Metronidazolo

Istruzioni per l'uso:

Prezzi nelle farmacie online:

Il metronidazolo è un farmaco sintetico antibatterico e antiprotozoico efficace con un ampio spettro d'azione.

effetto farmacologico

Il principio attivo metronidazolo ha un effetto antimicrobico e antiprotozoico contro:

  • Peptococcus niger.;
  • Bacteroides spp., Compresi Bacteroides distasonis, Bacteroides thetaiotaomicron, Bacteroides fragilis, Fusobacterium spp., Bacteroides ovatus, Bacteroides vulgatus;
  • Entamoeba histolytica;
  • Clostridium spp.;
  • Trichomonas vaginalis;
  • Eubacterium spp.;
  • Peptostreptococcus spp;

Il metronidazolo in combinazione con amoxicillina è efficace anche contro Helicobacter pylori.

Secondo le istruzioni, il metronidazolo provoca sensibilizzazione all'alcol, aumenta la sensibilità dei tumori alle radiazioni e stimola i processi riparativi.

Modulo per il rilascio

Il metronidazolo è disponibile in varie forme di dosaggio:

  • Compresse bianche cilindriche piatte Metronidazolo, 250 mg di principio attivo, 20 pezzi in lattina, 10 pezzi in un blister;
  • Supposte Metronidazolo contenente 0,1 g del farmaco in ciascuna supposta. 10 candele per confezione;
  • Una soluzione trasparente giallastra per infusione in flaconi di polietilene contenenti 500 mg di ingrediente attivo;
  • Gel vaginale incolore all'1%. 100 g di Metronidazole gel contengono 1 g di ingrediente attivo. In tubetti di alluminio da 30 g, completi di applicatore.

Indicazioni per l'uso del metronidazolo

Secondo le istruzioni, il metronidazolo è usato per trattare:

  • Infezioni causate da specie Bacteroides - della cavità addominale, comprese peritonite e ascesso del fegato, organi pelvici, comprese endomiometrite, endometrite, infezioni della volta vaginale dopo l'intervento chirurgico, ascesso delle tube di Falloppio e delle ovaie, nonché infezioni dei tessuti molli e della pelle;
  • Infezioni causate da specie Bacteroides e Clostridium - sepsi;
  • Gastrite o ulcere duodenali causate da Helicobacter pylori;
  • Infezioni da protozoi - amebiasi intestinale, balantidiasi, amebiasi extraintestinale, tricomoniasi, compreso ascesso epatico amebico, vaginite da Trichomonas, giardiasi, leishmaniosi cutanea, uretrite da Trichomonas;
  • Infezioni causate da Bacteroides spp., Compresi B. distasonis, B. fragilis, B. vulgalus B. ovatus, B. thetaiotaomicron - infezioni delle articolazioni, delle ossa, del sistema nervoso centrale, inclusi ascesso cerebrale e meningite, nonché polmonite, endocardite batterica, empiema e ascesso polmonare;
  • Alcolismo;
  • Colite pseudomembranosa associata all'uso di antibiotici.

Anche il metronidazolo viene utilizzato secondo le istruzioni:

  • Per la prevenzione delle complicanze postoperatorie nella regione peri-rettale e del colon, operazioni ginecologiche e appendicectomia;
  • Per radioterapia in oncologia, come agente radiosensibilizzante.

Supposte Il metronidazolo è utilizzato per la tricomoniasi urogenitale e la vaginite batterica, che causano microrganismi sensibili al farmaco.

Controindicazioni

Secondo le istruzioni, il metronidazolo è controindicato per l'uso con:

  • Lesioni organiche del sistema nervoso centrale, inclusa l'epilessia;
  • Leucopenia, incl. nell'anamnesi;
  • Insufficienza epatica se vengono somministrate dosi elevate.

L'assunzione di metronidazolo è controindicata in caso di ipersensibilità ai componenti del farmaco, così come nel primo trimestre di gravidanza e allattamento.

Il metronidazolo viene prescritto con cautela nel secondo e terzo trimestre di gravidanza, nonché in caso di insufficienza renale o epatica.

Istruzioni per l'uso del metronidazolo

Secondo la descrizione, le compresse di metronidazolo vengono assunte dopo i pasti. Il dosaggio e la durata del trattamento dipendono dalla malattia:

  • Con tricomoniasi - due volte al giorno, 2 compresse di metronidazolo per 10 giorni. Inoltre, durante il trattamento, è necessario applicare supposte di metronidazolo per via intravaginale, 2 supposte due volte al giorno - la sera e la mattina. In questo caso, si consiglia di iniziare la terapia con supposte Metronidazolo all'inizio del ciclo mestruale e, durante questo periodo, evitare di lavarsi. Se necessario, il corso del trattamento per la tricomoniasi può essere ripetuto in un mese. Il dosaggio del farmaco per i bambini dipende dall'età - a 2-5 anni, vengono prescritti 250 mg al giorno, a 5-10 anni - fino a 375 mg, più anziani - fino a 500 mg al giorno;
  • Con la giardiasi, il metronidazolo viene utilizzato per 5-7 giorni due volte al giorno, 2 compresse;
  • Se viene rilevata una cisti nell'amebiasi asintomatica - entro 5-7 giorni, 2 compresse di metronidazolo fino a 3 volte al giorno;
  • Nell'amebiasi cronica, la dose giornaliera di metronidazolo è di 1,5 g, che può essere suddivisa in tre dosi. Assumere entro 5-10 giorni;
  • Nella dissenteria amebica acuta - fino alla scomparsa dei sintomi, assumere 2,25 g, suddivisi in 3 dosi;
  • In caso di ascesso epatico in combinazione con antibiotici del gruppo delle tetracicline e altri metodi di terapia - entro 3-5 giorni un massimo di 2,5 g di metronidazolo;
  • Con balantidiasi - 750 mg 3 volte al giorno per 5-6 giorni;
  • Per la stomatite ulcerosa - 2 compresse di metronidazolo due volte al giorno, fino a 5 giorni;
  • Per il trattamento dell'alcolismo cronico, assumere 2 compresse di metronidazolo al giorno per un massimo di sei mesi.

La dose giornaliera in caso di grave insufficienza renale deve essere dimezzata.

Se è impossibile utilizzare il metronidazolo all'interno, così come in caso di infezione grave, il farmaco viene utilizzato per via endovenosa.

La dose abituale è di 500 mg, ma non più di 4 g al giorno. Con l'inizio del miglioramento, passare alla somministrazione orale del farmaco.

Effetti collaterali del metronidazolo

Secondo le recensioni, il metronidazolo può causare i seguenti effetti collaterali:

  • Diarrea, anoressia, costipazione, nausea, glossite, secchezza delle fauci, vomito, sapore metallico in bocca, pancreatite;
  • Cistite, disuria, incontinenza urinaria, poliuria, candidosi, colorazione delle urine rosso-marrone;
  • Vertigini e ridotta coordinazione dei movimenti, confusione, irritabilità, depressione, allucinazioni, aumento dell'eccitabilità;
  • Orticaria, febbre, eruzione cutanea, arrossamento della pelle, congestione nasale, artralgia;
  • Neutropenia e leucopenia.

Il metronidazolo è descritto come la causa più comune di insonnia, mal di testa e debolezza.

Coliche intestinali, stomatiti, convulsioni, atassia e febbre Il metronidazolo, secondo le recensioni, causa molto meno spesso.

