Quali malattie tratta l'urologia e chi è un urologo, i criteri per scegliere un buon specialista

Quando una persona inizia ad avere mal di gola, va da un terapista, se gli capita di ferirsi alla gamba, si rivolge a un chirurgo.

E se sei preoccupato per disturbi più specifici, ad esempio problemi di minzione o dolore ai reni, si crea confusione - con quale medico fissare un appuntamento?

caratteristiche generali

Per la diagnosi e il trattamento di tutte le malattie associate agli organi del sistema genito-urinario, comprese le ghiandole surrenali e alcuni organi nella cavità dietro il peritoneo, viene fornita un'area separata della medicina: l'urologia.

Uno specialista in quest'area è chiamato, rispettivamente, un urologo. L'urologo non si occupa solo dei pazienti di sesso maschile, come alcuni credono. Esistono tali sottospecie e categorie di urologia:

  • andrology: per gli uomini;
  • uroginecologia - per le donne;
  • urologia pediatrica;
  • urologia geriatrica;
  • urologia urgente;
  • oncourology.

Va notato che la maggior parte degli specialisti generali ha anche una conoscenza abbastanza profonda dell'urologia e, se necessario, può dare al paziente un consulto preliminare. Ma un'assistenza completa e competente ai pazienti con malattie degli organi genito-urinari è fornita esclusivamente da un urologo..

Quali malattie tratta l'urologo?

L'elenco delle malattie per le quali è possibile contattare un medico di questo profilo è ampio. Molte patologie si applicano anche ad altri campi medici - ad esempio, l'infertilità negli uomini è spesso causata dall'infiammazione della prostata e degli organi adiacenti del sistema genito-urinario, la pielonefrite si verifica spesso nelle donne durante la gravidanza.

In questi casi, il paziente viene esaminato e trattato da un urologo con la partecipazione aggiuntiva di un ginecologo, andrologo e un nefrologo..

Le malattie più comuni dell'urologia:

  • uretrite e cistite di varie forme ed eziologie;
  • anuria, isuria, emoglobinuria, qualsiasi tipo di disuria;
  • ipospadia;
  • enuresi negli adulti e nei bambini;
  • pietre nella vescica o nei reni;
  • varie patologie congenite del sistema genito-urinario e formazioni oncologiche;
  • infertilità, diminuzione della libido, disfunzione sessuale.

Inoltre, l'urologo fornisce assistenza nelle patologie congenite, acquisite o ferite a seguito di incidenti.

Urologia maschile

Il compito principale di un urologo maschio è rilevare, curare e prevenire eventuali problemi con gli organi del sistema urinario e riproduttivo del paziente al fine di ripristinarne completamente le funzioni, per prevenire complicazioni e ricadute. Notando sintomi sospetti e sospettando la prostatite, molti uomini hanno paura di andare dal medico, credendo che verranno immediatamente inviati al tavolo operatorio.

Non è affatto così. Spesso i problemi che si presentano sono associati a cambiamenti legati all'età oa uno stile di vita scorretto e richiedono piccoli aggiustamenti e metodi di trattamento conservativi.

D'altra parte, un piccolo problema rilevato in modo tempestivo può impedire la comparsa di grandi problemi. Ad esempio, la cistite negli uomini è rara e si verifica in una forma latente, senza sintomi pronunciati. Ma nella sua forma avanzata, l'infiammazione cronica della vescica porta alla sterilità non meno spesso dell'infiammazione della prostata.

I problemi più comuni con cui i pazienti si rivolgono a un urologo:

  • disturbi della minzione - frequenti, rari, difficili;
  • disfunzioni sessuali - impotenza, erezione incontrollabile, eiaculazione precoce, diminuzione del desiderio sessuale, ecc.;
  • infertilità maschile;
  • uretrite, prostatite, cistite, ecc.;
  • curvatura del pene, rapporti dolorosi;
  • pielonefrite, urolitiasi;
  • malattie oncologiche del sistema genito-urinario.

Inoltre, un urologo è coinvolto nel trattamento delle infezioni a trasmissione sessuale che possono essere trasmesse attraverso i genitali..

Urologia femminile

L'uroginecologo è impegnato nella diagnosi, trattamento e controllo di tutte le patologie associate a vescica, ureteri, uretra, genitali esterni, reni, ghiandole surrenali e alcuni altri organi della piccola pelvi e del sistema riproduttivo.

Un urologo per donna risolve tutti gli stessi problemi di un uomo, con l'unica differenza che agisce tenendo conto delle caratteristiche anatomiche del corpo femminile.

Quali sintomi dovresti contattare un urologo

Un rinvio a specialisti ristretti, se il paziente non è registrato presso di loro, viene solitamente dato da un medico di famiglia, quindi, in ogni caso, ai primi disturbi, è necessario contattarlo. I seguenti sintomi possono essere la ragione per una visita urgente dall'urologo:

  • dolore durante la minzione, sia acuto che lieve, ma regolare, per un lungo periodo di tempo;
  • fastidio e bruciore prima, durante o dopo lo svuotamento della vescica, a riposo nella zona genitale;
  • dolori di qualsiasi natura nell'addome inferiore;
  • cambiamenti nell'odore e nel colore delle urine, impurità in esso;
  • ritardo nella minzione o viceversa svuotamento troppo frequente;
  • aumento della temperatura corporea;
  • qualsiasi scarico insolito, eruzione cutanea, prurito nella zona inguinale.
  • disfunzione erettile e altri disturbi sessuali negli uomini;
  • irregolarità mestruali nelle ragazze e nelle donne;
  • anomalie fisiologiche visibili ad occhio nudo: restringimento del prepuzio, testicoli di diverse dimensioni, ecc..

A volte, se la patologia è lenta, il paziente ha una forte immunità, non ci sono sintomi esterni. Un gran numero di leucociti nelle urine, rilevati in analisi di laboratorio, muco, proteine: tutto questo è anche un motivo per consultare un urologo.

Sintomi urologici in un bambino

La diagnosi di malattie nei bambini è spesso complicata dal fatto che il bambino non è ancora in grado di spiegare chiaramente cosa sente e dove fa male. Pertanto, i genitori dovrebbero monitorare le condizioni del bambino da soli e consultare un urologo con i seguenti sintomi:

  • minzione troppo frequente o poco frequente;
  • scolorimento e odore di urina;
  • aumento della temperatura corporea;
  • pianto e nervosismo del bambino, spesso causati da bruciore, prurito degli organi genito-urinari, disturbi del sonno, rifiuto di mangiare;
  • qualsiasi secrezione, prurito, arrossamento degli organi genitali esterni;
  • nausea, attacchi di vomito in assenza di altri sintomi di intossicazione alimentare;
  • gonfiore delle mani e del viso.

Un urologo pediatrico si occupa di eventuali patologie dell'apparato urinario e riproduttivo in bambini e adolescenti di entrambi i sessi al di sotto dei 18 anni, partecipa alla preparazione psicofisiologica di un bambino in crescita, monitora i cambiamenti ormonali nel corpo del bambino.

