Come trattare correttamente la pielonefrite con le erbe: un elenco

La pielonefrite è una malattia comune che si verifica nelle donne e negli uomini di età diverse.

Ci sono momenti in cui non è possibile applicare le misure terapeutiche tradizionali. Quindi è consentito il trattamento della pielonefrite con rimedi popolari.

  1. Perché i reni si infiammano
  2. Rimedi popolari
  3. Fiordaliso tentacolare
  4. Tè all'ibisco
  5. Terapia del succo
  6. Uva ursina
  7. Centaurea
  8. Lovage
  9. Tasse renali
  10. video

Perché i reni si infiammano

La pielonefrite è una patologia renale causata da agenti patogeni non specifici. Questa malattia nella fascia di età inferiore ai 40 anni viene diagnosticata più spesso nelle donne e in età avanzata - negli uomini..

Questo pattern è dovuto al fatto che in età riproduttiva l'infezione del sistema genito-urinario si verifica più spesso nel sesso debole, date le caratteristiche anatomiche della struttura delle vie urinarie.

L'incidenza della pielonefrite negli uomini sopra i 40 anni è causata da alterazioni della ghiandola prostatica, tra le quali si distinguono prostatite e adenoma prostatico.

L'infiammazione frequente della prostata si estende agli ureteri e alla vescica, da dove passano alla pelvi renale.

La pielonefrite si verifica durante la gravidanza. Ciò accade a causa della crescita del feto, il deflusso di urina è compromesso e con uno stress eccessivo sui reni.

Le principali manifestazioni cliniche della pielonefrite sono considerate:

  • Aumento della temperatura corporea. Nella maggior parte dei pazienti, sale a 38,5 ° C. Ci sono casi in cui la temperatura supera i 40 ° C, che è accompagnata da una depressione del sistema nervoso centrale. Allo stesso tempo, non è consigliabile utilizzare rimedi popolari, c'è il rischio di sviluppare complicazioni e conseguenze pericolose.
  • Disturbi della minzione. Un segno di pielonefrite è la piuria. Le impurità purulente nelle urine compaiono diverse ore prima che la condizione peggiori e la temperatura aumenti. Oltre alla piuria, c'è una diminuzione della produzione giornaliera di urina, che causa lo sviluppo di edema. Appaiono per la prima volta sul viso, dove persistono fino al completo ripristino della funzione escretoria dei reni.
  • Mal di schiena. Le sensazioni dolorose con la pielonefrite compaiono a causa del fatto che il rene infiammato aumenta di dimensioni e fa allungare la capsula. Questo meccanismo è alla base dello sviluppo della sindrome del dolore. Il dolore aumenta con la palpazione dei reni e picchiettando sulla parte bassa della schiena. Le sensazioni dolorose si notano durante il periodo di malattia.
  • Aumento della pressione sanguigna La disfunzione di uno o due reni causa una ridotta eliminazione di liquidi dal corpo e accumulo nel corpo. Questo processo provoca un aumento del volume del sangue circolante, che si manifesta con un aumento degli indicatori della pressione sanguigna..

Rimedi popolari

Il trattamento con rimedi popolari per la pielonefrite viene effettuato utilizzando rimedi erboristici. Tra questi, i più comuni sono considerati:

  • fiordaliso tentacolare;
  • succhi (viburno, betulla, anguria, mirtillo, cavolo, zucca);
  • tè all'ibisco;
  • uva ursina;
  • centaurea;
  • levistico;
  • tasse renali.

L'uso di rimedi erboristici comporta la consultazione di un erborista. È impossibile scegliere un regime di trattamento da soli, la gravità del decorso della malattia, la presenza di patologie concomitanti, le caratteristiche individuali dell'organismo.

I trattamenti a base di erbe sono utilizzati in alcuni paesi. Non popolare, ma le persone anziane spesso si rivolgono a questi metodi.

L'opzione migliore sarebbe combinare la medicina tradizionale con i preparati a base di erbe. Con tale trattamento, il fattore eziologico verrà eliminato e inizierà il ripristino dell'organo interessato..

Il trattamento della pielonefrite cronica con rimedi popolari è efficace piuttosto che una forma acuta di manifestazione.

Fiordaliso tentacolare

Il fiordaliso tentacolare (o erba "Harlay") è un'erba che viene utilizzata dai medici per trattare patologie del sistema urinario.

La pianta è anche chiamata "cammello" o "splatter". Considerata una pianta infestante.

Il trattamento della pielonefrite a casa con una forma cronica viene effettuato con l'aiuto del "Fiordaliso tentacolare". Questo rimedio è adatto per alleviare le esacerbazioni.

Ha effetti analgesici, diuretici e antimicrobici. Il corso del trattamento con creme spalmabili non supera i 30 giorni. Solo con questa durata della terapia è possibile ottenere un completo recupero..

Per preparare questo brodo, prendete un pizzico di erba secca (4-5 g), versate un bicchiere di acqua fredda e mettete a fuoco.

Dopo l'ebollizione, tenere a fuoco per 2 minuti, insistere sulla soluzione risultante per almeno mezz'ora. Successivamente, il brodo viene filtrato per evitare ulteriori rilasci di sostanze biologiche dall'erba..

Prendi un tale decotto almeno tre volte al giorno per 1 bicchiere. Devi bere il brodo prima di mangiare - 10-15 minuti.

Se la raccomandazione non viene seguita, il farmaco verrà miscelato con il cibo e la quantità che entra nel flusso sanguigno diminuirà..

La diffusione del fiordaliso non è raccomandata per l'uso durante la gravidanza e l'allattamento, poiché l'erba contiene impurità aggiuntive che colpiscono il feto o il bambino.

Tè all'ibisco

Lo scopo per cui viene utilizzato il tè all'ibisco nel trattamento della pielonefrite è aumentare la produzione di urina. Questo tè è a base di ibisco (rosa sudanese), che ha un effetto diuretico.

Bevono l'ibisco fino a 8 volte al giorno. L'assunzione di questo rimedio non è associata all'assunzione di cibo. Questo tè può essere usato come misura preventiva..

Il tè all'ibisco ha un effetto diuretico, è una fonte naturale di vitamine, che è estremamente importante per la prevenzione delle malattie batteriche, le vitamine sono le principali sostanze necessarie per il normale funzionamento del sistema immunitario.

L'ibisco non ha controindicazioni all'uso, ad eccezione della sensibilità individuale. L'allergia all'ibisco è estremamente rara.

Se dopo aver bevuto il tè si avverte prurito o eruzione cutanea, interrompere immediatamente l'assunzione.

L'ibisco contiene una grande quantità di antiossidanti, che accelera l'eliminazione dei prodotti metabolici e l'attività vitale dei batteri dai tessuti e stimola anche la capacità rigenerativa di cellule e tessuti.

L'uso di tali rimedi popolari per la pielonefrite è indicato nei casi in cui non ci sono sintomi di insufficienza renale.

Terapia del succo

I succhi di alcune piante e bacche sono usati nel trattamento popolare delle malattie batteriche. La composizione contiene acidi organici che hanno effetto antimicrobico.

La maggior parte dei succhi ha un effetto diuretico, che è importante per il trattamento delle patologie del sistema urinario.

Succhi utilizzati per la pielonefrite:

  • mirtillo;
  • anguria;
  • cavolo;
  • zucca;
  • mirtillo.

È vietato assumere succhi di bacche acide e verdure a pazienti che hanno malattie ulcerative e infiammatorie dell'apparato digerente.

Ciò provoca un'esacerbazione di malattie o lo sviluppo di complicazioni pericolose come sanguinamento o perforazione..

I succhi vengono presi più volte al giorno per mezzo bicchiere. L'eccezione è il succo di anguria, non ha controindicazioni e viene utilizzato per garantire una maggiore produzione di urina.

Questo succo con un pH neutro non rappresenta una minaccia per la mucosa del tubo digerente. Le bacche e le verdure contengono vitamine, che accelera il recupero.

Sono ammessi frutti di bosco interi e verdure. Lo svantaggio del trattamento è che sono necessarie più bacche per pasto rispetto al succo puro..

Il principale svantaggio del trattamento del succo sono le reazioni allergiche, contengono una grande quantità di materia organica.

Uva ursina

L'uva ursina è una pianta medicinale che viene spesso utilizzata per l'autotrattamento delle malattie del complesso urogenitale. Infusi e decotti della pianta hanno effetti analgesici e antinfiammatori.

Lo svantaggio dell'uso di uva ursina è nella prescrizione a pazienti sotto i 12 anni, donne durante la gravidanza e l'allattamento.

L'uva ursina viene utilizzata per il trattamento completo o come componente di tariffe renali speciali.

Per preparare un infuso o un brodo, prendere un cucchiaio di sostanza secca e un bicchiere d'acqua, portare a ebollizione e cuocere per almeno 5 minuti. Prendi una tale soluzione in mezzo bicchiere prima dei pasti 4-5 volte al giorno.

Centaurea

Centaury è un'antica pianta medicinale, menzionata dai guaritori dell'antica Grecia e dai guaritori del Medioevo.

L'erba viene utilizzata dai medici per eliminare batteri, infiammazioni e spasmi. Questi effetti terapeutici sono importanti nel trattamento della pielonefrite, i batteri sono il fattore eziologico e lo spasmo e l'infiammazione accompagnano questa patologia..

Centaury è usato come componente di complessi rimedi erboristici, come "Kanefron".

È consentito l'uso della centaurea come infusi e decotti. Ma in una situazione del genere, l'effetto terapeutico non sarà sufficiente per eliminare completamente il problema: sarà richiesto l'uso di farmaci aggiuntivi o della medicina tradizionale.

