Disfunzione della vescica neurogena: cause, manifestazioni, trattamento

Vescica neurogena - disfunzione della minzione dovuta a una violazione dell'innervazione dei muscoli della vescica.

Questa patologia è inerente agli uomini di 40-60 anni, alle donne di 30-60 anni, ai bambini fino a 11-14 anni. In altri casi, la malattia è meno comune..

Classificazione

La patologia è classificata in base alla gravità: caratterizza il grado di difficoltà nella minzione, nonché la presenza o l'assenza di altre patologie; dalla natura del cambiamento nell'innervazione - il grado di compromissione della funzionalità di nervi e muscoli.

Per gravità

Esistono 3 tipi di vescica neurogena in base alla gravità della malattia:

  1. Leggero (pollachiuria). Appare raramente. I sintomi compaiono quando il corpo è rilassato (durante il sonno).
  2. Media. I sintomi sono periodici. La minzione involontaria non dipende dall'ora del giorno o dallo stato del corpo.
  3. Pesante. Si verifica quando il tratto urinario è danneggiato. Oltre alle manifestazioni anorettali, ci sono anche malfunzionamenti nel tratto gastrointestinale: costipazione, diarrea o dispepsia. Questi disturbi dipendono dall'equilibrio idrico e salino e dall'attività dei batteri, se sono la causa della patologia.

Dalla natura dei cambiamenti nell'innervazione dell'organo

Se il passaggio degli impulsi nervosi è disturbato, i muscoli dell'urea sono in tono costante o rilassati.

Esistono i seguenti tipi di patologia:

  1. Hyperreflex. Causato da disturbi del sistema nervoso centrale. Con la disfunzione iperreflessa, c'è un frequente bisogno di urinare, indipendentemente dalla pienezza della vescica. Durante la veglia, il rischio di minzione è ridotto al minimo. L'importante è misurare la quantità di liquido che si beve con il tempo trascorso dall'ultimo svuotamento. Durante il sonno, si verifica uno svuotamento involontario. Spesso 3-5 volte in 6-8 ore.
  2. Hyporeflex. Con lesioni al midollo spinale. Nessun bisogno di urinare o incapacità di svuotare completamente la vescica. Quando si riempie, si verifica la minzione involontaria. Questo processo non dipende dall'ora del giorno..

Altri criteri di classificazione

Per natura dell'evento:

  • batterica;
  • micotico: la spremitura delle terminazioni nervose si verifica a causa della moltiplicazione di microrganismi fungini;
  • virale, di regola, iporiflesso a causa del blocco degli impulsi nervosi;
  • psicologico: una violazione artificiale dell'innervazione, provocata da fattori esterni che influenzano l'attività stabile del cervello.

Dalla fase di flusso:

  • acuto - iperriflesso;
  • cronico - periodi di esacerbazione e remissione.

Le ragioni

Tutti i motivi possono essere suddivisi in 5 gruppi:

  1. Interruzione del sistema nervoso centrale. Trauma cerebrale; processi infiammatori del sistema nervoso centrale causati da complicanze di meningite, encefalite, diabete mellito; tumori che comprimono le terminazioni nervose - tubercoloma, colesteatoma; degenerazione neuronale - morbo di Alzheimer; ictus; dopo l'operazione.
  2. Danni al sistema nervoso periferico del midollo spinale. Lesione alla colonna vertebrale; osteocondrosi delle regioni toracica e / o lombare; con un decorso reattivo di artrite acuta nella fase iniziale; vasculite reumatoide.
  3. Diminuzione dell'elasticità dell'urea o diminuzione del suo volume. Calcio in eccesso; mancanza di elastina; danno alle vie urinarie superiori a causa di chirurgia endoscopica o diagnostica mediante citoscopio; diminuzione del volume della vescica come complicanza di cistite, pielonefrite o dopo chirurgia a cielo aperto nel sistema genito-urinario.
  4. A causa di lesioni alla nascita o altre anomalie nello sviluppo fetale.
  5. Psicologico e familiare. Ritenzione urinaria artificiale periodica, forti shock nervosi periodici, alcolismo cronico.

Succede che la diagnosi non riesce a determinare la causa. Quindi la diagnosi è "vescica neurogena di eziologia sconosciuta".

Quadro clinico

Le manifestazioni della patologia dipendono dalla natura della disfunzione..

Hyperreflex

Minzione frequente: il numero normale di impulsi è 3-5 durante la veglia e 1-2 durante il sonno. I desideri si avvertono quando la vescica è riempita per più del 66% - 250-300 ml durante la veglia e più dell'80% - 300 ml o più - durante il sonno.

La vescica iperreflessa è caratterizzata da un numero maggiore di impulsi 3-5 volte durante la veglia e durante il sonno: il tratto urinario viene svuotato involontariamente.

L'impulso continua dopo la minzione per 1-3 minuti. Nella fase acuta o durante un'esacerbazione, si avverte dolore da taglio prima e dopo lo svuotamento.

Il desiderio che dura più di 5 minuti provoca mal di testa.

Hyporeflex

Con questa natura di disfunzione, compaiono i seguenti sintomi:

  • nessun bisogno di urinare o sensazione che l'urina non sia vuota;
  • minzione involontaria senza sensazioni inerenti a questo processo;
  • getto intermittente, l'atto è accompagnato da un dolore tagliente;
  • febbre di basso grado, nausea, debolezza con ristagno urinario.

Diagnostica

Prima di tutto, viene raccolta l'anamnesi. I sintomi di una vescica neurogena sono simili alle manifestazioni di cistite, pielonefrite, prostatite, sviluppo del tumore, indipendentemente dalla benignità, ipotermia dell'urea.

La patologia viene diagnosticata con metodi di laboratorio e strumentali. Gli esami di laboratorio comprendono, ed esame visivo strumentale dei tessuti mediante radiazioni magnetiche, ultrasoniche e a raggi X, analisi microscopiche.

Analisi

La prima fase della diagnosi è controllare il sistema genito-urinario per la presenza di malattie infettive e infiammatorie. Per questo, vengono eseguite le seguenti operazioni:

  1. Analisi del sangue generale. Identificazione di indicatori generali per tutto il corpo, corso dei processi infiammatori, presenza di suppurazione, azione di agenti patogeni o parassiti infettivi, livello di zucchero, stato del sistema immunitario.
  2. Analisi del sangue per marker tumorali. Controllo di tumori maligni.
  3. Chimica del sangue. La presenza di macro e microelementi, l'equilibrio ormonale, la presenza di proteine ​​biologicamente attive (AST, globulina).

Inoltre, viene eseguita l'analisi delle urine per tracciare un quadro dei processi che si verificano specificamente nel sistema genito-urinario: un campione secondo Zimnitsky e, se necessario, un'analisi secondo Nechiporenko.

Metodi strumentali

Per stabilire la causa della malattia, vengono utilizzati i seguenti metodi diagnostici:

  1. Ultrasuoni. Determinazione del difetto tissutale. Viene eseguito con disfunzione iporeflessa.
  2. MRI. Registra il passaggio degli impulsi nervosi del sistema nervoso centrale e del sistema periferico dal cervello all'urea.
  3. Uretrocistografia professionale. Consente di visualizzare le dinamiche della minzione.
  4. Urografia a risonanza magnetica. Un'alternativa ai metodi a raggi X per determinare la densità dei tessuti.

Ulteriori esami

Se i metodi diagnostici di laboratorio e strumentali non hanno trovato la causa della patologia o le informazioni durante il loro utilizzo non sono sufficienti per prescrivere una terapia efficace, vengono eseguiti ulteriori esami:

  1. Uroflowmetry. Vengono misurati la velocità del flusso durante la minzione, la durata del processo, la pressione del flusso in tutte le fasi del processo, il rapporto tra la quantità di urina e il liquido bevuto. L'uroflussimetria viene eseguita 3 o più volte durante il giorno, dopo il risveglio, nel mezzo del ciclo di attività, prima di coricarsi.
  2. Cistometria. Misurazione del volume della vescica, in cui si verifica la minzione volontaria, il volume a cui si verifica l'impulso. Una soluzione salina della stessa concentrazione e temperatura dell'urina viene iniettata nell'uretra utilizzando un catetere. Il paziente viene intervistato e le letture del cistometro vengono registrate. Il metodo viene utilizzato per la disfunzione iperriflessa.
  3. Profilometria. Misurazione della rugosità della superficie dell'urea e della superficie interna dell'uretra. La pressione del getto viene misurata in parallelo durante lo svuotamento.
  4. Sfinterometria. Un sensore è inserito nell'uretra, che per 30 minuti legge la pressione degli sfinteri durante la contrazione.

Trattamento

Per il trattamento di una vescica neurogena vengono prescritti terapia farmacologica, fisioterapia, esercizi per i muscoli addominali, psicoterapia, massaggi. Con forti cambiamenti nella disfunzione e in assenza di controindicazioni, viene eseguita la chirurgia.