Criteri per la scelta di un urologo

Non solo il benessere del paziente dipende dalla competenza del medico, se parliamo di urologia, allora viene messo molto di più sulla bilancia: questa è l'attività sessuale e le relazioni intime di una persona, la capacità di avere una prole sana e, a volte, la vita, se parliamo di tumori maligni. È particolarmente importante scegliere un buon specialista pediatrico. Dovresti fare affidamento sui seguenti criteri:

  1. Livello di qualifica - il medico deve avere un diploma di laurea presso l'università, preferibilmente certificati aggiuntivi di completamento di corsi di formazione avanzati, frequentando seminari.
  2. Esperienza lavorativa: l'esperienza e le competenze affidabili vengono acquisite non prima di dieci anni di pratica.
  3. L'approccio al paziente: un buon medico è calmo, adeguato, non si affretta a trarre conclusioni, non intimidisce il paziente con terribili diagnosi non confermate, in nessun caso consente condanna, ridicolo e altre espressioni di atteggiamento personale negativo nei confronti del paziente.

Il livello della clinica è lontano dal ruolo principale: nelle istituzioni mediche private gli stessi medici praticano come nei policlinici gratuiti distrettuali, solo in orari diversi. Inoltre, non dovresti fare affidamento sulle recensioni su Internet: possono essere fabbricate per aumentare il posizionamento del sito..

Cosa aspettarsi alla reception

Non dovresti aver paura di visitare un urologo: comprendere l'essenza della procedura imminente e conoscere le sue fasi principali ti salverà dalle paure:

  1. Intervistare il paziente - il medico chiederà sicuramente quali preoccupazioni, quando sono stati notati sintomi atipici, se il paziente oi suoi parenti stretti hanno avuto problemi con il sistema genito-urinario prima, se sono stati eseguiti interventi chirurgici.
  2. Esame, mentre il medico eseguirà tutti i test necessari - di regola, si tratta di sbavature e graffi.
  3. Se si sospetta il cancro, verrà eseguita la biopsia.
  4. È obbligatorio l'esame ecografico degli organi pelvici.
  5. I fluidi biologici del paziente vengono inviati per ricerche di laboratorio e batteriologiche: sangue, urina, ecc..

Se il medico ha perso uno qualsiasi dei punti e trova difficile fare una diagnosi, prescrive studi e metodi di trattamento discutibili, vale la pena cercare un altro specialista. Un buon urologo non è solo un medico competente in tutto ciò che riguarda i disturbi fisiologici del sistema genito-urinario di un uomo, una donna o un bambino. È anche in parte uno psicologo che è in grado di trovare il giusto approccio per ogni paziente..

Il contatto psicoemotivo e la disponibilità alla cooperazione reciproca sono lo stesso momento necessario nel complesso trattamento delle malattie urologiche, nonché una corretta diagnosi in combinazione con adeguate misure terapeutiche.

Urologo: che tipo di medico, quali malattie tratta

Sommario

  • Quando dovresti contattare un urologo?
  • Come è l'esame da parte del medico?
  • Metodi di trattamento
  • Come fissare un appuntamento con uno specialista?
  • Vantaggi di contattare MEDSI

Un urologo è un medico che diagnostica, previene e cura le malattie del sistema genito-urinario. Sia le donne che gli uomini possono fissare un appuntamento con lui. Gli specialisti forniscono cure mediche complete per i disturbi degli ureteri, della vescica, dei reni e dell'uretra. Inoltre, i medici si occupano dei disturbi del sistema riproduttivo negli uomini..

L'urologia non è solo una specialità terapeutica ma anche chirurgica. Pertanto, i medici forniscono anche interventi chirurgici che possono essere mirati all'eliminazione di varie patologie, nonché difetti estetici congeniti e acquisiti..

Quando dovresti contattare un urologo?

Dovresti fissare un appuntamento con uno specialista quando:

  • Dolore all'inguine (anche durante la minzione), all'addome inferiore, al perineo e alla regione lombare
  • Incontinenza urinaria
  • La presenza di sangue e pus nelle urine
  • Minzione rara e frequente
  • Incapacità di avere rapporti sessuali
  • Erezione prolungata durante la notte

Un paziente può essere indirizzato a un urologo se si sospetta prostatite e adenoma prostatico, malattie della vescica e dei reni, infezione del sistema genito-urinario, infertilità, pielonefrite, cistite, vescicolite, malattia del rene policistico, disfunzione erettile e altre patologie.

Dovresti anche vedere un medico se nulla ti dà fastidio. Le visite urologiche vengono effettuate nell'ambito della visita medica annuale.

Importante! Se hai una storia di malattie del sistema genito-urinario, dovresti visitare il tuo medico più spesso. I termini approssimativi degli esami di controllo e degli esami sono stabiliti da uno specialista.

Come è l'esame da parte del medico?

Dovresti prepararti per l'appuntamento in anticipo.

  • Astenersi dal rapporto per 1-2 giorni
  • Svuota la vescica in 1 o 2 ore
  • Svuota le viscere in poche ore
  • Fai la doccia e indossa la biancheria intima pulita prima di andare in clinica

Se hai già i risultati delle analisi e degli esami strumentali assicurati di portarli con te. Se stai assumendo farmaci, scrivi i loro nomi.

Una consultazione con un urologo include:

  • Prendendo l'anamnesi. Cerca di rispondere a tutte le domande del medico sui sintomi che ti infastidiscono, la predisposizione genetica a determinate malattie, la durata della loro manifestazione e altre caratteristiche. Ciò consentirà di prescrivere la necessaria diagnosi chiarificatrice e determinare rapidamente il tipo e il grado di sviluppo della patologia.
  • Esame fisico. Include sia l'esame visivo che la palpazione degli organi del sistema genito-urinario
  • Tampone uretrale. La ricerca è condotta con l'obiettivo di rilevare microrganismi patogeni e infezioni. La diagnosi rileva malattie come infiammazione della vescica, infiammazione uretrale e prostatite
  • Emissione di rinvii per diagnostica strumentale e di laboratorio

Durante un esame fisico negli uomini, uno specialista valuta:

  • La forma e le dimensioni del pene. Il medico determina il grado della sua curvatura, sviluppo e altre caratteristiche
  • Condizione della pelle. Ciò consente di identificare ulcere, crepe, focolai di infiammazione e altre condizioni patologiche
  • Il glande del pene. Questo esame rivela fimosi e infiammazione.
  • Condizione testicolare. Lo specialista li sonda e le appendici, ne determina le dimensioni, la forma e la consistenza
  • La condizione dello scroto. È possibile rilevare focolai di processi infiammatori e infettivi, nonché varicocele (vene varicose)
  • Condizione della vescica e dei reni. Con questo esame vengono rivelati processi infiammatori e altri processi patologici.

Viene eseguito anche un esame rettale digitale della prostata. In questo caso, il paziente si siede su un fianco e preme le ginocchia sul petto. Il medico sente la prostata attraverso la parete rettale, valutandone forma, dimensioni e condizioni generali. Se il paziente avverte dolore, dovrebbe informarne l'urologo.

