e hyporeflex
  5. Adattato e non adattato
  6. Altre varietà
  7. Possibili complicazioni
  8. Tecniche di diagnosi dei problemi
  9. Trattamento della vescica neurogena
  10. Droghe
  11. Fisioterapia
  12. Intervento chirurgico
  13. Dieta e stile di vita
  14. Fisioterapia
  15. Psicoterapia
  16. Trattamento con rimedi popolari
  17. UDMP è completamente trattato
  18. Prezzi per il trattamento a Mosca

Quando sospettare la vescica neurogena

Un sintomo caratteristico dell'UDM è la pollachiuria (urgenza persistente) o l'incontinenza quando la vescica si riempie. Una persona deve affrontare la ritenzione urinaria e il suo flusso. Negli uomini, sullo sfondo della disfunzione neurogena, la funzione erettile diminuisce.

Segni di patologia neurogena:

  • viaggi notturni in bagno;
  • spasmo urinario, paralisi, diminuzione della sensibilità;
  • contrazioni incontrollate dello strato muscolare dell'urea, che provocano perdite;
  • bisogno frequente di usare il bagno.
Lo spasmo dello sfintere non consente lo svuotamento completo delle vie urinarie con MP neurogenico.

Il quadro clinico dipende dal livello di danno alle connessioni neurali. Lo spasmo muscolare della vescica provoca un aumento della pressione interna, nonostante la piccola quantità di urina. La debolezza dello sfintere porta ad un aumento della voglia di usare il bagno.

Il bambino potrebbe avere difficoltà ad iniziare o a urinare. Inoltre, negli adulti e nei bambini, i sintomi autonomici si uniscono: aumento della sudorazione, salti della pressione sanguigna, spasmi, dolore. I problemi neurologici provocano la secrezione spontanea di grandi quantità di urina. Questa sindrome è chiamata vescica cerebrale disinibita..

Con un flaccido aumento delle vie urinarie, si osserva ischuria paradossa: perdita di urina con vescica piena e allungamento estremo dello sfintere. Le perdite di urina gocciolano o in piccole porzioni.

Cause comuni di nevrosi urinaria

L'interruzione di qualsiasi fase dell'escrezione di urina porta a patologia neurogena. La disfunzione neuromuscolare della vescica appare a causa di:

  • traumi, danni o interventi chirurgici al cervello o al midollo spinale (accidente cerebrovascolare acuto, fratture vertebrali, rotture, compressione);
  • malattie del sistema nervoso centrale di natura infiammatoria, degenerativa o oncologica: encefalopatia, polineuropatia, neuropatia (post-vaccinazione, alcolica), tubercoloma, encefalomielite;
  • anomalie congenite della colonna vertebrale, del cervello o del midollo spinale, del sistema urinario, lesioni alla nascita.

Classificazione della disfunzione della vescica neurogena

La disfunzione neuromuscolare è suddivisa in base alla specificità del quadro clinico, alla gravità dei sintomi, allo stadio della malattia.

Hyperreflex e hyporeflex

La debolezza della vescica neurogena è divisa in due tipi:

  • per tipo iperreflesso: aumento del tono muscolare urinario;
  • tipo iporiflesso: una diminuzione dell'attività muscolare della vescica.
Inoltre, la patologia può manifestarsi nel funzionamento asincrono dei muscoli della vescica e dello sfintere. Questa sindrome è chiamata dissinergia detrus-sfintere..

Adattato e non adattato

Il rapporto tra il tono del detrusore e il volume dell'urina consente di classificare la malattia in tipi adattati e non inibiti (non adattati). La disfunzione neurogena della vescica urinaria negli adulti è considerata adattata se la pressione all'interno della vescica aumenta in modo uniforme con l'accumulo di urina e non inibita - con spasmi incontrollati dei muscoli urinari con un forte aumento della pressione di 16 cm di colonna d'acqua. o più. In questo caso, il paziente lamenta un frequente bisogno di usare il bagno.

Altre varietà

Con la patologia neurogena, la vescica è dei seguenti tipi:

  • Lento: in questo caso, il suo volume aumenta e la pressione è minima, il tono del detrusore è ridotto. La causa del disturbo è un danno ai nervi periferici o al canale spinale.
  • Spastico: il volume delle urine è normale o leggermente ridotto, le contrazioni muscolari incontrollate sono caratteristiche. Si verifica a causa di danni al midollo spinale o al cervello.

Il tipo misto di patologia neurogenica è caratterizzato da sintomi di una vescica flaccida e spastica. La sua causa sono neoplasie cerebrali, malattie veneree (sifilide), ernie o protrusioni dei dischi intervertebrali, processi degenerativi (sclerosi multipla o amiotrofica).

