Glomerulonefrite: classificazione e sintomi principali

La glomerulonefrite è una malattia infiammatoria autoimmune in cui sono colpiti i glomeruli renali e, in misura minore, i tubuli renali. Il processo è accompagnato da una ritenzione di liquidi e sali nel corpo a seguito dello sviluppo di disturbi circolatori secondari nei reni, che alla fine spesso portano a grave ipertensione arteriosa e sovraccarico di liquidi..
In termini più semplici, la glomerulonefrite è un'infiammazione dei glomeruli renali, o come vengono anche chiamati, glomeruli. Da qui il secondo nome della malattia è la nefrite glomerulare. Il processo può essere presentato come insufficienza renale acuta, sindrome nefrosica o sindrome nefritica, o come proteinuria isolata e / o ematuria. Queste condizioni sono divise in gruppi proliferativi o non proliferativi, che a loro volta hanno diversi sottogruppi..

Inoltre, va notato che è molto importante identificare un campione di glomerulonefrite, cioè eseguire una diagnostica differenziale, poiché il piano ei metodi di trattamento della glomerulonefrite dipenderanno in gran parte dal tipo di malattia.

Classificazione della glomerulonefrite

Esistono diverse classificazioni della glomerulonefrite.

Nel corso del processo ci sono:

  • Glomerulonefrite acuta diffusa. Secondo le caratteristiche cliniche, si divide in due forme:
  1. Una forma ciclica con un violento inizio acuto della malattia e, di regola, un recupero relativamente rapido. Tuttavia, anche dopo un ciclo di trattamento, i pazienti hanno per molto tempo esplosioni cicliche di debole proteinuria ed ematuria..
  2. Latente. Quest'ultimo è spesso indicato come un tipo subacuto di glomerulonefrite. È caratterizzato da un quadro clinico lieve.
  • Glomerulonefrite cronica. È suddiviso per forme cliniche in:
  • Forma nefritica - caratterizzata dal fatto che la sindrome principale è nefritica con segni di infiammazione renale.
  • Forma ipertensiva - caratterizzata dalla predominanza tra tutte le sindromi - ipertensiva.
  • Forma mista o nefritico-ipertensiva. Come si può capire dal nome stesso della forma clinica, in questa situazione si manifestano manifestazioni sia nefritiche che ipertensive.
  • Forma latente. Praticamente non ha un quadro clinico evidente, ad eccezione di una lieve sindrome urinaria. Questa forma di nefrite acuta si sviluppa molto spesso in una forma cronica..
  • Forma ematurica, che si manifesta solo con la presenza di ematuria.
  • Glomerulonefrite rapidamente progressiva.

Per eziologia e patogenesi si distinguono:

  • Glomerulonefrite primaria - che si sviluppa a seguito della distruzione morfologica diretta dei reni.
  • E glomerulonefrite secondaria, che è una conseguenza della malattia di base. Ad esempio, invasione infettiva da parte di batteri, virus e altri microrganismi virulenti, farmaci, tumori maligni o malattie sistemiche, come lupus eritematoso sistemico, vasculite e così via.

In base alle caratteristiche cliniche e morfologiche, si dividono:

  • Nefrite glomerulare segmentale focale. È caratterizzato dall'identificazione di formazioni sclerotiche in anelli capillari separati. Molto spesso, questo tipo di glomerulonefrite si sviluppa come conseguenza dell'uso prolungato e / o intensivo di droghe per via endovenosa o dell'infezione da HIV. La nefrite glomerulare segmentale focale può manifestarsi come sindrome nefrosica o proteinuria persistente, che sono solitamente associate a ipertensione ed eritrocituria. Il corso del processo è abbastanza progressivo e la prognosi è estremamente sfavorevole. Va detto che questa è la più sfavorevole di tutte le varianti morfologiche della glomerulonefrite. Inoltre, molto raramente risponde al trattamento immunosoppressivo attivo.
  • Glomerulonefrite membranosa o il secondo nome è nefropatia membranosa. Questo tipo di nefrite glomerulare è caratterizzata dalla presenza di ispessimento diffuso nelle pareti dei capillari glomerulari con la loro scissione e successivo raddoppio. E anche depositi massicci si formano sulla membrana basale dei glomeruli sul lato epiteliale degli immunocomplessi. Vale la pena notare che in un terzo dei pazienti è possibile stabilire una connessione tra nefropatia membranosa e virus dell'epatite B, alcuni farmaci e tumori maligni. A questo proposito, è molto importante che i pazienti con glomerulonefrite membranosa siano esaminati attentamente per la presenza di epatite B o di un tumore. Di norma, questo tipo di glomerulonefrite si manifesta con lo sviluppo della sindrome nefrosica e solo il 15-30% dei pazienti ha ipertensione arteriosa ed ematuria. La glomerulonefrite membranosa è più suscettibile agli uomini e meno alle donne, è interessante notare che la prognosi del trattamento è più favorevole nelle donne. In generale, solo la metà dei pazienti sviluppa insufficienza renale..
  • La nefrite glomerulare mesangioproliferativa è il tipo più comune di glomerulonefrite che si verifica nell'urologia pratica. Contrariamente a quanto sopra, questo forcone soddisfa assolutamente tutti i criteri per la glomerulonefrite di natura immuno-infiammatoria. È caratterizzato dall'espansione del mesangio, dalla proliferazione delle sue cellule e dalla deposizione di immunocomplessi sotto l'endotelio e in esso. Le principali manifestazioni cliniche della nefrite glomerulare mesangioproliferativa sono l'ematuria e / o la proteinuria. Molto meno frequentemente si sviluppa ipertensione e / o sindrome nefrosica.
  • Nefrite glomerulare mesangioproliferativa con presenza di immunoglobulina A nei glomeruli. Molto spesso, questo tipo di glomerulonefrite può essere trovato sotto il nome di malattia di Berger o nefrite IgA. I giovani uomini sono i più suscettibili alla malattia. Il sintomo principale è l'ematuria. E nella metà dei pazienti si osserva macroematuria ricorrente. Se complicazioni come la sindrome nefrosica o l'ipertensione non si sono unite al processo, la prognosi del trattamento è abbastanza favorevole..
  • Glomerulonefrite mesangiocapillare. Questa è una delle prognosi più sfavorevoli del trattamento della nefrite glomerulare, caratterizzata da una forte proliferazione delle cellule mesangiali con la loro proliferazione e penetrazione nei glomeruli renali. Di conseguenza, si formano la lobulazione glomerulare caratteristica di questo tipo e un raddoppio delle membrane basali. Abbastanza spesso, la glomerulonefrite mesangiocapillare è associata a crioglobulinemia o, più spesso, a epatite C. Pertanto, un esame approfondito per l'individuazione dell'epatite C o della crioglobulinemia è molto importante. Questo tipo di nefrite glomerulare si presenta solitamente con ematuria e proteinuria. Inoltre, spesso si sviluppano sindrome nefrosica, ipertensione e insufficienza renale cronica. La terapia della glomerulonefrite mesangiocapillare è estremamente rara.

Con qualsiasi glomerulonefrite, è molto importante consultare un medico in tempo, sottoporsi a un esame approfondito per prescrivere un trattamento adeguato tempestivo per la glomerulonefrite e seguire accuratamente e coscienziosamente tutte le raccomandazioni del medico.

Glomerulonefrite cronica

La glomerulonefrite cronica è un'infiammazione immunitaria ricorrente del parenchima renale con una lesione predominante dei nefroni - unità strutturali e funzionali. Di conseguenza, si verifica la morte e la distruzione delle cellule dell'apparato glomerulare e dei tubuli renali, che vengono sostituite dal tessuto connettivo (sclerosi tubulointerstiziale e glomerulare). Questi cambiamenti sono irreversibili. La glomerulonefrite cronica è una delle malattie renali più gravi che non può essere completamente curata e porta inevitabilmente all'insufficienza renale cronica..