È necessario prestare attenzione con l'uso simultaneo del metronidazolo con altri farmaci a causa della possibilità di effetti collaterali indesiderati. Durante la terapia con metronidazolo, secondo le revisioni, non è raccomandato l'uso di alcol a causa della possibilità di sviluppare sintomi neurologici e comparsa di dolore addominale di natura spastica, vomito e nausea.

Condizioni di archiviazione

Il farmaco viene dispensato solo su prescrizione medica. Periodo di validità di compresse e supposte Metronidazolo - 2 anni.

Metronidazolo (Metronidazolo)

Nome russo

Nome latino della sostanza Metronidazolo

Nome chimico

Formula lorda

Gruppo farmacologico della sostanza Metronidazolo

  • Altri agenti antibatterici sintetici

Classificazione nosologica (ICD-10)

  • A06.0 Dissenteria amebica acuta
  • A06.4 Ascesso epatico amebico
  • A06.8 Infezione amebica di un altro sito
  • A07.0 Balantidiasi
  • A07.1 Giardiasi [giardiosi]
  • A41.9 Setticemia, non specificata
  • A59 Tricomoniasi
  • A59.0 Tricomoniasi urogenitale
  • B55.1 Leishmaniosi cutanea
  • E14.5 Ulcera diabetica
  • G00.8 Meningite dovuta ad altri batteri
  • G06 Ascesso e granuloma intracranico e intravertebrale
  • I33.0 Endocardite infettiva acuta e subacuta
  • I83.0 Vene varicose degli arti inferiori con ulcera
  • I84 Emorroidi
  • Polmonite J18 senza specificare l'agente causativo
  • J22 Infezione respiratoria acuta del tratto respiratorio inferiore, non specificata
  • J32.0 Sinusite mascellare cronica
  • J85 Ascesso del polmone e del mediastino
  • J86 Piotorace
  • K05.6 Malattia parodontale non specificata
  • K10.2 Malattie infiammatorie delle mascelle
  • K12 Stomatite e lesioni correlate
  • K26 ulcera duodenale
  • K29 Gastrite e duodenite
  • K52.8.0 * Colite pseudomembranosa
  • K60.2 Fessura dell'ano, non specificata
  • K65 Peritonite
  • K75.0 Ascesso epatico
  • L08.9 Infezione locale della pelle e del tessuto sottocutaneo, non specificata
  • L21 Dermatite seborroica
  • L21.0 Seborrea della testa
  • L70 Acne
  • L71 Rosacea
  • L89 Ulcera decubitale
  • L98.4.2 * Ulcera cutanea trofica
  • M00.9 Artrite piogenica, non specificata (infettiva)
  • Osteomielite M86
  • N34 Uretrite e sindrome uretrale
  • N70.9 Salpingite e ooforite, non specificate
  • N71 Malattie infiammatorie dell'utero, diverse dalla cervice
  • N76 Altre malattie infiammatorie della vagina e della vulva
  • T14.1 Ferita aperta di una regione corporea non specificata
  • T30 Ustioni termiche e chimiche, non specificate
  • Z100 * CLASSE XXII Pratica chirurgica
  • Z51.0 Corso di radioterapia

Codice CAS

Caratteristiche della sostanza Metronidazolo

Polvere cristallina bianca o leggermente verdastra. Difficile da sciogliere in acqua e insolubile in alcool.

Farmacologia

Il gruppo nitro della molecola, che è un accettore di elettroni, è incorporato nella catena respiratoria di protozoi e anaerobi (compete con le proteine ​​che trasportano gli elettroni - flavoproteine, ecc.), Che interrompe i processi respiratori e provoca la morte cellulare. Inoltre, in alcune specie di anaerobi ha la capacità di sopprimere la sintesi del DNA e di provocarne la degradazione..

Dopo somministrazione orale, viene rapidamente e completamente assorbito dal tratto gastrointestinale (biodisponibilità di almeno l'80%). Cmax viene raggiunto dopo 1-3 ore e varia da 6 a 40 μg / ml, a seconda della dose. Il legame con le proteine ​​plasmatiche è insignificante - 10-20%. Penetra bene nei tessuti e nei fluidi corporei, creando concentrazioni battericide nella saliva, nel liquido seminale, nelle secrezioni vaginali; penetra nel BBB e nelle barriere placentari, viene secreto nel latte materno. Nell'organismo, circa il 30-60% del metronidazolo viene metabolizzato per idrossilazione, ossidazione delle catene laterali e coniugazione con acido glucuronico per formare metaboliti inattivi e attivi (2-ossimetronidazolo). Il metabolita principale ha anche effetti antiprotozoari e antimicrobici. T1/2 con funzionalità epatica normale - 8 ore (da 6 a 12 ore), con danno epatico alcolico - 18 ore (10-29 ore), nei neonati nati a un'età gestazionale di 28-30 settimane - circa 75 ore; 32-35 settimane - 35 ore; 36-40 settimane - 25 ore Escreto dai reni 60-80% della dose (20% invariata) e attraverso l'intestino (6-15%). La clearance renale è 10,2 ml / min. In pazienti con funzionalità renale compromessa dopo somministrazioni ripetute, si può osservare accumulo di metronidazolo nel siero sanguigno (pertanto, in pazienti con grave insufficienza renale, la frequenza di somministrazione deve essere ridotta). Il metronidazolo ei principali metaboliti vengono rapidamente rimossi dal sangue durante l'emodialisi (T1/2 ridotto a 2,6 ore). Con la dialisi peritoneale, viene escreto dai reni in piccole quantità.

Attivo contro Trichomonas vaginalis, Entamoeba histolytica, Gardnerella vaginalis, Giardia intestinalis, Lamblia spp.; microrganismi gram-negativi anaerobici: Bacteroides spp. (compresi B. fragilis, B. distasonis, B. ovatus, B. thetaiotaomicron, B. vulgatus), Fusobacterium spp., Veillonella spp., Prevotella (P. bivia, P. buccae, P. disiens); bastoncini gram-positivi anaerobici: Clostridium spp., Eubacterium spp.; cocchi anaerobici gram-positivi: Peptococcus spp., Peptostreptococcus spp. L'effetto tricomonacido (morte del 99% dei protozoi di cui sopra) si osserva a una concentrazione di farmaco di 2,5 μg / ml per 24 ore. Per i microrganismi anaerobici, IPC90 è 8 μg / ml. In combinazione con amoxicillina, è attivo contro Helicobacter pylori (l'amoxicillina inibisce lo sviluppo di resistenza al metronidazolo).

Quando prescritto a persone che soffrono di alcolismo cronico, forma in loro un'avversione all'alcol (provoca una sindrome di antabuse).

