Incontinenza urinaria

Incontinenza urinaria: l'incapacità di controllare completamente il lavoro della vescica. Questo è un disturbo comune, sebbene non ci siano ancora statistiche esatte su di esso: le persone che soffrono di incontinenza non sempre cercano aiuto da un medico. Ad esempio, i pazienti più anziani considerano ciò che sta accadendo come un problema personale che accompagna l'invecchiamento e il deterioramento del corpo. Non è così: l'incontinenza urinaria viene trattata con successo e la situazione può essere tenuta sotto controllo..

Come funziona la minzione?

Il muscolo detrusore situato nella vescica è responsabile della minzione. Nello stato normale, i muscoli dello sfintere nel collo della vescica sono strettamente chiusi. L'urina accumulata allunga le pareti della vescica, la pressione stimola i recettori che si trovano in esse. Il detrusore si deforma e la vescica si rilassa e la persona si rende conto che è ora di andare in bagno.

Affinché la minzione avvenga, la pressione nell'uretra deve essere inferiore a quella nel detrusore. Una persona sana controlla in modo riflessivo la forza della pressione con l'aiuto dei propri muscoli..

Nel caso della patologia, una persona non può controllare il processo di minzione, in tutto o in parte. Gli impulsi nervosi imitano falsi desideri, si verifica una minzione incontrollata.

La natura delicata del problema porta al fatto che le persone cercano di nascondere il disturbo alle loro famiglie e agli altri, isolandosi psicologicamente. Una persona che soffre di enuresi si sente a disagio nella vita di tutti i giorni, esita ad andare a fare la spesa o al lavoro, a mantenere relazioni amichevoli. Nei casi peggiori, le deviazioni psicoemotive sono fisse nel comportamento..

Cause dell'incontinenza urinaria

L'enuresi non è una malattia indipendente, ma una conseguenza dei processi che si verificano nel corpo umano..

Le cause che portano all'incontinenza urinaria possono essere suddivise in tre categorie:

  1. Ormonale. Nel 60% delle donne, durante la menopausa si verifica minzione frequente o incontinenza urinaria. In questo momento, il livello di estrogeni nel corpo diminuisce e nei tessuti della vescica e dello sfintere ci sono recettori che rispondono al loro numero. La mancanza di estrogeni porta a cambiamenti atrofici negli organi del pavimento pelvico, che possono anche causare incontinenza urinaria.
  2. Anatomico. I cambiamenti del corpo possono essere congeniti o acquisiti. Se portano a disturbi nella posizione naturale degli organi pelvici e una diminuzione della sensibilità, può verificarsi l'enuresi. Le cause dei disturbi anatomici possono essere: obesità, processi infiammatori cronici, interventi chirurgici sugli organi riproduttivi femminili, sforzo fisico prolungato e pesante, parto, patologia prostatica.
  3. Trauma al sistema urinario. Può essere il risultato di un intervento chirurgico o di lesioni esterne.

Cause temporanee di minzione incontrollata possono essere infezioni: tratto vaginale o urinario, costipazione cronica, consumo di alcol, spezie, cibi ricchi di acido ascorbico e alcuni farmaci (alcuni sedativi e miorilassanti).

La gravidanza può accompagnare i sintomi della perdita di urina.

Tipi di incontinenza urinaria

  • Incontinenza urinaria da stress. Se i muscoli dello sfintere sono indeboliti o eccessivamente tesi, è difficile per una persona trattenere l'urina mentre si muove, ride, solleva pesi. Una certa quantità di urina (da poche gocce e il volume di un cucchiaio) fuoriesce se una persona starnutisce o tossisce, quindi la parete muscolare addominale si tende e preme sulla vescica.

Questo è il tipo più comune di pipì a letto tra le donne anziane. Negli uomini, a causa delle caratteristiche fisiologiche, l'incontinenza urinaria da stress è meno comune..

  • Una vescica iperattiva. Questa è una situazione in cui non è ancora necessario urinare, ma il cervello sta già inviando segnali persistenti al detrusore per svuotarsi. Un'altra opzione è anche possibile: la contrazione del detrusore spreme il fluido nell'uretra e la persona avverte un doloroso desiderio di visitare urgentemente il bagno. In questo caso, la vescica può essere riempita fino alla metà o anche meno, ed emetterà "in montagna" solo pochi grammi di urina.

I desideri seguono in qualsiasi momento del giorno o della notte, a volte così spesso che una persona non ha l'opportunità di rilassarsi e riposare completamente. Tale incontinenza urinaria è anche chiamata urgente, oltre il 30% degli uomini e il 40% delle donne hanno una vescica iperattiva. La causa della malattia può essere la malattia della prostata negli uomini, l'inizio della menopausa nelle donne e persino l'aderenza a una dieta rigorosa, indipendentemente dal sesso dei pazienti.

  • Incontinenza riflessa. In questo caso, la perdita di urina si verifica a causa del lavoro riflesso patologico del midollo spinale. La persona non riceve segnali per urinare e il fluido perde da solo. Questo disturbo si verifica con lesioni del midollo spinale..
  • Incontinenza da traboccamento (incontinenza da urgenza). Un disturbo più tipico per gli uomini con malattie della prostata o una prostata operata. L'incontinenza si verifica quando la vescica non riesce a trattenere un volume maggiore di urina o quando una vescica, una prostata ingrossata o un tumore bloccano il flusso. O nel caso in cui il detrusore sia diventato meno elastico e non "blocchi" in modo affidabile il fluido.

Con questo tipo di incontinenza, l'urina viene rilasciata a gocce e vuoi andare spesso in bagno.

Una persona può avere sintomi di diversi tipi di incontinenza allo stesso tempo. Questa è l'incontinenza urinaria mista.

Il grado della malattia è determinato dalla quantità di urina escreta in 3-4 ore:

  • fino a 50 ml di urina - lieve incontinenza;
  • 100-200 ml di urina - incontinenza moderata;
  • più di 300 ml di urina - incontinenza grave.

Diagnosi di incontinenza urinaria

Cosa fare in caso di incontinenza urinaria? Non dovresti vergognarti di questo problema e consultare un medico. Un urologo esamina i pazienti con flusso urinario incontrollato.

Preparati a rispondere alle domande:

  • quando e con quale frequenza l'urina viene escreta, il processo è accompagnato da dolore, disagio, stress;
  • se ci sono malattie intestinali croniche, operazioni sugli organi pelvici;
  • ci sono cattive abitudini;
  • numero di gravidanze;
  • Quali medicine stai prendendo.

Nelle persone anziane e dolorosamente eccitabili, il medico valuterà lo stato mentale.

Valutando lo stato di salute generale, il medico palpa gli organi addominali, il retto, i genitali e il bacino e controlla i riflessi neurologici.

