Come sbarazzarsi di un grande calcolo renale?

in Metodi di trattamento 23.03.2018 0348 Views

Un calcolo renale di grandi dimensioni non può passare attraverso le vie urinarie nello stesso modo in cui normalmente possono farlo quelli piccoli e la loro rimozione di solito richiede procedure invasive come la chirurgia nefroscopica. Questo può essere visto come un ricovero in ospedale o un trattamento ambulatoriale in uno studio medico. Altre procedure per rimuovere i calcoli renali di grandi dimensioni includono la rimozione degli ureteri o la litotrissia extracorporea ad onde d'urto.
Se i calcoli renali di piccole dimensioni causano pochi o nessun sintomo, un calcolo renale di grandi dimensioni può causare un grave disagio. Ciò accade quando la pietra si muove e blocca il flusso di urina. Ciò provoca forti dolori o forti crampi sul lato della schiena dove si trova la pietra. Come risultato di questo blocco, il sangue può apparire nelle urine. Se ciò causa febbre o brividi, potrebbe essere un segno di urolitiasi, che può essere trattata con antibiotici..

La nefrolitotomia percutanea è un intervento chirurgico per rimuovere i calcoli renali che viene spesso eseguito per rimuovere un calcolo renale di grandi dimensioni. In anestesia generale, viene praticata un'incisione nel rene e, utilizzando un nefroscopio, il calcolo viene rimosso. I pazienti di solito devono rimanere in ospedale per uno o due giorni e possono essere necessarie diverse settimane per un recupero completo da questa operazione..

La rimozione uretroscopica dei calcoli renali comporta l'introduzione di un piccolo volume nell'uretere per distruggere i calcoli di grandi dimensioni. Un laser può essere utilizzato per rompere le pietre in piccoli pezzi, facilitando la rimozione. Per ridurre il gonfiore, è possibile inserire temporaneamente un tubo chiamato stent. Questo viene fatto sia in anestesia generale che locale, a seconda delle circostanze individuali..

Nella litotrissia extracorporea ad onde d'urto (SWL), le onde d'urto vengono utilizzate per rompere una grossa pietra in piccoli pezzi delle dimensioni di un granello di sabbia. Questa procedura unica viene eseguita mentre il paziente è sott'acqua o su un cuscino spesso e di solito richiede meno di un'ora. Questo viene fatto in anestesia generale o anestesia locale o generale. Le onde d'urto viaggiano attraverso tutto il corpo e rompono i calcoli renali. Quindi, piccoli pezzi passano facilmente nelle urine..

Gli effetti collaterali del trattamento per i calcoli renali con SWL includono sangue nelle urine e lividi nella schiena e nell'addome. Inoltre, pietre molto grandi possono richiedere più di un trattamento per romperle in pezzi abbastanza piccoli. Potrebbero essere necessari diversi mesi prima che piccole pietre passino attraverso le vie urinarie.

Innaffia i reni. Cosa causa l'urolitiasi?

Bere un bicchiere d'acqua ogni ora per sostenere la salute dei reni..

Questa è una delle regole importanti per la prevenzione dell'urolitiasi..

Non molto tempo fa, i classici libri di testo di urologia affermavano: gli uomini soffrono di calcoli renali 3 volte più spesso delle donne. Negli ultimi anni il rapporto è diventato praticamente uguale. Ciò è dovuto al fatto che il numero di donne in sovrappeso è aumentato. E l'eccesso di peso contribuisce indirettamente allo sviluppo della malattia. La causa più comune del problema è una cattiva alimentazione. Ad esempio, fast food. La ricerca ha dimostrato che solo nel 2019 il mercato dei fast food in Russia è aumentato del 20%. Più della metà della spesa delle persone è caduta in fast food, mentre la spesa in caffè e ristoranti tradizionali è diminuita dell'11%. Ciò significa che il numero di coloro che soffrono di pietre, ahimè, crescerà solo..

Chi ha le pietre e come affrontarle? NI Pirogova, capo del dipartimento di urologia, GKB № 64 dal nome. Vinogradov, candidato di scienze mediche Sergei Belomyttsev.

I bevitori bassi sono a rischio

Non è così difficile "far crescere" un calcolo renale. Vale la pena bere meno acqua, mangiare più cibi grassi, carne e salati, muoversi un po ', non curare le infezioni del tratto urinario e assumere indiscriminatamente vitamine e integratori di calcio. Naturalmente, oltre allo stile di vita, i fattori ereditari possono influenzare lo sviluppo della malattia: aumento dell'acidità nel corpo, caratteristiche strutturali dei reni e delle vie urinarie (quando l'urina ristagna), malattie della tiroide e condizioni di vita - clima caldo, composizione chimica del suolo e dell'acqua.

Tutto quanto sopra porta al fatto che l'urina, che è progettata per rimuovere i sali non necessari dal corpo, diventa più concentrata. I sedimenti salini formano cristalli, si depositano sulle pareti della pelvi renale. Da questi cristalli crescono le pietre.

Un altro sintomo è il sangue nelle urine. Sembra dovuto al fatto che il deflusso disturbato di urina dal rene porta allo stiramento della mucosa e alle sue micro-lacrime. In questo caso, devi andare immediatamente dall'urologo. Nel 25% dei casi, questo sintomo è un segno di urolitiasi. E nel 4-9% dei casi, questo può indicare la presenza di cancro, soprattutto nei pazienti sopra i 50 anni.

Esattamente per stabilire se ci sono calcoli renali, aiuterà l'esame: ecografia, tomografia computerizzata (standard "aureo", pietre rivelatrici nel 94-100% dei casi), raggi X, test di laboratorio.

Pietre in uscita!

Ci sono molte opzioni, la scelta dipende dalla posizione, dalle dimensioni, dalla composizione e dalla densità delle pietre. Ad esempio, se il calcolo è piccolo e nell'uretere, il medico può prescrivere farmaci che dilatano l'uretere e facilitano il passaggio del calcolo da solo. Un'altra opzione che quasi tutti i pazienti con urolitiasi sognano è quella di sciogliere le pietre. Tutti vogliono bere delle pillole magiche per far sparire tutto. Ciò è possibile solo nel caso di calcoli di urato formati da acido urico. Tali pazienti sono circa il 15%. Un aumento del livello di acido urico negli esami del sangue, un aumento del peso corporeo in un paziente e una tendenza a cibi grassi e carnosi ci consentono di presumere la presenza di calcoli di urato. È caratteristico che i calcoli di urato non siano visibili ai raggi X..

La litotripsia remota è il secondo trattamento preferito dopo la dissoluzione nei pazienti con urolitiasi. Non è necessario entrare nel corpo, hanno appoggiato l'apparato contro la parte bassa della schiena, hanno puntato la pietra con l'aiuto di ultrasuoni o raggi X e l'hanno schiacciata con un'onda d'urto. Tale trattamento è possibile se le pietre non sono troppo dense e grandi.

Se la pietra è nel rene, non più di 5 mm di dimensione e non dà fastidio, può essere semplicemente osservata. Dai calcoli di 4 mm dell'uretere nell'85% dei casi si allontanano indipendentemente. Tuttavia, se un paziente con urolitiasi sullo sfondo di colica renale ha la febbre, è necessario chiamare un'ambulanza e andare in ospedale. La temperatura può indicare l'inizio dell'infiammazione nel rene e questa è già una condizione pericolosa per la vita.