Trattamento farmacologico

Sono prescritti i seguenti farmaci:

  • farmaci antinfiammatori non steroidei - Diclofenac, Xanthinol, Nimesulide;
  • antibatterico - Ceftriaxone, Cefotaxime, EMSEF-1000, Bicillin, Ofloxacin, Ciprofloxacin;
  • antidepressivi triciclici - Melipramina;
  • alfa-bloccanti - fentolamina;
  • inibitori dell'assorbimento del calcio - Nifedipina;
  • analgesici - Ketanol;
  • antispastici - Euphyllin, Vincamine;
  • stabilizzatori del passaggio degli impulsi nervosi del sistema nervoso centrale - Cerebrolysin.

Trattamento non farmacologico

Parallelamente alla terapia farmacologica, il trattamento urinario è prescritto con rimedi popolari:

  1. Fisioterapia. Per accelerare il passaggio degli impulsi nervosi con lesioni della colonna vertebrale sacrale o per allenare la vescica con neuropatia ipoattiva - magnetoterapia, laser e riflessologia.
  2. Esercizi per allenare gli sfinteri e i muscoli addominali. Fai movimenti con lo sfintere anale. Alza e abbassa le gambe da sdraiato, solleva e abbassa il basso addome, inspirando ed espirando, solleva e abbassa il bacino da sdraiato. Il numero di ripetizioni e approcci è determinato dal medico curante e dal massaggiatore.
  3. Psicoterapia. Il corso è determinato da uno psicologo in base al fattore provocante: paura, bassa autostima, fattori sociali.
  4. Una tecnica basata sul principio del biofeedback. Vengono visualizzate le informazioni sulla pienezza della vescica. Il paziente ha l'opportunità di analizzare i suoi sentimenti e, con l'uso prolungato della tecnica, si sviluppa un riflesso condizionato all'impulso di svuotare.
  5. Rimedi omeopatici. Enuran, Urilan. L'omeopatia è efficace nelle prime fasi della malattia.

Metodi tradizionali

Il complesso del trattamento aggiuntivo è compilato in base al fattore principale di occorrenza:

  1. Se la LUT si verifica a causa di un raffreddore dei muscoli o delle terminazioni nervose, riscaldare 50 g di sale e farina in un contenitore di metallo. Versare in un sacchetto di lino. Applicare uno strato sottile sull'addome inferiore. È impossibile con una vescica ristretta, con suppurazione.
  2. Se il fattore principale è la malattia mentale - 350 g di acqua bollente per 1 cucchiaino. valeriana, camomilla e melissa. Bollire per non più di 1 minuto. Bere 50 g 3-4 volte al giorno. Non con pressione sanguigna bassa, pelle secca, gravidanza, diarrea.
  3. Con regolare ristagno di urina - per 0,5 litri di acqua fredda 4 cucchiai. l. foglia di mirtillo rosso, 2 cucchiai. l. camomilla, 1 cucchiaio. l. piantaggine. Bollire per 3-5 minuti. Bere in 2 dosi. Non ha controindicazioni, ad eccezione delle allergie agli ingredienti.

Intervento chirurgico

Vengono eseguite le seguenti tipologie di operazioni:

  1. Chirurgia plastica della vescica. Può essere eseguito per entrambe le disfunzioni.
  2. Resezione parziale del collo MP. Il paziente può svuotare l'MP premendo leggermente sulla sua parete anteriore.
  3. Incisione dello sfintere. Per aumentare l'area e ridurre la pressione sul detrusore.

Le principali controindicazioni per la chirurgia:

  • malattie infettive;
  • infiammazione;
  • fattori che influenzano il sistema cardiovascolare.

Caratteristiche del trattamento degli uomini

Il trattamento di una vescica neurogena negli uomini ha limitazioni nell'uso di bloccanti adrenergici: l'equilibrio ormonale e l'attività della prostata possono essere disturbati. A causa della lunghezza e del piccolo spessore dell'uretra, ci sono limitazioni nei metodi di cateterizzazione. La resezione del collo o l'incisione del fetrusore possono influire negativamente sulla funzione riproduttiva ed erettile.

Trattamento delle donne

Il trattamento della disfunzione della vescica nelle donne durante la gravidanza implica il divieto di assumere farmaci che influenzano il tono dei muscoli della zona dell'anca, e questo è quasi tutti i farmaci per il trattamento della LUT.

I farmaci omeopatici sono sicuri durante la gravidanza. A causa della complessa organizzazione emotiva, la psicoterapia deve essere somministrata con cautela. Ma questo metodo di trattamento è parte integrante della complessa terapia della LUT nelle donne..

Previsione

Più accurata è la diagnosi, più favorevole è la prognosi di una cura completa. Anche se non è stato possibile trovare la causa della malattia, un trattamento complesso allevierà in modo significativo la condizione.

Ci sono spesso diverse cause di disfunzione. Il trattamento è considerato efficace quando le manifestazioni sintomatiche della malattia sono completamente eliminate. Se la malattia è insorta a causa di traumi o ridotta attività del cervello, il trattamento è considerato efficace se le complicanze sono state prevenute.

Complicazioni

L'accesso tardivo alle cure mediche può portare allo sviluppo delle seguenti patologie:

  • insufficienza renale - ridotta funzione di filtrazione dei reni;
  • nefrosclerosi: porta all'atrofia renale;
  • l'ipertensione arteriosa può provocare infarto o ictus;
  • pielonefrite - infiammazione dei reni, accompagnata da processi purulenti in tutto il corpo e una temperatura elevata di 39,5 e oltre durante il giorno.

Prevenzione

In alcuni casi, non è possibile prevenire traumi, patologie congenite, malattie del sistema muscolo-scheletrico e LUT. Ma nella maggior parte dei casi, puoi prevenire la comparsa di questa patologia..

Per fare questo, è sufficiente mangiare correttamente e in tempo, non raffreddarsi troppo, non abusare di alcol, in base alle caratteristiche del corpo, fare sport, eseguire atti di minzione e defecazione quando se ne presenta la necessità..

Per prevenire qualsiasi malattia della vescica, è necessario bere molti liquidi, ma in piccole porzioni. Le persone inclini all'infiammazione dovrebbero evitare i succhi di frutta acidi. I pazienti con pressione sanguigna bassa vogliono caffè, succo di barbabietola, succo di anguria.

Vescica neurogena

La vescica neurogena è una disfunzione della vescica causata da patologie congenite o acquisite del sistema nervoso. A seconda dello stato del detrusore, il tipo di patologia iper e iporiflessa è differenziato. La malattia può manifestarsi con pollachiuria, incontinenza urinaria o sua ritenzione patologica. La diagnosi della sindrome consiste in un esame neurologico e urologico completo (analisi, urografia, ecografia dei reni e della vescica, uroflorometria, cistografia e cistoscopia, sfinterometria, radiografia e risonanza magnetica della colonna vertebrale, risonanza magnetica del cervello, ecc.). Il trattamento può includere terapia non farmacologica e farmacologica, cateterismo vescicale, chirurgia.

  • Le ragioni
  • Classificazione
  • Sintomi
  • Complicazioni
  • Diagnostica
  • Trattamento della vescica neurogena
  • Prezzi del trattamento

Informazione Generale

Una vescica neurogena è una condizione abbastanza comune nell'urologia clinica associata all'impossibilità di accumulo volontario di riflessi ed escrezione di urina a causa di danni organici e funzionali ai centri nervosi e alle vie che regolano questo processo. I disturbi della minzione hanno un aspetto sociale, poiché possono limitare l'attività fisica e mentale di una persona, creare un problema del suo adattamento sociale nella società.

La patologia è spesso accompagnata da sindrome miofasciale, sindrome da congestione venosa pelvica (stasi venosa). In oltre il 30% dei casi, si osserva lo sviluppo di alterazioni infiammatorie e distrofiche secondarie nel sistema urinario: reflusso vescico-ureterale, cistite cronica, pielonefrite e ureteroidronefrosi, che portano a ipertensione arteriosa, nefrosclerosi e insufficienza renale cronica, che possono minacciare la disabilità precoce.

Le ragioni

Un fallimento che si verifica in qualsiasi fase della complessa regolazione multi-livello del processo di minzione può portare allo sviluppo di una delle tante varianti cliniche di una vescica neurogena. Negli adulti, la sindrome è associata a danni al cervello e al midollo spinale (con ictus, compressione, chirurgia, frattura spinale), nonché a malattie infiammatorie-degenerative e neoplastiche del sistema nervoso: encefalite, encefalomielite disseminata, polineuropatia, poliradicoloneurite, tuberosteatomoma e tubercolosi, tubercolosi. d.

Una vescica neurogena nei bambini può manifestarsi con difetti congeniti nello sviluppo del sistema nervoso centrale, della colonna vertebrale e degli organi urinari, dopo una lesione alla nascita. L'incontinenza urinaria può essere causata da una diminuzione della compliance e della capacità della vescica dovuta a cistite o malattie neurologiche.

Classificazione

Allocare una vescica neurogena iperreflessa, che si manifesta nella fase di accumulo da detrusore iperattivo (con lesioni soprasegmentali del sistema nervoso) e iporeflessa - con ridotta attività detrusoriale in fase di escrezione (con danno all'apparato segmentario-periferico di regolazione della minzione). La sindrome può essere basata sulla desincronizzazione del detrusore e dello sfintere della vescica (dissinergia detrusore-sfintere interna ed esterna).