I seguenti test possono essere raccomandati per stabilire una diagnosi:

  • analisi delle urine per urinolisi;
  • coltura batteriologica;
  • studio dell'urina residua;
  • stress test;
  • cistografia;
  • ricerca urodinamica;
  • cistoscopia;
  • esame endoscopico;
  • Ultrasuoni della vescica e organi correlati.

Incontinenza urinaria nelle donne

Le cause dell'incontinenza urinaria nelle donne possono essere il malfunzionamento del sistema nervoso centrale e periferico, nonché disturbi nella regolazione nervosa delle funzioni della vescica..

Il disturbo da stress del flusso urinario è associato a una diminuzione della quantità di collagene durante la menopausa e alla conseguente debolezza muscolare e prolasso degli organi pelvici.

Dopo il parto, una forma mista di stress e incontinenza da urgenza può manifestarsi come conseguenza di un danno muscolare traumatico. Caratterizzato da un'intollerabile voglia di urinare e perdite di urina durante il sollevamento pesi.

L'incontinenza persistente è associata ad anomalie nella struttura del tratto urinario. E anche con un lavoro troppo lungo o, al contrario, rapido, complicato da rotture delle strutture del pavimento pelvico.

Sulla base dei risultati della diagnosi, il medico può consigliare l'adesione a una dieta che escluda l'uso di alimenti che provocano incontinenza o dimagrimento (per l'obesità).

Esistono anche esercizi che rafforzano i muscoli responsabili della minzione e tecniche di controllo volitivo, modificando i fattori comportamentali. I metodi conservativi sono indicati per le giovani donne o pazienti che non vogliono sottoporsi a un intervento chirurgico.

La terapia farmacologica comprende l'uso di simpaticomimetici, anticolinergici, antidepressivi, estrogeni e, per l'incontinenza temporanea, farmaci che riducono la quantità di urina.

Se è necessario un intervento chirurgico, alle donne viene somministrato:

  • operazione di imbracatura mininvasiva, che consiste nell'introduzione di una rete sintetica o di un anello sotto il collo della vescica o dell'uretra;
  • colposospensione laparoscopica, quando il tessuto attorno all'uretra viene sollevato ai legamenti inguinali. Questa operazione dà un buon effetto sia sui risultati immediati che a lungo termine;
  • iniezioni di farmaci che sostituiscono il volume dei tessuti molli e fissano l'uretra nella posizione desiderata. L'operazione viene eseguita sotto il controllo di un cistoscopio.

Incontinenza urinaria negli uomini

Le cause più comuni di enuresi maschile sono:

  • le conseguenze delle operazioni sugli organi pelvici, sull'uretra, sulla ghiandola prostatica;
  • disturbi del flusso sanguigno legati all'età;
  • prolasso o spostamento degli organi addominali;
  • malattie neurologiche;
  • debolezza dei muscoli pelvici a causa di uno stile di vita sedentario;
  • intossicazione cronica (alcolica, narcotica, diabetica).

La terapia farmacologica per l'incontinenza urinaria negli uomini comprende farmaci che tonificano i muscoli e migliorano la microcircolazione sanguigna; stimolando il lavoro del sistema nervoso centrale, antimicrobico, antivirale e ormonale.

La fisioterapia ha un buon effetto: stimolazione elettrica transcutanea e influenza magnetica extracorporea. Vengono praticati l'allenamento dei muscoli del pavimento pelvico, lo svuotamento vescicale guidato e una dieta speciale.

I metodi chirurgici offrono:

  • impianto della valvola vescicale anulare. La soluzione più efficace al problema dell'enuresi maschile con le conseguenze dell'asportazione della prostata, dell'adenoma e dell'insufficienza dello sfintere interno;
  • iniezioni di collagene. Non è un metodo affidabile per trattare gli uomini a causa di un effetto temporaneo: il collagene viene ridistribuito e assorbito nel tempo;
  • impianto di un'ansa maschile (operazioni di imbracatura). L'uretra ritorna nella sua posizione corretta dopo essere stata avvolta in una rete e attaccata alle ossa pelviche. L'effetto positivo si ottiene nel 90% dei casi.

Trattamento dell'incontinenza urinaria

Il trattamento consigliato al paziente dipende dal tipo di malattia, dalla sua gravità, dall'età della persona, dallo stato psico-neurologico.

La terapia per l'incontinenza urinaria può svolgersi in tre aree:

  1. Operazione. È praticato con una forma grave di patologia, quando altri metodi di trattamento non hanno funzionato.
  2. Trattamento senza farmaci. La ginnastica è progettata per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico - esercizi di Kegel, mantenendo le gambe sul peso negli esercizi "forbici", "angolo", sollevando le gambe e il bacino in alto nell'esercizio "betulla".
  3. Trattamento con farmaci. Dà un effetto stabile in caso di incontinenza urinaria urgente. Il farmaco allevia la vescica iperattiva, che aumenta la sua capacità. Vengono utilizzati antidepressivi, antispastici, anticolinergici, rigorosamente sotto controllo medico.
  4. Correzione dello stile di vita. Ridurre il consumo di diuretici: caffè, cioccolato, alcol. Prevenzione della stitichezza come ulteriore fattore di pressione sui muscoli del pavimento pelvico. Normalizzazione del regime di bere con un aumento della quantità di liquido bevuto fino a 2 litri - quindi l'urina diventa meno concentrata e non irrita le pareti della vescica. Controllo del sovrappeso

Igiene per l'incontinenza urinaria

Le moderne tecnologie consentono di non portare la situazione all'uso di prodotti per l'igiene sintomatica. Ma come misura temporanea o nei casi in cui la possibilità di trattare il paziente è limitata, è possibile utilizzare mezzi urologici igienici.

Nelle forme di enuresi da lievi a moderate, gli elettrodi urologici vengono utilizzati per mantenere uno stile di vita abituale. Sono prodotti separatamente per uomo e donna, tenendo conto della forma anatomica.

Per le persone con incontinenza grave, sono disponibili pannolini, pannolini e lenzuola.

Gli assorbenti urologici e i pannolini trattengono l'umidità fino a 12 ore, forniscono una sensazione di secchezza, assorbono gli odori e non irritano la pelle.

Per gli uomini, sono previsti uro-preservativi, sono attaccati al pene e il tubo di drenaggio dell'urina è diretto nella sacca di raccolta dell'urina attaccata alla gamba. È invisibile agli altri.

Per evitare irritazioni e infezioni della pelle, l'area uretrale viene mantenuta pulita utilizzando cosmetici speciali per i pazienti con enuresi. Dopo le procedure dell'acqua, è meglio trattare la pelle intorno all'uretra con creme protettive.