Nel 40% delle persone, i calcoli ricompaiono entro 5 anni dal trattamento. Pertanto, si dovrebbe tentare di analizzare una pietra rimossa o auto-dipartita. Gli esperti scopriranno la sua composizione chimica e, sulla base di ciò, forniranno raccomandazioni sulla dieta o sull'assunzione di farmaci, ad esempio, che modificano l'acidità delle urine. Ma, diciamo, i calcoli di fosfato indicano la presenza di un'infezione del tratto urinario. In questo caso, vengono prescritti farmaci che uccidono i batteri patogeni..

Urolitiasi renale

Informazione Generale

L'urolitiasi (altri nomi - nefrolitiasi, nefrolitiasi, urolitiasi) è una malattia, durante lo sviluppo di cui si formano le pietre nei reni o in altri organi del sistema urinario. I sintomi dell'urolitiasi possono comparire per la prima volta in una persona a quasi tutte le età. Come evidenziato dalla diagnosi, la malattia può svilupparsi nei neonati e negli anziani. Ma a seconda dell'età della persona malata, il tipo di pietra è diverso. Quindi, nei pazienti anziani, i calcoli di acido urico si formano più spesso. Allo stesso tempo, i calcoli proteici si trovano nei pazienti che richiedono un trattamento per l'urolitiasi, molto meno spesso. Molto spesso, con l'urolitiasi, si formano pietre con una composizione mista. La dimensione delle pietre può variare. Quindi, se parliamo di pietre fino a 3 mm di diametro, non sono le pietre a essere determinate, ma la sabbia nei reni. A volte le pietre grandi possono arrivare fino a 15 cm Ci sono anche descrizioni di casi in cui le pietre pesavano più di 1 kg.

Cause di urolitiasi

Prima di prescrivere una terapia per la malattia o di praticare un trattamento con rimedi popolari, se possibile, si dovrebbero determinare i presunti motivi per i quali una persona ha segni di urolitiasi. La ragione principale per la comparsa dei calcoli renali sono i gravi disturbi metabolici, in particolare i cambiamenti nell'equilibrio chimico e salino del sangue. Ma allo stesso tempo, un ruolo importante nello sviluppo della malattia è giocato dalla presenza di alcuni fattori che favoriscono la formazione di calcoli. Prima di tutto, questo è lo sviluppo di malattie gastrointestinali negli esseri umani, nonché disturbi del sistema genito-urinario, malattie delle ossa e disfunzione delle ghiandole paratiroidi. La carenza di vitamine può anche provocare la comparsa di pietre. È particolarmente importante sopperire alla carenza di vitamine del gruppo D, quindi anche la prevenzione della malattia comporta l'assunzione di esse.

La nutrizione è un fattore altrettanto importante. Le pietre compaiono più spesso in quelle persone che consumano cibi che possono aumentare significativamente l'acidità delle urine. Ecco perché la dieta per l'urolitiasi disattiva cibi salati, acidi e troppo piccanti. Un altro punto importante è l'acqua che le persone usano regolarmente. Se è troppo duro e contiene più sali nella sua composizione, aumenta la probabilità di comparsa di pietre. Molto spesso, le pietre si trovano in persone che vivono costantemente in climi molto caldi. Ma la mancanza di esposizione ai raggi ultravioletti può provocare l'urolitiasi. Nel processo di diagnostica, il medico non solo prescrive i metodi di ricerca necessari, ma scopre anche cosa esattamente potrebbe aver provocato l'insorgenza della malattia. Sia il trattamento farmacologico che quello alternativo devono essere effettuati tenendo conto di questi motivi.

Sintomi

Nella maggior parte dei casi, la malattia dei calcoli renali si manifesta con segni che una persona non può fare a meno di notare. Ma a volte la malattia è latente ed è possibile identificare i calcoli renali solo per caso, quando vengono diagnosticate e trattate altre malattie.

I principali sintomi dell'urolitiasi sono la manifestazione di sensazioni dolorose nella regione lombare. Una persona può essere infastidita dal dolore da un lato o da entrambi. Le sensazioni dolorose sono noiose, ma estenuanti, aumentano con lo sforzo fisico o nel momento in cui il paziente sta cercando di cambiare la posizione del corpo. Se un calcolo renale finisce nell'uretere, il dolore diventa più intenso e copre l'addome inferiore, l'inguine ei genitali. A volte cede alla gamba. Un attacco di dolore molto grave spesso termina con il passaggio di pietre nelle urine.

I pazienti con urolitiasi soffrono periodicamente di coliche renali. Questa è una condizione in cui si sviluppa un dolore incredibilmente intenso nella regione lombare. La colica può durare anche diversi giorni, mentre il dolore poi si attenua un po ', quindi riprende di nuovo con rinnovato vigore. L'attacco si ferma quando la pietra cambia posizione o entra nella vescica.

Se hai i calcoli renali, una persona può provare dolore durante la minzione e la minzione potrebbe essere troppo frequente. In questo caso, si può presumere che ci siano calcoli nell'uretere o nella vescica. Nel processo di minzione, il flusso di urina viene talvolta interrotto e il paziente non avverte il completo svuotamento della vescica. I medici definiscono questo sintomo come sindrome "bloccata". Se una persona cambia posizione del corpo, la minzione continua.

Dopo un attacco doloroso o uno sforzo fisico, è possibile trovare sangue nelle urine del paziente. Inoltre, l'urolitiasi è caratterizzata da annebbiamento delle urine, ipertensione ricorrente. Se la pielonefrite si unisce alla malattia, la temperatura corporea del paziente può aumentare fino a 38-40 gradi.

A volte i calcoli renali o la sabbia sono presenti in una persona per tutta la vita e non compaiono sintomi. Di conseguenza, il paziente potrebbe anche non essere a conoscenza della sua malattia. In generale, i sintomi dipendono direttamente dalle dimensioni e dal tipo di pietra del paziente, da dove si trova esattamente la pietra e da quali violazioni del sistema genito-urinario si osservano. Anche il trattamento della sabbia e dei calcoli renali negli organi del sistema genito-urinario viene effettuato tenendo conto di questi fattori..

Pertanto, il principale sintomo obiettivo dell'urolitiasi sono i calcoli renali. I sintomi dei calcoli renali sono, prima di tutto, l'annebbiamento delle urine, la presenza di sedimenti in esso, un cambiamento di carattere (l'urina scura e densa appare all'inizio del processo di minzione).

Che tipo di calcoli renali ha formato una persona può essere determinato da ulteriori ricerche. Possono essere di diversa composizione. Assegna calcoli renali di fosfato, calcio e ossalato. Tuttavia, la diagnosi indica che il più delle volte si formano pietre di tipo misto nei reni dei pazienti.

La rimozione dei calcoli renali è il punto principale del trattamento. Ma inizialmente il medico deve determinare tutte le caratteristiche della malattia e solo successivamente decidere cosa fare. È importante considerare che all'inizio della malattia, le pietre potrebbero non manifestarsi affatto. In questo caso, stiamo parlando della cosiddetta pietra. Ma anche in questo caso, è importante identificare la malattia e determinare come rimuovere i calcoli, poiché in qualsiasi momento possono provocare coliche renali. Le ragioni che influenzano la manifestazione dei sintomi sono molteplici: si tratta di un forte stress, un'alimentazione disturbata e un'intensa attività fisica. A proposito, nella maggior parte dei casi, la colica renale è causata da piccole pietre. Ma la presenza di grandi pietre nei reni, la cui foto è particolarmente impressionante, non è meno pericolosa, poiché questo è un percorso diretto allo sviluppo dell'insufficienza renale e della morte renale. Pertanto, è estremamente importante condurre una diagnosi di alta qualità con tutti gli studi, da cui il medico può conoscere le caratteristiche del decorso della malattia e il successivo trattamento. La prevenzione della malattia in coloro che sono inclini alla formazione di calcoli merita un'attenzione particolare..