Possibili complicazioni

A causa di una violazione dell'innervazione, la nutrizione cellulare si deteriora. Ciò porta all'infiammazione dei reni e della vescica. Una complicanza comune della patologia neurogena è la cistite interstiziale, il restringimento della vescica e l'indurimento.

A causa del deterioramento del deflusso di urina, si formano calcoli nel tratto urinario o nei reni e viene aggiunta un'infezione batterica. Un forte spasmo dello sfintere provoca l'urina negli ureteri e nei reni, la loro infiammazione.

Tecniche di diagnosi dei problemi

Per fare una diagnosi di UDMP, avrai bisogno di:

  • superare un test delle urine generale;
  • sottoporsi a un esame ecografico dei reni;
  • calcolare la quantità residua di urina;
  • sottoporsi a cistografia (raggi X), cistoscopia (esame delle membrane interne dell'urea), cistometria (viene esaminata la pressione intravescicale);
  • eseguire un test della creatinina (siero) per valutare la funzionalità renale.

Trattamento della vescica neurogena

La terapia della disfunzione è prescritta da un urologo e un neuropatologo. Ha lo scopo di eliminare le cause ei sintomi sottostanti, nonché il trattamento delle comorbidità. Per questo vengono utilizzati farmaci, fisioterapia e, nei casi più gravi, intervento chirurgico.

Droghe

La forma spastica della disfunzione neurogena si presta meglio alla correzione. Prescrivere farmaci che alleviano il tono muscolare, normalizzano il flusso sanguigno e prevengono la carenza di ossigeno nei tessuti della vescica. Esso:

  • calcioantagonisti - Nifedipina;
  • eliminazione dello spasmo - Propantheline, Hyoscin;
  • antidepressivi - imipramina;
  • bloccanti adrenergici - fentolamina.
Un'innovazione efficace nel trattamento di una vescica neurogena è considerata l'iniezione di tossina botulinica nell'uretere o nella parete urinaria, nonché l'introduzione di una tossina di gomma o capsaicina..

Le vitamine sono indicate come terapia di supporto, così come i prodotti che contengono acido succinico. Questi farmaci hanno un effetto antispasmodico e antinfiammatorio..

La forma iporiflessa è più difficile da correggere. Il regime di trattamento include:

  • farmaci per migliorare la motilità, ridurre le dimensioni dell'urea e il volume dell'urina residua: galantamina, betanecolo cloruro;
  • bloccanti adrenergici - Diazepam, Baclofen;
  • farmaci che eliminano la perdita di urina durante lo stress - Imipramina.

Durante il trattamento, è necessario controllare il volume di urina residua, nonché la nomina di antibiotici (Streptocide) per prevenire l'aggiunta di un'infezione batterica.

Fisioterapia

La terapia non farmacologica per una vescica iperattiva include il cateterismo e la stimolazione della produzione di urina. Nella forma iporeflessa associata a danni al canale spinale, il cateterismo viene eseguito regolarmente.

Per il trattamento della disfunzione neurogena nelle donne e negli uomini sono prescritte applicazioni di calore e psicoterapia. Inoltre mostrato:

  • magnetoterapia;
  • ultrasuoni;
  • elettroforesi con cloruro di calcio;
  • stimolazione urinaria elettrica per eliminare lo spasmo o attivare le contrazioni muscolari.

Intervento chirurgico

Il chirurgo urologico sa come trattare una vescica neurogena se i farmaci e la terapia fisica sono stati inefficaci. L'operazione è una misura estrema necessaria per prevenire gravi complicazioni, così come quando l'installazione di un catetere nella vescica è controindicata.

La chirurgia endoscopica viene eseguita per espandere il collo vescicale, che garantisce lo svuotamento gratuito con il minimo sforzo. Con una forma spastica, il medico incide lo sfintere. L'operazione riduce la produzione di urina e aumenta il volume della vescica.

L'allargamento delle vie urinarie consente la chirurgia plastica dei tessuti con l'installazione di un sistema di drenaggio per la rimozione dell'urina.

La terapia farmacologica e la fisioterapia tempestive riducono al minimo il rischio di complicanze e la necessità di un intervento chirurgico in futuro.

Dieta e stile di vita

La vescica neurogena negli uomini e nelle donne richiede una dieta speciale. Dal menu, dovrai escludere cibi che irritano il corpo o provocano la voglia di urinare. Vietato:

  • ananas, limoni, arance, mandarini;
  • succhi di agrumi;
  • bevande contenenti caffeina (caffè, tè nero, bevande energetiche);
  • cioccolato;
  • dolci, compreso il miele;
  • pomodori;
  • latte, prodotti a base di latte fermentato.