Conseguenze dell'incontinenza urinaria

Se non vedi un medico, la qualità della vita di una persona che soffre di enuresi si deteriorerà:

  1. Appariranno problemi dermatologici: dermatite da pannolino, dermatite;
  2. Più spesso si verificheranno cistite, uretrite e altre malattie infettive delle vie urinarie;
  3. Il disagio psicologico e la paura di comunicare con le persone diventeranno un compagno costante di una persona. I contatti intimi diventano più complicati, i frequenti risvegli notturni non ti permetteranno di dormire e riposare.

Prognosi nel trattamento dell'incontinenza urinaria

La prognosi per il trattamento di successo dell'incontinenza urinaria è piuttosto alta, il trattamento farmacologico e chirurgico porta al ripristino del controllo urinario nel 90% dei casi. Il medico determina quale tipo di terapia applicare, tenendo conto delle cause della patologia e di quanto il paziente sia pronto a partecipare ad attività di miglioramento della salute.

Prevenzione dell'enuresi notturna

Se le malattie sono causate da eredità, traumi o complicazioni dopo le operazioni, è difficile prevenirne il verificarsi. Ma il grado di rischio può essere ridotto:

  • uno stile di vita sano;
  • nutrizione appropriata;
  • mantenere un peso ottimale;
  • smettere di fumare e alcol;
  • controllo della condizione nell'ipertensione e nel diabete mellito.

Incontinenza urinaria

terapista / Esperienza: 36 anni


Data di pubblicazione: 2019-03-27

ginecologo / Esperienza: 26 anni

L'incontinenza urinaria è un “problema fastidioso” che purtroppo colpisce persone di entrambi i sessi e di tutte le età. Gli scienziati hanno notato che le donne di età superiore ai 45 anni hanno problemi simili più spesso degli uomini. L'incontinenza urinaria si verifica nei bambini piccoli, che è associata all'anatomia delle vie urinarie, ma in alcune situazioni questa condizione non scompare nel corso degli anni.

L'incontinenza urinaria, o incontinenza, è una condizione in cui una persona non può, con uno sforzo di volontà, controllare l'urina che scorre involontariamente. È piuttosto difficile parlare della prevalenza del problema, poiché i pazienti raramente cercano assistenza medica. Completamente invano, degno di nota! L'incontinenza urinaria non è un disturbo primario o una malattia indipendente. Nella maggior parte dei casi, una tale condizione patologica è solo una conseguenza di altre malattie o anomalie nello sviluppo di alcuni organi interni. Il contatto tempestivo con le istituzioni mediche offre al paziente l'opportunità di identificare la causa di tale condizione, sottoporsi a un determinato trattamento e dimenticare questo problema per sempre. Al contrario, se cerchi di astrarti dal problema in ogni modo possibile, puoi solo aggravare la situazione attuale..

Classificazione dell'incontinenza urinaria

Il fatto che esista una Società internazionale per la diagnosi e il trattamento dell'incontinenza urinaria indica l'ampiezza di questo problema. Ha sviluppato una classificazione abbastanza capiente, secondo la quale l'incontinenza urinaria può essere approssimativamente suddivisa nelle seguenti categorie:

  • Urgente incontinenza urinaria, che si verifica con un improvviso e acuto bisogno di urinare, a seguito della quale si verifica una perdita involontaria del contenuto della vescica.
  • Incontinenza urinaria indotta dalla pressione, chiamata anche incontinenza urinaria da stress.
  • Enuresi - minzione involontaria e incontrollata che si verifica in qualsiasi circostanza.
  • Enuresi notturna - una condizione in cui si verifica la minzione incontrollata mentre una persona dorme.
  • Una forma mista di patologia, in cui si verifica un incidente a causa di un forte impulso che non può essere controllato. Allo stesso tempo, c'è un certo fattore provocante: starnuti, tosse, stress, ecc..
  • Altri tipi di incontinenza derivanti da varie circostanze. In alcuni pazienti, ad esempio, l'incontinenza urinaria si verifica durante il rapporto.

Nel loro lavoro quotidiano, gli urologi usano una classificazione semplificata, secondo la quale distinguono:

  • forma stressante di questa condizione;
  • imperativo;
  • combinato;
  • altre forme di patologia.

Inoltre, l'incontinenza urinaria è vera e falsa. Le cause della falsa incontinenza risiedono in presenza di malformazioni congenite o acquisite dell'uretra nel paziente.

La vera incontinenza urinaria è una condizione patologica che si verifica senza i suddetti fattori e ha un'eziologia non specificata..

Tipi di incontinenza urinaria

Per comprendere i tipi di incontinenza urinaria, vale la pena fare riferimento ad alcune caratteristiche della fisiologia del sistema urinario. Normalmente, l'urina è prodotta dai reni e consiste di acqua e prodotti metabolici. Dai reni attraverso gli ureteri, l'urina scende nella vescica, assomigliando a un palloncino. Quando la vescica è piena, c'è una certa pressione sulle sue pareti, a seguito della quale i recettori delle pareti entrano in uno stato eccitato. Allo stesso tempo, una persona prova un desiderio irresistibile di visitare il bagno. Gli sfinteri si rilassano e la vescica si svuota naturalmente. Ciò accade, di regola, nel momento sbagliato e fuori luogo. Normalmente, una persona può controllare questo processo e ritardare la minzione. Con varie violazioni, il processo va fuori controllo.

Incontinenza urinaria da stress

Questa condizione è caratterizzata dal fatto che l'incontinenza urinaria si verifica durante determinate azioni che provocano un aumento della pressione nel peritoneo del paziente (tosse, risate, attività fisica, ecc.) Non c'è bisogno di urinare affatto.

L'incontinenza urinaria da stress può derivare dalla mancanza di determinati ormoni, vitamine e minerali e, di conseguenza, dalla mancanza di collagene. Il collagene è un composto proteico che fornisce elasticità e forza a vari tessuti del corpo umano, inclusi muscoli e legamenti. La mancanza di collagene provoca l'indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico.

Un'altra causa dell'incontinenza urinaria da stress è l'abbassamento o l'eccessiva mobilità del collo vescicale e vari disturbi nel funzionamento degli sfinteri. Il cedimento del diaframma pelvico provoca l'abbassamento del collo vescicale e quindi l'incontinenza urinaria da stress.

Urgente incontinenza urinaria

L'urgenza è una voglia inaspettata di urinare, che il paziente non può controllare e rimandare per un certo periodo di tempo. La voglia di urinare e il processo di svuotamento della vescica stessa si verificano quasi contemporaneamente. Questa condizione è considerata una variante della norma nei bambini piccoli. Nei pazienti adulti, questa condizione è considerata patologica. La gravità dell'urgenza può essere diversa. In alcuni casi, il paziente non può controllare affatto il processo di minzione, in altri, forse, ma per un breve periodo. Ci sono casi clinici in cui la voglia di urinare è debole o non espressa affatto.