Sintomi

La sindrome della vescica neurogena può avere manifestazioni permanenti, periodiche o episodiche e la varietà delle sue varianti cliniche è determinata dalla differenza nel livello, natura, gravità e stadio del danno al sistema nervoso. La pollachiuria, inclusa la nicturia, l'urgenza e l'incontinenza urinaria, sono tipiche della patologia iperattiva. La predominanza del tono detrusore porta ad un aumento significativo della pressione intravescicale con una piccola quantità di urina, che, con sfinteri deboli, provoca urgenza e minzione frequente.

Il tipo di sindrome iperattivo è caratterizzato da uno stato spastico e svuotamento con un accumulo inferiore a 250 ml di urina; l'assenza o il piccolo volume di urina residua, la difficoltà nell'insorgenza volontaria e l'atto stesso della minzione; la comparsa di sintomi autonomici (sudorazione, aumento della pressione sanguigna, aumento della spasticità) prima della miczione in assenza di urgenza; la capacità di provocare la minzione per irritazione della zona della coscia e sopra il pube. In presenza di una serie di disturbi neurologici, può verificarsi un flusso rapido incontrollato di un grande volume di urina - "vescica cerebrale senza ostacoli".

La predominanza relativa del tono dello sfintere nella dissinergia detrusore-sfintere è espressa dalla completa ritenzione urinaria, dalla minzione durante lo sforzo e dalla presenza di urina residua. Una vescica neurogena ipoattiva si manifesta con una diminuzione o assenza di attività contrattile e svuotamento con una vescica piena e anche traboccante in fase di escrezione.

A causa dell'ipotensione detrusoriale, non vi è alcun aumento della pressione intravescicale necessaria per superare la resistenza dello sfintere, che porta a ritenzione completa o minzione lenta, tensione durante la miczione, presenza di un grande volume (fino a 400 ml) di urina residua e una sensazione di pienezza della vescica. Con una vescica ipotonica dilatata, è possibile l'incontinenza urinaria (ischuria paradossa), quando il trabocco dell'organo porta allo stiramento meccanico dello sfintere interno e all'escrezione incontrollata di urina in gocce o piccole porzioni verso l'esterno.

Complicazioni

La denervazione provoca lo sviluppo di disturbi trofici pronunciati e complicazioni sotto forma di cistite interstiziale, che portano alla sclerosi e alle rughe della vescica. Nel tratto urinario possono formarsi calcoli che interferiscono con il flusso di urina, provocando lo sviluppo di infezioni. In caso di spasmo dello sfintere, può verificarsi reflusso vescico-ureterale (riflusso dell'urina negli ureteri e nei reni, con conseguente infiammazione). La sindrome è spesso accompagnata da disturbi nevrotici funzionali, che possono successivamente diventare definitivi.

Diagnostica

Per la diagnosi è necessario condurre un'accurata raccolta dell'anamnesi, esame di laboratorio e strumentale. In un'indagine sui genitori di un bambino con una vescica neurogena, scoprono come è proceduto il parto, se esiste una predisposizione ereditaria alla malattia. Per escludere malattie infiammatorie del sistema urinario, viene eseguito un esame del sangue e delle urine - un generale, secondo Nechiporenko, un test funzionale di Zimnitsky, uno studio biochimico di urina e sangue.

I principali metodi di diagnostica strumentale della sindrome sono l'ecografia dei reni e della vescica urinaria, la cistoscopia, la risonanza magnetica, l'esame a raggi X delle vie urinarie (uretrocistografia convenzionale ed escretoria, urografia escretoria, pielografia ascendente, renografia radioisotopica), studi urodinamici (cistometria, sfinterometria), uretroometria.

In assenza di malattie del sistema urinario, viene eseguito un esame neurologico per rilevare la patologia del cervello e del midollo spinale mediante elettroencefalografia, TC, risonanza magnetica, radiografia del cranio e della colonna vertebrale. Viene eseguita la diagnostica differenziale con ipertrofia prostatica e incontinenza urinaria da stress negli anziani. Se è impossibile stabilire la causa della malattia, si parla di una vescica neurogena con un'eziologia poco chiara (idiopatica).

Trattamento della vescica neurogena

La terapia viene eseguita congiuntamente da un urologo e un neurologo; il suo piano dipende dalla causa accertata, dal tipo, dalla gravità della disfunzione della vescica, dalla patologia concomitante (complicanze) e dall'efficacia del trattamento precedente. Applica trattamenti non farmacologici, medici e chirurgici, iniziando con trattamenti meno traumatici e più sicuri.

La variante iperattiva risponde meglio al trattamento. Vengono utilizzati farmaci che riducono il tono dei muscoli della vescica urinaria, attivano la circolazione degli organi ed eliminano l'ipossia: farmaci anticolinergici (ioscina, propantelina, ossibutinina), antidepressivi triciclici (imipramina), calcioantagonisti (nifedipina), bloccanti alfa-adrenergici) (fibenentolaminza).

Recentemente, l'uso di iniezioni di tossina botulinica nella parete della vescica o dell'uretra, la somministrazione intravescicale di capsaicina e resinferatossina sono considerati abbastanza promettenti nel trattamento dell'iperreflessia, della dissenergia detrusore-sfintere e dell'ostruzione dello sbocco vescicale. Inoltre, vengono prescritti farmaci a base di acido succinico, L-carnitina, acido hopantenico, acido N-nicotinoil-gamma-amminobutirrico, forme coenzimatiche di vitamine con effetti antiipossici e antiossidanti.

Parallelamente, vengono utilizzati metodi non farmacologici per il trattamento della vescica neurogena: fisioterapia (esercizi speciali per i muscoli pelvici), fisioterapia (stimolazione elettrica, terapia laser, ossigenazione iperbarica, terapia diadinamica, applicazioni di calore, ultrasuoni), allenamento della vescica, normalizzazione del bere e dei modelli di sonno, psicoterapia.

La variante ipoattiva della malattia è più difficile da trattare. La congestione esistente nella vescica crea il rischio di infezione, lo sviluppo di lesioni secondarie del sistema urinario. Nel trattamento della sindrome neurogena con segni di ipotensione, è importante garantire uno svuotamento regolare e completo della vescica (con l'ausilio di minzione forzata, compressione esterna (ricezione di Crede), metodi fisioterapici, allenamento dei muscoli della vescica e del pavimento pelvico, cateterismo periodico o permanente).

I colinomimetici indiretti e M (cloruro di betanecolo, bromuro di distigmina, aceclidina, galantamina) sono usati come terapia farmacologica, che migliorano la motilità della vescica, riducono il suo volume effettivo e la quantità di urina residua. Gli alfa-bloccanti vengono prescritti individualmente (fenossibenzamina - per dissinergia detrusore-sfintere interna, diazepam e baclofen - per dissinergia detrusore-sfintere esterna), alfa-simpaticomimetici (midodrina e imipramina - in caso di incontinenza urinaria da stress).

Durante la terapia farmacologica di una vescica neurogena per la prevenzione delle infezioni urinarie, è necessario controllare la quantità di urina residua e assumere farmaci antibatterici (nitrofurani, sulfonamidi), soprattutto nei pazienti con reflusso vescico-ureterale.

L'intervento chirurgico endoscopico in caso di ipotensione d'organo consiste nella resezione transuretrale a forma di imbuto del collo vescicale, che successivamente prevede la possibilità di svuotamento mediante debole pressione dall'esterno. Nella variante iperreflessa (con spasticità del pavimento pelvico e dissinergia detrusore-sfintere), viene praticata un'incisione dello sfintere esterno, che riduce la pressione urinaria e, successivamente, l'iperreattività del detrusore, aumentando la capacità della vescica.

È anche possibile allargare la vescica operativamente (utilizzando plastica tissutale), eliminare il reflusso vescico-ureterale e installare un drenaggio cistostomico per svuotare la vescica. Il trattamento patogenetico della sindrome della vescica neurogena può ridurre il rischio di danni alle vie urinarie e la necessità di un intervento chirurgico futuro.

10 sintomi principali e 3 principi di trattamento per la vescica neurogena

Ci sono molte malattie che sconvolgono il modo in cui le persone vivono, ma una di queste è nella loro testa. Stiamo parlando di una vescica neurogena. Normalmente, il processo di minzione è un atto riflesso volontario e una persona è in grado di controllarlo, ma con questa malattia tutto è completamente diverso..

Cos'è la vescica neurogena?

Una vescica neurogena è intesa come una patologia in cui la funzione di un organo è compromessa a causa della presenza di varie patologie del sistema nervoso periferico o centrale. La malattia non rappresenta una minaccia diretta per la salute del paziente, ma gli causa molti disagi, nei casi più gravi, letteralmente "legandosi" alla toilette.

In misura maggiore, il gentil sesso soffre di questa malattia, il rapporto approssimativo è 1: 3. Attualmente, la malattia si verifica abbastanza spesso e, sfortunatamente, molti pazienti vivono fianco a fianco per tutta la vita.

Come viene controllata la minzione?

La piccola vescica è un organo situato nella piccola pelvi, a contatto con il retto, l'utero nelle donne e la prostata negli uomini..

Contiene 3 strati:

  • tessuto connettivo esterno;
  • muscolo medio;
  • mucoso interno.