Anche altri alimenti possono irritare la vescica. Pertanto, è importante monitorare i sintomi e monitorare il tuo benessere..

Il rispetto del regime alimentare è importante per la disfunzione neurogena. Il tentativo di ridurre l'assunzione di liquidi per ridurre l'urgenza sarà inefficace. L'assunzione di acqua insufficiente rende l'urina più concentrata, di conseguenza, l'irritazione urinaria diventa più intensa e la voglia di usare il bagno diventa più frequente.

La soluzione migliore è bere almeno 1,5-2 litri di acqua naturale pulita. Ma caffè, tè dolce, alcol, soda, energia dovranno essere esclusi. Il caffè e il tè sono diuretici, l'alcol provoca disidratazione e le bevande energetiche e la soda contengono caffeina, che irrita le mucose..

Fisioterapia

Come terapia sintomatica, vengono prescritti esercizi speciali contemporaneamente all'assunzione di farmaci. Rafforzano i muscoli della parete addominale, ripristinano l'elasticità del detrusore. Un esempio sono gli esercizi di Kegel, indicati anche durante il trattamento o per la prevenzione di malattie del sistema genito-urinario. Molto spesso raccomandano:

  • tensione alternata lenta e rilassamento dei muscoli pelvici (entro 2-3 secondi);
  • esecuzione accelerata dell'esercizio precedente;
  • "Spingendo in fuori" che coinvolge i muscoli del peritoneo.
Il numero di ripetizioni aumenta lentamente. Si consiglia di iniziare da 7-8 volte, aumentando gradualmente fino a 30-40. Affinché le lezioni siano efficaci, gli esercizi dovrebbero essere eseguiti ogni giorno..

Psicoterapia

Cambiare le tue abitudini comportamentali può aiutarti a curare la tua vescica iperreflessa. Le persone con UDMD hanno modelli comportamentali specifici. Diventano dipendenti dal bagno, si rifiutano di viaggiare, attività all'aperto, senza fallo prima di lasciare l'appartamento o l'ufficio visitare il bagno.

Lavorare con uno psicologo clinico ripristina il controllo sulla somministrazione degli impulsi naturali, riduce la frequenza della minzione. Si consiglia di fare un programma di visita al bagno, che viene rivisto settimanalmente, e il tempo tra la minzione aumenta gradualmente.

Intervento cognitivo-comportamentale: buon allenamento della vescica e ripristino del controllo perso sui processi fisiologici del corpo.

Trattamento con rimedi popolari

È impossibile curare la disfunzione neurogena esclusivamente con le ricette dei guaritori tradizionali. Ma tale terapia, in combinazione con farmaci e fisioterapia, allevia i sintomi spiacevoli e accelera il recupero..

Esempi di rimedi popolari per NDMP:

  • Sciacquare il miglio (100 g) sotto l'acqua corrente, aggiungere mezzo litro di acqua pulita, lasciare agire per 40 minuti. Bere un bicchiere tre volte al giorno, agitando bene prima dell'uso. L'infusione allevia il dolore, migliora la produzione di urina.
  • 2 cucchiai gli stimmi di mais essiccati vengono cotti a vapore con un litro di acqua bollente, fatti bollire per mezz'ora. Lasciar raffreddare, bere 3-4 volte al giorno a stomaco vuoto.
  • 150 g di semi di zucca non sbucciati vengono macinati con un frullatore. Cuocere a vapore 1 litro di acqua bollente, insistere per un'ora. Dopo il raffreddamento, il brodo finito dovrebbe essere bevuto durante il giorno..

UDMP è completamente trattato

La prognosi della terapia è positiva se viene rilevata una disfunzione neurogena prima dell'aggiunta di un'infezione batterica o di un processo infiammatorio nei reni. Con UDMP, una persona esegue un test delle urine ogni 3 mesi, controlla la regolarità dello svuotamento della vescica. È necessario sottoporsi a un'ecografia di urea e reni 1-2 volte l'anno.

Prezzi per il trattamento a Mosca

Il costo della terapia di patologia neurogena dipende dalla clinica e dalle qualifiche dell'urologo. Media:

  • l'esame ecografico costerà 250-400 rubli;
  • visita a un neurologo - 500 rubli e superiore;
  • appuntamento principale con un urologo - 200-350 rubli;
  • ricevimento di un medico generico (terapista) - da 600 rubli;
  • cistoscopia - da 3000 rubli;
  • encefalografia - 600-800 rubli;
  • uroflussometria - 350-500 rubli.

La patologia urinaria neurogena è provocata da disturbi nella trasmissione degli impulsi neurali dal cervello o dal midollo spinale. Puoi sospettare la malattia dalla frequente voglia di usare il bagno, perdite di urina o il suo ritardo. Il pericolo della malattia è nelle sue complicazioni sui reni. Il trattamento tempestivo consente di eliminare completamente la patologia.