La ragione di questa condizione risiede nella vescica iperattiva. Una serie di fattori esterni può provocare l'incontinenza urinaria da urgenza:

  • eccitazione nervosa;
  • il suono dell'acqua che scorre;
  • sbalzi di temperatura improvvisi;
  • stato di intossicazione alcolica;
  • varie condizioni neuropsichiatriche.

Questa condizione può essere il risultato di vari processi patologici che interessano il sistema nervoso periferico e centrale..

Incontinenza urinaria mista

Questa forma di patologia si verifica nei pazienti quando si osservano contemporaneamente sintomi di urgenza e incontinenza urinaria da stress. Si verifica abbastanza spesso.

Paradossale incontinenza urinaria dovuta a trabocco della vescica

Il trabocco dell'urina si verifica quando, a causa di vari disturbi patologici, la vescica non si svuota completamente durante la minzione. Si sviluppa spesso nei pazienti più anziani, così come nelle persone con varie malattie del sistema genito-urinario.

L'incontinenza urinaria paradossa si sviluppa nel cancro della prostata, stenosi uretrale, adenoma, ecc. La condizione patologica è associata all'impossibilità di svuotare la vescica, al suo allungamento e al suo riempimento eccessivo.

Incontinenza urinaria temporanea

L'incontinenza urinaria temporanea è anche chiamata transitoria. Tale incontinenza urinaria spesso accompagna altre condizioni patologiche. La sua particolarità sta nel fatto che eliminando la causa principale, di regola, è possibile sbarazzarsi della conseguenza.

L'incontinenza transitoria si verifica in pazienti con varie patologie dell'apparato digerente, che sono accompagnate da stitichezza, nonché incontinenza urinaria negli uomini e nelle donne con cistite acuta. Spesso questa incontinenza urinaria si verifica nelle persone sotto l'influenza dell'alcol..

Incontinenza urinaria: cause di patologia

L'eziologia di questa malattia rimane oggetto di un vivace dibattito. Non esistono metodi diagnostici per determinare la causa esatta dell'incontinenza urinaria. Ci sono una serie di fattori che possono innescare questa condizione e formano determinati gruppi di rischio. Tra questi fattori, è consuetudine distinguere quanto segue:

  • il sesso e l'età del paziente;
  • gravidanza e parto;
  • varie malattie della prostata negli uomini e interventi chirurgici per eventuali patologie della ghiandola prostatica;
  • vari disturbi neuropsichiatrici;
  • consumo insufficiente o eccessivo di acqua potabile da parte del paziente o diete varie;
  • attività fisica eccessiva;
  • fumare;
  • la presenza di alcune malattie (diabete mellito, infezioni del sistema genito-urinario, pielonefrite di varia origine, ingrossamento patologico della prostata, ecc.);
  • prendendo alcuni farmaci (terapia ormonale, diuretici, ecc.).

Convenzionalmente, tutte le ragioni per lo sviluppo di questa condizione patologica possono essere suddivise nei seguenti gruppi:

  1. Disturbi anatomici delle vie urinarie. Per una serie di motivi (attività fisica, parto difficile, infiammazione o chirurgia cronica, eccesso di peso o mancanza di esso, ecc.), Vari cambiamenti patologici possono verificarsi non solo negli organi del sistema escretore, ma anche nella struttura della fascia e dei legamenti del pavimento pelvico... Di conseguenza, si sviluppa l'incontinenza urinaria.
  2. Cause ormonali di patologia. Durante la menopausa / andropausa, si verificano cambiamenti ormonali significativi nei pazienti di entrambi i sessi. La mancanza di alcuni ormoni (estrogeni) può portare a processi degenerativi e manifestazioni di fenomeni atrofici negli organi del sistema genito-urinario, alla distrofia dei muscoli e dei legamenti del pavimento pelvico. Questi processi spesso causano incontinenza urinaria..
  3. Lesioni e malattie del sistema nervoso periferico e centrale, nonché patologie associate a ridotta circolazione sanguigna. I tumori cerebrali, la sclerosi multipla e altre malattie di questo profilo possono causare tali disturbi.

Le cause dell'incontinenza urinaria negli uomini e nelle donne possono variare leggermente, il che è associato alle caratteristiche strutturali del sistema genito-urinario. Di conseguenza, il trattamento può differire leggermente..

Diagnosi di incontinenza urinaria

La diagnosi della malattia inizia con l'intervista al paziente e l'assunzione di anamnesi. Questi dati sono di importanza decisiva e consentono di scoprire la causa e la gravità del processo patologico. Il medico fornisce al paziente un diario della minzione, contenente informazioni sulla quantità giornaliera di minzione, sul volume e sulla frequenza. Ciò consentirà al medico di trarre alcune conclusioni. Ad alcuni pazienti può essere prescritta una terapia dopo il primo esame. In altri casi, possono essere necessari metodi di ricerca aggiuntivi per aiutare a identificare la patologia primaria che ha causato l'incontinenza urinaria. Alle donne viene prescritta una visita ginecologica aggiuntiva. Per determinare lo stato funzionale del pavimento pelvico, vengono utilizzati metodi come l'ecografia e l'uretrocistografia. Inoltre, vengono utilizzati metodi di ricerca urodinamica, che consentono di utilizzare raggi X e dispositivi di misurazione speciali per determinare il riempimento e lo svuotamento della vescica..

Per escludere la presenza di microflora patogena e processi infiammatori associati, viene eseguito un esame delle urine generale e la sua coltura batteriologica sulla microflora.

Incontinenza urinaria: trattamento e tecniche più avanzate

Oggi esistono diversi metodi di trattamento dell'incontinenza urinaria, compresa la chirurgia, che viene utilizzata quando la terapia farmacologica e non farmacologica è inefficace..

Terapia non farmacologica per l'incontinenza urinaria

Ci sono una serie di attività che mirano a riprendere il controllo della minzione e renderla il più regolare possibile. Tali risultati possono essere raggiunti se esegui costantemente un "allenamento" speciale per la vescica. Devi imparare a svuotare la vescica "nei tempi previsti". L'urologo insegna al paziente esercizi speciali per ritardare l'atto di minzione per un certo tempo. Spesso i pazienti temono che la minzione avvenga nel posto sbagliato e nel momento sbagliato, e quindi cercano di andare in bagno in anticipo, al primo impulso. Questo è fondamentalmente l'approccio sbagliato. Devi insegnare al tuo corpo a far fronte ai bisogni naturali quando ne hai bisogno. Per fare ciò, elaborano un piano di minzione individuale e cercano di aderirvi il più possibile, aumentando gradualmente il tempo di 30 minuti. Lo svuotamento della vescica con un intervallo di 3-3,5 ore è considerato un buon risultato per l'incontinenza urinaria. Tale trattamento è a lungo termine e richiede una terapia farmacologica simultanea. Il trattamento è considerato efficace se il paziente ha sviluppato un nuovo stereotipo urinario stabile che non scompare dopo l'interruzione della terapia farmacologica.

