Urolitiasi renale

L'urolitiasi è una malattia spiacevole e abbastanza comune. Inoltre, tutti i gruppi di età sono soggetti ad esso. La malattia può svilupparsi gradualmente, può anche essere spontanea. Ai primi segni e sintomi caratteristici, l'urolitiasi deve essere immediatamente sottoposta alla diagnosi della malattia e al trattamento prescritto, al fine di evitare complicazioni e il passaggio della malattia allo stadio cronico.

I principali metodi di trattamento dell'urolitiasi

I metodi di trattamento per l'urolitiasi sono vari. Pertanto, quando si annuncia una diagnosi deludente, si dovrebbero considerare tutti i metodi che possono aiutare, e solo dopo procedere a un massiccio attacco clinico del focus della malattia.

Le attività di trattamento sono suddivise in gruppi:

  1. Conservatore di farmaci.
  2. Operativo.
  3. Rimedi popolari.

Naturalmente, la scelta dei mezzi che aiuteranno il paziente in misura maggiore dipende solo dalle condizioni del paziente stesso e dipende dai risultati che mostrano i test..

Fattori che influenzano il quadro clinico delle condizioni di una persona:

  • l'età del paziente;
  • dinamica della malattia;
  • la dimensione della pietra;
  • la sua localizzazione e posizione;
  • condizione anatomica del rene;
  • la presenza di patologie concomitanti croniche.

Metodi di trattamento

Se il medico curante stabilisce che il trattamento farmacologico non sarà in grado di far fronte al problema, allora dovresti sapere che oltre all'intervento chirurgico a tutti gli effetti, ci sono altri metodi più delicati:

  • SWL o frantumazione di pietre a distanza aiuta il paziente a evitare di visitare la sala operatoria. Nel processo dell'EBRT, è coinvolto un apparato chiamato litotritore. Il dispositivo aiuta a distruggere la pietra con un'onda potente. In questo caso, una persona non ha bisogno di anestesia e non danneggia i tessuti del corpo. Questo metodo è particolarmente utile se l'ecografia mostra che la patologia si trova nella parte superiore dell'uretere, nelle immediate vicinanze del rene. La DLT è attualmente il leader nell'elenco dei metodi di trattamento ed è con tale trattamento che vale la pena iniziare la terapia;
  • puoi anche applicare il trattamento endoscopico di una tale malattia. Viene praticata una piccola incisione sull'area interessata della pelle e un piccolo strumento dotato di un sistema ottico viene fatto passare attraverso di essa nel rene. Inoltre, durante le manipolazioni del chirurgo, la pietra viene distrutta o, se le sue dimensioni lo consentono, viene completamente rimossa;

Se il quadro clinico mostra quei fattori che non consentono un piccolo intervento, vengono prescritte procedure più complesse che sono più traumatiche, ma se si rifiuta un tale metodo, le conseguenze possono essere le più disastrose.

  1. L'ureterolitotripsia è uno dei metodi più efficaci di intervento chirurgico. La rimozione o la distruzione della pietra viene eseguita utilizzando un endoscopio, che viene inserito direttamente nella vescica attraverso il canale ureterale, mentre il rene rimane intatto. L'estrazione con questo metodo viene utilizzata per quei casi in cui i calcoli rimangono a lungo in un punto nell'uretere, o vengono spostati nella pelvi dopo SWL, oppure è necessario pulire i resti di pietra dopo SWL.
  2. La chirurgia endoscopica a raggi X percutanea o percutanea è una misura chirurgica che viene eseguita nel modo seguente. Viene creata una fistola da puntura o una fistola postoperatoria viene espansa e attraverso di essa vengono rimossi frammenti che interferiscono con il normale funzionamento del corpo. Il controllo durante l'intervento chirurgico viene effettuato utilizzando una radiografia e un endoscopio.
  3. Chirurgia endoscopica a raggi X transuretrale. Anche qui viene utilizzato uno strumento con ottica, che consente di vedere sia il bacino che l'uretere lungo l'intero percorso attraverso il corpo. L'anestesia endovenosa viene applicata al paziente e le pietre vengono rimosse con l'aiuto del supporto strumentale.

Esiste un numero sufficiente di varie tecniche che consentono di evitare gravi manipolazioni chirurgiche aperte, ma nel caso in cui la pietra causi un grave deflusso di urina e le patologie inizino a verificarsi nei tessuti renali, si sviluppa un processo acuto, che scorre nel centro dell'infiammazione. In questo caso, i medici devono fare un passo rischioso e applicare uno stent al rene, e questo può essere fatto solo con una penetrazione profonda.

La presenza di calcoli nella vescica non è una malattia spontanea, è il risultato di una violazione del normale flusso di urina. Questo processo è interrotto se c'è un adenoma prostatico o c'è un restringimento del collo dalla cicatrice della vescica. I principi del trattamento dell'urolitiasi in una situazione così specifica, se la dimensione della pietra è 3-4 cm, potrebbe essere endoscopica, ma questa sarà la prima fase di aiuto con l'urolitiasi. Ma le grandi dimensioni della pietra e l'adenoma prostatico sono raccomandazioni dirette per la chirurgia a cielo aperto..