Vescica neurogena

La vescica neurogena è una disfunzione della vescica causata da patologie congenite o acquisite del sistema nervoso. A seconda dello stato del detrusore, il tipo di patologia iper e iporiflessa è differenziato. La malattia può manifestarsi con pollachiuria, incontinenza urinaria o sua ritenzione patologica. La diagnosi della sindrome consiste in un esame neurologico e urologico completo (analisi, urografia, ecografia dei reni e della vescica, uroflorometria, cistografia e cistoscopia, sfinterometria, radiografia e risonanza magnetica della colonna vertebrale, risonanza magnetica del cervello, ecc.). Il trattamento può includere terapia non farmacologica e farmacologica, cateterismo vescicale, chirurgia.

  • Le ragioni
  • Classificazione
  • Sintomi
  • Complicazioni
  • Diagnostica
  • Trattamento della vescica neurogena
  • Prezzi del trattamento

Informazione Generale

Una vescica neurogena è una condizione abbastanza comune nell'urologia clinica associata all'impossibilità di accumulo volontario di riflessi ed escrezione di urina a causa di danni organici e funzionali ai centri nervosi e alle vie che regolano questo processo. I disturbi della minzione hanno un aspetto sociale, poiché possono limitare l'attività fisica e mentale di una persona, creare un problema del suo adattamento sociale nella società.

La patologia è spesso accompagnata da sindrome miofasciale, sindrome da congestione venosa pelvica (stasi venosa). In oltre il 30% dei casi, si osserva lo sviluppo di alterazioni infiammatorie e distrofiche secondarie nel sistema urinario: reflusso vescico-ureterale, cistite cronica, pielonefrite e ureteroidronefrosi, che portano a ipertensione arteriosa, nefrosclerosi e insufficienza renale cronica, che possono minacciare la disabilità precoce.

Le ragioni

Un fallimento che si verifica in qualsiasi fase della complessa regolazione multi-livello del processo di minzione può portare allo sviluppo di una delle tante varianti cliniche di una vescica neurogena. Negli adulti, la sindrome è associata a danni al cervello e al midollo spinale (con ictus, compressione, chirurgia, frattura spinale), nonché a malattie infiammatorie-degenerative e neoplastiche del sistema nervoso: encefalite, encefalomielite disseminata, polineuropatia, poliradicoloneurite, tuberosteatomoma e tubercolosi, tubercolosi. d.

Una vescica neurogena nei bambini può manifestarsi con difetti congeniti nello sviluppo del sistema nervoso centrale, della colonna vertebrale e degli organi urinari, dopo una lesione alla nascita. L'incontinenza urinaria può essere causata da una diminuzione della compliance e della capacità della vescica dovuta a cistite o malattie neurologiche.

Classificazione

Allocare una vescica neurogena iperreflessa, che si manifesta nella fase di accumulo da detrusore iperattivo (con lesioni soprasegmentali del sistema nervoso) e iporeflessa - con ridotta attività detrusoriale in fase di escrezione (con danno all'apparato segmentario-periferico di regolazione della minzione). La sindrome può essere basata sulla desincronizzazione del detrusore e dello sfintere della vescica (dissinergia detrusore-sfintere interna ed esterna).

Sintomi

La sindrome della vescica neurogena può avere manifestazioni permanenti, periodiche o episodiche e la varietà delle sue varianti cliniche è determinata dalla differenza nel livello, natura, gravità e stadio del danno al sistema nervoso. La pollachiuria, inclusa la nicturia, l'urgenza e l'incontinenza urinaria, sono tipiche della patologia iperattiva. La predominanza del tono detrusore porta ad un aumento significativo della pressione intravescicale con una piccola quantità di urina, che, con sfinteri deboli, provoca urgenza e minzione frequente.

Il tipo di sindrome iperattivo è caratterizzato da uno stato spastico e svuotamento con un accumulo inferiore a 250 ml di urina; l'assenza o il piccolo volume di urina residua, la difficoltà nell'insorgenza volontaria e l'atto stesso della minzione; la comparsa di sintomi autonomici (sudorazione, aumento della pressione sanguigna, aumento della spasticità) prima della miczione in assenza di urgenza; la capacità di provocare la minzione per irritazione della zona della coscia e sopra il pube. In presenza di una serie di disturbi neurologici, può verificarsi un flusso rapido incontrollato di un grande volume di urina - "vescica cerebrale senza ostacoli".