È anche utile fare esercizi specifici per i muscoli del pavimento pelvico..

Terapia farmacologica per l'incontinenza urinaria

La terapia farmacologica dipende in gran parte dalle cause alla base dell'incontinenza urinaria del paziente. Gli antispastici e gli antidepressivi sono efficaci in questo caso, così come i farmaci che possono migliorare la microcircolazione del sangue nelle vie urinarie, stabilizzare l'equilibrio ormonale, il tono muscolare, la funzione dello sfintere, ecc..

Il metodo di terapia viene selezionato tenendo conto delle caratteristiche individuali del paziente e della natura dei disturbi associati. La tattica corretta della terapia farmacologica in alcuni casi consente di evitare un intervento chirurgico.

Trattamento chirurgico dell'incontinenza urinaria

Cercano di ricorrere al trattamento chirurgico il più raramente possibile e solo nei casi in cui altri metodi si sono rivelati inefficaci. Molto spesso, l'operazione è indicata per i pazienti con una forma stressante di questa patologia. Il metodo più diffuso di trattamento chirurgico per l'incontinenza urinaria sono gli interventi di imbracatura minimamente invasivi, durante i quali vengono inserite protesi sintetiche. Questo metodo è riconosciuto come il più efficace.

I disturbi dell'uretra nelle donne sono spesso associati a varie patologie della posizione anatomica degli organi pelvici. In questo caso, la chirurgia mira a ripristinare la normale posizione di questi organi. Tali operazioni vengono utilizzate con incontinenza urinaria simultanea e cistocele: il prolasso della vescica insieme alla parete anteriore della vagina, ecc..

Problemi di trattamento e prevenzione dell'incontinenza urinaria

Il problema più grande per gli urologi nel trattamento dell'incontinenza urinaria è la mancanza di pazienti. Questa malattia appartiene a quegli argomenti che non sono accettati nella società per parlare con nessuno. I pazienti si vergognano persino dei medici! Inoltre, si chiudono in se stessi, smettono di comunicare con le persone, ecc. Questo crea enormi problemi psicologici, la qualità della vita del paziente si sta notevolmente deteriorando e prima o poi può portare il paziente alla disabilità..

L'incontinenza urinaria, le cui cause e il cui trattamento sono molto diversi, deve essere diagnosticata in modo tempestivo. È imperativo cercare l'aiuto di specialisti, prima è, meglio è. Non ritardare la tua visita dal medico!

Incontinenza urinaria

L'incontinenza urinaria (incontinenza) è una perdita involontaria di urina che non può essere controllata con uno sforzo volontario. La patologia è diffusa in tutto il mondo. I dati sulla prevalenza dell'incontinenza urinaria sono contraddittori, il che è spiegato sia dalle differenze nella scelta delle popolazioni studiate, sia dal fatto che solo una piccola percentuale di pazienti affetti da varie forme di incontinenza urinaria si reca presso le istituzioni mediche. Assegna l'incontinenza urinaria stressante, urgente, mista, paradossale, temporanea. La diagnostica consiste nell'esame del sistema genito-urinario e nell'identificazione della causa dell'incontinenza urinaria, in base alla quale viene effettuata la scelta delle tattiche di trattamento.

  • Classificazione dell'incontinenza urinaria
  • Cause dell'incontinenza urinaria
  • Tipi di incontinenza urinaria
    • Incontinenza urinaria da stress
    • Urgente incontinenza urinaria
    • Incontinenza urinaria mista
    • Incontinenza urinaria paradossa (incontinenza da trabocco)
    • Incontinenza urinaria temporanea (transitoria)
  • Diagnosi di incontinenza urinaria
  • Trattamento dell'incontinenza urinaria
    • Terapia non farmacologica per l'incontinenza urinaria
    • Terapia farmacologica per l'incontinenza urinaria
    • Trattamento chirurgico dell'incontinenza urinaria
  • Problemi di trattamento e prevenzione dell'incontinenza urinaria
  • Prezzi del trattamento

Informazione Generale

L'incontinenza urinaria (incontinenza) è una perdita involontaria di urina che non può essere controllata con uno sforzo volontario. La patologia è diffusa in tutto il mondo. I dati sulla prevalenza dell'incontinenza urinaria sono contraddittori, il che può essere spiegato sia dalle differenze nella scelta delle popolazioni studiate, sia dal fatto che solo una piccola parte dei pazienti affetti da varie forme di incontinenza urinaria si reca presso istituzioni mediche.

I dati medi indicano che circa il 20% della popolazione mondiale soffre di incontinenza urinaria in una forma o nell'altra. I ricercatori urologici russi affermano che l'incontinenza urinaria si verifica nel 12-70% dei bambini e nel 15-40% degli adulti. Con l'età, l'incidenza dell'incontinenza urinaria aumenta sia negli uomini che nelle donne. Nel gruppo di persone di età inferiore ai quarant'anni, l'incontinenza è più comune nelle donne. Nella fascia di età avanzata, la proporzione di uomini aumenta a causa dei cambiamenti legati all'età nella prostata.

L'incontinenza urinaria peggiora drasticamente la qualità della vita dei pazienti, porta allo sviluppo di disturbi psicoemotivi, disadattamento professionale, sociale, familiare e familiare. L'incontinenza urinaria non è una malattia indipendente, ma solo una manifestazione di processi patologici di varia origine. L'approccio al trattamento dell'incontinenza urinaria dovrebbe essere determinato sulla base del disturbo sottostante..

Classificazione dell'incontinenza urinaria

Assegna l'incontinenza urinaria falsa e vera.

Falsa incontinenza urinaria.

La falsa incontinenza urinaria è una perdita involontaria di urina in difetti congeniti (epispadia totale dell'uretra, estrofia della vescica, ectopia dell'orifizio ureterale con sbocco alla vagina o all'uretra, ecc.) O acquisiti (fistola urinaria dopo la lesione) dei difetti dell'uretra o della vescica urinaria.

Vera incontinenza urinaria. Se l'incontinenza urinaria si sviluppa in assenza dei difetti grossolani elencati e simili, è chiamata vera.

Cause dell'incontinenza urinaria

Disturbi anatomici e disturbi sensoriali locali. Parto multiplo o complicato, obesità, malattie infiammatorie croniche degli organi pelvici, interventi chirurgici sugli organi pelvici, sollevamento pesi e alcuni altri sport possono modificare la normale relazione anatomica degli organi pelvici e influenzare la soglia di sensibilità dei recettori nervosi. Le alterazioni del tratto urinario, della vescica, dei legamenti e della fascia del pavimento pelvico provocano incontinenza urinaria.