L'esame nelle donne viene effettuato su una sedia. Durante l'esame, il medico esamina le condizioni degli organi genitali esterni e dell'uretra. L'area dei reni e della vescica viene palpata senza fallo. In questo caso, viene valutata la reazione del paziente a tutte le azioni. Il dolore durante l'esame può essere un segno importante del processo infiammatorio e di una serie di altre patologie..

Metodi di trattamento

La terapia è sempre selezionata individualmente, tenendo conto delle caratteristiche del paziente e delle sue condizioni attuali, nonché delle malattie concomitanti.

Trattamento conservativo

Destinato all'eliminazione dei sintomi e delle cause della patologia.

La terapia conservativa può includere la nomina di:

  • Iniezioni di farmaci che forniscono risultati rapidi
  • Compresse (antinfiammatorie, antispasmodiche, ecc.)
  • Preparazioni sotto forma di candele, ecc..

Il trattamento da parte di un urologo di prostatite, cistite e altre malattie può essere accompagnato dalla nomina di complessi vitaminici e procedure di fisioterapia. Se segui tutti i consigli del medico, puoi sbarazzarti dei sintomi delle patologie e delle loro cause abbastanza rapidamente. La terapia è ritardata nelle fasi avanzate della malattia.

Chirurgia

Per una serie di malattie può essere necessario un intervento chirurgico.

Nell'ambito del trattamento chirurgico, vengono eseguite le seguenti operazioni:

  • Resezione della ghiandola surrenale, della vescica e dei reni
  • Eliminazione del prolasso del rene
  • Rimozione di cisti e tumori
  • Eliminazione di calcoli dalle vie urinarie, ecc..

Le moderne operazioni urologiche sono divise in 3 gruppi:

  • Transuretrale. Con tali interventi l'accesso al campo operatorio avviene attraverso l'uretra. Di solito, i calcoli vengono rimossi dalle vie urinarie in questo modo, viene eseguita la resezione della prostata con adenoma e vengono eliminate le stenosi dell'uretra
  • Retroperitoneale. Si eseguono con accesso al campo operatorio dal lato lombare. Tali operazioni possono eliminare i cambiamenti patologici nei reni e nelle ghiandole surrenali.
  • Laparoscopico. Con tali interventi l'accesso al campo operatorio avviene tramite una puntura nella parete addominale. Le operazioni laparoscopiche sono prescritte per eliminare le anomalie congenite degli organi, trattare il varicocele, rimuovere le masse renali e prostatiche

Importante! La scelta a favore di un metodo specifico di trattamento della potenza e di altre patologie è fatta dall'urologo. Eventuali interventi chirurgici vengono eseguiti solo se la terapia conservativa è inappropriata o non dà il risultato desiderato.

Come fissare un appuntamento con uno specialista?

Per fissare un appuntamento con un urologo per il trattamento o allo scopo di diagnosticare malattie, è necessario chiamare Si consiglia di contattare uno specialista il prima possibile, senza ritardare la consultazione e senza ritardare la diagnosi e l'inizio del corso di terapia.

Importante! Cerca di interrompere l'assunzione di farmaci prima di visitare il medico, poiché ciò può complicare l'esame, modificando il quadro generale della malattia.

Vantaggi di contattare MEDSI

  • Medici altamente qualificati. I nostri specialisti hanno tutte le conoscenze e le competenze necessarie per aiutare i pazienti. Gli urologi applicano protocolli di trattamento internazionali e implementano i propri metodi
  • Possibilità di diagnosi e trattamento dell'intero elenco di malattie del sistema genito-urinario. È possibile sottoporsi a ecografia, TC, RM, endoscopia e altri esami. Gli specialisti eseguono la terapia per prostatite, cancro alla prostata, diminuzione del desiderio sessuale, urolitiasi e altre patologie
  • Gamma completa di servizi. La clinica fornisce consulenze, diagnostica, preparazione per operazioni, interventi chirurgici, recupero di successo dopo di loro
  • Condizioni confortevoli di degenza ospedaliera dopo l'intervento chirurgico. I reparti sono dotati di mobili ed elettrodomestici, pulsanti di chiamata del personale. I pazienti sono monitorati da infermieri e medici
  • Approccio individuale. I programmi di trattamento e prevenzione si basano su rapporti dettagliati sullo stato di salute del paziente. Ciò consente di regolare tempestivamente la terapia, selezionandola in base alle caratteristiche del paziente

Non rimandare una visita a un urologo ai fini della diagnosi e del trattamento a più tardi, soprattutto se sei preoccupato per i sintomi gravi di alcune patologie. Non farà che peggiorare le cose..

Urologo, che tipo di dottore è questo e cosa tratta? Quando dovresti contattarlo? Cosa succede alla reception?

Il sito fornisce informazioni di base solo a scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È necessaria una consulenza specialistica!

Fissa un appuntamento con un urologo

Per fissare un appuntamento con un medico o un diagnostico, è sufficiente chiamare un unico numero di telefono
+7495488-20-52 a Mosca

+7812416-38-96 a San Pietroburgo

L'operatore ti ascolterà e reindirizzerà la chiamata alla clinica necessaria, oppure prenderà un ordine per un appuntamento con lo specialista di cui hai bisogno.

In alternativa, puoi premere il pulsante verde "Prenota Online" e lasciare il tuo numero di telefono. L'operatore ti richiamerà entro 15 minuti e selezionerà per te uno specialista che soddisfi la tua richiesta.

Al momento l'appuntamento è fissato a specialisti e cliniche a Mosca e San Pietroburgo.

Chi è un urologo?

Un urologo è un medico che diagnostica, cura e previene le malattie del sistema genito-urinario, così come altri organi correlati..

Il campo di attività dell'urologo comprende:

  • Malattie del sistema urinario negli uomini e nelle donne. Questo gruppo di patologie include violazioni delle funzioni dei reni, degli ureteri (attraverso i quali l'urina dei reni entra nella vescica), della vescica e dell'uretra (uretra).
  • Disturbi del sistema riproduttivo negli uomini. Questo gruppo include le malattie dei testicoli e delle loro appendici, della prostata e del pene.
  • Disturbi delle ghiandole surrenali: le ghiandole surrenali sono ghiandole speciali che secernono vari ormoni. Questi ormoni regolano l'attività di molti sistemi del corpo (compreso il sistema riproduttivo).

Vale la pena notare che l'urologia è una specialità chirurgica. L'urologo lavora principalmente nel reparto speciale di urologia dell'ospedale. Allo stesso tempo, molti policlinici hanno uno studio urologo, dove il medico consiglia i pazienti su vari problemi, conduce un esame clinico e, se necessario, prescrive test aggiuntivi o studi strumentali. Se viene rilevata una patologia che richiede un trattamento chirurgico, il medico può raccomandare il ricovero al paziente..

