Glomerulonefrite: che cos'è, sintomi e trattamento negli adulti

A volte la glomerulonefrite renale si presenta come una malattia primaria, ma più spesso è di natura secondaria e si manifesta sotto l'influenza di patologie sistemiche. Con lo sviluppo di una forma cronica, il paziente richiede cure costose e riabilitazione a lungo termine.

Prevalenza

Secondo le statistiche nazionali, la glomerulonefrite negli adulti occupa il 3 ° posto nel gruppo delle malattie renali e spesso diventa la causa della disabilità del paziente.

Allo stesso tempo, si osserva un quadro molto interessante: a causa dell'efficacia della terapia antibiotica, la percentuale di glomerulonefrite acuta sta rapidamente diminuendo. Allo stesso tempo, il numero di persone che soffrono di glomerulonefrite cronica diffusa sta crescendo in modo esponenziale. I medici spiegano questa situazione con il deterioramento della situazione ambientale e il cibo di scarsa qualità.

La nefrite glomerulare colpisce persone di qualsiasi età e strato sociale, ma nella maggior parte dei casi viene diagnosticata nei lavoratori sotto i 50 anni di età. Gli uomini soffrono della malattia molto più spesso del gentil sesso.

Recentemente, il quadro clinico della glomerulonefrite è cambiato in modo significativo. Il processo patologico ha acquisito nuovi sintomi e spesso procede sotto le spoglie di altri disturbi.

Le ragioni

L'eziologia e la patogenesi della glomerulonefrite non sono completamente comprese. L'infezione da streptococco è considerata un potenziale colpevole di danni ai reni. Meno comunemente, gli agenti causali della malattia sono stafilococchi e pneumococchi.

Le principali cause della glomerulonefrite sono:

  • infezione virale acuta (scarlattina, influenza, tonsillite, polmonite);
  • vaccinazione;
  • allergia;
  • malattie sistemiche del corpo (lupus eritematoso, vasculite).

I seguenti fattori avversi possono provocare glomerulonefrite diffusa:

  • ipotermia;
  • infezione cronica (carie, epatite virale, annessite, sinusite, tonsillite);
  • l'uso di farmaci altamente tossici;
  • alcool, droghe;
  • passione eccessiva per i cibi salati;
  • indebolimento dell'immunità.

La glomerulonefrite acuta compare 14-20 giorni dopo l'infezione. La forma cronica può svilupparsi per mesi o addirittura anni senza manifestarsi in alcun modo.

Sintomi

I segni della glomerulonefrite negli adulti sono piuttosto diversi e dipendono dalla complessità della malattia. Esiste una comune sindrome nefritica che combina i principali sintomi della lesione:

  • segno cerebrale - manifestato dall'intossicazione del cervello;
  • urinario - caratterizzato da un aumento del contenuto di proteine ​​ed eritrociti nelle urine;
  • ipertensivo: pressione alta, non suscettibile di terapia farmacologica;
  • gonfiore, mancanza di respiro, insufficienza cardiaca.


Il tasso di sviluppo dei disturbi patologici ha una grande influenza sui sintomi della glomerulonefrite..

Classificazione

La classificazione della glomerulonefrite si basa sulla natura del decorso della malattia. Distinguere:

  1. La lesione acuta è una sindrome nefritica in rapido sviluppo. Con una terapia competente e tempestiva, è completamente guarito.
  2. Glomerulonefrite rapidamente progressiva - si verifica con un esordio acuto e lo sviluppo di insufficienza renale in 2,5-3 mesi.
  3. Glomerulonefrite cronica diffusa - si manifesta come un processo lento con remissioni ed esacerbazioni costanti. Si verifica più spesso.

Ogni forma di glomerulonefrite ha le sue caratteristiche e sintomi inerenti solo ad essa..

Forma acuta

Si manifesta in molti modi e con intensità variabile. I principali segni di questa forma della malattia sono:

  • ematuria (coaguli di sangue nelle urine);
  • aumento della pressione sanguigna;
  • sete intensa;
  • perdita di forza, debolezza, febbre;
  • diminuzione della produzione di urina;
  • rigonfiamento.

Qualsiasi glomerulonefrite renale acuta diffusa non curata entro 12 mesi deve essere classificata come cronica.

Forma subacuta

I sintomi di questa forma di malessere assomigliano a un danno renale acuto. L'unica differenza è una febbre lieve, ma più prolungata.

La glomerulonefrite rapidamente progressiva (subacuta) è considerata la forma più pericolosa e complessa della malattia. Spesso accompagnato da gravi conseguenze e spesso causa perdita di prestazioni, necessità di dialisi e trapianto di rene.

Forma cronica

Nella glomerulonefrite cronica, la sintomatologia progredisce nell'arco di diversi mesi o anni, pertanto è raramente possibile diagnosticare tempestivamente. La patologia attuale a lungo termine porta a una lenta morte dei glomeruli renali e alla loro sostituzione da parte del tessuto connettivo.

In circa il 18-20% dei pazienti, la glomerulonefrite cronica diffusa si manifesta sullo sfondo di una acuta, ma nel resto dei pazienti la patologia si sviluppa per ragioni sconosciute. In questo caso, una persona può lamentarsi di visione offuscata, letargia, secchezza delle fauci, convulsioni, sonnolenza, odore di urina dalle mucose.

Con questa forma di patologia, i pazienti richiedono un trattamento a lungo termine e una riabilitazione seria..

Quale medico tratta la glomerulonefrite?

Se sospetti lo sviluppo di glomerulonefrite, è necessario rivolgersi urgentemente a un nefrologo. È impossibile ritardare la visita dal dottore. Se non esiste un tale medico nella clinica locale, è necessario contattare un terapista per prescrivere il trattamento.

Diagnostica

La diagnosi di glomerulonefrite acuta con sintomi gravi non è difficile. Allo stesso tempo, dovresti essere consapevole che in alcuni pazienti le manifestazioni di insufficienza cardiaca vengono alla ribalta..

È molto più difficile differenziare la glomerulonefrite acuta da quella rapidamente progressiva. In questo caso, sono prescritti numerosi studi per confermare la diagnosi:

  • Ultrasuoni dei reni;
  • biopsia;
  • esame del sangue sierologico;
  • nefroscintigrafia;
  • raggi X.

La diagnosi di glomerulonefrite comprende l'esame del fondo e l'urografia escretoria.

Trattamento

Va ricordato che per qualsiasi forma di malattia, la terapia viene eseguita solo in ospedale. La durata della degenza ospedaliera dipende dalla gravità della patologia. In generale, è di 6-8 settimane, il congedo per malattia è concesso per 1,5-2 mesi.

