Differenza tra pielonefrite e glomerulonefrite: diagnosi differenziale delle malattie

La glomerulonefrite e la pielonefrite sono malattie renali.

Con un trattamento prematuro e selezionato in modo errato, possono portare a insufficienza d'organo funzionale.

Qual è la differenza nel quadro clinico, nella diagnosi e nel trattamento delle malattie?

Cause e sintomi della glomerulonefrite

La glomerulonefrite è un processo immuno-infiammatorio che si verifica nell'apparato glomerulare dei reni.

La malattia si verifica più spesso dopo un'infezione da streptococco. Ciò è dovuto alla somiglianza degli antigeni dello streptococco e del tessuto renale.

Gli anticorpi prodotti dal sistema immunitario hanno lo scopo di combattere non solo il microrganismo. Il complesso antigene-anticorpo si deposita sulla membrana basale dei glomeruli renali, il che porta all'interruzione della microcircolazione e della funzione degli organi.

La glomerulonefrite può anche essere provocata da:

  • virus;
  • invasione di parassiti;
  • fungo;
  • allergeni (cibo, famiglia);
  • medicinali (antibatterici, sulfonamidi);
  • sieri e vaccini.

Il quadro clinico si sviluppa da due a quattro settimane dopo la tonsillite streptococcica o altri fattori provocatori. Questo periodo di tempo è associato alla formazione e all'accumulo di immunocomplessi..

La malattia può essere latente e manifestarsi accidentalmente durante gli esami preventivi o avere un inizio violento.

I sintomi della glomerulonefrite includono:

  • dolore nella regione lombare;
  • scolorimento delle urine (diventa un colore arrugginito);
  • edema, più pronunciato al mattino, principalmente sul viso;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • una piccola quantità di urina escreta.

Tipi e classificazione

Sono presenti glomerulonefrite acuta, subacuta (extracapillare, rapidamente progressiva, maligna) e cronica (della durata di oltre un anno).

In base al volume del danno renale, la malattia è divisa in focale e diffusa.

Quest'ultimo è un segno diagnostico sfavorevole, poiché porta a una forma maligna del decorso e della patologia e contribuisce al rapido sviluppo dell'insufficienza renale..

La natura del decorso può essere ciclica, manifestata da un quadro clinico violento con sviluppo di edema renale, ipertensione arteriosa, scolorimento delle urine o latente.

Con un decorso latente, i cambiamenti si osservano solo nell'analisi generale delle urine, quindi i pazienti non cercano aiuto medico e la glomerulonefrite acuta diventa cronica.

Eziologia e quadro clinico della pielonefrite

La pielonefrite è una malattia infiammatoria delle strutture calice-pelviche dei reni con la partecipazione di microrganismi. La malattia può colpire il rene destro, sinistro o entrambi. I fattori provocatori della pielonefrite includono:

  • ipotermia frequente;
  • la presenza nel corpo di un focolaio di infiammazione cronica;
  • caratteristiche anatomiche dei reni;
  • diabete;
  • immunodeficienza;
  • malattia da urolitiasi;
  • adenoma prostatico negli uomini.

I microrganismi patogeni possono entrare nei reni ascendendo, così come con il flusso di sangue e linfa. Il percorso ascendente si trova in presenza di infiammazioni negli ureteri, vescica, uretra.

Nelle donne, l'uretra è più corta e più larga che negli uomini, quindi l'uretrite e la cistite sono più comuni in esse.

I microrganismi si diffondono in tutto il corpo da un altro punto focale del processo infettivo con sangue e linfa.

I sintomi della pielonefrite includono:

  • intossicazione del corpo (temperatura corporea 38-40 C, sensazione di debolezza, affaticamento, brividi);
  • dolore lombare, può essere localizzato sia a destra che a sinistra, dipende dal lato della lesione, la sindrome del dolore può spostarsi all'inguine;
  • urina torbida con un odore pungente offensivo.

Forme e tipi

La pielonefrite è divisa in acuta e cronica. Acuto ha un inizio improvviso, un quadro clinico violento. Con la giusta terapia, il paziente si riprende completamente.

La malattia può colpire uno o due reni..

Diagnosi differenziale

Per condurre una diagnosi differenziale di pielonefrite e glomerulonefrite, i reclami del paziente vengono chiariti, viene presa l'anamnesi, viene eseguito un esame, metodi di ricerca di laboratorio-strumentali e morfologici.

Ricerca sulla glomerulonefrite

Tonsillite recentemente sofferta, vaccinazioni, malattie allergiche, la presenza della malattia in parenti stretti testimonia a favore della glomerulonefrite.

Con la glomerulonefrite, entrambi i reni sono interessati, quindi la sindrome del dolore è espressa uniformemente su entrambi i lati. Poiché i glomeruli vascolari sono danneggiati, il paziente nota un cambiamento nel colore dell'urina da rosa a rugginoso..

Nell'analisi generale delle urine, si osservano i seguenti cambiamenti:

  • ematuria (eritrociti nelle urine, normalmente assenti);
  • proteinuria (proteine ​​nelle urine);
  • diminuzione della densità delle urine (diminuzione della concentrazione dei reni).

L'esame ecografico, la tomografia computerizzata e la risonanza magnetica per immagini rivelano cambiamenti nel parenchima renale.

La diagnosi può essere effettuata in modo affidabile solo dopo uno studio morfologico. In questo caso, viene eseguita una biopsia del rene (un frammento di tessuto d'organo) e vengono esaminati la sua corteccia e il midollo. Sulla base di questo studio, puoi fare una prognosi della malattia.

Studio della pielonefrite

Poiché la pielonefrite colpisce spesso un rene, la sindrome del dolore è chiaramente localizzata a destra oa sinistra. La malattia è accompagnata da una massiccia intossicazione del corpo (febbre).

L'urina diventa torbida, ha un odore maleodorante a causa della presenza di batteri in essa.

L'analisi generale delle urine contiene leucociti, batteriuria (un gran numero di microrganismi).

L'ecografia dei reni mostra l'espansione del sistema calice-bacino.

Nella pielonefrite cronica con frequenti esacerbazioni, si sviluppa gradualmente un'insufficienza renale.

Differenze tra pielonefrite e glomerulonefrite

CartelloPielonefriteGlomerulonefrite
Danno ai reniPiù spesso unilateraleSempre a doppio senso
SintomiFebbre, urine torbide con un forte odore offensivo, lombalgiaGonfiore sul viso, principalmente al mattino, un cambiamento nel colore delle urine da rosato a rosso
Analisi generale delle urineUrina torbida con molti globuli bianchi e batteriGlobuli rossi e proteine ​​nelle urine

Il trattamento principale per la glomerulonefrite

Con una diagnosi accertata di glomerulonefrite, i glucocorticosteroidi sono prescritti per sopprimere il sistema immunitario e ridurre la formazione di complessi antigene-anticorpo.

Con un processo in rapida evoluzione, i farmaci citostatici possono essere aggiunti agli steroidi.

Le dosi sono selezionate individualmente. Le medicine hanno molti effetti collaterali, quindi il trattamento viene effettuato sotto la stretta supervisione di un medico..

I glucocorticosteroidi vengono sospesi gradualmente, poiché altrimenti può essere causata un'insufficienza surrenalica acuta.

Di grande importanza è l'aderenza del paziente a una dieta che preveda la limitazione dell'assunzione di proteine ​​e sale..

I cibi piccanti, affumicati e in scatola sono completamente esclusi. Viene mantenuto un registro rigoroso della quantità di liquido consumato ed emesso.

In presenza di ipertensione e sindrome dell'edema, vengono prescritti farmaci antipertensivi e diuretici. È in corso la prevenzione dei coaguli di sangue (clopidogrel). La pentossifillina è prescritta per migliorare la microcircolazione.

In alcuni casi (glomerulonefrite a rapida progressione), può essere necessaria l'emodialisi, che viene eseguita con un rene "artificiale".

Terapia della pielonefrite

In caso di acuta e di esacerbazione della pielonefrite cronica, i farmaci antibatterici sono obbligatori.

Il trattamento della pielonefrite cronica nella fase di remissione ha lo scopo di prevenire le esacerbazioni della malattia (prevenzione dell'ipotermia, rafforzamento del sistema immunitario).

Prevenzione delle malattie

La prevenzione della pielonefrite e della glomerulonefrite include:

  • mantenere uno stile di vita sano (attività fisica moderata, alimentazione sana, indurimento);
  • evitare l'ipotermia del corpo;
  • trattamento tempestivo delle malattie infettive;
  • riparazione di focolai cronici di infezione;
  • esami preventivi annuali.

Prognosi di recupero

La glomerulo e la pielonefrite acuta, con diagnosi tempestiva e trattamento corretto, portano al completo recupero del paziente.

La forma subacuta della glomerulonefrite è maligna, richiede la nomina di citostatici, è difficile da trattare e porta a insufficienza renale.

Nella pielo- e glomerulonefrite cronica, la prevenzione delle esacerbazioni della malattia è importante. Più spesso si verificano esacerbazioni, più i reni sono colpiti..

La mancanza di funzionalità renale progredisce costantemente, quindi il trattamento prevede l'emodialisi e il trapianto di rene.

Pielonefrite e glomerulonefrite: somiglianze e differenze

Foto da thegolfclub.info

La differenza tra pielonefrite e glomerulonefrite

Queste due malattie, prima di tutto, differiscono nella localizzazione della lesione. Con la glomerulonefrite, i più piccoli elementi strutturali del tessuto renale soffrono: i glomeruli formati da una rete capillare densamente ramificata. Nel caso della pielonefrite, il processo coinvolge il parenchima renale, nonché le sezioni finali del sistema urinario: il bacino e il calice.

La differenza tra glomerulonefrite e pielonefrite riguarda anche l'eziologia e i meccanismi patologici coinvolti nel processo. Entrambe le malattie sono causate da vari agenti patogeni. Nella pielonefrite, la fonte dell'infezione sono più spesso gli organi interni, dai quali l'agente patogeno viene trasferito ai reni con il flusso sanguigno. La glomerulonefrite nella maggior parte dei casi si sviluppa sullo sfondo dell'angina causata dallo streptococco. Gli anticorpi risultanti iniziano ad attaccare i nefroni, innescando il processo autoimmune.

All'inizio dello sviluppo, entrambe le malattie hanno sintomi simili: dolori di varia intensità nella regione lombare. Ma man mano che la patologia progredisce, altri, specifici per ogni caso, si uniscono ai segni della malattia. La pielonefrite è accompagnata da mal di testa, disturbi digestivi, disagio nell'addome inferiore, manifestazioni di coinvolgimento nel processo infiammatorio della vescica. Con la glomerulonefrite, l'edema appare sul viso, particolarmente pronunciato al mattino intorno agli occhi, la pressione sanguigna inizia a salire.

La tabella comparativa ti aiuterà a capire le somiglianze e le differenze tra pielonefrite e glomerulonefrite.