Per preparare l'infuso, assumere almeno 10 g di materie prime secche per 1 litro d'acqua. Portare questa miscela a ebollizione e raffreddare, filtrare - pronta per l'uso.

Prendi un infuso di centaury, 2 cucchiai 5 volte al giorno. È auspicabile che l'intervallo tra le dosi sia lo stesso: ciò consentirà di mantenere la concentrazione delle sostanze amare di centaurea nel corpo a un livello costante, che è estremamente importante per la lotta contro i batteri.

La fitoterapia per la pielonefrite è un trattamento popolare, poiché ogni anno aumenta il numero di persone che si relazionano negativamente alla medicina tradizionale.

Lovage

Le radici del levistico sono una droga ufficiale, i cui decotti e infusi hanno un effetto antispasmodico e diuretico. Questa pianta viene utilizzata nella terapia complessa o fa parte della raccolta renale.

Già mezz'ora dopo aver preso l'infusione, i pazienti mostrano un miglioramento delle loro condizioni e la normalizzazione della produzione di urina.

L'ultimo effetto terapeutico dell'uso dell'infuso di levistico è considerato importante per la terapia della pielonefrite.

La rimozione dello spasmo dalle aree perirenali dell'uretere e dell'infiammazione dal tessuto renale aiuta a migliorare il flusso di urina, che è evidente a causa dell'effetto diuretico.

Tasse renali

Esistono preparati renali speciali che contengono erbe, radici o foglie di piante con i seguenti effetti terapeutici:

  • diuretico;
  • antimicrobico;
  • antinfiammatorio;
  • fortificante;
  • analgesico.

La composizione delle tariffe è diversa, il che determina le controindicazioni all'uso. Le erbe per la pielonefrite sono più spesso utilizzate sotto forma di tasse, il che garantisce l'eliminazione di diversi sintomi e cause contemporaneamente.

Il trattamento della pielonefrite con erbe è indicato nei casi in cui è richiesta la prevenzione delle esacerbazioni di una forma cronica.

I rimedi popolari per il trattamento della pielonefrite sono adatti solo per il trattamento ausiliario.

Non è consigliabile utilizzarlo come terapia principale, poiché gli effetti curativi sono deboli, il che richiede un trattamento a lungo termine. Durante questo periodo, l'infezione può diventare cronica o causare complicazioni..

Quali mezzi possono essere usati per curare la pielonefrite?

La malattia renale infettiva pone una serie di domande al paziente: come curare la pielonefrite cronica, cosa fare con un esordio acuto della malattia, se le complicazioni possono essere evitate?

Considerando che la patologia del tessuto renale può portare a conseguenze molto gravi e la malattia stessa è piuttosto difficile e difficile da trattare, bisogna stare molto attenti alla scelta dei farmaci. Quindi cosa fare se la pielonefrite è iniziata e come trattare la patologia acuta e cronica?

Trattamento specifico

La pielonefrite può essere trattata efficacemente solo tenendo conto dell'eziologia della malattia. Poiché la causa della malattia è la microflora patogena, è impossibile curare completamente la patologia senza antibiotici e altri farmaci antimicrobici. La terapia per la pielonefrite acuta viene selezionata in base ai seguenti principi:

  • tenendo conto del fatto che la ricerca batteriologica per identificare il tipo di patogeno e determinarne la sensibilità ai farmaci antimicrobici viene effettuata fino a una settimana o più, per non perdere tempo prezioso, il medico utilizza farmaci ad ampio spettro. Questo approccio consente di iniziare il trattamento in modo tempestivo e prevenire il passaggio dalla patologia a una forma cronica e lo sviluppo di complicanze. Se il secondo o il terzo giorno dall'inizio del trattamento risulta evidente che il medicinale prescritto dal medico è inefficace, il rimedio viene sostituito;
  • deve tener conto delle condizioni generali iniziali del paziente, nonché delle caratteristiche anatomiche e funzionali dei reni;
  • i farmaci non dovrebbero avere un effetto tossico sui tessuti del sistema urinario;
  • hanno la più alta concentrazione possibile nelle urine.

La pielonefrite può essere curata? La risposta a questa domanda dipende dalla forma e dalla gravità della malattia. È del tutto possibile curare per sempre la pielonefrite acuta, previa tempestiva attenzione medica..

È impossibile curare completamente la pielonefrite cronica. In questo caso, la terapia antibiotica viene prescritta in corsi a intervalli stabiliti dal medico curante..

Antibiotici

Per curare la pielonefrite acuta, è necessario iniziare a prendere antibiotici il prima possibile. In questo caso, non c'è tempo per eseguire gli studi batteriologici necessari e il medico curante prescrive farmaci di questo gruppo, che hanno il più ampio spettro di azione possibile..

Come viene trattata la pielonefrite cronica? Per una terapia efficace, è necessario eseguire prima dei test per determinare il tipo di microflora patogena che ha causato la malattia, quindi per determinare la sensibilità dell'agente patogeno agli antibiotici. Sulla base dei risultati dello studio, viene selezionato un farmaco che inibisce al massimo la crescita dei microrganismi.

Più spesso di altri, tali farmaci sono prescritti:

  1. Amoxicillina. Lo strumento appartiene al gruppo delle penicilline. Le ampie capacità del farmaco consentono di utilizzare efficacemente il farmaco per la pielonefrite causata da bastoncelli e cocchi gram-positivi e gram-negativi. È prescritto in una singola dose da 0,5 a 1,0 g tre volte al giorno;
  2. Gentamicina. È un amnoglicoside di seconda generazione. Possiede un ampio spettro di azione. Il farmaco è efficace anche contro i batteri resistenti al gruppo di farmaci penicillina e meticillina. La gentamicina viene somministrata 2-3 volte al giorno. La dose giornaliera è di 3 mg per 1 kg di peso del paziente;
  3. Cefaclor. Un agente efficace del gruppo delle cefalosporine, aggressivo contro la maggior parte dei tipi di agenti causali della pielonefrite. La ricezione è data da 250 a 500 mg del farmaco;
  4. Sumamed. Un macrolide ad ampio spettro. È inefficace solo contro la microflora patogena resistente ai farmaci del gruppo dell'eritromicina. Nella pielonefrite acuta, così come durante una ricaduta della forma cronica della malattia, spesso è sufficiente una singola dose di due compresse di Sumamed;
  5. Ceftriaxone. Cefalosporina di terza generazione. Sopprime gli aerobi e gli anaerobi gram-positivi e gram-negativi. Viene somministrato per via intramuscolare una volta al giorno a intervalli regolari in una singola dose da 0,5 a 1,0 g. Prima della somministrazione, il farmaco deve essere diluito in una soluzione di lidocaina all'1%.

La pielonefrite cronica può essere curata usando farmaci potenti? Se segui tutte le raccomandazioni del medico e ti sottoponi regolarmente a un ciclo di terapia preventiva, la malattia può essere mantenuta stabilmente in remissione per lungo tempo, mantenendo la qualità della vita.

Fluorochinoloni

I farmaci antibatterici di questo gruppo hanno la stessa aggressività contro la microflora patogena degli antibiotici, ma a differenza di loro non hanno analoghi naturali. Un ampio spettro di azione e un'elevata efficienza nel trattamento di vari processi infiammatori di eziologia infettiva consentono di utilizzare con successo questi farmaci in tutte le forme di pielonefrite.

I seguenti farmaci sono usati in nefrologia:

  • Ofloxacina. Farmaco di seconda generazione. Ofloxacin è efficace nei casi in cui gli antibiotici e altri farmaci antibatterici sono impotenti. Assumere 1 compressa due volte al giorno. Il corso del trattamento dura fino alla scomparsa di tutti i sintomi della malattia, più altri tre giorni, ma in totale non più di quattro settimane;
  • Sparflo. Una compressa contiene 200 mg di Sparfloxacina, un fluorochinolone di terza generazione. Il principio attivo del farmaco è altamente aggressivo contro micoplasma, clamidia, batteri. Il medicinale viene assunto una volta al giorno al mattino e lavato con abbondante acqua. Di solito, il primo giorno di trattamento, il medico prescrive due compresse e dal secondo giorno - 1 compressa per dose;
  • Ciprofloxacina. Rispetto ad altri fluorochinoloni, ha la più alta attività, superando l'effetto di altri farmaci da 3 a 8 volte. È prescritto due volte al giorno da ½ a due compresse per appuntamento. In un decorso grave della malattia, è possibile utilizzare una soluzione del farmaco per la somministrazione endovenosa con il metodo a goccia.

Nonostante il fatto che i farmaci in questo gruppo raramente diano effetti collaterali e siano più facilmente tollerati dai pazienti, non si dovrebbero prescriverli a se stessi. La scelta del farmaco, del dosaggio e del metodo di somministrazione è scelta solo dal medico curante.

Nitrofurani

I preparati del gruppo nitrofurano aiuteranno anche a curare la pielonefrite cronica e acuta. Questi farmaci hanno un potere antibatterico inferiore agli antibiotici, quindi vengono utilizzati principalmente per il trattamento del decorso acuto della malattia. La maggior parte dei farmaci del gruppo nitrofurano ha uno spettro d'azione abbastanza ampio..