Ma se la pietra diagnosticata non causa dolore e non interrompe il normale funzionamento, non dovresti rischiare ed eseguire immediatamente eventuali misure chirurgiche. La terapia farmacologica e il monitoraggio delle dinamiche della malattia possono essere un metodo abbastanza sufficiente..

La chirurgia è giustificata per una tale malattia

Per molti pazienti, la raccomandazione di un medico per un intervento chirurgico urgente o programmato è quasi una frase. Sebbene un intervento tempestivo aiuti ad evitare molte complicazioni e prevenga lo sviluppo di processi infiammatori, che possono estendersi in forme più acute e transitorie. Il trattamento chirurgico dell'urolitiasi con attrezzature moderne e una varietà di tecniche sviluppate è forse il metodo più efficace e progressivo per combattere questi sintomi spiacevoli. Il trattamento dell'urolitiasi effettuato in clinica potrebbe non dare risultati con un approccio terapeutico completo o portare al fatto che i chirurghi devono ancora iniziare a lavorare.

Pertanto, l'intervento chirurgico è il metodo più giustificato per gli attacchi acuti. Dopotutto, è molto più sicuro eseguire una piccola operazione e interrompere il decorso della malattia piuttosto che attendere che la patologia si sviluppi e continuare a sottoporsi a tutte le manipolazioni dei chirurghi. Ma solo su scala più ampia. Quindi quei pazienti che sono così preoccupati per la necessità di trattare l'ICD in questo modo dovrebbero pensare se ha senso ritardare l'inevitabile.

Farmaci per uomini

Una buona metà dell'umanità si trova in un gruppo a rischio speciale. Quindi, a causa della presenza di fattori che sono diventati inevitabili per gli uomini moderni, spesso sviluppano malattie che provocano la comparsa di pietre.

Ma il trattamento farmacologico tempestivo dell'urolitiasi, così come le patologie che lo precedono, possono avere un effetto positivo e, con una corretta alimentazione, un uomo può estinguere lo sviluppo di complicazioni all'inizio. Ma affinché l'urolitiasi risponda al trattamento conservativo, è necessario iniziare la terapia in tempo. E questo significa diagnosticare la malattia e seguire il corso dell'assunzione di farmaci prescritti dal medico.

Farmaci per le donne

Anche se le donne stanno attente alla loro salute, ci sono ancora fattori che possono portare allo sviluppo di calcoli renali:

  • infezione del sistema genito-urinario;
  • stile di vita passivo;
  • parto difficile;
  • dieta povera;
  • mancanza di vitamine;
  • attività fisica pesante;
  • assunzione frequente di bevande alcoliche;
  • malattie patologiche croniche;
  • suscettibilità genetica ereditaria.

Il primo soccorso per l'urolitiasi nelle donne è l'uso di farmaci di un gruppo farmacologico che aiuteranno ad alleviare i sintomi, oltre a sospendere il decorso della malattia.

Quali precauzioni dovrebbero essere prese quando si trattano i bambini

Sfortunatamente, anche l'immunità dei giovani non può sempre far fronte allo sviluppo dell'ICD. L'urolitiasi nei bambini deve essere trattata immediatamente, prima con i farmaci. Ma durante l'infanzia, c'è uno sviluppo migliorato di tutti gli organi, e quindi è necessario usare qualche tipo di farmaco con estrema cautela. Altrimenti, puoi causare danni irreparabili allo sviluppo futuro del bambino..

Pertanto, dovresti chiaramente aderire al corso prescritto da uno specialista. Nei bambini, nel corso del trattamento dovrebbe essere presente una varietà di terapie e devono essere inclusi farmaci che correggono l'effetto di un particolare farmaco previsto su altri organi.

Quali complicazioni possono sorgere con il trattamento farmacologico

Con un corso terapeutico calcolato in modo errato, possono sorgere gravi complicazioni. Perché c'è un accumulo irregolare del principio attivo e altri organi soffrono, e troppo poca medicina entra nel centro della malattia, o arriva in modo non uniforme. Ciò che non dà l'effetto desiderato che dovrebbe verificarsi.

Ma il più delle volte si verifica una dinamica diversa. Il paziente non assume regolarmente farmaci e il quadro clinico non solo non migliora o si stabilizza, ma peggiora anche. E questo è l'approccio assolutamente innocente al trattamento. Si verifica una percezione errata della situazione.