PielonefriteGlomerulonefrite
Livello di sconfittaParenchima dei reni, calice, bacinoGlomeruli renali - nefroni
Attaccamento del meccanismo autoimmuneNonc'è
Insorgenza della malattiaAcuto, accompagnato da un aumento della temperaturaGraduale
Corso di patologiaForma acutaForma cronica
Processo di propagazioneIrregolare, più spesso viene colpito un rene. Il secondo può essere parzialmente coinvolto nel processoSviluppo simmetrico su entrambi i reni
MinzioneLa necessità di svuotare frequentemente la vescica. È accompagnato da dolore. Falsi impulsiRidurre la frequenza delle visite ai servizi igienici e la quantità di urina escreta
EdemaAssentePrevalentemente presente sul viso e sulle palpebre
Disturbi dell'apparato digerenteDisturbi delle feci, nausea, vomito, perdita di appetitoSenza funzionalità
Pressione arteriosaEntro limiti normaliAumenta durante l'intero periodo della malattia


Inoltre, la diagnostica di laboratorio aiuta a distinguere la pielonefrite e la glomerulonefrite l'una dall'altra, il che determina deviazioni specifiche nelle analisi..

Ai primi segni dello sviluppo della patologia renale, è necessario consultare immediatamente un medico per fare una diagnosi accurata e ricevere un trattamento specifico. Un tentativo di diagnosticare te stesso e prescrivere un trattamento porterà al rapido sviluppo di gravi complicazioni.

Quale medico tratta la pielonefrite e la glomerulonefrite?

In caso di sintomi di danno alle strutture glomerulari, al parenchima o al sistema del calice renale, consultare un medico del luogo di residenza.

Le malattie dell'apparato urinario vengono curate da un nefrologo che esegue un trattamento conservativo, o da un urologo che, se necessario, può eseguire un intervento chirurgico.

Per effettuare una diagnosi accurata e controllare l'efficacia della terapia, sono coinvolti anche medici di altre specialità:

  • sonologo: esegue un esame ecografico del tessuto renale;
  • medico diagnostico di laboratorio - esegue esami del sangue e delle urine generali e biochimici;
  • radiologo - si occupa di risonanza magnetica e computerizzata, studi a raggi X, come l'urografia, determinazione delle caratteristiche anatomiche e dello stato funzionale dei reni utilizzando materiali radioisotopici;
  • endoscopista - conduce una raccolta di tessuto renale per l'analisi istologica.

In assenza di specialisti ristretti, un terapista locale si occupa di patologia. Puoi anche chiedere al tuo medico un rinvio a una clinica specializzata..

Diagnostica

Per determinare il livello di danno al tessuto renale e fare la diagnosi corretta, sono necessari ulteriori studi di laboratorio e strumentali. Il medico prescrive:

  • Analisi del sangue generale. In presenza di un processo infiammatorio, ci saranno maggiori indicatori del contenuto di leucociti e della velocità di sedimentazione degli eritrociti.
  • Analisi del sangue biochimica. Un aumento della creatinina e dell'urea indica la presenza di glomerulonefrite. Se allo stesso tempo si riducono le velocità di filtrazione glomerulare, si tratta di sviluppare un'insufficienza renale. Inoltre, se i glomeruli sono danneggiati nel sangue, il contenuto di albumina e proteine ​​totali sarà ridotto..
  • Analisi generale delle urine. In entrambi i casi, verrà rilevato un gran numero di globuli bianchi e rossi. La presenza di composti proteici nel fluido biologico indicherà un danno al sistema glomerulare. L'infiammazione del parenchima dell'organo non è accompagnata dalla comparsa di proteine ​​nelle urine.
  • Cultura delle urine per rilevare la microflora patogena e determinare la sua sensibilità agli antibiotici.
  • Studio immunologico del siero del sangue.Il processo infiammatorio nei nefroni sarà accompagnato da un aumento degli immunocomplessi circolanti, immunoglobulina A.
  • Procedura ad ultrasuoni. Con la glomerulonefrite, non ci saranno cambiamenti speciali nella struttura del tessuto renale. A volte può essere determinata la sfocatura del confine tra la corteccia e il midollo dei reni. La pielonefrite si manifesterà come una deformazione delle coppe e del bacino, ispessimento e diminuzione della densità delle mucose.


In casi difficili, è possibile eseguire la risonanza magnetica o computerizzata, l'urografia, la scintigrafia e la biopsia renale.

Foto dal sito laakarilehti.fi

La diagnosi differenziale viene eseguita anche con malattie come l'amiloidosi renale, la glomerulonefrosi diabetica, la salmonellosi.

Somiglianze e differenze di trattamento

In caso di pielonefrite grave e glomerulonefrite, è prescritto il riposo a letto. Inoltre, il paziente deve aderire alla dieta "tabella numero 7". Allo stesso tempo, l'uso di prodotti contenenti sale da cucina, marinate e cibi affumicati e fritti è limitato..

In entrambi i casi, la terapia prevede la nomina di farmaci antibatterici. Per questo vengono utilizzati antibiotici ad ampio spettro..

Si tratta di farmaci appartenenti ai seguenti gruppi:

  • antibiotici: carbencillina, azlocillina, ceftriaxone;
  • antisettici urologici - Ofloxacina, Sparfloxacina.

Ma la nomina di altri gruppi di farmaci per il trattamento della pielonefrite e della glomerulonefrite è diversa. Se vengono utilizzati farmaci non steroidei per alleviare l'infiammazione nel trattamento della prima malattia - paracetamolo, ibuprofene, quindi per eliminare il processo nei glomeruli renali, sono già necessari farmaci steroidei - idrocortisone, desametasone, prednisolone.

Inoltre, con la glomerulonefrite, è necessario normalizzare il flusso sanguigno nei nefroni. Per questo, vengono utilizzati farmaci che riducono la coagulazione del sangue: eparina, Curantil e altri..

Nel caso della pielonefrite, la microflora patogena nel processo della vita produce una grande quantità di sostanze tossiche. Pertanto, per ridurre i fenomeni di intossicazione, viene prescritta la terapia infusionale: somministrazione endovenosa di soluzione salina o glucosio. Con la glomerulonefrite, al contrario, l'infusione di una grande quantità di liquido porterà ad un peggioramento delle condizioni del paziente e allo sviluppo di complicanze.

Poiché l'infiammazione dei glomeruli renali è sempre accompagnata da un aumento della pressione sanguigna, i farmaci antipertensivi vengono utilizzati come trattamento sintomatico: Ramipril, Enalapril e altri. Inoltre, con la glomerulonefrite vengono prescritti agenti immunomodulatori.

Le malattie vengono trattate con un metodo complesso. Solo un medico può prescrivere una combinazione efficace di farmaci in base alle caratteristiche individuali del paziente e della patologia.

Prevenzione

La prevenzione della pielonefrite e della glomerulonefrite consiste nell'eliminare tutti i fattori che provocano la malattia e rafforzare le difese dell'organismo. Per fare ciò, devi seguire le raccomandazioni dei medici:

  • trattare tempestivamente le malattie infettive, compreso il sistema genito-urinario;
  • evitare di mangiare cibi salati, affumicati, fritti e in salamoia, escludere fast food, bevande dolci gassate e alcoliche;
  • proteggere l'area dei reni e della piccola pelvi dall'ipotermia;
  • condurre procedure igieniche quotidiane, osservare l'igiene intima;
  • includere costantemente nella vostra dieta verdure, frutta fresca e verdura in quantità sufficienti;
  • visitare regolarmente la clinica per esami preventivi.

Sebbene la pielonefrite e la glomerulonefrite sembrino malattie simili, in realtà sono due malattie diverse, che differiscono per il livello di danno renale, il meccanismo del processo patologico e le sue manifestazioni. Pertanto, il trattamento presenta anche differenze significative. Per evitare gravi complicazioni, ai primi segni di disfunzione renale, è necessario consultare un medico. Lo specialista farà una diagnosi accurata e prescriverà il trattamento appropriato.

Autore: Irina Ramazanova, terapista,
appositamente per Nefrologiya.pro

Video utile sulla pielonefrite

Elenco delle fonti:

  • Ashcheulova T.V., Kovaleva O.N., Latoguz Yu.I. I principali sintomi e sindromi nelle malattie renali: glomerulonefrite acuta e cronica e pielonefrite. Kharkiv: KhNMU, 2016.
  • Polyakova E. Cosa devi sapere sulla salute. Pielonefrite, glomerulonefrite. Nizhny Novgorod: "Sylog", 2012.
  • Popova Yu Malattie dei reni e della vescica urinaria. SPb.: "Krylov", 2008.

Pielonefrite e glomerulonefrite: confronto e come differiscono

Pielonefrite

Che cos'è

Con la penetrazione dell'infezione nel rene, l'infiammazione delle formazioni pielocaliceali si sviluppa con il coinvolgimento del parenchima renale nel processo. Questo si chiama pielonefrite. In giovane età, la patologia si verifica spesso nelle donne, manifestandosi principalmente come una complicazione di altre malattie degli organi urinari. Spesso, la pielonefrite è scatenata dalla gravidanza.

Gli uomini si ammalano principalmente in età avanzata, che è una conseguenza dell'adenoma prostatico.

Distinguere con il flusso:

  • Acuto.
  • Cronico.

In conseguenza del verificarsi:

  • Primaria (nessuna associazione con altre infezioni del tratto urinario)
  • Secondario, derivante da una complicazione delle malattie urologiche che interrompono la dinamica delle urine. Si riferisce all'opzione più comune.

    • Unilaterale (il più delle volte)
    • Doppia faccia.

    Le ragioni

    Cause di infezione da pielonefrite. I principali agenti causali della malattia sono i microrganismi: E. coli, stafilococco, enterococco, streptococco. Raramente virus, funghi.

    L'agente patogeno doloroso penetra nell'organo:

    • Via ascendente (con cistite esistente, uretrite)
    • Ematogeno e linfogeno (trasportato dal sangue da altri focolai infetti nel corpo.

    Contribuire all'insorgenza della malattia:

  • Violazione della secrezione di urina dovuta alla pressione sul tratto urinario dall'esterno, cambiamenti nel lume dell'uretere, calcoli urinari, prolasso dei reni.
  • Diminuzione dell'immunità dovuta a precedenti infezioni, esposizione a basse e alte temperature, stress, superlavoro, mancanza di vitamine.
  • Drenaggio linfatico e venoso compromesso dai reni,
  • Comorbidità: diabete, gotta.

    Sintomi

    La pielonefrite tipica ha un quadro clinico abbastanza caratteristico ei suoi sintomi sono i seguenti:

    • Dolore da moderato a grave nella regione lombare della schiena, con il carattere di colica renale.
    • Temperatura corporea tipicamente alta con brividi, sudore torrenziale,
    • Cambiamento di colore, chiarezza e odore di urina.
    • Dolore alla testa e ai muscoli.
    • Diminuzione della quantità di urina, minzione dolorosa e frequente,
    • Sete, fragilità.