La forma acuta di patologia viene trattata con tali medicinali:

  1. Furadonin. Sopprime e rallenta la crescita della maggior parte dei batteri gram-positivi e gram-negativi. È prescritto 1 compressa 3-4 volte al giorno. In alcuni casi, il medico può raccomandare il farmaco fino a 6 volte al giorno. Il corso del trattamento per la pielonefrite dura fino a due settimane. Inoltre, un farmaco può essere prescritto a scopo preventivo. In questo caso, viene preso entro 6-12 mesi;
  2. Furazolin. È principalmente efficace per le infezioni renali coccal. È prescritto 1 compressa 3 volte al giorno per 10 giorni;
  3. Furagin. È usato per trattare la pielonefrite causata dalla microflora gram-positiva e gram-negativa. Preso 2 compresse 3 volte al giorno.

Per proteggere il corpo dalle reazioni avverse ai preparati di nitrofurano, le vitamine del gruppo B vengono prescritte in dosi elevate per l'intera durata del trattamento. Inoltre, il medico curante consiglia di bere quanta più acqua possibile durante questo periodo..

Trattamento complementare

Per aiutarti a recuperare rapidamente, il medico prescriverà spesso trattamenti aggiuntivi, come la terapia fisica. L'esecuzione di procedure mediche come la terapia con onde centimetriche e ad altissima frequenza, la fono- ed elettroforesi avrà un effetto antinfiammatorio pronunciato.

Inoltre, l'uso di farmaci di altri gruppi che alleviano le condizioni del paziente e rafforzano il corpo aiuterà anche a curare la pielonefrite più velocemente. Per fare questo, usa:

  • antispastici. Farmaci come No-shpa, Papaverine, Spazmalgon e altri alleviano il dolore e migliorano le condizioni generali del paziente. Questi farmaci devono essere assunti solo in presenza di dolore insopportabile come trattamento sintomatico;
  • immunomodulatori. Lymphomyosot, Viferon, Immunal, Amiksin aumenteranno la resistenza del corpo alla microflora patogena. Grazie a questi farmaci il recupero avviene molto più velocemente, ma solo un medico può scegliere farmaci che influenzano il funzionamento del sistema immunitario sulla base dei dati di uno specifico esame del sangue;
  • terapia vitaminica. Assunzione di farmaci con vitamine C, B6 ed E contribuiranno anche a rafforzare le difese del corpo e ad aumentare la resistenza alla pielonefrite;
  • i probiotici aiuteranno a resistere alla crescita della microflora fungina, che si moltiplica intensamente durante l'assunzione di antibiotici. Il medico può prescrivere Linex, Simbiter, Enterol, Bifiform, Hilak e altri farmaci. I farmaci contenenti microflora normale devono essere assunti durante il corso del trattamento antibiotico. Se al paziente vengono prescritte grandi dosi di farmaci antibatterici, il corso del trattamento con probiotici può durare 2 settimane in più..

Quando si sviluppa la pielonefrite, molti pazienti hanno una domanda, è possibile curare la malattia con metodi popolari? Come terapia di miglioramento, il medico curante può prescrivere decotti di uva ursina, foglie di mirtillo rosso, piantaggine, fiori di camomilla, avena e altre erbe medicinali. Tuttavia, non si dovrebbe sperare che i metodi della medicina tradizionale come la monoterapia siano sufficientemente efficaci. I fitopreparati possono essere utilizzati durante il periodo di remissione della malattia a scopo profilattico, nonché durante un'esacerbazione della patologia oltre ai principali metodi di trattamento.

Dopo una patologia acuta curata, per prevenire lo sviluppo di complicazioni, è necessario seguire per qualche tempo i regimi del medico curante.

Raccomandazioni generali

Il trattamento efficace della pielonefrite di qualsiasi forma è possibile non solo con l'assunzione regolare di farmaci, ma anche con l'attuazione di tutte le raccomandazioni del medico in merito allo stile di vita e alla dieta.

Per prevenire lo sviluppo di varie complicazioni, è necessario rispettare le seguenti regole:

  1. in caso di insorgenza acuta di malattia o ricaduta, il riposo a letto deve essere rigorosamente osservato;
  2. la stanza in cui si trova il paziente deve essere regolarmente ventilata;
  3. assicurati di dormire a sufficienza. Oltre a un riposo notturno completo di 8 ore, dovresti anche riservare un'ora a tre per il sonno diurno;
  4. bevi molti liquidi. Si consiglia di utilizzare acqua pulita, succhi di frutta e verdura, tè dolce debole, composta, gelatina. La quantità di liquido che bevi dovrebbe essere di almeno due litri e mezzo al giorno;
  5. monitorare la minzione. Durante il giorno, cerca di svuotare la vescica ogni due o tre ore;
  6. mantenere la regione lombare nella zona della proiezione dei reni al caldo secco. Con la pielonefrite, sia l'ipotermia che il surriscaldamento eccessivo sono pericolosi. Pertanto, è necessario assicurarsi che il calore sia moderato..

Particolare attenzione è riservata alla dieta quotidiana. A scopo terapeutico, il medico prescrive una dieta "Tabella n. 7".

Allo stesso tempo, sono vietati cibi piccanti, affumicati e salati. Sono esclusi cibi grassi, brodi di carne e pesce, alcool, caffè, bevande con gas, qualsiasi conservazione. Inoltre, non dovresti mangiare senape, maionese, ketchup. La nutrizione terapeutica per la pielonefrite fornisce solo piatti bolliti o al vapore. Dovresti abbandonare completamente i cibi fritti e in umido. La dieta quotidiana dovrebbe includere zuppe di verdure, cereali, piatti bolliti o al vapore di carni magre e pesce. Dalle verdure puoi mangiare verdure come zucca, zucchine, carote, patate, barbabietole, pomodori. Puoi anche mangiare uova, pane secco.

Trattamento della pielonefrite nelle donne

Cause di malattie renali

Molto spesso, nelle donne si sviluppa una malattia infettiva e infiammatoria, a causa delle caratteristiche individuali della struttura dell'uretra e della vagina. Oggi, il trattamento della pielonefrite nelle donne ha abbastanza successo, si svolge in breve tempo. Tuttavia, i medici raccomandano di non ritardare il trattamento, poiché la patologia assume rapidamente una forma cronica e quindi le conseguenze sulla salute possono essere imprevedibili.

La pielonefrite può svilupparsi sullo sfondo di malattie primarie degli organi interni o presentarsi come una malattia indipendente, la cui causa principale è l'attività vitale dei microrganismi patogeni (esogeni ed endogeni). L'infezione si diffonde ad entrambi i reni o ad uno, interessando: l'area calice-pelvica (base fibrosa, cellule epiteliali, bacino, tubuli), l'apparato glomerulare con i vasi.

I principali patogeni sono:

  • stafilococchi;
  • intestinale e Pseudomonas aeruginosa;
  • clamidia;
  • salmonella;
  • enterococchi;
  • Klebsiella.

Ogni agente patogeno ha i suoi percorsi di penetrazione ai reni: ascendente dall'uretra (ad esempio, con lo sviluppo di patologie urologiche) o per via ematogena (i microrganismi penetrano nel tessuto renale da altri organi con flusso sanguigno).

I fattori che contribuiscono alla comparsa della pielonefrite sono i seguenti:

  • immunità debole;
  • nutrizione impropria;
  • fatica cronica;
  • mancanza di igiene;
  • ipotermia;
  • stress frequente;
  • uso frequente di biancheria intima sintetica, salvaslip, tamponi;
  • interruzioni ormonali;
  • malattie croniche delle vie urinarie;
  • patologie infettive degli organi interni;
  • anomalie congenite della struttura dell'uretra e del tratto urinario;
  • deformità legata all'età, prolasso degli organi femminili interni;
  • trauma, inserimento del catetere.

Ognuno di questi fenomeni può servire da impulso per lo sviluppo dell'infiammazione renale, se ci sono più fattori contemporaneamente, la probabilità di ammalarsi aumenta in modo significativo.

Sintomi di pielonefrite: dolore nella regione lombare

Sintomi di pielonefrite acuta

Lo stadio acuto della pielonefrite nelle donne è caratterizzato dai seguenti sintomi:

  • violazione della filtrazione e deflusso di urina;
  • Voglia frequente di urinare, soprattutto di notte
  • una sensazione di dolore sordo di varia intensità nella regione lombare;
  • debolezza, aumento della fatica;
  • aumento della temperatura corporea fino a 38,5 ° C - 40 ° C, brividi, febbre;
  • mancanza di respiro, tachicardia;
  • dolori, dolori muscolari;
  • mal di testa;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • rigonfiamento.

L'infiammazione bilaterale è accompagnata da dolore che copre la maggior parte della schiena e dell'addome. L'accumulo di pus provoca coliche renali. Una forma trascurata di patologia acuta si trasforma dolcemente in una cronica, i cui sintomi rimangono gli stessi, ma diventano più pronunciati.

Importante! La mancanza di trattamento per la pielonefrite provoca lo sviluppo di ipotensione, ascesso e carbonchio renale, shock batterico, insufficienza renale.

Diagnostica

I sospetti di pielonefrite diventano un motivo per visitare un nefrologo: è questo medico che diagnostica la malattia. I metodi diagnostici sono i seguenti:

  • colloquio;
  • ispezione visuale;
  • picchiettando sulla schiena nella zona dei reni (presenza del sintomo di Pasternatsky);
  • Raggi X, ecografia bilaterale dei reni;
  • ecografia del sistema genito-urinario;
  • analisi del sangue, urina.

Il nefrologo, analizzando le condizioni generali del paziente, può scegliere uno o più metodi di esame, sulla base dei quali trae conclusioni e sceglie un corso di trattamento.