La predominanza relativa del tono dello sfintere nella dissinergia detrusore-sfintere è espressa dalla completa ritenzione urinaria, dalla minzione durante lo sforzo e dalla presenza di urina residua. Una vescica neurogena ipoattiva si manifesta con una diminuzione o assenza di attività contrattile e svuotamento con una vescica piena e anche traboccante in fase di escrezione.

A causa dell'ipotensione detrusoriale, non vi è alcun aumento della pressione intravescicale necessaria per superare la resistenza dello sfintere, che porta a ritenzione completa o minzione lenta, tensione durante la miczione, presenza di un grande volume (fino a 400 ml) di urina residua e una sensazione di pienezza della vescica. Con una vescica ipotonica dilatata, è possibile l'incontinenza urinaria (ischuria paradossa), quando il trabocco dell'organo porta allo stiramento meccanico dello sfintere interno e all'escrezione incontrollata di urina in gocce o piccole porzioni verso l'esterno.

Complicazioni

La denervazione provoca lo sviluppo di disturbi trofici pronunciati e complicazioni sotto forma di cistite interstiziale, che portano alla sclerosi e alle rughe della vescica. Nel tratto urinario possono formarsi calcoli che interferiscono con il flusso di urina, provocando lo sviluppo di infezioni. In caso di spasmo dello sfintere, può verificarsi reflusso vescico-ureterale (riflusso dell'urina negli ureteri e nei reni, con conseguente infiammazione). La sindrome è spesso accompagnata da disturbi nevrotici funzionali, che possono successivamente diventare definitivi.

Diagnostica

Per la diagnosi è necessario condurre un'accurata raccolta dell'anamnesi, esame di laboratorio e strumentale. In un'indagine sui genitori di un bambino con una vescica neurogena, scoprono come è proceduto il parto, se esiste una predisposizione ereditaria alla malattia. Per escludere malattie infiammatorie del sistema urinario, viene eseguito un esame del sangue e delle urine - un generale, secondo Nechiporenko, un test funzionale di Zimnitsky, uno studio biochimico di urina e sangue.

I principali metodi di diagnostica strumentale della sindrome sono l'ecografia dei reni e della vescica urinaria, la cistoscopia, la risonanza magnetica, l'esame a raggi X delle vie urinarie (uretrocistografia convenzionale ed escretoria, urografia escretoria, pielografia ascendente, renografia radioisotopica), studi urodinamici (cistometria, sfinterometria), uretroometria.

In assenza di malattie del sistema urinario, viene eseguito un esame neurologico per rilevare la patologia del cervello e del midollo spinale mediante elettroencefalografia, TC, risonanza magnetica, radiografia del cranio e della colonna vertebrale. Viene eseguita la diagnostica differenziale con ipertrofia prostatica e incontinenza urinaria da stress negli anziani. Se è impossibile stabilire la causa della malattia, si parla di una vescica neurogena con un'eziologia poco chiara (idiopatica).

Trattamento della vescica neurogena

La terapia viene eseguita congiuntamente da un urologo e un neurologo; il suo piano dipende dalla causa accertata, dal tipo, dalla gravità della disfunzione della vescica, dalla patologia concomitante (complicanze) e dall'efficacia del trattamento precedente. Applica trattamenti non farmacologici, medici e chirurgici, iniziando con trattamenti meno traumatici e più sicuri.

La variante iperattiva risponde meglio al trattamento. Vengono utilizzati farmaci che riducono il tono dei muscoli della vescica urinaria, attivano la circolazione degli organi ed eliminano l'ipossia: farmaci anticolinergici (ioscina, propantelina, ossibutinina), antidepressivi triciclici (imipramina), calcioantagonisti (nifedipina), bloccanti alfa-adrenergici) (fibenentolaminza).

Recentemente, l'uso di iniezioni di tossina botulinica nella parete della vescica o dell'uretra, la somministrazione intravescicale di capsaicina e resinferatossina sono considerati abbastanza promettenti nel trattamento dell'iperreflessia, della dissenergia detrusore-sfintere e dell'ostruzione dello sbocco vescicale. Inoltre, vengono prescritti farmaci a base di acido succinico, L-carnitina, acido hopantenico, acido N-nicotinoil-gamma-amminobutirrico, forme coenzimatiche di vitamine con effetti antiipossici e antiossidanti.

Parallelamente, vengono utilizzati metodi non farmacologici per il trattamento della vescica neurogena: fisioterapia (esercizi speciali per i muscoli pelvici), fisioterapia (stimolazione elettrica, terapia laser, ossigenazione iperbarica, terapia diadinamica, applicazioni di calore, ultrasuoni), allenamento della vescica, normalizzazione del bere e dei modelli di sonno, psicoterapia.