    Diagnostica

    Oltre ai reclami tipici, vengono analizzati i dati di laboratorio per confermare la diagnosi:

    • L'urina contiene un gran numero di batteri, leucociti, microematuria, potrebbe esserci una piccola quantità di proteine.
    • Nel sangue, un aumento dei leucociti, una forte neutrofilia, un aumento della VES.

    L'ecografia è caratterizzata da un aumento del rene colpito, una zona ipoecogena del parenchima (a causa di edema infiammatorio), espansione delle strutture pelviche renali.

    L'urogramma escretore mostra o il riempimento ritardato del lato infiammato con l'agente di contrasto o l'assenza di ombra delle vie urinarie.

    Alla risonanza magnetica, la pielonefrite appare come aree iperintense nell'area interessata.

    Trattamento

    Dato che la pielonefrite è una malattia infettiva, i farmaci antibatterici sono di fondamentale importanza. Viene eseguita un'urinocoltura, che determina l'effetto sull'agente patogeno dell'antibiotico desiderato. Senza attendere il risultato della semina, vengono introdotti antibiotici ad ampio spettro:

    • Fluorochinoloni (ciprofloxacina, norfloxacina)
    • Aminopenicilline (amoxiclav)
    • Cefalosporine (cefotaxime, cefaclor)
    • Aminoglicosidi (gentamicina, amikacina)

    Per alleviare il dolore e gli spasmi vengono utilizzati:

    • Antispastici (no-shpa, spazmalgon),
    • Farmaci antinfiammatori non specifici (indometacina, nimesulide).

    Per migliorare il deflusso delle urine, per alleviare l'infiammazione il prima possibile, la terapia è integrata con erbe medicinali (foglia di mirtillo rosso, raccolta renale) o preparati pronti (cyston, kanefron).

    Consigliato molti liquidi, riposo a letto, dieta.

    Glomerulonefrite

    Che cos'è

    La glomerulonefrite è un'infiammazione immunitaria con una lesione predominante dell'apparato glomerulare di entrambi i reni. Può svilupparsi a qualsiasi età, ma la maggior parte prima dei 40 anni.

    Esistono varie forme morfologiche e cliniche di glomerulonefrite, tipi ovviamente che determinano la gravità e l'esito della malattia..

    Le ragioni

    Esistono 2 gruppi principali di motivi:

  • Immuno-infettivo (streptococco emolitico, pneumococco, stafilococco, virus)
  • Immune-non infettive (sieri, vaccini, etanolo, farmaci).

    Le tossine danneggiano la membrana basale dei capillari glomerulari, provocando la comparsa di autoantigeni. In risposta, vengono prodotti anticorpi anti-rene (IgG e IgM). In condizioni sfavorevoli per il corpo (ipotermia, trauma, stress), si forma una violenta reazione allergica (fusione dell'antigene con l'anticorpo). Di conseguenza, si formano complessi immunitari, che sono fissati nei glomeruli del rene e innescano una catena di infiammazione immunitaria.

    Sintomi

    Le manifestazioni più comuni di sindrome da edema, ipertensione e sindromi urinarie.

    I pazienti lamentano pesantezza nella parte bassa della schiena su entrambi i lati, mal di testa, febbre, diminuzione della quantità e del colore delle urine (rossastra, marrone, torbida), mancanza di respiro.

    L'edema si manifesta sul viso, al mattino, combinato con il pallore della pelle. La pressione aumenta in un intervallo moderato. I disturbi cardiovascolari e cerebrali sono abbastanza comuni. Come opzione estrema, insufficienza cardiovascolare, encefalopatia angiospastica.

    Diagnostica

    La diagnostica viene eseguita sulla base di reclami, ulteriori ricerche.

    • Negli esami delle urine: proteine, calchi, eritrociti, un piccolo numero di leucociti.
    • Nel sangue: diminuzione dell'emoglobina, aumento della VES, aumento del fibrinogeno, alfa2 e gamma globuline, acido sialico, proteina C-reattiva.

    All'ecografia, i reni non sono ingranditi, appare la variegatura della zona del parenchima (alternanza di aree dense e meno dense).

    La biopsia consente di confermare la diagnosi e determinare la forma morfologica della glomerulonefrite.

    Trattamento

    Il cardine del trattamento per la glomerulonefrite è la soppressione dell'infiammazione immunitaria. A tale scopo, vengono utilizzati:

    • Glucocorticoidi (prednisone)
    • Citostatici (ciclofosfamide, azatiopirina)
    • Immunosoppressori selettivi (tacrolimus).

    Per ridurre la fibrinolisi:

    • Anticoagulanti (eparina)
    • Agenti antipiastrinici (dipiridomolo).

    La terapia controllata dai sintomi include:

  • Farmaci antipertensivi (enalapril)
  • Diuretici (furosemide)
  • Statine (atomax)

    È necessario seguire una dieta (esclusione di cibi piccanti e salati), riposo a letto.

    Confronto tra pielonefrite e glomerulonefrite

    I criteri principali per distinguere tra due patologie renali sono:

  • La causa dell'infiammazione (pielonefrite, danno da infezione, glomerulonefrite, danno immunitario), rispettivamente, un diverso approccio alla terapia.
  • Coinvolgimento primario delle strutture renali nel processo doloroso (pielonefrite del sistema calice-pelvico, glomerulonefrite, apparato glomerulare)
  • Simmetria del processo (la pielonefrite è unilaterale, la glomerulonefrite è bilaterale)
  • La gravità della componente dolorosa (tipica della pielonefrite)
  • Patologia concomitante del sistema urinario (spesso riscontrata nella pielonefrite)
  • Proteine ​​ed eritrociti nelle urine (principalmente con glomerulonefrite)
  • Aumento della pressione (più spesso con glomerulonefrite)
  • Edema (con glomerulonefrite già nella fase iniziale)

    La somiglianza di entrambe le malattie è che con la progressione del processo, la funzione renale è compromessa e questo porta a un risultato di insufficienza renale..

    Glomerulonefrite e pielonefrite: somiglianze e differenze

    Tutte le malattie degli organi urinari causano molta sofferenza al paziente. La pielonefrite e la glomerulonefrite sono patologie urologiche abbastanza comuni. Entrambi questi disturbi si basano sul processo infiammatorio nei reni, tuttavia, la sua origine, la localizzazione della lesione e il regime di trattamento sono leggermente diversi..

    Pielonefrite e glomerulonefrite: definizione, cause, differenze nelle malattie

    La pielonefrite e la glomerulonefrite hanno un quadro clinico e sintomi simili. Per fare la diagnosi corretta, il medico curante deve conoscere tutte le caratteristiche generali di queste malattie renali e le loro caratteristiche distintive..

    Pielonefrite: origine e caratteristiche

    In urologia, la pielonefrite è una malattia infiammatoria del sistema renale pielocaliceale e del loro parenchima. Può sorgere indipendentemente o essere un risultato negativo di patologie a lungo esistenti degli organi escretori, che sono accompagnate da una violazione del passaggio dell'urina e dal suo ristagno nelle parti superiori del sistema urinario. Ad esempio, le malattie contro le quali esiste il rischio di pielonefrite sono:

    • urolitiasi (calcoli renali o vescicali);
    • adenoma prostatico (negli uomini);
    • lesioni infettive dell'area genitale femminile;
    • cistite cronica, ecc..

    Vi è una certa minaccia di sviluppo di pielonefrite nelle donne in gravidanza a causa della difficoltà di deflusso dell'urina a causa della compressione degli ureteri da parte dell'utero in crescita. Ma durante questo periodo della vita, si riscontra più spesso un'esacerbazione del tipo cronico di questa malattia, che in precedenza era nascosta e quindi non è stata diagnosticata in modo tempestivo.

    La pielonefrite è una delle malattie renali più comuni

    Durante l'infanzia, la pielonefrite può svilupparsi come complicanza di influenza, polmonite, tonsillite o infezioni respiratorie acute..

    L'infiammazione isolata del bacino è chiamata pielite..

    I microrganismi che causano l'infiammazione entrano negli organi urinari in due modi:

    1. Ascendente, quando l'agente infettivo ascende al rene attraverso l'uretere dalla vescica.
    2. Ematogeno, in cui il microbo patogeno viene trasferito lì con il flusso sanguigno attraverso i vasi da altri focolai di infiammazione nel corpo. Ad esempio, da ovaie malate, cavità orale o rinofaringe.

    L'infezione che causa la pielonefrite è di natura batterica

    La pielonefrite è acuta e cronica. Il primo di loro si manifesta violentemente. Un paziente con una forma acuta di infiammazione renale è disturbato da sintomi pronunciati:

    • alta temperatura (circa 40 ° C);
    • versando sudore;
    • agitazione fredda;
    • forte dolore alla schiena unilaterale o bilaterale sotto le costole;
    • bocca secca, sete;
    • nausea e vomito;
    • dolore muscolare.

    Nei test di laboratorio sulle urine, si trova un gran numero di microrganismi e leucociti.

    Con una natura cronica della malattia, la pielonefrite può essere asintomatica per molti anni. I suoi segni cancellati possono essere rilevati solo nei test delle urine. Solo a volte il paziente può avvertire un lieve dolore nella regione sopra-lombare. Si osservano spesso mal di testa e una temperatura leggermente elevata (circa 37-37,3 ° C). Di solito una persona scambia questi segni per una malattia respiratoria acuta..

    La pielonefrite cronica è caratterizzata da focolai di esacerbazioni e periodi di remissione. I primi manifestano gli stessi sintomi della forma acuta della malattia. Durante il secondo, il paziente si sente soddisfatto e non ha fretta di vedere un medico, perdendo così tempo prezioso. Dopotutto, se la pielonefrite cronica non inizia a guarire in tempo, il tessuto renale collasserà gradualmente sotto l'influenza di un processo infiammatorio prolungato. Di conseguenza, ci sarà una violazione della funzione escretoria degli organi urinari, che, in caso di lesione bilaterale, è irta di grave avvelenamento del corpo con scorie azotate.

    La trasformazione di un processo acuto in uno cronico si osserva nel 20-30% di tutti i casi di pielonefrite..

    Le cause della pielonefrite cronica spesso provengono dall'infanzia

    Video: un po 'sulla pielonefrite

    Glomerulonefrite: la lotta del corpo con se stesso

    A differenza della pielonefrite nella glomerulonefrite, il processo infiammatorio copre i vasi e le pareti dei soli glomeruli renali, chiamati glomeruli. Allo stesso tempo, i microrganismi entrano nell'organo in un altro modo indiretto. Dopo un contatto prolungato o ripetuto con un agente infettivo (ad esempio con qualsiasi virus), gli anticorpi che il corpo produce per proteggersi dalle malattie iniziano a combattere contro le cellule sane. I "bersagli" di questi anticorpi si trovano solitamente nei glomeruli. Quindi, una reazione allergica del corpo si risveglia. Un ruolo importante per il suo verificarsi appartiene alla predisposizione ereditaria di una persona.