Il trattamento e la riabilitazione per la glomerulonefrite includono l'uso di farmaci, allenamento fisico dosato, assistenza psicologica, visite ai sanatori.

I seguenti farmaci sono prescritti per i pazienti con malattie renali:

  • antibiotici - Benzilpenicillina, Bicillina, Azitromicina, Cefuroxime, Cefotaxime;
  • diuretici - Furosemide, Torasemide, Bumetanide, Acido etacrinico;
  • glucocorticoidi - Prednisolone:
  • citostatici - ciclofosfamide, clorbutina, azatioprina;
  • ACE inibitori e BRA-II - Captopril, Monopril, Enalapril, Moexipril, Lisinopril;
  • agenti antipiastrinici - Eparina, Fraxiparina, Reviparina, Trental, Clexane;
  • statine - Simvastatina, Lovastatina, Atorvastatina.

Per valutare l'efficacia della terapia per la glomerulonefrite, vengono utilizzati i seguenti concetti: remissione completa, parziale e nessun effetto. In caso di sintomi residui di patologia o decorso prolungato della malattia, si consiglia al paziente la riabilitazione in un sanatorio.

Terapia tradizionale

Il trattamento della glomerulonefrite con rimedi popolari è abbastanza efficace. La fitoterapia aiuta ad eliminare il gonfiore e migliorare la minzione. Per la preparazione di tè e infusi si consiglia di utilizzare semi di lino, foglie di betulla, api morte.

Questo strumento aiuta bene:

  • noccioli di noce - 100 g;
  • bacche di fico - 100 g;
  • limone con buccia - 3 pezzi.;
  • un bicchiere di miele.

Tutti i componenti vengono tritati e combinati con il miele. Insistere per 24 ore e prendere un cucchiaio prima di ogni pasto. Ma prima di usare il farmaco, è necessario consultare un medico.

Complicazioni

Le complicanze sono più spesso causate da glomerulonefrite cronica. Inoltre, le conseguenze della malattia sono piuttosto gravi:

  • coma uremico;
  • insufficienza cardiaca;
  • encefalopatia nefritica;
  • insufficienza renale.

La glomerulonefrite cronica diffusa con decorso progressivo e esito in caso di insufficienza renale (CRF) può essere la base per la nomina della disabilità.

I pazienti con insufficienza renale cronica di stadio 1 ricevono il gruppo di disabilità III, con un grado medio di insufficienza renale cronica, viene determinato il gruppo di disabilità II. Lo sviluppo dell'insufficienza renale cronica terminale è un'indicazione per la nomina di disabilità di gruppo I..

Prevenzione

La prevenzione primaria della glomerulonefrite consiste nell'eliminazione precoce di infezioni virali e batteriche, aumento dell'immunità, visite periodiche dal dentista e altri specialisti.

Misure di base per prevenire la glomerulonefrite:

  • evitare l'ipotermia;
  • limitare l'assunzione di sale;
  • rinunciare ad alcol e droghe;
  • con diabete mellito, controllare i livelli di zucchero nel sangue;
  • mantenere l'attività fisica.

Con lo sviluppo della glomerulonefrite cronica, il successo della riabilitazione e della prevenzione delle complicanze dipende dall'aderenza a un regime di lavoro e di riposo e da una dieta equilibrata. Va tenuto presente che uno sforzo psicologico e fisico eccessivo ha un effetto estremamente negativo sulla condizione dei reni..

La glomerulonefrite è sempre una malattia progressiva. Lo sviluppo del processo può essere interrotto quando i fattori causali o provocatori vengono eliminati. Se è impossibile identificare l'eziologia della patologia, tutte le forze dovrebbero essere dirette a stabilizzare le condizioni del paziente.

Come trattare la glomerulonefrite

Prima di procedere con il trattamento della glomerulonefrite, è necessario differenziare le diverse varianti della malattia e, se esiste tale possibilità, eseguire una biopsia del tessuto renale. Se il medico conosce il quadro morfologico esatto dei processi che si verificano nei reni nel paziente, allora sarà in grado di scegliere lo schema terapeutico più razionale.

Il trattamento della glomerulonefrite nella fase acuta e cronica del processo ha le sue caratteristiche. L'approccio alla terapia dei pazienti è sempre combinato. Il principio principale del trattamento è eliminare la causa sottostante della malattia (se possibile), nonché influenzare tutti i collegamenti della patogenesi.

Quando compaiono i primi sintomi della malattia (gonfiore improvviso sul viso, aumento irragionevole del numero di pressioni, dolori alla parte bassa della schiena su uno o entrambi i lati, cambiamenti nel sedimento urinario, ecc.), Consultare immediatamente un medico e non auto-medicare. Solo uno specialista esperto sa come trattare la glomerulonefrite e quali dosi di farmaci dovrebbero essere assunte.

Esistono varianti della malattia che non possono essere curate per sempre, tuttavia, grazie ai moderni approcci alla terapia del processo, è possibile ottenere una remissione stabile nei pazienti e arrestare la progressione della malattia.

Trattamento della glomerulonefrite acuta diffusa

Regime di gestione del paziente

Qualsiasi paziente con questa forma del processo necessita di ricovero in un reparto del profilo appropriato (terapeutico o nefrologico). Fino a quando i numeri di edema e ipertensione non saranno completamente eliminati, ha bisogno di riposo a letto (per circa 1,5-2 settimane). Grazie a ciò, il lavoro dell'apparato glomerulare dei reni migliora, la diuresi viene ripristinata, i fenomeni di insufficienza nel lavoro del cuore vengono eliminati.

Dopo la dimissione, tali pazienti sono controindicati in qualsiasi lavoro fisico per due anni, oltre a rimanere in luoghi con temperature elevate (bagni, saune).

Cibo sano

I principi della nutrizione includono i seguenti requisiti, solo osservandoli è possibile accelerare il processo di guarigione:

  • limitare il consumo di alimenti contenenti grandi quantità di carboidrati semplici e proteine;
  • esclude completamente tutti gli alimenti contenenti condimenti, spezie e altri componenti estrattivi;
  • il contenuto calorico del cibo non dovrebbe superare il fabbisogno energetico giornaliero del corpo, mentre la sua composizione vitaminica e minerale dovrebbe essere il più equilibrata possibile;
  • il volume del fluido consigliato al giorno viene calcolato in base alla produzione giornaliera di urina del paziente (a questa cifra vengono aggiunti 400-500 ml, ma non di più, per non sovraccaricare i reni).