Trattamento della pielonefrite

La scelta dei farmaci, le tattiche di trattamento, di solito il medico seleziona individualmente. Il fatto è che prima di prescrivere qualcosa, uno specialista deve confrontare la presenza di patologie croniche esistenti, le condizioni generali del paziente e le caratteristiche dell'età. Tuttavia, in generale, il trattamento della pielonefrite in tutto viene eseguito secondo lo schema standard..

Droghe

Gli antibiotici sono considerati altamente efficaci nel trattamento dell'infiammazione infettiva dei reni. L'introduzione di farmaci viene eseguita in tre modi: endovenosa, orale o per infusione. Di solito, il farmaco viene somministrato per la prima volta per via endovenosa, dopo 5-7 giorni viene prescritta la somministrazione orale. Il corso del trattamento non supera i 21 giorni.

Nella pielonefrite acuta non ostruttiva, può essere prescritto quanto segue:

  • fluorochinoloni;
  • aminopenicilline;
  • cefalosporine;
  • aminoglicosidi;
  • tetracicline;
  • sulfamidici.

Il corso, il dosaggio è selezionato individualmente. Nei casi più gravi è possibile una combinazione di farmaci.

Attenzione! Alle donne incinte non vengono mai prescritti farmaci del gruppo di fluorochinoloni, tetracicline, sulfonamidi.

Agenti antibatterici chimici

Oltre agli antibiotici, un ciclo di agenti antibatterici chimici, uroantisettici antimicrobici, ad esempio:

  • Furagin (un derivato nitrofuranico);
  • Nitroxolina (derivato dell'8-idrossichinolina);
  • Nevigramon (prodotto sulla base dell'acido nalidixico, appartiene al gruppo dei chinoloni);
  • 5-NOC (il principale ingrediente attivo è la nitroxolina);
  • Palin (prodotto sulla base di acido pipemidico, appartiene al gruppo dei chinoloni).

I farmaci si distinguono per gli elevati effetti antimicrobici e antibatterici.

Cefalosporine

I medicinali del gruppo delle cefalosporine sono antibiotici dalla 3a alla 4a generazione. Con la pielonefrite, possono prescrivere:

  • Ceftriaxone;
  • Cefanorm;
  • Cefotaxime;
  • Tsepin;
  • Ceftazidime;
  • Cefomax.

I medicinali vengono somministrati per via intramuscolare o endovenosa.

Aminoglicosidi

Date le caratteristiche individuali del decorso della patologia, il medico può prescrivere un trattamento con farmaci del gruppo aminoglicosidico:

  • Amikacin;
  • Gentamicina;
  • Tobramicina.

I mezzi di questo gruppo sono scarsamente assorbiti dal sistema digestivo, quindi vengono prescritti per via parenterale (iniezioni).

Applicazione di nitrofurani

I nitrofurani hanno una vasta gamma di effetti antibatterici nello sviluppo della pielonefrite:

  • Nitrofurantoina;
  • Nifuroxazide;
  • Nifuratel;
  • Furazolidone;
  • Furazidina.

I medicinali vengono somministrati per via orale.

Nota! Gli antibiotici per il trattamento della pielonefrite nelle donne vengono prescritti solo 14 giorni dopo l'esame del paziente.

Assunzione di diuretici e vitamine

Il complesso trattamento farmacologico della pielonefrite nelle donne include l'assunzione obbligatoria di diuretici e vitamine:

Diuretici:

  • Cyston (preparato a base di erbe);
  • Lorista (ingrediente attivo lortazan potassio);
  • Diuretici artificiali - Furosemide, Diuver, Veroshpiron, Bufinox, Britomar, Torasemide, Hypothiazide, Aldactone.

Oltre ai diuretici, si consiglia di bere Asparkam, che reintegra la perdita di potassio e magnesio.

Vitamine

  1. Acetato di retinolo (vitamina A), aiuta a bloccare il movimento delle infezioni alle vie urinarie, rafforza il corpo.
  2. L'acido ascorbico (vitamina C), rafforza le pareti dei vasi sanguigni, blocca l'ingresso dei virus nel flusso sanguigno.
  3. Il tocoferolo acetato (vitamina E), è prescritto a scopo terapeutico e profilattico in caso di pielonefrite cronica.
  4. Bioflavonoidi (vitamina P), usati per scopi medicinali e profilattici.

Il corso, l'assunzione di diuretici e vitamine è strettamente negoziato da uno specialista e non è consigliabile interromperlo.

Trattamento della pielonefrite nelle donne con rimedi popolari

Insieme alla terapia farmacologica nel trattamento della pielonefrite, vengono spesso utilizzati metodi della medicina tradizionale. Ai pazienti vengono prescritti decotti medicinali realizzati sulla base di erbe medicinali, tinture, succhi, tè.

Erba di Harlay o fiordaliso

La diffusione del fiordaliso è molto efficace nel trattamento della pielonefrite. Un decotto di questa pianta ti consente di alleviare il dolore, ha un effetto deprimente sull'attività vitale dei microrganismi patogeni.

Per preparare il brodo, prendere un cucchiaino di erbe secche tritate e infornare con un bicchiere di acqua bollente. Far bollire per 3 minuti, lasciare raffreddare.

Il corso del trattamento è di un mese, bere 1/3 di tazza 3 volte al giorno rigorosamente prima dei pasti. Dopo un mese di interruzione, il corso del trattamento può essere ripetuto. Gli esperti di medicina tradizionale ritengono che anche la pielonefrite cronica possa essere curata con un tale decotto, ma il corso del trattamento può richiedere fino a due anni, o anche di più..

Trattamento con Toloknyanka

Le proprietà medicinali dell'uva ursina consentono di bloccare lo sviluppo della microflora patogena, agire come diuretico, alleviare il dolore, infiammazione dell'organo malato.

Il rimedio più efficace per la pielonefrite sarà il tè Toloknyanka. Il prodotto va bevuto dopo i pasti, non più di 3 volte al giorno, 1 bicchiere ciascuna.

Sulla base dell'uva ursina si preparano dei decotti, insistendo su un bicchiere di acqua bollita un cucchiaino di erba secca e pre-stufare il brodo a bagnomaria per circa 10 minuti.

Bere in piccole porzioni fino a due cucchiai con una frequenza di 3 volte al giorno.

Nelle farmacie viene spesso offerta la tintura di alcol di uva spina, che viene presa rigorosamente secondo le istruzioni del produttore, ma non più di 15 gocce per bicchiere d'acqua. Prendendo i fondi fatti sulla base dell'uva ursina, va ricordato che tale trattamento è proibito nella forma acuta di pielonefrite.

Linfa di betulla per pielonefrite

Gli esperti raccomandano di bere la linfa di betulla nello sviluppo della pielonefrite, assolutamente in qualsiasi quantità. Tuttavia, è necessario utilizzare un prodotto naturale esclusivamente fresco, che non supera i 2 giorni.

La sostanza naturale naturale pulirà i reni, allevia l'infiammazione e arresta lo sviluppo di agenti patogeni. Tuttavia, questo rimedio non deve essere utilizzato in presenza di calcoli renali..

Tasse renali per pielonefrite

Le catene di farmacie offrono ai clienti tariffe renali per il trattamento e la prevenzione della pielonefrite a casa. La collezione è composta da diverse erbe medicinali e ha un effetto diuretico, antinfiammatorio e antisettico sugli organi malati.

I più apprezzati sono:

  • Orthosyphon;
  • Urophyton;
  • Collezione renale monastica.

Puoi preparare tu stesso la raccolta dei reni, la maggior parte di essi include: uva ursina, lampone, betulla, foglia di mirtillo rosso, erba di San Giovanni, piantaggine, rosa selvatica, luppolo, equiseto. Tuttavia, gli esperti raccomandano di dare la preferenza a formulazioni già pronte, poiché usano erbe raccolte secondo tutte le regole e i dosaggi sono normalizzati e proporzionali.

È interessante! Il trattamento a base di erbe è spesso più efficace del trattamento antibiotico. Questo è il motivo per cui i nefrologi prescrivono spesso un corso di assunzione di rimedi popolari insieme al trattamento farmacologico.

Quali complicazioni possono esserci con un trattamento improprio?

L'infiammazione infettiva dei reni è una patologia pericolosa che richiede un intervento medico immediato. Al minimo sospetto di pielonefrite, in nessun caso dovresti auto-medicare, anche la medicina tradizionale dovrebbe essere discussa con uno specialista e poi, dopo tutti gli esami.

Le complicazioni per le donne dopo un trattamento improprio possono essere le seguenti:

  • transizione da una forma acuta di pielonefrite a una cronica;
  • lo sviluppo di insufficienza renale;
  • sviluppo dell'oncologia;
  • il verificarsi di urolitiasi.

La pielonefrite è una patologia pericolosa che in nessun caso andrà via da sola! Si consiglia di diagnosticare la malattia e trattarla nelle prime fasi della sua insorgenza, altrimenti sono possibili esiti letali, con lo sviluppo di insufficienza renale.

Misure per prevenire la pielonefrite nelle donne

  1. Rafforzare il sistema immunitario
  2. Uno stile di vita sano;
  3. Trattamento tempestivo delle patologie infettive;
  4. Non raffreddare troppo, indossa biancheria intima che "respira";
  5. Monitorare l'igiene intima;
  6. Elimina i rapporti sessuali indiscriminati;
  7. Elimina la gravidanza non pianificata, l'aborto.

Alle misure preventive, va aggiunto che ogni donna dovrebbe sottoporsi tempestivamente alle visite mediche programmate e non trascurare la visita medica. Segui i consigli dei medici, non auto-medicare quando compaiono i primi sintomi spiacevoli e controlla la tua salute!