Cause ormonali dell'incontinenza urinaria. La carenza di estrogeni durante la menopausa porta allo sviluppo di alterazioni atrofiche nelle membrane degli organi genito-urinari, dei legamenti e dei muscoli del pavimento pelvico, che a sua volta causa incontinenza urinaria.

Lesioni e malattie del sistema centrale e periferico. L'incontinenza urinaria può svilupparsi con disturbi circolatori, malattie infiammatorie, traumi e tumori del midollo spinale e del cervello, diabete mellito, sclerosi multipla e alcune malformazioni del sistema nervoso centrale e periferico.

Tipi di incontinenza urinaria

Per cominciare, considera il processo di minzione normale. L'urina è prodotta dai reni, entra nella vescica, si accumula e allunga le sue pareti. Il detrusore (il muscolo che espelle l'urina) è in uno stato rilassato durante il riempimento della vescica. Ad una certa pressione, vengono attivati ​​i recettori nella parete della vescica. Appare la voglia di urinare. Il detrusore si deforma, lo sfintere vescicale si rilassa. La minzione si verifica quando la pressione nel detrusore supera la pressione nell'uretra. Normalmente, una persona può controllare la minzione tendendo e rilassando i muscoli dello sfintere e del pavimento pelvico..

Incontinenza urinaria da stress

L'incontinenza urinaria da stress è chiamata incontinenza urinaria, che si verifica in una condizione che è accompagnata da un aumento della pressione intra-addominale (attività fisica intensa, tosse, risate). Non c'è bisogno di urinare..

L'incontinenza urinaria da sforzo deriva da un indebolimento del pavimento pelvico con riduzione del collagene nei legamenti pelvici. Una diminuzione dei livelli di collagene è congenita, ma più spesso si sviluppa con una mancanza di estrogeni in età menopausale e postmenopausale.

L'incontinenza da stress è più comune nelle donne che fumano. Il fumo porta ad una diminuzione del livello di vitamina C nel corpo. Poiché la diminuzione dei livelli di vitamina C influisce sulla forza delle strutture di collagene, alcuni ricercatori hanno suggerito che la carenza di collagene è anche una causa dell'incontinenza urinaria da stress nelle donne che fumano..

Una delle cause dell'incontinenza urinaria da stress è lo sviluppo di un'eccessiva mobilità del collo vescicale o il fallimento della pressa (sfintere) della vescica. La cervice in queste condizioni è allungata o spostata. Lo sfintere non può contrarsi completamente. La mancanza di resistenza sufficiente con aumento della pressione intra-addominale causa incontinenza urinaria.

In alcuni casi, la causa dell'incontinenza urinaria da stress è il danno diretto allo sfintere (con una frattura delle ossa pelviche, danno allo sfintere esterno negli uomini durante un intervento chirurgico sulla ghiandola prostatica, ecc.).

Urgente incontinenza urinaria

L'incontinenza urgente è chiamata incontinenza urinaria che si verifica con un bisogno imperativo (imperativo) di urinare. Il paziente ha bisogno di urinare immediatamente e non può ritardare la minzione anche per un periodo di tempo molto breve. In alcuni casi di incontinenza urinaria da urgenza, l'impulso non è pronunciato o lieve.

La tensione del detrusore durante la fase di riempimento (vescica iperattiva) è normale nei bambini di età inferiore a 2-3 anni. Quindi il tono del detrusore cambia. Tuttavia, in circa il 10-15% delle persone, l'iperattività della vescica persiste per tutta la vita. L'incontinenza urinaria si verifica quando la pressione nella vescica supera la pressione nell'uretra.

In alcuni casi, l'iperattività della vescica si sviluppa in processi patologici nel sistema nervoso centrale e periferico. Gli stimoli esterni (eccitazione nervosa, bere bevande alcoliche, il suono dell'acqua che scorre, uscire da una stanza calda verso il freddo) possono agire come un fattore provocante nell'incontinenza urgente. L'importanza del controllo sulla minzione in alcuni casi diventa la causa del "legame" nevrotico dell'incontinenza urinaria urgente a determinati eventi (ad esempio, l'apparizione in pubblico).

Incontinenza urinaria mista

Con l'incontinenza mista, c'è una combinazione di sintomi di urgenza e incontinenza urinaria da stress.

Incontinenza urinaria paradossa (incontinenza da trabocco)

Si sviluppa in pazienti anziani che soffrono di malattie degli organi genito-urinari (più spesso - adenoma prostatico, meno spesso - stenosi uretrale di varie eziologie e cancro alla prostata). Associato a riempimento eccessivo e allungamento eccessivo della vescica a causa dell'ostruzione a lungo termine del flusso di urina.

Incontinenza urinaria temporanea (transitoria)

In alcuni casi, l'incontinenza urinaria si sviluppa sotto l'influenza di una serie di fattori esterni (cistite acuta negli anziani, grave intossicazione da alcol, costipazione) e scompare dopo l'eliminazione di questi fattori.

Diagnosi di incontinenza urinaria

La diagnosi inizia con la determinazione delle cause e della gravità dell'incontinenza urinaria. Raccogli i reclami dei pazienti, una storia dettagliata dell'incontinenza. Il paziente compila il diario della minzione, che riflette il volume e la frequenza della minzione. Con l'incontinenza urinaria nelle donne, un consulto con un ginecologo con un esame ginecologico, durante il quale vengono rivelati cistocele, prolasso dell'utero e della vagina, è di grande valore diagnostico. Viene eseguito un test della tosse (con prolasso pronunciato dell'utero e della parete anteriore della vagina, il test è talvolta negativo; in questo caso si presume una possibile forma latente di incontinenza urinaria). Viene eseguito un test su strisce per determinare con precisione la perdita di urina.

Le condizioni anatomiche del pavimento pelvico, le funzioni di accumulo e di evacuazione della vescica vengono esaminate mediante ultrasuoni della vescica o uretrocistografia. Viene eseguito l'esame di laboratorio delle urine, le colture di urina vengono eseguite per la microflora.

Trattamento dell'incontinenza urinaria

Al giorno d'oggi, l'incontinenza urinaria viene trattata sia in modo conservativo (terapia farmacologica e non farmacologica) che operatoria. La tecnica terapeutica viene selezionata dall'urologo individualmente dopo un esame dettagliato del paziente, determinando le cause e il grado di incontinenza urinaria. L'indicazione per il trattamento chirurgico dell'incontinenza urinaria è l'inefficacia o l'effetto insufficiente della terapia conservativa.

Terapia non farmacologica per l'incontinenza urinaria

A tutti i pazienti con incontinenza urinaria viene mostrato l'allenamento della vescica. Si consiglia ai pazienti di fare esercizi pelvici. Vengono svolte attività generali (normalizzazione dell'attività fisica, dieta che favorisce la perdita di peso).