La funzione principale è la conservazione temporanea dell'urina e la sua uscita attraverso l'uretra (uretra). Il processo di eliminazione dipende direttamente dall'attività di due muscoli principali: il detrusore e lo sfintere. Quest'ultimo appartiene ai muscoli scheletrici e può essere controllato dalla coscienza umana. Il detrusore, a sua volta, è un muscolo liscio ed è soggetto solo al sistema nervoso autonomo, che consiste di gangli nervosi (nodi) e altre formazioni.

Il processo di minzione è un sistema molto preciso e ben funzionante, la cui precisione dipende da molti fattori. Il fattore scatenante è l'accumulo di una certa quantità di urina (in media, circa 150-200 ml). Si verifica l'irritazione del detrusore, i segnali dai quali si diffondono prima al midollo spinale e poi al cervello.

In risposta, quest'ultimo invia un impulso al midollo spinale sacrale, dove si formano due segnali finali: contrarre il detrusore e rilassare lo sfintere. Se il programma viene implementato con successo in tutte le fasi, la vescica è in grado di svuotarsi completamente.

Forme della malattia

La vescica neurogena è un problema urologico molto grave ed è suddivisa dagli specialisti in diversi tipi:

  • iperattivo, in cui l'attività del detrusore e dello sfintere è spastica;
  • iporeattivo - caratterizzato da una limitazione o completa violazione dell'attività motoria del detrusore e aumento della tensione dello sfintere.

In base al livello di disturbo della regolazione nervosa, ci sono:

  • lesioni soprasacrale. La connessione tra la colonna vertebrale sacrale e il cervello è interrotta, il problema può essere trovato nella colonna lombare, toracica o cervicale;
  • sub-sacrale. Il midollo spinale sacrale è danneggiato, in cui si trova uno dei centri di regolazione della minzione;
  • sovrapontina. Il danno è localizzato nelle parti superiori del sistema nervoso centrale: la corteccia cerebrale.

Alcuni autori sottolineano:

  • incontinenza da stress, che si verifica sullo sfondo di un eccessivo shock emotivo;
  • vescica neurogena posturale, manifestazioni in cui si verificano solo sullo sfondo di un cambiamento nella posizione del corpo;
  • detrusore-sfintere dissenergia - dissociazione nel lavoro di queste strutture.

Cause di violazione della regolazione centrale della minzione

Il danno alle cellule nervose centrali e ai loro processi può essere causato da:

  • trauma cranico;
  • neoplasie benigne o maligne del midollo spinale o del cervello;
  • malattie infiammatorie infettive delle membrane o sostanze del cervello di varie eziologie (virali, parassitarie, fungine, batteriche) - meningite, mielite, encefalite;
  • compromissione acuta della circolazione cerebrale (ictus emorragico o ischemico);
  • fratture delle ossa del cranio o della colonna vertebrale;
  • edema cerebrale;
  • rottura trasversale completa o parziale del midollo spinale;
  • Morbo di Parkinson - caratterizzato dalla distruzione dei neuroni che producono una sostanza specifica - la dopamina, e influenza l'attività del sistema nervoso centrale;
  • sclerosi multipla - una patologia autoimmune che colpisce le guaine mieliniche delle fibre nervose.

Cause di violazione della regolazione periferica della minzione

Questo gruppo include le seguenti condizioni e malattie:

  • trauma sacrale;
  • interventi chirurgici su organi situati nella piccola pelvi: l'utero e le sue appendici, la prostata, la vescica o il retto;
  • fratture delle vertebre coccigee o sacrali;
  • tumori degli organi pelvici;
  • diabete mellito o uso prolungato di bevande alcoliche - entrambe le condizioni portano allo sviluppo di polineuropatia (danno alla guaina mielinica con conseguente disturbo dell'innervazione);
  • meningomielocele: un'ernia del midollo spinale;
  • atto di nascita traumatico.

Sintomi di una vescica neurogenica

Le manifestazioni della malattia sono espresse in una forma iperreattiva:

  • aumento della frequenza di minzione in piccoli volumi più di otto volte al giorno;
  • un bisogno imperativo (improvviso, irresistibile) di svuotare la vescica;
  • perdita involontaria o incontinenza urinaria completa (enuresi).

La forma iporeattiva è caratterizzata da un quadro più dettagliato della malattia, che include:

  • riempimento eccessivo della vescica (più di mezzo litro);
  • una costante sensazione di svuotamento incompleto;
  • improvvisa interruzione della minzione;
  • forte tensione quando si cerca di svuotare;
  • produzione di urina incontrollata dovuta a un allungamento eccessivo dello sfintere esterno con un grande volume di liquido accumulato (ischuria paradossa);
  • minzione rara (vescica "pigra"), spesso associata a costipazione e aggiunta di un'infezione batterica;
  • nelle fasi gravi, c'è una violazione della circolazione sanguigna nei reni, con la sostituzione del parenchima con tessuto connettivo (nefrosclerosi) e lo sviluppo del restringimento secondario dell'organo, accompagnato dalla sua pronunciata insufficienza.

Con dissinergia detrusore-sfintere (sindrome di Hinman), svuotamento incompleto o ritardo assoluto nel flusso di urina, si nota la miction (minzione) con qualsiasi tensione. L'incontinenza da stress è accompagnata dalla perdita incontrollata di una piccola quantità di urina, che porta molti disagi ai pazienti, e in alcuni casi devono ricorrere all'uso costante di pannolini o assorbenti.

I sintomi di una vescica neurogena posturale compaiono solo quando la posizione del corpo da orizzontale a verticale viene modificata, espressa durante il giorno aumento del numero di minzioni (pollachiuria) e normale accumulo di urina durante la notte.

Metodi moderni per la diagnosi della vescica neurogena

Per identificare la malattia, gli specialisti eseguono:

  • intervistare il paziente e raccogliere reclami tipici su vari disturbi urinari;
  • esame generale e palpazione della regione pubica, che consente di identificare i cambiamenti nelle dimensioni della vescica;
  • l'esame neurologico ha lo scopo di identificare violazioni della funzione motoria o sensoriale di varie aree;
  • sono necessari esami ginecologici e rettali per rilevare neoplasie dell'utero o delle sue appendici, del retto e della prostata.

Quindi vengono eseguiti numerosi test di laboratorio e studi strumentali:

  • un esame del sangue generale rivela una diminuzione dell'emoglobina, caratteristica dei tumori e un aumento della velocità di sedimentazione dei leucociti e degli eritrociti quando è attaccata un'infezione batterica;
  • è necessario un esame del sangue biochimico (urea, creatinina) per valutare la funzione renale;
  • analisi del liquido cerebrospinale in caso di danni alle membrane o alla materia del cervello, che consente di determinare un aumento di proteine, leucociti (con infezione) ed eritrociti (con emorragia);
  • esame ecografico degli organi del sistema urinario - caratteristico un grande volume di urina residua, rilevamento di varie neoplasie - adenoma, cancro;
  • Raggi X della colonna vertebrale e delle ossa del cranio - per identificare le violazioni della loro integrità;
  • la risonanza magnetica o computerizzata viene utilizzata per valutare più accuratamente lo stato del midollo spinale e del cervello;
  • l'elettroneuromiografia è necessaria per determinare il movimento del segnale nervoso attraverso i muscoli e i nervi, consente di identificare il livello di danno - centrale o periferico;
  • l'uroflussometria riflette tutte le fasi della minzione e aiuta a determinare il tipo di vescica neurogena;
  • la cistoscopia è necessaria per valutare le condizioni della vescica.

Trattamenti per la vescica neurogena

Il trattamento per la vescica neurogena nelle donne è lo stesso degli uomini. Dai farmaci utilizzati:

  • farmaci che alleviano lo spasmo dei muscoli della vescica: ossibutinina, hyoscina, propantelina;
  • stimolare l'attività muscolare - Neostigmina, Distigmina, Galantamina, Aceclidina;
  • migliorare la circolazione sanguigna - Pentossifillina, Trental;
  • agisce positivamente sui processi metabolici nel tessuto nervoso - vitamine B1, B6, B12 (complesso B, Milgamma), Elkar, Mexidol, Strezam;
  • antibiotici per infezioni batteriche concomitanti - Ciprofloxacina, Levofloxacina, Ceftriaxone, Cefotaxime.

Metodi operativi

Con l'inefficacia dei metodi conservativi, ricorrono all'intervento chirurgico, che consiste in:

  • escissione di una parte del detrusore spasmodico (miectomia);
  • svuotamento della vescica con un tubo speciale (cateterizzazione);
  • creare un "serbatoio di urina" di comunicazione artificiale con l'ambiente esterno attraverso l'apertura sopra il pube nella parte anteriore dell'addome (epicistostomia);
  • escissione di una parte dello sfintere (resezione transuretrale).

Terapia dietetica, cibi che fanno bene alla vescica

Per mantenere la normale attività funzionale della vescica, è necessario consumare i seguenti prodotti utili per essa:

  • pesce di mare;
  • pane integrale;
  • uova di gallina;
  • frutta e verdura fresca;
  • bacche - mirtilli rossi, rosa canina, mirtilli rossi, more, ribes nero e rosso;
  • prodotti a base di latte fermentato - ricotta, kefir.