Diagnostica

Esistono numerosi metodi diagnostici con cui le malattie del sistema urinario vengono rilevate da specialisti nelle prime fasi. Ma qui è importante anche la coscienziosità dei pazienti. Ogni persona, alla manifestazione dei primissimi sintomi di patologie del sistema genito-urinario, dovrebbe consultare un medico, poiché da solo non sarà in grado di capire se ha calcoli nei reni, nell'uretere o nella vescica.

Dopo aver intervistato il paziente, l'urologo gli prescrive l'esame necessario. Prima di tutto, viene eseguita un'analisi di laboratorio delle urine, che consente di determinare la presenza di infezione microbica, la presenza di sangue nelle urine e anche di conoscere la natura delle impurità saline. Con l'aiuto di un esame del sangue generale, vengono rilevati processi infiammatori. Inoltre, viene eseguito un esame del sangue biochimico. Uno dei test più importanti per sospetti calcoli renali è l'ecografia renale. Tuttavia, in alcuni casi, gli ultrasuoni non consentono ancora di determinare la presenza di calcoli nell'uretere, poiché possono essere localizzati in profondità dietro il peritoneo.

L'urografia escretoria viene spesso prescritta per rilevare i calcoli. Per fare ciò, un mezzo di contrasto viene iniettato in una vena, dopo di che vengono eseguiti i raggi X. Lo studio di un quadro generale generale del sistema urinario consente al medico di identificare esattamente dove si trovano le pietre, di scoprire di che forma e dimensione hanno. Ma allo stesso tempo, lo specialista tiene conto del fatto che alcune pietre sono in grado di passare i raggi X. Di conseguenza, non sono visibili nelle immagini..

Un altro metodo di ricerca è la nefroscintigrafia dei radioisotopi. La procedura inizia con l'introduzione di uno speciale radiofarmaco nella vena. Si accumula nei reni e viene poi escreto attraverso di essi. A questo punto, i reni vengono scansionati per determinare se le loro funzioni sono compromesse. Lo studio è informativo per uno specialista.

Trattamento

La nefrolitiasi renale deve essere trattata in più fasi. Nei pazienti con dolore acuto, è necessario, prima di tutto, alleviare un attacco di colica acuta. Ulteriori trattamenti includono la rimozione dei calcoli, il trattamento del processo infettivo e la prevenzione del futuro sviluppo delle pietre..

I calcoli renali vengono trattati con metodi conservativi e chirurgici. Il metodo di terapia conservativo include cure mediche, nonché una dieta rigorosa e un determinato regime di consumo. Tuttavia, la terapia con le pillole, così come alcuni rimedi popolari, possono essere efficaci se il paziente ha solo pietre molto piccole o sabbia nei reni. I farmaci prescritti dal medico in questi casi aiutano a sciogliere i calcoli renali e la sabbia. Tuttavia, in nessun caso tali farmaci devono essere utilizzati senza la supervisione di uno specialista. È lui che deve decidere come trattare l'urolitiasi e come sciogliere le pietre. Praticando un trattamento alternativo, il paziente deve anche consultare prima un medico, poiché qualsiasi farmaco popolare può influire negativamente sulla salute del paziente..

Se, in presenza di calcoli renali, inizia un processo infiammatorio in una persona, il trattamento antibatterico è obbligatorio. Successivamente, il medico decide come rimuovere le pietre..

Nella medicina moderna, la frantumazione della pietra viene praticata utilizzando un laser. Il trattamento laser prevede una combinazione di endoscopia e l'uso del laser stesso.

L'endoscopio viene inserito nel canale uretrale, dopodiché la frantumazione viene eseguita con un ugello laser. Il metodo non è doloroso e talvolta consente di rimuovere i calcoli in una sola procedura. Inoltre, con il suo aiuto, puoi sbarazzarti di pietre di diverse forme e dimensioni..

Anche la frantumazione dei calcoli renali viene eseguita utilizzando le capacità degli ultrasuoni. In questo caso, viene applicato il principio di frantumazione dell'onda d'urto, fornito da un apparecchio speciale. La frantumazione con ultrasuoni consente di rimuovere i calcoli il cui diametro non supera i 2 cm Il paziente viene anestetizzato e le pietre vengono frantumate a tal punto da poter passare senza difficoltà attraverso l'uretere. Diverse procedure di questo tipo sono necessarie quando si frantumano pietre di grandi dimensioni. Gli ultrasuoni non hanno un effetto negativo sul corpo nel suo insieme.

Se una persona ha pietre di grandi dimensioni e ci sono alcune complicazioni, il trattamento chirurgico viene praticato eseguendo un'operazione addominale. Questo è il metodo più traumatico.

Pietre nei reni

I calcoli renali sono depositi solidi, simili a cristalli, costituiti da sali insolubili che si formano nel corpo umano quando si verificano disturbi metabolici. Le pietre possono essere di diverse dimensioni: alcune delle dimensioni di un granello di sabbia, altre di pochi centimetri di diametro. Di solito il paziente non si accorge nemmeno della loro presenza fino a quando non iniziano a muoversi verso l'uscita del rene, il che può causare forti dolori..

I calcoli renali (urolitiasi) sono la forma più comune di calcoli renali. La malattia può svilupparsi in una persona di qualsiasi sesso ed età, anche nei bambini. Tuttavia, il principale "target di riferimento" di questa patologia sono i pazienti di età compresa tra 20 e 60 anni. Negli uomini, i calcoli renali si osservano 3 volte più spesso che nelle donne, ma in queste ultime queste formazioni di solito hanno una forma più complessa.

In genere, le pietre si formano in un rene. Ma nel 15-30% dei casi, la patologia è in grado di colpire entrambi i reni contemporaneamente. Possono formarsi sia singole pietre che più pietre, a volte il loro numero raggiunge diverse migliaia.

Tipi di calcoli renali

I calcoli renali variano per forma e composizione. Nella forma possono essere:

  • piatto;
  • arrotondato;
  • angolare;
  • a forma di corallo (avere le dimensioni della pelvi renale e imitarne la forma interna - questo è il tipo di malattia più complesso e raro).

A seconda della composizione, si trovano le seguenti pietre:

  • Fosfato. Formato da sali di acido fosforico. Tali pietre hanno un colore grigiastro e una consistenza morbida, grazie alla quale si sbriciolano facilmente. Può essere liscio o ruvido.
  • Cistina. Derivano da composti della cistina (un amminoacido contenente zolfo). Le pietre sono rotonde, lisce, morbide, giallastre.
  • Ossalato. Formato da sali di acido ossalico. Le pietre sono dense, con una superficie irregolare molto ruvida.
  • Urate. Formato da sali di acido urico. Le pietre sono lisce o leggermente ruvide, dense.
  • Carbonato. Derivano dai sali dell'acido carbonico. Superficie liscia, consistenza morbida, sono disponibili in diverse forme.
  • Colesterolo. Derivano dal colesterolo. Hanno un colore nero, una consistenza morbida, si sbriciolano facilmente.
  • Proteina. Formato da proteine ​​e sali di fibrina. Sono pietre piatte e morbide, dipinte di bianco.

Le formazioni pure di carbonato, colesterolo e proteine ​​sono rare. C'è un altro tipo di pietre - miste. Ciò significa che hanno una struttura eterogenea e una composizione diversa in determinate aree. Molto spesso sono mescolate pietre di corallo.