Fatti interessanti

  • I primi "urologi" apparvero nel V secolo aC. Poi furono chiamati "Kamnesek" perché sapevano come rimuovere i calcoli dalla vescica chirurgicamente. Va notato che a quei tempi il concetto di medicina era molto scarso, quindi le operazioni venivano eseguite senza anestesia e in condizioni antigeniche. Più della metà dei pazienti è morta..
  • Il primo dipartimento specializzato di urologia fu aperto a Parigi nel 1830.
  • Il 2 ottobre si celebra la Giornata internazionale dell'urologo.
Oggi l'urologia come specialità è diventata molto sviluppata, in relazione alla quale esistono varietà più piccole associate al trattamento di determinate condizioni patologiche..

Urologo pediatrico

Urologo-sessuologo (terapista sessuale)

Urologo-oncologo

I medici di questa specialità sono impegnati nello studio, nella diagnosi e nel trattamento delle malattie neoplastiche del sistema genito-urinario. La necessità di separare l'urologia oncologica in una specialità separata è dovuta al fatto che la rimozione di tumori benigni e (soprattutto) maligni richiede che il chirurgo abbia determinate conoscenze teoriche e abilità pratiche che i semplici urologi non possiedono..

Un urologo-oncologo tratta:

  • tumori (cancro) dei reni;
  • cancro alla vescica;
  • cancro alla prostata;
  • tumori testicolari;
  • tumori del pene e così via.

Qual è la differenza tra un urologo e un riproduttologo?

Cosa tratta l'urologo andrologo?

Urologo-andrologo è specializzato nello studio di problematiche legate al sistema riproduttivo maschile, e si occupa anche della cura di malattie o malformazioni degli organi genitali maschili.

Il campo di attività di un andrologo comprende:

  • Problemi di infertilità maschile - possono essere causati da caratteristiche anatomiche degli organi genitali o da una violazione dell'attività ormonale dei testicoli (ghiandole sessuali maschili).
  • Problemi di contraccezione maschile - metodi per prevenire la gravidanza in un partner sessuale.
  • Problemi di riduzione dell'attività sessuale degli uomini, anche in età avanzata e senile.

Cosa fa un chirurgo urologico?

Come affermato in precedenza, l'urologia è principalmente una specialità chirurgica. Un chirurgo urologo lavora in uno speciale reparto di urologia dell'ospedale, dove tratta pazienti con varie malattie che richiedono un intervento chirurgico (chirurgico).

I compiti di un chirurgo urologo includono:

  • esame del paziente;
  • nomina di ulteriori studi di laboratorio e strumentali;
  • identificazione delle indicazioni per la chirurgia;
  • preparare il paziente per l'intervento chirurgico;
  • eseguire il trattamento chirurgico;
  • gestione del paziente postoperatorio (prevenzione di possibili complicanze, identificazione degli effetti collaterali, prescrizione di farmaci dopo l'intervento chirurgico e così via).

Qual è la differenza tra un urologo e un ginecologo?

Qual è la differenza tra urologo e nefrologo?

Un nefrologo è un medico che studia la funzione, la diagnosi, il trattamento e la prevenzione delle malattie renali. Da un lato, la nefrologia è strettamente correlata all'urologia. Allo stesso tempo, la nefrologia considera il danno renale come conseguenza di malattie di altri organi e sistemi e valuta anche l'effetto dell'organo interessato sull'intero corpo nel suo insieme..

La funzione renale compromessa può essere una conseguenza di malattie del sistema cardiovascolare, nervoso, endocrino, urinario e di molti altri sistemi corporei. Un nefrologo esamina tutti i sistemi di cui sopra, valuta il loro effetto sulla funzione renale, identifica i disturbi esistenti e prescrive un trattamento appropriato. L'urologo, invece, concentra la sua attenzione solo su quei problemi che sono associati a una ridotta funzionalità renale urinaria..

Qual è la differenza tra un urologo e un venereologo?

La venereologia è una branca della medicina che studia le infezioni a trasmissione sessuale.

I venerologi sono impegnati nell'identificazione, diagnosi, trattamento e prevenzione di:

  • Infezioni batteriche - sifilide, gonorrea, clamidia.
  • Infezioni virali - AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita causata dal virus dell'immunodeficienza umana), herpes genitale, epatite B.
  • Infezioni fungine - candidosi (mughetto).
  • Malattie parassitarie della pelle: scabbia, ftiriasi (causata da pidocchi pubici), pidocchi (lesioni della pelle e dei capelli) e così via.
L'urologo non è coinvolto nel trattamento di queste malattie. Allo stesso tempo, le infezioni elencate possono portare a disfunzioni degli organi genito-urinari. In questo caso, potrebbe essere necessario consultare un urologo, nefrologo o altro specialista..

È un urologo diverso da un proctologo?

Quali malattie tratta l'urologo??

Come accennato in precedenza, l'urologo si occupa del trattamento delle malattie del sistema urinario negli uomini, delle donne e dei bambini, nonché delle disfunzioni del sistema riproduttivo negli uomini o nei ragazzi..

L'urologo è competente per trattare:

  • prostatite;
  • adenoma prostatico;
  • infezioni del sistema genito-urinario;
  • malattia testicolare;
  • malattie della vescica;
  • urolitiasi;
  • incontinenza urinaria (enuresi);
  • nefropatia;
  • fimosi;
  • disfunzione erettile;
  • minzione frequente;
  • eiaculazione precoce;
  • infertilità maschile.

Prostatite

Con lo sviluppo della prostatite (infiammazione della prostata), può aumentare di dimensioni, a seguito della quale schiaccerà anche l'uretra, interrompendo il processo di escrezione dell'urina. L'urologo è impegnato nel trattamento della prostatite, che prescrive farmaci antinfiammatori e antibatterici (nel caso in cui la causa dello sviluppo della malattia sia un'infezione). Nessun trattamento chirurgico richiesto per prostatite non complicata.

BPH

L'adenoma della prostata è un tumore benigno caratterizzato dalla proliferazione delle cellule di questo organo. In questo caso, c'è anche una graduale spremitura dell'uretra, che nel tempo porta a una violazione del processo di minzione..

Questa malattia si sviluppa principalmente dopo 45 anni, che è associata a una violazione dell'attività ormonale nel corpo maschile. Nelle fasi iniziali dello sviluppo della malattia, l'urologo può prescrivere un trattamento farmacologico (vengono utilizzati farmaci antiandrogeni che riducono l'effetto degli ormoni sessuali maschili sulla crescita della ghiandola prostatica). Nei casi avanzati, quando il tessuto prostatico troppo cresciuto blocca quasi completamente il canale urinario, ricorrono alla rimozione chirurgica dell'organo..

Infezioni

Un urologo si occupa del trattamento delle infezioni batteriche degli organi genitali esterni o degli organi del sistema urinario. Quando vengono rilevate tali malattie, viene prescritto un trattamento farmacologico (vengono utilizzati vari farmaci antibatterici, antinfiammatori e altri) e, se sono inefficaci, è possibile eseguire un trattamento chirurgico, se possibile.

Un urologo può trattare:

  • Cistite infettiva - infiammazione della vescica causata da microrganismi patogeni.
  • Balanite - infiammazione del glande.
  • Balanopostite - infiammazione della pelle del cuoio capelluto, così come il prepuzio nell'area del pene.
  • Uretrite - infiammazione dell'uretra (l'uretra che trasporta l'urina dalla vescica).
  • Uretrite - infiammazione degli ureteri.
Va notato che, se necessario, l'urologo può richiedere un consulto con uno specialista in malattie infettive, un medico specializzato nel trattamento di malattie infettive.