La variante ipoattiva della malattia è più difficile da trattare. La congestione esistente nella vescica crea il rischio di infezione, lo sviluppo di lesioni secondarie del sistema urinario. Nel trattamento della sindrome neurogena con segni di ipotensione, è importante garantire uno svuotamento regolare e completo della vescica (con l'ausilio di minzione forzata, compressione esterna (ricezione di Crede), metodi fisioterapici, allenamento dei muscoli della vescica e del pavimento pelvico, cateterismo periodico o permanente).

I colinomimetici indiretti e M (cloruro di betanecolo, bromuro di distigmina, aceclidina, galantamina) sono usati come terapia farmacologica, che migliorano la motilità della vescica, riducono il suo volume effettivo e la quantità di urina residua. Gli alfa-bloccanti vengono prescritti individualmente (fenossibenzamina - per dissinergia detrusore-sfintere interna, diazepam e baclofen - per dissinergia detrusore-sfintere esterna), alfa-simpaticomimetici (midodrina e imipramina - in caso di incontinenza urinaria da stress).

Durante la terapia farmacologica di una vescica neurogena per la prevenzione delle infezioni urinarie, è necessario controllare la quantità di urina residua e assumere farmaci antibatterici (nitrofurani, sulfonamidi), soprattutto nei pazienti con reflusso vescico-ureterale.

L'intervento chirurgico endoscopico in caso di ipotensione d'organo consiste nella resezione transuretrale a forma di imbuto del collo vescicale, che successivamente prevede la possibilità di svuotamento mediante debole pressione dall'esterno. Nella variante iperreflessa (con spasticità del pavimento pelvico e dissinergia detrusore-sfintere), viene praticata un'incisione dello sfintere esterno, che riduce la pressione urinaria e, successivamente, l'iperreattività del detrusore, aumentando la capacità della vescica.

È anche possibile allargare la vescica operativamente (utilizzando plastica tissutale), eliminare il reflusso vescico-ureterale e installare un drenaggio cistostomico per svuotare la vescica. Il trattamento patogenetico della sindrome della vescica neurogena può ridurre il rischio di danni alle vie urinarie e la necessità di un intervento chirurgico futuro.

Vescica neurogena

dermatovenerologo / Esperienza: 44 anni


Data di pubblicazione: 2019-03-27

urologo / Esperienza: 27 anni

Il termine "vescica neurogena" si riferisce alla disfunzione della vescica, che appare dovuta a malformazioni acquisite o congenite del sistema nervoso. Esistono due tipi di questa malattia: iporiflesso e iperriflesso, ciascuno dei quali è determinato dallo stato del detrusore. Una vescica neurogena, i cui sintomi danno ai pazienti molti disagi, viene diagnosticata attraverso un intero elenco di esami medici. Prima di tutto, viene prescritta una gamma completa di esami neurologici e urologici. Il trattamento di una vescica neurogena viene effettuato mediante terapia farmacologica e non farmacologica, a volte ricorrono alla cateterizzazione della vescica, in alcuni casi è necessario un intervento chirurgico.

Tale disfunzione si verifica abbastanza spesso, si manifesta in assenza della possibilità di accumulo di riflesso volontario, nonché di escrezione di urina, provocata da lesioni funzionali e organiche delle vie nervose, centri responsabili del controllo di questi processi.

Una vescica neurogena, le cui cause della malattia non sono sempre chiare, è caratterizzata da disturbi che costringono una persona ad abbandonare molte manifestazioni di attività sociale e gioie della vita, interrompendo il suo rapporto con la società.

Spesso sullo sfondo di questa sindrome, c'è anche una sindrome da stasi venosa nella parte pelvica, sindrome miofasciale. Spesso, insieme ad esso, compaiono vari cambiamenti nel sistema urinario di natura distrofica o infiammatoria. Ad esempio, pielonefrite, ureteroidronefrosi, reflusso vescico-ureterale, che provocano malattie gravi come insufficienza renale cronica, ipertensione arteriosa, nefrosclerosi.

Cause della sindrome della vescica neurogena

La causa di una vescica neurogena è spesso un fallimento che si verifica a uno dei tanti livelli di regolazione del processo urinario. Nella popolazione adulta, entrambe le varianti di questa sindrome si presentano spesso a seguito di lesioni del midollo spinale e cerebrali causate da ictus, intervento chirurgico, compressione o frattura spinale. Può anche essere causato da malattie del sistema nervoso, principalmente di natura infiammatorio-degenerativa, tumori, ad esempio, tubercoloma, polineuropatia di post-vaccinazione, origine diabetica o tossica, colesteatoma, encefalomielite disseminata ed encefalite, poliradicoloneurite.