  • Cause di glomerulonefrite cronica
  • Classificazione della glomerulonefrite cronica
  • Sintomi di glomerulonefrite cronica
  • Diagnostica glomerulonefrite cronica
  • Trattamento della glomerulonefrite cronica
  • Previsione e prevenzione della glomerulnefrite cronica

Cause di glomerulonefrite cronica

La glomerulonefrite cronica può derivare da una glomerulonefrite acuta. In alcuni casi, la causa della malattia non può essere determinata. La glomerulonefrite cronica idiopatica è secretiva, senza precedenti episodi di danno renale. Le possibili cause sono infezioni croniche e acute di natura virale e batterica, reazioni allergiche, malattie autoimmuni (lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide, reumatismi, ecc.).

Il fattore principale e la causa più diretta della malattia è considerato l'effetto dannoso degli immunocomplessi circolanti, costituiti da antigeni, anticorpi e altre proteine ​​del siero. Sedimentandosi sulle pareti dei capillari dell'apparato glomerulare del CEC, portano a infiammazione immunitaria, morte del nefrone e successiva sclerosi del rene.

La morte di massa dei nefroni porta ad una diminuzione della capacità di filtraggio dei reni, una diminuzione della clearance della creatinina e insufficienza renale cronica. Con la progressione della malattia nel sangue, aumenta il livello di basi azotate (urea, creatinina). Pertanto, la glomerulonefrite cronica non è una malattia separata, è un meccanismo universale di danno renale ritardato che si verifica in molte patologie..

Classificazione della glomerulonefrite cronica

La classificazione della malattia è molto importante pratica per i pazienti con una diagnosi di "glomerulonefrite cronica". Forme di danno renale, cambiamenti istologici, sintomi principali aiutano a distinguere diversi tipi di questa malattia. Ogni tipo di glomerulonefrite cronica ha le sue caratteristiche, il corso, il trattamento e la prognosi, che determina la tattica medica.

Classificazione clinica e patomorfologica (istologica) prevalentemente utilizzata della glomerulonefrite cronica.

La classificazione clinica della glomerulonefrite cronica ha le seguenti forme:

  • latente (si verifica senza sintomi pronunciati, ad eccezione dei cambiamenti nell'analisi delle urine);
  • ematurico (procede con ematuria di varia gravità, sono possibili edema e un aumento persistente della pressione sanguigna);
  • ipertensivo (procede con un aumento persistente della pressione sanguigna, cambiamenti negli esami delle urine);
  • nefrosica (caratterizzata dal predominio della sindrome nefrosica nel quadro clinico: proteinuria massiccia, disproteinemia, edema, aumento dei lipidi nel sangue);
  • misto (può presentare qualsiasi segno caratteristico della glomerulonefrite cronica: edema, ematuria, proteinuria, ipertensione arteriosa, alterazioni delle urine).

La classificazione patologica di Serov della glomerulonefrite cronica (CG) ha le seguenti caratteristiche:

  • L'HCG con cambiamenti morfologici minimi (nefrosi lipoide) è la forma più favorevole della malattia, che è più comune durante l'infanzia. I cambiamenti patologici vengono rilevati solo con la microscopia elettronica. Risponde bene alla terapia con glucocorticosteroidi, raramente porta a insufficienza renale cronica;
  • glomerulosclerosi focale segmentale: i cambiamenti patologici nell'apparato glomerulare sono minimi. L'immunoistochimica rileva l'immunoglobulina (IgM) nell'area interessata. Presentato clinicamente come una forma mista della malattia, è difficile da trattare. Il decorso procede costantemente, la prognosi è infausta;
  • L'hCG membranoso è caratterizzato da depositi di immunocomplessi circolanti sul lato interno della membrana basale dei glomeruli renali. Di solito si manifesta clinicamente la proteinuria e la sindrome nefrosica. La prognosi è relativamente buona, l'insufficienza renale cronica si sviluppa solo nel 50% dei pazienti;
  • L'hCG mesangioproliferativo è caratterizzato dalla deposizione di immunocomplessi circolanti nella sostanza mesangiale, dalla proliferazione delle cellule mesangiali. Questo tipo patomorfologico di epatite cronica si verifica più spesso. Si manifesta clinicamente con proteinuria, ematuria. Le prospettive sono relativamente buone;
  • L'epatite cronica mesangiocapillare è caratterizzata dalla deposizione del CIC sulle membrane basali dei capillari glomerulari e nella sostanza mesangiale, con proliferazione di cellule mesangiali. Si manifesta clinicamente con proteinuria, ematuria, sindrome nefrosica, ipertensione arteriosa. La prognosi è infausta, l'esito della malattia è quasi sempre l'insufficienza renale cronica.

In alcuni casi, la malattia può progredire molto più velocemente. Ciò è dovuto alla presenza di infiammazioni immunitarie attive (malattie autoimmuni come lupus eritematoso sistemico, vasculite emorragica) con immunocomplessi circolanti.

La classificazione patologica richiede la biopsia. Allo stesso tempo, si ottengono i dati iniziali che consentono di determinare il tipo di processo patologico e le tattiche di trattamento. Per questo motivo, la biopsia è considerata il "gold standard" per la diagnosi della glomerulonefrite cronica..

Sintomi di glomerulonefrite cronica

Diversi cambiamenti patomorfologici nel tessuto renale causano una varietà di sindromi che manifestano glomerulonefrite cronica. I sintomi dell'epatite cronica dipendono dalla forma clinica e dal grado di insufficienza renale..

Sintomi comuni nella glomerulonefrite cronica e nell'insufficienza renale cronica:

  • debolezza, stanchezza senza motivo;
  • mancanza di appetito, perdita di peso;
  • nausea, vomito al mattino;
  • perversione del gusto;
  • edema pronunciato di varia localizzazione;
  • insonnia;
  • prurito alla pelle, scabbia;
  • con grave azotemia - tremore, convulsioni, polineuropatia, ridotta sensibilità.

Una diminuzione della funzione renale porta a ritenzione di liquidi nei tessuti, aumento della pressione sanguigna e violazione dell'equilibrio idrico ed elettrolitico. La parte liquida del sangue scorre facilmente attraverso i capillari, a seguito della quale possono verificarsi varie complicazioni: edema polmonare, idrotorace (fluido nella cavità pleurica), idropericardio (fluido nella sacca del cuore), ascite (fluido nella cavità addominale). I disturbi elettrolitici portano a iperkaliemia, ipocalcemia, acidosi metabolica. L'iperkaliemia porta alla bradicardia, l'ipocalcemia si manifesta con uno spasmo dei muscoli del polpaccio.

L'anemia e la trombocitopenia accompagnano quasi sempre la glomerulonefrite cronica. I sintomi sono causati da una violazione della produzione di eritropoietine nei reni, fattori che stimolano l'emopoiesi. Molto spesso si manifestano come debolezza, sonnolenza e affaticamento..

Con la CRF avanzata, il quadro clinico della malattia è completato dai sintomi dell'uremia (azotemia). Alti livelli ematici di sostanze tossiche e basi azotate (creatinina, urea) sono la causa di gastroenterite uremica, encefalopatia. Nella fase terminale, il paziente è in coma.

Diagnostica glomerulonefrite cronica

Come accennato in precedenza, una biopsia renale è il metodo più affidabile e accurato per diagnosticare la glomerulonefrite cronica. Tuttavia, una diagnosi preliminare viene sempre effettuata sulla base di metodi più semplici e accessibili. La biopsia è un metodo per la diagnosi finale della glomerulonefrite cronica.