Applicazione della sostanza Metronidazolo

Per uso sistemico. Infezioni da protozoi: amebiasi extraintestinale (compreso ascesso epatico amebico), amebiasi intestinale (dissenteria amebica), tricomoniasi, balantidiasi, giardiasi (giardiosi), leishmaniosi cutanea, vaginite da trichomonas, uretrite da trichomonas. Infezioni ossee e articolari, sistema nervoso centrale (inclusi meningite, ascesso cerebrale), endocardite batterica, polmonite, empiema e ascesso polmonare causati da Bacteroides spp. (compresi B. fragilis, B. distasonis, B. ovatus, B. thetaiotaomicron, B. vulgatus). Infezioni addominali (peritonite, ascesso epatico), infezioni degli organi pelvici (endometrite, endomiometrite, ascesso delle tube di Falloppio e delle ovaie, infezioni della volta vaginale dopo intervento chirurgico), infezioni della pelle e dei tessuti molli causate da Bacteroides spp. (compreso B. fragilis), Clostridium spp., Peptococcus spp., Peptostreptococcus spp. Sepsi causata da Bacteroides spp. (compreso B. fragilis), specie Clostridium. Colite pseudomembranosa associata all'uso di antibiotici. Gastrite o ulcera duodenale associata a Helicobacter pylori. Prevenzione delle complicanze postoperatorie (soprattutto con interventi sul colon, regione vicino-rettale, apendectomia, interventi ginecologici). Alcolismo. Radioterapia per pazienti con tumori - come agente radiosensibilizzante, nei casi in cui la resistenza del tumore è dovuta all'ipossia nelle cellule tumorali.

Per uso intravaginale: tricomoniasi urogenitale (comprese uretriti, vaginiti), vaginiti aspecifiche di varie eziologie, confermate da dati clinici e microbiologici.

Per uso esterno: rosacea (anche post-steroidea), acne vulgaris, malattie infettive della pelle, seborrea oleosa, dermatite seborroica, ulcere trofiche degli arti inferiori (sullo sfondo di vene varicose, diabete mellito), ustioni, ferite non cicatrizzanti a lungo termine, piaghe da decubito, emorroidi, ragadi anali.

In odontoiatria: infezioni miste (aerobiche e anaerobiche) di varia localizzazione, malattie parodontali, processi pioinfiammatori della regione maxillo-facciale.

Controindicazioni

Ipersensibilità (incluso ad altri derivati ​​del nitroimidazolo), leucopenia (inclusa l'anamnesi), lesioni organiche del sistema nervoso centrale (inclusa l'epilessia), insufficienza epatica (in caso di dosi elevate), gravidanza (I trimestre ), allattamento.

Restrizioni d'uso

Malattie del fegato (possibilmente cumulo), reni, sistema nervoso centrale, gravidanza (trimestri II-III).

Applicazione durante la gravidanza e l'allattamento

Controindicato nel primo trimestre di gravidanza, nei trimestri II-III - con cautela (il metronidazolo passa attraverso la placenta).

Categoria di azione FDA - B.

Il metronidazolo viene escreto nel latte materno, creando concentrazioni simili a quelle nel plasma sanguigno. Può conferire un sapore amaro al latte materno. Per evitare l'effetto del farmaco sul bambino, è necessario interrompere l'allattamento al seno durante e dopo la fine del ciclo di trattamento per altri 1-2 giorni.

Effetti collaterali della sostanza Metronidazolo

Dal tratto digerente: diarrea, diminuzione dell'appetito, nausea, vomito, coliche intestinali, costipazione, sapore sgradevole "metallico" e bocca secca, glossite, stomatite, pancreatite.

Dal sistema nervoso e dagli organi sensoriali: mal di testa, vertigini, ridotta coordinazione dei movimenti, sincope, atassia, confusione, irritabilità, depressione, aumento dell'eccitabilità, debolezza, insonnia, allucinazioni; con terapia a lungo termine ad alte dosi - neuropatia periferica, convulsioni epilettiformi transitorie.

Dal sistema genito-urinario: disuria, cistite, poliuria, incontinenza urinaria.

Reazioni allergiche: orticaria, eruzione cutanea, arrossamento della pelle, congestione nasale, febbre.

Altri: artralgia, appiattimento dell'onda T sull'ECG; con terapia a lungo termine ad alte dosi - leucopenia, candidosi.

Reazioni locali: con iniezione endovenosa - tromboflebite (dolore, iperemia o gonfiore nel sito di iniezione). Con uso intravaginale: prurito, bruciore, dolore e irritazione nella vagina; perdite vaginali dense, bianche, mucose, inodore o deboli, frequenza urinaria; dopo l'interruzione del farmaco, è possibile lo sviluppo di candidosi vaginale; una sensazione di bruciore o irritazione del pene in un partner sessuale. Se applicato esternamente - iperemia, desquamazione e bruciore della pelle, lacrimazione (se il gel viene applicato vicino agli occhi).

Interazione

Potenzia l'azione degli anticoagulanti indiretti. Se assunto contemporaneamente ai preparati al litio, la concentrazione di quest'ultimo nel plasma e la probabilità di sviluppare sintomi di intossicazione possono aumentare. La fenitoina e il fenobarbital riducono l'effetto del metronidazolo attivando il sistema microsomiale epatico e accelerando il metabolismo e l'escrezione. La cimetidina inibisce il metabolismo del metronidazolo, che può portare ad un aumento della sua concentrazione nel siero del sangue e ad un aumento del rischio di effetti collaterali. Il metronidazolo è incompatibile con l'alcol (se assunto insieme, si sviluppa una sindrome simile all'antabuse). L'uso simultaneo con disulfiram può portare allo sviluppo di vari sintomi neurologici (l'intervallo tra gli appuntamenti è di almeno 2 settimane). Si sconsiglia la combinazione con miorilassanti non depolarizzanti (bromuro di vecuronio). I sulfonamidi aumentano l'effetto antimicrobico del metronidazolo.

Il metronidazolo per la somministrazione endovenosa non deve essere miscelato con altri farmaci.

Overdose

Sintomi: nausea, vomito, atassia, nei casi gravi, neuropatia periferica e crisi epilettiche.

Trattamento: sintomatico; nessun antidoto specifico.

Via di somministrazione

Dentro, per via endovenosa, per via intravaginale, esternamente.

Precauzioni per la sostanza Metronidazolo

Durante il periodo di trattamento, l'etanolo è controindicato (può svilupparsi una reazione simile al disulfiram: dolore addominale spastico, nausea, vomito, mal di testa, rossore improvviso del viso).

In combinazione con amoxicillina, non è raccomandato per l'uso in pazienti di età inferiore a 18 anni.

Con una terapia prolungata, è necessario controllare il quadro ematico.

Con lo sviluppo della leucopenia, la possibilità di continuare il trattamento dipende dal rischio di sviluppare un processo infettivo. La comparsa di atassia, vertigini e qualsiasi altro deterioramento dello stato neurologico dei pazienti richiede l'interruzione del trattamento.

Quando si tratta la vaginite da Trichomonas nelle donne e l'uretrite da Trichomonas negli uomini, è necessario astenersi dall'attività sessuale. Il trattamento simultaneo dei partner sessuali è obbligatorio. Dopo la terapia per la tricomoniasi, i test di controllo devono essere eseguiti per tre cicli successivi prima e dopo le mestruazioni.

Dopo il trattamento della giardiasi, se i sintomi persistono, devono essere eseguite 3 analisi fecali dopo 3-4 settimane a intervalli di diversi giorni (in alcuni pazienti trattati con successo, l'intolleranza al lattosio causata dall'invasione può persistere per diverse settimane o mesi, simile ai sintomi della giardiasi).

Se applicato esternamente, il contatto con gli occhi deve essere evitato (può causare lacrimazione). In caso di contatto con gli occhi, sciacquare immediatamente gli occhi con abbondante acqua..

L'attenzione dei pazienti, in particolare i conducenti di veicoli e le persone che utilizzano altri meccanismi, dovrebbe essere attirata sulla possibilità di vertigini associati all'assunzione del farmaco.

istruzioni speciali

Può immobilizzare i treponemi e portare a falsi positivi al test di Nelson.