Trattamento eziologico

Se il ruolo di un agente streptococcico è dimostrato all'inizio del processo, il trattamento adeguato della malattia inizia con la nomina di antibiotici dal gruppo della penicillina. Sono prescritti per via intramuscolare, il corso della terapia dura almeno 10-14 giorni. Quando la situazione lo richiede, il trattamento dura più a lungo.

Lo schema di somministrazione del farmaco è il seguente:

  • Penicillina 500.000 UI per via intramuscolare 6 volte al giorno (ogni 4 ore);
  • Oxacillina 500 mg per via intramuscolare 4 volte al giorno (ogni 6 ore).

Terapia patogenetica

Questa sezione del trattamento include l'uso di farmaci di un'ampia varietà di gruppi farmacologici, a causa dei quali si verifica l'inibizione dei singoli legami patogenetici della malattia..

La terapia immunosoppressiva con agenti ormonali è necessaria per sopprimere i processi autoimmuni, eliminare una componente infiammatoria pronunciata e stabilizzare l'attività proteolitica di vari sistemi enzimatici nel corpo del paziente.

Questo gruppo di farmaci viene utilizzato nel caso di una forma nefrosica del processo, quando non vi è una sindrome ipertensiva pronunciata e un aumento persistente degli eritrociti nelle urine del paziente. Inoltre, l'indicazione per il loro appuntamento è l'inizio dell'insufficienza renale acuta sullo sfondo della glomerulonefrite..

Viene utilizzato il prednisolone, il cui dosaggio è calcolato in base al peso iniziale del paziente (1 mg / kg al giorno). A questa dose, il farmaco viene assunto per 1,5-2 mesi, dopodiché vengono valutate le condizioni del paziente e risolto il problema di una graduale diminuzione della dose, fino alla completa cancellazione (ogni 5-7 giorni vengono ridotti di 2,5-5 mg).

Molto spesso, ai pazienti viene prescritta Azatioprina alla dose di 2-3 mg / kg o Ciclofosfamide 1,5-2 mg / kg al giorno per un periodo da 4 a 8 settimane. Quindi passano alla terapia di supporto, che è la metà della dose precedentemente assunta. La sua durata è di almeno sei mesi.

Gli anticoagulanti e gli agenti antipiastrinici riducono la permeabilità dell'apparato glomerulare dei reni, inibiscono l'adesione delle piastrine tra loro e sopprimono la coagulazione del sangue. Inoltre, riducono la componente infiammatoria del processo patologico e migliorano la diuresi del paziente.

Inizio il trattamento del paziente con iniezione sottocutanea di eparina 25.000-30.000 al giorno. Il corso della terapia dura in media 6-8 settimane, se necessario, si prolunga fino a 4 mesi.

Tra gli agenti antipiastrinici, Curantil, che migliora la velocità di filtrazione glomerulare e riduce i valori di pressione sanguigna, è il più diffuso..

È prescritto alla dose di 225-400 mg al giorno (per 6-8 settimane), quindi passano al trattamento di supporto 50-75 mg / giorno (da 6 mesi o più).

I farmaci antinfiammatori non steroidei hanno un effetto positivo nella lotta contro i mediatori dell'infiammazione, hanno un moderato effetto anticoagulante e immunosoppressivo.

L'indicazione per la nomina di farmaci di questo gruppo è la proteinuria a lungo termine, in assenza di un'altra clinica della malattia nel paziente (edema, pressione, diminuzione del volume di urina giornaliera escreta, ecc.).

Si ritiene consigliabile l'uso di Ortofen alla dose di 75-150 mg / die per 4-8 settimane. Va ricordato che questo farmaco può essere prescritto solo a pazienti che non hanno problemi con il tratto gastrointestinale (gastrite, ulcera peptica e altri).

Terapia sintomatica

Per fermare i sintomi patologici della glomerulonefrite acuta diffusa, viene eseguito un trattamento combinato con i seguenti farmaci.

Il fenomeno dell'ipertensione arteriosa viene eliminato mediante diversi gruppi farmacologici, molto spesso la nifedipina viene utilizzata alla dose di 0,001-0,002 g 2-3 volte al giorno (fino a quando lo stato non si è stabilizzato). Se il paziente ha un aumento persistente della pressione, Kapoten viene utilizzato sotto la lingua alla dose di 25-75 mg / giorno.

Nella lotta contro l'edema vengono utilizzati diuretici. Ipotiazide 50-100 mg / die o Furosemide 40-80 mg / die sono ampiamente prescritti. Il corso del trattamento con questi medicinali è breve (3-5 giorni), di regola, questo è sufficiente per eliminare completamente la sindrome dell'edema. Se ciò non accade, viene risolta la questione se continuare o meno la terapia..

La perdita patologica di eritrociti nelle urine viene eliminata prescrivendo al paziente mezzi che possono fermare il sanguinamento. Per questi scopi, l'acido aminocaproico viene utilizzato alla dose di 3 g 4 volte al giorno per 5-7 giorni. Nei casi più gravi, ricorrono alla somministrazione endovenosa..

Trattamento della glomerulonefrite rapidamente progressiva

Questa forma del processo è considerata la più sfavorevole e l'efficacia della terapia è bassa. Tale condizione viene trattata con alte dosi di ormoni glucocorticoidi in combinazione con citostatici (viene utilizzata la terapia a impulsi, spesso con la sua ripetizione dopo 2-3 giorni).

Tali metodi di terapia non farmacologica come plasmaferesi ed emodialisi sono ampiamente utilizzati, il cui compito principale è la massima pulizia del corpo del paziente dalle sostanze tossiche accumulate in esso e l'eliminazione degli immunocomplessi.

Trattamento della glomerulonefrite cronica

Regime di gestione del paziente

Durante il periodo di remissione, tutti i pazienti devono evitare ipotermia o surriscaldamento del corpo, intenso sforzo fisico e sovraccarico. È vietato lavorare di notte o in officine calde.

Se il processo è tuttavia aggravato, il paziente viene immediatamente ricoverato in ospedale, dove gli viene prescritto il regime più parsimonioso (fino al momento in cui si sente meglio).

Cibo sano

I principi di base della nutrizione nei pazienti con una forma cronica di glomerulonefrite durante un'esacerbazione sono simili a quelli nei pazienti con un processo acuto (descritto sopra).

Se c'è una sindrome urinaria isolata (non ci sono fenomeni di ipertensione ed edema), è consentito l'uso moderato di sale e condimenti, che migliorano il gusto del cibo (aglio, pepe e altri).

Terapia eziologica

Di norma, tale trattamento è possibile solo in una piccola percentuale di pazienti, poiché è efficace solo nelle prime fasi dello sviluppo del processo. Il principio principale della terapia è l'igiene tempestiva di tutti i focolai di infezione cronica nei pazienti con tonsillite cronica o endocardite. Per questo vengono utilizzati antibiotici della serie di penicilline..