Cause di calcoli renali

I fattori che provocano la formazione di pietre sono interni ed esterni. I motivi interni sono:

  • predisposizione genetica;
  • pielonefrite, uretrite, cistite e altre malattie infiammatorie del sistema urinario di origine infettiva;
  • disturbi metabolici: iperparatiroidismo (iperfunzione delle ghiandole paratiroidi), gotta;
  • malattie infettive non associate alle vie urinarie (tonsillite, osteomielite, foruncolosi, salpingo-ooforite, ecc.);
  • eccesso, mancanza o aumento dell'attività di alcuni enzimi nel corpo;
  • malattie del fegato e delle vie biliari;
  • anomalie congenite dei reni, ureteri;
  • malattie gastrointestinali (gastrite, pancreatite, ecc.);
  • mancanza di attività fisica dovuta al riposo a letto (a causa di infortuni, malattie).

I motivi esterni includono:

  • effetti negativi sull'ambiente;
  • caratteristiche del suolo, clima, composizione chimica dell'acqua utilizzata nella zona di residenza (presenza di alcuni sali nella composizione);
  • stile di vita sedentario;
  • condizioni di lavoro dannose (duro lavoro fisico, alte temperature, fumi chimici, ecc.);
  • abuso di alimenti ricchi di purine (composti azotati che vengono convertiti nel corpo umano in acido urico): questi prodotti includono carne e frattaglie, pesce (soprattutto di fiume), asparagi, cavolfiori, broccoli;
  • bere troppo poco liquido.

Sintomi

I seguenti segni segnalano la presenza di calcoli renali:

  • Dolore nella regione lombare, nel fianco o nella parte inferiore dell'addome (può essere somministrato anche alla zona inguinale). Le sensazioni spiacevoli di solito aumentano con lo sforzo fisico, il movimento, la guida su strade sconnesse, così come dopo aver bevuto molti liquidi o alcol. I dolori possono essere periodici o costanti (in questo caso si intensificano per periodi, poi si attenuano, ma non scompaiono completamente). Un tipo comune di dolore alla pietra è la colica renale. L'attacco dura da alcune ore a diversi giorni. Crampi che aumentano e poi si attenuano, ea volte possono essere così forti che il paziente non riesce a trattenere il pianto.
  • Sangue nelle urine. L'urina può essere intensamente rossa o rosata. E in alcuni pazienti, il sangue nelle urine viene rilevato solo dai risultati dei test..
  • Minzione ritardata con urgenza. Questa è una condizione pericolosa in cui è necessario consultare immediatamente un medico. È causato da un blocco delle vie urinarie con i calcoli. Il paziente non è in grado di svuotare la vescica da solo: è necessario un catetere. La ritenzione della minzione può essere accompagnata da vomito, prurito, diarrea, convulsioni, mal di testa, sudorazione fredda, brividi, febbre.
  • Sabbia nelle urine.
  • Voglia frequente di urinare.
  • Nausea e / o vomito.
  • Appannamento delle urine.
  • Dolore durante la minzione.
  • Aumento della temperatura e della pressione sanguigna.

I sintomi di solito compaiono quando la malattia è avanzata. Nelle prime fasi, la patologia può essere asintomatica per molto tempo. Pertanto, è importante sottoporsi a esami preventivi annuali con un urologo.

Possibili complicazioni

Se non trattati, i calcoli renali possono causare le seguenti complicazioni:

  • violazione del deflusso di urina a causa del blocco delle vie urinarie con pietre;
  • infezioni del sistema urinario;
  • malattia renale infiammatoria cronica;
  • dolore che non scompare con l'uso di metodi di trattamento conservativi;
  • insufficienza renale acuta;
  • anemia (si sviluppa quando il sangue è regolarmente presente nelle urine).

Diagnostica

La diagnosi della malattia viene eseguita da un urologo, che, se necessario, indirizza il paziente a un chirurgo. In primo luogo, viene raccolta una storia e il paziente viene esaminato. Quindi vengono assegnati i seguenti studi obbligatori:

  • analisi generali e biochimiche di urina e sangue;
  • urografia (esame a raggi X delle vie urinarie);
  • Ecografia del sistema urinario.

Inoltre possono essere assegnati:

  • tomografia computerizzata dei reni (per valutare le dimensioni e la densità della pietra e le condizioni dei tessuti circostanti);
  • scansione renale con radionuclidi (per valutare la funzione renale);
  • urinocoltura per la microflora (per rilevare l'infezione negli organi del sistema urinario).

Trattamento

Il trattamento chirurgico è prescritto nei seguenti casi:

  • con l'inefficacia della terapia conservativa;
  • in presenza di complicazioni.

Prima dell'operazione, al paziente vengono prescritti antibiotici, antiossidanti e farmaci che migliorano la microcircolazione sanguigna.

L'intervento chirurgico può essere:

  • mininvasivo (meno traumatico, l'operazione viene eseguita attraverso piccole forature o buchi naturali);
  • tradizionale (la chirurgia a cielo aperto viene eseguita tramite incisioni).

I metodi minimamente invasivi includono:

  • Operazioni laparoscopiche. Nella regione lombare viene praticata una piccola incisione (1-2 cm), attraverso la quale vengono inseriti nel rene uno speciale strumento trocar (un tubo) e una sonda. Se la pietra è piccola, viene rimossa immediatamente, se è grande, viene pre-frantumata.
  • Operazioni endoscopiche. Tale trattamento chirurgico viene eseguito attraverso percorsi naturali o attraverso piccole forature utilizzando un dispositivo endoscopico..

Le tecniche chirurgiche tradizionali includono:

  • Nefrolitomia: un'operazione in cui una pietra viene rimossa dal bacino o dai calici renali;
  • Ureterolitotomia: rimozione chirurgica di un calcolo dall'uretere;
  • Pielolitotomia: eliminazione della formazione dalla pelvi renale.

I metodi chirurgici tradizionali vengono utilizzati se la pietra è grande o il paziente ha insufficienza renale.

Prevenzione

È importante prendere misure preventive dopo l'intervento chirurgico. Altrimenti, le pietre potrebbero riapparire. La prevenzione include:

  • Bere abbastanza acqua (1,5-2 litri al giorno). E nella stagione calda o durante l'attività fisica attiva, si consiglia di bere una o due volte l'ora (100-150 ml di acqua).
  • Rispetto di una dieta. Il medico dovrebbe sviluppare una dieta, tenendo conto della composizione delle pietre, nonché delle caratteristiche del corpo e della storia del paziente.
  • Attività fisica quotidiana - per migliorare il flusso sanguigno. L'escursionismo sarà sufficiente. Tuttavia, devono essere regolari e includere almeno 10.000 passi al giorno (non è necessario impostare questo numero alla volta).
  • Limitare la quantità di alcol consumato (o è meglio rifiutarlo del tutto).
  • Ridurre la quantità di sale consumata - per ridurre il carico sui reni.
  • Evitare l'ipotermia.
  • Rifiuto di bere bevande troppo fredde (soprattutto quelle che contengono lievito: kvas, birra).
  • Trattamento tempestivo delle malattie, soprattutto infettive.
  • Consegna annuale di un esame delle urine generale.
  • Trattamento Spa. Un paziente che ha subito un intervento chirurgico per rimuovere i calcoli renali si consiglia di visitare le terme con acque minerali quando possibile (1-2 volte).

Inoltre, il medico può prescrivere una terapia farmacologica mirata a prevenire il ripetersi di calcoli..