A sua volta, dovresti evitare:

  • carni affumicate;
  • alcol;
  • marinate e cibi in scatola;
  • Fast food;
  • condimenti caldi e spezie.

Conclusione

La prognosi di questa spiacevole malattia è molto individuale. In alcuni pazienti, la malattia persiste per il resto della loro vita, in alcuni passa senza lasciare traccia e nei casi più gravi si formano le sue complicazioni:

  • idronefrosi;
  • insufficienza renale cronica;
  • pielonefrite;
  • la formazione di calcoli renali e vescica;
  • pronunciata espansione dell'uretra - megauretere.

Abbiamo lavorato duramente per assicurarci che tu possa leggere questo articolo e saremo lieti di ricevere il tuo feedback sotto forma di valutazione. L'autore sarà lieto di vedere che sei stato interessato a questo materiale. grazie!

Vescica neurogena

dermatovenerologo / Esperienza: 44 anni


Data di pubblicazione: 2019-03-27

urologo / Esperienza: 27 anni

Il termine "vescica neurogena" si riferisce alla disfunzione della vescica, che appare dovuta a malformazioni acquisite o congenite del sistema nervoso. Esistono due tipi di questa malattia: iporiflesso e iperriflesso, ciascuno dei quali è determinato dallo stato del detrusore. Una vescica neurogena, i cui sintomi danno ai pazienti molti disagi, viene diagnosticata attraverso un intero elenco di esami medici. Prima di tutto, viene prescritta una gamma completa di esami neurologici e urologici. Il trattamento di una vescica neurogena viene effettuato mediante terapia farmacologica e non farmacologica, a volte ricorrono alla cateterizzazione della vescica, in alcuni casi è necessario un intervento chirurgico.

Tale disfunzione si verifica abbastanza spesso, si manifesta in assenza della possibilità di accumulo di riflesso volontario, nonché di escrezione di urina, provocata da lesioni funzionali e organiche delle vie nervose, centri responsabili del controllo di questi processi.

Una vescica neurogena, le cui cause della malattia non sono sempre chiare, è caratterizzata da disturbi che costringono una persona ad abbandonare molte manifestazioni di attività sociale e gioie della vita, interrompendo il suo rapporto con la società.

Spesso sullo sfondo di questa sindrome, c'è anche una sindrome da stasi venosa nella parte pelvica, sindrome miofasciale. Spesso, insieme ad esso, compaiono vari cambiamenti nel sistema urinario di natura distrofica o infiammatoria. Ad esempio, pielonefrite, ureteroidronefrosi, reflusso vescico-ureterale, che provocano malattie gravi come insufficienza renale cronica, ipertensione arteriosa, nefrosclerosi.

Cause della sindrome della vescica neurogena

La causa di una vescica neurogena è spesso un fallimento che si verifica a uno dei tanti livelli di regolazione del processo urinario. Nella popolazione adulta, entrambe le varianti di questa sindrome si presentano spesso a seguito di lesioni del midollo spinale e cerebrali causate da ictus, intervento chirurgico, compressione o frattura spinale. Può anche essere causato da malattie del sistema nervoso, principalmente di natura infiammatorio-degenerativa, tumori, ad esempio, tubercoloma, polineuropatia di post-vaccinazione, origine diabetica o tossica, colesteatoma, encefalomielite disseminata ed encefalite, poliradicoloneurite.

La vescica neurogena è comune nei bambini. La sindrome può essere una conseguenza di traumi alla nascita o disturbi congeniti negli organi urinari, problemi congeniti al sistema nervoso centrale. Dopo aver sofferto di malattie neurologiche, così come la cistite, l'elasticità della vescica può diminuire, la sua capacità può diminuire, il che provoca incontinenza urinaria nella sindrome della vescica neurogena.

Sintomi di una vescica neurogenica

La minzione frequente del solito è considerata un sintomo comune dell'iperreflessia del detrusore, che si verifica con lesioni localizzate sopra il centro della minzione. C'è anche stranguria (minzione frequente e difficile, che causa dolore), incontinenza urinaria imperativa. Non esiste un sistema ben consolidato nella manifestazione dei segni di una vescica neurogena. Questo fatto colpisce soprattutto l'attività sociale dei pazienti che sono imbarazzati quando si verificano e temono che i sintomi appaiano nel momento più inopportuno..

Tali sintomi sono una manifestazione della perdita o diminuzione del controllo volontario sulla minzione, nonché dell'estinzione della funzione adattativa del detrusore. Di conseguenza, il volume richiesto di urina non può accumularsi nella vescica, mentre rimane un atto urinario indipendente.

Se la lesione cade nell'area sopra l'osso sacro, si verifica iperreflessia detrusoriale e talvolta incontinenza urinaria imperativa (ad esempio, con disturbi cerebrali). Una caratteristica delle lesioni spinali è che sono colpite le vie reticolo-spinali, che giocano un ruolo nell'integrazione sinergica dell'attività del detrusore, così come lo sfintere uretrale. Pertanto, c'è una contrazione involontaria del detrusore e una contrazione dello sfintere uretrale. In questo caso, la minzione viene ritardata, la pressione all'interno della vescica aumenta.

Con tali lesioni del midollo spinale si verifica minzione frequente, c'è anche minzione imperativa e talvolta incontinenza urinaria imperativa e spesso si osserva stranguria. Anche la minzione intermittente a intervalli è un sintomo popolare. Quando il getto viene interrotto, il dolore si verifica nel perineo e nell'addome inferiore. In una tale situazione, la vescica non viene svuotata completamente e l'urina residua può portare a varie infiammazioni nella vescica e nel tratto urinario. Nel caso di tali lesioni, lo sfintere striato non si rilassa al 100%, può verificarsi la sua paralisi, che porterà all'incontinenza urinaria dello sfintere.

Se la lesione si verifica direttamente nella regione dell'osso sacro, l'estinzione della contrazione riflessa si sviluppa il detrusore e anche lo sfintere uretrale striato perde la capacità di contrarsi. In tali situazioni, la voglia di urinare di una persona può scomparire. Se, in assenza di urgenza, il paziente non esegue lo svuotamento forzato regolare della vescica, questa trabocca e si verifica l'incontinenza urinaria. Inoltre, come opzione, si può osservare difficoltà nel processo di minzione, può passare sotto forma di un flusso sottile, mentre la vescica non si svuota completamente. In caso di lesioni sacrali, una vescica neurogena, che non è stata trattata in tempo, può causare varie malattie e disturbi, come reflusso vescico-ureterale, insufficienza renale cronica, pielonefrite, ecc..

Disturbi gravi si verificano con qualsiasi denervazione della vescica. La malattia è spesso associata alla cistite, che causa la sclerosi della vescica e la sua microcisti (rughe). In caso di una tale complicanza, è spesso necessario ricorrere ad un aumento delle dimensioni della vescica mediante intervento chirurgico.

Diagnostica della vescica neurogena

La vescica neurogena, i cui sintomi sono molto vari e complessi, è difficile da diagnosticare. In questo caso, per eseguire il trattamento corretto, è necessario non solo fare una diagnosi, ma anche chiarire la patogenesi della malattia, per chiarire esattamente quali cambiamenti si sono verificati in quali organi e sistemi.

Prima di tutto, lo specialista analizza attentamente la storia del paziente. Questo aiuta a scoprire la natura dei disturbi della minzione, per determinare se ci sono altri sintomi: malessere generale, sete, disturbi visivi e disturbi intestinali. È anche necessario chiarire le informazioni sulla dinamica dei disturbi urinari. La diagnosi sarà semplificata dai dati sulle malattie del sistema nervoso, in particolare quelle accompagnate da paralisi del tronco inferiore, presenza di traumi cranici, colonna vertebrale, ernie spinali.

Alla reception, il medico esamina il paziente, valutando il suo aspetto. Ad esempio, a volte c'è una mancanza di fiducia nell'andatura, una persona ondeggia da un lato all'altro (si chiama "anatra"). Inoltre, lo specialista conduce uno studio sui riflessi e sulla sensibilità. L'esame visivo e la palpazione consentono di rivelare la presenza di fistole del canale sacrale, ernie spinali, sottosviluppo del coccige o del sacro e altri difetti. Problemi con i processi di minzione e defecazione possono emanare un odore, una macchia sulla biancheria intima, l'ipertrofia del prepuzio. È anche importante valutare le condizioni della vescica (distensione), controllare il dolore renale, determinare la presenza o l'assenza di atonia sfinterica.

Tra i test di laboratorio, un test delle urine generale, un'analisi secondo Nechiporenko, un campione secondo Zimnitsky sono considerati obbligatori. Inoltre, viene prescritto un esame del sangue generale (aiuta a identificare l'anemia), vari esami del sangue biochimici, che consentono di identificare le interruzioni nel metabolismo degli elettroliti che si verificano nell'insufficienza renale cronica, condurre test di clearance.