Terapia patogenetica

Gli standard di trattamento per la glomerulonefrite cronica sono i seguenti.

Nomina di ormoni glucocorticoidi in forma nefrotica o latente del processo, la cui durata non supera i due anni dall'esordio della malattia.

La massima efficacia di questo gruppo di farmaci è stata dimostrata nella glomerulonefrite con variazioni minime, nelle forme membranose e mesangioproliferative della malattia..

Si ritiene ottimale prescrivere il prednisolone alla dose di 1 mg / kg di peso del paziente per un periodo da 4 a 8 settimane. Il dosaggio viene gradualmente ridotto (2,5-5 mg ogni 2-3 giorni), raggiungendo la dose di mantenimento ottimale (è individuale per ogni paziente).

Questo gruppo di farmaci è controindicato nella forma ipertensiva della malattia e nella sua versione mista, nonché nell'insorgenza di insufficienza renale.

La terapia citostatica è indicata per tutti i pazienti che presentano resistenza o intolleranza agli ormoni, nonché varianti ipertensive e miste della glomerulonefrite. In questi casi, vengono prescritti isolatamente, senza l'uso di glucocorticoidi..

Se il paziente non ha controindicazioni per il regime di trattamento combinato (Prednisolone + citostatico), viene eseguita la terapia con azatioprina alla dose di 2-3 mg / kg del peso del paziente o ciclofosfamide 1,5-2 mg / kg per 8-10 settimane. Quindi passano alle dosi di mantenimento (1/2 o 1/3 dell'iniziale).

Gli anticoagulanti e gli agenti antipiastrinici sono necessari per migliorare i processi di filtrazione renale ed escludere processi di formazione di trombi patologici (esiste una tale tendenza).

In un ospedale, i pazienti iniziano la somministrazione sottocutanea di eparina a 5000-10000 U ogni 6 ore per 6-8 settimane, dopodiché il dosaggio viene gradualmente ridotto e il farmaco viene cancellato.

In futuro, Kurantil viene utilizzato in terapia a 225-400 mg al giorno (10-12 mesi o più).

Questi medicinali sono controindicati nei pazienti con forma ematurica della malattia e processi patologici nel tratto gastrointestinale, nonché se il livello di filtrazione glomerulare del paziente è inferiore a 35 ml / minuto..

I FANS sono indicati nei pazienti con forma latente di glomerulonefrite o nella variante nefrosica della malattia, quando il paziente ha moderata proteinuria ed eritrocituria.

L'indometacina viene prescritta a 50 mg / die, la cui dose viene gradualmente aumentata a 150 mg al giorno. La durata del trattamento è in media di 3-6 settimane, dopodiché viene annullata (ridurre lentamente il dosaggio).

Terapia sintomatica

Per alleviare alcuni sintomi della malattia, vengono utilizzati farmaci di diversi gruppi farmacologici (farmaci antipertensivi, diuretici e altri). La scelta di ciascuno di essi è determinata dalle condizioni del paziente e dalla presenza di determinati sintomi..

Fitoterapia

Le tisane correttamente selezionate sono in grado di fornire un buon effetto antinfiammatorio, ipotensivo, diuretico, anticoagulante e disintossicante..

Nel trattamento a base di erbe usano:

  • infuso su foglie di betulla (2 cucchiaini di substrato secco vengono versati con 250-300 ml di acqua bollente, insistiti e consumati 4-5 volte al giorno);
  • un decotto di foglie di mirtillo rosso (mettere 2 cucchiai di foglie tritate in un'apposita ciotola di smalto, aggiungere 200-250 ml, portare a ebollizione a bagnomaria, togliere dal fuoco e lasciare fermentare, dopodiché si consumano mezzo bicchiere 3 volte al giorno);
  • decotto di radice di bardana (10 g di radice tritata vengono versati in 200 ml di acqua bollente, la sua ulteriore preparazione e utilizzo è simile al precedente).

Il moderno schema di terapia per la glomerulonefrite

Secondo le linee guida cliniche, la terapia per i pazienti con glomerulonefrite deve essere combinata e includere contemporaneamente più farmaci di diversi gruppi farmacologici. Ci sono molte opzioni per tali schemi, la scelta di ciascuno di essi è determinata dalle condizioni del paziente. Di seguito considereremo il più razionale.

Il trattamento a quattro vie comprende:

  • Prednisolone alla dose di 1 mg / kg di peso del paziente al giorno.
  • Ciclofosfamide alla dose di 2-3 mg / kg al giorno.
  • Eparina alla dose di 20.000 UI al giorno.
  • Curantil alla dose di 400-600 mg al giorno.

Tutti i suddetti farmaci vengono assunti per 6-8 settimane (più a lungo se necessario), dopodiché vengono ridotti a dosaggi di mantenimento.

trattamento Spa

L'indicazione per l'invio di un paziente a un trattamento di sanatorio-resort è la presenza di effetti residui di glomerulonefrite acuta (ad esempio, ematuria microscopica), nonché una forma cronica della malattia in remissione.

I resort con un clima secco e caldo sono adatti ai pazienti, grazie ai quali il processo di sudorazione e l'escrezione dei prodotti del metabolismo dell'azoto viene accelerato e la funzione renale è migliorata. Tali aree di villeggiatura includono: Yalta, Bairam-Ali e altri.

Non si dovrebbe mai inviare un paziente a tale trattamento se ha sintomi di un processo acuto o una grave ematuria.

Conclusione

Sfortunatamente, molte forme di glomerulonefrite sono molto difficili da trattare, il che causa disabilità nella popolazione attiva. Come trattare correttamente la glomerulonefrite è noto non solo ai nefrologi, ma anche agli specialisti terapeutici che osservano tali pazienti dopo che sono stati dimessi dall'ospedale (terapisti distrettuali). Un ruolo speciale è dato all'ulteriore riabilitazione di tutti i pazienti con glomerulonefrite e all'osservazione dispensata degli stessi..

Glomerulonefrite

Informazione Generale

La glomerulonefrite è una malattia infettiva-allergica che appartiene al gruppo delle malattie renali acquisite. Diverse forme di glomerulonefrite differiscono per eziologia, manifestazioni, decorso della malattia e esito. Molto spesso caratterizzato da infiammazione immunitaria dei glomeruli renali, nonché ulteriore infiammazione secondaria dei tubuli renali e dell'interstizio.