È possibile sbarazzarsi dei calcoli renali senza intervento chirurgico

Buona giornata! Oggi vorrei discutere un argomento come i calcoli renali e il loro trattamento senza intervento chirurgico. Oltre il 60% delle persone che hanno raggiunto i 35-40 anni deve affrontare questo problema. I medici identificano 3 ragioni principali della loro formazione. Questo è un metabolismo disturbato, disturbi del sistema endocrino, dieta malsana. Il trattamento dei calcoli renali senza intervento chirurgico è possibile solo se le formazioni non superano i 5 mm di volume. In tutti gli altri casi, purtroppo, non si può fare a meno dell'intervento chirurgico..

  1. Tipi di calcoli renali
  2. Cosa offre la medicina moderna
  3. Cosa consiglia la medicina alternativa

Tipi di calcoli renali

Esistono diversi metodi per trattare l'urolitiasi (urolitiasi):

  • farmaco;
  • ultrasonico;
  • chirurgico.

Il più popolare è la terapia farmacologica. Ma per scegliere il farmaco giusto, devi prima stabilire il tipo di depositi pietrosi..

Tipi di calcoli renali

  1. Ossalato di calcio. Formato sullo sfondo di un consumo eccessivo di acido ossalico. Sono neri o grigio scuro, punte affilate sulla superficie. Di regola, quando compaiono tali pietre, l'urina diventa arancione o rossa..
  2. Calcio fosfato. Appaiono a causa del metabolismo alterato. Il colore è grigio. La consistenza è più morbida degli ossalati. Appaiono come fiocchi sciolti nelle urine.
  3. Urate. I principali fattori che provocano la loro formazione sono la regolare disidratazione o la gotta. Sono costituiti da acido urico e hanno una superficie liscia. La particolarità di tali formazioni è che la loro diagnosi viene eseguita solo dall'analisi delle urine. L'esame ecografico e radiografico non li mostra.
  4. Struvite. Formato come risultato della vigorosa attività dei batteri che processano l'urea. Contiene un'alta concentrazione di magnesio. Con l'aiuto di medicinali o rimedi popolari, non vengono visualizzati. In questo caso, è necessario uno schiacciamento ultrasonico o un intervento chirurgico..
  5. Cistina (proteina). La ragione principale della loro formazione è un'anomalia ereditaria dei processi metabolici. Manifestato da un alto contenuto di cistina nelle urine. Hanno una forma piatta, una consistenza morbida, una superficie liscia. Estremamente raro.

Leggi anche
Dove compaiono le pietre nel corpo umano: 4 luoghi che non tutti conoscono
Le statistiche dicono che circa 180 milioni di persone nel mondo soffrono di urolitiasi. Calcoli della cistifellea.

Cosa offre la medicina moderna

Il metodo conservativo della terapia KSD prevede non solo l'assunzione di farmaci, ma anche l'adesione a una dieta speciale. Se una persona non segue il lettino da trattamento, i depositi pietrosi aumenteranno costantemente di dimensioni e l'efficacia dei farmaci diminuirà più volte..

Preparati per sciogliere le pietre

L'obiettivo principale del trattamento farmacologico è quello di rompere i depositi. Quando si sbriciolano, il processo di rimozione dai reni viene accelerato e diventa meno doloroso. Ciò avviene naturalmente, attraverso le vie urinarie.

Se le pietre sono piccole (fino a 5 mm), vengono utilizzati antispastici per facilitare il processo di rimozione. Eliminano gli spasmi e riducono la gravità del dolore.

Tra questi, i più comuni sono "No-shpa" e "Spazmalgon".

In situazioni in cui le formazioni non escono spontaneamente, vengono prescritti fitopreparati e vari preparati diuretici per accelerare questo processo, ad esempio "Fitolit" o "Urolesan". Questi medicinali vengono presi per 2-4 settimane..

Successivamente, si consiglia di sottoporsi a un esame ecografico e superare i test delle urine per tracciare le dinamiche del trattamento. Se le pietre sono diminuite di dimensioni o escono, ma i sali rimangono nei reni, il trattamento viene continuato. In assenza di risultati positivi, viene prescritta un'operazione.

I suddetti farmaci sono prescritti a tutti i pazienti con ICD. Inoltre, i farmaci vengono utilizzati per aiutare a schiacciare i sassi. Sono selezionati tenendo conto del tipo di formazioni.

Leggi anche
Cause, sintomi e trattamenti per i calcoli renali
I reni sono un organo accoppiato che fornisce l'adsorbimento secondario dell'acqua nel corpo e l'escrezione dei prodotti metabolici. Di conseguenza.

Se i fosfati si trovano in una persona, in questo caso viene spesso utilizzato l'estratto di Madder Dye in compresse. Questo rimedio è molto efficace, ma ha un effetto collaterale: quando assunto, l'urina diventa rossa, ma non dovresti aver paura.

Con urati e ossalati, si consiglia di prendere "Asparkam", "Panangin" o "Blemaren". Questi farmaci aiutano ad alcalinizzare l'urina e dissolvere i calcoli. Quando si rilevano calcoli di ossalato, viene utilizzato "Cyston".

La condizione principale per il trattamento farmacologico è la somministrazione sistematica di farmaci. Devi prenderli per diverse settimane, seguendo rigorosamente i dosaggi. Non danno un effetto immediato.

Importante! Tutti i medicinali devono essere assunti solo previa consultazione con un medico. L'automedicazione è pericolosa e può portare a un netto deterioramento del benessere.

Regole nutrizionali per ICD

Ai pazienti con urolitiasi viene prescritto il tavolo di trattamento n. 6. Il contenuto calorico giornaliero della dieta è 2400 kcal (proteine ​​- 80 g, grassi - 90 g, carboidrati - 350 g).

I principi fondamentali del lettino numero 6:

  • il cibo viene consumato in piccole porzioni;
  • il verificarsi di fame grave o eccesso di cibo non dovrebbe essere consentito, perché in tali condizioni la concentrazione di acido urico, che contribuisce alla crescita di formazioni pietrose;
  • non puoi mangiare prima di andare a letto, devi andare a letto con una leggera sensazione di fame;
  • è consentita qualsiasi lavorazione del cibo, ad eccezione della frittura;
  • la base del menu del giorno sono vari cereali, verdure fresche e frutta, puoi mangiare piatti di carne e pesce non più di 2-3 volte a settimana;
  • il sale è limitato a 5 g al giorno;
  • la quantità di liquido consumato aumenta a 2-2,5 litri al giorno;
  • rifiuto completo di alcol;
  • se sei in sovrappeso, è obbligatorio effettuare i giorni di digiuno una volta alla settimana.

Se anche a te è stato diagnosticato un ICD, dovresti familiarizzare con l'elenco degli alimenti che non possono essere inclusi nella dieta per prevenire la progressione della malattia..

Dovrebbe essere completamente escluso:

  • pasticceria ricca;
  • funghi;
  • carne grassa, pesce;
  • frutti di mare;
  • cibo in scatola;
  • carne in gelatina, gelatina;
  • cipolla e aglio;
  • Rafano;
  • legumi;
  • salsicce;
  • Acetosa;;
  • bacche ad alto contenuto di acidi, come mirtilli rossi e lamponi
  • qualsiasi tipo di carne affumicata;
  • sottaceti;
  • agrumi;
  • grassi refrattari;
  • margarina;
  • tuorlo d'uovo;
  • spezie piccanti;
  • bevande contenenti grandi quantità di teanina e caffeina;
  • cacao, cioccolato.