Il medico pensa che il paziente stia assumendo pillole e altri farmaci come prescritto e non vede le dinamiche, a seguito delle quali trasferisce la persona a una terapia più grave. E il paziente, dimenticandosi completamente della sua disattenzione in relazione al trattamento, inizia a correre tra i medici, il che è più dannoso per la salute di una chiara assunzione di farmaci. Pertanto, per non aggravare la situazione e recuperare in breve tempo, dovresti seguire un corso secondo le regole e quindi ci saranno un minimo di complicazioni.

Tabella comparativa dei principali farmaci per combattere la malattia (tabella)

I farmaci che sono coinvolti nell'effetto terapeutico sul KSD sono divisi in tre gruppi:

  • antibatterico;
  • antinfiammatorio;
  • vegetale complesso.
AntibattericoAntinfiammatorioVerdura complessa
CEFOSALINA
CEFIPINE
AMIKACIN
OFLOXOCIN
Tutti questi farmaci hanno un effetto deprimente sullo sviluppo della flora patogena che provoca la presenza di infiammazione.
DIKLOFENAC. Inoltre, il farmaco ha proprietà analgesiche..
KETOPROFENE. Un analogo del suddetto farmaco, ma vietato per l'uso durante l'allattamento e la gravidanza.
KANEFRON.
Contiene estratti:

  • rosa canina;
  • levistico;
  • rosmarino.

Ha un lieve effetto antinfiammatorio e diuretico.
CISTON. Contiene 9 componenti che si completano a vicenda per combattere attivamente le malattie.
FITOLISINA. Ottimo per le infezioni del tratto urinario.
UROLESANO. Prodotto combinato con spiccate proprietà antisettiche.

Come si può vedere confrontando tutti i gruppi, l'uso di un approccio integrato quando si decide come trattare l'urolitiasi è semplicemente necessario.

Metodi tradizionali di trattamento dell'urolitiasi

L'urolitiasi clinicamente diagnosticata implica un trattamento tempestivo. Ma molte persone, sospettando che i farmacologi moderni siano in collusione, iniziano a essere trattati con rimedi casalinghi. Qualsiasi trattamento dovrebbe avere il suo posto. E, purtroppo, in alcuni casi, il paziente non ha il tempo necessario per accumulare una quantità sufficiente delle sostanze necessarie contenute negli infusi di erbe. E devi solo applicare i metodi della medicina progressiva.

Ma gli effetti preventivi e post-terapeutici dei rimedi popolari, le erbe, sono ben accetti da molti medici. Molti erboristi sanno come trattare l'urolitiasi nelle persone, che è efficacemente narrata sulle pagine della Runet, ma per utilizzare tale consiglio, è necessario conoscere personalmente un tale erborista. E una persona esperta non prescriverà mai di bere tre bicchieri di brodo di prezzemolo al giorno, senza prima aver studiato il quadro clinico e le analisi.

Quali sono le conseguenze se la malattia non viene curata?

L'eziologia dell'urolitiasi, la sua patogenesi, gli studi clinici, la successiva diagnosi e il trattamento sono tutti necessari per chiarire l'impatto imminente, connivente con il recupero, le misure. E se non cerchi un aiuto professionale in tempo, puoi trasformarti in una fase così acuta dello sviluppo dell'ICD che in seguito non ci sarà tempo per le controversie su come trattare e se trattare affatto, l'importante è che abbiano il tempo di risparmiare tempo quando la situazione raggiunge la pielonefrite purulenta o il blocco dell'uretere.

Pertanto, ignorare il processo dà solo un piccolo ritardo, ma di conseguenza, dovrai comunque cercare aiuto medico. E se sarà efficace con piccoli interventi o dovrà eseguire misure chirurgiche su vasta scala, dipende principalmente dalla rapidità con cui il potenziale paziente reagisce e arriva all'appuntamento, oltre a superare i test.

Produzione

Il trattamento della KSD è un approccio integrato a un problema così grave. Pertanto, cancellare il rifiuto di prendersi cura della propria salute per mancanza di tempo è un rifiuto fondamentale di un futuro sano..

Malattia da urolitiasi

L'urolitiasi (urolitiasi) è una malattia urologica cronica caratterizzata dalla formazione di calcoli renali dovuta a disturbi metabolici e infiammazione delle vie urinarie.

Di solito è asintomatico, ma può anche essere accompagnato da coliche epatiche o dolore lombare. L'urolitiasi può svilupparsi in età diverse, ma dai 20 ai 55 anni si verifica più spesso. Gli uomini sono più suscettibili all'urolitiasi, i loro sintomi di urolitiasi si manifestano più volte più spesso delle donne. In quest'ultimo, le forme complesse di questo disturbo con la formazione di calcoli all'interno del rene sono più comuni..

Le pietre possono comparire in qualsiasi organo del sistema escretore. I pazienti più anziani sono caratterizzati dalla formazione di depositi all'interno della vescica; nei pazienti più giovani, la formazione di strutture insolubili si verifica spesso negli ureteri e nei reni. Nel rene a destra, le neoplasie si formano più spesso che a sinistra..