Distinguere tra glomerulonefrite acuta, una forma a flusso rapido della malattia e glomerulonefrite cronica. La forma acuta della malattia può essere spesso causata da una precedente infezione da streptococco - glomerulonefrite post-streptococcica. Per eziologia, ci sono glomerulonefriti primarie e secondarie che si verificano in malattie sistemiche - lupus eritematoso sistemico, reumatismi, periarterite nodosa e altri.

Le cause della malattia sono infezioni precedenti: streptococco, stafilococco e altre infezioni batteriche. In alcuni casi, il fattore eziologico nello sviluppo della malattia può essere l'epatite B e C e possibilmente l'infezione da citomegalovirus. La glomerulonefrite può svilupparsi sullo sfondo di malattie di natura parassitaria, sotto gli effetti tossici di alcuni farmaci, con l'uso di alcol e droghe, queste abitudini sono particolarmente forti nell'adolescenza. Anche la violazione della programmazione delle vaccinazioni preventive programmate può contribuire all'insorgenza della malattia. Pertanto, la prevenzione della glomerulonefrite dovrebbe contenere la stretta aderenza alle vaccinazioni di routine e agli esami medici..

Lo sviluppo della glomerulonefrite si verifica sullo sfondo di reazioni di immunità cellulare e umorale. Di norma, una precedente malattia infettiva provoca una risposta immunitaria nel corpo e si formano complessi immunitari. Gli anticorpi sviluppati per questo vengono trasportati dal flusso sanguigno attraverso tutti i sistemi, interessando gli organi ad essi sensibili. Può essere un muscolo cardiaco, si verifica una cardiopatia reumatica, articolazioni - reumatismi o, come in questo caso, i glomeruli dei reni - glomerulonefrite acuta.

Nei bambini, la malattia porta a insufficienza renale e, di conseguenza, disabilità. La glomerulonefrite post-streptococcica, a differenza di altre forme di malattia, è più comune nei bambini di età compresa tra 5 e 12 anni e si osserva anche lo sviluppo della malattia negli adolescenti e nei giovani. La forma acuta della malattia può svilupparsi a qualsiasi età, meno spesso la malattia si verifica dopo 40 anni.

Sintomi della glomerulonefrite

La malattia si sviluppa entro e non oltre tre settimane dopo l'infezione da streptococco trasferita, ad esempio tonsillite, tonsillite, piodermite, che colpisce entrambi i reni. Per l'inizio del decorso della malattia, i sintomi generali sono caratteristici: debolezza, mal di testa, brividi, nausea, mal di schiena, febbre alta. La glomerulonefrite acuta causa gonfiore delle palpebre, pallore, diminuzione della produzione di urina.

Il quadro clinico della malattia è ambiguo. Il decorso della malattia può avvenire in una forma ciclica con rapido sviluppo e molti sintomi, e può anche essere in una forma latente latente, cioè cancellata. Spesso, la diagnosi di glomerulonefrite nella forma latente del decorso della malattia avviene fuori dal tempo, il che rende possibile che la malattia si trasformi in una cronica.

I sintomi clinici caratteristici della glomerulonefrite sono la presenza di sangue durante la minzione e il gonfiore del viso. L'ematuria può essere lieve e può essere rilevata solo dall'analisi delle urine. Ma più spesso l'urina è bruno-rossastra. Anche il gonfiore non è sempre evidente, si tratta di borse sotto gli occhi e un evidente restringimento degli occhi o un forte aumento del peso corporeo di 3-4 chilogrammi.

Una diminuzione della quantità di urina, la cosiddetta oliguria, può durare fino a 5 giorni, quindi l'escrezione di urina è normalizzata, ma c'è una ridotta densità delle urine. Inoltre, la glomerulonefrite acuta è caratterizzata da un aumento della pressione sanguigna, che può durare per diverse settimane..

Con una prognosi positiva, i principali sintomi della glomerulonefrite scompaiono entro il primo mese e il recupero si verifica in 2-2,5. In caso di diagnosi tardiva, o se la malattia non risponde al trattamento entro un anno, la malattia si trasforma in una forma cronica grave.

La glomerulonefrite nei bambini si sviluppa spesso in forma acuta. I bambini in età prescolare e elementare sono più suscettibili alla malattia. I bambini praticamente non si ammalano di glomerulonefrite. Il decorso della malattia è estremamente tempestoso con aumenti critici della temperatura corporea.

La glomerulonefrite cronica si distingue in quattro forme cliniche. In ogni corso, sono caratteristici i periodi di remissione, che sono sostituiti da esacerbazioni simili alla forma acuta della malattia. Le esacerbazioni possono essere stagionali, nonché derivanti da infezioni ripetute con malattie infettive di natura streptococcica.

La forma necrotica della glomerulonefrite è caratterizzata da edema generalizzato, possibilmente il loro sviluppo in ascite e anasarca. Nei test di laboratorio si riscontra un aumento delle proteine ​​nelle urine e una diminuzione nel sangue. Allo stesso tempo, il livello di lipidi e globuline aumenta, il livello di albumina diminuisce..

La forma ipertensiva della malattia non include sintomi così pronunciati di glomerulonefrite come necrotica; questa forma è caratterizzata da ipertensione. È anche possibile una forma mista del decorso della glomerulonefrite cronica. In questo caso, i sintomi di entrambe le forme sono presenti contemporaneamente..

Oltre alla glomerulonefrite cronica acuta, può essere quasi asintomatica. La forma latente è caratterizzata solo da una lieve violazione dell'escrezione di urina.

Diagnostica glomerulonefrite

La sospetta glomerulonefrite acuta è causata da una triade di sintomi: edema, ematuria, ipertensione arteriosa. Nella forma latente del decorso della malattia, le indicazioni per un'ulteriore diagnosi sono i dati dell'anamnesi della malattia precedente e la determinazione degli anticorpi antistreptococcici e la loro concentrazione nel siero del sangue.

Per escludere la presenza di altre malattie renali sono prescritti uno studio con mezzo di contrasto a raggi X e una serie di test di laboratorio. Quindi la diagnosi differenziale della glomerulonefrite dovrebbe escludere l'esacerbazione della nefrite, comprese le forme ereditarie, la tubercolosi renale, la nefrolitiasi. La diagnostica della glomerulonefrite include anche dati di malattie precedenti, monitoraggio a lungo termine delle condizioni del paziente, consultazioni con un oftalmologo. Con la glomerulonefrite, si verificano cambiamenti nel fondo. Con un decorso estremamente tempestoso della malattia, viene eseguito l'esame dei tessuti: biotapt del rene.

Negli esami di laboratorio delle urine, la presenza di ematuria o cilindruria è una conferma della diagnosi. Nei primi giorni del decorso della malattia, i linfociti si trovano nell'analisi delle urine. Sono un riflesso del processo immunitario nei glomeruli dei reni..