Un'analisi generale delle urine nella glomerulonefrite cronica rileva proteine ​​nelle urine, eritrociti, cilindri, un cambiamento nel peso specifico dell'urina (un segno di funzione renale compromessa). Uno studio esteso (test di Reberg) rivela una diminuzione della velocità di filtrazione glomerulare (inferiore a 90 ml / min) e della clearance della creatinina. La gravità di questi cambiamenti corrisponde alla gravità dell'insufficienza renale.

L'insufficienza renale è confermata da un esame del sangue biochimico. Aumento dei livelli di creatinina e urea, diminuzione delle proteine ​​totali, pronunciati disturbi elettrolitici nel sangue.

L'ecografia per la glomerulonefrite cronica rivela segni indiretti della malattia: una diminuzione delle dimensioni dei reni (rene rimpicciolito), un aumento dell'ecogenicità dei tessuti, eterogeneità della struttura.

Vengono eseguiti ECG, EchoCG, ecografia delle cavità pleuriche, esame del fondo oculare per determinare i cambiamenti da altri sistemi.

Le varianti cliniche di hCG richiedono la differenziazione con pielonefrite cronica, malattia del rene policistico, ipertensione arteriosa, sindrome nefrosica e altre malattie.

Viene eseguita una biopsia renale con esame morfologico del campione di tessuto renale ottenuto per escludere patologie con manifestazioni simili e per stabilire la forma istologica di hCG.

Trattamento della glomerulonefrite cronica

L'obiettivo della terapia è controllare la malattia, prevenire gravi disfunzioni renali e raggiungere la remissione clinica. Non esistono metodi efficaci e sicuri che curino completamente la glomerulonefrite cronica. Il trattamento è mirato ai principali meccanismi patogenetici dello sviluppo della malattia. La base della terapia farmacologica sono immunosoppressori (citostatici), farmaci glucocorticosteroidi, diuretici, farmaci antipertensivi (principalmente ACE inibitori), anticoagulanti e agenti antipiastrinici.

  1. I citostatici bloccano l'infiammazione autoimmune, prevenendo così ulteriori danni al tessuto renale.
  2. I glucocorticosteroidi bloccano anche l'infiammazione, ma sono controindicati nella sclerosi renale grave (migliorano la formazione del tessuto connettivo).
  3. I diuretici alleviano il gonfiore, promuovono il rilascio di potassio dal corpo.
  4. I farmaci antipertensivi abbassano la pressione sanguigna associata all'epatite cronica.
  5. Gli anticoagulanti e gli agenti antipiastrinici prevengono la coagulazione del sangue, prevengono le complicanze tromboemboliche, migliorano la circolazione sanguigna nel tessuto renale e prevengono l'effetto antinfiammatorio delle piastrine attivate.

Il problema principale è il trattamento delle forme rapidamente progressive di glomerulonefrite cronica. È impossibile ottenere la remissione senza una terapia del polso adeguata e aggressiva. Vengono utilizzate grandi dosi di farmaci citostatici e corticosteroidi, che hanno effetti collaterali pronunciati.

In caso di evidente insufficienza renale, viene utilizzata l'emodialisi. I pazienti più volte al mese vengono sottoposti a purificazione del sangue da residui azotati e tossine utilizzando un apparato renale artificiale. Il metodo ha i suoi vantaggi, ma anche svantaggi. Il paziente dipende effettivamente da questa procedura ed è legato all'unità di emodialisi.

Oggi, quasi tutti i metodi di trattamento della glomerulonefrite cronica sono palliativi (soluzione temporanea al problema). Un trattamento radicale è un trapianto di rene da donatore. Ogni anno vengono eseguite decine di migliaia di tali operazioni. Tuttavia, anche in questo caso, sono possibili reazioni di rigetto dell'innesto o insufficienza renale ripetuta in rapida progressione..

Previsione e prevenzione della glomerulnefrite cronica

La prognosi per la glomerulonefrite cronica varia da favorevole a sfavorevole, a seconda della forma della malattia. Non sono stati sviluppati metodi di prevenzione efficaci. Alcuni casi possono essere prevenuti mediante trattamento tempestivo delle infezioni, prevenzione delle complicanze del diabete mellito, terapia adeguata delle malattie autoimmuni.

Classificazione della glomerulonefrite cronica

Nel nostro paese, la classificazione clinica più riconosciuta proposta da E.M. Tareev, secondo la quale distingue

latente (con sindrome urinaria isolata),

ematurico (malattia di Berger),

ipertensivo,

GBV nefrosica e mista.

fase- esacerbazione (comparsa di sindrome nefrosica o nefrosica acuta), remissione;

insufficienza renale acuta

encefalopatia ipertensiva renale acuta (preeclampsia, eclampsia)

insufficienza cardiaca acuta (ventricolare sinistro con attacchi di asma cardiaco, edema polmonare, totale)

fallimento renale cronico

insufficienza cardiaca cronica

retinopatia

La classificazione morfologica (Serov V.V. et al., 1978, 1983) include otto forme di CGN

glomerulonefrite proliferativa diffusa

glomerulonefrite con mezza luna

glomerulonefrite mesangioproliferativa

glomerulonefrite membranosa

glomerulonefrite membranoproliferativa (mesangiocapillare)

glomerulosclerosi focale segmentale

glomerulonefrite fibroplastica

La glomerulonefrite extracapillare subacuta (maligna, a rapida progressione) si distingue come forma indipendente..

Clinica. A seconda della predominanza di un particolare segno, si distinguono varie varianti cliniche..

La forma clinica più comune è la GN latente (50-60%). GB latenti - Questa è una sorta di decorso latente di GN cronico, non riconosciuto dai pazienti, senza edema e ipertensione, i pazienti mantengono la loro capacità di lavorare per decenni, poiché il GN latente può continuare a lungo, fino allo sviluppo di insufficienza renale cronica. Questa forma si manifesta solo con una sindrome urinaria leggermente pronunciata in assenza di segni extrarenali della malattia..

La malattia viene rilevata mediante esame casuale, esame clinico, quando viene rilevata proteinuria o ematuria moderata isolata. In questo caso, sono possibili un basso AH e un piccolo edema transitorio, che non attirano l'attenzione dei pazienti..

GN ipertensivo si verifica in media nel 12-22% dei pazienti con CGN. Il segno clinico principale è l'ipertensione arteriosa. Questa opzione è caratterizzata da un decorso lungo e lento, all'inizio della malattia non c'è edema ed ematuria. La malattia può essere scoperta per caso durante le visite mediche, l'invio a una cura termale. Nell'analisi delle urine, una leggera proteinuria, cilindruria si trova sullo sfondo di una pressione sanguigna periodicamente aumentata ben tollerata. A poco a poco, l'ipertensione diventa costante, alta, in particolare la pressione diastolica aumenta. Ipertrofia del ventricolo sinistro del cuore, si sviluppano cambiamenti nei vasi del fondo. Il decorso della malattia è lento, ma progredisce costantemente e si trasforma in insufficienza renale cronica.

La pressione sanguigna aumenta bruscamente con lo sviluppo dell'insufficienza renale. L'unione della retinopatia è un sintomo importante della CGN, con restringimento, tortuosità delle arteriole, gonfiore della testa del nervo ottico, emorragie lungo i vasi, nei casi più gravi - distacco della retina, neuroretinopatia. I pazienti lamentano mal di testa, visione offuscata, dolore nella regione del cuore, spesso del tipo di angina pectoris.

Un esame obiettivo rivela l'ipertrofia ventricolare sinistra. Nei pazienti con un lungo decorso della malattia, si riscontrano fenomeni di ischemia miocardica, disturbi del ritmo cardiaco.

Nell'analisi generale delle urine - una leggera proteinuria, a volte microematuria, cilindruria, la densità relativa delle urine diminuisce gradualmente. CRF si forma entro 15-25 anni.

CGN ematurico. In clinica - ematuria ricorrente di vari gradi e proteinuria minima (meno di 1 g / giorno). Non ci sono sintomi extrarenali. La CRF si sviluppa nel 20-40% entro 15-25 anni.