Le concrezioni possono essere singole, ma a volte il loro numero raggiunge diverse migliaia. Le loro dimensioni sono diverse: da 1-5 mm a enormi, raggiungendo un peso di 1 kg.

Come si formano le pietre?

Esistono diverse versioni su come si formano i calcoli renali e cosa porta al loro aspetto. Secondo gli ultimi dati, la formazione di calcoli è un processo complesso che è influenzato da molti fattori:

  1. Predisposizione genetica;
  2. Cattiva ecologia;
  3. Caratteristiche di alimentazione;
  4. Regione di residenza - in alcune zone l'acqua è dura e contiene molti sali;
  5. Squilibri ormonali, in particolare disturbi della ghiandola paratiroidea;
  6. Disturbi metabolici, in particolare metabolismo minerale;
  7. Caratteristiche anatomiche della struttura dei reni e delle vie urinarie (debolezza dei legamenti che supportano il rene);
  8. Carenza di sostanze che rallentano la cristallizzazione (citrato, pirofosfato, nefrocalcina, uropontin);
  9. Infiammazione nella pelvi renale;
  10. Ricezione di sulfonamidi e tetracicline, nitrofurano insieme ad ascorbico e altri acidi.

La combinazione di molti di questi fattori porta al fatto che il paziente sviluppa cristalluria cronica, una patologia in cui i cristalli di vari sali compaiono nelle urine. La formazione di calcoli è una complicazione di questa condizione. A seconda del pH delle urine e del tipo di sale, iniziano a formarsi vari calcoli (accumuli di cristalli). I condotti di raccolta e il bacino sono solitamente il loro luogo di nascita..

Il processo di formazione dei calcoli inizia con il fatto che la concentrazione di sali nelle urine aumenta e diventano insolubili. I sali cristallizzano attorno a un "nucleo" colloidale, una grande molecola organica che forma la base di un calcolo renale. Successivamente, nuovi cristalli si formano e crescono su questa matrice..

Studi recenti hanno scoperto che praticamente tutte le pietre (97%) contengono nanobatteri, così chiamati a causa delle loro piccole dimensioni. Questi microrganismi gram-negativi atipici (non colorati con il metodo Gram) nel corso della vita producono apatite (carbonato di calcio). Questo minerale si deposita sulle pareti delle cellule renali, favorendo la crescita dei cristalli. I nanobatteri infettano l'epitelio dei dotti collettori e le zone delle papille dei reni, creando attorno a sé focolai di cristallizzazione del fosfato di calcio, e quindi contribuiscono alla crescita della pietra.

Classificazione

I tipi di calcoli che si trovano nella urolitiasi sono classificati in base a eziologia, localizzazione, composizione, rischio di recidiva, caratteristiche radiologiche, quantità.

Per localizzazione, vengono isolati i calcoli dei reni, della vescica e dell'uretere. A seconda della quantità, le pietre possono essere multiple (sabbia) e singole. In termini di composizione chimica, i calcoli possono essere fosfato, ossalato, urato, cistina, da acido urico, xantina, 2,8-diidrossiadeico, struvite.

I seguenti quattro tipi di pietre sono più comunemente diagnosticati nei pazienti:

  1. Calcio. Nei pazienti con urolitiasi, i calcoli di calcio si trovano nell'80% dei casi, che possono avere una consistenza, dimensioni e forma diverse. Tali pietre con urolitiasi negli uomini vengono diagnosticate nei casi in cui l'età del paziente supera i 50 anni. Ci sono pietre di fosfato, ossalato e carbonato. I meno comuni sono i calcoli di fosfato di calcio puro..
  2. Urate. Rivelato solo nel 6-10% dei casi. Tali pietre sono costituite da sali di acido urico: ammonio e sodio urato, nonché acido urico diidrato.
  3. Struvite. Queste pietre si formano a causa di infezioni del sistema urinario e sono costituite da prodotti di scarto di agenti infettivi - fosfati di magnesia-ammonio. I calcoli di struvite vengono diagnosticati nel 10% dei casi..
  4. Cistina. Tali pietre vengono rilevate nell'1% di tutti i casi. Si formano spesso in pazienti con patologia genetica, che è caratterizzata da una violazione del processo di escrezione dell'amminoacido cistina..

Sintomi di urolitiasi negli uomini e nelle donne

Le principali manifestazioni cliniche di KSD negli uomini e nelle donne sono associate a ridotta urodinamica (deflusso urinario alterato) e / o processo infiammatorio. Nelle fasi iniziali, la malattia può essere asintomatica. Inoltre, la dimensione del calcolo non è sempre paragonabile alla gravità dei reclami: i calcoli più grandi (pietra corallina) potrebbero non disturbare una persona per molto tempo, mentre un calcolo relativamente piccolo nell'uretere porta a coliche renali con gravi manifestazioni di dolore. Pertanto, le manifestazioni cliniche dipendono, prima di tutto, dalla localizzazione del calcolo e dalla presenza o assenza di un processo infiammatorio..