La vescica neurogena è comune nei bambini. La sindrome può essere una conseguenza di traumi alla nascita o disturbi congeniti negli organi urinari, problemi congeniti al sistema nervoso centrale. Dopo aver sofferto di malattie neurologiche, così come la cistite, l'elasticità della vescica può diminuire, la sua capacità può diminuire, il che provoca incontinenza urinaria nella sindrome della vescica neurogena.

Sintomi di una vescica neurogenica

La minzione frequente del solito è considerata un sintomo comune dell'iperreflessia del detrusore, che si verifica con lesioni localizzate sopra il centro della minzione. C'è anche stranguria (minzione frequente e difficile, che causa dolore), incontinenza urinaria imperativa. Non esiste un sistema ben consolidato nella manifestazione dei segni di una vescica neurogena. Questo fatto colpisce soprattutto l'attività sociale dei pazienti che sono imbarazzati quando si verificano e temono che i sintomi appaiano nel momento più inopportuno..

Tali sintomi sono una manifestazione della perdita o diminuzione del controllo volontario sulla minzione, nonché dell'estinzione della funzione adattativa del detrusore. Di conseguenza, il volume richiesto di urina non può accumularsi nella vescica, mentre rimane un atto urinario indipendente.

Se la lesione cade nell'area sopra l'osso sacro, si verifica iperreflessia detrusoriale e talvolta incontinenza urinaria imperativa (ad esempio, con disturbi cerebrali). Una caratteristica delle lesioni spinali è che sono colpite le vie reticolo-spinali, che giocano un ruolo nell'integrazione sinergica dell'attività del detrusore, così come lo sfintere uretrale. Pertanto, c'è una contrazione involontaria del detrusore e una contrazione dello sfintere uretrale. In questo caso, la minzione viene ritardata, la pressione all'interno della vescica aumenta.

Con tali lesioni del midollo spinale si verifica minzione frequente, c'è anche minzione imperativa e talvolta incontinenza urinaria imperativa e spesso si osserva stranguria. Anche la minzione intermittente a intervalli è un sintomo popolare. Quando il getto viene interrotto, il dolore si verifica nel perineo e nell'addome inferiore. In una tale situazione, la vescica non viene svuotata completamente e l'urina residua può portare a varie infiammazioni nella vescica e nel tratto urinario. Nel caso di tali lesioni, lo sfintere striato non si rilassa al 100%, può verificarsi la sua paralisi, che porterà all'incontinenza urinaria dello sfintere.

Se la lesione si verifica direttamente nella regione dell'osso sacro, l'estinzione della contrazione riflessa si sviluppa il detrusore e anche lo sfintere uretrale striato perde la capacità di contrarsi. In tali situazioni, la voglia di urinare di una persona può scomparire. Se, in assenza di urgenza, il paziente non esegue lo svuotamento forzato regolare della vescica, questa trabocca e si verifica l'incontinenza urinaria. Inoltre, come opzione, si può osservare difficoltà nel processo di minzione, può passare sotto forma di un flusso sottile, mentre la vescica non si svuota completamente. In caso di lesioni sacrali, una vescica neurogena, che non è stata trattata in tempo, può causare varie malattie e disturbi, come reflusso vescico-ureterale, insufficienza renale cronica, pielonefrite, ecc..

Disturbi gravi si verificano con qualsiasi denervazione della vescica. La malattia è spesso associata alla cistite, che causa la sclerosi della vescica e la sua microcisti (rughe). In caso di una tale complicanza, è spesso necessario ricorrere ad un aumento delle dimensioni della vescica mediante intervento chirurgico.

Diagnostica della vescica neurogena

La vescica neurogena, i cui sintomi sono molto vari e complessi, è difficile da diagnosticare. In questo caso, per eseguire il trattamento corretto, è necessario non solo fare una diagnosi, ma anche chiarire la patogenesi della malattia, per chiarire esattamente quali cambiamenti si sono verificati in quali organi e sistemi.

Prima di tutto, lo specialista analizza attentamente la storia del paziente. Questo aiuta a scoprire la natura dei disturbi della minzione, per determinare se ci sono altri sintomi: malessere generale, sete, disturbi visivi e disturbi intestinali. È anche necessario chiarire le informazioni sulla dinamica dei disturbi urinari. La diagnosi sarà semplificata dai dati sulle malattie del sistema nervoso, in particolare quelle accompagnate da paralisi del tronco inferiore, presenza di traumi cranici, colonna vertebrale, ernie spinali.

