Regime di trattamento per il sistema genito-urinario nelle donne

Le donne affrontano sistematicamente problemi del sistema genito-urinario, ad esempio, spesso visitano un urologo con gravi sintomi di cistite o uretrite. In questi casi, il medico prescrive immediatamente antibiotici per un ciclo di 5-7 giorni, ma con l'aiuto di un regime di trattamento con integratori alimentari efficaci, puoi fare a meno della terapia antibiotica e delle sue spiacevoli conseguenze.

Il rischio di complicazioni ed effetti collaterali è minimo e l'effetto terapeutico non è affatto più debole. L'assunzione di preparati a base di erbe è possibile solo dopo una consultazione preliminare, l'automedicazione è pericolosa per la salute.

Descrizione generale delle malattie del sistema genito-urinario nelle donne

Questo tipo di malattia è più spesso provocato da un'infezione patogena, ad esempio:

  • colpendo il tratto genito-urinario superiore, provoca pielonefrite;
  • inferiore - cistite e uretrite, infiammazione della vescica e degli ureteri.

Il paziente presta attenzione al disagio nel perineo, che aumenta con la minzione. Se non si risponde ai sintomi caratteristici, dopo 3 settimane la malattia diventa cronica, non viene finalmente curata.

Cause e sintomi di infiammazione del sistema genito-urinario

È stato stabilito che il processo infiammatorio si sviluppa sullo sfondo di una maggiore attività della flora patogena. Tra i potenziali "parassiti" ci sono ureaplasma, gonococchi, micoplasma, funghi, clamidia, ecc. È possibile determinare uno specifico patogeno solo con metodi di laboratorio, dopo di che può essere prescritta una terapia conservativa.

I principali fattori provocatori:

  • ipotermia del corpo;
  • forte shock emotivo;
  • trauma agli organi del sistema genito-urinario;
  • metabolismo alterato;
  • caratteristiche anatomiche del sistema genito-urinario;
  • fatica;
  • sesso multiplo con partner diversi;
  • immunità indebolita.

Senza diagnosi differenziale, sorgono difficoltà con la diagnosi finale..

Sintomi tipici che dovrebbero allertare una donna e costringerla a vedere un urologo con un problema del sistema genito-urinario:

  • dolore da taglio durante la minzione;
  • cambiamenti nel colore e nella concentrazione di urina;
  • sangue, impurità purulente nelle urine;
  • prurito, bruciore e dolore nella zona inguinale;
  • eruzioni cutanee sui genitali;
  • verruche, papillomi, altre neoplasie;
  • scarico dai genitali;
  • debolezza, aumento della fatica.

Il trattamento include l'assunzione di farmaci di diversi gruppi farmacologici, il cui effetto è potenziato dalla fisioterapia, dai metodi di medicina alternativa. Per non ammalarsi, anche la prevenzione è importante per una donna..

Raccomandazioni generali nella terapia del sistema genito-urinario

Oltre al corso della terapia antibiotica, una donna dovrà aderire a una dieta terapeutica con limitato consumo di cibi piccanti, grassi, salati e acidi..

Per evitare processi infiammatori come una donna, si consiglia di seguire questi consigli:

  • aderire alle regole di igiene personale quotidiana;
  • alla prima sintomatologia consultare uno specialista;
  • non raffreddare eccessivamente o surriscaldare.

Regime di trattamento consigliato

Quando si tratta con integratori alimentari, le dinamiche positive non arrivano immediatamente, ma è imperativo completare l'intero corso senza interruzioni. I rimedi erboristici proposti sono caratterizzati da un'azione delicata e ad alta efficienza, aiutano a ripristinare le funzioni del sistema genito-urinario nelle donne:

Malattie della vescica nel trattamento dei sintomi delle donne

  • Ginecologia

Le malattie della vescica nelle donne, i loro sintomi e il trattamento meritano un'attenzione particolare, poiché la posizione caratteristica della vescica, vicino agli organi del sistema riproduttivo, rende le donne vulnerabili a una serie di malattie.

Influenza delle caratteristiche strutturali del sistema urogenitale delle donne sullo sviluppo di malattie della vescica

Caratteristiche del sistema genito-urinario

Una caratteristica degli organi urogenitali di una donna è la vicinanza del retto e degli organi genitali esterni all'uretra, che accelera l'ingresso dell'infezione nella cavità vescicale.

Dalla vescica, i microrganismi, con la coincidenza di alcuni fattori (ipotermia, diminuzione dell'immunità, ecc.), Possono entrare nel rene attraverso l'uretere e causare pielonefrite.

Puoi leggere di più su questa infiammazione nel materiale - "Sintomi della malattia renale e trattamento della pielonefrite".

Infezione del tratto urinario

È opportuno ricordare qui che il sistema urinario umano comprende l'uretra, la vescica, gli ureteri e i reni. La patologia più comune delle vie urinarie sono le malattie infettive, i cui agenti causali sono batteri, virus, funghi o parassiti.

Nelle donne, il tratto urinario ascendente è spesso infetto e si verificano malattie come uretrite, cistite e pielonefrite. E. coli, Trichomonas, Chlamydia e altri microbi patogeni dall'ano e dal tratto genitale di una donna entrano facilmente nell'uretra e nella vescica.

Le malattie della vescica nelle donne, i sintomi e il trattamento sono diversi. Il processo di infiammazione della vescica non è sempre acuto. Spesso i segni della patologia sono sfocati. Una donna cerca un medico quando una forma cronica della malattia si è già sviluppata.

A cosa portano i disturbi ormonali?

I cambiamenti ormonali nel corpo delle donne nel periodo postmenopausale possono portare all'atrofia dei muscoli e dei legamenti che trattengono l'utero e la vescica. Di conseguenza, si sviluppa una malattia - cistotele - prolasso della vescica e ridotta minzione.

Tipi di malattie della vescica nelle donne e loro sintomi

Patologie frequenti

Tra le malattie della vescica nelle donne, si possono distinguere le seguenti patologie comuni:

• violazione dell'innervazione della vescica (disfunzione neurogena);

• leucoplachia della vescica.