Un esame del sangue rivela leucocitosi neurofilica, anemia e aumento della VES. I dati mostrano una diminuzione della filtrazione glomerulare, un aumento dei rifiuti azotati nel sangue. Si riscontrano disturbi del sistema di coagulazione del sangue. È più spesso rappresentato da prodotti di degradazione della fibrina, nonché dal fibrinogeno nel siero e nelle urine.

Trattamento della glomerulonefrite

Alla conferma della diagnosi, il paziente deve essere ricoverato in ospedale. Il trattamento della glomerulonefrite in ospedale richiede il riposo a letto, il paziente ha bisogno di riposo e calore, il che aiuta a normalizzare la circolazione sanguigna nei reni e abbassare la pressione sanguigna. Per alleviare l'edema è prescritta una dieta con un apporto dosato di liquidi. Nei primi giorni la dieta è rigorosamente controllata, è esclusa la presenza di sale negli alimenti, il suo uso viene ripreso gradualmente dopo la scomparsa dell'edema. Escludere anche piatti ricchi di potassio, estratti, allergeni.

Il trattamento farmacologico della glomerulonefrite comprende la terapia antibiotica, molto spesso gli antibiotici penicillinici vengono prescritti per un ciclo di 1,5-2 mesi. Si consiglia di prescrivere l'eparina per via sottocutanea per 2-4 settimane. Il farmaco previene la coagulazione del sangue intravascolare. Se i sintomi della glomerulonefrite comprendono ipertensione arteriosa, vengono prescritti ACE inibitori, infusione endovenosa di aminofillina in soluzione di glucosio e successiva infusione di furosemide. L'uso di clonidina, metildopa è accettabile.

La prognosi per il trattamento della glomerulonefrite è molto spesso favorevole. L'85-90% dei pazienti guarisce completamente, nel resto dei pazienti persistono cambiamenti nelle urine, il che rende impossibile parlare di una guarigione completa. Con il trattamento a lungo termine della malattia, è possibile una transizione a una forma cronica con segni di sindrome necrotica. L'esito fatale viene registrato raramente, il più delle volte con il rilevamento tardivo della forma latente del decorso della malattia.

Caratteristiche della glomerulonefrite e approcci al trattamento

I reni svolgono molte funzioni vitali nel corpo: rimuovono i prodotti metabolici nocivi, normalizzano la pressione sanguigna, ma, soprattutto, filtrano diverse centinaia di litri di sangue, consegnandolo in forma pura a tutti i tessuti. Sperimentando carichi così potenti, varie strutture dell'organo possono "fallire", ma molto spesso ciò si verifica con i glomeruli renali. A seconda della forma del decorso e dei sintomi, il trattamento della glomerulonefrite ha le sue specifiche..

Formazione della malattia e sue caratteristiche distintive

La glomerulonefrite è una malattia renale autoimmune che causa un danno bilaterale ai glomeruli. In misura minore, il processo coinvolge il tessuto interstiziale e i tubuli. Sullo sfondo di cambiamenti infiammatori, si verifica una violazione dell'afflusso di sangue, che comporta una ritenzione di sali e liquidi nel corpo. La mancanza di trattamento negli uomini e nelle donne può portare a gravi complicazioni. Nell'ICD 10, la malattia ha il seguente codice: forma acuta - N00, sindrome cronica - N03.

Cause e patogenesi

Una malattia renale come la glomerulonefrite può manifestarsi da sola o svilupparsi sullo sfondo di lesioni sistemiche. L'infiammazione dei glomeruli renali si verifica a causa di una risposta immunitaria inadeguata del corpo a fattori eziologici. Questi ultimi sono spesso agenti infettivi, sebbene possano esserci altri motivi:

  1. Disturbo genetico della struttura dell'apparato glomerulare.
  2. Infezioni: batteriche (streptoderma), virali, parassitarie.
  3. Autoimmune: lupus eritematoso sistemico, vasculite, malattia di Schönlein-Henoch.
  4. Effetti tossici: alcol, droghe, esposizione alle radiazioni.
  5. Somministrazione di sieri, vaccini.
  6. Ipotermia e raffreddore prolungati - flusso sanguigno alterato a causa dell'esposizione ad alta umidità e basse temperature (nefrite da trincea).
  7. Diabete mellito - danno vascolare.

I medici identificano una serie di fattori che aumentano il rischio di sviluppare la glomerulonefrite. Questa è un'eccessiva esposizione al sole, frequenti reazioni allergiche, presenza di infiammazione cronica, assunzione di farmaci senza prescrizione medica. Una caratteristica della patologia: i sintomi compaiono 7-14 giorni dopo l'infezione.

I meccanismi di difesa, o meglio il loro danno, giocano un ruolo speciale nell'insorgenza della malattia. Tutti i microbi patogeni lasciano antigeni nel sangue, al rilevamento dei quali il sistema immunitario inizia a produrre proteine ​​progettate per rimuovere le cellule estranee. In presenza di questo difetto si verifica una reazione inversa, cioè il legame di questi componenti e la formazione di complessi antigene-anticorpo. Non vengono escreti come previsto, ma si depositano sulle pareti dei capillari dei glomeruli, provocando un disturbo del microcircolo. Una cattiva circolazione porta alla morte del tessuto renale, con conseguente diminuzione della capacità di filtraggio dei glomeruli.

Criteri di classificazione

La lesione infiammatoria si sviluppa quasi sempre su entrambi i lati, cioè colpisce entrambi i reni. La moderna classificazione della glomerulonefrite è piuttosto varia. È determinato da una serie di segni e, di conseguenza, quando si effettua una diagnosi, può avere diverse caratteristiche chiarificatrici.

A seconda dell'eziologia:

  1. Primario. Il tessuto renale è interessato in isolamento a causa dell'esposizione a un fattore patogeno.
  2. Secondario. Il processo infiammatorio si sviluppa sullo sfondo della malattia esistente.

Dalla natura del flusso:

  1. Acuto. Sorge spontaneamente, si sviluppa rapidamente, procede ciclicamente. Adatto a un trattamento rapido, ma in sua assenza diventa cronico.
  2. Subacuto (rapidamente progressivo). È caratterizzato da un processo maligno, poiché reagisce male ai farmaci. Di conseguenza, complicato da condizioni che minacciano la vita del paziente.
  3. Cronico. I cambiamenti patologici sono osservati con CRF sviluppato. Un decorso asintomatico prolungato con periodi di esacerbazione porta alla sostituzione del tessuto renale con connettivo.