Alla reception, il medico esamina il paziente, valutando il suo aspetto. Ad esempio, a volte c'è una mancanza di fiducia nell'andatura, una persona ondeggia da un lato all'altro (si chiama "anatra"). Inoltre, lo specialista conduce uno studio sui riflessi e sulla sensibilità. L'esame visivo e la palpazione consentono di rivelare la presenza di fistole del canale sacrale, ernie spinali, sottosviluppo del coccige o del sacro e altri difetti. Problemi con i processi di minzione e defecazione possono emanare un odore, una macchia sulla biancheria intima, l'ipertrofia del prepuzio. È anche importante valutare le condizioni della vescica (distensione), controllare il dolore renale, determinare la presenza o l'assenza di atonia sfinterica.

Tra i test di laboratorio, un test delle urine generale, un'analisi secondo Nechiporenko, un campione secondo Zimnitsky sono considerati obbligatori. Inoltre, viene prescritto un esame del sangue generale (aiuta a identificare l'anemia), vari esami del sangue biochimici, che consentono di identificare le interruzioni nel metabolismo degli elettroliti che si verificano nell'insufficienza renale cronica, condurre test di clearance.

Un aspetto importante nella diagnosi della sindrome sono gli esami radiografici:

  • Radiografia normale (consente di valutare la dimensione dei contorni dei reni e della vescica, per rivelare la scissione del canale spinale nella regione lombosacrale, sottosviluppo del coccige, sacro, per confermare la presenza o l'assenza di ernie spinali e varie deformità).
  • Uretrocistografia professionale e convenzionale (consente di determinare lo spostamento della vescica, restringimento o allargamento dell'uretra, falsi diverticoli, reflusso vescico-ureterale-pelvico e altri disturbi).
  • Urografia escretoria (consente di notare un cambiamento nelle dimensioni del sistema pielocaliceale, per valutare l'attività dei reni).
  • Pielografia ascendente (usata raramente).
  • Renografia radioisotopica (valutazione della condizione e del funzionamento dei reni).

Conducono anche ecografie, vari studi urodinamici (cistometria, uroflussometria, sfinterometria, profilometria).

Una vescica neurogena, le cui cause, nonostante le ricerche effettuate, sono rimaste sconosciute, si chiama idiopatica.

Trattamento della vescica neurogena

Dopo la diagnosi di vescica neurogena, il neurologo e l'urologo trattano contemporaneamente. La terapia dipende dal livello di compromissione, dalla presenza di complicanze, malattie sottostanti, nonché dalla durata della disfunzione e dai risultati del trattamento precedente.

La malattia prevede terapia farmacologica, non farmacologica, chirurgia. Il trattamento inizia con i metodi più delicati.

Se parliamo dei tipi di disfunzione, l'opzione iperattiva è trattata meglio. I farmaci di solito aiutano ad alleviare la tensione nei muscoli della vescica e migliorare la circolazione locale. Gli antidepressivi triciclici più comunemente prescritti (ad esempio, melipramina), vari alfa-bloccanti, nifedipina come calcio antagonista e anticolinergici ("Propantelina", "Buscopan", "Ossibutinina").

I metodi di trattamento non farmacologici comprendono la terapia fisica per allenare i muscoli pelvici, la stabilizzazione del regime alimentare e della routine quotidiana, la fisioterapia, i metodi psicoterapeutici.

Il tipo di disfunzione ipoattiva è associato al rischio di varie infezioni. Durante il trattamento, è necessario svuotare regolarmente la vescica con la forza, a volte ricorrendo al cateterismo. Tra i farmaci sono efficaci vari colinomimetici, che migliorano la motilità della vescica, riducendo il volume di urina residua. Sono necessari alfa-simpaticomimetici, alfa-bloccanti. È obbligatorio assumere farmaci antibatterici..

Con l'ipotensione della vescica neurogena, spesso è necessario un intervento chirurgico. Ad esempio, viene eseguita una resezione transuretrale a forma di imbuto del collo della vescica, che consentirà di eliminare il contenuto della vescica premendo su di essa. Nel caso di una vescica neurogena iperattiva, viene praticata un'incisione dello sfintere esterno, a causa di ciò la pressione diminuisce e nel tempo viene corretta la funzione del detrusore.

In questa sindrome, la vescica viene anche ingrandita chirurgicamente utilizzando la chirurgia plastica dei tessuti, viene eliminato il reflusso vescico-ureterale, viene installato il drenaggio della cistostomia, che garantisce lo svuotamento della vescica..

Per prevenire l'insorgenza della sindrome, gli esperti raccomandano di monitorare la frequenza della minzione, la frequenza degli impulsi e l'intensità del flusso durante la minzione. In caso di minimi disturbi, oltre alla comparsa di una sensazione che la vescica non sia completamente svuotata, è necessario fissare un appuntamento con un urologo e un neurologo. Tali eventi aiuteranno a identificare lo sviluppo della sindrome in una fase precoce, per evitare l'intervento chirurgico.