Un aspetto importante nella diagnosi della sindrome sono gli esami radiografici:

  • Radiografia normale (consente di valutare la dimensione dei contorni dei reni e della vescica, per rivelare la scissione del canale spinale nella regione lombosacrale, sottosviluppo del coccige, sacro, per confermare la presenza o l'assenza di ernie spinali e varie deformità).
  • Uretrocistografia professionale e convenzionale (consente di determinare lo spostamento della vescica, restringimento o allargamento dell'uretra, falsi diverticoli, reflusso vescico-ureterale-pelvico e altri disturbi).
  • Urografia escretoria (consente di notare un cambiamento nelle dimensioni del sistema pielocaliceale, per valutare l'attività dei reni).
  • Pielografia ascendente (usata raramente).
  • Renografia radioisotopica (valutazione della condizione e del funzionamento dei reni).

Conducono anche ecografie, vari studi urodinamici (cistometria, uroflussometria, sfinterometria, profilometria).

Una vescica neurogena, le cui cause, nonostante le ricerche effettuate, sono rimaste sconosciute, si chiama idiopatica.

Trattamento della vescica neurogena

Dopo la diagnosi di vescica neurogena, il neurologo e l'urologo trattano contemporaneamente. La terapia dipende dal livello di compromissione, dalla presenza di complicanze, malattie sottostanti, nonché dalla durata della disfunzione e dai risultati del trattamento precedente.

La malattia prevede terapia farmacologica, non farmacologica, chirurgia. Il trattamento inizia con i metodi più delicati.

Se parliamo dei tipi di disfunzione, l'opzione iperattiva è trattata meglio. I farmaci di solito aiutano ad alleviare la tensione nei muscoli della vescica e migliorare la circolazione locale. Gli antidepressivi triciclici più comunemente prescritti (ad esempio, melipramina), vari alfa-bloccanti, nifedipina come calcio antagonista e anticolinergici ("Propantelina", "Buscopan", "Ossibutinina").

I metodi di trattamento non farmacologici comprendono la terapia fisica per allenare i muscoli pelvici, la stabilizzazione del regime alimentare e della routine quotidiana, la fisioterapia, i metodi psicoterapeutici.

Il tipo di disfunzione ipoattiva è associato al rischio di varie infezioni. Durante il trattamento, è necessario svuotare regolarmente la vescica con la forza, a volte ricorrendo al cateterismo. Tra i farmaci sono efficaci vari colinomimetici, che migliorano la motilità della vescica, riducendo il volume di urina residua. Sono necessari alfa-simpaticomimetici, alfa-bloccanti. È obbligatorio assumere farmaci antibatterici..

Con l'ipotensione della vescica neurogena, spesso è necessario un intervento chirurgico. Ad esempio, viene eseguita una resezione transuretrale a forma di imbuto del collo della vescica, che consentirà di eliminare il contenuto della vescica premendo su di essa. Nel caso di una vescica neurogena iperattiva, viene praticata un'incisione dello sfintere esterno, a causa di ciò la pressione diminuisce e nel tempo viene corretta la funzione del detrusore.

In questa sindrome, la vescica viene anche ingrandita chirurgicamente utilizzando la chirurgia plastica dei tessuti, viene eliminato il reflusso vescico-ureterale, viene installato il drenaggio della cistostomia, che garantisce lo svuotamento della vescica..

Per prevenire l'insorgenza della sindrome, gli esperti raccomandano di monitorare la frequenza della minzione, la frequenza degli impulsi e l'intensità del flusso durante la minzione. In caso di minimi disturbi, oltre alla comparsa di una sensazione che la vescica non sia completamente svuotata, è necessario fissare un appuntamento con un urologo e un neurologo. Tali eventi aiuteranno a identificare lo sviluppo della sindrome in una fase precoce, per evitare l'intervento chirurgico.

Vescica neurogena: come riconoscere e trattare l'UDMP?

La vescica è innervata attraverso il midollo spinale. I nervi che si estendono da esso nella colonna lombare L1-L2 sono responsabili del mantenimento dell'urina. I segnali che li percorrono provocano contrazioni dello sfintere e rilassamento della muscolatura liscia..

Lo svuotamento è fornito dai nervi che si diramano dalla colonna vertebrale nei segmenti S2-S4 della colonna vertebrale sacrale. I segnali che li attraversano rilassano gli sfinteri e provocano la contrazione della muscolatura liscia. Di conseguenza, si verifica la minzione.

Per vari motivi, l'innervazione del sistema escretore può essere interrotta. In questi casi si sviluppa incontinenza urinaria o ritenzione urinaria..

Il concetto di disfunzione neurogena?

Quando un paziente inizia a soffrire di svuotamento alterato, si parla di disfunzione della vescica neurogena. La manifestazione più comune di questa patologia, sia negli anziani che in un bambino, è l'incontinenza urinaria. L'interno della vescica è costituito da uno speciale epitelio mucoso stratificato. Sotto di esso ci sono le fibre del detrusore, cioè la muscolatura liscia, che è controllata dalla corteccia cerebrale..

Durante il giorno, l'organo inizia a riempirsi di liquido, allungando l'epitelio mucoso. Di conseguenza, i segnali vengono inviati alla testa attraverso i canali nervosi, dopodiché la persona avverte l'impulso. Se questo processo è disturbato e la minzione avviene involontariamente, è necessario iniziare lo studio del problema con un'ecografia, questi sono chiari segni di una vescica neurogena.

Diagnostica

Prima di iniziare il trattamento, viene eseguito un esame completo del paziente.

Per determinare la natura dei disturbi della minzione, viene eseguita una diagnosi completa dello stato del sistema nervoso centrale.

Include l'encefalogramma, la risonanza magnetica e computerizzata del cervello e della colonna vertebrale.

Va inoltre tenuto presente che sintomi simili si osservano nelle malattie infiammatorie del sistema urinario..

Per verificarlo, eseguono esami clinici del sangue e delle urine, colture batteriche. Usando un catetere con una fotocamera, un cistoscopio, ispeziona la superficie interna della vescica.

Il grado di disfunzione del detrusore è verificato da studi urodinamici. Soffermiamoci sui più comuni.

Per l'urofluometria, il paziente deve urinare in un contenitore speciale. Il sistema di registrazione video misura il volume e la velocità della minzione.

Con la cistometria, viene valutato il lavoro del detrusore. Per fare ciò, tramite un apposito catetere, la vescica viene riempita di soluzione fisiologica e al paziente viene chiesto di segnalare quando la voglia di urinare diventa critica..

A questo punto, un dispositivo è collegato al catetere, che misura il volume di riempimento della vescica e rimuove la pressione intravescicale durante il processo urinario.

Durante la profilometria, la velocità e il volume del flusso minzionale vengono misurati quando l'urina passa attraverso l'uretra.

Motivi della deviazione

La manifestazione della patologia è sempre associata a interruzioni nel passaggio degli impulsi nervosi all'organo. La progressione della disfunzione della vescica neurogena negli adulti o nei bambini può verificarsi sullo sfondo di altri disturbi o essere una malformazione congenita. Se una deviazione è stata diagnosticata in un bambino, ciò potrebbe essere dovuto ai seguenti motivi:

  1. Spesso, la deviazione è congenita o si forma nel tempo sullo sfondo di uno stress costante.
  2. Lesione alla nascita.
  3. Malattie di accompagnamento.

Nota! La formazione dell'urea e delle sue cellule nervose si interrompe all'età di 2-3 anni, quindi non sarà possibile diagnosticare il problema prima. È durante questo periodo che i genitori devono prestare attenzione alla natura della minzione del bambino..

Se la vescica neurogena si trova negli uomini o nelle donne adulte, le cause possono essere:

  • danno alle funzioni del sistema nervoso. Questo può includere problemi al cervello della schiena, tumori o infezioni;
  • stress costante sul lavoro ed esperienze emotive significative;
  • se stiamo parlando di una vescica neurogena negli uomini, il trattamento dovrebbe iniziare con l'eliminazione dei problemi con l'adenoma prostatico, se presenti;
  • ernia spinale;
  • attività fisica costante sotto forma di sollevamento pesi;
  • polineuropatia in varie manifestazioni;
  • la vescica neurogena nelle donne può svilupparsi a seguito di travaglio prolungato, incontinenza urinaria dopo il parto;
  • alterazioni degenerative dell'urea dovute a frequenti interventi chirurgici negli organi pelvici;
  • decorso a lungo termine di una malattia infettiva cronica che colpisce uno qualsiasi degli organi del sistema urinario;
  • uso costante di farmaci psicofarmacologici da parte del paziente;
  • violazione della circolazione cerebrale;
  • malformazioni congenite della colonna vertebrale (disgenesia sacrale e agenesia).

Tipi di patologia

I disturbi associati alla regolazione dell'urea possono manifestarsi attraverso un tono muscolare iperattivo o indebolito. Prima di trattare una vescica neurogena, i medici determinano il suo tipo, può essere il seguente:

  1. Hyperreflex. Ciò significa che la patologia sorge a causa di disturbi nel funzionamento del cervello. In questo caso, i muscoli lisci sono costantemente in tensione, impedendo a una persona di liberarsi quando si verifica in tempo. Di conseguenza, si sviluppa l'incontinenza, poiché il fluido non è in grado di rimanere all'interno dell'organo. Può anche minacciare complicazioni sotto forma di cistite, diminuzione della vescica e degradazione delle sue cellule..
  2. La disfunzione della vescica neurogena del tipo iporiflesso si sviluppa sempre sullo sfondo di problemi con la parte sacrale del midollo spinale. Qui, il tessuto muscolare, al contrario, non mostra attività ed è costantemente in uno stato rilassato. Ciò provoca lo stiramento delle fibre e un aumento dell'organo mentre si riempie di liquido. Inoltre, sorgono problemi con il lavoro degli sfinteri e, a causa della forte pressione, il paziente mostra segni di incontinenza. Se la vescica è piena, può anche causare il riflusso dell'urina..