Ecco i principali sintomi dell'urolitiasi:

  • Il dolore può essere acuto (colica renale) o sordo, dolorante. La colica renale è causata da un'improvvisa ostruzione del flusso di urina dal rene a causa dell'ostruzione dell'uretere con una pietra. Il dolore è improvviso, con periodi di sollievo e attacchi ripetuti. Il dolore è localizzato nella regione del rene o lungo l'uretere e ha una tipica irradiazione fino all'area iliaca, inguinale. I pazienti si comportano in modo irrequieto, non trovando una posizione del corpo in cui il dolore sarebbe ridotto. La natura opaca e dolorosa del dolore è caratteristica del processo infiammatorio sullo sfondo dell'ICD.
  • L'ematuria (sangue nelle urine) con urolitiasi si verifica a seguito di un forte aumento della pressione intralocale (con colica renale) con formazione di reflusso pieloveno (reflusso di urina nel letto venoso), che si manifesta con ematuria macroscopica totale dopo aver interrotto la colica renale. Inoltre, quando il calcolo passa attraverso l'uretere, è possibile una lesione a quest'ultimo.
  • La disuria (disturbo della minzione), sotto forma di minzione frequente, si forma solitamente quando un tartaro si trova nel terzo inferiore dell'uretere, l'uretra, o quando c'è un grande calcolo nella vescica. Per questo motivo, è possibile un'errata diagnosi eccessiva di cistite e prostatite. Difficoltà a urinare o interruzione della minzione possono verificarsi con calcoli nella vescica e nell'uretra.
  • Piuria (leucocituria): un aumento del numero di leucociti nelle urine - indica l'attaccamento di un'infezione del tratto urinario.
  • Anuria postrenale: assenza di urina a causa di un deflusso alterato di urina - possibile in presenza di calcoli in entrambi gli ureteri o con calcoli nell'uretere di un singolo rene. L'anuria postrenale richiede un trattamento urgente..

Complicazioni

Se per un lungo periodo di tempo non si osserva la tendenza all'escrezione dei calcoli, si ha una progressiva soppressione delle funzioni del sistema urinario. Le complicanze più comuni dell'urolitiasi nelle donne includono:

  1. Anemia dovuta alla costante perdita di sangue;
  2. Pielonefrite cronica. Questa complicazione può portare allo sviluppo di nefrosclerosi;
  3. Pionefrosi, che è una conseguenza della pielonefrite di una forma purulenta distruttiva, che si trova nella fase terminale del suo sviluppo. Il rene colpito da pionefrosi è costituito da molte cavità riempite di urina, agenti tossici ed essudato purulento;
  4. Insufficienza renale in forma acuta. Questa complicanza si verifica in rari casi quando il paziente non ha un rene o ha calcoli in entrambi i reni;
    Disturbo delle funzioni ematopoietiche dei reni;
  5. Paranephritis, caratterizzato dalla presenza di carbonchi, pustole o ascessi nei tessuti dei reni. Questo porta allo sviluppo di sepsi ed è un'indicazione per un'operazione chirurgica;
  6. Processi infiammatori cronici con focolai di localizzazione nelle posizioni dei calcoli. In situazioni sfavorevoli, ad esempio, quando il corpo del paziente è troppo raffreddato o soffre di infezioni respiratorie acute, il processo infiammatorio può trasformarsi in una fase di esacerbazione.

Diagnostica

I segni di urolitiasi nelle loro manifestazioni sono simili ai sintomi di altre patologie della regione retroperitoneale e della cavità addominale, pertanto viene effettuata una diagnosi differenziale per escludere la condizione di un addome acuto (gravidanza ectopica, colite, appendicite acuta, sciatica, ulcera, colecistite).

  1. Esame e raccolta di anamnesi. Per identificare l'eziologia e la patogenesi della malattia, l'urologo necessita di informazioni sul tipo di attività umana, il suo stile alimentare, le caratteristiche dello sviluppo e del decorso della malattia, sull'assunzione di farmaci, nonché su operazioni passate, lesioni e immobilizzazioni prolungate..
  2. Studio visualizzato della pietra. Per visualizzare la formazione insolubile, viene utilizzata la tecnica dell'esame ecografico del tratto escretore. Questo metodo consente di identificare sia i calcoli positivi ai raggi X che quelli negativi ai raggi X. La tomografia computerizzata a spirale, il rilievo e l'urografia escretoria vengono utilizzati anche per ottenere informazioni sulla posizione, la forma, la composizione del calcolo e lo stato del sistema urinario..
  3. Gli studi clinici includono biochimica, emocromo completo e test delle urine per rilevare l'infiammazione e la gravità dell'insufficienza renale. Per determinare la sensibilità agli antibiotici, la semina viene eseguita sulla microflora.
  4. Esame dei reni con metodi radioisotropi e biochimici.
  5. Pneumopielografia, uretropielografia retrograda, uretropieloscopia.
  6. Studio della densità tomografica delle formazioni per prevenire possibili complicazioni.
  7. Analisi del calcolo risultante.