Per rendere più veloce il processo di rimozione delle formazioni pietrose dai reni, si consiglia di consumare quotidianamente i seguenti alimenti:

  • prodotti a base di pasta a base di farina di 1 e 2 gradi di macinazione grossolana;
  • verdure, non solo fresche (cetrioli, pomodori, zucchine), ma anche sottaceti;
  • pasta;
  • cereali;
  • frutta fresca non acida;
  • carne dietetica - la preferenza dovrebbe essere data a pollo, tacchino, manzo;
  • pesce, ma non grasso, ad esempio merluzzo e merluzzo bianco;
  • latticini e prodotti a base di latte fermentato;
  • albume;
  • frutta secca;
  • tè debole;
  • verdura e burro.

Importante! Il medico dovrebbe dirti di più su cosa puoi mangiare e cosa no con l'urolitiasi. Osservando regolarmente le regole della nutrizione, non solo accelererai il processo di guarigione, ma sentirai anche miglioramenti significativi nel tuo benessere..

Cosa consiglia la medicina alternativa

La medicina alternativa offre molti modi per trattare la KSD. Tuttavia, sono efficaci solo in presenza di piccole formazioni..

Tra questi, i più popolari sono i seguenti metodi.

Stomaci di pollo

Questa ricetta non richiede i ventricoli stessi, ma il film che si trova sulla loro superficie. Deve essere accuratamente risciacquato e asciugato, quindi macinato in un macinino da caffè in uno stato polveroso.

Successivamente, è necessario macinare i semi di lino, il poligono allo stesso modo. Una volta che tutti i componenti sono pronti, puoi iniziare a raccogliere la "medicina". Per fare questo, mescolare in proporzioni uguali poligono e polvere da film gastrici.

Dalla miscela risultante, devi prendere 2 cucchiai. crudo e mescolare con la stessa quantità di semi di lino schiacciati.

Il trattamento è il seguente: la miscela secca viene consumata 3 volte, 1 cucchiaino. un giorno 30 minuti prima dei pasti con un po 'd'acqua.

Il corso dura 10 giorni, poi fanno la stessa pausa. Quindi prendi il rimedio per 1 cucchiaino. 2 volte al giorno anche per 10 giorni.

Noccioli di prugne

Aiuta efficacemente con le coliche renali che si verificano quando escono i calcoli. In questo caso, non saranno necessarie le ossa stesse, ma i loro nucleoli..

Ogni giorno devi consumarli in 20 pezzi. Il trattamento viene effettuato per 4 giorni, dopodiché fanno la stessa pausa. In totale, devi completare 4-5 corsi.

Raccolta di erbe

Per la sua preparazione, avrai bisogno di foglie di fragola, rosa canina, semi di lino, prezzemolo, boccioli di betulla. Tutti i componenti sono presi in proporzioni uguali.

Quindi prendi 2 cucchiai. raccolta e versare 0,5 litri di acqua bollente. Il prodotto viene insistito per 7 ore, dopo averlo versato in un thermos.

Prendere l'infuso 3 volte al giorno per ¼ di bicchiere per 2-4 mesi, indipendentemente dai pasti.

Importante! È necessario capire che i rimedi popolari sono solo un metodo aggiuntivo per il trattamento dell'urolitiasi. Deve essere combinato con farmaci e dieta..

In conclusione, vorrei sottolineare che il trattamento dei calcoli renali senza intervento chirurgico non sempre dà un effetto positivo. Ci sono momenti in cui anche la stretta aderenza a tutte le raccomandazioni mediche non consente di ottenere il risultato desiderato: le pietre aumentano ancora di dimensioni. In questo caso è necessaria assistenza chirurgica o frantumazione ad ultrasuoni..

Calcoli renali (nefrolitiasi)

Panoramica

I calcoli renali sono masse che possono formarsi in uno o entrambi i reni, simili ai calcoli.

Il nome scientifico dei calcoli renali è nefroliti e l'urolitiasi è chiamata nefrolitiasi. Se i calcoli provocano un forte dolore, si parla di colica renale. La formazione di calcoli renali è una delle manifestazioni dell'urolitiasi.

Le gemme sono due organi a forma di fagiolo lunghi circa 10 cm. Si trovano dietro la cavità addominale sui lati della colonna vertebrale. I reni purificano il sangue dai prodotti di scarto metabolici. Quindi il sangue purificato entra di nuovo nel corpo e i rifiuti non necessari vengono espulsi dal corpo nelle urine.

I prodotti metabolici nel sangue a volte possono formare cristalli che si accumulano nei reni. Nel tempo, questi cristalli formano un grumo duro come la roccia..

I calcoli renali sono comuni, di solito nelle persone di età compresa tra 30 e 60 anni. Più spesso gli uomini soffrono di urolitiasi, meno spesso le donne. Secondo alcune stime, la colica renale si verifica in circa il 10-20% degli uomini e nel 3-5% delle donne. Circa la metà delle persone che hanno i calcoli renali avrà di nuovo questa malattia nei prossimi 10 anni..

A volte i calcoli renali possono passare verso l'esterno, spostandosi attraverso il sistema con l'urina (dai reni, attraverso gli ureteri e la vescica). Piccole pietre possono risaltare indolore, potresti anche non notarle. Abbastanza spesso, tuttavia, una pietra può bloccare parte del sistema, come l'uretere (il tubo che collega il rene alla vescica) o l'uretra (il tubo attraverso il quale l'urina viene fatta passare dalla vescica). In questi casi, potresti avvertire un forte dolore all'addome o all'inguine, che a volte porta a un'infezione del tratto urinario..

La maggior parte dei calcoli renali è abbastanza piccola da svenire spontaneamente nelle urine e i sintomi possono essere trattati con farmaci domiciliari. Le pietre più grandi potrebbero dover essere frantumate in ospedale, sotto la guida di raggi X o ultrasuoni. In alcuni casi, vengono rimossi chirurgicamente..

Sintomi di calcoli renali

Se hai un calcolo renale molto piccolo, non dovrebbe causare alcun sintomo. Potresti anche non notarlo e passerà dal tuo corpo nelle urine..

In genere, i sintomi si verificano se la pietra:

  • rimane bloccato nel tuo rene;
  • inizia a muoversi lungo l'uretere: l'uretere è un tubo stretto che collega il rene alla vescica e quando il calcolo cerca di attraversarlo provoca dolore;
  • provoca lo sviluppo di infezioni.

Sintomi comuni dei calcoli renali:

  • Grave dolore crampico alla schiena, al lato dell'addome o talvolta all'inguine che può durare per minuti o ore
  • ansia e incapacità di mentire;
  • nausea;
  • sangue nelle urine, che spesso compare perché la pietra graffia l'uretere;
  • urina torbida con un odore sgradevole;
  • sensazione di bruciore durante la minzione;
  • una temperatura elevata di 38 ° C o superiore;
  • frequente, a volte - falsa voglia di urinare;
  • dolore durante la minzione.

Tipi di calcoli renali

Esistono quattro tipi principali di calcoli renali:

  • pietre di calcio;
  • pietre di struvite - contengono magnesio e ammoniaca, piuttosto grandi, spesso a forma di corno;
  • le pietre di urato sono generalmente lisce, marroni e più morbide di altri tipi di pietre;
  • pietre di cistina - spesso gialle, più simili a cristalli che a pietre.

I calcoli renali sono disponibili in molte forme, dimensioni e colori. Alcuni sembrano granelli di sabbia, mentre altri, in rare occasioni, possono raggiungere le dimensioni di una pallina da golf.

Se un calcolo renale blocca l'uretere, l'urina, che contiene rifiuti metabolici, ristagna nei reni. Ciò può causare l'accumulo di batteri e lo sviluppo di pielonefrite. Sintomi di pielonefrite:

  • mal di schiena lombare;
  • febbre alta o superiore;
  • brividi;
  • nausea e vomito;
  • diarrea;
  • l'aspetto di urina torbida con un cattivo odore;
  • aumento della minzione;
  • dolore durante la minzione.

Cause di calcoli renali

Di norma, i calcoli renali si formano a causa dell'accumulo di una certa sostanza nel corpo..

Può verificarsi un accumulo di una delle seguenti sostanze:

  • calcio;
  • ammoniaca;
  • acido urico (un prodotto di scarto che viene generato quando il cibo viene scomposto per produrre energia);
  • cistina (un amminoacido presente nelle proteine).

Alcune condizioni mediche, come il cancro o le malattie renali, possono anche renderti più suscettibile ai calcoli renali. In genere, la formazione di calcoli è un effetto collaterale del trattamento di queste condizioni. Bere poco liquido aumenta anche il rischio di formazione di calcoli..

Sei più soggetto a calcoli renali ricorrenti se:

  • la tua dieta è ricca di proteine ​​e povera di fibre;
  • sei inattivo o costretto a letto;
  • i tuoi parenti hanno avuto calcoli renali;
  • ha avuto più volte pielonefrite o un'infezione del tratto urinario;
  • hai già avuto un calcolo renale, soprattutto se all'epoca avevi meno di 25 anni;
  • hai un solo rene funzionante;
  • hai subito un intervento chirurgico di bypass dell'intestino tenue (intervento chirurgico agli organi dell'apparato digerente) o hai avuto una malattia dell'intestino tenue, come il morbo di Crohn (infiammazione dell'intestino)

Ci sono alcune prove che alcuni farmaci possono renderti più incline alla recidiva dei calcoli renali. Questi farmaci includono:

  • aspirina;
  • antiacidi;
  • integratori di calcio e vitamina D..

I calcoli renali possono formarsi a causa di una serie di fattori diversi. Di seguito sono descritte le cause dei quattro tipi principali di calcoli renali..

I calcoli di calcio sono il tipo più comune di calcoli renali. Si formano quando c'è troppo calcio nelle urine, il che può essere dovuto a:

  • alto contenuto di vitamina D;
  • ghiandola paratiroidea iperattiva (la ghiandola paratiroidea aiuta a regolare i livelli di calcio nel corpo);
  • nefropatia;
  • una condizione rara chiamata sarcoidosi;
  • alcuni tipi di cancro.

I calcoli di calcio sono generalmente grandi e lisci o ruvidi e appuntiti.

I calcoli di struvite sono spesso causati da un'infezione, di solito dopo un'infezione del percorso che dura da molto tempo. I calcoli di struvite sono più comuni nelle donne che negli uomini.

I calcoli di acido urico si formano quando l'urina è acida. I calcoli di acido urico possono essere causati da quanto segue:

  • alto contenuto di proteine ​​nella dieta, compreso il consumo di molta carne;
  • una condizione che interferisce con la degradazione delle sostanze chimiche, come la gotta
  • una malattia ereditaria che causa alti livelli di acido nel corpo;
  • chemioterapia (trattamento del cancro).

I calcoli di cistina sono il tipo più raro di calcoli renali. La causa della loro formazione è una malattia ereditaria della cistinuria, che influisce sulla quantità di acido escreto dal corpo nelle urine..

Diagnosi di calcoli renali

Per sospettare che tu abbia l'urolitiasi, il tuo medico ha bisogno dei tuoi sintomi e delle informazioni su malattie precedenti (specialmente se hai precedentemente avuto calcoli renali).

Il medico può suggerire una serie di test:

  • esami del sangue per verificare se i suoi reni funzionano correttamente e per determinare i livelli di sostanze che possono causare calcoli renali, come il calcio
  • analisi delle urine per infezioni e frammenti di calcoli;
  • esame dei calcoli escreti nelle urine.

Puoi raccogliere i calcoli renali urinando con garze o calze. Un'analisi del calcolo renale faciliterà la diagnosi e aiuterà il medico a scegliere il trattamento più appropriato per te..

Se avverti un forte dolore che non scompare con l'antidolorifico, o oltre al dolore hai la febbre alta, potresti essere indirizzato a un ospedale, un dipartimento di urologia (l'urologia è una branca della medicina specializzata nel trattamento delle malattie del sistema urinario).

Diagnostica per immagini

Potresti essere indirizzato a un ospedale per la diagnostica per immagini. Varie tecniche di diagnostica per immagini possono essere utilizzate per confermare la diagnosi e individuare il tipo, le dimensioni e la posizione del calcolo. Compresi i seguenti:

  • Raggi X: una tecnica di imaging che utilizza radiazioni ad alta energia per mostrare anomalie nei tessuti del corpo;
  • esame ecografico (ultrasuoni) utilizzando onde sonore ad alta frequenza per creare immagini di organi interni;
  • tomografia computerizzata (TC), in cui uno scanner prende una serie di raggi X da diverse angolazioni e il computer le raccoglie in un'immagine dettagliata;
  • un urogramma endovenoso (pielogramma endovenoso), quando un mezzo di contrasto che appare su una radiografia viene iniettato in una vena del braccio e quando i reni filtrano l'agente dal sangue ed entra nelle urine, la radiografia evidenzierà le aree bloccate.

In passato, un urogramma endovenoso era riconosciuto come la migliore tecnica di imaging, ma ora la TC è considerata più accurata. Il metodo che ti verrà offerto può dipendere dall'equipaggiamento dell'istituto medico in cui verrai visitato..

Trattamento dei calcoli renali

La maggior parte dei calcoli renali è abbastanza piccola (non più di 4 mm di diametro) da passare da sola nell'urina. Possono essere curati a casa. Tuttavia, piccoli calcoli renali possono ancora essere dolorosi. Il dolore con piccoli calcoli renali di solito dura alcuni giorni e scompare quando il calcolo viene rimosso.

Se soffri di forti dolori, il medico potrebbe prescriverti un'iniezione di analgesico. Dopo mezz'ora, può essere somministrata una seconda iniezione se il dolore persiste. Le iniezioni possono essere somministrate anche per i sintomi di nausea e vomito. Questi farmaci sono chiamati antiemetici (antiemetici). Il medico può raccomandare farmaci (inclusi analgesici e antiemetici) da portare a casa.

Puoi essere rimandato a casa, aspettare che la pietra esca e poi riportarla indietro per l'analisi. Questo può essere fatto passando l'urina attraverso una garza o una calza. Lo studio della pietra aiuterà il medico a sviluppare una strategia di trattamento efficace. Devi bere abbastanza liquidi per rendere la tua urina incolore. Se la tua urina è gialla o marrone, non stai bevendo abbastanza liquidi.

Trattamento di grandi calcoli renali

Se la pietra è troppo grande per uscire naturalmente (6–7 mm di diametro e più grandi), potrebbe essere necessario un trattamento speciale. Questa può essere una delle seguenti procedure:

  • litotripsia extracorporea;
  • ureteroscopia;
  • nefrolitotomia percutanea;
  • chirurgia aperta.

Queste procedure sono descritte in dettaglio di seguito. Il tipo di trattamento prescritto dipenderà dalle dimensioni e dalla posizione delle pietre..

Litotripsia a distanza. Questo è il metodo più comunemente usato per rimuovere i calcoli che non possono passare attraverso l'urina da soli. Utilizzando una radiografia (radiazione ad alta energia) o ultrasuoni (onde sonore ad alta frequenza), viene determinata la posizione esatta del calcolo renale. Uno speciale apparato invia quindi onde d'urto di energia alla pietra per frantumarla in pezzi più piccoli che possono essere escreti con l'urina..

La manipolazione può essere piuttosto spiacevole, quindi vengono utilizzati diversi metodi per alleviare il dolore. Potrebbe essere necessario più sessioni di litotrissia extracorporea per rimuovere tutte le pietre. L'efficienza della litotripsia extracorporea per pietre fino a 20 mm di diametro è del 99%.

Uretero-renoscopia. Se un calcolo renale è bloccato nell'uretere (il tubo muscolare che trasporta l'urina dal rene alla vescica), potrebbe essere necessaria un'ureterorenoscopia. L'ureterorenoscopia viene talvolta definita chirurgia intrarenale retrograda.

Durante la manipolazione, un tubo ottico lungo e sottile (uretroscopio) viene inserito nella vescica attraverso l'uretra (il tubo che drena l'urina dalla vescica). Viene quindi fatto avanzare nell'uretere dove è bloccata la pietra. Il chirurgo proverà a rimuovere delicatamente la pietra con un altro strumento o userà l'energia laser per frantumare la pietra in piccoli pezzi che possono essere espulsi naturalmente nelle urine.

L'ureterorenoscopia viene eseguita in anestesia generale, quindi non guidare o utilizzare apparecchiature per 48 ore dopo la procedura. L'efficienza della nefrolitotomia sottocutanea per la rimozione di calcoli fino a 15 mm di diametro è del 50–80%. Potrebbe essere necessario posizionare temporaneamente un tubo di plastica per facilitare il passaggio dei frammenti di pietra nella vescica.

Nefrolitotomia percutanea. Questo è un altro possibile intervento chirurgico per rimuovere le pietre di grandi dimensioni. Può anche essere fatto se la litotripsia extracorporea non è possibile, ad esempio se una persona con calcoli renali è obesa. La nefrolitotomia percutanea viene eseguita con uno strumento telescopico sottile chiamato nefroscopio. Viene praticata un'incisione nella schiena per esporre il rene. Attraverso questa incisione, un nefroscopio viene inserito nel rene. La pietra viene rimossa dal rene o frantumata in pezzi più piccoli usando il laser o l'energia pneumatica.

La nefrolitotomia percutanea viene sempre eseguita in anestesia generale (stai dormendo), quindi non devi guidare o utilizzare apparecchiature per 48 ore dopo la procedura. L'efficienza della nefrolitotomia sottocutanea per la rimozione di calcoli con un diametro di 21-30 mm è dell'86%.

La chirurgia a cielo aperto per rimuovere i calcoli renali è usata raramente (questo tipo di intervento chirurgico è richiesto in meno dell'1% dei casi), di solito se la pietra è molto grande o se c'è un'anomalia anatomica. Durante l'intervento chirurgico alla schiena, viene praticata un'incisione per accedere all'uretere e ai reni. Quindi il calcolo renale viene rimosso.

Trattamento dei calcoli di urato

Se hai la pietra di urato, dovresti bere circa tre litri di acqua al giorno per cercare di dissolverla. I calcoli di acido urico sono molto più morbidi di altri tipi di calcoli renali e possono ritirarsi dal contatto con il fluido alcalino. Potrebbe essere necessario assumere alcuni farmaci per aumentare il livello di alcali nelle urine prima che la pietra di urato inizi a dissolversi.

Dovresti consultare subito il tuo medico se:

  • temperatura 38 ° C o superiore;
  • un attacco di brividi o tremori;
  • il dolore peggiora, soprattutto se si tratta di un dolore acuto e acuto.

Se sviluppa uno qualsiasi dei sintomi di cui sopra, contatti immediatamente il medico. Se ciò non è possibile, chiama il numero dell'ambulanza - 03 da un telefono fisso, 112 o 911 - da un cellulare.

Complicazioni di calcoli renali

Le complicanze dei calcoli renali sono rare, poiché di solito vengono trovate e trattate prima che si verifichino ulteriori complicazioni. Tuttavia, se i calcoli causano un'ostruzione ureterale e ostruiscono il flusso di urina, c'è il rischio di infezione che può danneggiare il rene..

La complicanza più comune sono i calcoli renali ricorrenti. Se una persona ha un calcolo renale, c'è una probabilità del 60-80% che il calcolo si ripresenti.

Diversi trattamenti per pietre più grandi possono portare ad alcune complicazioni. Il chirurgo dovrebbe spiegarteli prima di eseguire la procedura per rimuoverli. A seconda del metodo di trattamento scelto, possono svilupparsi le seguenti complicazioni:

  • sepsi: l'infezione si diffonde attraverso il sangue e provoca sintomi in tutto il corpo
  • Stone path è il nome medico di un'ostruzione causata da frammenti di calcoli nell'uretere (il tubo che collega ciascun rene alla vescica);
  • danno all'uretere;
  • infezione del tratto;
  • sanguinamento durante l'intervento chirurgico;
  • dolore.

Secondo alcune stime, il 5-9% delle persone può provare dolore dopo aver subito l'uretroscopia.

Prevenire i calcoli renali

Bere molti liquidi ogni giorno per prevenire i calcoli renali. È molto importante che la tua urina contenga sempre molta acqua in modo che i prodotti di scarto non si accumulino nei reni..

Puoi dire il grado di concentrazione di urina dal suo colore. Più è scuro, maggiore è la concentrazione. In genere, la tua urina è colorata al mattino poiché contiene i rifiuti accumulati prodotti dal tuo corpo durante la notte. Rispetto a tè, caffè e succhi di frutta, l'acqua è considerata la bevanda più efficace e benefica per prevenire la formazione di calcoli. Dovresti anche bere di più durante il caldo e l'esercizio per reintegrare i liquidi persi con il sudore..

Dieta per l'urolitiasi

Se la formazione di calcoli è causata da un eccesso di calcio, è necessario ridurre il contenuto di ossalato nella dieta. Gli ossalati impediscono al corpo di assorbire il calcio e possono accumularsi nei reni per formare calcoli.

Gli ossalati si trovano nei seguenti alimenti:

  • barbabietola;
  • asparago;
  • rabarbaro;
  • cioccolato;
  • frutti di bosco;
  • ;
  • prezzemolo;
  • sedano;
  • mandorle, arachidi e anacardi;
  • prodotti di soia;
  • cereali come farina d'avena, germe di grano e grano intero.

Non dovresti ridurre l'assunzione di calcio a meno che il tuo medico non lo consigli, poiché il calcio è molto importante per ossa e denti sani. Riduci l'assunzione di carne, pollame e pesce per prevenire i calcoli di urato. Potrebbe anche esserti prescritto un farmaco per modificare il livello di acido o alcalino nelle urine.

Medicinali per la prevenzione dei calcoli renali

Quando si forma un calcolo renale, di solito vengono prescritti farmaci per alleviare il dolore o prevenire l'infezione. Tuttavia, il medico dovrebbe rivalutare i farmaci che sta assumendo se sospetta che abbiano causato calcoli renali..

Il tipo di farmaco prescritto dal medico dipenderà dal tipo di calcolo renale. Ad esempio, se in precedenza hai avuto calcoli di struvite, potrebbe essere necessario assumere antibiotici. Gli antibiotici possono aiutare a prevenire la malattia uretrale correlata ai batteri che si diffonde ai reni e può causare la formazione di calcoli.

Quale medico contattare per i calcoli renali

Con l'aiuto del servizio NaPopravku puoi trovare un buon nefrologo, uno specialista in malattie renali. Se hai bisogno di un intervento chirurgico, scegli una clinica nefrologica affidabile leggendo le recensioni a riguardo.