Può verificarsi colorazione rosso-marrone delle urine (a causa della presenza di un pigmento idrosolubile derivante dal metabolismo del metronidazolo).

Interazione con altri principi attivi

Nomi commerciali

NomeValore dell'indice Vyshkovsky ®
Metronidazolo0.0189
Metrogyl ®0.0178
Klion0.0156
Flagil ®0.0141
Trichopol ®0.0131
Metronidazolo Nycomed0.0074
Metronidazolo-AKOS0.0052
Rosamet0.0032
Batsimex0.0019
Metronidazolo-F ®0.0019
Rosex ®0.0015
Metronidazolo compresse 0,25 g0.0015
Orvagil0.0012
Metrovagin ®0.0012
Metronidazolo-Teva0.0009
Deflamon0.0008
Metroxan0.0007
Efloran0.0006
Metrolacer0.0005
Metronidazolo IV marrone0.0003
Trichobrol ®0.0003
Nirmet0.0003
Metron0.0003
Metronidazolo-UBF0.0003
Metroseptol0.0003
Trichocept0.0003
Metronidal ®0.0002
Metronidazolo-Altpharm0.0002
Edgil0.0002
Tricho-PIN ®0.0001
Cyptrogil0.0001
Metronidazolo-LekT0.0001
Metronidazolo-ESCOM0.0001
Metronidazolo MS0
Alimezole0
Metronidazolo Medisorb0
  • Medicinali e sostanze
    • Indice di droghe e sostanze
    • Indice dei principi attivi
    • Produttori
    • Gruppi farmacologici
      • Classificazione dei gruppi farmacologici
      • Indice dei gruppi farmacologici
    • Classificazione ATX
    • Classificazione delle forme di dosaggio
    • Elenco delle malattie
      • Classificazione internazionale delle malattie (ICD-10)
      • Indice di malattie e condizioni
    • Interazione di farmaci (principi attivi)
    • Indice di azione farmacologica
    • Controllo di autenticità dei pacchetti tramite 3D
    • Cerca certificati di registrazione
  • Supplementi e altri TAA
    • Supplementi dietetici
      • Indice degli integratori alimentari
      • Classificazione degli integratori alimentari
    • Altri TAA
      • Indice di altri TAA
      • Classificazione di altri TAA
  • Prezzi
    • Prezzi VED
    • Prezzi per medicinali e altri TAA a Mosca
    • Prezzi per medicinali e altri TAA a San Pietroburgo
    • Prezzi per medicinali e altri TAA nelle regioni
  • Notizie ed Eventi
    • notizia
    • Eventi
    • Comunicati stampa delle aziende farmaceutiche
    • Archivio eventi
  • Prodotti e servizi
    • Prezzi VED
    • Packaging 3D
    • Armonizzazione
    • Rifiuto
    • Interazione
    • Pharmequivalence
    • Versioni elettroniche di libri di consultazione per medici
    • Applicazioni mobili
    • Cerca istituzioni mediche nella Federazione Russa
  • Biblioteca
    • Libri
    • Articoli
    • Atti normativi
  • Circa la società
  • Kit di pronto soccorso
  • Negozio online

Tutti i diritti riservati. L'uso commerciale dei materiali non è consentito. Informazioni destinate agli operatori sanitari.

Metronidazolo

Prezzi nelle farmacie online:

Il metronidazolo è un farmaco antiprotozoico e antibatterico utilizzato nel trattamento di molte malattie infettive, nonché per prevenire lo sviluppo di complicanze dopo operazioni ginecologiche.

Azione farmacologica del metronidazolo

Il componente attivo del metronidazolo è un derivato del 5-nitroimidazolo. Il meccanismo della sua azione risiede nella riduzione biochimica del gruppo 5-nitro del metronidazolo da parte delle proteine ​​di trasporto intracellulare.

Il farmaco, inibendo la sintesi degli acidi nucleici, interagisce attivamente con il DNA delle cellule dei microrganismi, il che porta alla rapida morte dei batteri.

Il metronidazolo è attivo contro:

  • Entamoeba histolytica;
  • Anaerobi Gram-negativi Fusobacterium spp. e Bacteroides spp.;
  • Trichomonas vaginalis;
  • Alcuni anaerobi gram-positivi.

Insieme all'amoxicillina, il metronidazolo è efficace contro l'Helicobacter pylori. Inoltre, il farmaco aumenta la sensibilità dei tumori alle radiazioni..

Il metronidazolo secondo le istruzioni non influisce sugli anaerobi facoltativi e sui microrganismi aerobi.

Modulo per il rilascio

Il farmaco metronidazolo è prodotto sotto forma di:

  • Compresse da 250 e 500 mg;
  • Gel vaginale all'1%, in tubi da 30 g;
  • Soluzione per infusione, in flaconi da 100 ml;
  • Supposta vaginale 250 e 500 mg.

Indicazioni per l'uso del metronidazolo

Secondo le istruzioni, il metronidazolo è prescritto per il trattamento di:

  • Infezioni causate dall'anaerobico Bacteroides spp. Questi includono infezioni delle articolazioni e delle ossa e infezioni del sistema nervoso centrale, inclusi meningite, ascesso cerebrale, polmonite, endocardite batterica, sepsi;
  • Infezioni da protozoi di amebiasi extraintestinale, inclusi ascesso epatico amebico, dissenteria amebica, tricomoniasi (uretrite e vaginite da trichomonas, ecc.);
  • Colite pseudomembranosa, causata principalmente dall'uso di antibiotici;
  • Infezioni causate da Peptococcus niger, Clostridium spp. e Peptostreptococcus spp., che includono infezioni addominali (p. es., ascesso epatico e peritonite) e infezioni pelviche (p. es., endometrite e infezioni della volta vaginale);
  • Gastrite o ulcere duodenali causate da Helicobacter pylori.

Inoltre, il metronidazolo in compresse secondo le istruzioni è prescritto per la prevenzione delle complicazioni che possono causare operazioni, in particolare quelle eseguite sul colon, nella regione pararettale, nonché nella pratica ginecologica.

Come farmaco radiosensibilizzante, il metronidazolo è prescritto per la radioterapia nei casi in cui la resistenza del tumore dipende dall'ipossia nelle sue cellule.

Controindicazioni

Secondo le istruzioni, il metronidazolo è controindicato all'uso:

  • Sullo sfondo della leucopenia, inclusa una storia di malattia;
  • Con ipersensibilità;
  • Sullo sfondo di insufficienza epatica (quando si prescrive un farmaco in grandi dosi);
  • Durante l'allattamento;
  • Sullo sfondo di lesioni organiche del sistema nervoso centrale, inclusa l'epilessia;
  • Nel primo trimestre di gravidanza;
  • In pediatria (fino a 3 anni).

Particolare cura è richiesta per l'uso del metronidazolo nei trimestri II-III di gravidanza e in caso di insufficienza epatica e renale.

Metodo di somministrazione e dosaggio

Le compresse di metronidazolo devono essere assunte durante o dopo i pasti con acqua o latte.