Trattiamo la pielonefrite cronica a casa

Secondo le statistiche, il 20% della popolazione soffre di pielonefrite e questo numero non include coloro che ignorano la malattia e non cercano aiuto dai medici. Tale inazione può portare a gravi danni ai reni e la malattia si sviluppa in una malattia cronica..

  • Trattamento della pielonefrite cronica
  • Trattamento farmacologico
  • Trattamento con rimedi popolari a casa
  • Trattamento a base di erbe
  • Trattamento della pielonefrite cronica nelle donne in gravidanza e nei bambini
  • Trattamento con rimedi popolari
  • Propoli
  • Avena
  • Highlander degli uccelli
  • Germogli di betulla
  • aneto
  • Raccolta di erbe n. 1
  • Raccolta di erbe n. 2
  • Collezione numero 3
  • Dieta
  • In conclusione…
Articoli Correlati:
  • Sintomi e trattamento della pielonefrite acuta
  • Pielonefrite durante la gravidanza: sintomi e trattamento
  • Pielonefrite nelle donne: sintomi e trattamento
  • Pielonefrite negli uomini: sintomi e trattamento
  • Tutto sui sintomi e le cause della pielonefrite nei bambini
  • Il trattamento della pielonefrite è un processo lungo, che, a volte, può durare diversi anni e, se non portato fino alla fine, si trasforma in uno stadio cronico. La pielonefrite cronica può essere curata a casa con rimedi popolari e antibiotici.

    Sintomi di esacerbazione della pielonefrite cronica:

    • un brusco salto - su o giù - della pressione sanguigna;
    • condizione febbrile;
    • nausea;
    • vomito.

    Attenzione! In questo caso, è necessario contattare immediatamente un istituto medico.!

    Trattamento della pielonefrite cronica

    Il trattamento della pielonefrite cronica comprende una serie di misure complesse: medicinali, diete, l'uso di rimedi popolari a casa. Come notano i medici: questo è l'unico modo per ottenere risultati significativi e recuperare.

    Trattamento farmacologico

    Attenzione! Trattamento con farmaci a casa solo dopo aver consultato un medico!

    Il compito principale dei farmaci è eliminare l'agente eziologico della malattia il più rapidamente possibile con la minima nefrotossicità e la massima efficienza. Per questo vengono prescritti preparati complessi: antibiotici e urosettici. Ecco un elenco dei farmaci più comuni che sono ancora efficacemente utilizzati in medicina:

    1. Penicilline: benzilpenicillina, meticillina, ampicillina, dicloxacillina e altri.
    2. Cefalosporine: Cefazolin, Cefriaxone, Suprax, Cedex, ecc..
    3. Fluorochinoloni: levofloxacina, gentamicina, amikacina, ofloxacina.

    Ricorda che la durata del trattamento per un ciclo di farmaci, con pielonefrite cronica, dura due settimane, quindi devi superare i test e scoprire il risultato. Si raccomanda che dopo ogni corso, i farmaci siano sostituiti da altri al fine di massimizzare la selezione dei farmaci adatti.

    Attenzione! Quando si assumono farmaci, prestare attenzione al dosaggio, agli effetti collaterali e, in caso di reazione allergica ai componenti, sostituire con altri.

    Trattamento con rimedi popolari a casa

    Il trattamento della pielonefrite cronica a casa con rimedi popolari non può in alcun modo sostituire l'uso di droghe. Al contrario, le tinture a base di erbe popolari migliorano solo il loro effetto e, in combinazione, combattono efficacemente l'agente eziologico della malattia..

    Trattamento a base di erbe

    Raccogli una miscela di erbe in un rapporto di 3: 1: 1 - foglie di uva ursina, fiori di fiordaliso e radice di liquirizia, e prepara. Per una dose al giorno, è sufficiente 1 cucchiaio. l. 250 ml di acqua bollente. Dopo che l'erba è stata infusa per 30 minuti, puoi bere 30 ml tre volte al giorno.

    Rosa canina 20 g, foglie di betulla, stimmi di mais, equiseto - 10 g ciascuno, mescolare e versare 400 ml con acqua bollente. Assumere 100 ml prima dei pasti, dopo l'infusione per 30 minuti.

    Prendete 100 g di capelli secchi (fiordaliso tentacolare) e tritateli bene, versate acqua bollente (0,200 ml) e portate a ebollizione. Dopo che l'erba è ben infusa per 30 minuti, filtrare e può essere assunta 3 volte prima dei pasti. Si consiglia di continuare il corso del trattamento con questa erba per un mese, quindi fare una pausa per un mese. In pielonefrite cronica - un ciclo da uno a due anni. Dopo le prime tecniche, il dolore e l'aggravamento saranno alleviati.

    Trattamento della pielonefrite cronica nelle donne in gravidanza e nei bambini

    Le donne incinte e i bambini sono una categoria speciale di persone per le quali è necessario selezionare correttamente le medicine e la medicina tradizionale.

    Attenzione! Alle donne incinte e ai bambini è severamente vietato assumere farmaci senza la supervisione e la consultazione del medico curante!

    L'intera difficoltà di identificare la pielonefrite nelle donne in gravidanza risiede nelle caratteristiche anatomiche: l'utero esercita pressione sulla vescica e sui reni. Con la malattia renale, il dolore lombare, la minzione frequente e il gonfiore delle mani o dei piedi sono dolorosi, ma tutti questi sintomi possono accompagnare la gravidanza. Pertanto, solo l'analisi delle urine aiuterà a identificare la pielonefrite nelle donne in gravidanza..

    Nei bambini, oltre alle manifestazioni esterne della malattia, vale la pena prestare attenzione all'urina: con la pielonefrite cronica è torbida, con un ricco colore giallo e dopo un po 'il sedimento si deposita.

    Trattamento con rimedi popolari

    Propoli

    Prendete 20 g di propoli e tritate bene, sciogliete 50 g di burro e amalgamate il tutto. La pappa risultante deve essere consumata 3 volte al giorno, mezzo cucchiaino.

    Prepara l'olio di propoli. Per fare questo, macinare la propoli preraffreddata in uno stato polveroso e aggiungerla a 100 ml di olio vegetale, preriscaldato a 80 ° C. Mescolare bene e lasciare agire per almeno un'ora. Prendi 1 ora prima dei pasti, 1 cucchiaino..

    Occorre far bollire un bicchiere di avena in un litro di latte a fuoco basso, fino a dimezzare la quantità di liquido. La gelatina risultante dovrebbe essere consumata 1/3 di tazza dopo i pasti.

    Nel trattamento della pielonefrite cronica, varie erbe diuretiche sono molto efficaci. Non solo rimuovono bene l'acqua in eccesso dal corpo, ma aiutano anche nella lotta contro le infezioni virali.

    Highlander degli uccelli

    Risciacquare bene le foglie dell'erba e macinare in un tritacarne, versare abbastanza acqua nella massa risultante per fare una purea e lasciare agire per 20 minuti. Successivamente, filtrare e consumare 100 g prima dei pasti..

    Germogli di betulla

    Prendi 50 g di gemme di betulla essiccate e versa 250 g di acqua bollita, lascia per 30 minuti. La tintura funziona bene come diuretico se assunta in 100 g al mattino e alla sera.

    aneto

    La famosa acqua di aneto, che viene spesso somministrata ai bambini piccoli, ha un effetto curativo sui reni del corpo. È facile prepararlo in casa, per questo prendere 100 g di erba secca, versare 500 ml di acqua bollente e lasciare in un contenitore ermetico per 30-40 minuti. Assumere 100 g al giorno a stomaco vuoto per un mese.

    Le tinture diuretiche che possono essere fatte con radice di prezzemolo, stigma di mais, orecchie d'orso non sono meno efficaci..

    Raccolta di erbe n. 1

    Prendi le seguenti erbe in proporzioni uguali: calamo, lino, uva ursina, mescola e versa acqua bollente al ritmo di 50 g di miscela - 500 ml di acqua. Far bollire per 5-10 minuti, lasciare agire mezz'ora e assumere 100 ml due volte al giorno.

    Raccolta di erbe n. 2

    Per preparare la tintura, devi prendere un tale set di erbe nello stesso rapporto:

    • frutti di ginepro;
    • radice di liquirizia;
    • poligono;
    • foglie di uva ursina;
    • achillea;
    • saggio;
    • paglia d'avena;
    • mannaia bianca.

    Mescola tutte le erbe che hai precedentemente tritato. Per una preparazione unica della tintura, prendere 10 g della miscela, versare un bicchiere di acqua bollente e lasciare in infusione per almeno quattro ore. Quindi far bollire la tintura e cuocere a bagnomaria per 10 minuti, raffreddare a temperatura ambiente e assumere 100 g dopo i pasti.

    Collezione numero 3

    Una collezione unica nota alle nostre nonne, che aiuta bene con tutti i processi infiammatori nei reni. Agisce come un agente diuretico e antinfiammatorio. Prendi parti uguali degli ingredienti e mescolali bene:

    • mirtillo rosso;
    • fiori di fiordaliso;
    • ortica;
    • semi di lino;
    • fragole;
    • madre e matrigna.

    Macinare accuratamente tutte le erbe in polvere, sarà necessario 1 cucchiaino per mezzo litro d'acqua. miscele. Insistere in un contenitore ermetico per almeno 8 ore e assumere 100 ml dopo i pasti. Continua il corso del trattamento con una tale raccolta per un mese, quindi fai una pausa.