L'allenamento della vescica consiste in tre fasi: apprendimento, preparazione di un piano di minzione e seguito di quel piano. Un paziente che soffre di incontinenza urinaria da molto tempo sviluppa uno stereotipo speciale della minzione. Il paziente ha paura che la minzione possa avvenire nel momento sbagliato, quindi cerca di svuotare la vescica in anticipo, quando si verifica il primo impulso debole.

L'allenamento della vescica viene eseguito per aumentare gradualmente l'intervallo di tempo tra la minzione. Viene elaborato un piano di minzione individuale per il paziente. Se la voglia di urinare si manifesta in un momento inopportuno, il paziente deve trattenerla contraendo intensamente lo sfintere anale. Innanzitutto, viene stabilito l'intervallo minimo tra le minzioni. Ogni 2-3 settimane questo intervallo viene aumentato di 30 minuti fino a raggiungere 3-3,5 ore.

Di norma, l'allenamento della vescica viene eseguito contemporaneamente al corso della terapia farmacologica. Il trattamento dura circa tre mesi. Dopo questo periodo di tempo, il paziente di solito sviluppa un nuovo stereotipo di minzione. Con un trattamento efficace, la sospensione del farmaco non dovrebbe causare un aumento della minzione o l'incontinenza urinaria.

È stata creata una tecnica speciale per allenare la vescica per i pazienti con gravi disabilità intellettive, la cosiddetta "minzione guidata". La formazione si svolge in tre fasi. Al paziente viene prima insegnato a determinare quando è asciutto e quando è bagnato dopo aver urinato. Quindi si allenano a riconoscere l'impulso e a comunicarlo agli altri. Nell'ultima fase, si ottiene il controllo completo del paziente sulla minzione.

Terapia farmacologica per l'incontinenza urinaria

I medicinali sono usati per trattare tutte le forme di incontinenza urinaria. L'effetto maggiore della terapia farmacologica si osserva nei pazienti con incontinenza da urgenza. I farmaci sono prescritti per aumentare la capacità funzionale della vescica e ridurre la sua attività contrattile..

I farmaci di scelta nel trattamento dell'incontinenza da urgenza sono gli antispastici e gli antidepressivi. Uno dei farmaci più efficaci usati per trattare l'incontinenza urinaria è l'ossibutina. Il farmaco interrompe gli impulsi irritanti irregolari del sistema nervoso centrale e rilassa il detrusore. Il dosaggio viene selezionato individualmente. La durata del ciclo di trattamento farmacologico per l'incontinenza urinaria, di regola, non supera i 3 mesi. L'effetto della terapia di solito dura diversi mesi, a volte più a lungo. Quando riprende l'incontinenza urinaria, vengono eseguiti cicli ripetuti di terapia farmacologica.

Trattamento chirurgico dell'incontinenza urinaria

Nella maggior parte dei casi, un buon risultato nel trattamento dell'incontinenza urinaria può essere ottenuto con metodi conservativi. In caso di efficacia insufficiente o mancanza di effetto dalla terapia farmacologica e non farmacologica, viene eseguito il trattamento chirurgico dell'incontinenza urinaria. Le tattiche operative sono determinate in base alla forma dell'incontinenza urinaria e ai risultati del precedente trattamento conservativo. La chirurgia è più spesso richiesta per i pazienti con stress e incontinenza urinaria paradossa, meno spesso per i pazienti che soffrono di incontinenza urinaria urgente.

Esistono trattamenti minimamente invasivi per l'incontinenza urinaria. Al paziente vengono iniettati collagene, grasso automobilistico omogeneizzato, pasta di teflon, ecc. Questa tecnica è utilizzata per l'incontinenza urinaria da stress nelle donne, se non ci sono disturbi urinari neurogeni (vescica neurogena). Il trattamento non è indicato per il prolasso grave della vescica e delle pareti vaginali.

Nel trattamento chirurgico dell'incontinenza urinaria, le operazioni ad anello (imbracatura) sono ampiamente utilizzate. Per formare un anello libero, vengono utilizzati materiali sintetici (TVT, TVT-O, set TOT), un lembo dalla parete vaginale anteriore, un lembo muscolo-aponeurotico o cutaneo. La massima efficienza (90-96%) si ottiene quando si utilizzano materiali sintetici.

Problemi di trattamento e prevenzione dell'incontinenza urinaria

Nonostante la diffusa prevalenza dell'incontinenza urinaria, solo una piccola percentuale di pazienti vede un medico. Il pregiudizio o la falsa vergogna spesso diventano un ostacolo. Le persone anziane e in età senile a volte percepiscono l'incontinenza urinaria come un cambiamento naturale correlato all'età. La sofferenza a lungo termine porta allo sviluppo di disturbi psicoemotivi, al deterioramento della qualità della vita e all'effettiva disabilità dei pazienti.

Nel frattempo, l'incontinenza urinaria, indipendentemente dalla sua eziologia, non è una manifestazione naturale, è causata da anomalie nella struttura o nella funzione di alcuni organi e nella maggior parte dei casi viene eliminata con la selezione di metodi di trattamento appropriati. Va tenuto presente che l'efficacia delle misure terapeutiche per l'incontinenza urinaria aumenta in caso di trattamento precoce del paziente.

Trattamento dell'incontinenza urinaria - risposte alle domande

  • Cause, sintomi, diagnosi di incontinenza urinaria
  • Trattamento dell'incontinenza urinaria
  • Chirurgia per l'incontinenza urinaria
  • Cause, sintomi, vescica iperattiva
  • Diagnostica: esame urodinamico
  • Trattamento della vescica iperattiva
  • Adenoma prostatico: sintomi e cause
  • Adenoma prostatico: diagnosi e trattamento
  • Cancro alla prostata
  • Cistoscopia
  • Trattamento chirurgico dell'adenoma prostatico
  • Biopsia prostatica

Trattamento dell'incontinenza urinaria

L'incontinenza urinaria nelle donne è una malattia grave che influisce sulla qualità della vita e provoca gravi disagi mentali. Se una donna ha problemi con questa malattia, i medici della nostra clinica sono pronti ad aiutarla.

I nostri specialisti sono esperti nelle tecniche di trattamento non solo chirurgico, ma anche conservativo dell'incontinenza.

Cos'è l'incontinenza da tosse?

L'incontinenza da tosse, o in altre parole, l'incontinenza urinaria da stress (incontinenza da stress) è una condizione in cui si verifica una perdita urinaria involontaria con qualsiasi aumento della pressione intra-addominale: sollevamento pesi, tosse, starnuti, praticare sport.