    Glomerulonefrite - infiammazione dei glomeruli renali

    Il risultato di questa lotta è lo sviluppo nei glomeruli renali di un'infiammazione di natura allergica, che è la glomerulonefrite. Spesso, l'impulso al suo inizio è un'ipotermia acuta e grave del corpo o qualche altra condizione che ha causato una diminuzione dell'immunità. La glomerulonefrite colpisce principalmente le persone che spesso soffrono di infezioni del tratto respiratorio superiore da streptococco (tonsillite) o virali (influenza, infezioni respiratorie acute).

    Nella stragrande maggioranza dei casi, la glomerulonefrite è causata da frequenti malattie infettive.

    Secondo il decorso clinico, la glomerulonefrite, come la pielonefrite, è acuta e cronica. Sintomi tipici del primo:

    • alta pressione sanguigna arteriosa per questo paziente;
    • sindrome edematosa;
    • la comparsa di un'impurità di sangue nelle urine;
    • febbre;
    • battito cardiaco accelerato (tachicardia);
    • dispnea;
    • diminuzione della quantità di urina escreta;
    • mal di schiena;
    • anomalie nell'analisi delle urine.

    Qualsiasi sintomo di questa malattia può durare non più di un giorno. Ma vale la pena sapere che anche la forma più lieve di glomerulonefrite provoca molto rapidamente cambiamenti irreversibili nelle strutture renali..

    All'inizio della malattia, l'edema appare solo al mattino sulle palpebre. Di sera scompaiono. Con lo sviluppo del processo patologico nei reni, il gonfiore si diffonde a tutto il corpo e dura 15-20 giorni; poi, con un decorso benigno della malattia, scompare.

    L'edema è il principale sintomo clinico della glomerulonefrite

    La diuresi nella glomerulonefrite acuta è significativamente ridotta. Negli esami delle urine, un aumento anormale del numero di eritrociti e leucociti, presenza di proteine.

    La glomerulonefrite cronica è un processo infiammatorio lento e lungo che porta inevitabilmente alla morte dei glomeruli renali e all'insufficienza renale cronica (CRF). La malattia è spesso latente e in alcuni pazienti viene scoperta per caso durante un esame preventivo. È osservato in due fasi: esacerbazione e remissione. Durante il primo di essi, il quadro clinico della malattia è simile a quello nella sua forma acuta.

    Ogni volta, i sintomi della glomerulonefrite sono esacerbati dopo la successiva malattia infettiva trasferita di qualsiasi localizzazione.

    Video: come si manifesta la glomerulonefrite e cosa si può fare al riguardo

    Tabella: confronto dei segni di pielonefrite e glomerulonefrite

    SegniPielonefriteGlomerulonefrite
    Tipo di processo infiammatorioInfettivo o sviluppato dopo un danno meccanico al reneAllergico, autoimmune
    La posizione del focus dolorosoSistema cavo del rene o parenchimaGlomeruli (glomeruli dei reni)
    FlussoAcuto o cronico
    Simmetria della malattia renaleLa sconfitta unilaterale è più comuneEntrambi i reni si infiammano strettamente
    Lo stato del sistema della coppa pelvicaEspansa, la mucosa è ispessita e allentataNon cambiato
    DoloreIntensivoDebolmente espresso
    Aumento della pressione sanguignaQualche voltaSpesso
    EdemaAssentePresente, spesso significativo
    Difficoltà a urinarePossibileAssente
    CaloreCaratteristico nel periodo acutoPeriodicamente accade
    Diuresi quotidianaEntro limiti normaliRidotto

    Diagnosi di malattie (compreso differenziale)

    Per fare la diagnosi corretta, il medico esamina la storia del paziente, considera tutti i sintomi clinici. Ciascuna di queste patologie ha diversi segni specifici vividi sopra descritti..

    La glomerulonefrite può essere sospettata dalla presenza della stessa malattia in parenti stretti, una tendenza alle allergie. Con la pielonefrite si osservano spesso dolore e crampi durante la minzione, associati a un'urodinamica compromessa, che non si verifica mai con una seconda malattia.

    Sono in corso studi strumentali. Quindi, nella fase acuta di entrambi i processi infiammatori, l'immagine ecografica dei reni ha le sue caratteristiche.

    I principali segni ecografici di pielonefrite:

    • ingrandimento del rene in termini di dimensioni;
    • limitando il suo spostamento durante l'inspirazione e l'espirazione;
    • eterogeneità diffusa o focale del parenchima;
    • espansione e deformazione del complesso calice-bacino, tessitura a strati e ispessimento delle sue pareti.

    Nella pielonefrite il parenchima renale è ipoecogeno, diffusamente e focale eterogeneo; sistema calice-pelvico - in atonia

    Se la pielonefrite acuta è di natura purulenta ed è espressa da un ascesso carbonifero o renale, sull'ecografia è visibile un focus limitato ipoecogeno (scuro).

    I carbonchi renali sugli ecogrammi hanno la forma di una macchia scura limitata (indicata dalle frecce)

    Nella glomerulonefrite acuta su un'immagine ecografica, anche la dimensione dei reni è notevolmente aumentata, i loro contorni sono sfocati. L'ecogenicità del parenchima è notevolmente migliorata, il che lo fa sembrare leggero. Le piramidi renali sono chiaramente visibili sotto forma di macchie scure sullo sfondo.

    Nella fase di remissione della forma cronica, entrambe le malattie non hanno un'immagine ecografica specifica e sono difficili da differire dalla norma. Durante i periodi di esacerbazione, l'immagine dei reni corrisponde a quella del tipo acuto di patologia.

    Il quadro ecografico della glomerulonefrite cronica nella fase di esacerbazione differisce poco da quello della forma acuta della malattia

    Nei casi dubbi, viene eseguita una biopsia renale mirata con un esame istologico del campione di tessuto. Inoltre, l'analisi delle urine è di grande importanza. Con la pielonefrite, l'urina è torbida, con un odore sgradevole. L'infiammazione dei glomeruli è spesso accompagnata da una miscela di sangue in questo fluido biologico. La differenza diagnostica è un aumento del contenuto di leucociti (leucocituria) con pielonefrite ed eritrociti (ematuria) con glomerulonefrite. Quest'ultimo è anche caratterizzato dalla presenza di proteine ​​in esso (proteinuria).

    Tabella: differenze di laboratorio tra pielonefrite e glomerulonefrite

    SegniPielonefriteGlomerulonefrite
    LeucocituriaPronunciate: fino a 100 leucociti per campo visivoNon tipico
    Ematuria (sangue nelle urine)Non espressoPronunciata nella fase acuta della malattia
    BatteriuriaÈ caratteristicoNon visibile
    ProteinuriaAssente o leggermente espressoÈ caratteristico

    Caratteristiche del trattamento e loro differenze

    Il trattamento della pielonefrite acuta e della glomerulonefrite deve essere effettuato in un ospedale urologico. Il paziente ha bisogno di riposo completo, una dieta speciale e riposo a letto. È imperativo che venga prescritto un ciclo di farmaci antibatterici, selezionato tenendo conto del microbo patogeno trovato in questo paziente. La durata della terapia ospedaliera è di almeno tre o quattro settimane, dopodiché i pazienti continuano a essere curati a casa per un altro mese. Se le deviazioni dalla norma nei test delle urine persistono per un anno, ciò indica la transizione della malattia in una forma cronica. Ciò porta a una violazione del regime e delle tattiche di terapia prescritte dal medico..

    Le forme purulente di pielonefrite a volte richiedono un intervento chirurgico con la rimozione del tessuto renale necrotico e l'installazione di un apparato di drenaggio nel bacino.

    Con un'indubbia diagnosi di glomerulonefrite, al paziente vengono prescritti farmaci steroidei (Prednisolone) e farmaci antinfiammatori non steroidei (ibuprofene, indometacina) per sopprimere l'attività del sistema immunitario. Con il rapido sviluppo del processo, possono essere aggiunti citostatici (ciclofosfamide, clorambucile, ciclosporina). I dosaggi vengono selezionati individualmente per ciascun paziente. Con un aumento della pressione sanguigna e dell'edema, vengono prescritti antipertensivi (Captopril, Ramipril, Enalapril) e diuretici (Furosemide, Ipotiazide). È necessario eliminare i focolai di infezione nel corpo (denti cariati, tonsille, ecc.)

    Le esacerbazioni dell'infiammazione cronica dei reni sono trattate in modo simile al processo acuto. Nella fase del processo che si attenua, i pazienti devono seguire una dieta speciale, condurre corsi di fitoterapia con erbe medicinali. Cibi affumicati e piccanti, bevande alcoliche dovrebbero essere escluse dalla dieta e anche l'uso di acqua, sale e cibi proteici dovrebbe essere ridotto.

    Il trattamento completo della glomerulonefrite è impossibile senza l'aderenza al riposo a letto e alla dieta

    Si consiglia ai pazienti con malattia renale infiammatoria cronica di bere bevande alla frutta a base di mirtillo rosso, composte di mirtillo rosso e tè verde, che contribuiscono alla rapida igiene degli organi urinari.

    È necessario evitare il contatto con pazienti infettivi, duro lavoro fisico, esperienze neuropsichiche. Il rilevamento e il trattamento tempestivi di raffreddori, tonsilliti e altre infezioni da streptococco significano molto per la prevenzione delle recidive della glomerulonefrite.

    La minima attività fisica intensifica i sintomi di un processo infiammatorio acuto nei reni, quindi il paziente può alzarsi dal letto solo se assolutamente necessario

    Previsione

    La pielonefrite acuta e la glomerulonefrite, con diagnosi precoce e trattamento razionale prontamente iniziato, terminano con una guarigione completa. La lotta contro la loro forma cronica richiede persistenza e perseveranza da parte del paziente e del medico..

    Se un paziente si è rivolto a un istituto medico con una malattia avanzata, ci saranno poche speranze per un esito positivo. Il risultato finale di entrambi i processi infiammatori cronici con frequenti esacerbazioni, lasciati a se stessi, sarà la sostituzione costante del parenchima renale con tessuto connettivo e la sua atrofia. Progressiva insufficienza renale bilaterale con una violazione dell'equilibrio acido-base e idrico-elettrolitico nel corpo, l'accumulo di prodotti metabolici tossici costringe una persona a ricorrere alla purificazione del proprio sangue con l'aiuto di una macchina per emodialisi quasi ogni giorno. E se non si sottopone in tempo a un'operazione di trapianto di rene da donatore, dovrà affrontare un esito molto triste della malattia..

    L'infiammazione renale non trattata finirà inevitabilmente con l'insufficienza renale cronica, in cui la vita del paziente può essere salvata solo con una regolare emodialisi

    Un paziente con glomerulonefrite cronica dovrebbe osservare un regime parsimonioso per tutta la vita. I tipi di professioni associate a tali eventi sono controindicati per lui:

    • viaggi d'affari;
    • contatti con pesticidi;
    • esposizione prolungata al freddo;
    • orario di lavoro irregolare;
    • sollevamento e trasporto di pesi;
    • turni notturni.