    Dieta

    Per rispettare la dieta, si consiglia di elaborare un menu per la settimana, a cui aderirai. Puoi utilizzare il nostro menu suggerito.

    1. Lunedì: borscht magro, porridge d'orzo, cetriolo, patate lesse, riso, barbabietole.
    2. Martedì: zuppa, porridge di grano saraceno, pomodoro, manzo bollito, tè, farina d'avena.
    3. Mercoledì: borsch, patate lesse, insalata di verdure, semolino.
    4. Giovedì: budino di carne, ricotta, panna acida, zuppa, gelatina.
    5. Venerdì: zuppa, porridge di grano, frittata, verdure, vitello bollito.
    6. Sabato: insalata di cavoli, cetrioli, borscht, porridge di riso, pesce bollito.
    7. Domenica: pomodori, zuppa, porridge d'orzo, patate lesse, polpette.

    In conclusione…

    Vorrei aggiungere che il trattamento della pielonefrite cronica dovrebbe essere accompagnato da una dieta. Crea il tuo menu per la settimana, dal quale escludi cibi piccanti, amari e acidi; cibi fritti, grassi e cioccolato.

    Bevi più liquido, la norma al giorno è di 2 litri, in estate, mangia più angurie, meloni, frutta. E sii sano!

    Trattamento della pielonefrite acuta o cronica con farmaci e rimedi popolari

    Circa 2/3 di tutte le malattie urologiche sono pielonefrite acuta o cronica. Questa patologia è di natura infettiva ed è accompagnata da danni a uno o due reni. La loro infiammazione è provocata da vari batteri, sebbene a volte la malattia si sviluppi sullo sfondo di altre malattie degli organi interni. Le donne sono più inclini alla pielonefrite, che è spiegata dalle caratteristiche individuali della struttura anatomica della vagina e dell'uretra. Il trattamento della malattia viene effettuato in modo complesso assumendo farmaci e osservando una serie di regole.

    Cos'è la pielonefrite

    La malattia è un processo infettivo e infiammatorio nei reni causato dall'azione di batteri patogeni. Colpiscono contemporaneamente più parti di questi organi accoppiati:

    • tessuto interstiziale: la base fibrosa del rene;
    • parenchima: cellule epiteliali funzionalmente attive di questi organi accoppiati;
    • bacino - cavità nel rene, simili a un imbuto;
    • tubuli renali.

    Oltre al sistema pielocaliceale, la lesione può interessare anche l'apparato glomerulare con i vasi. In una fase iniziale, la malattia interrompe la funzione principale della membrana renale: la filtrazione delle urine. Un segno caratteristico dell'inizio dell'infiammazione è il dolore doloroso nella regione lombare. La malattia è acuta e cronica. Se sospetti di pielonefrite, dovresti consultare un nefrologo. Se non diagnostichi e non inizi il trattamento in modo tempestivo, possono svilupparsi le seguenti complicazioni:

    • ascesso renale;
    • ipotensione;
    • sepsi;
    • shock batterico;
    • carbonchio del rene;
    • insufficienza renale.

    Acuto

    La pielonefrite acuta si sviluppa a causa dell'influenza di microrganismi esogeni o endogeni che penetrano nel tessuto renale. La localizzazione del lato destro dell'infiammazione è più spesso nota, il che è spiegato dalle caratteristiche strutturali del rene destro, che causa la sua tendenza alla congestione. In generale, i seguenti segni indicano la fase acuta di questa patologia:

    • brividi, febbre;
    • debolezza crescente;
    • tachicardia;
    • dolore alla schiena sordo;
    • dispnea;
    • temperatura a 38,5-39 gradi;
    • fatica;
    • violazione del deflusso di urina;
    • mal di testa e dolori muscolari.

    Con l'infiammazione bilaterale dei reni, il paziente lamenta dolore alla schiena e all'addome. La forma purulenta della malattia provoca dolore simile alla colica renale. La violazione del deflusso di urina si manifesta con un aumento della voglia di urinare. Inoltre, durante il giorno prevale la diuresi notturna. Sullo sfondo di questi sintomi, possono comparire edema e aumento della pressione sanguigna..

    Cronico

    Nella maggior parte dei casi, la pielonefrite cronica è una continuazione della sua forma acuta. La causa più comune è un trattamento errato o mancante. A rischio sono anche i pazienti che hanno alterato il passaggio dell'urina attraverso le vie urinarie superiori. Un terzo dei pazienti soffre di questa malattia fin dall'infanzia a causa di un'infiammazione lenta del parenchima del calice renale-pelvico.

    La pielonefrite cronica ha un carattere ondeggiante: le remissioni sono sostituite da periodi di esacerbazione. Questa è la ragione del cambiamento nel quadro clinico. Durante un'esacerbazione, i sintomi sono simili alla forma acuta di patologia. Durante il periodo di remissione, i segni sono deboli. I pazienti lamentano dolori lancinanti o doloranti periodici, che più spesso si verificano a riposo. Sul loro sfondo compaiono:

    • astenia - debolezza episodica;
    • affaticamento veloce;
    • leggero aumento della pressione o della temperatura.

    Cause di occorrenza

    La causa comune dello sviluppo della malattia sono i batteri: stafilococchi, enterococchi, clamidia, Klebsiella, Salmonella, Pseudomonas aeruginosa. Entrano nei reni in modi diversi. Con la cistite, ciò avviene in modo urinogenico (ascendente): i microrganismi penetrano nel sistema calice-pelvico dall'uretra con le seguenti patologie:

    • cistite;
    • colpite;
    • adenoma prostatico;
    • malattia da urolitiasi;
    • anomalie della struttura del sistema urinario.

    I batteri vengono introdotti durante la manipolazione del catetere. Un altro modo di infezione è ematogeno, quando i microbi con il flusso sanguigno entrano nei reni da un altro punto focale dell'infiammazione in tali malattie:

    • angina;
    • polmonite;
    • otite;
    • pulpite;
    • influenza.

    Gruppi a rischio

    I medici identificano diversi gruppi a rischio, che includono pazienti inclini a sviluppare pielonefrite. Il primo è costituito da persone con anomalie nella struttura delle vie urinarie, come:

    1. Anomalie congenite. Si formano sotto l'influenza di fattori ereditari o negativi (fumo, droghe, alcol) durante la gravidanza. Risultato - si sviluppano malformazioni: restringimento dell'uretere, rene sottosviluppato o abbassato.
    2. La struttura anatomica del sistema genito-urinario nelle donne. Hanno un'uretra più corta rispetto al maschio.

    Le donne soffrono più spesso di questa malattia, non solo a causa della speciale struttura degli organi genito-urinari. La ragione per lo sviluppo di questa malattia in essi può essere ormonale e altri cambiamenti durante la gravidanza:

    1. L'ormone progesterone riduce il tono dei muscoli del sistema genito-urinario per prevenire l'aborto, ma allo stesso tempo interferisce con il flusso di urina.
    2. Il feto in crescita allarga la cavità uterina, che comprime l'uretere, interrompendo anche il processo di deflusso dell'urina.

    L'ultimo gruppo a rischio è costituito da pazienti con ridotta immunità. In questo stato, il corpo non può difendersi completamente da tutti i microrganismi estranei. Un sistema immunitario indebolito è tipico di queste categorie di pazienti:

    • bambini sotto i 5 anni;
    • donne incinte;
    • persone con malattie autoimmuni come l'infezione da HIV e l'AIDS.

    Fattori provocatori

    La pielonefrite è secondaria quando si sviluppa sullo sfondo di altre malattie. Questi includono diabete mellito, ipotermia frequente, scarsa igiene, infezioni infiammatorie croniche. L'elenco generale dei fattori che provocano la pielonefrite include:

    1. Tumori o calcoli delle vie urinarie, prostatite cronica. Provoca il ristagno e il flusso di urina alterato.
    2. Cistite cronica. Questa è un'infiammazione della vescica, in cui l'infezione può diffondersi nel tratto urinario e causare danni ai reni.
    3. Focolai cronici di infiammazione nel corpo. Questi includono bronchite, foruncolosi, infezioni intestinali, amigdalite.
    4. Malattie trasmesse sessualmente. Trichomonas e clamidia possono entrare nei reni attraverso l'uretra, il che porterà alla loro infiammazione.

    Trattamento della pielonefrite a casa

    La malattia viene trattata in modo conservativo, ma l'approccio deve essere completo. La terapia, oltre all'assunzione di farmaci, include l'adesione a un regime speciale. Le regole riguardano la correzione dello stile di vita e della nutrizione del paziente. L'obiettivo della terapia è eliminare l'agente eziologico della pielonefrite. Inoltre, vengono prese misure per normalizzare il deflusso di urina e rafforzare il sistema immunitario. Il trattamento della pielonefrite nelle donne e negli uomini viene effettuato secondo lo stesso schema, tra cui:

    1. Rispetto di un regime speciale. Presuppone il rifiuto dell'attività fisica intensa, l'eliminazione dell'ipotermia.
    2. Bevi molti liquidi. È prescritto se il paziente non ha edema.
    3. Cibo sano. Una dieta equilibrata aiuta a ridurre il carico sui reni, ridurre il livello di creatinina e urea nel sangue.
    4. Assunzione di farmaci non ormonali. Fanno parte della terapia etiotropica e sintomatica. Il primo - elimina la causa della malattia, il secondo - affronta i suoi sintomi.
    5. Fisioterapia. È usato per accelerare il recupero e alleviare i sintomi spiacevoli della patologia.