Nelle forme lievi di incontinenza, la perdita può verificarsi solo con uno stress eccessivo ed estremo. Nei casi più gravi, anche la normale camminata o un cambiamento di posizione del corpo possono provocare incontinenza, che richiede un trattamento obbligatorio.

Quali sono le cause dell'incontinenza urinaria?

La causa principale è la disfunzione delle strutture anatomiche che supportano l'uretra. In questo caso, i fattori provocatori sono traumi alla nascita, cambiamenti ormonali durante la menopausa, duro lavoro fisico, sovrappeso, tosse cronica e altre condizioni associate all'aumento della pressione intra-addominale.

L'esercizio del pavimento pelvico può curare l'incontinenza urinaria??

L'allenamento dei muscoli del pavimento pelvico (esercizi di Kegel) può essere utile nelle giovani donne che iniziano a sperimentare perdite urinarie dopo il parto..

In questo caso, è importante iniziare l'allenamento entro e non oltre 6 settimane dopo il parto, allenarsi quotidianamente per almeno 6 mesi, preferibilmente sotto la supervisione di uno specialista. Nel caso di una malattia di lunga data, così come con un grado pronunciato di perdita di urina, gli esercizi sono inefficaci.

Quali sono i trattamenti per l'incontinenza urinaria??

Il trattamento principale per l'incontinenza urinaria da stress è la chirurgia. Ad oggi il "gold standard" e allo stesso tempo l'operazione più studiata è l'installazione di un corsetto sintetico medio-uretrale.

Altri metodi esistenti, come l'introduzione di agenti di carica sotto l'uretra, la colposospensione secondo Birch, la chirurgia plastica della parete vaginale anteriore, ecc. Sono meno efficaci e possono portare a gravi effetti collaterali, il principale dei quali è una violazione della normale minzione.

Com'è l'operazione per inserire un'imbracatura medio-uretrale (TVT, TOT)?

Questa operazione viene eseguita in anestesia endovenosa. Attraverso una piccola incisione (1-1,5 cm) sulla parete anteriore della vagina, un corsetto sintetico viene posizionato sotto il terzo medio dell'uretra.

L'imbracatura sostituisce le strutture danneggiate che sostengono l'uretra, creando le condizioni necessarie per la ritenzione urinaria. Le estremità della fionda vengono messe in evidenza attraverso piccole forature nella pelle nelle pieghe dell'inguine o sopra il seno. La durata dell'operazione, di regola, non supera i 10-15 minuti

Quanti giorni richiede il ricovero? Com'è il periodo postoperatorio?

Il periodo di ricovero standard è di 2-3 giorni. Il giorno successivo all'intervento, il medico valuta l'efficacia del trattamento e, se necessario, regola la tensione dell'imbragatura, impostandola in modo tale da ottenere una ritenzione urinaria completa senza compromettere la qualità della minzione..

Questa procedura viene eseguita in anestesia locale. La tensione regolabile riduce significativamente il rischio di ritenzione urinaria postoperatoria e aiuta a ottenere risultati ottimali.

Qual è l'efficacia del trattamento chirurgico per l'incontinenza urinaria?

L'efficienza dell'operazione arriva fino al 90%. Ci sono malattie la cui presenza aggrava il decorso della malattia e può ridurre l'efficacia del trattamento: si tratta di vescica iperattiva concomitante (la cosiddetta forma mista di incontinenza urinaria), diabete mellito, malattie polmonari croniche (BPCO, asma bronchiale), costipazione cronica, obesità.

Nei pazienti con una forma complicata di incontinenza urinaria da stress (ipomobilità dell'uretra, insufficienza dello sfintere uretrale, precedente intervento chirurgico sugli organi pelvici), l'efficacia del trattamento può anche essere inferiore.

Quali sono i rischi e gli effetti collaterali della chirurgia??

Le complicanze associate all'installazione di un'imbracatura suburetrale sono estremamente rare nelle cliniche esperte. Tra questi - danni agli organi vicini (vescica, uretra, organi addominali), traumi a grandi vasi, sindrome del dolore, disturbi funzionali (iperattività o atonia della vescica, difficoltà a urinare), comparsa di disagio durante il rapporto, erosione della mucosa vaginale.

Nei centri specializzati, a causa delle elevate qualifiche dei chirurghi e dell'uso di materiali moderni, il numero di complicanze è ridotto al minimo (meno dell'1%)

Quali sono le restrizioni dopo l'intervento chirurgico?

Di norma, entro 5-7 giorni dalla dimissione dall'ospedale, le donne possono tornare alle loro attività quotidiane: andare al lavoro, fare i lavori domestici. Per 1-1,5 mesi dopo l'operazione, si raccomanda ai pazienti di condurre uno stile di vita parsimonioso: evitare sollevamenti pesanti, sport attivi, vita sessuale e astenersi anche dal visitare saune, piscine, fare bagni.

Si raccomanda di prestare attenzione alle abitudini comportamentali: evitare di fumare, seguire una dieta equilibrata, normalizzare il peso corporeo.

L'operazione aiuterà se si verifica una perdita di urina a riposo, quando si chiede di usare il bagno, il rumore del mormorio dell'acqua, ecc..?

Tali reclami richiedono un esame aggiuntivo più approfondito, da allora indicano la presenza di vescica iperattiva (OAB). In base ai risultati dell'esame, viene selezionato il trattamento: la Rubrica fuori rete viene trattata con farmaci che bloccano le terminazioni nervose nella parete della vescica.

L'impianto di imbracatura per OAB non è efficace. Con una combinazione di incontinenza urinaria con tosse e OAB, il trattamento deve essere combinato: chirurgico e farmaco.

Ho l'incontinenza urinaria e il prolasso uterino, cosa fare?

Con un grado pronunciato di prolasso degli organi pelvici, il primo stadio è sempre l'eliminazione del prolasso. La chirurgia per l'incontinenza urinaria da sforzo può essere eseguita già 1,5-2 mesi dopo la ricostruzione chirurgica del pavimento pelvico utilizzando impianti a rete.

È possibile eliminare contemporaneamente l'incontinenza urinaria e il prolasso degli organi pelvici?

Interventi chirurgici concomitanti comportano un aumento del rischio di complicanze postoperatorie come ritenzione urinaria postoperatoria e vescica iperattiva. Aumenta anche il rischio di recidiva dell'incontinenza urinaria. Si sconsiglia il trattamento chirurgico simultaneo del prolasso degli organi pelvici e dell'incontinenza urinaria..

È possibile inserire un'imbracatura medio-uretrale se sto pianificando una gravidanza?

Dopo l'impianto della protesi, puoi pianificare in sicurezza una gravidanza e partorire attraverso il canale del parto naturale. Allo stesso tempo, il rischio di recidiva della malattia non supera il 20% (indipendentemente dal fatto che sia stato eseguito il taglio cesareo o che il parto sia passato per vie naturali).