    Ai primi segni di insufficienza renale, a una persona dovrebbe essere fornito un gruppo di disabilità appropriato.

    Sia la pielonefrite che la glomerulonefrite sono gravi malattie renali che portano a danni irreversibili ai sistemi e agli organi del corpo umano. A prima vista, sono molto simili nella sintomatologia, ma dopo uno studio dettagliato, si scopre che questi disturbi sono significativamente diversi l'uno dall'altro. La loro principale somiglianza è che, senza trattamento, portano ugualmente inevitabilmente all'insufficienza renale e alla morte del paziente. Per evitare queste tristi conseguenze, ogni persona che ha una predisposizione alla pielonefrite o alla glomerulonefrite dovrebbe essere estremamente attenta a se stessa. Ai primi sintomi allarmanti, è necessario contattare un istituto medico per la diagnosi e l'inizio precoce del trattamento.

    Tabella comparativa pielonefrite e glomerulonefrite

    Pielonefrite e glomerulonefrite: differenze, tabella comparativa dei sintomi

    Queste due malattie, prima di tutto, differiscono nella localizzazione della lesione. Con la glomerulonefrite, i più piccoli elementi strutturali del tessuto renale soffrono: i glomeruli formati da una rete capillare densamente ramificata. Nel caso della pielonefrite, il processo coinvolge il parenchima renale, nonché le sezioni finali del sistema urinario: il bacino e il calice.

    La differenza tra glomerulonefrite e pielonefrite riguarda anche l'eziologia e i meccanismi patologici coinvolti nel processo. Entrambe le malattie sono causate da vari agenti patogeni..

    Nella pielonefrite, la fonte dell'infezione sono più spesso gli organi interni, dai quali l'agente patogeno viene trasferito ai reni con il flusso sanguigno. La glomerulonefrite nella maggior parte dei casi si sviluppa sullo sfondo dell'angina causata dallo streptococco.

    Gli anticorpi risultanti iniziano ad attaccare i nefroni, innescando il processo autoimmune.

    All'inizio dello sviluppo, entrambe le malattie hanno sintomi simili: dolori di varia intensità nella regione lombare. Ma man mano che la patologia progredisce, altri, specifici per ogni caso, si uniscono ai segni della malattia.

    La pielonefrite è accompagnata da mal di testa, disturbi digestivi, disagio nell'addome inferiore, manifestazioni di coinvolgimento nel processo infiammatorio della vescica.

    Con la glomerulonefrite, l'edema appare sul viso, particolarmente pronunciato al mattino intorno agli occhi, la pressione sanguigna inizia a salire.

    La tabella comparativa ti aiuterà a capire le somiglianze e le differenze tra pielonefrite e glomerulonefrite.

    Pielonefrite Glomerulonefrite
    Livello di sconfittaParenchima dei reni, calice, bacinoGlomeruli renali - nefroni
    Attaccamento del meccanismo autoimmuneNonc'è
    Insorgenza della malattiaAcuto, accompagnato da un aumento della temperaturaGraduale
    Corso di patologiaForma acutaForma cronica
    Processo di propagazioneIrregolare, più spesso viene colpito un rene. Il secondo può essere parzialmente coinvolto nel processoSviluppo simmetrico su entrambi i reni
    MinzioneLa necessità di svuotare frequentemente la vescica. È accompagnato da dolore. Falsi impulsiRidurre la frequenza delle visite ai servizi igienici e la quantità di urina escreta
    EdemaAssentePrevalentemente presente sul viso e sulle palpebre
    Disturbi dell'apparato digerenteDisturbi delle feci, nausea, vomito, perdita di appetitoSenza funzionalità
    Pressione arteriosaEntro limiti normaliAumenta durante l'intero periodo della malattia

    Inoltre, la diagnostica di laboratorio aiuta a distinguere la pielonefrite e la glomerulonefrite l'una dall'altra, il che determina deviazioni specifiche nelle analisi..

    Ai primi segni dello sviluppo della patologia renale, è necessario consultare immediatamente un medico per fare una diagnosi accurata e ricevere un trattamento specifico. Un tentativo di diagnosticare te stesso e prescrivere un trattamento porterà al rapido sviluppo di gravi complicazioni.

    Diagnostica

    Per determinare il livello di danno al tessuto renale e fare la diagnosi corretta, sono necessari ulteriori studi di laboratorio e strumentali. Il medico prescrive:

    • Analisi del sangue generale. In presenza di un processo infiammatorio, ci saranno maggiori indicatori del contenuto di leucociti e della velocità di sedimentazione degli eritrociti.
    • Analisi del sangue biochimica. Un aumento della creatinina e dell'urea indica la presenza di glomerulonefrite. Se allo stesso tempo si riducono le velocità di filtrazione glomerulare, si tratta di sviluppare un'insufficienza renale. Inoltre, se i glomeruli sono danneggiati nel sangue, il contenuto di albumina e proteine ​​totali sarà ridotto..
    • Analisi generale delle urine. In entrambi i casi, verrà rilevato un gran numero di globuli bianchi e rossi. La presenza di composti proteici nel fluido biologico indicherà un danno al sistema glomerulare. L'infiammazione del parenchima dell'organo non è accompagnata dalla comparsa di proteine ​​nelle urine.
    • Cultura delle urine per rilevare la microflora patogena e determinare la sua sensibilità agli antibiotici.
    • Studio immunologico del siero del sangue.Il processo infiammatorio nei nefroni sarà accompagnato da un aumento degli immunocomplessi circolanti, immunoglobulina A.
    • Procedura ad ultrasuoni. Con la glomerulonefrite, non ci saranno cambiamenti speciali nella struttura del tessuto renale. A volte può essere determinata la sfocatura del confine tra la corteccia e il midollo dei reni. La pielonefrite si manifesterà come una deformazione delle coppe e del bacino, ispessimento e diminuzione della densità delle mucose.

    In casi difficili, è possibile eseguire la risonanza magnetica o computerizzata, l'urografia, la scintigrafia e la biopsia renale.

    Foto dal sito laakarilehti.fi

    La diagnosi differenziale viene eseguita anche con malattie come l'amiloidosi renale, la glomerulonefrosi diabetica, la salmonellosi.

    Somiglianze e differenze di trattamento

    In caso di pielonefrite grave e glomerulonefrite, è prescritto il riposo a letto. Inoltre, il paziente deve aderire alla dieta "tabella numero 7". Allo stesso tempo, l'uso di prodotti contenenti sale da cucina, marinate e cibi affumicati e fritti è limitato..

    In entrambi i casi, la terapia prevede la nomina di farmaci antibatterici. Per questo vengono utilizzati antibiotici ad ampio spettro..

    Si tratta di farmaci appartenenti ai seguenti gruppi:

    • antibiotici: carbencillina, azlocillina, ceftriaxone;
    • antisettici urologici - Ofloxacina, Sparfloxacina.

    Ma la nomina di altri gruppi di farmaci per il trattamento della pielonefrite e della glomerulonefrite è diversa. Se vengono utilizzati farmaci non steroidei per alleviare l'infiammazione nel trattamento della prima malattia - paracetamolo, ibuprofene, quindi per eliminare il processo nei glomeruli renali, sono già necessari farmaci steroidei - idrocortisone, desametasone, prednisolone.

    Inoltre, con la glomerulonefrite, è necessario normalizzare il flusso sanguigno nei nefroni. Per questo, vengono utilizzati farmaci che riducono la coagulazione del sangue: eparina, Curantil e altri..

    Nel caso della pielonefrite, la microflora patogena nel processo della vita produce una grande quantità di sostanze tossiche. Pertanto, per ridurre i fenomeni di intossicazione, viene prescritta la terapia infusionale: somministrazione endovenosa di soluzione salina o glucosio. Con la glomerulonefrite, al contrario, l'infusione di una grande quantità di liquido porterà ad un peggioramento delle condizioni del paziente e allo sviluppo di complicanze.

    Poiché l'infiammazione dei glomeruli renali è sempre accompagnata da un aumento della pressione sanguigna, i farmaci antipertensivi vengono utilizzati come trattamento sintomatico: Ramipril, Enalapril e altri. Inoltre, con la glomerulonefrite vengono prescritti agenti immunomodulatori.

    Le malattie vengono trattate con un metodo complesso. Solo un medico può prescrivere una combinazione efficace di farmaci in base alle caratteristiche individuali del paziente e della patologia.

    Prevenzione

    La prevenzione della pielonefrite e della glomerulonefrite consiste nell'eliminare tutti i fattori che provocano la malattia e rafforzare le difese dell'organismo. Per fare ciò, devi seguire le raccomandazioni dei medici:

    • trattare tempestivamente le malattie infettive, compreso il sistema genito-urinario;
    • evitare di mangiare cibi salati, affumicati, fritti e in salamoia, escludere fast food, bevande dolci gassate e alcoliche;
    • proteggere l'area dei reni e della piccola pelvi dall'ipotermia;
    • condurre procedure igieniche quotidiane, osservare l'igiene intima;
    • includere costantemente nella vostra dieta verdure, frutta fresca e verdura in quantità sufficienti;
    • visitare regolarmente la clinica per esami preventivi.

    Sebbene la pielonefrite e la glomerulonefrite sembrino malattie simili, in realtà sono due malattie diverse, che differiscono per il livello di danno renale, il meccanismo del processo patologico e le sue manifestazioni..

    Pertanto, il trattamento presenta anche differenze significative. Per evitare gravi complicazioni, ai primi segni di compromissione della funzionalità renale, è necessario consultare un medico.

    Lo specialista farà una diagnosi accurata e prescriverà il trattamento appropriato.

    Irina Ramazanova, terapista,
    appositamente per Nefrologiya.pro

    sulla pielonefrite

    Elenco delle fonti:

    • Ashcheulova T.V., Kovaleva O.N., Latoguz Yu.I. I principali sintomi e sindromi nelle malattie renali: glomerulonefrite acuta e cronica e pielonefrite. Kharkiv: KhNMU, 2016.
    • Polyakova E. Cosa devi sapere sulla salute. Pielonefrite, glomerulonefrite. Nizhny Novgorod: "Sylog", 2012.
    • Popova Yu Malattie dei reni e della vescica urinaria. SPb.: "Krylov", 2008.

    Glomerulonefrite e pielonefrite: differenze e tabella di confronto

    Qualsiasi malattia associata alla patologia renale è un test piuttosto serio per la salute umana, poiché svolgono molte funzioni importanti nel corpo..

    Oltre al fatto che i reni sono responsabili della normale escrezione di urina, prendono parte ai processi del metabolismo dell'acqua e dei minerali, controllano il volume di sangue che circola nel corpo e il livello di pressione sanguigna.