    Rispetto del regime

    Tenendo conto della gravità della malattia, il medico determina dove verrà trattata la pielonefrite. Le forme non complicate vengono trattate a casa, mentre il riposo a letto deve essere osservato durante i primi giorni. Il paziente non deve essere ipotermico e praticare sport. Con un'esacerbazione, è consentita solo una visita al bagno e alla cucina per mangiare. In caso di intossicazione e complicazioni, il paziente necessita di cure in un ospedale sotto la supervisione di un medico. Le indicazioni per il ricovero sono:

    • progressione della pielonefrite cronica;
    • pronunciata esacerbazione della malattia;
    • violazione dell'urodinamica, in cui è necessario ripristinare il passaggio dell'urina;
    • sviluppo di ipertensione arteriosa incontrollata.

    Bere molti liquidi

    Con la pielonefrite, è necessario aumentare l'assunzione di liquidi fino a 3 litri al giorno, ma solo in assenza di edema. L'acqua risciacqua le vie urinarie, rimuove le tossine e ripristina il normale equilibrio idrico-salino. Devi bere 6-8 bicchieri a intervalli regolari. Oltre all'acqua, per fornire un effetto antinfiammatorio e normalizzare i processi metabolici, è utile utilizzare:

    • brodo di rosa canina;
    • composta di frutta secca;
    • acqua minerale con alcali;
    • tè verde debole con latte o limone;
    • mirtilli rossi e bevande alla frutta a base di mirtilli rossi.

    Cibo sano

    Non è richiesta una dieta rigorosa. Si consiglia al paziente di rinunciare a cibi salati, piccanti e grassi, carni affumicate e bevande alcoliche. La preferenza è data ai prodotti con vitamine B, C, R. È necessario mangiare più frutta e verdura, soprattutto quelli che hanno un effetto diuretico: anguria, melone. L'elenco dei prodotti consigliati include inoltre i seguenti prodotti:

    • mele cotte;
    • zucca arancione brillante;
    • latte fermentato;
    • cavolfiore;
    • giovani barbabietole;
    • carota.

    Terapia farmacologica

    È diviso in due tipi: etiotropico e sintomatico. Il primo è necessario per eliminare la causa che ha causato una ridotta circolazione renale, in particolare il passaggio venoso o urinario. Gli interventi chirurgici aiutano a ripristinare il deflusso delle urine. Tenendo conto della causa della malattia, eseguire:

    • rimozione dell'adenoma prostatico;
    • nefropessi con nefroptosi;
    • plastica dell'uretra;
    • rimozione di calcoli dalle vie urinarie o dai reni;
    • plastica del segmento pelvico-ureterico.

    Il trattamento etiotropico include inoltre una terapia anti-infettiva - l'assunzione di antibiotici, a seconda dell'agente eziologico della malattia. Questo metodo viene utilizzato per la pielonefrite primaria e secondaria. La terapia sintomatica aiuta ad eliminare i segni della malattia, a ripristinare il corpo dopo il trattamento. Per eseguire queste attività, vengono prescritti i seguenti gruppi di farmaci:

    • diuretici: eliminare il gonfiore;
    • antinfiammatorio non steroideo - fornisce sollievo dall'infiammazione;
    • migliorare il flusso sanguigno renale - efficace nella pielonefrite cronica;
    • immunomodulatori, adattogeni: rafforzano il sistema immunitario.

    Fisioterapia

    In medicina, la fisioterapia è intesa come lo studio dell'influenza di fattori naturali sul corpo. L'uso di quest'ultimo aiuta a ridurre la quantità di farmaci assunti da una persona. L'indicazione per la fisioterapia è la pielonefrite cronica. Le procedure aumentano la circolazione sanguigna nel rene, migliorano la somministrazione di antibiotici ai reni ed eliminano gli spasmi di questi organi accoppiati. Questo rende più facile il passaggio di muco, batteri e cristalli di urina. Questi effetti sono posseduti da:

    1. Elettroforesi della furadonina nell'area dei reni. La soluzione per questa procedura include: 100 ml di acqua distillata, 2,5 g di idrossido di sodio, 1 g di furadonina. Per ottenere il risultato, vengono eseguite 8-10 procedure.
    2. USV alla dose di 0,2-0,4 W / cm2 in modalità pulsata. Una seduta di ultrasuoni dura 10-15 minuti. Controindicazione - urolitiasi.
    3. Elettroforesi dell'eritromicina nell'area dei reni. A causa della corrente elettrica, una soluzione di 100 g di alcol etilico e 100 mila unità di eritromicina viene consegnata agli organi.
    4. Procedure termiche. Questi includono applicazioni di ozocerite e paraffina, fango diatermico, fango terapeutico, diatermia.

    Farmaci per il trattamento della pielonefrite

    La selezione dei farmaci per il trattamento etiotropico viene effettuata sulla base di esami del sangue e delle urine generali e biochimici, durante i quali viene identificato l'agente eziologico della malattia. Solo in questa condizione la terapia porterà un risultato positivo. Diversi antibiotici sono efficaci contro alcuni batteri:

    Nomi di antibiotici e uroantisettici

    Terapia antibatterica basata sui risultati dell'esame batteriologico delle urine

    La condizione per il successo della terapia antibiotica è la compliance del farmaco e la sensibilità dell'agente eziologico della malattia ad esso, che viene rilevata durante la ricerca sui batteri. Se l'antibiotico non funziona entro 2-3 giorni, il che è confermato da un alto livello di leucociti nel sangue, viene sostituito con un altro farmaco. Le indicazioni per l'appuntamento sono determinate dal tipo di agente patogeno. In generale, vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci:

    Nome del gruppo di antibiotici

    1 g ogni 6 ore.

    0,5 g ogni 8 ore.

    1,2 g ogni 4 ore.

    3,5 mg / kg in 2-3 diluizioni.

    15 mg / kg in 2 somministrazioni.

    3-5 mg / kg in 2-3 iniezioni.

    0,1 g fino a 2 volte.

    0,3 g fino a 2 volte

    0,2 g 1 volta nella fase iniziale del trattamento, poi in una dose di mantenimento di 0,1 g.

    0,5-1 g fino a 3 volte.

    0,5 g fino a 3-4 volte.

    1 g fino a 2 volte.

    480 mg 2 volte.

    960 mg 2 volte.

    0,1-0,15 g tre volte.

    50-100 mg tre volte.

    2 compresse 4 volte.

    100-300 mg 2 volte.

    Endovenoso o intramuscolare

    1-2 g ogni 4-6 ore.

    0,5-1 g fino a 1-2 volte.

    0,5 g fino a 4 volte.

    Diuretici

    In presenza di edema e aumento della pressione, è necessario non solo limitare la quantità di liquido consumato. Inoltre, al paziente vengono prescritti diuretici. Sono usati solo per la pielonefrite prolungata per alleviare il gonfiore. Il diuretico più comune è Furosemide:

    • composizione: sostanza con lo stesso nome - furosemide;
    • forme di rilascio: capsule e soluzione per iniezione;
    • effetto terapeutico: effetto diuretico a breve termine, ma pronunciato;
    • dosaggio per adulti: 0,5-1 compressa o 20-40 mg mediante iniezione endovenosa lenta;
    • efficienza: 20-30 minuti dopo l'assunzione delle pillole, dopo 10-15 minuti - dopo l'infusione in vena.

    La furosemide ha una lista molto lunga di effetti collaterali, quindi i preparati a base di erbe sono spesso usati come alternativa. Esempi di tali medicinali sono:

    1. Kanephron. Ha effetti antispastici e antinfiammatori. La composizione contiene centaurea, rosmarino, levistico. La dose è determinata dalla malattia, in media, 2 compresse tre volte al giorno. Vantaggio: ben tollerato. Le controindicazioni includono solo l'intolleranza ai farmaci individuali.
    2. Fitolisina. È una pasta da cui si prepara una sospensione. Contiene radice di prezzemolo e levistico, foglie di betulla, verga d'oro, salvia e oli di menta. Dosaggio: 1 cucchiaino. incolla in mezzo bicchiere d'acqua 3 volte al giorno. Controindicazioni: gravidanza, insufficienza renale.

    Farmaci antinfiammatori non steroidei

    La necessità di utilizzare farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) è dovuta al fatto che aiutano a ridurre l'infiammazione dei reni. Inibiscono la cicloossigenasi, che è un enzima chiave nell'attivazione delle risposte. Come risultato dell'assunzione di FANS, la produzione di proteine ​​infiammatorie rallenta, viene impedita la proliferazione cellulare (proliferazione). Questo aiuta ad aumentare l'efficacia del trattamento etiotropico, ad es. prendendo antibiotici. Sullo sfondo dell'assunzione di FANS, penetrano più facilmente nel fuoco dell'infiammazione.