Anche nelle donne ci sono, ma meno spesso, disturbi come cancro, tubercolosi della vescica, cistocele.

1. Uretrite

-si sviluppa se un'infezione entra nell'uretra se l'igiene personale non viene seguita. Il paziente è preoccupato per sintomi quali: minzione frequente con prurito o sensazione di bruciore; scarico blu-verde dall'uretra.

2. Cistite

È un'infiammazione della mucosa della vescica di origine infettiva. Di solito si manifesta con segni come: minzione frequente; dolore sotto forma di tagli, anche a riposo, che è peggio durante la minzione. La donna sente costantemente il trabocco della vescica, potrebbe esserci una minzione involontaria. L'urina è scolorita e appare un sedimento torbido.

Possibili cause di infezione della vescica sono il mancato rispetto delle regole di igiene personale e sessuale; ipotermia; sesso anale; consumo eccessivo di cibi piccanti, piccanti, affumicati e alcol; disturbi ormonali e immunitari nel corpo.

Non è difficile diagnosticare la cistite sulla base del quadro clinico e degli esami delle urine di laboratorio..

La cistite può procedere a lungo con periodi di remissione, quindi si parla di una forma cronica della malattia. La cistite cronica è accompagnata di volta in volta da ricadute, sintomi simili alla forma acuta di questa malattia.

3. Urolitiasi

nelle donne, può essere causato da disturbi metabolici o processi stagnanti prolungati nel sistema urinario, o dall'ingresso di sabbia e calcoli renali nella vescica attraverso gli ureteri.

I segni di urolitiasi della vescica differiscono dalle manifestazioni del movimento dei calcoli renali. La donna avverte una sensazione di pesantezza e dolore nell'addome inferiore, forte sensazione di bruciore durante la minzione. Nelle urine sono visibili strisce di sangue a causa di danni da calcoli alla mucosa delle vie urinarie. Se la pietra blocca l'uretra, il flusso di urina diventa intermittente o del tutto assente.

Caratterizzato da un aumento di tali sintomi dopo uno sforzo fisico e scuotendo la guida..

4. Disturbo di innervazione o disfunzione neurogena della vescica

È una patologia in cui il paziente non può controllare la funzione urinaria a causa di disturbi psicologici, neurologici o traumatici.

Le cause dei disturbi neuromuscolari della vescica possono essere sia gravi malattie congenite e acquisite del sistema nervoso, sia gravi situazioni stressanti..

Esistono tre tipi di disfunzione della vescica neurogena:

  • - Aspetto atonico o ipotensione. Quando c'è un tono pigro della vescica e l'assenza della voglia di urinare. L'aumento del volume delle urine rilassa lo sfintere e l'urina non regge.
  • - Indipendente o non riflessivo. Una donna sente il bisogno di urinare solo quando la sua vescica è piena. Questo tipo di patologia si sviluppa quando il sistema nervoso centrale è danneggiato..
  • - Un tipo di disfunzione spastica o una vescica iperreflessa è caratterizzata da uno svuotamento involontario al primo ingresso di fluido nel corpo di una donna. Spesso c'è una costante perdita di urina, flusso intermittente, minzione frequente, specialmente di notte.

La violazione dell'innervazione della vescica provoca malattie più gravi di altri sistemi, quindi è necessario trattare prima di tutto il disturbo principale e quindi i sintomi della vescica.

5. Leucoplachia della vescica

- una malattia rara che si sviluppa nelle donne in un contesto di infezione cronica nel sistema genito-urinario, nonché a seguito di cambiamenti ormonali (menopausa, uso a lungo termine di contraccettivi orali).

L'essenza della malattia è nei cambiamenti patologici nello strato mucoso della vescica, che è protettivo, poiché neutralizza l'effetto dell'urina sulle pareti dell'organo.

Con la malattia, le cellule dell'epitelio transitorio della mucosa vengono sostituite da cellule epiteliali piatte (cheratinizzate) che non hanno una funzione protettiva.

La leucoplachia della vescica si sviluppa quando le infezioni genitali entrano nel corpo, ad esempio la clamidia o il micoplasma, nonostante il fatto che la malattia genitale sia stata trattata.
Spesso, la leucoplachia accompagna malattie femminili come l'erosione cervicale, ecc..

I segni di questa patologia della vescica sono molto simili ai sintomi della cistite cronica..

Pielonefrite come complicanza

Nei casi avanzati, quando i microbi penetrano attraverso l'uretra e gli ureteri nel rene, una donna può sviluppare la patologia più pericolosa tra le infezioni del tratto urinario ascendente, la pielonefrite - infiammazione della pelvi renale. Contribuire allo sviluppo di questo disturbo alterato deflusso di urina dal rene, frequente trabocco della vescica, ridotta conduzione neuromuscolare, debolezza della muscolatura liscia della vescica, cistite.

La pielonefrite acuta inizia con febbre, mal di schiena e minzione dolorosa.

Trattamento delle malattie della vescica

Le malattie della vescica nelle donne, i sintomi e il trattamento richiedono una corretta diagnosi, farmaci e terapia conservativa. Per identificare tempestivamente la malattia e iniziare il trattamento, è necessario monitorare sistematicamente una donna da un medico.

Con uretrite

La terapia per l'uretrite può includere farmaci antimicrobici. Per un trattamento adeguato, viene prescritta una coltura batteriologica delle urine, al fine di identificare l'agente eziologico della patologia.
Individualmente per ogni paziente, l'urologo seleziona i farmaci più efficaci che influenzano il patogeno identificato, nonché i metodi di terapia che aiutano a curare malattie e complicanze concomitanti.

Con cistite

Con la cistite, il trattamento antibatterico è prescritto con l'uso di antibiotici, antimicotici, antispastici, immunomodulanti e altri farmaci.

Si consiglia di eseguire procedure termiche, fare la doccia con agenti antisettici, escludere cibi piccanti e affumicati dal cibo, bere più acqua, ecc..