Il regime di trattamento è solitamente individuale. Di solito le compresse di metronidazolo sono prescritte:

  • Nel trattamento della giardiasi - 5-7 giorni, 1 compressa di metronidazolo (500 mg) due volte al giorno;
  • Nel trattamento della tricomoniasi - 10 giorni, 250 mg due volte al giorno o 5-8 giorni, 400 mg anche 2 volte al giorno. Insieme all'uso di compresse, alle donne vengono solitamente prescritte supposte di metronidazolo. Se necessario, il corso viene ripetuto un mese dopo gli studi di controllo;
  • Nel trattamento dell'ascesso epatico - 3-5 giorni con una dose massima giornaliera di 2,5 g, che può essere assunta una volta o divisa in 2-3 dosi. Di solito la terapia è integrata con antibiotici (tetracicline);
  • Nel trattamento dell'amebiasi cronica - 5-10 giorni, 1 compressa (500 mg) tre volte al giorno e nel trattamento della dissenteria amebica acuta - 2,25 g del farmaco in 3 dosi divise. Il trattamento viene interrotto dopo la scomparsa dei sintomi;
  • Nel trattamento della colite pseudomembranosa - 500 mg fino a quattro volte al giorno;
  • Nel trattamento della stomatite ulcerosa - 3-5 giorni, 1 compressa di metronidazolo (500 mg) due volte al giorno.

L'uso del metronidazolo nel trattamento dell'alcolismo cronico è indicato per 3-6 mesi, 500 mg al giorno.

Per la prevenzione delle complicanze infettive dopo l'intervento chirurgico, il farmaco viene prescritto secondo lo schema:

  • 3-4 giorni prima dell'operazione - 3-6 compresse (250 mg) in 3 dosi divise;
  • Dopo l'intervento chirurgico (il primo giorno) - 1 g una volta;
  • Per 7 giorni dopo l'intervento chirurgico - 3 compresse (250 mg).

Sullo sfondo di una grave disfunzione renale, la dose giornaliera di metronidazolo deve essere dimezzata.

Supposte Il metronidazolo è usato per via intravaginale. A seconda delle indicazioni, è possibile una singola applicazione nella quantità di 2 go per 10 giorni, 500 mg due volte al giorno (nelle ore mattutine e serali).

Effetti collaterali del metronidazolo

Secondo le recensioni, il metronidazolo può causare disturbi da vari sistemi corporei, che si manifestano più spesso sotto forma di:

  • Capogiri, atassia, ridotta coordinazione dei movimenti, confusione, depressione, irritabilità, debolezza, aumento dell'eccitabilità, insonnia, convulsioni, mal di testa, allucinazioni, neuropatia periferica (sistema nervoso);
  • Diarrea, nausea, stomatite, diminuzione dell'appetito, vomito, costipazione, coliche intestinali, secchezza della mucosa orale, sapore "metallico" in bocca, glossite, pancreatite (apparato digerente);
  • Disuria, poliuria, cistite, candidosi, incontinenza urinaria, colorazione delle urine rosso-brunastra (sistema urinario).

Secondo le revisioni, le reazioni allergiche più probabili che si sviluppano durante il trattamento con metronidazolo includono congestione nasale, arrossamento della pelle, orticaria, febbre, eruzione cutanea, artralgia.

Altri effetti collaterali possono sviluppare neutropenia, leucopenia e appiattimento dell'onda T sull'ECG.

Le reazioni locali che si sviluppano più spesso con l'uso di supposte di metronidazolo sono generalmente lievi e possono manifestarsi come:

  • Una forte sensazione di bruciore;
  • Minzione frequente;
  • Prurito;
  • Vampate o bruciore di dolore della mucosa degli organi genitali esterni.

In caso di sovradosaggio di metronidazolo, secondo le revisioni, i disturbi digestivi sono più spesso osservati, vale a dire atassia, vomito e nausea e quando si assumono farmaci come agente radiosensibilizzante, neuropatia periferica e convulsioni.

Poiché non esiste un antidoto specifico per il trattamento del sovradosaggio, in questo caso viene prescritta una terapia di supporto e sintomatica..

Condizioni di archiviazione

Il metronidazolo è un farmaco antiprotozoico soggetto a prescrizione con condizioni di conservazione standard.

Metronidazolo: effetti collaterali ed effetti nelle donne

Il metronidazolo è un farmaco che ha un effetto antiprotozoico e ha attività antimicrobica. Questo medicinale è incluso nell'elenco dei farmaci riconosciuti dall'OMS come i più importanti.

Il rimedio è stato scoperto dai farmacisti francesi a metà del secolo scorso. Il farmaco è diventato il primo nel gruppo dei nitroimidazoli ad essere utilizzato con successo per il trattamento della tricomoniasi.

Il metronidazolo ha un effetto dannoso sulla flora batterica. Questo effetto è stato scoperto più tardi che il rimedio ha aumentato la sua popolarità..

Istruzioni per l'uso del farmaco

Lo strumento blocca la formazione di acidi nucleici, quindi, la formazione di una popolazione di microrganismi si arresta, quindi muoiono nel tempo. Il farmaco agisce su agenti aerobici patogeni, cioè microrganismi che non hanno bisogno di ossigeno per la vita.

Le istruzioni per il farmaco indicano un elenco di agenti patogeni sensibili al farmaco. Il metronidazolo agisce su:

  • Trichomonas,
  • Ameba,
  • Garndnerella,
  • Giardia,
  • Anaerobi obbligatori,
  • Alcuni tipi di microbi gram-positivi.

Il farmaco non ha effetto su stafilococchi, streptococchi e altri batteri aerobi.

Il metronidazolo è usato con successo per trattare i seguenti disturbi:

  1. Giardiasi,
  2. Parassitismo amebico,
  3. Tricomoniasi.

Inoltre, lo strumento può essere utilizzato per sepsi e peritonite, nonché per ascessi localizzati negli organi addominali. Inoltre, il metronidazolo può essere utilizzato per trattare varie malattie ginecologiche..

Lo strumento può essere utilizzato in ginecologia per:

  • Endometrite di varia origine,
  • Amianto nella zona intima - ovaie o tube di Falloppio,
  • Infiammazione dopo aborto o chirurgia ginecologica,
  • Tordo.

Inoltre, il farmaco può essere utilizzato per tali malattie:

  1. Infiammazione e ascessi del tessuto polmonare e dei polmoni,
  2. Ascessi localizzati nel cervello,
  3. Infezione da meningococco,
  4. Endocardite,
  5. Patologie purulente del tessuto osseo e della pelle.

Le istruzioni per l'uso del farmaco indicano che il farmaco può essere utilizzato attivamente come preventivo, prima degli interventi chirurgici su:

  • intestini,
  • appendice infiammata.

Nell'area intima, l'uso del metronidazolo è caratterizzato da manipolazioni ginecologiche. Il farmaco è anche usato per trattare intestini e ulcere gastriche.

Il gel con metronidazolo è ampiamente utilizzato in odontoiatria per il trattamento dei processi infettivi. Il gel è usato per trattare la bocca per eliminare i processi infiammatori. Un unguento con questo principio attivo viene anche prescritto dai dermatologi per curare l'acne..

Metronidazolo in compresse

Le compresse di metronidazolo passano rapidamente dall'intestino al flusso sanguigno, distribuite uniformemente in tutti i sistemi e gli organi. Il medicinale inizia a diffondersi attraverso i fluidi biologici:

  1. liquido cerebrospinale e peritoneale,
  2. saliva,
  3. bile.

In grandi volumi, l'agente entra nel tessuto osseo, il latte materno, penetra bene attraverso la placenta. Circa l'80% del farmaco viene escreto dai reni, il restante 20% - con la bile.