    Grazie all'ormone eritropoietina, l'emopoiesi viene stimolata. Anche l'attivazione della vitamina D non può passare completamente senza il coinvolgimento dei reni in questo processo..

    Tra le cause di morbilità nella popolazione, i disturbi renali occupano uno dei primi posti. Le malattie più comuni sono la glomerulonefrite e la pielonefrite, quindi, secondo le statistiche, una persona su cinque soffre di manifestazioni di questi disturbi renali. Inoltre, il tasso di incidenza delle donne è 6 volte superiore a quello degli uomini.

    L'infiammazione è alla base di entrambi i disturbi, quindi è molto importante essere in grado di distinguere una malattia dall'altra. A volte questo è molto difficile, poiché i sintomi delle malattie sono abbastanza simili. Inoltre, ci sono momenti in cui un disturbo si trasforma in un altro..

    Caratteristiche generali e distintive delle malattie

    Se il processo infiammatorio si verifica nel tessuto intermedio, così come nel sistema di tubuli e vasi renali, allora in questo caso possiamo dire che il paziente ha la pielonefrite. A poco a poco, i fenomeni patologici si sono diffusi al calice e alla pelvi renale.

    Questa è la principale caratteristica distintiva della pielonefrite, in contrasto con la glomerulonefrite. L'infiammazione si sviluppa molto rapidamente. L'agente eziologico della malattia può entrare nel flusso sanguigno o come conseguenza dell'infezione del sistema genito-urinario del paziente.

    La malattia può essere primaria o secondaria.

    A causa del fatto che la pielonefrite colpisce i tubuli escretori dei reni, il processo di escrezione delle urine è compromesso. L'ulteriore sviluppo e l'esacerbazione della malattia si verificano a causa della presenza di calcoli, alterato deflusso di urina e spasmi.

    Abbastanza spesso, la malattia è causata da E. coli. Il gruppo di rischio comprende uomini con adenoma prostatico complicato e donne con cistite prolungata.

    La tabella sottostante indica le principali caratteristiche che possono distinguere la malattia renale (Tabella 1).

    Con la glomerulonefrite, il processo infiammatorio si verifica nei glomeruli renali, che si basano su una rete capillare circondata da una capsula specifica. Molto spesso, questo disturbo viene diagnosticato in pazienti con tonsillite frequente, infezioni respiratorie acute. Inoltre, i vasi dei reni possono essere influenzati dall'azione delle basse temperature, da un sistema immunitario indebolito, dalla presenza di reazioni allergiche.

    Sintomi

    La pielonefrite e la glomerulonefrite hanno sintomi comuni:

    • appetito ridotto o assente;
    • sensazione di debolezza, letargia, apatia, mancanza di forza;
    • lieve febbre con glomerulonefrite, nonché temperatura corporea entro valori superiori a 38 gradi con pielonefrite;
    • l'ematuria con pielonefrite è causata da un trauma alla mucosa delle vie urinarie con una pietra e con la glomerulonefrite - dalla comparsa di una maggiore permeabilità vascolare;
    • il dolore lombare con glomerulonefrite è leggermente espresso e con pielonefrite ha il carattere di colica renale.

    Tabella 1 - Tabella delle differenze tra pielonefrite e glomerulonefrite

    Caratteristiche distintive delle malattie Pyelonephritis Glomerulonephritis
    Insorgenza della malattiaSintomi improvvisi e rapidi, presenza di febbreGraduali, i sintomi di infiammazione acuta non sono tipici
    Problemi urinariIl processo di minzione è accompagnato da intense sensazioni doloroseI disturbi disurici non sono tipici
    EdemaAssentePresente
    Granularità tossica dei neutrofiliPresenteÈ assente
    Acidità delle urineAlcalinoAcida o neutra
    Indicatori a ultrasuoniÈ possibile identificare il bacino e il calice dilatatiIl sistema bacino-bacino senza disturbi
    Simmetria della malattiaUn rene è più spesso colpitoEntrambi i reni sono colpiti
    Problemi gastrointestinali, costipazionePresenteAssente
    Respiro affannoso nei polmoniPresenteAssente
    DispneaPresenteÈ assente
    Disordini mentaliPresenteAssente

    Cause di malattie

    La causa principale che causa la comparsa della malattia sono i microrganismi patogeni che penetrano nel rene. Nella metà di tutte le malattie, l'agente eziologico della malattia è E. coli. Inoltre, l'insorgenza di pielonefrite è provocata da Proteus, Pseudomonas aeruginosa, streptococchi, stafilococchi, virus e funghi. Nella maggior parte dei casi, la malattia è causata da una combinazione di microrganismi.

    Gli agenti causali della malattia possono entrare nel rene per via ematogena o urinogena. Tuttavia, affinché l'infezione inizi la sua ulteriore diffusione. È necessaria l'influenza di fattori aggiuntivi. In generale, un inizio acuto della malattia può essere causato da:

    • la presenza di E. coli nella regione perineale, dovuta a disbiosi o disbiosi vaginale;
    • interruzione ormonale;
    • un alto livello di acidità dell'ambiente vaginale durante la menopausa, che si verifica a causa di livelli insufficienti di estrogeni nel corpo delle donne;
    • aumento dell'attività della vita intima e frequenti cambi di partner sessuali;
    • urolitiasi;
    • vescica neurogena;
    • l'azione delle basse temperature;
    • gravidanza;
    • diabete mellito;
    • raffreddori;
    • ipovitaminosi e superlavoro.

    Caratteristiche delle malattie nei bambini

    A volte è abbastanza difficile identificare in modo indipendente i segni di disturbi renali nei bambini. Pertanto, si dovrebbe essere consapevoli di come procede la glomerulonefrite nei bambini, nonché delle caratteristiche principali di un altro disturbo renale: la pielonefrite. Anche con un leggero sospetto di patologia renale in un bambino, è necessario cercare un aiuto medico specializzato il prima possibile..

    Meccanismo di sviluppo

    I bambini spesso soffrono di glomerulonefrite. In termini di morbilità tra le patologie renali, questo disturbo è al secondo posto dopo la pielonefrite..

    La glomerulonefrite è più tipica per i bambini dai 3 ai 10 anni a causa della reattività del sistema immunitario, nonché della possibilità di produrre un numero significativo di anticorpi, in particolare autoimmuni.

    I neonati ei bambini di età inferiore a 3 anni soffrono di glomerulonefrite estremamente raramente, ma in caso di questa malattia, si verifica con una complicazione sotto forma di insufficienza renale acuta.

    Gli agenti causali più comuni della malattia sono:

    • streptococco;
    • virus dell'herpes;
    • reazioni allergiche;
    • basse temperature.

    I bambini sono caratterizzati da:

    • il periodo di incubazione è di una o due settimane;
    • l'esordio è acuto, improvviso con evidenti manifestazioni cliniche di intossicazione (febbre, forte mal di testa, nausea, voglia di vomitare) e sindrome nefrosica (gonfiore delle palpebre superiori e del viso, l'urina acquisisce il colore dei residui di carne, la sua quantità prima aumenta e poi diminuisce;
    • come complicanze, è possibile lo sviluppo di insufficienza renale acuta, così come l'eclampsia renale;
    • il passaggio a una forma cronica avviene solo nel 15% di tutti i casi. Negli adulti, questa cifra è di circa il 50%.

    Varietà e sintomi

    La morbilità frequente nei bambini è dovuta al fatto che le sostanze antimicrobiche sono completamente assenti nei loro bambini. Inoltre, i bambini in età prescolare non sono ancora in grado di svuotare completamente la vescica. Inoltre, la malattia può essere causata da disturbi digestivi (disbiosi, diarrea, costipazione). Inoltre, il fattore ereditario è molto importante..

    Esistono i seguenti tipi di malattie nei bambini:

    • ostruttiva, la cui caratteristica principale è la difficoltà nel deflusso dell'urina dovuta alla presenza di un'ostruzione sotto forma di calcoli o caratteristiche congenite;
    • con pielonefrite non ostruttiva, non ci sono ostacoli al pieno deflusso delle urine, il processo infiammatorio è causato da disturbi metabolici e ridotta immunità;
    • la pielonefrite primaria compare per una ragione sconosciuta;
    • il secondario ha una causa chiaramente stabilita della malattia, che può essere un fattore di ereditarietà, infezioni croniche, urolitiasi);
    • La pielonefrite cronica viene diagnosticata quando i sintomi persistono per un anno o più.

    I sintomi della malattia si verificano in modo brusco e rapido con la presenza di segni caratteristici:

    • febbre fino a 40 gradi;
    • c'è una sensazione di debolezza, debolezza, affaticamento, vertigini, cattivo umore;
    • l'urina diventa torbida;
    • dolore sordo nella parte bassa della schiena;
    • la minzione è compromessa.

    Dopo che il corso del trattamento è stato completato, è necessario attendere circa 6 mesi per essere sicuri che la malattia sia guarita..

    Poiché anche dopo il recupero, una piccola quantità di sostanze nocive può rimanere nei reni, il che può provocare lo sviluppo di un'infezione secondaria ed esacerbazioni. La ragione di ciò potrebbe essere la presenza di tonsillite cronica, infezioni degli organi genitali e urinari, denti.

    Metodi diagnostici

    Le misure diagnostiche per la glomerulonefrite iniziano con un sondaggio del paziente, che viene effettuato al fine di chiarire i principali reclami. Quindi il medico esamina il paziente..

    Particolare attenzione è rivolta al gonfiore del viso, ai segni di infezione della pelle o delle tonsille con streptococco sotto forma di erisipela o tonsillite. Toccando la regione lombare provoca dolore al paziente.

    La pressione sanguigna è leggermente superiore al normale, la frequenza cardiaca è rapida.

    Di solito, una stretta anamnesi consente già di stabilire una diagnosi preliminare. Ma per una diagnosi più accurata, è necessario eseguire alcuni test di laboratorio:

    1. Quando si esegue un esame del sangue generale, verranno rilevati segni di infiammazione, sotto forma di leucocitosi e ESR accelerata.
    2. Un esame del sangue biochimico indicherà il livello di urea e creatinina, che sono più alti del normale.
    3. I risultati dell'analisi delle urine indicheranno una maggiore quantità di proteine ​​nelle urine (normalmente dovrebbe essere assente), così come l'ematuria (la norma del contenuto di eritrociti non è superiore a 1000 in 1 ml).
    4. L'ecografia può rivelare un aumento delle dimensioni del rene, ma questo non è un segno diagnostico affidabile.

    La diagnosi tempestiva della glomerulonefrite è estremamente importante per la prevenzione della forma cronica della malattia e per la prevenzione delle complicanze. Ogni quinto caso termina con la transizione della malattia in una forma cronica.

    Allo stesso tempo, i sintomi della malattia sono piuttosto deboli. È per questo motivo che la diagnosi di glomerulonefrite è difficile. La terapia iniziata in modo inopportuno può portare al restringimento del rene, alla progressiva distruzione dei glomeruli e all'insufficienza renale. Nei casi più gravi può essere necessario un trapianto di rene.