Rimedi popolari anti-infiammatori

Contemporaneamente ai farmaci antibatterici, è dimostrato che combina il trattamento con l'uso della medicina tradizionale. Ad esempio, la camomilla agisce come un agente antinfiammatorio, uccide la microflora patogena. Puoi lavarti, doccia con decotto di camomilla. Dill, i mirtilli rossi sono utili. Il succo di mirtillo rosso per la cistite agisce come un antibiotico naturale.

Come trattare l'urolitiasi della vescica nelle donne, impara dal materiale "Sintomi dell'urolitiasi e trattamento nelle donne".

Con disfunzione della vescica neurogena

Poiché le disfunzioni neurogeniche della vescica sono causate da malattie del sistema nervoso e stress grave, la malattia sottostante che ha causato ipotensione o disfunzione spastica della vescica deve essere trattata per prima. Oltre all'urologo, è necessario visitare uno psicoterapeuta o uno psicologo..

Di solito è molto difficile trattare le malattie nervose a causa della necessità di un approccio individuale al paziente. Se i metodi diagnostici di laboratorio hanno confermato l'assenza di un processo infiammatorio nella vescica, la medicina offre un trattamento da parte di uno psicoterapeuta, esercizio fisico, assunzione di sedativi.

Con leucoplachia

Il trattamento della leucoplachia vescicale è ridotto prima a metodi conservativi. Hanno un effetto medicinale sull'agente eziologico del processo patologico. Prescrivere terapie antimicrobiche, antinfiammatorie, immuno-rinforzanti, nonché trattamenti fisioterapici delle strutture urinarie mediante laser ed elettroforesi, trattamento a microonde e magnetoterapia.

In assenza di effetto, è indicata la rimozione chirurgica delle aree cheratinizzate della vescica interessate mediante resezione transuretrale utilizzando un cistoscopio inserito nella vescica attraverso l'uretra..

La procedura è sicura, poiché l'intero processo avviene sotto il controllo visivo del chirurgo per la presenza di una microcamera e di radiazioni luminose.

Un altro metodo moderno di rimozione della leucoplachia vescicale è la chirurgia laser, che è minimamente invasiva e senza contatto. I focolai delle lesioni della mucosa si bruciano ed evaporano senza sanguinare, al loro posto c'è solo un film sottile.

Dopo l'operazione, viene prescritto un ciclo di terapia ormonale per prevenire le ricadute.

Per diagnosticare la leucoplachia della vescica, è necessaria una biopsia delle mucose della parete urinaria, seguita da un'istologia della biopsia risultante.

L'automedicazione della leucoplachia della vescica non è consentita, poiché la patologia è molto grave.

Prevenzione delle malattie della vescica nelle donne

La malattia della vescica nelle donne è prevenibile. Per prevenire patologie è necessaria una prevenzione efficace:

  • igiene tempestiva di focolai cronici di infezione nel sistema genito-urinario;
  • attenta attuazione delle regole di igiene intima;
  • esclusione dell'ipotermia;
  • mantenere l'immunità;
  • svuotamento tempestivo della vescica;
  • una corretta alimentazione e un adeguato apporto di acqua e liquidi puliti.

Care donne, poiché siete le più sensibili alle malattie della sfera genito-urinaria, fate attenzione alle vostre condizioni! Non auto-medicare, fatti esaminare in modo tempestivo e sii sempre sano e affascinante!

Infezioni del tratto urinario nelle donne: sintomi, trattamento, cause, segni

Infezioni del tratto urinario.

Quanto sono comuni le infezioni del tratto urinario nelle donne??

In generale, la cistite acuta non complicata si sviluppa nel 10-15% delle donne sane non gravide all'anno; l'incidenza è maggiore tra i 18 ei 24 anni (17,5%). All'età di 24 anni, un terzo delle donne ha almeno un episodio di UTI diagnosticato da un medico e trattato con prescrizione medica. Circa il 12% delle donne con un primo episodio e il 48% delle donne con cistite ricorrente sperimenta un nuovo episodio nello stesso anno.

Sintomi e segni di un'infezione del tratto urinario nelle donne

Di norma, il paziente lamenta minzione frequente, forte impulso e disuria. La disuria senza perdite vaginali o irritazione è predittiva per il 77% di un'urinocoltura positiva. Una donna può provare disagio nell'addome inferiore prima e dopo la minzione. L'urina può essere escreta in piccole porzioni, a volte si nota ematuria. A volte c'è dolore sopra il pube.

Molto spesso, l'infezione è limitata al tratto urinario inferiore, ma può anche diffondersi al tratto urinario superiore, causando pielonefrite. Nella cistite non complicata, la febbre e il disturbo generale della condizione sono generalmente assenti. Con la pielonefrite possono verificarsi mal di schiena, febbre, nausea e vomito.

Con la cistite non complicata, la temperatura e il disturbo generale della condizione di solito non si verificano.

Cause di infezione del tratto urinario nelle donne

La maggior parte delle IVU si sviluppa in modo ascendente. Ciò significa che i batteri che vivono intorno all'apertura dell'uretra possono entrare e salire più in alto, provocando l'infiammazione della vescica..

Quali fattori predispongono all'UTI?

Quando si parla a un paziente di una UTI, ci sono una serie di fattori predisponenti che devono essere considerati. Il più importante di questi nelle giovani donne è il rapporto sessuale recente (il rischio relativo di cistite acuta aumenta di 60 volte entro 2 giorni dopo il rapporto). I fattori di rischio dovrebbero essere spiegati alla paziente in modo che comprenda come il suo comportamento influenzi lo sviluppo di IVU. I medici devono anche considerare la possibilità di situazioni più difficili. Il rischio di pielonefrite aumenta durante la gravidanza a causa dell'ostruzione parziale degli ureteri.

Fattori predisponenti di UTI nelle donne

  • Una storia di UTI.
  • Vita sessuale.
  • Utilizzando un diaframma o uno spermicida.
  • Primo episodio di UTI prima dei 15 anni.
  • Storia materna di UTI.
  • Uso del preservativo da parte dei partner.
  • Assunzione di antibiotici nelle ultime 2-4 settimane.
  • Fattori genetici.