Diagnosi differenziale

Le moderne tecniche consentono di rilevare qualsiasi tipo di calcolo, quindi di solito non è necessario differenziare l'urolitiasi da altre malattie. La necessità di una diagnosi differenziale può sorgere in una condizione acuta - colica renale.

Di solito, la diagnosi di colica renale è semplice. Con un decorso atipico e la localizzazione sul lato destro di una pietra che causa l'ostruzione delle vie urinarie, a volte è necessario effettuare una diagnosi differenziale di colica renale nell'urolitiasi con colecistite acuta o appendicite acuta. La diagnosi si basa sulla caratteristica localizzazione del dolore, sulla presenza di fenomeni disurici e cambiamenti nelle urine, sull'assenza di sintomi di irritazione peritoneale.

Sono possibili gravi difficoltà nel differenziare la colica renale e l'infarto renale. In entrambi i casi si notano ematuria e forte dolore nella regione lombare. Non va dimenticato che l'infarto renale è solitamente una conseguenza di malattie cardiovascolari, che sono caratterizzate da disturbi del ritmo (cardiopatia reumatica, aterosclerosi). I fenomeni disurici nell'infarto renale si verificano molto raramente, il dolore è meno pronunciato e quasi mai raggiunge l'intensità che è caratteristica della colica renale nell'urolitiasi.

Trattamento

Vengono utilizzati sia i metodi chirurgici di trattamento che la terapia conservativa. La tattica del trattamento è determinata dall'urologo in base all'età e alle condizioni generali del paziente, alla posizione e alle dimensioni della pietra, al decorso clinico dell'urolitiasi, alla presenza di cambiamenti anatomici o fisiologici e allo stadio dell'insufficienza renale.

Principi generali di trattamento dell'urolitiasi:

  1. Bevi molti liquidi. Qualunque sia la causa dell'ICD, l'urina concentrata favorisce la formazione di nuovi calcoli o la "crescita" di quelli esistenti. In caso di nefrolitiasi, si consigliano almeno 2 litri di liquidi al giorno.
  2. Dieta. A seconda della natura del pH e dei sali prevalenti, viene prescritta una dieta per aiutare a sciogliere i piccoli calcoli. La dieta può accelerare la loro dissoluzione o contribuire alla loro formazione e ricaduta di ICD anche dopo che le foglie di pietra.
  3. Attività fisica. L'inattività, uno stile di vita sedentario provoca la formazione di pietre e camminare, correre, saltare - l'eliminazione dei microliti.
  4. Erboristeria: diuretici, erbe antinfiammatorie.
  5. Rimozione del calcolo (metodi chirurgici e conservativi).

Trattamento farmacologico

Il principale sintomo clinico dell'urolitiasi è il dolore nella colica renale. Per fermare l'attacco, al paziente vengono prescritti analgesici e antispastici. Nei casi più gravi, quando la colica renale non scompare dopo aver assunto i suddetti farmaci, al paziente vengono iniettati analgesici narcotici.

I farmaci che dissolvono i calcoli negli organi del sistema urinario sono prescritti in base alla composizione chimica dei calcoli. Il corso del trattamento è generalmente lungo, ma non inferiore a 1 mese. Con lo sviluppo di complicazioni sotto forma di pielonefrite o un processo infiammatorio nella vescica e nell'uretra, al paziente viene prescritto un antibiotico, il cui dosaggio viene selezionato rigorosamente individualmente per ciascun paziente.

Le indicazioni per l'intervento chirurgico sono le seguenti condizioni:

  1. La dimensione dei calcoli supera i 5 cm di diametro;
  2. Il calcolo ha bloccato il lume dell'uretere e il deflusso di urina del paziente è stato disturbato;
  3. Crescita di una pietra nella mucosa delle vie urinarie;
  4. Attacchi persistenti di colica renale che durano più di 60 minuti.

Fitoterapia

Nel corso del trattamento dell'urolitiasi vengono utilizzati numerosi medicinali a base di erbe. Le erbe medicinali sono utilizzate per accelerare lo scarico di frammenti di sabbia e pietra dopo la litotripsia extracorporea e anche come agente profilattico per migliorare le condizioni del sistema urinario e normalizzare i processi metabolici.

Alcuni preparati a base di erbe aumentano la concentrazione di colloidi protettivi nelle urine, che interferiscono con la cristallizzazione dei sali e aiutano a prevenire il ripetersi di urolitiasi.

trattamento Spa

Il trattamento di sanatorio è indicato per l'urolitiasi sia in assenza di una pietra (dopo la sua rimozione o scarico indipendente), sia in presenza di tartaro. È efficace per i calcoli renali, le cui dimensioni e forma, nonché le condizioni delle vie urinarie, consentono di sperare in un loro scarico indipendente sotto l'influenza dell'azione diuretica delle acque minerali.