Le compresse sono prescritte per adulti e bambini di età superiore a 12 anni a 7,5 mg del farmaco per 1 chilogrammo di peso corporeo. La dose media del farmaco va da 250 a 6500 mg 2 volte al giorno.

La quantità di farmaco dipende dallo stadio del processo patologico e da altre indicazioni. Per i bambini sotto i 12 anni, i medici consigliano di usare il farmaco a 10 mg / kg 3 volte al giorno.

Il metronidazolo in compresse viene assunto dopo i pasti e non deve essere frantumato o masticato.

Supposte di metronidazolo

Ogni supposta contiene 500 mg di metronidazolo. Sotto forma di supposte, il farmaco viene utilizzato in campo ginecologico per la terapia:

  • Uretrite e vaginite di varia gravità, causate da agenti patogeni aspecifici,
  • Tricomoniasi urogenitale.

Le recensioni suggeriscono che le supposte con metronidazolo hanno un effetto pronunciato dopo la prima procedura. Il farmaco sotto forma di supposte viene inserito nella vagina. La dose raccomandata è di 2 grammi di farmaco una volta.

Puoi anche inserire supposte che contengono 500 mg di metronidazolo 2 volte al giorno. Il corso del trattamento è di dieci giorni. Il contatto sessuale è escluso per l'intera durata del trattamento.

Molte persone si chiedono: il metronidazolo è un antibiotico? Questo agente è considerato un farmaco ad ampio spettro ottenuto sinteticamente. Si può sostenere che il metronidazolo è un farmaco antimicrobico, ma non un antibiotico.

Gli antibiotici sono sostanze naturali create da funghi speciali. Il principio attivo metronidazolo non si trova in natura, si forma solo con l'aiuto di tecnologie farmaceutiche.

Effetti collaterali del metronidazolo

Nel farmaco Metronidazolo, gli effetti collaterali sono espressi come:

  1. Vomito e altri disturbi dell'apparato digerente,
  2. Diminuzione dell'appetito e alterazioni del gusto, alterazioni delle feci, crampi intestinali.

Il metronidazolo può anche iniziare:

  • Ansia e disturbi del sonno,
  • Vertigini,
  • Emicrania,
  • Violazione della sensibilità periferica,
  • Convulsioni,
  • Condizioni di svenimento,
  • Perdita temporanea dell'udito.

Inoltre, il farmaco può farti sentire male, c'è un'alta probabilità di alitosi. A volte il numero di globuli bianchi e piastrine nel sangue diminuisce.

Le recensioni riportano che il metronidazolo in qualsiasi forma di dosaggio può causare una reazione allergica, ad esempio:

  1. Effetto pruriginoso,
  2. Orticaria,
  3. Eruzione cutanea,
  4. Shock anafilattico.

Il farmaco non è raccomandato per l'uso con un'elevata sensibilità individuale al farmaco e ai suoi componenti. Inoltre, non può essere prescritto a bambini di età inferiore a tre anni..

Il metronidazolo è controindicato durante il primo trimestre di gravidanza. Quando si trasporta un bambino in periodi successivi, il medico della donna può prescrivere il rimedio, dopo aver valutato in modo completo le sue condizioni e i rischi per il bambino.

Nella maggior parte dei casi, le persone sono soddisfatte del trattamento con metronidazolo. Molti pazienti riferiscono che la loro urina diventa marrone durante la terapia..

Secondo le informazioni delle recensioni, il metronidazolo è considerato un rimedio affidabile ed efficace che aiuta con malattie gravi. La frequenza degli effetti collaterali è trascurabile se vengono seguite tutte le raccomandazioni del medico curante.

Altri effetti collaterali

Alcune fonti indicano che il malfunzionamento del pancreas può essere una controindicazione relativa. Lo strumento non ha bisogno di essere utilizzato perché può contribuire all'esacerbazione della pancreatite, tuttavia, non ci sono informazioni affidabili e dati clinici ufficiali al riguardo.

L'elenco delle relative controindicazioni include anche la terapia con alcuni farmaci. Ad esempio, l'uso del Metronidazolo è controindicato nel trattamento degli anticoagulanti, ad esempio Warfarin con controllo INR obbligatorio, lo stesso vale per Fluorouracil.

Il metronidazolo potenzia la loro azione e può portare a una diminuzione del numero di fattori di coagulazione del sangue, a un grande accumulo di ioni nel corpo. Il litio può accumularsi durante la terapia con fluorulacile.

Oltre alle controindicazioni per l'uso, il trattamento con il farmaco Metronidazolo è limitato in una certa misura da un gran numero di potenziali effetti collaterali. Alcuni di essi possono essere trascurati, altri, se non rimossi tempestivamente, possono provocare un inasprimento di alcune malattie e peggiorare gravemente la salute del paziente..

Prima di tutto, è necessario affrontare alcune complicazioni del sistema nervoso centrale. La pratica clinica conosce casi di meningismo da farmaci e formazione di meningite.

Inoltre, possono svilupparsi convulsioni e sintomi di danni ai nervi periferici delle estremità. Se il dosaggio non viene seguito, il paziente può manifestare disturbi della coordinazione e della statica, oltre a forti mal di testa..

Tra i sintomi del tratto gastrointestinale si possono citare, oltre al ben noto vomito e nausea, dolore spasmodico all'addome. Se compare intossicazione da farmaci, può iniziare l'epatotossicità.

Gli effetti collaterali in relazione al sistema urinario sono espressi in alcuni disturbi della minzione e del volume di urina escreta. Spesso cambia non solo il suo colore, ma anche la sua densità. Il video in questo articolo fornirà ulteriori informazioni sul farmaco..

Metronidazolo

Prezzi nelle farmacie online:

Il metronidazolo è un farmaco antiprotozoico e antimicrobico con attività antibatterica.

Forma e composizione del rilascio

Forme di dosaggio del metronidazolo:

  • Soluzione per infusione: giallo pallido con una sfumatura verdastra (100 ml in flaconi di polietilene);
  • Compresse per somministrazione orale: piatte cilindriche, bianche o bianche con una sfumatura giallastra-verdastra, con un segno e una smussatura (10 pezzi In una confezione a contorno di blister, in una scatola di cartone 1, 2, 3, 4 o 5 confezioni; 20 pezzi. Oppure 30 pezzi In una confezione contorno blister, in una scatola di cartone 1, 2, 3, 10 o 400 pacchetti);
  • Supposte vaginali: a forma di siluro, bianche o giallo pallido (5 supposte in un blister, in una scatola di cartone da 2 blister);
  • Gel vaginale 1%: incolore, giallo chiaro o giallastro-verdastro (30 g in tubi di alluminio, completi di applicatore per somministrazione intravaginale, in una scatola di cartone, 1 tubo);
  • Crema per applicazione esterna 1% (15 g in un tubo);
  • Gel per uso esterno 1% (15 g in un tubo).