La glomerulonefrite acuta ha due varianti del corso:

  1. Tipico (ciclico). Caratterizzato da un decorso rapido e dalla gravità dei sintomi.
  2. Latente (aciclico). Differisce in un inizio graduale, segni debolmente espressi. Rappresenta un certo grado di pericolo dovuto alla diagnosi tardiva e ad un aumentato rischio di cronicità del processo.

La nefrite glomerulare cronica può anche assumere diverse forme:

NefroticoI sintomi urinari predominano, si osserva gonfiore, la pressione rimane normale
IpertensivoC'è un aumento della pressione sanguigna, la sindrome urinaria è scarsamente espressa
MistoIl sintomo principale è difficile da determinare, poiché si osserva una combinazione delle prime due sindromi
LatenteC'è uno stato di salute normale sullo sfondo dell'assenza di edema e ipertensione arteriosa, i sintomi nefrotici sono leggermente espressi
EmaturicoTutti i sintomi sono insoliti a causa delle loro manifestazioni deboli, la presenza di globuli rossi viene rilevata nel sangue

In alcuni casi, la malattia è una conseguenza dei processi autoimmuni. Ciò è dovuto al rilascio di grandi quantità di anticorpi nel flusso sanguigno, che attaccano le cellule del corpo. Una forma separata è la glomerulonefrite mesangioproliferativa.

Dettagli sui sintomi della glomerulonefrite

Le manifestazioni cliniche della glomerulonefrite si verificano 1-4 settimane dopo la malattia, di solito causata da streptococco.A seconda della forma della lesione dell'apparato glomerulare e dello stadio del decorso, possono prevalere alcuni sintomi.

Nelle forme acute e subaffilate

I sintomi della forma acuta dipendono dal grado di danno al sistema glomerulare dei reni e dallo stadio della malattia.

Il benessere del paziente peggiora bruscamente e si osservano le seguenti condizioni.

  1. Ipertermia. La temperatura corporea sale a 39-40 ° C, accompagnata da brividi e febbre.
  2. Aumento della pressione sanguigna Si verifica a causa dell'aumento del volume sanguigno dovuto alla ritenzione di liquidi.
  3. Lo sviluppo dell'edema. Appare gonfiore del viso, gonfiore delle palpebre, che aumenta al mattino e diminuisce la sera.
  4. Oliguria. C'è una diminuzione della quantità di urina escreta, fino alla sua completa cessazione. Dopo alcuni giorni, il volume aumenta di nuovo, ma la sua densità diminuisce..
  5. Scolorimento delle urine. Assume una tonalità marrone sporco, marrone e persino nero e si chiama "brodaglia di carne".
  6. Segni di intossicazione. Compaiono mal di testa, nausea, vomito, diminuzione dell'appetito, dolore alla parte bassa della schiena, confusione.

Con un decorso latente, i sintomi sono debolmente espressi, c'è un leggero deterioramento del benessere, una leggera diminuzione della quantità di urina e lo sviluppo di microematuria. Ciò porta alla progressione del processo e al danno irreversibile al sistema glomerulare..

La più difficile è la forma subacuta della glomerulonefrite. È accompagnato da gravi alterazioni delle urine, edema e ipertensione persistente. I sintomi ei segni sono simili a quelli nella fase acuta della malattia, con febbre moderata e insorgenza più rapida delle complicanze.

Manifestazioni di malattie croniche

La glomerulonefrite cronica nel 20% è una complicanza acuta, nel resto può essere diagnosticata per caso durante un esame di routine. Influisce negativamente sulle condizioni del paziente, che richiede terapia.

Le seguenti manifestazioni sono considerate i sintomi di una forma protratta della malattia:

  • Cambiamenti nel colore e nella natura delle urine. Diventa torbido e scuro con miscele di sangue e proteine, che lo rende "spumoso".
  • Rigonfiamento. Contrassegnato sul viso, arti. Il corpo diventa sciolto e gonfio, la massa aumenta.
  • Pressione arteriosa. Persiste a lungo ed è difficile smetterla con i farmaci.
  • Sintomi di CRF. C'è nausea, vomito, mal di testa, diminuzione della produzione di urina, prurito e secchezza della pelle, presenza di pigmentazione.

I sintomi aumentano gradualmente e impercettibilmente. Il paziente non presta attenzione al deterioramento della salute, non presenta reclami e non si rivolge al medico. Ciò contribuisce all'ulteriore sviluppo del processo e alla distruzione dei glomeruli renali.

Glomerulonefrite complicata

La nefrite glomerulare occupa uno dei primi posti tra le patologie renali che portano alla formazione di rughe renali e allo sviluppo di insufficienza renale cronica.

Sullo sfondo di complicazioni, il paziente può avere sintomi di glomerulonefrite:

  • insufficienza cardiaca acuta;
  • eclampsia;
  • emorragia intracerebrale;
  • deficit visivo;
  • glomerulonefrite cronica diffusa.

Questo tipo di patologia spesso diventa cronica e la displasia renale ipoplastica è considerata un fattore che migliora questo processo, quando il tessuto renale si sviluppa con un ritardo significativo.

Il concetto di sindromi nefrotiche e nefritiche

Quando un paziente sviluppa una malattia renale, spesso sente termini come sindrome nefritica e nefrosica.

Questi due concetti, nonostante la somiglianza, presentano differenze significative..

  1. Sindrome nefritica. Il risultato dell'infiammazione renale. È caratterizzato dalla comparsa di gonfiore, ipertensione, segni di insufficienza cardiaca. Il paziente lamenta debolezza, aumento della stanchezza, nausea, che termina con vomito, mal di testa. La sua composizione delle urine cambia, compaiono impurità del sangue, proteine.
  2. Sindrome nevrotica. Nasce come risposta del corpo allo sviluppo di malattie come glomerulonefrite, tumori maligni dello stomaco, colon, polmone, seno, malattie sistemiche o autoimmuni. Le manifestazioni di questa patologia sono un indebolimento delle difese immunitarie, lo sviluppo di insufficienza renale, una diminuzione della produzione di urina, una diminuzione della pressione sanguigna, debolezza, malessere generale..

Un'analisi comparativa di due sindromi renali è importante per la diagnosi, poiché nella pratica clinica ci sono casi in cui un paziente combina entrambe queste condizioni patologiche. Se sospetti questi processi, il medico prescrive ulteriori studi.

Pericolo di conseguenze

La patologia cronica è caratterizzata da un'alternanza di periodi acuti e periodi di calma temporanei. Tuttavia, questo processo porta gradualmente a una crescita eccessiva del tessuto connettivo, al restringimento dei reni e alla completa perdita di funzionalità. Inoltre, i medici sottolineano altre possibili conseguenze:

  • edema polmonare sullo sfondo di insufficienza cardiaca, ipertensione arteriosa;
  • eclampsia di tipo renale, convulsioni; convulsioni epilettiche con aumento della pressione sanguigna;
  • coma uremico.