Con cistite

In caso di cistite, i medicinali da assumere fuori dall'ospedale sono prescritti sotto forma di compresse, capsule, supposte, gocce, granuli e polveri. I farmaci per la somministrazione intramuscolare e endovenosa sono utilizzati nelle istituzioni mediche.

Il regime di trattamento per la cistite comprende FANS per il trattamento dell'infiammazione, antispastici, immunomodulatori, diuretici.

Nella fase iniziale, è sufficiente utilizzare medicinali domestici poco costosi. Con la giusta selezione, non sono meno efficaci di quelli importati..

Sintomi che accompagnano la malattia

Qui la situazione può essere diversa, a seconda del tipo di vescica neurogena. Nelle donne, i sintomi appaiono quasi gli stessi degli uomini, l'unica differenza è nella natura del decorso della malattia.

Se il paziente soffre di una vescica neurogena iperattiva, i sintomi saranno i seguenti:

  1. Difficoltà nel tentativo di svuotare.
  2. Incontinenza.
  3. Di notte, impulsi acuti.
  4. Cambiamenti costanti nelle letture della pressione sanguigna.
  5. Volume insufficiente o mancanza del liquido residuo richiesto nel tratto urinario.
  6. Aumento della sudorazione.

Se il paziente ha una forma particolarmente complicata della malattia, potrebbe non mostrare alcuna attività. In questo caso, è necessario prestare attenzione al dolore nell'addome inferiore e alla ritenzione urinaria. Un altro tipo di deviazione è una forma ipoattiva di disfunzione neurogena della vescica. Il trattamento si concentrerà sui seguenti sintomi:

  • mancanza di attività sotto forma di contrazioni dell'urea;
  • una sensazione costante che ci sia una grande quantità di liquido nell'organo;
  • incapacità di svuotarsi completamente, anche se la voglia è forte;
  • nessun segno di pressione intravescicale;
  • tendendo durante la miction.

Vescica neurogena - trattamento con rimedi popolari

L'organo urinario è il componente più importante del sistema urinario del corpo umano. La sua funzione principale è quella di rimuovere l'urina prodotta dai reni dal corpo. Il funzionamento dell'organo escretore influisce sul benessere generale di una persona e sull'attività di altri sistemi corporei.

Il tratto urinario di uomini e donne è suscettibile a molte malattie. Nella lotta contro tali disturbi, il trattamento della vescica con rimedi popolari, dimostrato nel corso degli anni, aiuta bene..

Anche nei tempi antichi, le persone sapevano come trattare le malattie derivanti da un malfunzionamento del sistema urinario..

La vescica è un organo vitale del sistema escretore umano, responsabile dell'eliminazione dell'urina dai reni dal corpo. Sia la condizione generale di una persona che il lavoro degli altri organi dipendono dalla qualità del suo lavoro. Questo articolo prenderà in considerazione il trattamento della vescica con rimedi popolari..

Come ogni altro organo, la vescica umana è soggetta a varie malattie, una delle quali è l'infiammazione della vescica o la cistite. L'origine della malattia può essere diversa.

Questi sono agenti patogeni infettivi che penetrano dai dotti urinari e la presenza di calcoli e ipotermia banale. L'infiammazione si manifesta come forti sensazioni dolorose con la voglia di urinare. Il dolore si trova nell'addome inferiore ed è molto acuto.

In ogni caso, si consiglia di consultare un medico e fare dei test per diagnosticare con precisione la malattia. Un urologo specialista prescriverà il trattamento corretto per le malattie della vescica.

Ma non dovresti trascurare i metodi della medicina tradizionale, che spesso sono molto efficaci. Inoltre, sono più sicuri dei farmaci..

Quindi, oltre ai farmaci, è del tutto possibile trattare la vescica con rimedi popolari, ottenendo risultati eccellenti..

Il trattamento dell'infiammazione della vescica con rimedi popolari deve necessariamente essere concordato con il medico curante. Altrimenti, il decorso della malattia può passare da acuto a cronico. A sua volta, un processo cronico a lungo termine può portare a un'interruzione persistente della vescica..

Il sistema urinario umano comprende l'uretra, la vescica, gli ureteri, i reni. Il tratto urinario è strettamente correlato agli organi del sistema riproduttivo.

Le patologie più comuni delle vie urinarie (malattie infettive) sono malattie del sistema genito-urinario.

Quali sono le malattie più comuni? Quale trattamento della vescica nelle donne e negli uomini con rimedi popolari da scegliere?

I sintomi e il trattamento di questa patologia sono strettamente correlati. Si basa sulla presenza di sintomi clinici che il medico seleziona il regime di trattamento necessario. La malattia ha una prognosi favorevole se il trattamento per la disfunzione della vescica neurogena è stato avviato prima del danno renale.

Le principali tecniche utilizzate sono:

  • un aumento del volume del fluido consumato;
  • cateterismo;
  • trattamento farmacologico;
  • chirurgia.

Se la disfunzione della vescica neurogena è confermata, il trattamento viene eseguito come segue:

  1. I farmaci sono utilizzati in medicina per ridurre il tono muscolare (con MP iperreattivo, è spasmex, smmolit) o ​​aumentarlo (il tipo di trattamento ipoattivo è fornito con M-colinomimetici: aceclidina, galantamina). Se vengono rilevate malattie infettive concomitanti, viene prescritto un ciclo di farmaci antinfiammatori e antibatterici (gruppi di sulfonamidi o nitrofurani). Inoltre, vengono utilizzati farmaci che migliorano la circolazione sanguigna nelle pareti del MP ed eliminano l'ipossia (propantelina, ioscina). È possibile la prescrizione individuale di alfa-bloccanti (fenossibenzamina, diazepam) e mimetici alfa-sintomo (imipramina, midodrina) per pazienti con vescica ipoattiva.
  2. Il trattamento specifico della vescica neurogena e la fisioterapia mirano a ripristinare il normale funzionamento dello sfintere e delle pareti degli organi, nonché il funzionamento della NA. Per questi scopi, viene utilizzato il cateterismo continuo o intermittente; tecniche speciali per indurre la minzione, stimolazione elettrica del nervo sacrale, applicazioni termiche, terapia laser.
  3. Trattamento neurologico e psicoterapia: quando si identificano le ragioni di questo tipo che hanno provocato la malattia, eseguono la correzione per far fronte all'influenza della malattia sulla vita quotidiana, nonché eliminare altre conseguenze. Abbastanza spesso vengono prescritti tali farmaci: pantogam nel trattamento di una vescica neurogena. È un agente psicostimolante e nootropico spesso utilizzato per trattare pazienti con urgenza e incontinenza urinaria, enuresi, polakiuria, conseguenze di neuroinfezioni e stress psico-emotivo. Il medico seleziona la dose giornaliera, non deve essere superiore a 3 g. Phenibut è anche un farmaco nootropico e psicostimolante, utilizzato nel trattamento delle condizioni asteniche e ansio-neurologiche, per la prevenzione delle condizioni di stress prima degli interventi medici, con enuresi e altri disturbi. Questo farmaco allevia lo stress, l'ansia, la paura, migliora l'effetto di alcuni farmaci, ha un effetto psicostimolante e antiaggregatorio e facilita anche la trasmissione degli impulsi al sistema nervoso centrale. Il prezzo del farmaco parte da 100 rubli.
  4. Il trattamento chirurgico viene utilizzato quando il trattamento farmacologico non ha dato l'effetto desiderato o vi è il rischio di complicanze da infezioni acute o croniche. Per gli uomini viene utilizzata la sfinterotomia. L'operazione trasforma la vescica in un canale aperto con drenaggio. Con l'aiuto della radiotomia sacrale, è possibile trasformare una vescica iperattiva in una vescica ipoattiva, la deviazione delle urine avverrà attraverso l'ureterostomia o il canale intestinale. Il trattamento di una vescica neurogena in donne e uomini con un metodo operativo può essere effettuato sezionando il nervo pudendo per la spasticità dello sfintere esterno. Tale intervento mira ad avere un effetto indiretto sulla violazione dell'atto di minzione..

Il trattamento con rimedi popolari nel caso di una vescica neurogena è impossibile, poiché tali metodi non hanno il giusto effetto sui meccanismi di sviluppo della patologia.

Con LUT, il volume dell'organo può cambiare I pazienti con disfunzione neurogena della vescica soffrono di disturbi urinari Il medico aiuterà a stabilire le cause della patologia Il trattamento farmacologico viene utilizzato in combinazione con la terapia fisica e altre procedure Il trattamento chirurgico è l'ultima risorsa DETTAGLI: Funzioni della vescica nel corpo. Malattie della vescica e loro

Con una maggiore attività dei muscoli della vescica, la terapia farmacologica per la disfunzione neurogena consiste nell'uso di farmaci che hanno un effetto rilassante sulle vie urinarie. Questi sono bloccanti adrenergici (ossibutinina), anticolinergici (trospio cloruro, spazmex, novitropano) e altri. Allevia gli spasmi e riduce il tono della muscolatura liscia della vescica. Ad esempio, spazmex viene prescritto alla dose di 45-60 mg al giorno in 2-3 dosi. La durata media del trattamento è di 2-3 mesi.