Entro 2 giorni dal rapporto, il rischio relativo di cistite acuta aumenta di 60 volte.

Quali microrganismi spesso causano infezioni del tratto urinario nella pratica generale?

Circa l'80% dei casi si verifica in. Escherichia coli, 13% - per Staphylococcus saprophyticus.

Agenti causali di UTI

  • Agenti causali comuni di UTI:
    • Escherichia coli;
    • Staphylococcus saprophyticus:
    • Proteus mirabilis.
  • Agenti causali più rari di UTI:
    • Proteus vulgaris, specie Klebsiella, specie Entero-batterio, specie Citrobacter, Serratia
      marcescens, Acinetobacter e Pseudomonas spp., Staphylococcus aureus;
    • la candidosi causata da Candida albicans è rara nella popolazione, ma comune nei pazienti in cliniche con fattori di rischio come catetere vescicale, immunodeficienza, diabete mellito, trattamento antibiotico.

Cause di disuria

Circa il 50% delle donne che lamentano disfunzione urinaria non ha batteriemia. Tuttavia, hanno disuria, minzione frequente e forte bisogno. Forse piuria. In questi casi si parla di sindrome uretrale acuta, cistite interstiziale o sindrome della vescica dolorosa..

L'eziologia della sindrome uretrale non è completamente compresa. Può essere causato da batteri che sono presenti in piccole quantità, batteri che non crescono bene in coltura, infiammazioni aspecifiche o disturbi muscolari.

Altre cause di disuria e minzione frequente includono:

  • la presenza di microrganismi difficili da coltivare, ad esempio Ureaplasma urealyticum;
  • la presenza di agenti patogeni di infezioni genitali;
  • vaginite;
  • infezione da ossiuri o poliomielite;
  • esposizione a sostanze irritanti (deodoranti, bagnoschiuma, detergenti);
  • uretrite atrofica.

Diagnosi di infezione del tratto urinario nelle donne

Cosa dovrebbe fare un medico quando presenta un paziente con sintomi di UTI?

Per cominciare, raccogli l'anamnesi. Quindi decidere se somministrare il trattamento empiricamente o esaminare le urine.

Un campione di urina midstream può essere esaminato con strisce reattive o inviato al laboratorio per l'esame microscopico e la coltura. La microscopia e l'urinocoltura sono da tempo procedure standard per sospette infezioni del tratto urinario e le strisce reattive possono essere eseguite in loco da un medico o un infermiere. Se viene rilevata esterasi leucocitaria o nitrito, la probabilità di una coltura positiva è alta (l'assenza di uno degli indicatori riduce significativamente la probabilità di infezione): questo è un metodo molto affidabile per diagnosticare le infezioni del tratto urinario.

Dati sulla striscia reattiva UTI

  • Esterasi leucocitaria
    • Un risultato positivo indica la presenza di neutrofili nel campo visivo ad alto ingrandimento.
    • La sensibilità del test UTI sarà del 75-90%.
  • Nitrito
    • Serve come marker indiretto di batteriuria.
    • Indica la riduzione del nitrato alimentare a nitrito da parte di alcune infezioni del tratto urinario gram-negative, tra cui Escherichia coli e Proteusspp.
    • Un risultato negativo non esclude una UTI perché alcuni patogeni non producono nitrato riduttasi e con la minzione frequente (un evento comune nella cistite), l'enzima non ha il tempo di agire.
    • Meglio farlo con l'urina concentrata (prima porzione mattutina). Affinché i nitriti compaiano nelle urine, deve rimanere nella vescica per più di un'ora, durante la quale si verificherà una reazione appropriata.
  • Proteina
    • Le strisce reattive sono più efficaci per rilevare l'albumina, che si verifica con la febbre, così come la presenza di composti proteici nelle urine (cellule del sangue, batteri, muco).
  • pH
    • L'urina normale è acida. Una reazione alcalina in presenza di sintomi di IVU e esterasi leucocitaria può indicare la presenza di Proteus spp., Che scompongono l'urea in CO2 e ammoniaca, provocando un aumento del pH..

Nei pazienti con IVU non complicate, la terapia con strisce reattive e gli antibiotici empirici di prima linea sono ancora accettabili.

Gli studi sulle radiazioni per UTI non complicate di solito non vengono eseguiti, perché raramente forniscono preziosi risultati diagnostici. Allo stesso modo, un singolo episodio di pielonefrite non indica una malattia o una malformazione grave. Ma in caso di casi ripetuti di pielonefrite, sono giustificati studi come l'ecografia dei reni, l'urografia escretoria o la cistouretrografia vocale..

Come utilizzare le strisce reattive per trattare le donne con sintomi di IVU non complicata

NitritoLeucocitiProbabilità di UTIUso di antibiotici
PositivamentePositivo o negativoAltoGiustificato
NegativoNegativo1: 5Non giustificato
NegativoPositivamenteDal 50 al 50%Semina e aspettati risultati

Nelle infezioni del tratto urinario non complicate, gli esami con radiazioni non sono indicati..

Tutte le donne con UTI necessitano di microscopia e urinocoltura??

Le IVU non complicate nelle donne non gravide sono raramente gravi o causano conseguenze gravi ea lungo termine; nel 50% dei pazienti, la condizione migliora entro 3 giorni senza trattamento antibiotico. Tuttavia, la terapia empirica è considerata da alcuni esperti come il trattamento più conveniente per le IVU non complicate. Coloro che si oppongono alla terapia empirica fanno i seguenti due argomenti. In primo luogo, ritengono che l'urina debba essere testata per chiarire la diagnosi, limitare il trattamento antibiotico non necessario e identificare i pazienti che richiedono ulteriori test. In secondo luogo, poiché le infezioni del tratto urinario non complicate rappresentano la parte del leone delle prescrizioni di antibiotici, il trattamento empirico può aumentare la resistenza nelle popolazioni. Nel frattempo, i livelli di resistenza secondo i dati di laboratorio possono superare quelli della pratica generale..

Nel 50% delle donne con IVU non complicata in assenza di gravidanza, la condizione migliora entro 3 giorni senza trattamento antibiotico.