Segni della malattia durante la diagnosi

L'esame viene eseguito da un nefrologo. La diagnosi di "glomerulonefrite" viene formulata sulla base di reclami dei pazienti, anamnesi, manifestazioni cliniche, studi di laboratorio e strumentali.

Dati di analisi di laboratorio

Per identificare i disturbi patologici, il medico prescrive una serie di metodi di laboratorio. Secondo i risultati diagnostici, si riscontrano cambiamenti caratteristici.

  • analisi clinica;
  • Test di Zimnitsky;
  • perdita giornaliera di proteine;
  • Test di Rehberg.
  • analisi clinica;
  • proteinogramma;
  • lipidi ed elettroliti nel sangue;
  • analisi sierologica;
  • analisi biochimica (creatinina e urea).

Sono possibili i seguenti risultati: proteine ​​nelle urine, ematuria, aumento del colesterolo nel sangue e rifiuti azotati. La presenza di un contenuto critico di immunocomplessi circolanti.

Indicatori di ricerca strumentale

In caso di cambiamenti identificati nelle urine e nel sangue, per chiarire la diagnosi e la gravità del processo, il medico prescrive una serie di manipolazioni strumentali:

  • Ecografia renale, raggi X;
  • TC e risonanza magnetica;
  • urografia escretoria (nella fase acuta);
  • nefroscintigrafia.

Se i dati della ricerca sono dubbi, viene eseguita una biopsia renale, seguita da un esame istologico del materiale ottenuto. La diagnosi differenziale viene eseguita con pielonefrite.

Trattamento della glomerulonefrite

Il trattamento della malattia viene effettuato in ambiente ospedaliero. La scelta di un regime terapeutico adeguato è determinata dalla forma del processo patologico (acuto o cronico) e dalla gravità dei sintomi.

Farmaco

Il principio di base del trattamento ambulatoriale è eliminare l'agente infettivo e sopprimere le risposte immunitarie che distruggono le cellule del corpo. L'elenco dei medicinali include farmaci dei seguenti gruppi:

  • antibatterico - "Eritromicina", "Penicillina";
  • immunosoppressori citostatici - "Ciclofosfamide", "Azatioprina";
  • corticosteroidi - "Prednisolone";
  • farmaci antinfiammatori - "Diclofenac".

Il complesso delle misure terapeutiche include la terapia sintomatica: l'uso di diuretici, antistaminici, farmaci antipertensivi.

Dieta e rimedi popolari

La nutrizione gioca un ruolo importante nella lotta contro questa patologia. I pazienti sono assegnati al riposo a letto e alla dieta n. 7. Si consiglia di ridurre la quantità di liquido bevuto (fino a 600-1000 ml), limitare l'uso di cloruro di sodio e proteine. Dagli alimenti ricchi di proteine, la preferenza dovrebbe essere data alla ricotta e alle uova. Il tasso di grasso non deve superare i 50 g Il contenuto calorico della dieta è fornito dai carboidrati. I primi piatti vanno cucinati in brodi vegetali, escludendo completamente quelli di carne. Nella maggior parte dei casi, una corretta alimentazione può aumentare l'efficacia della terapia e ripristinare la funzionalità renale..

La medicina tradizionale è un altro metodo efficace per trattare la glomerulonefrite. Queste ricette aiuteranno a sbarazzarsi di edema e altri sintomi della malattia..

  • Mescolare 4 parti di semi di lino con 3 cucchiaini di foglie di betulla e radice di campo d'acciaio. Versare 250 ml di acqua bollente e lasciare agire per 2-3 ore, coperto. Dividi la bevanda filtrata e bevi un terzo di bicchiere tre volte al giorno. L'ammissione al corso è di una settimana.
  • Mettere in un contenitore per 1 cucchiaino. stimmi di mais e code di ciliegie. Preparare mezzo litro di acqua bollente e lasciar raffreddare completamente. Dosaggio - ¼ di bicchiere tre volte al giorno. La durata del trattamento è illimitata, il farmaco viene interrotto dopo che i sintomi scompaiono.

Per rafforzare l'immunità, prendi 1 cucchiaino. una miscela di miele (vetro) con noci e nocciole (un cucchiaio ciascuna), così come la buccia di un limone. I mezzi a base di api morte e avena, un decotto di miglio, erbe medicinali sono considerati utili.

La necessità di dialisi e l'aiuto dei chirurghi

Se la glomerulonefrite è passata allo stadio terminale dell'insufficienza renale cronica, quando l'organo non è in grado di svolgere le sue funzioni, al paziente viene prescritta l'emodialisi. In presenza di determinate indicazioni (età, gravità speciale della patologia, danno d'organo bilaterale), si raccomanda il trapianto di un rene sano da un donatore. La pulizia extrarenale del sangue è vista come un intermedio.

Prevenzione e prognosi

Non esiste una profilassi specifica per la nefrite glomerulare. Le misure per ridurre e il rischio di sviluppare questa malattia comprendono:

  • moderato indurimento e ridotta sensibilità alle basse temperature;
  • controllo del peso corporeo;
  • trattamento completo delle infezioni da streptococco;
  • riabilitazione tempestiva di focolai cronici;
  • esame regolare per identificare i cambiamenti patologici;
  • controllo della glicemia;
  • aumento dell'attività motoria;
  • smettere di fumare e bere alcolici.

In presenza di allergie, è indicata la desensibilizzazione: assunzione di antistaminici, esecuzione di procedure di pulizia, aderenza alle diete. I trattamenti termali in climi secchi e moderatamente caldi possono portare benefici.

Il processo acuto si sviluppa rapidamente, ma risponde bene alla terapia, per cui raramente assume una forma prolungata. Con un trattamento tempestivo e adeguato, si verifica quasi sempre il recupero completo. La glomerulonefrite cronica può anche essere lieve, quindi la funzionalità renale rimane normale per un lungo periodo.

Conclusione

La glomerulonefrite, i cui sintomi e trattamento negli adulti sono stati descritti sopra, è considerata una malattia pericolosa sullo sfondo di altre patologie del sistema urinario. La forma acuta a volte richiede mesi per essere curata e quella cronica richiede anni. In presenza di complicazioni, la prognosi potrebbe essere sfavorevole, quindi, dovresti stare attento alla tua salute e prevenire danni ai reni, per poi affrontare senza successo patologia e disabilità.