Il principio attivo è il metronidazolo, il contenuto dipende dalla forma di rilascio:

  • Soluzione per infusione: 5 mg / 1 ml (in 1 flacone - 500 mg);
  • Compresse: 250 mg / pz;
  • Supposte vaginali: 100, 250 e 500 mg / pezzo;
  • Gel vaginale: 10 mg / 1 g;
  • Crema o gel per uso topico: 10 mg / 1 g.
  • Soluzione per infusione: sodio diidrogeno fosfato diidrato (sodio fosfato monosostituito 2-acquoso), sodio cloruro, acqua per preparazioni iniettabili;
  • Compresse: acido stearico, fecola di patate, talco;
  • Supposte vaginali: polietilene ossido 400, polietilene ossido 1500;
  • Gel vaginale: disodio edetato (sale disodico dell'acido etilendiamminotetraacetico, Trilon B), propil paraidrossibenzoato (nipazolo, propilparabene), glicole propilenico, carbomer (carbopol), acqua purificata, idrossido di sodio;
  • Crema: albrot sintetico, alcool cetilico, glicerolo, acido stearico, metilossibenzoato, sodio lauril solfato, acqua purificata, propilossibenzoato;
  • Gel esterno: trietanolammina, etanolo, carbossipolimetilene 940, metilossibenzoato, propilossibenzoato, glicole propilenico, sale disodico EDTA, acqua.

Indicazioni per l'uso

Soluzione per infusione e compresse:

  • Infezioni da protozoi: amebiasi intestinale (dissenteria amebica), amebiasi extraintestinale (incluso ascesso epatico amebico), tricomoniasi (inclusa uretrite da trichomonas, vaginite da trichomonas);
  • Infezioni articolari e ossee, infezioni del sistema nervoso centrale (inclusi ascesso cerebrale, meningite), empiema e ascesso polmonare, endocardite batterica, polmonite, sepsi iniziata da Bacteroidesspp. (compresi Bacteroides ovatus, Bacteroides distasonis, Bacteroides fragilis, Bacteroides vulgatus, Bacteroides thetaiotaomicron);
  • Infezioni degli organi pelvici (ascesso delle tube di Falloppio e delle ovaie, endometrite, infezioni della volta vaginale); infezioni della pelle e dei tessuti molli; infezioni addominali (ascesso epatico, peritonite) causate da Clostridium spp., Peptostreptococcus spp. e Peptococcus spp.;
  • Colite pseudomembranosa (causata dall'assunzione di antibiotici);
  • Ulcera duodenale o gastrite associata a Helicobacter pylori;
  • Radioterapia per pazienti con tumori - come agente radiosensibilizzante (nei casi in cui la resistenza del tumore è dovuta all'ipossia nelle sue cellule);
  • Prevenzione delle complicanze postoperatorie (soprattutto con interventi sulla regione peri-rettale, colon, appendicectomia e interventi ginecologici).

Supposte e gel vaginale:

  • Tricomoniasi urogenitale (comprese vaginiti, uretriti);
  • Vaginiti aspecifiche di varia origine, confermate da dati microbiologici e clinici.

Gel e crema al metronidazolo per uso esterno:

  • Acne vulgaris e rosacea (anche post-steroidei);
  • Malattie della pelle infettive;
  • Ulcere trofiche degli arti inferiori (sullo sfondo del diabete mellito, vene varicose);
  • Dermatite seborroica, seborrea oleosa;
  • Ferite che non guariscono a lungo termine;
  • Ustioni;
  • Piaghe da decubito;
  • Ragade anale.

Controindicazioni

  • Lesioni organiche del sistema nervoso centrale (inclusa l'epilessia);
  • Leucopenia (inclusa una storia di dati);
  • Disfunzione epatica (in caso di assunzione di dosi elevate);
  • Disturbi della coordinazione del movimento;
  • Io trimestre di gravidanza;
  • Periodo di allattamento al seno;
  • Ipersensibilità a componenti di medicina.

Utilizzare il rimedio con estrema cautela in caso di insufficienza renale e / o epatica, gravidanza nel II e III trimestre (solo per motivi di salute).

Metodo di somministrazione e dosaggio

Le compresse di metronidazolo vengono utilizzate per via orale, dopo o durante un pasto, deglutendo intere senza masticare.

Nel trattamento della tricomoniasi, il farmaco viene assunto per 10 giorni, 2 volte al giorno a 250 mg o per 5-8 giorni con la stessa frequenza di somministrazione di 400 mg, si raccomanda alle donne di utilizzare anche il gel di metronidazolo o le supposte per via intravaginale. Se necessario, la dose può essere aumentata a 750-1000 mg al giorno oppure può essere effettuato un secondo ciclo di trattamento con un intervallo di 3-4 settimane, durante il quale devono essere eseguiti ripetuti test di laboratorio di controllo. Inoltre, un regime terapeutico alternativo è una singola dose di pillole da parte del paziente e del suo partner sessuale alla dose di 2000 mg.

Con l'amebiasi, gli adulti assumono il farmaco per 7 giorni, 1500 mg al giorno, diviso 3 volte, con dissenteria amebica acuta - con la stessa frequenza di somministrazione, la dose giornaliera è di 2250 mg, il trattamento dura fino alla cessazione dei sintomi della malattia. Ai bambini vengono prescritte compresse 3 volte al giorno al ritmo di 30-40 mg per 1 kg di peso corporeo.

Con la giardiasi, il metronidazolo viene assunto 2-3 volte al giorno per 5 giorni, gli adulti 750-1000 mg al giorno, i bambini - a seconda dell'età:

  • 2-5 anni - 250 mg;
  • 5-10 anni - 375 mg;
  • 10-15 anni - 500 mg.

Per il trattamento dell'ascesso epatico, il farmaco viene prescritto in combinazione con antibiotici (tetracicline) o con altri metodi di terapia per 3-5 giorni, la dose giornaliera non deve superare i 2500 mg, suddivisa in più dosi. Ai bambini viene prescritto un rimedio in una dose giornaliera, a seconda dell'età:

  • 1-3 anni - 1 /4 dosi per adulti;
  • 3-7 anni - 1 /3 dosi per adulti;
  • 7-10 anni - 1 /2 dosi per adulti.

Nel trattamento della stomatite ulcerosa, gli adulti assumono compresse per 3-5 giorni 2 volte al giorno, 500 mg, nel trattamento della colite pseudomembranosa nella stessa dose 3-4 volte al giorno, nell'eradicazione dell'Helicobacter pylori - 3 volte al giorno per 7 giorni come parte della terapia di combinazione.

Per la prevenzione delle complicanze dopo l'intervento chirurgico, si consiglia di assumere il metronidazolo 3-4 giorni prima dell'operazione in una dose giornaliera di 750-1500 mg in 3 dosi divise, o una volta - 1000 mg il primo giorno dopo l'operazione. Alcuni giorni dopo l'intervento chirurgico, il farmaco può essere prescritto alla dose di 750 mg al giorno per 7 giorni.

Con grave disfunzione renale, la dose viene ridotta di 2 volte.

Per via endovenosa sotto forma di soluzione, il farmaco viene utilizzato in caso di infezione grave, nonché in caso di impossibilità di assumere compresse all'interno.

Quando si eseguono infusioni endovenose, il metronidazolo non deve essere miscelato con altri medicinali!

La velocità del getto o della flebo endovenosa è di 5 ml al minuto con un intervallo tra le infusioni di 8 ore. Per i bambini di età inferiore a 12 anni, si raccomanda di somministrare il metronidazolo alla dose di 7,5 mg / kg di peso corporeo in 3 dosi divise al giorno, per adulti e adolescenti di età superiore ai 12 anni - in una singola dose di 500 mg, la dose massima giornaliera non deve superare i 4000 mg, la durata della terapia è determinata individualmente. A seconda delle indicazioni e della natura dell'infezione, in futuro, se possibile, si consiglia di passare alla forma orale.