    Una caratteristica distintiva caratteristica della pielonefrite è che in presenza di questa malattia, l'escrezione urinaria è compromessa, a causa di tubuli escretori danneggiati dei reni. La causa del processo infiammatorio è la moltiplicazione di agenti patogeni nei tessuti dei reni..

    La diagnosi è per molti versi simile a quella della glomerulonefrite:

    • Dopo aver preso la storia e aver esaminato il paziente, vengono eseguiti test di laboratorio.
    • Un esame del sangue generale indicherà la presenza di un processo infiammatorio: un numero maggiore di leucociti e una VES accelerata.
    • Durante l'analisi delle urine, verrà rilevato un aumento del numero di leucociti nelle urine (la norma non è superiore a 4000 per 1 ml di urina).
    • Un'ecografia indicherà un aumento delle dimensioni dei reni e della loro mobilità. Le pareti dei calici e del bacino sono ispessite. A volte l'urolitiasi si riscontra durante l'esame ecografico.

    Le malattie della pielonefrite e della glomerulonefrite sono molto simili nelle manifestazioni e nello sviluppo, ma questo è solo a prima vista. A un esame più attento, le loro differenze diventano evidenti. È molto importante essere in grado di distinguerli, poiché la scelta delle tattiche per un ulteriore trattamento, e quindi il recupero, dipende direttamente da questo..

    Faccelo sapere - votalo Caricamento in corso...

    Differenza tra pielonefrite e glomerulonefrite: diagnosi differenziale delle malattie

    La glomerulonefrite e la pielonefrite sono malattie renali.

    Con un trattamento prematuro e selezionato in modo errato, possono portare a insufficienza d'organo funzionale.

    Qual è la differenza nel quadro clinico, nella diagnosi e nel trattamento delle malattie?

    Cause e sintomi della glomerulonefrite

    La glomerulonefrite è un processo immuno-infiammatorio che si verifica nell'apparato glomerulare dei reni.

    La malattia si verifica più spesso dopo un'infezione da streptococco. Ciò è dovuto alla somiglianza degli antigeni dello streptococco e del tessuto renale.

    Gli anticorpi prodotti dal sistema immunitario hanno lo scopo di combattere non solo il microrganismo. Il complesso antigene-anticorpo si deposita sulla membrana basale dei glomeruli renali, il che porta all'interruzione della microcircolazione e della funzione degli organi.

    La glomerulonefrite può anche essere provocata da:

    • virus;
    • invasione di parassiti;
    • fungo;
    • allergeni (cibo, famiglia);
    • medicinali (antibatterici, sulfonamidi);
    • sieri e vaccini.

    Il quadro clinico si sviluppa da due a quattro settimane dopo la tonsillite streptococcica o altri fattori provocatori. Questo periodo di tempo è associato alla formazione e all'accumulo di immunocomplessi..

    La malattia può essere latente e manifestarsi accidentalmente durante gli esami preventivi o avere un inizio violento.

    I sintomi della glomerulonefrite includono:

    • dolore nella regione lombare;
    • scolorimento delle urine (diventa un colore arrugginito);
    • edema, più pronunciato al mattino, principalmente sul viso;
    • aumento della pressione sanguigna;
    • una piccola quantità di urina escreta.

    Tipi e classificazione

    Sono presenti glomerulonefrite acuta, subacuta (extracapillare, rapidamente progressiva, maligna) e cronica (della durata di oltre un anno).

    In base al volume del danno renale, la malattia è divisa in focale e diffusa.

    Quest'ultimo è un segno diagnostico sfavorevole, poiché porta a una forma maligna del decorso e della patologia e contribuisce al rapido sviluppo dell'insufficienza renale..

    La natura del decorso può essere ciclica, manifestata da un quadro clinico violento con sviluppo di edema renale, ipertensione arteriosa, scolorimento delle urine o latente.

    Con un decorso latente, i cambiamenti si osservano solo nell'analisi generale delle urine, quindi i pazienti non cercano aiuto medico e la glomerulonefrite acuta diventa cronica.

    Eziologia e quadro clinico della pielonefrite

    La pielonefrite è una malattia infiammatoria delle strutture calice-pelviche dei reni con la partecipazione di microrganismi. La malattia può colpire il rene destro, sinistro o entrambi. I fattori provocatori della pielonefrite includono:

    • ipotermia frequente;
    • la presenza nel corpo di un focolaio di infiammazione cronica;
    • caratteristiche anatomiche dei reni;
    • diabete;
    • immunodeficienza;
    • malattia da urolitiasi;
    • adenoma prostatico negli uomini.

    I microrganismi patogeni possono entrare nei reni ascendendo, così come con il flusso di sangue e linfa. Il percorso ascendente si trova in presenza di infiammazioni negli ureteri, vescica, uretra.

    Nelle donne, l'uretra è più corta e più larga che negli uomini, quindi l'uretrite e la cistite sono più comuni in esse.

    I microrganismi si diffondono in tutto il corpo da un altro punto focale del processo infettivo con sangue e linfa.

    I sintomi della pielonefrite includono:

    • intossicazione del corpo (temperatura corporea 38-40 C, sensazione di debolezza, affaticamento, brividi);
    • dolore lombare, può essere localizzato sia a destra che a sinistra, dipende dal lato della lesione, la sindrome del dolore può spostarsi all'inguine;
    • urina torbida con un odore pungente offensivo.

    Forme e tipi

    La pielonefrite è divisa in acuta e cronica. Acuto ha un inizio improvviso, un quadro clinico violento. Con la giusta terapia, il paziente si riprende completamente.

    La pielonefrite cronica è un processo infiammatorio batterico lento con esacerbazioni periodiche. Successivamente, il tessuto renale si indurisce gradualmente, il che porta a insufficienza renale.

    La malattia può colpire uno o due reni..

    Diagnosi differenziale

    Per condurre una diagnosi differenziale di pielonefrite e glomerulonefrite, i reclami del paziente vengono chiariti, viene presa l'anamnesi, viene eseguito un esame, metodi di ricerca di laboratorio-strumentali e morfologici.

    Ricerca sulla glomerulonefrite

    Tonsillite recentemente sofferta, vaccinazioni, malattie allergiche, la presenza della malattia in parenti stretti testimonia a favore della glomerulonefrite.

    Con la glomerulonefrite, entrambi i reni sono interessati, quindi la sindrome del dolore è espressa uniformemente su entrambi i lati. Poiché i glomeruli vascolari sono danneggiati, il paziente nota un cambiamento nel colore dell'urina da rosa a rugginoso..

    Nell'analisi generale delle urine, si osservano i seguenti cambiamenti:

    • ematuria (eritrociti nelle urine, normalmente assenti);
    • proteinuria (proteine ​​nelle urine);
    • diminuzione della densità delle urine (diminuzione della concentrazione dei reni).

    L'esame ecografico, la tomografia computerizzata e la risonanza magnetica per immagini rivelano cambiamenti nel parenchima renale.

    La diagnosi può essere effettuata in modo affidabile solo dopo uno studio morfologico. In questo caso, viene eseguita una biopsia del rene (un frammento di tessuto d'organo) e vengono esaminati la sua corteccia e il midollo. Sulla base di questo studio, puoi fare una prognosi della malattia.

    Studio della pielonefrite

    Poiché la pielonefrite colpisce spesso un rene, la sindrome del dolore è chiaramente localizzata a destra oa sinistra. La malattia è accompagnata da una massiccia intossicazione del corpo (febbre).

    L'urina diventa torbida, ha un odore maleodorante a causa della presenza di batteri in essa.

    L'analisi generale delle urine contiene leucociti, batteriuria (un gran numero di microrganismi).

    L'ecografia dei reni mostra l'espansione del sistema calice-bacino.

    Nella pielonefrite cronica con frequenti esacerbazioni, si sviluppa gradualmente un'insufficienza renale.

    Differenze tra pielonefrite e glomerulonefrite

    CartelloPielonefriteGlomerulonefrite
    Danno ai reniPiù spesso unilateraleSempre a doppio senso
    SintomiFebbre, urine torbide con un forte odore offensivo, lombalgiaGonfiore sul viso, principalmente al mattino, un cambiamento nel colore delle urine da rosato a rosso
    Analisi generale delle urineUrina torbida con molti globuli bianchi e batteriGlobuli rossi e proteine ​​nelle urine

    Il trattamento principale per la glomerulonefrite

    Con una diagnosi accertata di glomerulonefrite, i glucocorticosteroidi sono prescritti per sopprimere il sistema immunitario e ridurre la formazione di complessi antigene-anticorpo.

    Con un processo in rapida evoluzione, i farmaci citostatici possono essere aggiunti agli steroidi.

    Le dosi sono selezionate individualmente. Le medicine hanno molti effetti collaterali, quindi il trattamento viene effettuato sotto la stretta supervisione di un medico..

    I glucocorticosteroidi vengono sospesi gradualmente, poiché altrimenti può essere causata un'insufficienza surrenalica acuta.

    Di grande importanza è l'aderenza del paziente a una dieta che preveda la limitazione dell'assunzione di proteine ​​e sale..

    I cibi piccanti, affumicati e in scatola sono completamente esclusi. Viene mantenuto un registro rigoroso della quantità di liquido consumato ed emesso.

    In presenza di ipertensione e sindrome dell'edema, vengono prescritti farmaci antipertensivi e diuretici. È in corso la prevenzione dei coaguli di sangue (clopidogrel). La pentossifillina è prescritta per migliorare la microcircolazione.

    In alcuni casi (glomerulonefrite a rapida progressione), può essere necessaria l'emodialisi, che viene eseguita con un rene "artificiale".

    Terapia della pielonefrite

    In caso di acuta e di esacerbazione della pielonefrite cronica, i farmaci antibatterici sono obbligatori.

    Al paziente viene assegnata una dieta. Si consiglia un uso abbondante di bevande alla frutta non concentrate a base di mirtillo rosso, mirtillo rosso e tè. Ciò contribuisce alla rapida sanificazione del focolaio dell'infezione..

    Il trattamento della pielonefrite cronica nella fase di remissione ha lo scopo di prevenire le esacerbazioni della malattia (prevenzione dell'ipotermia, rafforzamento del sistema immunitario).

    Prevenzione delle malattie

    La prevenzione della pielonefrite e della glomerulonefrite include:

    • mantenere uno stile di vita sano (attività fisica moderata, alimentazione sana, indurimento);
    • evitare l'ipotermia del corpo;
    • trattamento tempestivo delle malattie infettive;
    • riparazione di focolai cronici di infezione;
    • esami preventivi annuali.

    Prognosi di recupero

    La glomerulo e la pielonefrite acuta, con diagnosi tempestiva e trattamento corretto, portano al completo recupero del paziente.

    La forma subacuta della glomerulonefrite è maligna, richiede la nomina di citostatici, è difficile da trattare e porta a insufficienza renale.