GN nefrosico si verifica con la stessa frequenza del GN iperteso. La GN nefrotica è la GN con sintomi polisindromici, una reazione immunologica nei reni, che dà luogo al rilascio di un fattore nelle urine che implementa un test del lupus positivo. La proteinuria è significativa, più di 3,5 g / die, ma nelle fasi successive, con una diminuzione della funzione renale, di solito diminuisce. La semplice presenza di una massiccia proteinuria è diventata un segno distintivo della sindrome nefrosica, poiché significa la presenza di danno renale latente ed è un segno di danno glomerulare. NS si sviluppa con un prolungato aumento della permeabilità della membrana basale dei glomeruli per le proteine ​​plasmatiche e la loro eccessiva filtrazione, che supera le capacità di riassorbimento dell'epitelio tubulare, a seguito della quale si ha una riorganizzazione strutturale del filtro glomerulare e dell'apparato tubulare.

All'inizio della malattia, questa è una ristrutturazione compensatoria, quindi si sviluppa un fallimento del riassorbimento dei tubuli in relazione alle proteine, che porta a ulteriori danni ai glomeruli, ai tubuli, ai cambiamenti nell'interstizio e ai vasi renali. Nel sangue vengono rilevate ipoproteinemia, ipoalbuminemia, iperglobulinemia, iperlipidemia, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia e iperfibrinogenemia. Il decorso della malattia è lento o progredisce rapidamente con esito in insufficienza renale cronica, a causa dell'ipercoagulazione, può essere accompagnato da complicanze trombotiche.

La pelle dei pazienti con CGN nefrosica è pallida e secca. Il viso è gonfio, gonfiore alle gambe e ai piedi. I pazienti sono dinamici, inibiti. In caso di sindrome nefrosica grave, si osservano oliguria, edema di tutto il corpo con presenza di liquido nelle cavità pleuriche, pericardio e cavità addominale.

Significative violazioni del metabolismo delle proteine, diminuzione dell'immunità portano al fatto che i pazienti con questa forma sono particolarmente sensibili a varie infezioni..

GBV cronica mista corrisponde alle caratteristiche della classica nefrite edematosa-ipertensiva con edema (Bright), ipertensione, proteinuria significativa. La presenza simultanea di ipertensione ed edema di solito indica un danno renale avanzato. Questa forma si distingue per il decorso più grave, la progressione costante e lo sviluppo piuttosto rapido dell'insufficienza renale, il CRF si forma entro 2-5 anni..

Glomerulonefrite terminale - lo stadio finale di qualsiasi forma di CGN, questa forma è solitamente considerata uno stadio di insufficienza renale cronica.

Condizionalmente, è possibile distinguere un periodo di compensazione, quando il paziente, pur rimanendo efficiente, lamenta solo debolezza, affaticamento, diminuzione dell'appetito o può rimanere completamente sano. La pressione sanguigna è alta, soprattutto diastolica. Caratterizzato da poliuria, isostenuria, lieve proteinuria, "cilindri" larghi.

Morfologicamente, c'è un rene secondariamente rugoso, spesso difficile da distinguere da un rene rugoso primario nell'ipertensione maligna.

Come forma indipendente, ci sono glomerulonefrite subacuta (maligna) - glomerulonefrite rapidamente progressiva, caratterizzato da una combinazione di sindrome nefrosica con ipertensione e rapida insorgenza di insufficienza renale.

L'esordio è un edema acuto e persistente di tipo anasarca, caratterizzato da significativa colesterolemia, ipoproteinemia, proteinuria grave e persistente. L'azotemia e l'anemia si sviluppano rapidamente. La pressione sanguigna è molto alta, grave la retinopatia della retina fino al distacco.

Si può sospettare una nefrite rapidamente progressiva se, all'inizio della malattia, sullo sfondo delle gravi condizioni generali dei pazienti, il contenuto di creatinina, colesterolo sierico e pressione sanguigna è aumentato e si nota una bassa densità relativa di urina. Una caratteristica di questa forma di GN è una risposta immunitaria unica in cui la sua stessa membrana basale agisce come un antigene..

Morfologicamente, si riscontra una glomerulonefrite proliferativa con mezzelune fibrino-epiteliali, che può svilupparsi dopo una settimana. Allo stesso tempo, diminuisce anche la funzione di concentrazione (a causa della lesione tubulare-interstiziale). I pazienti muoiono dopo 6-18 mesi dall'inizio della malattia.

Pertanto, la classificazione clinica del CGN viene utilizzata nella pratica quotidiana. Tuttavia, la maggiore importanza del metodo di ricerca morfologica per la diagnosi e la prognosi del CGN richiede familiarità con le caratteristiche morfologiche della malattia (vedi sopra).

La forma morfologica più comune di CGN (circa il 50%) è mesangioproliferativo GN, che è caratterizzato dalla deposizione di immunocomplessi, complemento nel mesangio e sotto l'endotelio dei capillari glomerulari. Clinicamente, questa variante è caratterizzata da OGN, IgA - la nefropatia (malattia di Berger), le forme nefrotiche e ipertensive sono meno comuni. La malattia si manifesta in giovane età, più spesso negli uomini. L'ematuria persistente è un sintomo caratteristico. Un aumento della pressione sanguigna all'inizio della malattia è raro. Il corso di questa forma di GBV è benigno, i pazienti vivono a lungo. La nefropatia da IgA è una delle varianti della glomerulonefrite mesangioproliferativa, caratterizzata da macro e microematuria, le esacerbazioni sono solitamente associate a una precedente infezione. Non ci sono edema e ipertensione. Con l'immunofluorescenza, la rilevazione dei depositi nel mesangio di IgA è specifica.

GN membranoso o immunocomplesso, si verifica in circa il 5% dei pazienti. Durante l'esame immunoistologico, depositi di IgG, IgM, complemento si trovano nei capillari dei glomeruli (C3 frazione) e fibrina. Il decorso clinico è relativamente lento con proteinuria isolata o sindrome nefrosica. Questa variante di GN è meno benigna, quasi tutti i pazienti hanno una proteinuria persistente all'inizio della malattia.

Membranoproliferative (mesangiocapillyarny) GN si verifica nel 20% dei pazienti. Con questa forma di GN, il mesangio e l'endotelio della membrana basale sono interessati, i depositi di IgA, IgG, complemento si trovano nei capillari dei glomeruli, sono necessari cambiamenti nell'epitelio dei tubuli. La malattia di solito inizia durante l'infanzia, le donne si ammalano 1,5-2 volte più spesso degli uomini. Nel quadro clinico, la sindrome nefrosica con grave proteinuria ed ematuria viene rilevata più spesso. Questa forma di GBV è in continua evoluzione. Spesso la malattia inizia con la sindrome nefrosica acuta.

Una caratteristica di questa forma è l'ipocomplementemia, che non è osservata in altre forme morfologiche, ad eccezione dell'OHN.

Le ragioni che portano al GN proliferativo di membrana possono essere virus, infezioni batteriche, virus dell'epatite A, tubercolosi polmonare, fattori genetici e malattie purulente (osteomielite, malattie polmonari purulente croniche, ecc.).

GN con modifiche minime (nefrosi lipoide) causato da danni ai "piccoli processi" dei podociti. È più comune nei bambini, nel 20% dei casi nei giovani uomini. I lipidi si trovano nell'epitelio dei tubuli e nelle urine. Non vengono rilevati depositi immunitari nei glomeruli. C'è una tendenza alla ricaduta con remissioni spontanee e un buon effetto dall'uso della terapia con glucocorticoidi. La prognosi è generalmente favorevole, la funzione renale rimane preservata per lungo tempo.