    Per questo motivo, questi farmaci vengono utilizzati in combinazione con antibiotici. I FANS non vengono utilizzati senza terapia etiotropica. Anche il farmaco Indometacina non viene utilizzato, poiché porta alla necrosi delle papille renali. Tra i FANS efficaci ci sono:

    1. Voltaren. La base è il diclofenac, che ha effetti antinfiammatori, antipiretici, antireumatici e antiaggregatori. Le controindicazioni e gli effetti collaterali dovrebbero essere studiati nelle istruzioni, sono numerosi. Il dosaggio medio delle compresse è di 100-150 mg in più dosi, soluzione per iniezione - 75 mg (fiala da 3 ml). Vantaggio: non si osserva accumulo di diclofenac con patologie renali.
    2. Movalis. A base di meloxicam, una sostanza con attività antipiretica e antinfiammatoria. Controindicazioni: grave insufficienza renale, pielonefrite cronica in pazienti sottoposti a emodialisi. Dosaggio di diverse forme di rilascio: 1 compressa al giorno, 15 mcg per via intramuscolare una volta. Il vantaggio è l'elevata biodisponibilità. Gli effetti collaterali sono rappresentati da un ampio elenco, quindi è meglio studiarli nelle istruzioni dettagliate per Movalis.
    3. Nurofen. Contiene ibuprofene, un agente analgesico e antinfiammatorio. È usato per la febbre in pazienti con malattie infettive e infiammatorie. Il dosaggio delle compresse è di 200 mg fino a 3-4 volte al giorno. Il vantaggio è la possibilità di utilizzarlo nel 1-2 trimestre di gravidanza. Gli svantaggi di Nurofen includono un ampio elenco di controindicazioni e reazioni avverse.

    Farmaci per migliorare il flusso sanguigno renale

    Con un lungo decorso della forma cronica di pielonefrite, l'afflusso di sangue al tessuto renale si deteriora. I farmaci antiaggreganti e angioproiettivi aiutano a migliorare la microcircolazione, dilatare i vasi sanguigni e aumentare la quantità di ossigeno erogato ai reni. L'indicazione principale per il loro utilizzo è il trattamento della pielonefrite cronica. Gli agenti antipiastrinici usati di frequente includono:

    1. Trental. A base di pentossifillina, ha un effetto vasodilatatore, aumenta l'elasticità degli eritrociti. Dose per diverse forme di rilascio: compresse - 100 mg 3 volte al giorno, fiale - 200-300 mg ogni mattina e sera.
    2. Venoruton. Include rutoside, ha effetti flebotonizzanti e angioprotettivi. Riduce la permeabilità capillare e l'edema. Il dosaggio medio è di 300 mg tre volte al giorno. Troxevasin ha un effetto simile..
    3. Curantil. Contiene dipiridamolo - una sostanza con effetti immunomodulatori e antiaggregatori. Assumere nella gamma di dosi giornaliere di 75-225 mg (1-3 compresse).
    4. Eparina. Anticoagulante a base di sodio eparina. Ha un effetto antitrombotico, riduce l'aggregazione piastrinica. Dose endovenosa - 15 UI / kg / h.

    Immunomodulatori e adattogeni

    La pielonefrite è spesso causata da un deficit nella funzione di soppressore T dei linfociti. A questo proposito, i pazienti con una tale diagnosi devono assumere immunomodulatori e adattogeni. Questi farmaci accelerano la formazione di anticorpi protettivi. Indicazione per l'uso - trattamento della pielonefrite cronica nella fase acuta. Esempi di immunomodulatori e adattogeni sono:

    1. Timalin. Normalizza la funzione dei linfociti B e T. Introdotto per via intramuscolare a 10-20 mg al giorno. Durata del trattamento - 5-6 giorni.
    2. Levamisole (Decaris). Stabilizza la funzione dei linfociti T e B, stimola la fagocitosi, aumentando così la capacità di produzione di interferone del corpo. Nominato come un corso di 2-3 settimane. Dose - 150 mg ogni 3 giorni.
    3. T-activin. Dosaggio: 100 mcg al giorno per iniezione intramuscolare.
    4. Metiluracile. Prendi 1 g fino a 4 volte al giorno con un corso di 15 giorni.
    5. Tintura di vite di magnolia cinese o ginseng (adattogeni). La dose giornaliera raccomandata è di 30-40 gocce fino a 3 volte. Prendi gli adattogeni fino alla fine del trattamento per la malattia.
    6. Complessi multivitaminici Duovit, Vitrum o Supradin. Ripristina la mancanza di vitamine e minerali nel corpo. Il dosaggio è: 1 compressa al giorno.

    Trattamento della pielonefrite con rimedi popolari

    La fitoterapia non è utilizzata come principale metodo di trattamento, è indicata in aggiunta ai farmaci e alla fisioterapia. Il trattamento a base di erbe è considerato più sicuro, ma i rimedi basati su di essi dovrebbero comunque essere utilizzati sotto controllo medico. Le piante utilizzate dovrebbero avere lievi effetti diuretici e antisettici. Questi includono:

    • levistico;
    • viola;
    • Erba di San Giovanni;
    • successione;
    • ortica;
    • achillea;
    • calendula;
    • fragole;
    • prezzemolo;
    • uva ursina;
    • saggio.

    Uva ursina (orecchie d'orso)

    Questa pianta contiene una sostanza unica: l'arbutina, che viene ossidata nel corpo in glucosio e idrochinone. Quest'ultimo è un antisettico naturale con azione antibatterica. È necessario utilizzare l'uva ursina secondo le seguenti istruzioni:

    1. Versare circa 30 g di erba secca con 500 ml di acqua bollente.
    2. Fate bollire a fuoco basso per un paio di minuti, poi lasciate fermentare per circa mezz'ora.
    3. Bere 2 cucchiai al giorno. l. fino a 5-6 volte. L'uva ursina è efficace in un ambiente alcalino, quindi è inoltre necessario utilizzare acqua minerale Borjomi, soluzioni di soda e mangiare più lamponi, mele, pere.

    Foglie di mirtillo rosso

    Le foglie di mirtillo rosso hanno effetti coleretici e antimicrobici. Tali proprietà sono dovute alla presenza nella composizione della stessa sostanza che si trova nell'uva ursina - idrochinone. Anche le istruzioni per preparare e prendere un decotto di queste due erbe sono le stesse. Solo è meglio insistere sul rimedio al mirtillo rosso per circa 2 ore. Inoltre, dopo un ciclo di terapia di 3 settimane, è necessario fare una pausa di 7 giorni e ripetere il ciclo di trattamento..

    Succo di mirtillo rosso o mirtillo rosso

    Queste bevande hanno proprietà antipiretiche, antinfiammatorie, cicatrizzanti e antibatteriche. L'elevata acidità di mirtilli rossi e mirtilli rossi li rende efficaci contro le infezioni delle vie urinarie e dei reni, ma non dovrebbero essere usati per le ulcere gastriche o duodenali. Istruzioni per la preparazione e l'uso di bevande alla frutta:

    1. Prendi 500 g di mirtilli rossi o mirtilli rossi, risciacqua.
    2. Macinali fino a renderli omogenei.
    3. Dopo diversi strati di garza, spremere il succo dalle bacche, aggiungere 2,5 litri di acqua pulita.
    4. Assumere 4 bicchieri di bevanda alla frutta al giorno.

    Spese mediche per procedure orali o esterne

    Nella fitoterapia contro questa malattia, anche le erbe sono efficaci. La combinazione di più componenti aiuta a ridurre il numero di effetti collaterali e il dosaggio. Le seguenti ricette sono efficaci:

    Ingredienti, numero di cucchiaini.

    Metodo di preparazione e utilizzo

    • Erba di San Giovanni - 5;
    • foglia di uva ursina - 5;
    • frutti di finocchio - 2;
    • fiori di sambuco - 4;
    • melissa - 3;
    • poligono - 5;
    • radice di calamo - 2;
    • foglia di tè ai reni - 2;
    • semi di lino - 3.
    1. Versare 2-3 cucchiai. l. raccogliendo 500 ml di acqua bollente.
    2. Versare in un thermos, lasciare per 6 ore.
    3. Consumare durante la giornata in 3 dosi divise mezz'ora prima dei pasti.
    • erba di veronica - 5;
    • germogli di rosmarino selvatico - 5;
    • Erba di San Giovanni - 5;
    • erba di equiseto di campo - 4;
    • seta di mais - 3;
    • gemme di pino - 3;
    • seta di mais - 3;
    • foglia di menta - 3.
    1. Prepara 2-3 cucchiai. l. miscela di erbe 0,5 l di acqua bollente.
    2. Insistere in un thermos per 6 ore.
    3. Bere l'infuso in 3 dosi nell'arco della giornata, utilizzando 20-30 minuti prima dei pasti.

    • radici di cicoria - 4;
    • radici di tarassaco - 4;
    • erba di camomilla - 4;
    • seta di mais - 3;
    • germogli di ginepro - 3;
    • erba di erica - 3;
    • celidonia - 4;
    • foglie di calamo - 3;
    • erba rampicante - 5;
    • foglie di betulla - 3.
    1. Versare 100 g di erbe con un litro di acqua bollente.
    2. Lasciare agire per 2 ore, quindi filtrare.
    3. Aggiungi al bagno con acqua a una temperatura di 32-36 gradi.
    4. Sdraiati per circa 10-15 minuti.
    5. Asciuga il corpo con un asciugamano.
    6. Vai a letto.
    7. Corso: 10-15 procedure, 1 al giorno.

    trattamento Spa

    La terapia complessa della pielonefrite, in particolare la pielonefrite cronica, prevede un trattamento termale. Aiuta i pazienti ad affrontare le riacutizzazioni più velocemente e a riprendersi. Sebbene questo tipo di trattamento abbia anche controindicazioni: insufficienza renale cronica, ipertensione, anemia. Al resto dei pazienti con pielonefrite vengono mostrate le seguenti procedure:

    • trattamento bevente con acque minerali nei sanatori delle sorgenti minerali di Zheleznovodsk, Jermuk, Slavyanovsky e Smirnovsky;
    • terapia dietetica;
    • termoterapia;
    • indurimento;
    • applicazioni di fango;
    • balneoterapia con vibrazione, radon, bagni aromatici, minerali e doccia Charcot (massaggio con getto d'acqua).