I pazienti con urolitiasi da acido urico e da ossalato di calcio sono indicati per il trattamento in località con acque minerali alcaline a bassa mineralizzazione:

  • Zheleznovodsk ("Slavyanovskaya", "Smirnovskaya");
  • Essentuki (Essentuki n. 4, 17);
  • Pyatigorsk, Kislovodsk (Narzan).

Con l'urolitiasi da ossalato di calcio, può essere indicato anche il trattamento presso la località di Truskavets (Naftusya), dove l'acqua minerale è debolmente acida e poco mineralizzata.

Il trattamento presso i resort è possibile in qualsiasi periodo dell'anno. L'uso di simili acque minerali in bottiglia non sostituisce il soggiorno presso il resort.

L'assunzione delle suddette acque minerali, nonché dell'acqua minerale "Tib-2" (Ossezia del Nord) a scopo terapeutico e profilattico, è possibile in quantità non superiore a 0,5 l / giorno sotto stretto controllo di laboratorio dei parametri metabolici delle sostanze formanti pietra.

Esercizi fisici

L'attività fisica è uno degli elementi nella lotta all'accumulo di sali nocivi. Un esercizio moderato è utile durante il trattamento e la riabilitazione. Il medico prescrive ginnastica speciale - terapia fisica. Il complesso è progettato in modo da non sovraccaricare il corpo, ma per allenare i reparti necessari.

Esercizi utili:

  • allungamento;
  • per addominali, glutei e fianchi;
  • per i muscoli della schiena;
  • nuoto;
  • a passeggio;
  • andare in bicicletta;
  • passeggiate sugli sci;
  • esercizi riparativi.

Trattamento operativo

I calcoli urinari di grandi dimensioni che non possono essere sciolti vengono scomposti in piccoli frammenti che escono da soli o vengono rimossi chirurgicamente. Distruggi le pietre attraverso la litotripsia, agendo su di esse con un'onda d'urto.

Esistono diversi tipi di litotripsia:

  1. ESWL - litotripsia extracorporea ad onde d'urto - un metodo non invasivo in cui l'impatto sul calcolo renale viene eseguito senza incisioni cutanee e altre tecniche invasive.
  2. Contatta litotripsia - attraverso l'uretra e la vescica, un dispositivo endoscopico viene portato al calcolo, la cui parte attiva entra in contatto con il calcolo (quindi, il metodo è chiamato contatto). Nel punto di contatto si forma un'onda d'urto.
  3. Litotripsia percutanea - con questa tecnica, il litotritore viene inserito nel rene attraverso un'incisione nella regione lombare. Utilizzato per frantumare pietre giganti e corallo.

Nel caso in cui sia impossibile frantumare la pietra, viene eseguita un'operazione chirurgica. A seconda del volume dell'operazione, si distinguono i seguenti tipi di operazioni per l'urolitiasi:

  1. Pielolitotomia - il tartaro dal rene viene rimosso attraverso una piccola incisione nella pelvi renale.
  2. Nefrolitotomia - l'incisione viene praticata direttamente attraverso il rene. Questa operazione è indicata per calcoli che non possono essere rimossi con altri metodi e se la litotripsia è inefficace. È l'operazione più difficile per il paziente.
  3. Ureterolitotripsia - intervento chirurgico per rimuovere un calcolo dall'uretere.

Dieta per l'urolitiasi

Il rispetto dei principi della nutrizione medica per i calcoli renali è estremamente importante, perché:

  • aiuta a prevenire la formazione di nuovi calcoli;
  • dissolve le pietre esistenti;
  • rimuove i calcoli sotto forma di depositi di sali e piccole formazioni dai reni.

Inoltre, una dieta per l'urolitiasi è utile per la perdita di peso, normalizza il tratto digestivo e il sistema cardiovascolare. Se un paziente con calcoli renali aderisce alla nutrizione medica, il rischio di malattie infiammatorie del sistema urinario è ridotto..

Urata

SpiegazioniRaccomandazioni dietetiche
Alimenti ricchi di purine: carne animale e di pesce, frattaglie, funghi, legumi, brodi di carne. Si consiglia di consumare i piatti da loro non più di 1 volta a settimana.Limitare il consumo di alimenti contenenti purine, le molecole che compongono gli acidi nucleici. Per lo più le purine si trovano nei prodotti a base di carne.
I pazienti con calcoli di acido urico non devono bere birra, vino rosso.Limitare il consumo di alimenti che interferiscono con l'escrezione di acido urico nelle urine. L'alcol ha questa capacità..
Prodotti consigliati:
  • formaggi dolci;
  • pomodori;
  • patate;
  • Peperone;
  • grano saraceno;
  • semi e noci;
  • melanzana;
  • frutti e bacche;
  • miglio;
  • semola d'orzo;
  • pasta;
  • latte e prodotti a base di latte fermentato;
  • fiocchi di latte;
  • uova.
La dieta del paziente dovrebbe consistere principalmente in alimenti che non contengono purine: verdura e frutta, latte e latticini, uova.