Al fine di prevenire l'infezione anaerobica, prima di un'operazione pianificata sul tratto urinario e sugli organi pelvici, la soluzione nei bambini di età superiore a 12 anni e negli adulti viene utilizzata sotto forma di infusioni alla dose di 500-1000 mg, il giorno dell'operazione e il giorno successivo - 500 mg ogni 8 ore (1500 mg al giorno). Dopo alcuni giorni, il paziente viene solitamente trasferito alle pillole..

In caso di gravi violazioni del fegato e / o dei reni (clearance della creatinina inferiore a 30 ml / min), il farmaco viene utilizzato al giorno in una dose massima di 1000 mg, suddivisa in 2 dosi.

Come agente radiosensibilizzante, il metronidazolo viene iniettato per via endovenosa 30-60 minuti prima dell'inizio dell'irradiazione a una dose di 160 mg / kg di peso corporeo o 4000-6000 mg / m² di superficie corporea, ma una singola dose non deve superare i 10.000 mg. Il farmaco viene utilizzato per 7-14 giorni prima di ogni sessione di irradiazione, la dose del corso non deve essere superiore a 60.000 mg e quindi il farmaco non viene utilizzato durante la radioterapia. Per alleviare l'intossicazione causata da radiazioni, viene iniettata soluzione fisiologica a goccia, soluzione di destrosio al 5% o emodesi.

Per il cancro della pelle, cancro del corpo dell'utero e della cervice uterina, il farmaco viene utilizzato 1,5-2 ore prima dell'irradiazione localmente sotto forma di applicazioni, immergendo i tamponi applicati con 3000 mg di soluzione diluita in una soluzione di dimetilsolfossido al 10%. Quando si osservano le dinamiche positive della pulizia del tumore dalla necrosi, le applicazioni vengono eseguite durante le prime 2 settimane di terapia, con scarsa regressione del tumore - durante l'intero corso della radioterapia.

Supposte Il metronidazolo è usato per via intravaginale. Nel trattamento della vaginite da Trichomonas, il farmaco viene utilizzato per 10 giorni, iniettando in profondità nella vagina 1 supposta alla dose di 250 mg 2 volte al giorno o alla dose di 500 mg - 1 volta al giorno.

Per il trattamento della vaginite aspecifica, viene utilizzata 1 supposta vaginale da 500 mg 2 volte al giorno per 7 giorni.

Il gel vaginale viene utilizzato per via intravaginale, la dose singola raccomandata è un applicatore completo (5 g del farmaco - 50 mg di metronidazolo), iniettato per 5 giorni 2 volte al giorno, al mattino e alla sera.

Si consiglia di applicare crema e gel per uso esterno entro 3-6 settimane, applicando sulla pelle interessata 2 volte al giorno con uno strato sottile. È consentito alternare l'applicazione di crema e gel con un intervallo di 12 ore.

Effetti collaterali

  • Sistema nervoso: debolezza, vertigini, ridotta coordinazione dei movimenti, neuropatia periferica, mal di testa, sonnolenza, depressione, confusione, convulsioni, atassia, irritabilità, insonnia, irritabilità, allucinazioni;
  • Apparato digerente: sapore metallico in bocca, perdita di appetito, vomito, diarrea, nausea, costipazione, coliche intestinali, pancreatite, secchezza delle fauci, stomatite, glossite;
  • Sistema urogenitale: colorazione delle urine di colore rosso-marrone, candidosi della mucosa vaginale, poliuria, cistite, disuria, incontinenza urinaria;
  • Sistema ematopoietico: neutropenia reversibile (leucopenia);
  • Sistema epatobiliare: ittero, colestasi, aumento dell'attività degli enzimi epatici;
  • Reazioni allergiche: arrossamento della pelle, eruzione cutanea, orticaria, artralgia, febbre, congestione nasale, angioedema e reazione anafilattica, eritema multiforme essudativo;
  • Reazioni locali: iperemia, gonfiore e dolore al sito di iniezione;
  • Altri: febbre, appiattimento dell'onda T sull'elettrocardiogramma.

istruzioni speciali

La soluzione per infezioni miste può essere utilizzata in combinazione con antibiotici parenterali, senza mescolare i farmaci tra loro.

Non utilizzare metronidazolo in combinazione con amoxicillina in persone di età inferiore a 18 anni.

Durante la terapia è vietato l'uso di etanolo (a causa del rischio di sviluppare una reazione simile al disulfiram, manifestata da un'improvvisa vampata di sangue al viso, vomito, nausea, dolore addominale spastico, mal di testa).

Con un lungo corso, è necessario controllare il quadro ematico (a causa della possibile comparsa di leucopenia minore). Quando compare la leucopenia, la possibilità di continuare la terapia dipende dalla minaccia dello sviluppo del processo infettivo.

In caso di osservazione di un deterioramento dello stato neurologico (atassia, vertigini), è necessario interrompere l'assunzione del farmaco.

Si raccomanda di astenersi dall'attività sessuale durante il trattamento della vaginite da Trichomonas nelle donne e dell'uretrite da Trichomonas negli uomini, il trattamento simultaneo dei partner sessuali è obbligatorio. Dopo un ciclo di terapia per la tricomoniasi, i test di controllo vengono eseguiti prima e dopo le mestruazioni per 3 cicli successivi.

Se il trattamento è necessario per più di 10 giorni, è necessario valutare attentamente il rapporto tra l'effetto atteso del farmaco e il rischio di potenziali complicanze.

In considerazione della possibile comparsa di reazioni indesiderabili dal sistema nervoso centrale, si raccomanda di astenersi dalla guida e da altri meccanismi complessi durante il periodo di terapia..

Interazioni farmacologiche

Va tenuto presente che se usato contemporaneamente al metronidazolo:

  • Disulfiram: può provocare la comparsa di vari sintomi neurologici (la pausa tra l'assunzione di farmaci dovrebbe essere di almeno 14 giorni);
  • Cimetidina: aumenta la concentrazione del farmaco nel siero e aumenta il rischio di effetti collaterali;
  • Sulfonamidi: potenziano l'azione antimicrobica;
  • Fenitoina, fenobarbital (farmaci che stimolano gli enzimi dell'ossidazione microsomiale nel fegato) - abbassano la concentrazione di metronidazolo nel plasma;
  • Prednisone: riduce l'efficacia del farmaco.

L'effetto del metronidazolo su altre sostanze / farmaci:

  • Anticoagulanti indiretti: potenziano la loro azione;
  • Litio: aumenta la sua concentrazione nel sangue e contribuisce allo sviluppo di sintomi di intossicazione;
  • Fluorouracile: aggrava il suo effetto tossico.

Non è consigliabile combinare il farmaco con miorilassanti non depolarizzanti (bromuro di vecuronio).

Termini e condizioni di conservazione

Tenere fuori dalla portata dei bambini! Mantenere:

  • Compresse: in un luogo asciutto e buio;
  • Gel vaginale, gel per uso esterno: in un luogo asciutto e buio a una temperatura di 15-25 ° C. Non congelare;
  • Crema per uso esterno: a una temperatura di 5-15 ° C;
  • Soluzione per infusione: in un luogo buio, a una temperatura non superiore a 25 ° C;
  • Candele: in un luogo asciutto e buio a una temperatura di 15-25 ° C.
  • Compresse, soluzione per infusione, supposte - 3 anni;
  • Gel e crema per uso esterno, gel vaginale - 2 anni.

Trovato un errore nel testo? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.