L'efficacia dei moderni farmaci per ridurre l'attività dei muscoli della vescica è limitata da molte controindicazioni ed effetti collaterali. L'automedicazione da parte loro è categoricamente inaccettabile. Solo un medico può prescrivere questi farmaci..

Naturalmente, i metodi popolari e la fitoterapia contribuiscono alla guarigione. Il loro vantaggio risiede nell'insignificanza degli effetti collaterali e nella possibilità di utilizzarlo senza prescrizione medica..

Con una vescica neurogena iperattiva, è utile un'infusione di erba di San Giovanni, che ha guadagnato una buona fama dalla fine del XVII secolo..

Una vescica neurogena nelle donne in posizione è pericolosa per il feto, quindi una donna incinta, sotto la guida di un medico, ha bisogno di regolare la modalità di minzione, nutrizione e bere una quantità sufficiente di liquido. Dovresti anche impegnarti in esercizi consentiti in questa posizione. È consentito utilizzare alcune procedure fisioterapiche, vale a dire: elettrosonno, ultrasuoni, elettraparesi.

In assenza dell'effetto del trattamento non farmacologico, il medico prescrive farmaci. La scelta dei farmaci dipende dalla forma clinica della malattia (ipo o iperriflesso), nonché dal grado di effetto sul feto.


Il farmaco deve essere principalmente sicuro per il bambino

Il trattamento della sindrome della vescica neurogena dipende dal trattamento della patologia neurologica che ha provocato il suo sviluppo. Pertanto, gli appuntamenti vengono effettuati congiuntamente da un neurologo e un urologo..

Il tipo di malattia iperreflessa è più facile da trattare. Le prescrizioni si basano sull'uso di farmaci che:

  • ridurre il tono muscolare della vescica;
  • migliorare la circolazione sanguigna;
  • eliminare l'ipossia.

Vengono utilizzati i seguenti medicinali:

  • farmaci anticolinergici;
  • antagonisti del calcio;
  • alfa-bloccanti;
  • antidepressivi triciclici;
  • sedativi;
  • vitamine con effetti antiipossici e antiossidanti.

Praticano anche iniezioni di tossina botulinica nella parete della vescica o dell'uretra.

I metodi non farmacologici per il trattamento della malattia sono efficaci:

  • esercizi di fisioterapia: rafforza i muscoli pelvici, migliora l'afflusso di sangue alla vescica;
  • fisioterapia;
  • psicoterapia.

I trattamenti fisioterapici più efficaci per la sindrome sono:

  • stimolazione elettrica della vescica;
  • terapia laser;
  • ossigenazione iperbarica - saturazione di ossigeno del sangue dovuta alla permanenza del paziente in una speciale camera iperbarica;
  • applicazioni termiche;
  • trattamento ad ultrasuoni;
  • trattamento del fango.

La forma iporeflessa della malattia risponde meno al trattamento. A causa del ristagno nella vescica, può verificarsi un'infezione.

I seguenti appuntamenti sono importanti:

  • svuotamento completo della vescica, che si ottiene con diversi metodi: compressione esterna (pressione sull'addome nella proiezione della vescica), allenamento dei muscoli pelvici, cateterizzazione;
  • indiretti e M-colinomimetici: con il loro aiuto aumentano la motilità della vescica;
  • alfa-bloccanti;
  • simpaticomimetici alfa;
  • farmaci antibatterici.

Quali sono le complicazioni?

In alcuni casi, i calcoli renali sono causati da una vescica neurogena. In questo caso l'ecografia viene eseguita come profilassi al fine di diagnosticare tempestivamente la presenza di calcoli. Provocherà anche altri processi infiammatori negli organi del sistema urinario, poiché l'urina stagnante tornerà indietro attraverso gli ureteri.

Importante! La malattia può essere particolarmente pericolosa per i bambini piccoli. Se il trattamento non è tempestivo, la vescica neurogena diventa causa di gravi problemi nel funzionamento dei reni e dell'intero sistema genito-urinario. Nel tempo, alcune malattie possono diventare croniche.

È molto importante prestare sufficiente attenzione al fattore psicologico. Se il bambino sviluppa un intorpidimento, c'è un'alta probabilità che la deviazione non lo lasci a un'età più matura..

Tecniche di diagnosi dei problemi

Per risolvere completamente il problema, è necessario diagnosticare correttamente la vescica neurogena nelle donne. Il trattamento viene applicato solo dopo aver superato l'intero complesso di studi, che assomiglia a questo:

  1. Biochimica e analisi del sangue generale.
  2. Consegna dell'urina per determinare il tipo di infezione.
  3. Analisi secondo Nechiporenko.
  4. Esame generale delle urine.

I metodi diagnostici strumentali includono quanto segue:

  • raggi X;
  • Risonanza magnetica ed ecografia;
  • uroflussometria;
  • cistoscopia;
  • profilometria.

Se i dati non sono sufficienti per determinare con precisione la vescica neurogena, il trattamento non viene eseguito fino a quando non viene eseguito un ulteriore esame del cervello della schiena e della testa.

Diagnostica


Per diagnosticare la malattia, vengono applicati i seguenti passaggi:

  • raccolta di anamnesi;
  • ricerca con metodi di laboratorio per la presenza di infezioni e determinazione delle condizioni generali del corpo;
  • esame per identificare anomalie anatomiche;
  • esame neurologico.

La raccolta di informazioni sull'anamnesi comprende un'indagine su una donna malata per reclami, sintomi, malattie passate in periodi di vita precedenti, presenza di lesioni e interventi chirurgici, cattive abitudini, ereditarietà (malattie di parenti stretti).

Si raccomanda a una donna di tenere un diario della minzione quotidiana per un breve periodo (diversi giorni - una settimana), in cui vengono annotate la quantità di liquido bevuta durante il giorno e l'ora delle visite in bagno. Le informazioni ottenute in un complesso di misure consentiranno allo specialista di determinare le caratteristiche individuali della malattia di ogni specifico paziente.

I test di laboratorio includono esami generali delle urine (determinazione delle proprietà chimiche e fisiche dell'urina e dei sedimenti urinari al microscopio) e del sangue (analisi delle cellule principali, loro numero, forma). Un esame del sangue biochimico determina il numero di prodotti metabolici nel sangue.

Inoltre, l'urina viene esaminata con i metodi di Nechiporenko e Zimnitsky (possono rivelare tracce di malattie renali e del tratto urinario, nonché la capacità dei reni di concentrarsi ed espellere l'urina). La semina dell'urina sulla flora consente di identificare i microrganismi che hanno causato l'infiammazione, nonché la sensibilità agli spettri antibiotici.

Per identificare anomalie anatomiche, viene eseguito un complesso di esami:

  • L'ecografia dei reni e della vescica mostrerà la posizione degli organi, consentirà di valutare i cambiamenti che si sono verificati in essi, le condizioni dei tessuti che circondano gli organi e determinerà il livello di urina residua;
  • una serie di studi urodinamici consente di determinare la funzionalità delle basse vie urinarie (il comportamento della vescica durante il riempimento e lo svuotamento);
  • L'esame a raggi X rivelerà anomalie nella struttura del tratto urinario;
  • La risonanza magnetica valuterà le condizioni del midollo spinale e del cervello;
  • cistouretroscopia - è un esame della vescica con un cistoscopio inserito attraverso l'uretra.

Se viene accertata l'assenza della natura infettiva della malattia, la donna viene indirizzata ad un esame neurologico per la diagnosi di vescica neurogena. Con l'aiuto di TC, MRI, EEG, uno specialista esamina la struttura del cranio e della colonna vertebrale per identificare le patologie del midollo spinale e del cervello.

Succede che dopo un complesso di studi, non è stato possibile stabilire la causa della malattia; in questo caso, alla donna verrà diagnosticata una vescica neurogena di eziologia sconosciuta (idiopatica) e il trattamento sarà prescritto in conformità con questa diagnosi.

Quale trattamento viene utilizzato

La metodologia e il programma delle misure di trattamento sono sempre determinati da diversi medici, uno psicologo, un neurologo e un urologo. Si richiama inoltre l'attenzione sull'individualità del corpo del paziente e sulle cause della deviazione..

Tipicamente, la terapia viene eseguita nei seguenti modi:

  1. Operabile.
  2. Nessun farmaco.
  3. Farmaco.

Quest'ultimo significherà che al paziente vengono prescritti farmaci con un tale spettro di azione come:

  • antidepressivi (triciclici);
  • ossibutinina;
  • Kalimin con una vescica neurogena viene utilizzato per migliorare la trasmissione neuromuscolare;
  • antagonisti del calcio;
  • sottogruppo alfa dei bloccanti adrenergici.

Se a un paziente viene diagnosticata una forma ipoattiva della malattia, il loro trattamento sarà molto più difficile. Qui si possono osservare ulteriori processi infiammatori nei reni e negli ureteri..