    Nella pielo- e glomerulonefrite cronica, la prevenzione delle esacerbazioni della malattia è importante. Più spesso si verificano esacerbazioni, più i reni sono colpiti..

    Con frequenti esacerbazioni, il parenchima renale viene sostituito dal tessuto connettivo. Pertanto, l'organo non può svolgere la sua funzione, si sviluppa un'insufficienza renale..

    La mancanza di funzionalità renale progredisce costantemente, quindi il trattamento prevede l'emodialisi e il trapianto di rene.

    Consiglia altri articoli correlati

    Pyelonephritis e glomerulonephritis: differenze tra malattie e un tavolo

    Le patologie renali più comuni sono urolitiasi, nefropatia, pielonefrite, glomerulonefrite. Le ultime due malattie hanno nomi consonanti, il che porta a confusione tra i due termini, soprattutto nelle persone con una mancanza di conoscenze mediche.

    Queste malattie hanno una cosa in comune: si tratta di malattie infiammatorie e l'attenzione patologica è nei reni. Inoltre ci sono differenze, a partire dalla natura dell'infiammazione e dalla sua localizzazione negli organi escretori, alle principali manifestazioni e alla prognosi per il recupero..

    Dopo aver letto l'articolo, scoprirai come si manifestano queste patologie e come differiscono.

    Glomerulonefrite: una breve descrizione della malattia

    Nella glomerulonefrite, l'infiammazione si verifica nello strato midollare (midollare) dei reni, dove si trovano le principali formazioni renali funzionali: i glomeruli

    Con la glomerulonefrite, l'infiammazione si verifica nello strato midollare (midollare) dei reni, dove si trovano le principali formazioni renali funzionali: i glomeruli, sono anche glomeruli, in cui avvengono i principali processi di filtrazione del siero sanguigno con formazione di urina. Il coinvolgimento del tessuto renale funzionale (parenchima) nel processo infiammatorio porta al principale pericolo rappresentato dalla glomerulonefrite: lo sviluppo dell'insufficienza degli organi escretori.

    Oltre alla caratteristica localizzazione del processo patologico, questa malattia ha una natura specifica di infiammazione, che non è una conseguenza dell'attività vitale di microrganismi, lesioni e altre lesioni.

    Nella glomerulonefrite, l'infiammazione è causata da fattori autoimmuni - in altre parole, il tessuto renale è influenzato da immunocomplessi atipici che entrano nel midollo dei reni dal sangue.

    Normalmente, le formazioni immunitarie sono progettate per combattere sostanze estranee e microrganismi (virus, batteri), ma in alcune circostanze gli anticorpi (immunoglobuline) iniziano a danneggiare i tessuti del proprio corpo.

    Il meccanismo autoimmune del danno tissutale con il successivo sviluppo di infiammazione asettica è inerente non solo alla glomerulonefrite. Una patogenesi simile nella maggior parte delle malattie sistemiche del tessuto connettivo (LES, reumatismi, artrite reumatoide, sclerodermia, ecc.). I processi infiammatori causati da un attacco autoimmune hanno molte caratteristiche in comune, come ad esempio:

    • corso lento e prolungato;
    • non diffondersi a organi e tessuti adiacenti;
    • la predominanza della proliferazione (crescita) dei tessuti infiammati;
    • in caso di infiammazione, perdita di funzionalità dei tessuti.

    Tutti questi segni sono inerenti all'infiammazione del parenchima renale nella glomerulonefrite. La malattia raramente inizia in modo acuto e non ha sintomi pronunciati. Nella maggior parte dei casi, i sintomi tangibili compaiono molto più tardi dell'insorgenza della malattia e potrebbero non causare molto disagio al paziente per lungo tempo, che è il pericolo di patologia.

    Una visita dal medico, la diagnosi di una malattia e l'inizio del suo trattamento spesso si verificano quando l'infiammazione è già diventata la causa di lesioni organiche irreversibili che riducono la funzionalità dell'organo..

    Con la glomerolonefrite, non ci sono forti dolori, problemi con la minzione. Di solito, i sintomi vengono rilevati solo da test di laboratorio sulle urine, durante i quali tali segni della malattia si trovano nelle urine;

    • eritrociti (ematuria);
    • proteine ​​(proteinuria);
    • leucociti (leucocituria).

    La presenza di eritrociti e leucociti nelle urine può verificarsi anche con altre patologie renali, inclusa la pielonefrite

    La presenza di eritrociti e leucociti nelle urine può verificarsi anche in altre patologie renali, inclusa la pielonefrite. Ma la presenza di proteine ​​nelle urine, soprattutto in grandi quantità, indica violazioni dei processi di filtrazione, che si verificano solo con gravi violazioni della funzione renale che accompagnano l'infiammazione del parenchima renale.

    Confermare la diagnosi di glomerulonerite con studi strumentali. I segni caratteristici della malattia, che si riscontrano durante il passaggio di esami ecografici o tomografici, sono la riduzione e la compattazione degli organi, la formazione di cisti e inclusioni focali atipiche nei loro corpi..

    La linea netta tra corticale e midollo, che caratterizza un rene normale, è sfocata. È caratteristico che le lesioni siano simmetriche e colpiscano entrambi i reni nella stessa misura. Allo stesso tempo, il bacino e le coppe sembrano assolutamente normali, cioè le cavità renali non sono coinvolte nel processo..

    La glomerulonefrite viene trattata con potenti farmaci antinfiammatori (ormoni corticosteroidi) e citostatici (antineoplastici). Entrambi hanno un effetto immunosoppressivo (sopprimono le risposte immunitarie), l'effetto citostatico inibisce la proliferazione delle cellule renali coinvolte nell'infiammazione.

    Importante! La glomerulonefrite è classificata come una malattia grave, la prognosi per alcune delle sue forme è molto sfavorevole - nell'esito della malattia, insufficienza renale bilaterale totale con la necessità di un trapianto di rene da donatore.

    Pielonefrite: qual è la caratteristica della patologia

    Questa malattia è anche caratterizzata dall'insorgenza di un processo infiammatorio nei reni.

    Questa malattia è anche caratterizzata dall'insorgenza di un processo infiammatorio nei reni..

    Tuttavia, il focus dell'infiammazione non influenza il tessuto funzionale dell'organo, essendo localizzato nelle cavità renali, dove l'urina secondaria (pronta per l'escrezione) scorre attraverso i tubuli distali (esterni).

    Principalmente si infiammano le mucose pelviche, in parte le coppe e i segmenti prossimali degli ureteri.

    La natura dell'infiammazione nella pielonefrite è più spesso di origine batterica, meno spesso la patologia è provocata da specie patogene di protozoi o virus. I microrganismi causano un'infiammazione acuta con sintomi pronunciati e un decorso rapido. Ma ci sono pielonefrite con un tipo asettico di processo infiammatorio.

    Ciò accade con danni meccanici alla mucosa del bacino, ad esempio con urolitiasi. In questa situazione, si sviluppa un processo cronico, che può aggravarsi in qualsiasi momento sullo sfondo di microrganismi patogeni che entrano nelle cavità renali..

    Spesso l'infiammazione cronica del bacino è il risultato di un trattamento insufficiente della pielonefrite acuta.

    Con lo sviluppo di un processo infiammatorio acuto, c'è una sintomatologia pronunciata che causa disagio al paziente letteralmente dalle prime ore dall'inizio della malattia. I segni di pielonefrite acuta sono i seguenti sintomi:

    • forte dolore o intensità moderata nell'area dell'organo interessato (parte bassa della schiena, meno spesso l'addome inferiore), è possibile una colica renale;
    • febbre moderata (fino a 38 gradi);
    • dolore di varia intensità durante la minzione;
    • frequente (imperativo) bisogno di urinare (il sintomo è particolarmente pronunciato se gli ureteri e la vescica sono coinvolti nel processo infiammatorio);
    • l'urina può diventare torbida con possibili inclusioni sanguinolente.

    Quando i test delle urine vengono eseguiti in laboratorio, vengono rilevati i leucociti. Gli eritrociti si verificano se la pielonefrite è aggravata dall'urolitiasi. La reazione del mezzo si sposta verso gli alcali.

    Studi strumentali (ecografia, urografia) mostrano ispessimento e allentamento della mucosa del bacino, a volte strutture anatomiche adiacenti (calice, ureteri).

    Le concrezioni (pietre) si trovano spesso nelle cavità renali, che spesso sono la causa della conseguente infiammazione.

    Anche se accade il contrario, la mucosa infiammata del bacino diventa (in condizioni favorevoli alla formazione di calcoli) la causa della formazione di grandi calcoli.

    La violazione della formazione di urina (disfunzione renale) non è tipica della pielonefrite, quindi un esame del sangue biochimico sarà normale. L'analisi generale del fluido fisiologico mostrerà segni di infiammazione acuta (leucocitosi, aumento della VES).

    La pielonefrite acuta viene trattata con farmaci antibatterici (antibiotici, urosettici, sulfonamidi), i sintomi sono alleviati da analgesici non narcotici in combinazione con antispastici.

    L'infiammazione del bacino, non gravata da urolitiasi e deficienza immunitaria generale, può essere curata con successo con cure mediche tempestive..

    La prognosi del trattamento è favorevole, nella maggior parte dei casi porta a un completo recupero.

    Glomerulonefrite e pielonefrite: una tabella riassuntiva delle differenze

    Queste due malattie hanno poco in comune

    Ho scoperto che queste due malattie hanno poco in comune. Oltre al fatto che si tratta di patologie infiammatorie e i loro focolai si trovano nei reni, non ci sono altre somiglianze tra le malattie. Sarà più facile distinguere tra pielonefrite e glomerulonefrite utilizzando la tabella seguente, che riflette le differenze chiave tra queste malattie.

    Differenze nelle patologiePielonefriteGlomerulonefrite
    Localizzazione del focus della malattiaCavità renali (bacino, calice)Strato funzionale cerebrale (glomeruli, tubuli, tessuto intervascolare)
    La natura dell'infiammazioneSettico o alternativo (danno meccanico alla mucosa)Asettico, autoimmune
    FlussoAcuto, sintomaticoLenta, i sintomi sono lievi
    Sindrome del doloreEspressoNon espresso
    Disturbi urinariPresenteAssente
    Proteinuria (proteine ​​nelle urine)Non rilevatoScoperto, a volte molto
    GonfioreÈ assenteSi verifica, a volte massiccia
    Apparato pelvicellulare per ultrasuoniLa membrana mucosa deformata è ispessita e allentataSenza cambiamento
    Simmetria del danno renaleAsimmetrico (nella maggior parte dei casi, un rene è infiammato)Il processo patologico procede simmetricamente in entrambi gli organi

    Come puoi vedere, ci sono molte differenze tra le due malattie renali più comuni, quindi non è difficile per i medici distinguere tra queste patologie, diagnosticare correttamente e ottenere un trattamento di successo..