Malattia testicolare

I testicoli sono gli organi del sistema riproduttivo maschile, in cui si formano le cellule riproduttive maschili (sperma) e l'ormone sessuale maschile (testosterone). Lo sviluppo di vari processi patologici nei testicoli può ridurre la libido di un uomo o addirittura portare alla sterilità maschile. Ecco perché se nello scroto compaiono dolore o altre strane sensazioni, un uomo dovrebbe consultare un urologo il prima possibile. Il medico sarà in grado di effettuare una diagnosi completa, identificare possibili violazioni e iniziare prontamente il trattamento (farmaco o chirurgico).

L'urologo si occupa della diagnosi e del trattamento di:

  • Orchite. Infiammazione testicolare che si sviluppa con infezioni batteriche o virali (ad esempio, con gonorrea, parotite). Il trattamento è principalmente farmacologico (vengono utilizzati farmaci antibatterici e antinfiammatori). Il trattamento chirurgico è estremamente raramente richiesto (nei casi avanzati che non rispondono alla terapia farmacologica).
  • Epididimite. Infiammazione dell'epididimo causata da infezioni. Anche il trattamento è un farmaco.
  • Hydrocele. Con questa patologia, c'è un accumulo di liquido tra le membrane del testicolo, che porta ad un aumento delle sue dimensioni. Il trattamento dipende dalla causa della malattia e può essere farmacologico (vengono utilizzati antibiotici e farmaci antinfiammatori) o chirurgico (le membrane testicolari vengono sezionate e il fluido patologico viene rimosso).
  • Spermatocele. È caratterizzato dalla formazione di una cisti (cavità piena di liquido) nell'epididimo. Il trattamento è prevalentemente chirurgico (rimozione della cisti).
  • Varicocele. Con questa patologia si verifica un'espansione patologica delle vene del funicolo spermatico, in cui passano i vasi che alimentano il testicolo, i nervi e il dotto deferente. Trattamento chirurgico (le vene colpite vengono ligate e rimosse).
  • Torsione del testicolo. Con questa patologia, il testicolo viene attorcigliato attorno al suo asse, a seguito del quale vengono pizzicati i nervi ei vasi sanguigni che passano nel cordone spermatico. La conseguenza di ciò è lo sviluppo dell'ischemia (alterato afflusso di sangue) del testicolo stesso, che, senza trattamento, porterà inevitabilmente alla sua necrosi (necrosi) entro 5-6 ore. Il trattamento della malattia può essere conservativo (si tenta di rilassare il testicolo dall'esterno). Se questo metodo è inefficace, così come in caso di ricovero tardivo del paziente (da 3 a 4 ore dopo l'inizio della malattia), è indicato un trattamento chirurgico: aprire lo scroto, sciogliere il testicolo e fissarlo.
  • Lesione testicolare. Per lesioni testicolari traumatiche (accompagnate da una violazione della sua integrità), viene solitamente eseguita la chirurgia (rimozione del testicolo).

Malattia della vescica

La vescica è una sorta di serbatoio in cui si accumula l'urina, che scorre costantemente dai reni attraverso gli ureteri. Le malattie della vescica possono interrompere in modo significativo il funzionamento del sistema genito-urinario umano.

L'urologo tratta:

  • Cistite. Infiammazione del rivestimento della vescica, più comunemente causata da infezione. Trattamento farmacologico (vengono utilizzati antibiotici).
  • Malformazioni congenite. Potrebbe esserci una violazione della forma, delle dimensioni o della struttura della vescica. Se questi disturbi non influiscono in alcun modo sulla qualità della vita del bambino, non è necessario alcun trattamento. Allo stesso tempo, in caso di violazione del processo di minzione, potrebbe essere necessaria la correzione chirurgica del difetto.
  • Diverticolo della vescica: un diverticolo è una protrusione anormale della parete della vescica. Questa "protrusione" può trattenere l'urina, che contribuisce alla formazione di calcoli e allo sviluppo di infezioni. Trattamento chirurgico (rimozione del diverticolo e sutura della parete vescicale).
  • Stenosi del collo vescicale. Nella zona del collo vescicale si trova l'apertura dell'uretra attraverso la quale viene espulsa l'urina. La presenza di stenosi (restringimento patologico) in quest'area può interrompere il processo di minzione e causare lo sviluppo di complicanze infettive e di altro tipo. Nelle fasi iniziali della malattia è possibile un trattamento conservativo, mentre nei casi avanzati è indicato un intervento chirurgico..
  • Tumori. Quando viene rilevato un tumore nella parete della vescica, le tattiche di trattamento sono determinate dall'urologo-oncologo (possono essere utilizzati chemioterapia, radioterapia o trattamento chirurgico).

Malattia da urolitiasi

Con questa patologia si nota la formazione di calcoli duri e densi in varie parti del sistema urinario (nei reni, negli ureteri, nella vescica). Nella fase iniziale dello sviluppo, le pietre non influenzano in alcun modo i processi di minzione e minzione, e quindi le persone per molto tempo non sanno nemmeno della loro presenza. Con la progressione della malattia, i calcoli aumentano di dimensioni e possono sovrapporsi a varie parti del tratto urinario, che di solito è accompagnato dallo sviluppo di coliche renali (sindrome del dolore pronunciato).

Nel trattamento dell'urolitiasi, l'urologo può utilizzare non chirurgico (frantumazione di pietre con ultrasuoni) o chirurgico (rimozione di pietre durante l'intervento chirurgico). Di particolare importanza sono anche la terapia dietetica e altri metodi di trattamento e prevenzione della formazione di calcoli, di cui l'urologo parlerà in dettaglio al paziente..

Incontinenza urinaria (enuresi)

Questa malattia è caratterizzata da minzione involontaria, che si verifica principalmente di notte. Molto spesso (più del 95% dei casi), l'enuresi si verifica nei bambini, che è associata all'imperfezione del loro sistema nervoso centrale. Neurosi, sovraccarico nervoso e altri fattori di stress possono contribuire allo sviluppo della patologia..

Poiché questa malattia è più associata al sistema nervoso del bambino, neurologi e neuropatologi sono coinvolti nel suo trattamento. Se l'incontinenza urinaria è causata da difetti anatomici del sistema urinario (che possono essere osservati con anomalie congenite della vescica), l'urologo cura la malattia.

Nefropatia

Il rene è l'organo principale del sistema escretore in cui viene prodotta l'urina. L'elenco delle malattie renali è piuttosto ampio e il trattamento della maggior parte di esse richiede la partecipazione di un nefrologo, urologo e altri specialisti allo stesso tempo.

L'urologo può prendere parte al trattamento di:

  • malattia renale infiammatoria (glomerulonefrite, pielonefrite);
  • malattia renale infettiva;
  • danno renale nel diabete mellito;
  • danno renale durante l'assunzione di determinati farmaci;
  • con tumori renali;
  • quando vengono rilevati calcoli renali e così via.