Sclerosi glomerulare focale - una sorta di nefrosi lipoide, inizia nei nefroni juxtamidollari, le IgM si trovano nei capillari dei glomeruli. Nel 5-12% dei pazienti, più spesso nei bambini, vengono rilevate clinicamente proteinuria, ematuria e ipertensione. Clinicamente, esiste una sindrome nefrosica pronunciata resistente al trattamento steroideo. Il decorso della malattia è progressivo, termina con lo sviluppo di insufficienza renale cronica.

Fibroplastica GN - forma diffusa di CGN - nel suo corso termina con la sclerosi e il processo fibroplastico di tutti i glomeruli.

I cambiamenti fibroplastici nei glomeruli sono accompagnati da degenerazione, atrofia dell'epitelio tubulare e sclerosi del tessuto interstiziale.

La diagnosi di GN si basa su una valutazione dei dati anamnestici, dell'ipertensione e dei cambiamenti nelle urine.

Va ricordato il possibile decorso latente a lungo termine della GBV.

La diagnosi di glomerulonefrite è impossibile senza esame di laboratorio. Include

Analisi generale delle urine, calcolo della perdita giornaliera di proteine,

Proteinogramma, determinazione dei lipidi ematici, creatinina ematica, urea, elettroliti,

Campioni di Zimnitsky, Reberg,

Esame del fondo,

Studio dei radionuclidi dei reni,

Biopsia da puntura dei reni

Didiagnosi differenziale. È facile fare una diagnosi quando ci sono informazioni accurate sulla precedente nefrite acuta o quando il viso presenta sintomi tipici di varie forme caratteristiche della nefrite cronica.

La differenziazione del CGN dall'ipertensione è molto importante. In CGN, i cambiamenti nelle urine compaiono molto prima dello sviluppo dell'ipertensione; CGN è caratterizzato da un'ipertrofia del cuore meno pronunciata, una minore tendenza alle crisi ipertensive.

In molti casi, la CGN è difficile da distinguere dalla pielonefrite cronica. A favore di quest'ultimo, parlano le informazioni sull'infezione del tratto urinario trasferito, i fenomeni disurici, il dolore lombare, i periodi di aumento della temperatura. Nelle urine con pielonefrite si trovano batteriuria e leucocituria.

La CGN con sindrome nefrosica dovrebbe essere differenziata dall'amiloidosi renale. La diagnosi di amiloidosi viene effettuata sulla base dei seguenti segni: processo tubercolare, purulento o altro processo infiammatorio trasferito o esistente (artrite, cronosepsi), malattie polmonari suppurative, tumori maligni, presenza di amiloidosi in altri organi. La biopsia renale e la ricerca di amiloide nella mucosa orale o nel retto sono metodi diagnostici preziosi.

Con la nefrite, quando l'ematuria è in primo luogo, è necessario delimitarla dalla tubercolosi renale. Al minimo dubbio, esamina attentamente l'urina: nel sedimento con il metodo di flottazione, puoi rilevare il micobatterio tubercolosi.

Le malattie di Goodpasture e Wegener si verificano con infiltrazione nei polmoni, emottisi massiva, nefrite, danni al tessuto cartilagineo della laringe e del tratto respiratorio superiore, nefrite.

Caratteristiche dettagliate della glomerulonefrite cronica

La glomerulonefrite è una malattia renale acquisita causata da una precedente infezione da streptococco. L'apparato glomerulare soffre di un processo degenerativo-distrofico, è danneggiato e atrofizzato. Il CGN può svilupparsi in modo asintomatico da 2 a 20 anni. La glomerulonefrite cronica è la fase più pericolosa e difficile da trattare. Per evitare complicazioni, quando compaiono i primi segni di infiammazione acuta, è urgente eseguire tutti i test necessari..

Caratteristiche caratteristiche della forma cronica di glomerulonefrite

Le patologie renali sono state recentemente diagnosticate sempre più in persone di età compresa tra 20 e 40 anni. Il motivo è il deterioramento dell'ambiente, frequente automedicazione con farmaci. Uno dei disturbi pericolosi è la glomerulonefrite, che può essere asintomatica per molto tempo.

La forma cronica della glomerulonefrite (secondo il codice ICB-10 n. 03) è una malattia immunocomplessa, durante la quale i glomeruli renali sono colpiti e atrofizzati. Anche la malattia glomerulare e la nefrite sono incluse nella classe internazionale della sindrome nefritica. Secondo l'OMS, 10 persone su 100mila muoiono di patologia.

Motivi di sviluppo

La glomerulonefrite è una complicanza di malattie virali o infettive avanzate. La patogenesi è causata da una reazione aggressiva del sistema immunitario al patogeno. La mancanza o la mancanza di trattamento porta a danni ai reni, vale a dire la membrana del nefrone. Le ragioni principali per lo sviluppo della patologia:

  • tonsillite, sinusite, tonsillite, polmonite, ARVI;
  • carie, parodontite;
  • virus dell'herpes, epatite, varicella, morbillo, scarlattina;
  • avvelenamento del corpo con alcol o droghe;
  • difterite;
  • alcuni farmaci, reazione allergica alle vaccinazioni.

Inoltre, i reni soffrono di frequente ipotermia, elevata umidità nell'appartamento o al lavoro. La patologia può svilupparsi a causa di malattie autoimmuni (lupus sistemico) o essere ereditaria.

Sintomi di patologia

Il primo stadio della malattia (latente) viene rilevato utilizzando la diagnostica di laboratorio. Prima dello studio delle urine, il paziente potrebbe non sospettare la presenza di patologia. Con la progressione, la glomerulonefrite cronica presenta i seguenti sintomi:

  • sindrome urinaria (proteinuria, ematuria, diuresi);
  • disfunzione della minzione (disuria, oliguria, anuria);
  • Sintomo di Pasternatsky (dolore con leggero formicolio nella parte bassa della schiena);
  • gonfiore del viso, delle mani, dei piedi;
  • un forte aumento di peso e quindi la sua diminuzione senza causa;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • sete costante, segni di intossicazione;
  • debolezza, vertigini, mancanza di appetito;
  • dispnea;
  • febbre (raro).

Il decorso cronico della malattia è caratterizzato da un regolare cambiamento di fasi, il primo è un'esacerbazione, durante la quale compare la sindrome nefritica o nefrosica, e la seconda è la remissione. Una persona può vivere senza segni della malattia per molti anni (da 2 a 10 anni), il che porterà a una diminuzione distrofica dei reni, allo sviluppo di insufficienza renale e alla morte.

Classificazione della forma cronica

La malattia può verificarsi principalmente quando i cambiamenti degenerativi-distrofici interessano solo i reni. La patologia secondaria si sviluppa sullo sfondo di altri processi autoimmuni, virali e infiammatori. A seconda dei sintomi identificati, la glomerulonefrite cronica differisce nelle forme cliniche, di seguito è la loro classificazione:

  1. Latente. La variante più semplice della malattia. Una malattia avanzata a lungo termine, la presenza della quale la maggior parte dei pazienti non sospetta per 10 o più anni. È possibile identificare la patologia solo dopo analisi complesse e misurando il volume di urina giornaliera escreta..
  2. Ipertensivo. Si manifesta con la pressione alta, che scende e aumenta durante il giorno. Ci sono coaguli di sangue nelle urine. Inoltre, un esame dettagliato rivela l'ipertrofia ventricolare sinistra e un cambiamento nella struttura del fondo.
  3. Ematurico. Il volume di sangue nelle urine è così grande da macchiarlo di bruno-rossastro. Nei test di laboratorio si nota un aumento delle proteine ​​nelle urine e nel sangue c'è una mancanza di emoglobina. Il paziente sviluppa rapidamente anemia.
  4. Nefrotico. Differisce nella manifestazione della sindrome nefrosica, quando il paziente soffre di sintomi di natura infiammatoria. Lombalgia, febbre, aumento della conta leucocitaria negli esami del sangue, gonfiore del viso e degli arti.
  5. Misto. Si osservano sintomi di glomerulonefrite nefrosica e ipertensiva. Il paziente soffre di edema, ipertensione, dolore, la minzione è compromessa. Questa forma della malattia è la più pericolosa, entro 2-5 anni porta a insufficienza renale cronica.
  6. Terminale. Questo modulo è la fase finale del processo di esecuzione. Al paziente viene diagnosticata l'uremia e l'insufficienza renale cronica.