Ossalati

SpiegazioniRaccomandazioni dietetiche
Limite nella dieta:
  • carota;
  • Manzo;
  • pollo;
  • crauti;
  • Acetosa;
  • mele acide;
  • limoni, arance e altri agrumi;
  • ribes;
  • pomodoro
  • barbabietole;
  • spinaci;
  • insalata;
  • Caffè e tè;
  • prezzemolo;
  • sedano;
  • gelatine;
  • gelatina;
  • cacao e cioccolato;
  • fagioli (verdi).
In termini di struttura chimica, gli ossalati sono composti di acido ossalico. Pertanto, con l'urolitiasi da ossalato, l'acetosa e gli alimenti ricchi di vitamina C sono limitati.Prodotti consentiti:

  • Latticini;
  • cereali;
  • angurie;
  • banane;
  • albicocche;
  • pere;
  • piselli;
  • zucca;
  • cavolo;
  • Patata;
  • cereali integrali;
  • patate;
  • noccioline;
Inclusione nella dieta di un gran numero di alimenti ricchi di magnesio, calcio, vitamina B6.

Fosfati e struviti

Alimenti da limitare per i calcoli urinari di fosfato:
  • mirtillo rosso;
  • ribes;
  • mirtillo;
  • limitare il consumo di tutta la frutta e la verdura;
  • latte e prodotti a base di latte fermentato;
  • formaggi e ricotta.
Limitare gli alimenti ad alto contenuto di calcio e alcalini. I fosfati sono sali di calcio che si formano più intensamente in un ambiente alcalino.Limita l'assunzione dei seguenti alimenti:

  • bevande gassate;
  • spezie piccanti;
  • caffè;
  • alcol.
Limita gli alimenti che aumentano la produzione di acido gastrico. Più acido cloridrico si forma, più il corpo perde ioni acidi. Ciò porta ad un'ulteriore alcalinizzazione delle urine.Il consumo di grandi quantità di sale fa sì che il corpo perda grandi quantità di calcio nelle urine..Limitare il sale nella dieta.Prodotti consigliati:

  • burro;
  • olio vegetale;
  • varie zuppe;
  • pane;
  • pasta;
  • carne;
  • un pesce.
Aumentare il numero di alimenti nella dieta che contengono una piccola quantità di calcio, hanno una reazione acida. Aumenta l'assunzione di vitamina A..Si consigliano succhi e bevande a base di frutta acida e bacche (mele, agrumi, mirtilli rossi, ecc.)Bere bevande acide. Aumentano l'acidità delle urine e prevengono la formazione di fosfati.

Pietre di cistina

Sottoprodotti:
  • fegato;
  • milza;
  • reni, ecc..
Gli alimenti ricchi di cistina sono severamente vietati.
  • carne e pesce: sono consentiti 200-250 mg al giorno non più di 5 giorni alla settimana;
  • uova: non più di 1 pz. in un giorno;
  • legumi;
  • Farina di frumento.
È necessario limitare gli alimenti in cui la cistina si trova in quantità sufficientemente elevate.
  • anguria;
  • arance;
  • Mela cotogna;
  • uva;
  • mirtillo rosso;
  • Pera;
  • olive;
  • corniolo;
  • mandarino;
  • Rowan;
  • noccioline;
  • carota;
  • mele;
  • mirtilli;
  • ribes;
  • Succo di betulla;
  • Pera;
  • Granato;
  • uva passa;
  • Limone;
  • fragola.
Aumentare il contenuto nella dieta di cibi ricchi di vitamine e sostanze biologicamente attive.

Prevenzione

Al fine di ridurre al minimo il rischio di sviluppare la malattia nei pazienti a rischio, è necessario attenersi alle seguenti misure:

  • il cibo dovrebbe essere completo, razionale e sufficientemente fortificato;
  • è meglio escludere completamente dalla dieta gli "sprechi alimentari", ovvero fast food e semilavorati;
  • è importante bere un volume sufficiente di liquido al giorno (almeno 2-2,5 litri);
  • non è consigliabile lavorare in officine calde o stanze calde, il sonno e il riposo dovrebbero essere completi;
  • di particolare importanza è la diagnosi e il trattamento tempestivi di eventuali malattie degli organi del tratto urinario, nonché di altri sistemi corporei (endocrinopatie, malattie gastrointestinali, ecc.).

Se avverti il ​​minimo fastidio o dolore all'addome, alla parte bassa della schiena o agli arti inferiori, contatta immediatamente il tuo urologo. Aderendo a misure preventive, ridurrai al minimo il rischio di sviluppare urolitiasi..