Trattamento dell'infezione del tratto urinario nelle donne

Quali antibiotici prescrivere?

Che tu preferisca o meno un trattamento empirico, come sempre con gli antibiotici, ci sono una serie di regole da tenere a mente:

  • Poiché la cistite non complicata è molto comune, è necessario scegliere antibiotici, che sono raramente prescritti per altre infezioni..
  • È necessario cambiare farmaci di volta in volta, poiché la prescrizione attiva dello stesso antibiotico può portare allo sviluppo di resistenza locale.
  • Livelli di resilienza locale da considerare.

Qual è la durata ottimale del trattamento antibiotico per le donne con UTI non complicata?

Gli antibiotici per UTI possono essere somministrati in dose singola, per 3 o 5 giorni, o, più tradizionalmente, per 7 o 14 giorni. Come trattamento iniziale si raccomanda un ciclo di tre giorni di farmaci come il trimetoprim. I corsi di un giorno sono meno efficaci e il trattamento a lungo termine è irto di effetti collaterali senza un miglioramento clinicamente significativo dell'efficacia.

Nelle donne sopra i 65 anni, un breve ciclo di antibiotici (3-6 giorni) sembra essere sufficiente per le infezioni del tratto urinario non complicate.

È necessaria la sorveglianza?

Con l'efficacia complessiva del trattamento, l'analisi delle urine ripetuta per i batteri è necessaria solo per le donne in gravidanza. La ragione di ciò è il fatto che questo è l'unico gruppo di donne in cui il trattamento della batteriuria asintomatica è giustificato a causa dell'aumentato rischio di pielonefrite e parto prematuro. In altri gruppi, la batteriuria asintomatica non è associata ad un aumento della morbilità e della mortalità.

Dopo la terapia antibiotica, l'analisi delle urine ripetuta per i batteri è necessaria solo per le donne in gravidanza.

Qual è la probabilità di ricaduta?

Un nuovo episodio di disuria e minzione frequente può indicare un'eradicazione incompleta dei patogeni originari o una reinfezione. È interessante notare che il 12-16% delle donne che ricevono terapia empirica UTI richiede un nuovo ciclo di antibiotici entro 4 settimane. dall'originale, non importa quanto tempo è durato quel corso originale. È meglio per queste donne allungare il corso del trattamento piuttosto che selezionare un antibiotico più forte..

Cosa puoi consigliare a una donna sulla prevenzione e, in generale, sulle infezioni del tratto urinario?

Le terapie di supporto e le misure preventive sono spesso raccomandate per le IVU, ma poche sono state studiate seriamente.

Gli agenti alcalinizzanti urinari, come citrato di potassio, citrato di sodio, bicarbonato di sodio, sono popolari per i disturbi del sistema urinario, ma la loro efficacia non è stata dimostrata ed è in dubbio.

Ulteriori procedure diagnostiche nelle donne con cistite non complicata ricorrente non sono giustificate.

Cosa puoi fare per le IVU frequenti??

Studi caso-controllo hanno dimostrato che una scarsa igiene personale non influisce sull'incidenza di infezioni del tratto urinario e non ci sono prove dell'utilità dei consigli sulla frequenza e sui tempi della minzione, bagnatura e bagnatura vaginale, bagni caldi e collant per prevenire le infezioni del tratto urinario..

Nelle donne in postmenopausa, le creme di estrogeni vaginali possono aiutare con IVU frequenti.

Se una donna ha 3 o più episodi di UTI all'anno, il suo medico può raccomandare quanto segue:

  1. Quando compaiono sintomi simili alla cistite, una donna può bere un breve ciclo di antibiotici da sola.
  2. Se la situazione non richiede la nomina di antibiotici o se ci sono controindicazioni al loro uso, il medico può sempre consigliare l'erboristeria Canephron I come trattamento per le IVU croniche. Il farmaco ha effetti diuretici, antispastici, antinfiammatori e antimicrobici, grazie ai quali colpisce quasi tutti i collegamenti del processo patologico.
  3. Se esiste un legame tra il rapporto sessuale e l'insorgenza dei sintomi di una IVU, trimetoprim 100 mg può essere prescritto dopo ogni rapporto..
  4. Un'altra opzione è assumere 50 mg di trimetoprim o nitrofurantoina al giorno per 6 mesi. e più a lungo se necessario. Per quanto riguarda le ultime due raccomandazioni, la profilassi deve essere iniziata non prima della completa guarigione dell'infezione (urinocoltura negativa almeno 1-2 settimane dopo la fine del trattamento). È importante spiegare alla donna che la prevenzione funziona solo durante l'assunzione dei farmaci e, dopo che sono stati cancellati, le IVU possono tornare.

Se le IVU ripetute sono associate a rapporti sessuali, si può consigliare alla donna di assumere 100 mg di trimetoprim dopo ogni rapporto, o 50 mg di trimetoprim o nitrofurantoina al giorno per 6 mesi. e altro ancora.

Il succo di mirtillo rosso è efficace per il trattamento e / o la prevenzione delle infezioni del tratto urinario?

L'efficacia dei prodotti a base di mirtillo rosso è maggiore nelle donne con IVU ricorrenti frequenti rispetto alle donne di altri gruppi, ma la dose e la via di somministrazione ottimali dei prodotti a base di mirtillo rosso (sotto forma di succo, compresse, capsule) non sono state ancora stabilite.

Infezioni del tratto urinario nelle donne. Sintomi, trattamento, farmaci durante la gravidanza

Le infezioni del tratto urinario nelle donne sono infezioni delle vie urinarie con batteri patogeni e sono caratterizzate dalla comparsa di sintomi specifici.

Tipi di infezione

Le infezioni del tratto urinario sono diverse: esiste una speciale classificazione estesa per distinguerle.