Fimosi

Questa malattia è caratterizzata da un restringimento patologico del prepuzio che copre il glande. In questo caso, il prepuzio è così ristretto che la testa non può essere completamente esposta. Ciò può creare alcune difficoltà nella vita sessuale di una persona ed è anche la causa dello sviluppo di complicazioni infettive e non infettive (in particolare, difficoltà a urinare).

La causa della fimosi può essere un trauma o lesioni infiammatorie del prepuzio in varie malattie infettive. Inoltre, la fimosi può essere congenita, ma vale la pena ricordare che solo nella metà dei bambini all'età di 1 anno, il prepuzio è facilmente spostato, esponendo la testa del pene.

Il trattamento della malattia può essere conservativo o chirurgico. Nel primo caso, possono essere utilizzati metodi speciali di allungamento del prepuzio, di cui l'urologo parlerà in modo più dettagliato, valutando le condizioni di quest'area della pelle. Come dimostra la pratica, i metodi conservativi possono essere molto efficaci e consentire di evitare l'intervento chirurgico in oltre il 50% dei casi. Allo stesso tempo, con una fimosi grave, in cui il processo di minzione viene interrotto e viene creato il rischio di rottura del prepuzio, è indicato il trattamento chirurgico..

Diminuzione della potenza e disfunzione erettile (impotenza)

La potenza è la capacità di un uomo di avere rapporti sessuali. La violazione di questa funzione può svilupparsi in varie condizioni patologiche, sia dal sistema genito-urinario che da altri organi..

Va notato subito che per un trattamento completo e adeguato dei disturbi di potenza, prima di tutto, è necessario identificare con precisione la causa della malattia ed eliminarla. Per risolvere questo problema, un urologo (che viene spesso contattato da uomini con problemi simili) può coinvolgere specialisti di altre aree della medicina.

La ragione per la diminuzione della potenza può essere:

  • Diminuzione della concentrazione dell'ormone sessuale maschile (testosterone) nel sangue. Il trattamento di questa patologia dovrebbe essere affrontato da un endocrinologo.
  • L'uso di alcune sostanze tossiche (marijuana, alcol). Se viene rilevata dipendenza da alcol o droghe, si consiglia di consultare un narcologo.
  • Fatica. È stato scientificamente dimostrato che lo sforzo eccessivo cronico, la mancanza di sonno e l'essere in situazioni di stress indeboliscono in modo significativo la libido di un uomo, portando allo sviluppo della disfunzione erettile. In questo caso, si consiglia la consultazione e il trattamento con uno psicoterapeuta, neurologo o neuropatologo..
  • Obesità. Anche uno stile di vita sedentario, una seduta prolungata e il sovrappeso contribuiscono allo sviluppo dell'impotenza..
  • Malattie infettive del sistema genito-urinario. Con prostatite (infiammazione della prostata), uretrite (infiammazione dell'uretra) o cistite (infiammazione della vescica) non trattata, possono svilupparsi complicazioni testicolari che possono portare a una ridotta produzione di testosterone.

Minzione frequente

Eiaculazione precoce (eiaculazione)

L'urologo esegue la circoncisione (circoncisione)?

Un chirurgo urologo praticante può eseguire la circoncisione del prepuzio per motivi medici (in presenza di fimosi grave, con frequenti infezioni). È stato anche scoperto che la circoncisione aiuta nel trattamento dell'eiaculazione precoce. Il fatto è che dopo aver eseguito la procedura, la pelle nella zona del glande si ispessisce leggermente e la sua sensibilità diminuisce, il che ha un effetto "terapeutico"..

L'operazione in sé è relativamente sicura e di solito viene eseguita in anestesia locale, tuttavia, su richiesta del paziente, può essere eseguita anche in anestesia generale (quando la persona si addormenta e non ricorda nulla).

Un urologo cura le emorroidi?

Un urologo cura l'infertilità?

Le problematiche dell'infertilità femminile vengono affrontate principalmente dai ginecologi. Allo stesso tempo, gli urologi (andrologia) possono prendere parte attiva al trattamento dell'infertilità maschile, che può essere associata sia a una violazione (diminuzione) del desiderio sessuale, sia a danni organici a vari organi del sistema riproduttivo..

L'infertilità maschile può essere causata da:

  • diminuzione della potenza;
  • disfunzione erettile;
  • violazione dell'eiaculazione (eiaculazione);
  • anomalie genitali;
  • anomalie genetiche (disturbi dello sviluppo delle cellule germinali);
  • malattie infiammatorie degli organi genitali;
  • lesioni immunologiche dei testicoli (possono essere osservate dopo l'infortunio);
  • violazioni della formazione delle cellule sessuali (sperma).
Molte delle patologie elencate non possono essere curate da un solo urologo, quindi, molto spesso il medico, dopo un esame preliminare, rimanda il paziente a consultazioni con altri specialisti..

Un urologo dovrebbe esaminare le donne in gravidanza?

In assenza di malattie dal sistema genito-urinario, non è necessario che le donne incinte visitino un urologo. Allo stesso tempo, vale la pena ricordare che durante la gravidanza si verificano una serie di cambiamenti nel corpo di una donna, in particolare si nota una ristrutturazione del background ormonale e la compressione degli organi interni (da parte di un feto in crescita). Tutto ciò predispone al ristagno di urina nella vescica e allo sviluppo di varie malattie..

Durante la gravidanza, il rischio di sviluppare:

  • Pielonefrite, una malattia renale infiammatoria causata da microrganismi patogeni.
  • Glomerulonefrite - una malattia infettiva e infiammatoria in cui la funzione urinaria dei reni è compromessa.
  • Urolitiasi.
Se identifichi o aggravi una qualsiasi di queste patologie durante la gravidanza, dovresti consultare immediatamente un urologo. Solo lui sarà in grado di fare una diagnosi accurata e, se necessario, prescrivere il trattamento ottimale che aiuterà a far fronte alla malattia, allo stesso tempo, senza danneggiare la madre o il feto in via di sviluppo.

Quali sintomi dovresti contattare un urologo?

Le indicazioni per consultare un urologo possono essere disfunzioni del sistema genito-urinario, così come eventuali sensazioni insolite negli organi legati a questo sistema.

Le indicazioni per consultare un urologo sono:

  • dolore durante la minzione;
  • dolore all'inguine;
  • dolore al perineo;
  • dolore nell'addome inferiore;
  • dolore nella regione lombare;
  • minzione frequente;
  • minzione rara (1 - 2 volte al giorno);
  • incontinenza urinaria;
  • sangue nelle urine;
  • pus nelle urine;
  • diminuzione del desiderio sessuale (negli uomini);
  • incapacità di avere rapporti sessuali (per gli uomini).

Cosa attende il paziente all'appuntamento dell'urologo?

Preparazione prima di andare dall'urologo

Ci sono alcune semplici linee guida da seguire prima di visitare il tuo urologo. Ciò renderà la consultazione il più produttiva possibile e aiuterà il medico a fare una diagnosi più accurata..

Prima di andare dall'urologo, si consiglia:

  • Astenersi dai rapporti sessuali. Il fatto è che dopo l'esame, il medico potrebbe aver bisogno di determinati test (ad esempio, analisi delle urine o analisi dello sperma). Se il paziente ha avuto rapporti sessuali il giorno prima, ciò può complicare significativamente o rendere impossibile la raccolta di queste analisi, il che aumenterà la durata del processo diagnostico.
  • Svuota la vescica. Questo dovrebbe essere fatto non solo prima di visitare il medico, ma 1-2 ore prima. In questo caso, al momento del consulto, verrà raccolta una certa quantità di urina nella vescica, che potrebbe essere necessaria per alcuni esami o test..
  • Svuota gli intestini. Questa procedura è necessaria se il motivo della visita dal medico sono problemi alla prostata (il medico può eseguire un esame rettale dell'organo).
  • Rispetta le regole di igiene personale. La mattina prima di visitare il medico, devi fare una doccia e indossare la biancheria pulita..
  • Sintonizzati moralmente. Durante il consulto, il medico può porre domande a cui alcune persone potrebbero sentirsi imbarazzate o imbarazzate nel rispondere. È importante ricordare che la diagnosi e l'adeguatezza del trattamento dipendono dall'affidabilità e dall'accuratezza delle informazioni ricevute, pertanto, tutte le domande del medico dovrebbero ricevere una risposta onesta e completa..
Prima di visitare un medico, non utilizzare soluzioni antibatteriche o antisettiche per il lavaggio degli organi genitali esterni, poiché ciò può distorcere i dati di laboratorio e complicare il processo di diagnosi.

Quali domande può chiedere un urologo durante una consultazione?

Durante la consultazione, il medico può chiedere al paziente le circostanze dell'inizio della malattia, le sue manifestazioni e così via..

Alla prima visita, l'urologo può chiedere:

  • Quanto tempo fa è iniziata la malattia?
  • Come si manifesta la malattia?
  • Hai problemi a urinare?
  • Cosa porta all'insorgenza / intensificazione dei sintomi?
  • Il paziente soffre di malattie del sistema genito-urinario a lui note?
  • Se i genitori o i parenti stretti (fratelli) avevano malattie simili?
  • Il paziente ha malattie croniche di altri organi e sistemi (cuore, fegato, ecc.)?
  • Il paziente ha un partner sessuale regolare?
  • Quali metodi di contraccezione (protezione) utilizza il paziente??
  • Se il paziente aveva una malattia a trasmissione sessuale?
  • Il paziente ha figli?
  • Il paziente sta assumendo farmaci?
  • Il paziente abusa di alcol?
  • Il paziente fuma?
Vale la pena notare che l'elenco delle domande può differire in modo significativo a seconda di quale organo e di quanto gravemente colpito.

Com'è l'esame degli uomini da parte dell'urologo?

Dopo aver intervistato il paziente, il medico deve esaminare i genitali esterni.

Durante l'esame, il medico valuta:

  • Forma del pene: l'eccessiva curvatura del pene può causare infertilità e indica anche un'alta probabilità di altre anomalie dello sviluppo.
  • La dimensione del pene: il suo sottosviluppo è possibile con una ridotta concentrazione dell'ormone sessuale maschile nel sangue.
  • La condizione della pelle nella zona genitale - al fine di identificare focolai di infiammazione, ulcere, crepe o altre deformità.
  • Lo stato del glande (per questo, il medico lo espone) - per identificare fimosi o processi infiammatori in quest'area.
  • Condizione testicolare: il medico palpa (sonda) i testicoli e l'epididimo, valutandone forma, dimensione e consistenza.
  • La condizione dello scroto - per rilevare il varicocele o un processo infettivo-infiammatorio.
  • Condizioni della vescica: per questo, il medico può chiedere al paziente di sdraiarsi e quindi iniziare a premere leggermente sull'area della vescica (appena sopra il pube).
  • Condizione renale - l'urologo può picchiettare leggermente la regione lombare del paziente (su cui sono proiettati i reni) con il bordo del palmo, valutando la sua reazione (il verificarsi di dolore può indicare la presenza di un processo infiammatorio).
Inoltre, una fase obbligatoria dell'esame è un esame rettale digitale della prostata. L'essenza del metodo è la seguente. Il paziente giace su un fianco e cerca di portare le ginocchia al petto. Il medico indossa un guanto sterile, lo lubrifica con olio speciale e inserisce l'indice nell'ano del paziente. A una profondità di alcuni centimetri, definisce la prostata, che si trova tra la vescica e l'intestino (il medico la sonda attraverso la parete rettale). Il medico valuta quindi le dimensioni, la consistenza e la forma della prostata. Se durante l'esame il paziente avverte forti dolori lancinanti, deve informarne il medico (questo sintomo può indicare la presenza di prostatite).

Va notato che tutti gli studi di cui sopra vengono effettuati solo se esistono prove.

Come è l'esame delle donne da parte dell'urologo?

L'urologo fa un massaggio alla prostata?

Un urologo può eseguire un massaggio con le dita della prostata per varie forme di prostatite (infiammazione della ghiandola prostatica) quando i trattamenti convenzionali (terapia antibiotica, farmaci antinfiammatori) non sono abbastanza efficaci. L'effetto terapeutico di questa procedura è quello di migliorare la microcircolazione nella prostata, che migliora l'accesso dei farmaci antibatterici ad essa. Inoltre, durante il massaggio, viene stimolato il rilascio della secrezione dalla ghiandola, che aiuta a ripristinare la pervietà dei suoi dotti e ha anche un effetto benefico sul decorso della malattia..

La preparazione per un massaggio prostatico consiste nello svuotamento dell'intestino (a volte può essere necessario un clistere purificante, da eseguire la mattina prima di andare dal medico). La procedura stessa è la seguente. Il paziente si sdraia sul divano e preme le ginocchia contro il petto (si raggomitola in una "palla"). Il medico indossa un guanto sterile, tratta il dito indice con vaselina e lo inserisce nell'ano del paziente. A una profondità di circa 5 cm, cerca a tentoni la prostata, dopodiché inizia a massaggiarla, premendo leggermente sul tessuto ghiandolare. Se in qualsiasi fase della procedura il paziente avverte dolore, deve informarne immediatamente il medico.

La durata del massaggio è di circa 1-2 minuti, dopodiché il paziente può tornare a casa. Il corso del trattamento è di 10-15 procedure eseguite con una pausa di 1-2 giorni.

Il massaggio prostatico è controindicato:

  • Nella fase acuta della prostatite - in questo caso, la procedura sarà estremamente dolorosa.
  • Se si sospetta un cancro alla prostata, sono possibili danni al tumore e comparsa di metastasi (focolai tumorali distanti).
  • Se ci sono pietre nella prostata, potrebbe essere danneggiata durante la procedura.
  • Con adenoma prostatico.
  • Con la tubercolosi prostatica.
  • In presenza di un processo infettivo e infiammatorio nell'ano, la procedura sarà molto dolorosa e l'infezione potrebbe anche diffondersi.

È possibile chiamare un urologo a casa?

Se per un motivo o per l'altro il paziente non può (o non vuole) visitare l'urologo, il medico può essere chiamato a casa. Va notato subito che questo servizio è più spesso fornito da cliniche private e centri medici, e quindi è pagato.

Quando si visita un paziente a casa, un urologo può:

  • Prendi l'anamnesi. Dopo aver chiesto al paziente in dettaglio i suoi problemi, il medico può suggerire la presenza di una particolare malattia.
  • Conduci un esame obiettivo. A casa, il medico può esaminare i genitali esterni, sentire la vescica e l'addome del paziente, esaminare la regione lombare e così via. Nel caso di un esame maschile, viene eseguito anche un esame digitale della prostata (se necessario). Tutto ciò ti consente di fare una diagnosi preliminare..
  • Eseguire un esame ecografico (ecografia). Il medico può portare con sé un piccolo dispositivo portatile che permetterà di eseguire l'esame direttamente al letto del paziente.
Se, dopo l'esame, il medico non è sicuro della diagnosi, può raccomandare al paziente di visitare l'ospedale, fare esami e sottoporsi a ulteriori esami. Nei casi più lievi, il medico può dare consigli su come trattare le condizioni del paziente..

Quante volte hai bisogno di visitare un urologo per la prevenzione?

Quali analisi e studi può prescrivere un urologo??

Dopo aver intervistato il paziente e condotto un esame clinico, il medico può prescrivere ulteriori studi di laboratorio o strumentali, che consentiranno di valutare più accuratamente le funzioni del sistema genito-urinario e fare la diagnosi corretta.

L'urologo può prescrivere:

  • analisi generale delle urine;
  • analisi del sangue generale;
  • analisi del seme (spermogramma);
  • cistoscopia;
  • test per rilevare infezioni del sistema genito-urinario;
  • esame ecografico (ecografia).

Analisi delle urine

Questo è un test semplice ed economico che consente di valutare la funzione escretoria dei reni, identificare le infezioni del tratto urinario e così via..

Il paziente raccoglie lui stesso materiale per la ricerca, raccogliendo una certa quantità di urina del mattino in uno speciale barattolo sterile. Alla vigilia dello studio, si consiglia di condurre un bagno igienico dei genitali, poiché altrimenti si potrebbero ottenere risultati distorti. Durante la minzione mattutina, la prima porzione di urina (che viene rilasciata durante i primi 1-2 secondi) deve essere rilasciata nel water, dopodiché è necessario sostituire un barattolo e riempirlo con circa 50 ml. Quindi (il barattolo) deve essere chiuso immediatamente e portato in laboratorio per la ricerca.

Durante l'analisi delle urine si valuta:

  • Colore delle urine. L'urina normale è di colore giallo paglierino. L'aspetto di una tinta rossa può indicare la presenza di sangue nelle urine, mentre l'aspetto di una tinta marrone può indicare disturbi del fegato o del sangue.
  • Chiarezza delle urine. L'urina normale è limpida. La comparsa di torbidità è possibile se in essa sono presenti inclusioni estranee (cellule del sangue, proteine, batteri, pus, sali).
  • Densità delle urine. Normalmente, questo indicatore varia da 1010 a 1022 g / litro. Un aumento o una diminuzione della densità delle urine può essere osservato con una funzione di concentrazione renale ridotta.
  • Acidità delle urine. Questo indicatore può variare ampiamente, a seconda del tipo di dieta, stile di vita e stato funzionale dei reni..
  • La presenza di proteine ​​nelle urine. Normalmente, la concentrazione di proteine ​​nelle urine non deve superare 0,033 g / litro. Un aumento di questo indicatore può essere osservato con malattie dei reni, del cuore, del sistema immunitario e così via..
  • La presenza di glucosio (zucchero) nelle urine. Normalmente non c'è zucchero nelle urine. Il suo aspetto di solito indica che il livello di glucosio nel sangue è notevolmente aumentato..
  • La presenza di inclusioni patologiche. Con varie malattie e disturbi metabolici, possono comparire nell'urina sostanze che normalmente non vengono rilevate in essa (corpi chetonici, bilirubina, emoglobina e così via). Se questi elementi vengono identificati, sono necessarie ulteriori ricerche.
  • La presenza di cellule del sangue nelle urine. In condizioni normali, nelle urine è possibile trovare un piccolo numero di globuli bianchi (cellule del sistema immunitario) e globuli rossi (cellule del sangue). Tuttavia, un aumento significativo della concentrazione di queste cellule indica la presenza di un processo patologico negli organi del sistema genito-urinario..
  • La presenza di batteri nelle urine. Possono manifestarsi con malattie infettive e infiammatorie dei reni, della vescica, dell'uretra, della prostata o degli organi genitali esterni.

Analisi del sangue

Un esame emocromocitometrico completo (CBC) è un metodo di ricerca di routine che viene prescritto ai pazienti durante il ricovero, in preparazione per un intervento chirurgico o in alcune altre situazioni. Nella pratica urologica, un'indicazione per la nomina di un emocromo può anche essere un sospetto della presenza di un'infezione del sistema genito-urinario..

La presenza di un'infezione può indicare:

  • Aumento del numero totale di leucociti (più di 9 x 10 9 / litro). I leucociti sono cellule del sistema immunitario che aiutano a combattere le infezioni. Quando un organo del corpo umano viene infettato, la sua quantità nel sangue aumenta.
  • Aumento della velocità di eritrosedimentazione (ESR). Questo indicatore di laboratorio consente anche di rilevare i segni di infezione nel corpo. Con lo sviluppo di un processo infettivo-infiammatorio in qualsiasi organo, le cosiddette proteine ​​della fase acuta dell'infiammazione vengono rilasciate nel sangue. Interagiscono con i globuli rossi (eritrociti), aumentando la velocità della loro sedimentazione sul fondo della provetta durante lo studio (più di 10 mm all'ora per gli uomini e più di 15 mm all'ora per le donne).
Altri indicatori di un esame del sangue generale (concentrazione di cellule del sangue, livello di emoglobina, ecc.) Sono importanti solo in preparazione per interventi chirurgici o se il paziente ha altre malattie.

Analisi dello sperma (analisi dello sperma)

Questo studio è prescritto se un uomo ha problemi con il concepimento dei figli (ad esempio, nel caso di un matrimonio infertile al fine di identificare le possibili cause di infertilità maschile). L'essenza dello studio è che lo sperma ricevuto da un uomo viene esaminato al microscopio, valutandone le caratteristiche quantitative e qualitative.

La preparazione per lo studio consiste nell'astenersi dai rapporti sessuali per 4 - 5 giorni. Durante questo periodo di tempo, si raccomanda inoltre di escludere l'assunzione di alcol, droghe, fumo, visite a un bagno o una sauna.

L'analisi viene eseguita il giorno dello studio dal paziente stesso (tramite la masturbazione). Il materiale ottenuto deve essere inserito in un'apposita provetta sterile per intero (la perdita di parte dello sperma può falsare i risultati dello studio).