Anche nella classificazione morfologica si distingue una forma subacuta o rapidamente progressiva, che è difficile da trattare e minaccia lo sviluppo di complicanze. Separatamente, i medici considerano la glomerulonefrite mesangioproliferativa, manifestata sotto l'influenza di uno streptococco allergico.

Possibilità di complicazioni

La glomerulonefrite può svilupparsi senza sintomi per anni. Per tutto questo tempo, il paziente ha ridotto l'immunità, diventa suscettibile a eventuali infezioni, virus, funghi. Le conseguenze della patologia trascurata sono la morte dei nefroni e lo sviluppo di insufficienza renale..

Inoltre, la glomerulonefrite cronica può sviluppare le seguenti complicanze:

  • il rischio di foruncoli, ascessi;
  • anemia;
  • bronchite ostruttiva, tonsillite, polmonite;
  • aterosclerosi in pazienti adulti sotto i 30 anni di età, ictus;
  • insufficienza cardiaca.

Diagnostica

La diagnosi di glomerulonefrite cronica viene prescritta dopo la visita del paziente dal medico. Fondamentalmente, i pazienti lamentano dolore, una diminuzione del volume delle urine, un flusso debole, un cambiamento nel colore delle urine. Per identificare la malattia, vengono necessariamente eseguiti esami di laboratorio e strumentali al fine di escludere l'opzione dello sviluppo di patologie con sintomi simili: nefropatia, urolitiasi, pielonefrite, tubercolosi, amiloidosi policistica o renale.

Ricerca di laboratorio

Inizialmente, il medico curante invia il paziente a una clinica o laboratorio per condurre un'analisi generale e biochimica del sangue e delle urine, che determina già la presenza di alcuni processi patologici nel corpo. Se si osservano leucocitosi, proteinuria, ematuria, diventa necessario il seguente esame di laboratorio:

  1. Analisi del sangue immunologico per rilevare un aumento del numero di anticorpi contro lo streptococco, un aumento delle immunoglobuline.
  2. Il test di Zimnitsky per determinare le caratteristiche della produzione di urina durante il giorno: si nota il volume totale, il colore, la densità dell'urina.
  3. Il test Reberg-Tareev determina la capacità di filtrazione dei reni, viene misurata la quantità di creatinina nel sangue e nelle urine.

Inoltre, se hai la sindrome nefrosica o nefritica acuta, viene prescritta una biopsia renale. L'analisi istologica aiuterà a fare una diagnosi accurata, determinare i cambiamenti nelle strutture, escludere la necrosi o un processo oncologico.

Ricerca strumentale

Con l'aiuto della diagnostica strumentale, viene rivelato il grado di sviluppo della glomerulonefrite, la sua forma e la natura del processo. Il medico valuta le dimensioni, la struttura, la posizione dei reni. Schema di indagine:

  1. Ultrasuoni dei reni per determinare il volume dell'organo, la struttura del tessuto renale, la presenza di neoplasie.
  2. L'urografia escretoria mediante l'irradiazione a raggi X consente di studiare la posizione, le dimensioni e la forma dei reni, la presenza di calcoli in essi.
  3. La renografia viene eseguita utilizzando un mezzo di contrasto, l'esame determina le caratteristiche del processo di escrezione delle urine.

Per la diagnosi differenziale, la TC sarà informativa. Il metodo mostra la presenza di calcoli, alterazioni degenerative, necrosi ed emorragie interne. La risonanza magnetica rivela anomalie nelle strutture del tessuto renale, vasi sanguigni, nervi, organi vicini, consente di costruire un modello tridimensionale dei reni.

Metodi di trattamento

Il trattamento della glomerulonefrite cronica viene effettuato solo in un ospedale. Durante la fase acuta, i pazienti necessitano di riposo a letto, bere controllato e una dieta terapeutica. Per un rapido recupero e rafforzamento dell'immunità, si consiglia di utilizzare il trattamento termale, l'uso di rimedi popolari.

Tradizionale

All'inizio del trattamento, viene identificata la causa dello sviluppo della CGN. Se è stato provocato da un'infezione, è necessario eliminare la fonte dell'infiammazione cronica (un dente cattivo, tonsille infiammate, adenoidi, accumulo di pus nei seni mascellari). Inoltre, viene prescritta la terapia farmacologica..

A seconda dei sintomi della patologia, è stato sviluppato uno standard di trattamento con farmaci:

  • Anticoagulanti e agenti antipiastrinici per fluidificare il sangue, prevenire la formazione di coaguli di sangue nei vasi sanguigni e restringere il loro lume.
  • I FANS sopprimono il danno immunitario ai reni, riducono il dolore.
  • Corticosteroidi per l'eliminazione delle sindromi nefrotiche e nefritiche acute.
  • Gli immunosoppressori sono necessari per sopprimere l'attività immunitaria del corpo, a causa della quale si verifica la distruzione dei glomeruli renali.
  • Agenti riducenti di pressione.
  • Diuretici per attivare il deflusso di urina nel tessuto renale e prevenire l'intossicazione del corpo.
  • Antibiotici per l'eliminazione della malattia cronica che ha provocato la glomerulonefrite.
  • Antispastici per eliminare il dolore durante un'esacerbazione della malattia.

Alternativa

La medicina tradizionale è spesso usata come terapia aggiuntiva per correggere la malattia renale. Decotti alle erbe, infusi aiutano a ripristinare il normale funzionamento dell'organo, rafforzare il sistema immunitario, accelerare il deflusso delle urine e alleviare il gonfiore. Ricette utilizzate a casa per il trattamento sintomatico della glomerulonefrite:

  1. Sambuco. Prendete 20 g di sambuco, versate 0,5 l di acqua bollente, coprite e attendete che si raffreddi completamente. Filtrare l'infuso finito, bere 20-30 ml 3 volte al giorno prima dei pasti. Il corso di trattamento dura 3-4 settimane.
  2. Radice di bardana. Prendi 1 cucchiaio. un cucchiaio di radice tritata, versare un bicchiere di acqua bollente, mettere sul fuoco e cuocere a fuoco lento per diversi minuti. Prendi 100 ml 3 volte al giorno. Il corso del trattamento dura un mese.
  3. Semi di lino, betulla, campo in acciaio. Mescolare 20 g di semi di lino, 15 g ciascuno di foglie di betulla essiccate e radice d'acciaio di campo schiacciata. Versare 0,5 litri di acqua bollente e lasciar riposare per diverse ore. È necessario prendere l'infusione filtrata 3 volte al giorno per 30 g. Per eliminare l'edema, è sufficiente una settimana di trattamento.
  4. Seta di mais, code di ciliegia. Prendi 1 cucchiaino di ogni ingrediente, versa due bicchieri di acqua bollente. Posizionare l'infuso in un luogo buio e attendere che si raffreddi completamente. Bere 1 cucchiaio. cucchiaio di bevanda mezz'ora prima dei pasti. Il trattamento si interrompe dopo che i sintomi della glomerulonefrite scompaiono.

Inoltre, per un aumento generale dell'immunità, si consiglia di preparare una miscela di albicocche secche, uvetta, fichi, prugne, limone e miele. Prendi tutti gli ingredienti in quantità uguali e trita finemente, mescola. Consuma 1 cucchiaio. cucchiaio al giorno, conservare in frigorifero.