Per localizzazione
Disturbi delle vie urinarie superioriSono interessati i reni, i tubuli renali, il bacino e gli ureteri. In via di sviluppo: pielonefrite, carbonchio renale, ascessi.
Disturbi delle basse vie urinarieLa vescica e l'uretra sono colpite.
Secondo il grado di complicanza
Forma sempliceÈ caratterizzato da una leggera deviazione del lavoro degli organi urinari senza anomalie strutturali.
Forma complicataProcede con gravi disfunzioni degli organi urinari. In alcuni casi, è complicato dall'infiammazione degli organi vicini.
Dalla natura dei sintomi e dalla forma del corso
Sintomi clinici (acuti)I sintomi sono evidenti e si verificano frequentemente.
Infezioni asintomatiche (latenti), forma cronicaSono caratterizzati dall'assenza o da sintomi lievi, che possono essere aggravati dall'esposizione a un fattore (ad esempio, raffreddore o consumo di un prodotto irritante). Può accompagnare una persona per molto tempo.
A titolo di infezione
OspedaleL'infezione si verifica in ambiente ospedaliero durante procedure diagnostiche o terapeutiche (ad esempio, cateterismo uretrale).
Acquisita dalla comunitàL'infezione non è associata a procedure mediche e si verifica al di fuori dell'ospedale.

Fasi e gradi

Tutti i tipi di malattie infettive hanno 4 fasi principali:

  1. Periodo di incubazione. Inizia dal momento in cui un agente estraneo entra nel corpo umano. Inoltre, il microrganismo patogeno inizia a moltiplicarsi attivamente e creare colonie (CFU).
  2. Periodo prodormale. È caratterizzato dalla comparsa di segni generali di infezione infettiva senza sintomi specifici di una particolare malattia. La persona inizia a sentirsi debole, perde l'appetito, la temperatura corporea del paziente aumenta.
  3. Il periodo di sviluppo della malattia. In questa fase compaiono sintomi specifici della malattia, sulla base dei quali vengono prescritti test ed esami per ulteriori diagnosi. Durante lo sviluppo della malattia, c'è anche una ristrutturazione attiva del sistema immunitario: inizia a sintetizzare anticorpi specifici volti a distruggere i microbi e neutralizzare le tossine che rilasciano.
  4. Rekovalency (periodo di recupero). Durante il periodo di recupero, i sintomi dell'infezione vengono gradualmente eliminati e si forma l'immunità al tipo di microrganismo che ha causato la malattia. In alcuni casi, la patologia può trasformarsi in uno stato cronico..

Sintomi

Le infezioni del tratto urinario nelle donne hanno sintomi comuni:

  • bisogno troppo frequente di urinare, accompagnato da dolore e crampi;
  • cambiamento nel colore e nell'odore delle urine (diventa più scuro e acquisisce un forte odore sgradevole).

Inoltre, diversi tipi di infezioni hanno i loro sintomi caratteristici:

  • Uretrite: bruciore e prurito nell'uretra e durante la minzione, secrezione mucosa purulenta dall'apertura urinaria.
  • Cistite: una sensazione di svuotamento incompleto della vescica, che provoca dolori al basso ventre.
  • Pielonefrite: dolore acuto nella parte bassa della schiena e nella piccola pelvi, febbre, grave debolezza di una persona, vomito, edema.

Ragioni per l'aspetto

Le infezioni del tratto urinario nelle donne (i sintomi della malattia sono specifici, quindi è impossibile diagnosticare erroneamente) si sviluppano più spesso che negli uomini. Ciò è dovuto al fatto che l'uretra nel corpo femminile è corta e stretta e si trova anche vicino all'ano - per questo motivo, è più facile per i batteri penetrare nell'uretra e influenzare gli organi urinari..

La causa più comune di cistite o uretrite è che E. coli entra nel canale uretrale (questo può accadere se una persona usa la carta igienica da dietro in avanti dopo il movimento intestinale).

Inoltre, la causa dell'infezione può essere:

  • inosservanza delle regole di igiene intima;
  • contatto sessuale con una persona infetta senza preservativo;
  • lesioni e anomalie congenite nella struttura delle vie urinarie (in questo caso, il flusso di urina diventa difficile, il che contribuisce alla penetrazione e alla riproduzione dei patogeni)
  • la presenza di pietre o sabbia nei reni e nella vescica;
  • malattie infiammatorie e infettive degli organi riproduttivi interni;
  • reflusso vescico-ureterale o stasi urinaria;
  • bassa immunità;
  • diabete mellito (influisce sulla diminuzione dell'immunità);
  • uso di contraccettivi interni (spirale uterina, cappucci vaginali);
  • l'uso di spermicidi, poiché irritano la mucosa genitale e facilitano la penetrazione dei batteri.

Le donne in menopausa e postmenopausa sono particolarmente inclini a sviluppare infezioni genito-urinarie. I cambiamenti ormonali che si verificano durante questo periodo portano al fatto che la mucosa delle vie urinarie diventa più sottile e più suscettibile alla penetrazione di agenti patogeni.

Diagnostica

Le infezioni del tratto urinario nelle donne, i cui sintomi sono quasi sempre evidenti, vengono diagnosticate utilizzando metodi di laboratorio speciali:

MetodoDescrizione
Analisi generale delle urineConsente di determinare le proprietà dell'urina (colore, consistenza, trasparenza). La presenza di muco e un aumento del numero di leucociti nelle urine indica un processo infiammatorio negli organi urinari..
Analisi delle urine secondo il metodo NechiporenkoCon questa analisi è possibile determinare il numero esatto di leucociti e cilindri (molecole proteiche normalmente assenti) nelle urine e stabilire la gravità del processo infiammatorio.
Cultura dell'urina per flora con determinazione della sensibilità agli antibioticiL'urina del mattino viene utilizzata per la ricerca. Con l'aiuto di un'analisi della flora, è possibile determinare quale tipo di batteri ha causato l'infiammazione e il tipo appropriato di antibiotico per il trattamento (poiché diversi tipi di batteri possono essere resistenti a determinati tipi di antibiotici).
Analisi delle urine secondo ZimnitskyRivolto allo studio della funzione renale. Sta nel fatto che una persona durante il giorno deve raccogliere l'urina in contenitori speciali ogni 3 ore e registrare tutta l'assunzione di liquidi.

Le analisi elencate sono le principali quando si effettua una diagnosi. Se si sospetta un danno renale, viene prescritto un ulteriore studio sul siero del sangue: se il livello di urea e creatinina in esso è aumentato, ciò indica che si sta verificando un processo infiammatorio attivo nei reni.

Inoltre, inoltre (in presenza di eventuali malattie degli organi urinari o un quadro poco chiaro delle analisi), possono essere prescritti studi strumentali:

  • Ultrasuoni dei reni e della vescica: mostra la struttura dei tessuti degli organi, consente di identificare la presenza di pietre in essi.
  • Tomografia computerizzata: consente di ottenere immagini volumetriche degli organi urinari e identificare varie malattie che potrebbero causare infiammazioni.
  • Cistoscopia: progettata per osservare le pareti interne della vescica. Un tubo ottico viene inserito nell'organo attraverso il canale uretrale, grazie al quale si ottengono le immagini.

Quando vedere un dottore

Le infezioni infettive degli organi urinari sono molto pericolose: possono portare all'interruzione del funzionamento degli organi e causare grave intossicazione del corpo (a causa del fatto che l'escrezione di urina verrà interrotta, da cui i batteri patogeni vengono rimossi dal corpo).

Pertanto, è necessario consultare immediatamente un medico quando compaiono i sintomi caratteristici dell'infezione: dolore e sensazione di bruciore durante la minzione, prurito degli organi genitali esterni, sensazione di svuotamento incompleto della vescica. Il rinvio tempestivo a uno specialista aiuterà a prevenire la disfunzione d'organo.

Con la pielonefrite, prima c'è debolezza e la temperatura corporea aumenta, un po 'più tardi c'è dolore nella parte bassa della schiena.

Prevenzione

Le infezioni delle vie urinarie nelle donne i cui sintomi interferiscono con la vita quotidiana possono essere prevenute seguendo le regole di prevenzione:

  • Trattare tempestivamente tutte le malattie infiammatorie nel corpo (indipendentemente dalla loro posizione, poiché l'infezione può entrare nel tratto urinario attraverso il sangue o la linfa).
  • Con la voglia di urinare, non tollerare a lungo, ma svuota la vescica il prima possibile.
  • Osservare l'igiene intima (lavare quotidianamente le aree vaginali e anali con le mani pulite dalla parte anteriore a quella posteriore, dal pube all'ano).
  • Usa il preservativo quando fai sesso con uno sconosciuto o un partner regolare infetto.

Metodi di trattamento

Nella maggior parte dei casi, le infezioni delle vie urinarie vengono trattate in regime ambulatoriale. Ma se il paziente è in pessime condizioni e il lavoro degli organi viene interrotto (il più delle volte si osserva con danni ai reni), è necessario il ricovero in ospedale.

L'obiettivo della terapia è distruggere i microrganismi patogeni, alleviare l'infiammazione e il dolore e normalizzare il funzionamento degli organi urinari..

Farmaci

Per le lesioni infettive delle vie urinarie, vengono sempre prescritti farmaci antibatterici (antibiotici). La scelta del farmaco dipende dal tipo di batteri, dall'età della donna e dalle controindicazioni.

I tipi di antibiotici più comunemente prescritti sono:

  • Antibiotici ad ampio spettro: hanno un effetto antimicrobico pronunciato. È importante che il principio attivo dell'antibiotico venga escreto attraverso i reni, pertanto, per le infezioni del tratto urinario, vengono solitamente prescritti farmaci come Amoxiclav, Ceftriaxone, Doxiciclina.
  • Farmaci sulfanilamide: combattono efficacemente gli agenti infettivi, vengono escreti attraverso i reni e allo stesso tempo non hanno un effetto tossico sui reni. I farmaci sulfanilamide includono: "Urosulfan", "Biseptol", "Etazol".
  • Farmaci nitrofurici: hanno un effetto sui batteri gram-positivi e gram-negativi. Per uso interno, nomini "Furazolidone", "Negram". Per lavare i genitali, prescrivere soluzioni "Furacilin".

Gli antibiotici possono essere somministrati sotto forma di pillole o iniezioni, a seconda della gravità della malattia.

Insieme agli antibiotici, vengono prescritti anche i seguenti gruppi di farmaci:

Gruppo di farmaciattoStrutture
FANSHanno un effetto complesso: alleviano il dolore e l'infiammazione. Aiuta ad abbassare la temperatura corporea."Ibuprofene", "Nise", "Nimesulide".
AntispasticiPromuove il rilassamento dei muscoli delle vie urinarie e la normalizzazione della produzione di urina."No-shpa", "Drotaverin".
PhytopreparationsNormalizzano il lavoro delle vie urinarie, hanno un leggero effetto analgesico e antinfiammatorio."Fitolysin", "Kanephron".
Probiotici e prebioticiAbitano nell'intestino con batteri benefici, contribuiscono alla normalizzazione della digestione (poiché gli antibiotici influenzano negativamente lo stato della microflora intestinale)."Linex", "Hilak Forte", "Acipol", "Bifiform".

Rimedi popolari

I rimedi popolari sono molto efficaci nel trattamento delle infezioni del tratto urinario. Con l'aiuto di loro, puoi ottenere un miglioramento significativo nel funzionamento dei reni e della vescica ed eliminare i sintomi della malattia..

Tuttavia, la medicina tradizionale non è un sostituto completo del trattamento farmacologico standard, quindi devono essere utilizzate insieme. Inoltre, non usare rimedi popolari senza il permesso di un medico..

Mirtilli rossi e mirtilli rossi

I mirtilli rossi e i mirtilli rossi hanno effetti antinfiammatori, antimicrobici e analgesici pronunciati. Inoltre, le bacche hanno un effetto diuretico, che è importante per le lesioni del tratto urinario..

Si consiglia di bere ogni giorno 200-300 ml di succo appena spremuto o succo di mirtilli rossi o mirtilli rossi.