Le ricette popolari curano molte malattie e supportano il sistema immunitario senza danni alla salute. Ma se vuoi iniziare la terapia utilizzando decotti e infusi alle erbe, si consiglia di consultare il proprio medico. Ad esempio, i preparati diuretici non devono essere assunti insieme ai diuretici.

Dieta

Con la malattia renale cronica, dovrai cambiare per sempre la dieta. Il paziente deve monitorare il rapporto tra carboidrati, proteine ​​e grassi, limitare o eliminare completamente l'assunzione di sale. I principi di base di una dieta terapeutica per la glomerulonefrite cronica:

  • non mangiare cibi freddi e caldi;
  • mangiare 5-6 volte al giorno;
  • non utilizzare cibi con coloranti, conservanti, esaltatori di sapidità;
  • la dieta dovrebbe essere dominata da frutta e verdura;
  • rinunciare ad agrumi, frutta esotica, noci;
  • regola la quantità di liquido che consumi;
  • consumare 40 g di proteine ​​e 500 g di carboidrati al giorno.

Con la forma ipertensiva della glomerulonefrite, è consentito salare leggermente i pasti pronti, il livello di proteine ​​e carboidrati è normale. In qualsiasi fase della malattia, rinunciare completamente all'alcol, bere non più di 1 litro di liquido al giorno.

La prognosi della terapia e delle misure preventive

La glomerulonefrite cronica è una malattia pericolosa che, in giovane età, porta a una disabilità precoce e allo sviluppo di insufficienza renale. Si sconsiglia alle ragazze di rimanere incinte, agli uomini non idonei o limitati per il servizio militare. Il paziente richiede una supervisione medica costante, emodialisi (purificazione del sangue artificiale). Con un corso latente, i patologi hanno un'aspettativa di vita di 20-30 anni.

La prevenzione della glomerulonefrite cronica consiste nell'osservare le seguenti raccomandazioni:

  • essere temperato per ridurre la sensibilità del corpo al freddo;
  • trattare tempestivamente le malattie infettive per prevenire lo sviluppo di un processo cronico;
  • la vaccinazione deve avvenire secondo il piano di vaccinazione e sotto la stretta supervisione di un medico.

È necessario visitare regolarmente un medico per donare sangue e urina per l'analisi per prevenire lo sviluppo di malattie renali. Mangia razionalmente e non auto-medicare, non prescrivere farmaci per te stesso.

La glomerulonefrite è una malattia grave che causa disabilità in giovane età. La patologia è difficile da trattare, a causa della quale un gran numero di popolazione diventa impraticabile. Pertanto, si raccomanda di monitorare le condizioni generali del corpo ed eliminare prontamente eventuali processi infiammatori infettivi.

Tipi e classificazione della glomerulonefrite: cause e prevenzione

La glomerulonefrite (GN), chiamata anche nefrite glomerulare, è un'infiammazione dei glomeruli.

Questa malattia è una combinazione di diverse patologie renali, la classificazione della glomerulonefrite è complicata dal numero di fattori significativi che influenzano lo sviluppo della malattia.

La patologia causa solo anomalie renali (tipo primario) o sono il risultato di malattie sistemiche (tipo secondario).

È possibile proporre una serie di classificazioni a seconda della definizione di glomerulopatia per caratteristiche morfologiche, condizione clinica, eziologia o patogenesi..

Tipi di patologia

Le cause note della nefrite glomerulare sono associate a determinate infezioni, determinate anomalie genetiche nel corpo e problemi con il sistema immunitario. Non è trasmesso geneticamente e la maggior parte dei casi è sporadica.

La condizione può essere accompagnata da ematuria isolata o proteinuria (sangue o proteine ​​nelle urine), manifestata come sindrome nefritica, insufficienza renale acuta e cronica.

Sindrome nefritica

Il tipo nefritico è caratterizzato da un assottigliamento della membrana basale e da piccoli pori nei podociti glomerulari, ma abbastanza grandi da consentire alle proteine ​​e ai globuli rossi di entrare nelle urine.

Segni e sintomi:

  • ematuria (sangue nelle urine);
  • proteinuria (proteine ​​nelle urine);
  • visione offuscata;
  • azotemia (aumento della concentrazione di urea e creatinina);
  • oliguria (bassa produzione di urina).

Vista latente

Un tipo comune con cambiamenti minimi nei glomeruli. Segni classici:

  • lieve proteinuria (escrezione anormale di proteine, principalmente albumina, nelle urine);
  • microematuria (la quantità di sangue nelle urine è troppo bassa per cambiare colore).

Il decorso della malattia passa lentamente (oltre 15-20 anni), mentre i reni mantengono le loro funzioni. Tuttavia, il danno cumulativo progredisce costantemente e man mano che i sintomi si sviluppano, il disturbo può portare a risultati irreversibili..

Tipo ipertensivo

L'ipertensione è un evento comune nella malattia renale cronica. Quasi tutti i pazienti soffrono di ipertensione, quando la velocità di filtrazione glomerulare diminuisce, nel contesto di glomerulonefrite acuta e cronica, nefropatia diabetica, malattia del rene policistico, nefrosclerosi ipertensiva e malattie microvascolari renali.

Ipertensione grave - con pressione diastolica superiore a 95 mm Hg. st.

Stadio ematurico

La nefrite di tipo ematurico o IgA (nefropatia), precedentemente chiamata malattia di Berger, è una malattia glomerulare cronica primaria comune. È caratterizzato dalla deposizione di immunoglobulina A nel tessuto intermedio (mesangio) dei glomeruli.

La caratteristica distintiva del tipo è la rilevazione dei globuli rossi nelle urine senza alcun sintomo, ma è associata a una progressiva disfunzione renale.

Processo in rapido progresso

Questo tipo è clinicamente caratterizzato da una diminuzione massima della velocità di filtrazione glomerulare di almeno il 50% in un breve periodo.

La sua caratteristica patologica è la rottura focale delle pareti dei capillari dei glomeruli, che può essere osservata mediante microscopia ottica ed elettronica..

Opzione mista

È una combinazione di GN nefrosica e ipertensiva. La sindrome nefrosica è caratterizzata da un aumento delle proteine ​​nelle urine e da una diminuzione delle proteine ​​del sangue con un aumento dei grassi (sangue).

L'infiammazione che colpisce i podociti (cellule che circondano il glomerulo) aumenta la permeabilità, con conseguente aumento dell'escrezione di proteine.

Classificazione, eziologia e sintomi della malattia

Nelle fasi iniziali, la malattia può essere asintomatica, solo i test per misurare le proteine ​​e i globuli rossi nelle urine possono confermare la glomerulopatia.

Alcune cause della malattia:

  • infezioni batteriche (ad esempio, con streptococco, stafilococco o pneumococco);
  • infezioni fungine;
  • infezioni parassitarie;
  • infezione virale;
  • vasculite;
  • crioglobulinemia;
  • granulomatosi eosinofila con poliangitite;
  • granulomatosi con poliangitite;
  • poliangite microscopica;
  • disturbi immunitari;
  • Sindrome di Goodpasture;
  • lupus eritematoso sistemico;
  • stupefacenti (ad esempio, chinino, gemcitabina o mitomicina C).

Con il progredire della GBV, potrebbero apparire i seguenti segnali di avvertimento:

  • ipertensione;
  • eccessiva formazione di schiuma di urina;
  • scolorimento delle urine (rosso o marrone scuro);
  • gonfiore degli occhi, delle braccia e delle gambe;
  • nausea e vomito;
  • respiro affannoso;
  • mal di testa;
  • dolore addominale e dolore alle articolazioni.

Perdita primaria

Le malattie glomerulari primarie comprendono un gruppo di disturbi caratterizzati da alterazioni patologiche nella normale struttura e funzione dei glomeruli, indipendentemente dalle malattie sistemiche.

Questa distinzione è importante perché la presentazione clinica e i reperti patologici secondari a una malattia sistemica possono riflettere disturbi glomerulari primari, ma la corretta diagnosi di una malattia sistemica sottostante altera significativamente il trattamento del paziente..

Sviluppo secondario

I GN secondari sono causati da malattie generalizzate:

  • GN proliferativo endocapillare diffuso;
  • lesioni autoimmuni (sindrome di Goodpasture, granulomatosi con poliangitite);
  • La sindrome di Alport dovuta a un difetto genetico nel collagene di tipo IV porta solo a cambiamenti degenerativi nei glomeruli (con sintomi di glomerulonefrite).

Progressione acuta

Il tipo più spesso acuto della malattia si presenta come una complicazione di una gola o infezione della pelle da streptococco.

Anche le infezioni da altri tipi di batteri come lo stafilococco e lo pneumococco, le infezioni virali e parassitarie possono portare a GBV acuta. I disturbi non trasmissibili includono:

  • glomerulonefrite membranoproliferativa;
  • immunoglobulina A nefropatia;
  • vasculite associata a immunoglobuline;
  • lupus eritematoso sistemico;
  • crioglobulinemia;
  • granulomatosi con poliangitite.

Si sviluppa in glomerulonefrite rapidamente progressiva a causa di condizioni associate a una risposta immunitaria anormale.

Corso cronico

Spesso, la glomerulonefrite cronica sembra essere dovuta ad alcune delle stesse condizioni che causano GN acuto come la nefropatia IgA o la glomerulonefrite proliferativa di membrana. Può essere scatenato da nefrite ereditaria e da una malattia genetica.

Carattere maligno

Le malattie glomerulari derivanti da neoplasie maligne rimangono rare.

La diagnosi differenziale nei pazienti con grave danno renale da GN cronica, da un lato, e ipertensione maligna, dall'altro, è difficile. In questa fase, due condizioni hanno un quadro clinico comune:

  • ipertensione;
  • perdita di peso;
  • anemia;
  • la cosiddetta "retinite da albuminurina";
  • depressione della funzione renale;
  • azotemia;
  • proteinuria e un aumento dei sedimenti urinari organizzati.

Forme di glomerulonefrite

Secondo i segni clinici e morfologici, anche la glomerulonefrite è sistematizzata in diverse forme.

Focale segmentale

Unisce un gruppo di malattie renali croniche caratterizzate da cicatrici (sclerosi) delle anse capillari glomerulari visibili al microscopio ottico. La distribuzione delle alterazioni renali è focale. In alcuni corpuscoli renali, non tutti i lobuli della ghiandola vascolare sono interessati, l'infezione è segmentaria.

  • elevata perdita di proteine ​​nelle urine (proteinuria);
  • ritenzione idrica (edema) dovuta alla diminuzione delle proteine ​​del sangue (ipoproteinemia) e anomalie nel metabolismo dei lipidi nel sangue (iperlipidemia).

A volte c'è una maggiore escrezione di proteine ​​nelle urine senza ulteriori sintomi. Spesso i globuli rossi (ematuria) si trovano nelle urine. L'ipertensione è comune.

Mesangioproliferativo (in presenza di immunoglobulina A)

La glomerulonefrite proliferativa mesangiale è una forma associata principalmente alla mesangia. Le cellule mesangiali nei glomeruli usano l'endocitosi per ingerire e degradare l'immunoglobulina circolante.

Questo normale processo stimola la loro proliferazione. Pertanto, durante un aumento delle immunoglobuline circolanti, ci si può aspettare un aumento della loro quantità..

Vista membranosa

La forma membranosa è un processo infiammatorio cronico dei glomeruli vascolari del corpuscolo renale, può manifestarsi da solo (primario) o in combinazione con molte altre malattie.

Causato dall'accumulo di immunocomplessi nel rene stesso (anticorpo + antigene = immunocomplesso).

Tipo mesangiocapillare

Il tipo proliferativo o mesangiocapillare della membrana è caratterizzato da un aumento del numero di cellule nei glomeruli e da cambiamenti nella membrana basale glomerulare. Queste forme sono presenti con sindrome renale, ipocomplementazione e hanno una prognosi sfavorevole.

Trattamento della malattia

Il trattamento della glomerulonefrite mira a ridurre l'infiammazione in atto a livello dei glomeruli per fermarne la distruzione e, di regola, richiede un regime di immunosoppressori per limitare l'attività del sistema immunitario:

  1. Per quasi tutti i tipi, i corticosteroidi rimangono il rimedio principale: prednisone e metilprednisolone sono agenti antinfiammatori aspecifici che colpiscono molti tessuti del corpo.
  2. Il micofenolato mofetile è in grado di ottenere la remissione parziale o completa della GN (se si possono escludere prednisone e metilprednisolone).
  3. Agenti altamente efficaci nel trattamento della glomerulonefrite - ciclosporina e tacrolimus (prograf).
  4. Farmaci alternativi sono usati per la leucemia. Come i corticosteroidi, prendono di mira molte cellule del corpo, ma hanno anche effetti collaterali..

La terapia GN primaria si concentra sul trattamento degli effetti biologici (edema, proteinuria, ipertensione, se presente, e iperlipidemia), nonché sull'induzione della remissione con immunosoppressori:

  1. Può essere necessario aumentare la dose dei diuretici dell'ansa, a volte con diuretici di tipo tiazidico, per mantenere l'euvolemia.
  2. In una certa misura, ridurre la proteinuria con inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina e bloccanti del recettore dell'angiotensina (prescritti opzionalmente se è presente ipertensione concomitante).
  3. Gli agenti antiperlipidemici, incluso il 3-idrossi-3-metilglutaril coenzima A reduttasi, sono raccomandati per i pazienti con qualsiasi danno renale.

Con un tipo secondario di patologia, prima di tutto, viene trattata la malattia sottostante che ha causato l'infiammazione.

La GBN post-infettiva acuta causata da un'infezione batterica come gli streptococchi deve essere trattata il prima possibile per prevenire lo sviluppo cronico e il danno renale irreversibile:

  1. Gli antibiotici (come le penicilline) sono usati per controllare i sintomi locali e prevenire l'infezione. È ovvio che la terapia antimicrobica non previene lo sviluppo di patologie, possibilmente solo ad eccezione dei casi in cui il trattamento viene prescritto entro le prime 36 ore..
  2. Poiché i pazienti hanno spesso la pressione alta, deve essere normalizzata con farmaci antipertensivi, i cosiddetti inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina. Con ipertensione arteriosa o encefalopatia, vengono prescritti vasodilatatori (nitroprussiato, nifedipina, idralazina, diazossido). L'obiettivo del trattamento è la pressione sanguigna tra 125/75 e 130/80 mm Hg.
  3. L'accumulo di liquido nei tessuti (edema) viene trattato con farmaci disidratanti - diuretici dell'ansa.
  4. I glucocorticoidi e gli agenti citotossici sono prescritti per i casi gravi di GN post-streptococco.

Poiché la malattia è spesso causata da una reazione eccessiva del sistema immunitario, è necessaria la cosiddetta terapia immunosoppressiva, come il cortisone. Rallenta il sistema immunitario e quindi previene la progressione della malattia.

A causa dell'infiammazione, la funzione di filtrazione dei reni è limitata. Pertanto, come parte del trattamento, la nutrizione è regolata, che include una dieta a basso contenuto di proteine ​​e sale e un'adeguata idratazione..

Il trattamento per la glomerulonefrite cronica che porta a insufficienza renale può richiedere:

Prevenzione e prognosi

È importante che l'infiammazione venga rilevata e trattata precocemente. La glomerulonefrite non trattata è una delle cause più comuni di insufficienza renale completa e l'infiammazione renale aumenta il rischio di malattie cardiovascolari.

Tuttavia, la prognosi è buona, a seconda della causa sottostante, dell'età del paziente e della risposta al trattamento..