Inoltre, dalle foglie delle piante, puoi preparare un infuso curativo:

  1. Prendere 30-40 g di mirtillo rosso e foglie di mirtillo rosso, tritare.
  2. Quindi versare le foglie con acqua calda (temperatura non superiore a 80 gradi) e lasciare in infusione il composto per 30 minuti.
  3. Dopo 30 min. filtrare l'infuso e bere. Il corso del trattamento è di 1 settimana 2-3 volte al giorno.

Infuso di rosa canina

La rosa canina è ricca di vitamina C e ha anche effetti antinfiammatori e diuretici. L'infuso di rosa canina aiuta ad accelerare l'escrezione di urina ed eliminare rapidamente i sintomi della cistite.

Per preparare l'infuso, mettere 100 g di frutti di bosco in un thermos e riempirli di acqua calda per 3 ore, dopodiché si può usare una bevanda al posto del normale tè.

Decotto di gemme di betulla

I boccioli di betulla hanno un effetto antibatterico, quindi vengono utilizzati nel trattamento di malattie infettive.

Per preparare il brodo hai bisogno di:

  1. Macina 100 g di gemme di betulla.
  2. Quindi versare la materia prima con 0,5 litri di acqua calda e mettere a fuoco medio.
  3. Aspetta che l'acqua bolle e dopo 2-3 minuti. togliete il brodo dal fuoco.
  4. Raffreddare il brodo e assumere 150 ml 3 volte al giorno prima dei pasti.

Il corso del trattamento è di 5-7 giorni.

Camomilla

La camomilla per le infezioni del tratto urinario può essere utilizzata sia internamente che esternamente per lavare i genitali. La pianta ha effetti antinfiammatori, antisettici e rigeneranti.

Per preparare il brodo hai bisogno di:

  • Versare 2 cucchiai. l. fiori di camomilla 0,5 litri di acqua calda e mettere il contenitore con le materie prime a fuoco medio.
  • Dopo che il composto bolle, cuocilo a fuoco lento per altri 5 minuti, quindi togli dal fuoco e lascia raffreddare.

È necessario lavare i genitali esterni con un decotto 2 volte al giorno. Dopo la procedura, il brodo non ha bisogno di essere lavato via dalla pelle.

Per l'ingestione, si consiglia di preparare un infuso, poiché viene preparato più velocemente: è necessario versare 1 cucchiaino. fiori di camomilla con acqua calda, coprire il contenitore con un coperchio e lasciare agire per 15-20 minuti. Successivamente, la miscela deve essere filtrata. È necessario utilizzare l'infuso 2-3 volte al giorno dopo i pasti. Il corso del trattamento è di 7 giorni.

Dieta e regime alimentare

Durante il trattamento delle infezioni del tratto urinario, è necessario aumentare l'assunzione di liquidi. Ciò è necessario affinché l'urina, i sali e i batteri in essa contenuti vengano rapidamente eliminati dal corpo. Si consiglia di bere acqua, tisane e decotti.

È inoltre necessario seguire una dieta mirata a ridurre l'irritazione delle vie urinarie, ridurre l'infiammazione e la quantità di sali nel corpo..

Per tutta la durata del trattamento, quanto segue deve essere escluso dalla dieta:

  • cibi salati e in salamoia;
  • piatti grassi, speziati, affumicati;
  • spezie e spezie;
  • legumi e acetosa;
  • cipolle, aglio, rafano;
  • salsa di soia, maionese e ketchup acquistati in negozio;
  • agrumi;
  • caffè e tè nero e verde;
  • bevande gassate;
  • alcol;
  • piatti dolci.

Brodi magri, pollo bollito, pesce, verdura e frutta dovrebbero prevalere nella dieta per le infezioni del tratto urinario. Sono ammessi anche cereali e pasta. Puoi mangiare latticini a basso contenuto di grassi ogni 2-3 giorni.

Intervento operativo

È estremamente raro - in caso di lesioni, anomalie strutturali congenite o ostruzione delle vie urinarie a causa della presenza di calcoli. Devono esserci indicazioni rigorose per l'intervento chirurgico.

A seconda delle indicazioni, durante l'intervento possono espandere le vie urinarie, rimuovere calcoli o correggere patologie della struttura. Dopo l'operazione, viene prescritta una terapia antibatterica e antinfiammatoria, nonché l'aderenza a una dieta.

Possibili complicazioni

Le infezioni del tratto urinario, i cui sintomi possono essere di varia intensità e gravità, portano a gravi conseguenze se non trattate. L'infiammazione causata da un'infezione può diventare cronica e quindi i suoi sintomi infastidiranno costantemente una persona.

Inoltre, l'infezione e l'infiammazione possono penetrare negli organi riproduttivi e colpire l'utero e le tube di Falloppio. Questo è pericoloso perché in futuro una donna potrebbe diventare sterile o avere problemi a portare un feto, poiché il rischio di aborto spontaneo aumenta a causa di infezioni..

In rari casi, il processo infettivo porta a sepsi o ascessi - di solito queste condizioni si sviluppano solo con una prolungata assenza di trattamento. La sepsi e l'ascesso sono pericolosi perché portano alla morte di una persona.

L'infezione renale può portare a insufficienza renale, che può anche essere fatale se non trattata. Se l'insufficienza renale si sviluppa in una donna incinta, il suo rischio di parto prematuro e aborto spontaneo aumenta notevolmente..

Poiché l'escrezione urinaria è compromessa nelle lesioni infettive, senza trattamento, una persona può manifestare incontinenza o reflusso (lancio inverso dell'urina dalla vescica negli ureteri).

L'incontinenza porta a un deterioramento della qualità della vita del paziente e problemi psicologici e nel secondo caso può verificarsi uno shock tossico (poiché le sostanze nocive non saranno escrete dal corpo).

Le lesioni infettive delle vie urinarie possono portare all'infezione di altri organi, quindi è importante rilevare i sintomi della patologia nel tempo. Con l'inizio tempestivo del trattamento, l'infezione può essere completamente curata in soli 3-5 giorni..

Design dell'articolo: Vladimir il Grande

Video sulle infezioni urinarie

Malysheva sulle infezioni urinarie nelle donne: