È possibile andare in piscina e nuotare in mare con la cistite

Nuotando, molte donne mantengono il loro corpo in buona forma o si rilassano dopo una dura giornata. Nella stagione fredda il mare viene sostituito da una piscina, ma a volte visitarlo può portare a spiacevoli conseguenze intime: frequente bisogno di usare il bagno, dolore e sensazione di bruciore durante la minzione. Tutto ciò fa riflettere una donna su come proteggersi mentre nuota e se è possibile andare in piscina con cistite o pielonefrite.

Le moderne piscine cittadine sono dotate di speciali sistemi di depurazione. Questo processo prevede il filtraggio e la clorazione dell'acqua per impedire la crescita dei batteri. Sebbene questo riduca il rischio di contrarre la cistite o la sua esacerbazione, ci sono alcune semplici regole che una donna può seguire per proteggersi da problemi delicati..

Il nuoto è davvero uno sport versatile e salutare. Bambini, adulti, uomini e donne possono farlo. Qualcuno nuota per alleviare lo stress dopo una giornata lavorativa, qualcuno - per mantenere una figura bella e in forma. Tuttavia, i medici, rispondendo alla domanda se sia possibile nuotare con la cistite o la pielonefrite, affermano che questo non è raccomandato. E ci sono 3 buone ragioni per questo..

Motivo n. 1: ipotermia

Quando si nuota in una piscina o in mare, può verificarsi ipotermia. Questo può esacerbare la cistite e causare forti dolori nell'addome inferiore o durante la minzione. Pertanto, gli esperti notano che un picco speciale della malattia con un'infezione della vescica si verifica proprio durante la stagione balneare..

Comportamento in mare

Se sei andato in vacanza al mare e prima del viaggio (o durante) ti sei ammalato di cistite, è vietato nuotare. L'ipotermia del corpo colpito dall'infezione può portare a conseguenze più gravi, come la pielonefrite. Se soffri di una malattia cronica e al momento hai una remissione stabile, il nuoto non è proibito.

Tuttavia, quando si nuota, è necessario seguire diverse regole per non esacerbare l'infezione:

  • non nuotare in acqua fredda;
  • rimanere in uno specchio d'acqua per un breve periodo di tempo;
  • dopo il bagno, rimuovere immediatamente il costume da bagno e cambiarlo per asciugarlo;
  • fare una doccia calda il prima possibile;

Comportamento in piscina

Le stesse regole devono essere seguite quando si visita la piscina. Qui, una donna dovrebbe stare particolarmente attenta ad asciugarsi dopo il bagno, prima di uscire. Di solito, dopo l'allenamento, le ragazze fanno la doccia e poi immediatamente o dopo un periodo di tempo abbastanza breve lasciano il centro sportivo. Un corpo caldo si scontra con l'aria fredda e, ovviamente, questo non solo aggrava la cistite, ma inizia anche un nuovo raffreddore..

Per evitare l'ipotermia dopo aver nuotato in piscina, la procedura dovrebbe essere la seguente:

  1. nuoto;
  2. visita della doccia;
  3. almeno 30 minuti nella stanza per raffreddare il corpo a temperatura normale;
  4. uscire.

Osservando queste regole, è possibile ridurre al minimo il rischio di esacerbazione della malattia dopo il nuoto..

Motivo n. 2: irritazione

Quando il traffico della piscina aumenta, sorge la domanda di una maggiore depurazione dell'acqua. Ciò avviene tramite filtrazione e disinfezione. La filtrazione non rappresenta alcun pericolo per le persone galleggianti: viene effettuata con l'ausilio di appositi filtri e, grazie a ciò, l'acqua viene ripulita dai detriti e rimane pulita a lungo.

Ma la disinfezione dell'acqua, soprattutto con l'uso di cloro o bromo, può nuocere alla salute. La clorazione dell'acqua in piscina è un processo inevitabile: batteri e microbi patogeni vengono distrutti immediatamente e per molto tempo.

Tuttavia, con l'esposizione a lungo termine al corpo umano, il cloro può causare effetti spiacevoli come:

  • problemi respiratori;
  • irritazione della pelle, degli occhi e delle mucose;
  • malattie degli organi interni (dovute all'ammorbidimento della pelle nell'acqua e alla penetrazione di tossine pericolose all'interno).

Per evitare tali conseguenze, è necessario fare una doccia calda subito dopo l'allenamento e cambiarsi con abiti puliti e asciutti. Se la cistite dopo che la piscina è peggiorata, c'è una sensazione di prurito e bruciore degli organi genitali esterni, le lezioni dovrebbero essere interrotte e dovresti consultare immediatamente un medico.

Se si scopre che il cloro ha un effetto negativo sul tuo corpo, dopo il recupero vale la pena visitare i centri sportivi, dove l'acqua viene purificata con composti speciali che non causano tali conseguenze negative (ad esempio, fluoro).

Motivo n. 3: infezione

La possibilità di contrarre la cistite aumenta in quelle piscine in cui la visita non ha bisogno di essere approvata da un certificato sanitario. È meglio non visitare affatto queste piscine.

Spesso una persona può non sospettare di essere infettata da un'infezione e, essendo arrivata in una piscina comune, non infetta specificamente i bagnanti. Pertanto, è necessario sottoporsi a un esame e, se viene rilevata la malattia, non è possibile visitare la piscina.

Le piscine che possono essere utilizzate con i bambini sono un altro pericolo. Ci possono essere 2 opzioni per lo sviluppo di eventi: un bambino, vista la sua immediatezza (o una situazione stressante), può alleviare se stesso direttamente in piscina - questo può causare l'infezione non solo nel bambino stesso (se, ad esempio, un paziente con cistite nuota in piscina), anche un adulto può essere infettato (se il bambino ha un'infezione). La seconda opzione: se anche un adulto non segue le regole per stare in piscina, il risultato è lo stesso: l'infezione si trasmette attraverso l'acqua. Come proteggere tuo figlio e te stesso in questa situazione?

Prima di visitare la piscina, parla con il bambino, spiegagli che se vuole andare in bagno, non devi sopportare, ma devi dirglielo subito. Ai genitori, a loro volta, può essere data la seguente raccomandazione: non forzate i vostri figli a soffrire; se durante la lezione il bambino vuole usare il bagno, portalo via, questo aiuterà a mantenere la salute non solo del tuo bambino, ma anche degli altri nuotatori.

Come visitare il bagno e la sauna con cistite

Molte persone notano che quando sono in bagno o in sauna, i sintomi della malattia scompaiono. Ma questo accade solo per un po 'e non per molto. Poi i dolori tornano con rinnovato vigore. Perché sta succedendo? L'aggravamento è causato dal fatto che i batteri che causano questa infezione amano molto il calore e quando si creano condizioni favorevoli iniziano a moltiplicarsi attivamente. E questo, a sua volta, può portare al fatto che i microbi andranno oltre i reni..

Pertanto, la visita al bagno e alla sauna con pielonefrite e cistite dovrebbe essere limitata. Se non puoi farlo, se vuoi comunque rilassarti nel bagno, segui alcune regole:

  • non puoi sdraiarti nella vasca da bagno, puoi solo sederti;
  • ridurre il tempo del bagno a 15 minuti;
  • l'acqua non dovrebbe essere calda;
  • invece di un bagno normale, sarà più utile un pediluvio alle erbe e una doccia.

Non privarti delle gioie della vita

Se devi affrontare la cistite, questo non è un motivo per perdere le gioie della vita. Il nuoto è molto benefico per una donna perché le permette di mantenere facilmente il suo corpo in buona forma, è un ottimo modo per alleviare lo stress e migliorare la salute..

Rifiutarsi completamente di nuotare in piscina o in mare con pielonefrite o cistite non ne vale la pena. Hai solo bisogno di aderire a semplici regole per mantenere la tua salute:

  • non nuotare per molto tempo;
  • fare subito una doccia calda;
  • cambia vestiti;
  • osservare le norme igieniche;
  • non sedersi in un bagno caldo per molto tempo;
  • non nuotare in acqua fredda;
  • evitare le piscine clorurate;
  • scegli una piscina con attenzione.

Il rispetto di queste regole ti aiuterà a proteggere te stesso, tuo figlio e gli altri dalla cistite..

È possibile visitare la piscina con cistite?

Andare in piscina non è solo un modo per migliorare la propria salute, ma anche per divertirsi. Le procedure dell'acqua alleviano la fatica e mantengono il corpo in buona forma.

È possibile andare in piscina con la cistite? Dovresti capire questo problema in dettaglio..

  • I benefici del nuoto
  • Sulla cistite
  • Cause di occorrenza
  • Trattamento e prevenzione
  • Il consiglio della nonna
  • Quanto è pericolosa la piscina?
  • Consigli per la piscina

I benefici del nuoto

I medici consigliano di visitare la piscina per diversi motivi:

  1. I movimenti attivi del corpo migliorano le condizioni del sistema cardiovascolare.
  2. Il nuoto ti consente di modellare una bella figura.
  3. L'ambiente acquatico ha un effetto benefico sul sistema nervoso, cioè una persona si sbarazza dello stress della vita quotidiana.

Persone di qualsiasi età e sesso possono andare in piscina. Inoltre il periodo dell'anno e le condizioni di temperatura dell'ambiente esterno non influenzano in alcun modo lo stato dell'acqua e le emozioni che si ricevono. Infine, in questo modo, alcune persone compensano la mancanza di un mare o di un fiume nelle vicinanze: i complessi sportivi sono presenti in quasi tutte le città.

Sulla cistite

La cistite è una malattia della vescica. Sia gli uomini che le donne sono suscettibili ad esso, ma queste ultime hanno un rischio maggiore di acquisirlo. Esistono molti tipi di disturbo (il più delle volte acuto; in assenza di intervento medico, può svilupparsi in uno cronico), ma è facile riconoscerlo da diversi segni comuni:

  • dolore doloroso nell'addome inferiore;
  • minzione frequente (ci possono essere più di 20 impulsi al giorno);
  • sensazione di svuotamento incompleto;
  • scolorimento delle urine;
  • lo scarico di urina è accompagnato da dolore lancinante.

Nel complesso, potresti non sentirti bene, la temperatura corporea aumenta, l'appetito diminuisce e la sudorazione può aumentare. Se riscontri uno qualsiasi dei sintomi, ti consigliamo vivamente di contattare un istituto medico per un esame (il microscopio delle urine e l'ecografia rivelano la cistite).

Cause di occorrenza

Una malattia appare a causa di:

  1. Ipotermia della zona pelvica.
  2. Immunità indebolita.
  3. Stile di vita sedentario.
  4. Consumo frequente di cibi grassi che vengono digeriti lentamente dall'organismo.
  5. Mancanza o mancanza di igiene intima.
  6. Vita sessuale tempestosa.
  7. Mancanza di vitamine.
  8. Disturbi ormonali.
  9. La presenza di malattie di natura venerea o ginecologica.
  10. La presenza di agenti patogeni nel corpo.
  11. Caratteristiche della struttura sessuale nelle donne.

Trattamento e prevenzione

Il trattamento farmacologico prevede l'assunzione di:

  • complessi vitaminici;
  • antibiotici;
  • diuretici;
  • farmaci antinfiammatori.

L'uso di droghe porta all'esaurimento. Pertanto, si raccomanda che la terapia formale sia supportata da azioni di base volte a migliorare la salute..

I medici hanno approvato le seguenti misure che consentono di prevenire l'insorgenza e lo sviluppo della malattia, nonché di resistere efficacemente e rapidamente alla cistite:

  1. Dieta razionale - Una corretta alimentazione è uno dei cardini della salute umana. La sua violazione porta a molte conseguenze negative. Preferisci latticini, verdure, frutta, bacche, cereali, zuppe, pesce bollito e cibi non trattati termicamente (noci crude, semi di girasole e semi di lino) al cibo fritto e pepato. Riduci al minimo l'assunzione di zucchero. Bevi molti liquidi per eliminare i rifiuti dal corpo.
  2. Igiene: in primo luogo, ti permetterà di proteggerti da una serie di malattie urologiche. In secondo luogo, in una società colta è semplicemente consuetudine monitorare la purezza del proprio corpo..
  3. L'uso di contraccettivi durante il rapporto. Questo punto è particolarmente importante se non c'è fiducia nel partner. Un preservativo riduce significativamente il rischio di cistite.
  4. Le situazioni stressanti sono un pendolo destabilizzante. Dal suo umore oscillante peggiora, la glicemia aumenta e appare il malessere. È necessario, se possibile, evitare ogni spreco di energie, rilassarsi con l'aiuto della musica classica e dello yoga.
  5. Uno stile di vita atletico non è mai stato dannoso per la salute. Educazione fisica sistematica, ginnastica leggera al mattino e alla sera porteranno il corpo a diventare più resistente a batteri e germi.
  6. Monitoraggio della temperatura. Il forte calore o il gelo sono sicuramente fattori negativi. Cerca sempre di vestirti per la stagione.

Il consiglio della nonna

Prima di affrontare attivamente i metodi tradizionali, consultare un medico.

Le tisane possono far fronte efficacemente alla cistite:

  • 2 cucchiai. l. achillea viene posta in acqua calda (200 ml). Tenetele a fuoco basso per circa 20 minuti, quindi toglietele dal fuoco e lasciate per mezz'ora. Alla fine filtrare e assumere per via orale tre volte al giorno dopo i pasti, un cucchiaio..
  • La corteccia di sorbo (150 grammi) viene bollita in un litro d'acqua per 10 minuti. Il tè dovrebbe essere consumato caldo. Aggiungi anche mezzo cucchiaio di miele.
  • Tritate le radici secche di rosa canina con un coltello. Versare 2 cucchiai in mezzo litro di acqua calda. l. Porta l'acqua a ebollizione e aspetta 15 minuti. Quando il prodotto si è raffreddato, filtrare con una garza e bere 100 ml quattro volte al giorno poco prima dei pasti.
  • Prendi 1 cucchiaio. l. foglie secche di uva ursina e mirtillo rosso. Macinateli in polvere e riempiteli con 400 ml di acqua distillata. Mettere su un bagno di vapore per 40 minuti. Mettere in frigorifero, eliminare la lettiera fine e consumare il brodo due volte al giorno prima dei pasti per ¼ di tazza.
  • Unisci le foglie della fragola e dell'olivello spinoso. Un cucchiaio di erbe viene versato in un bicchiere di acqua bollente. Quindi la bevanda viene infusa per 30 minuti. Dopo l'estrazione, prendi un bicchiere mezz'ora prima dei pasti tre volte al giorno.
  • La corteccia di quercia è eccellente per far fronte alla frequente voglia di urinare. Versare un grammo di corteccia in 200 ml di acqua bollente e cuocere a fuoco lento per un quarto d'ora. Insistere per 30 minuti, filtrare e bere un cucchiaio tre volte al giorno.

Quanto è pericolosa la piscina?

La cistite e la piscina sono due cose che sono inestricabilmente legate l'una all'altra. Nuotare in un luogo pubblico come questo è sempre pericoloso, ed ecco perché.

È impossibile affermare in modo inequivocabile quale delle persone intorno abbia questa o quella malattia, che è anche considerata. La probabilità di infezione aumenta molte volte, soprattutto se per un abbonamento è richiesta una quantità sospettosamente piccola.

Di solito, i problemi di igiene in questi luoghi lasciano molto a desiderare. Con l'intenzione di risparmiare denaro, le persone responsabili della pulizia della piscina chiudono un occhio davanti alla polvere, alla filtrazione dell'acqua e ad altre sfumature. Da qui la malattia.

Ci si possono aspettare pericoli anche dai bambini. Non è difficile per un bambino far fronte a un piccolo bisogno proprio nel processo di nuoto. Il numero di visitatori è quasi sempre elevato e anche gli adulti possono espellere l'urina senza esitazione. L'infezione entra nel corpo. È chiaro che ottenere la cistite in piscina è abbastanza facile.

La forma acuta della malattia pone fine a tutti i viaggi nei luoghi di nuoto. I microrganismi nell'acqua possono aggravare le condizioni di una persona. Ancora una volta, tu stesso puoi essere la fonte della malattia. È meglio rimandare questo e preferire i bagni caldi per un po '..

La situazione opposta non è esclusa. Quando la presenza in piscina aumenta molte volte, i lavoratori eseguono procedure per una migliore filtrazione e disinfezione dell'acqua. Il primo non è in alcun modo pericoloso per l'uomo: i filtri funzionano a piena capacità, quindi lo spazio viene liberato dai detriti e diventa pulito.

La clorazione viene eseguita per combattere batteri e microbi patogeni. Anche la distruzione di parassiti nocivi attraverso la disinfezione può influire sulla salute dei visitatori.

Il cloro con esposizione prolungata all'uomo provoca:

  1. Problemi respiratori.
  2. Malattie degli organi interni: la pelle si ammorbidisce nell'ambiente acquatico, quindi le tossine penetrano facilmente all'interno, causando danni colossali.
  3. Irritazione degli occhi e della pelle.
  4. Esacerbazione della cistite: la mucosa genitale è scarsamente protetta in tali condizioni, in modo che la forma acuta della malattia possa facilmente diventare cronica.

Il paziente non deve inoltre prestare molta attenzione ad altri luoghi, ad esempio serbatoi. L'acqua può essere torbida e fredda, il che è indesiderabile. La temperatura minima consentita per i pazienti con cistite è di 30 ° C. Se avete intenzione di visitare il mare, lago per esercizi di nuoto, fatelo a vostro rischio e pericolo.

Video: 5 modi per trattare la cistite a casa.

Consigli per la piscina

Come si è scoperto, la cistite dopo la piscina è una vera conclusione della giornata. Per evitare di essere a rischio, considera le raccomandazioni seguenti:

  • Prima di tutto, assicurati che l'amministrazione non sia inattiva e che gli standard sanitari siano rispettati.
  • Si consiglia di scegliere di visitare la piscina in cui sono ammessi solo gli adulti.
  • Chiedi qual è la temperatura dell'acqua. Ottimale: circa 30 gradi.
  • Controlla se ci sono correnti d'aria ovunque negli incroci, se gli spogliatoi sono lontani.
  • Non dovresti iscriverti al pool, che non richiede un certificato dal medico curante.
  • Trova un luogo caldo per asciugarti dopo il bagno.
  • Asciugamani, salviette, costume da bagno, costumi da bagno, ecc. Devono essere lavati dopo ogni sessione.
  • Non è necessario nuotare per più di 20 minuti alla volta. Quando hai finito, indossa una vestaglia, vai alla doccia, stai sotto l'acqua tiepida, quindi asciuga con un asciugamano. Asciugati i capelli e indossa biancheria intima asciutta prima di uscire.
  • Non andare a piedi nudi. Indossa le pantofole negli spogliatoi e toglile solo vicino all'acqua.
  • Non appoggiarti alle pareti. Se hai voglia di stare seduto, metti un asciugamano sulla panchina..

È possibile visitare la piscina con cistite?

Le moderne piscine cittadine sono dotate di speciali sistemi di depurazione. Questo processo prevede il filtraggio e la clorazione dell'acqua per impedire la crescita dei batteri. Sebbene questo riduca il rischio di contrarre la cistite o la sua esacerbazione, ci sono alcune semplici regole che una donna può seguire per proteggersi da problemi delicati..

Il nuoto è davvero uno sport versatile e salutare. Bambini, adulti, uomini e donne possono farlo. Qualcuno nuota per alleviare lo stress dopo una giornata lavorativa, qualcuno - per mantenere una figura bella e in forma. Tuttavia, i medici, rispondendo alla domanda se sia possibile nuotare con la cistite o la pielonefrite, affermano che questo non è raccomandato. E ci sono 3 buone ragioni per questo..

I benefici del nuoto

I medici consigliano di visitare la piscina per diversi motivi:

  1. I movimenti attivi del corpo migliorano le condizioni del sistema cardiovascolare.
  2. Il nuoto ti consente di modellare una bella figura.
  3. L'ambiente acquatico ha un effetto benefico sul sistema nervoso, cioè una persona si sbarazza dello stress della vita quotidiana.

Persone di qualsiasi età e sesso possono andare in piscina. Inoltre il periodo dell'anno e le condizioni di temperatura dell'ambiente esterno non influenzano in alcun modo lo stato dell'acqua e le emozioni che si ricevono. Infine, in questo modo, alcune persone compensano la mancanza di un mare o di un fiume nelle vicinanze: i complessi sportivi sono presenti in quasi tutte le città.

Sintomi clinici di infiammazione

Se le raccomandazioni generali per l'assunzione di procedure idriche vengono violate, dopo un po 'può svilupparsi un'infiammazione del sistema genito-urinario, accompagnata da sintomi primari. Una persona inizia a sentire dolore nell'addome inferiore, c'è una falsa sensazione che la vescica si riempia di urina. I segni clinici di cattiva salute si manifestano in modi diversi. Nonostante le manifestazioni dolorose della malattia, che infastidiscono una persona per molto tempo, i sintomi possono scomparire in un paio di giorni. La cistite può continuare a svilupparsi anche se il trattamento è stato somministrato correttamente. Le pareti della vescica si infiammano e si gonfiano. Questa condizione è caratterizzata da un intenso dolore alla fine del processo di svuotamento dell'urina. Le sensazioni dolorose compaiono quando lo sfintere inizia a contrarsi intensamente. Nella fase acuta, il dolore inizia a disturbare costantemente.

Sulla cistite

La cistite è una malattia della vescica. Sia gli uomini che le donne sono suscettibili ad esso, ma queste ultime hanno un rischio maggiore di acquisirlo. Esistono molti tipi di disturbo (il più delle volte acuto; in assenza di intervento medico, può svilupparsi in uno cronico), ma è facile riconoscerlo da diversi segni comuni:

  • dolore doloroso nell'addome inferiore;
  • minzione frequente (ci possono essere più di 20 impulsi al giorno);
  • sensazione di svuotamento incompleto;
  • scolorimento delle urine;
  • lo scarico di urina è accompagnato da dolore lancinante.

Nel complesso, potresti non sentirti bene, la temperatura corporea aumenta, l'appetito diminuisce e la sudorazione può aumentare. Se riscontri uno qualsiasi dei sintomi, ti consigliamo vivamente di contattare un istituto medico per un esame (il microscopio delle urine e l'ecografia rivelano la cistite).

Diagnostica

Poiché la causa principale della cistite è un fattore batterico, i test batteriologici delle urine sono la base delle misure diagnostiche. La più istruttiva è la cultura batteriologica. Viene eseguito per identificare la microflora patogena e condurre test di sensibilità agli agenti antibatterici di vari gruppi. Il secondo esame batteriologico è la microscopia delle urine. Consente solo di identificare visivamente i batteri, ma dipende molto dal fattore umano, perché un assistente di laboratorio potrebbe non notare l'agente patogeno o determinare in modo errato la sua appartenenza al gruppo. Oltre a questi test, è necessario condurre analisi cliniche generali di urina e sangue, che aiuteranno a determinare il grado di danno e le condizioni generali del corpo. Un altro esame importante è l'ecografia. L'esame ecografico della vescica e degli organi pelvici viene eseguito per determinare la localizzazione dell'infiammazione, la sua area e la probabilità di diffusione ad altri organi. Molto spesso, l'ecografia viene eseguita attraverso la parete addominale, ma in alcuni casi è indicato l'uso di una sonda vaginale o rettale.

Cause di occorrenza

Una malattia appare a causa di:

  1. Ipotermia della zona pelvica.
  2. Immunità indebolita.
  3. Stile di vita sedentario.
  4. Consumo frequente di cibi grassi che vengono digeriti lentamente dall'organismo.
  5. Mancanza o mancanza di igiene intima.
  6. Vita sessuale tempestosa.
  7. Mancanza di vitamine.
  8. Disturbi ormonali.
  9. La presenza di malattie di natura venerea o ginecologica.
  10. La presenza di agenti patogeni nel corpo.
  11. Caratteristiche della struttura sessuale nelle donne.

Trattamento e prevenzione

Il trattamento farmacologico prevede l'assunzione di:

  • complessi vitaminici;
  • antibiotici;
  • diuretici;
  • farmaci antinfiammatori.

L'uso di droghe porta all'esaurimento. Pertanto, si raccomanda che la terapia formale sia supportata da azioni di base volte a migliorare la salute..

I medici hanno approvato le seguenti misure che consentono di prevenire l'insorgenza e lo sviluppo della malattia, nonché di resistere efficacemente e rapidamente alla cistite:

  1. Dieta razionale - Una corretta alimentazione è uno dei cardini della salute umana. La sua violazione porta a molte conseguenze negative. Preferisci latticini, verdure, frutta, bacche, cereali, zuppe, pesce bollito e cibi non trattati termicamente (noci crude, semi di girasole e semi di lino) al cibo fritto e pepato. Riduci al minimo l'assunzione di zucchero. Bevi molti liquidi per eliminare i rifiuti dal corpo.
  2. Igiene: in primo luogo, ti permetterà di proteggerti da una serie di malattie urologiche. In secondo luogo, in una società colta è semplicemente consuetudine monitorare la purezza del proprio corpo..
  3. L'uso di contraccettivi durante il rapporto. Questo punto è particolarmente importante se non c'è fiducia nel partner. Un preservativo riduce significativamente il rischio di cistite.
  4. Le situazioni stressanti sono un pendolo destabilizzante. Dal suo umore oscillante peggiora, la glicemia aumenta e appare il malessere. È necessario, se possibile, evitare ogni spreco di energie, rilassarsi con l'aiuto della musica classica e dello yoga.
  5. Uno stile di vita atletico non è mai stato dannoso per la salute. Educazione fisica sistematica, ginnastica leggera al mattino e alla sera porteranno il corpo a diventare più resistente a batteri e germi.
  6. Monitoraggio della temperatura. Il forte calore o il gelo sono sicuramente fattori negativi. Cerca sempre di vestirti per la stagione.

Non privarti delle gioie della vita

Se devi affrontare la cistite, questo non è un motivo per perdere le gioie della vita. Il nuoto è molto benefico per una donna perché le permette di mantenere facilmente il suo corpo in buona forma, è un ottimo modo per alleviare lo stress e migliorare la salute..

Rifiutarsi completamente di nuotare in piscina o in mare con pielonefrite o cistite non ne vale la pena. Hai solo bisogno di aderire a semplici regole per mantenere la tua salute:

  • non nuotare per molto tempo;
  • fare subito una doccia calda;
  • cambia vestiti;
  • osservare le norme igieniche;
  • non sedersi in un bagno caldo per molto tempo;
  • non nuotare in acqua fredda;
  • evitare le piscine clorurate;
  • scegli una piscina con attenzione.

Il rispetto di queste regole ti aiuterà a proteggere te stesso, tuo figlio e gli altri dalla cistite..

Il consiglio della nonna

Prima di affrontare attivamente i metodi tradizionali, consultare un medico.

Le tisane possono far fronte efficacemente alla cistite:

  • 2 cucchiai. l. achillea viene posta in acqua calda (200 ml). Tenetele a fuoco basso per circa 20 minuti, quindi toglietele dal fuoco e lasciate per mezz'ora. Alla fine filtrare e assumere per via orale tre volte al giorno dopo i pasti, un cucchiaio..
  • La corteccia di sorbo (150 grammi) viene bollita in un litro d'acqua per 10 minuti. Il tè dovrebbe essere consumato caldo. Aggiungi anche mezzo cucchiaio di miele.
  • Tritate le radici secche di rosa canina con un coltello. Versare 2 cucchiai in mezzo litro di acqua calda. l. Porta l'acqua a ebollizione e aspetta 15 minuti. Quando il prodotto si è raffreddato, filtrare con una garza e bere 100 ml quattro volte al giorno poco prima dei pasti.
  • Prendi 1 cucchiaio. l. foglie secche di uva ursina e mirtillo rosso. Macinateli in polvere e riempiteli con 400 ml di acqua distillata. Mettere su un bagno di vapore per 40 minuti. Mettere in frigorifero, eliminare la lettiera fine e consumare il brodo due volte al giorno prima dei pasti per ¼ di tazza.
  • Unisci le foglie della fragola e dell'olivello spinoso. Un cucchiaio di erbe viene versato in un bicchiere di acqua bollente. Quindi la bevanda viene infusa per 30 minuti. Dopo l'estrazione, prendi un bicchiere mezz'ora prima dei pasti tre volte al giorno.
  • La corteccia di quercia è eccellente per far fronte alla frequente voglia di urinare. Versare un grammo di corteccia in 200 ml di acqua bollente e cuocere a fuoco lento per un quarto d'ora. Insistere per 30 minuti, filtrare e bere un cucchiaio tre volte al giorno.

Vasca idromassaggio

Un bagno caldo peggiorerà la situazione. L'aumento della temperatura allevierà lo spasmo dalle pareti muscolari e il benessere del paziente migliorerà in modo significativo, ma non dobbiamo dimenticare che l'alta temperatura favorisce una maggiore circolazione sanguigna negli organi pelvici da seduti o sdraiati, rapida riproduzione e diffusione di agenti infettivi lungo il sistema urinario, coinvolgimento nel processo patologico reni. Bagni caldi e saune migliorano il benessere delle donne, ma dopo un po 'i dolori tornano con maggiore forza a causa di un aumento dello sviluppo del processo infiammatorio.

Quando si fa il bagno, è importante monitorare la temperatura, che non deve essere superiore a 37,5 gradi

Con la cistite, puoi fare bagni ai piedi, sederti e letto.

Piede. In questo caso, è consentito un aumento della temperatura, perché la circolazione sanguigna negli arti inferiori e negli organi pelvici migliora, ma non c'è diffusione dell'infezione attraverso il sistema urinario. A tale scopo vengono utilizzate sostanze aggiuntive, ad esempio: senape in polvere, per migliorare il flusso sanguigno. Raccogli fino a dieci litri di acqua aggiungendo miscele speciali.

  1. La camomilla può essere utilizzata da aggiungere all'acqua, versando 3-4 cucchiai di fiori con un litro di acqua bollente, che dovrà essere infusa.
  2. Combina diverse erbe per la tua preparazione. Le erbe più comuni nel trattamento della cistite sono la camomilla, l'erba di San Giovanni, l'equiseto, l'aneto, l'achillea, le orecchie d'orso, il mirtillo rosso. Unisci queste erbe, prepara i decotti e aggiungi in una ciotola d'acqua.
  3. Il latte caldo, riscaldato fino a 40 gradi, viene versato in una ciotola e si siede finché il latte non si raffredda.

La durata della procedura è fino a venti minuti, quindi è necessario asciugare i piedi, metterli a fuoco secco, ad esempio indossare calzini caldi.

Con la cistite, i pediluvi ne trarranno beneficio

Sedentario. Il corpo non è completamente immerso nell'acqua, vengono raccolti 20-30 litri di acqua. Non tutto il corpo è immerso, ma solo la parte inferiore, la parte superiore deve essere calda!

Dire bugie. È meglio evitarli, riscaldarsi solo quando prescritto dal medico curante. Nelle donne, tali procedure sono particolarmente pericolose a causa della vicinanza anatomica dell'uretra e della vagina..

È piacevole e utile crogiolarsi con rami e coni di conifere, che devono essere prima lavorati con cura, poi lessati in una casseruola e aggiunti all'acqua. Gli aghi dell'acqua calda diventano morbidi e non pungono, quindi non aver paura di cadere in acqua.

Le piante contengono diverse sostanze:

  1. Vitamine.
  2. Traccia elementi.
  3. Phytoncides - sostanze formate da piante che distruggono i microrganismi.
  4. Tannini.
  5. Flavonoidi.

Per un maggior beneficio, il bagno può essere preso con l'aggiunta di piante officinali

Quanto è pericolosa la piscina?

La cistite e la piscina sono due cose che sono inestricabilmente legate l'una all'altra. Nuotare in un luogo pubblico come questo è sempre pericoloso, ed ecco perché.

È impossibile affermare in modo inequivocabile quale delle persone intorno abbia questa o quella malattia, che è anche considerata. La probabilità di infezione aumenta molte volte, soprattutto se per un abbonamento è richiesta una quantità sospettosamente piccola.

Di solito, i problemi di igiene in questi luoghi lasciano molto a desiderare. Con l'intenzione di risparmiare denaro, le persone responsabili della pulizia della piscina chiudono un occhio davanti alla polvere, alla filtrazione dell'acqua e ad altre sfumature. Da qui la malattia.

Ci si possono aspettare pericoli anche dai bambini. Non è difficile per un bambino far fronte a un piccolo bisogno proprio nel processo di nuoto. Il numero di visitatori è quasi sempre elevato e anche gli adulti possono espellere l'urina senza esitazione. L'infezione entra nel corpo. È chiaro che ottenere la cistite in piscina è abbastanza facile.

La forma acuta della malattia pone fine a tutti i viaggi nei luoghi di nuoto. I microrganismi nell'acqua possono aggravare le condizioni di una persona. Ancora una volta, tu stesso puoi essere la fonte della malattia. È meglio rimandare questo e preferire i bagni caldi per un po '..

La situazione opposta non è esclusa. Quando la presenza in piscina aumenta molte volte, i lavoratori eseguono procedure per una migliore filtrazione e disinfezione dell'acqua. Il primo non è in alcun modo pericoloso per l'uomo: i filtri funzionano a piena capacità, quindi lo spazio viene liberato dai detriti e diventa pulito.

La clorazione viene eseguita per combattere batteri e microbi patogeni. Anche la distruzione di parassiti nocivi attraverso la disinfezione può influire sulla salute dei visitatori.

Il cloro con esposizione prolungata all'uomo provoca:

  1. Problemi respiratori.
  2. Malattie degli organi interni: la pelle si ammorbidisce nell'ambiente acquatico, quindi le tossine penetrano facilmente all'interno, causando danni colossali.
  3. Irritazione degli occhi e della pelle.
  4. Esacerbazione della cistite: la mucosa genitale è scarsamente protetta in tali condizioni, in modo che la forma acuta della malattia possa facilmente diventare cronica.

Il paziente non deve inoltre prestare molta attenzione ad altri luoghi, ad esempio serbatoi. L'acqua può essere torbida e fredda, il che è indesiderabile. La temperatura minima consentita per i pazienti con cistite è di 30 ° C. Se avete intenzione di visitare il mare, lago per esercizi di nuoto, fatelo a vostro rischio e pericolo.

Video: 5 modi per trattare la cistite a casa.

Ci sono controindicazioni

Nonostante l'elevata efficienza del trattamento della cistite con i bagni, questo metodo non è adatto a tutti. Qualsiasi metodo di terapia ha controindicazioni corrispondenti. La decisione di applicare l'effetto del liquido caldo sul corpo del paziente è presa dal medico. Per fare ciò, devi fornire al medico tutte le informazioni necessarie su di te. I bagni di cistite non sono raccomandati nelle seguenti condizioni:

Gravidanza. Durante il trasporto di un bambino, le donne sono severamente vietate dalle procedure termiche. Neoplasie. La presenza di tumori benigni e maligni è una seria controindicazione per fare bagni caldi. Emorroidi. Il tessuto infiammato è molto sensibile e la soluzione di trattamento può causare ulteriori danni. Problemi di pressione sanguigna. I bagni caldi possono peggiorare la condizione. Allergia

L'intolleranza individuale a determinate sostanze e preparati a base di erbe richiede un approccio attento. Non utilizzare prodotti che possono provocare una reazione allergica

I processi infiammatori che interessano la mucosa dei tessuti della vescica portano a sensazioni dolorose e altri sintomi spiacevoli. I bagni curativi sono un metodo efficace di trattamento popolare, riconosciuto dalla medicina moderna. Tuttavia, è possibile utilizzare l'azione delle soluzioni acquose calde per la cistite solo dopo aver consultato il medico..

Consigli per la piscina

Come si è scoperto, la cistite dopo la piscina è una vera conclusione della giornata. Per evitare di essere a rischio, considera le raccomandazioni seguenti:

È possibile andare in piscina e nuotare con la cistite

La cistite è una patologia spiacevole che cambia lo stile di vita quotidiano di una persona e richiede il rispetto delle restrizioni.

  1. Cistite da malattia
  2. È possibile andare in piscina con la cistite
  3. Raccomandazioni
  4. Diagnostica
  5. Trattamento e prevenzione
  6. video

Cistite da malattia

La cistite è un processo infiammatorio che colpisce la mucosa dell'urea e talvolta l'intero spessore della parete.

Le donne sono suscettibili alla patologia, poiché le caratteristiche strutturali dell'uretra contribuiscono alla penetrazione dei batteri nella vescica.

I batteri sono considerati una causa comune della malattia, ma non l'unica. Pertanto, la cistite appare come risultato di lesioni, processi autoimmuni, lesioni fungine e virali, in presenza di processi oncologici nella vescica stessa o negli organi vicini.

Il quadro clinico della cistite ha sintomi specifici:

  1. Minzione frequente
  2. Taglio, bruciore lungo l'uretra
  3. Aumento della temperatura corporea
  4. Malessere, debolezza
  5. Incontinenza urinaria (si verifica più spesso nelle donne, nei bambini)
  6. Diminuzione dell'appetito
  7. Sudorazione eccessiva.

La cistite può essere sia acuta che cronica. La manifestazione della forma acuta di infiammazione dell'urea è identica alla fase attiva della cistite cronica.

La malattia si sviluppa rapidamente, i sintomi compaiono in piena forza dopo poche ore. La temperatura corporea sale a 39 gradi e la frequenza della minzione all'ora raggiunge diverse dozzine di volte.

In alcune forme di infiammazione, vengono aggiunti i seguenti sintomi:

  1. Ematuria. La presenza di sangue nelle urine è caratteristica della cistite emorragica.
  2. Forte dolore sopra il pube. La sindrome del dolore è espressa in forme di patologia ulcerosa e necrotica.
  3. Sindrome da intossicazione intensa. Questo fenomeno si osserva con la cistite, che è causata da Pseudomonas aeruginosa..
  4. Anuria. La ritenzione urinaria acuta si verifica quando l'apertura interna dell'uretra è bloccata da un coagulo di sangue, pus o accumulo di fibrina.

È possibile andare in piscina con la cistite

Nella fase acuta è severamente vietato andare in piscina. Ciò è dovuto al fatto che nell'acqua sono presenti microrganismi che graveranno sul recupero con lo sviluppo di superinfezione (reinfezione).

Il nuoto comporta un'attività fisica che diffonde i batteri attraverso il flusso sanguigno ad altri organi..

La temperatura dell'acqua nella piscina non supera i 27 gradi e il minimo consentito per i pazienti con cistite è 30 ° C..

Una visita in piscina dà risultati in recupero, riabilitazione. Il nuoto ha un effetto sul corpo, che contribuisce a:

  1. Eliminazione dell'infiammazione. L'aumento del flusso sanguigno che si verifica con l'esercizio aiuta ad accelerare l'inversione dell'edema infiammatorio. Riduce il dolore, aiuta a normalizzare la minzione.
  2. Rafforzare il corpo. Il nuoto in piscina è la migliore attività sportiva per rafforzare il corpo. Una visita in piscina ha un effetto benefico sul sistema muscolo-scheletrico, cardiovascolare e nervoso. Le procedure idriche sono la base per rafforzare il sistema immunitario, che riduce il rischio di sviluppare malattie infettive, compresa la cistite.
  3. Rilassamento mentale. Una visita in piscina ha un effetto rilassante sulla muscolatura, che porta all'eliminazione dello stress neuropsichico. Questa azione è importante per la prevenzione di malattie di natura neurogena..

Raccomandazioni

Una visita alla piscina richiede il rispetto di una serie di regole che aiuteranno a evitare la comparsa di effetti indesiderati e malattie..

  • Fai una doccia dopo la piscina. È consigliabile se la doccia è calda, il che creerà un calo di temperatura. Ciò è utile se la temperatura dell'acqua della piscina è bassa. In questo modo si otterrà un effetto di indurimento. Inoltre, la doccia aiuta a rimuovere i residui di cloro dalla superficie della pelle, che è la prevenzione di una reazione allergica o irritazione..
  • Asciugare dopo la doccia. Rimuovere l'umidità dalla pelle è la prevenzione dell'ipotermia.
  • Consulta un trainer. Per ottenere i vantaggi di visitare la piscina, è necessario consultare uno specialista che ti aiuterà a creare uno schema di lezioni. Un punto importante è determinare la durata delle lezioni. Il tempo della sessione è selezionato in modo tale da evitare uno sforzo fisico eccessivo..

Una visita in piscina con cistite è possibile, ma non nella fase acuta. Il nuoto aiuta i pazienti a eliminare rapidamente gli effetti residui dell'infiammazione della vescica, ma è necessario avvicinarsi adeguatamente a queste attività.

Diagnostica

Poiché la causa della cistite è un fattore batterico, la base per le misure diagnostiche sono i test batteriologici delle urine..

L'inoculazione batteriologica è considerata informativa. Viene eseguito per identificare la microflora patogena, condurre test di sensibilità agli agenti antibatterici.
Il secondo esame batteriologico è la microscopia delle urine. Consente solo di identificare visivamente i batteri, ma dipende dal fattore umano, perché un assistente di laboratorio potrebbe non notare l'agente patogeno o determinare in modo errato l'appartenenza al gruppo.

Oltre a questi test, conducono analisi cliniche generali di urina e sangue, che aiuteranno a determinare il grado di danno, lo stato del corpo.

Un altro esame importante è l'ecografia. L'esame ecografico della vescica e degli organi pelvici viene eseguito per determinare la localizzazione dell'infiammazione, l'area, la probabilità di diffusione ad altri organi.

Molto spesso, l'ecografia viene eseguita attraverso la parete addominale, ma a volte è indicata una sonda vaginale o rettale.

Trattamento e prevenzione

Il trattamento dell'infiammazione della vescica consiste nell'uso di diversi gruppi di farmaci, la cui azione è volta ad eliminare la causa principale, riducendo l'intensità dei sintomi.

  • Antibiotici L'azione è volta a sopprimere la crescita dei batteri nella cavità vescicale. I farmaci più comunemente usati sono quelli con un ampio spettro d'azione. Ciò significa che sono in grado di influenzare un gran numero di gruppi e tipi di batteri..
  • Antinfiammatorio. Per tutte le forme di infiammazione, ad eccezione di quelle autoimmuni, vengono prescritti farmaci non steroidei. È efficace usare questi medicinali sotto forma di supposte rettali. Questo è un modo per eliminare gli effetti indesiderati dei farmaci, poiché i farmaci antinfiammatori possono portare a gastrite, ulcera peptica.
  • Diuretici. Questi farmaci agiscono in modo tale da fornire l'eliminazione meccanica dei batteri dall'urea con il flusso di urina.
  • Immunostimolanti, complessi vitaminici. Questa è una terapia ausiliaria che aiuterà il corpo a far fronte alla malattia più velocemente, riducendo il rischio di sviluppare processi e disturbi secondari..

Per la prevenzione della cistite, aderiscono agli standard igienici, mantengono l'immunità a un livello sufficiente. Durante il trattamento, una persona osserva una serie di restrizioni che aiuteranno ad accelerare il recupero..

Perché non dovresti andare in piscina con la cistite?

La temperatura dell'acqua nella piscina tradizionalmente mantenuta è di 27 ̊С e la temperatura minima consentita per chi soffre di cistite è di +30 С. Un'eccezione potrebbe essere una piscina termale calda, che aiuterà a sbarazzarsi della cistite cronica, ma dopo il trattamento principale.

Inoltre, visti gli standard igienico-sanitari, è vietata la visita della piscina a persone infette da malattie parassitarie e affette da problematiche ginecologiche e urologiche di natura venerea..

Ci sono frequenti casi di esacerbazione della cistite dopo il pool. Questo, con un trattamento dell'acqua di scarsa qualità, può essere associato a superinfezione (infezione aggiuntiva da stafilococchi, streptococchi o Escherichia coli).

I proprietari di complessi sportivi non richiedono sempre certificati medici dai visitatori, installando un potente sistema di pulizia. Tuttavia, non sempre affronta i compiti impostati. Se vuoi proteggerti dalle malattie infettive, scegli un istituto con un sistema di analisi dell'acqua di alta qualità e la supervisione medica dei visitatori. Inoltre, anche queste misure non sempre possono proteggere dalle conseguenze, ma le riducono al minimo..

Sono consentite eccezioni?

Non tutte le persone con cistite accettano di rinunciare ai loro allenamenti preferiti. Puoi andare in piscina con la cistite, osservando le seguenti condizioni:

  • previa verifica delle condizioni igienico-sanitarie dell'impianto sportivo;
  • scegliendo un'offerta con una temperatura dell'acqua più alta, in alcune città sono disponibili tali piscine;
  • elaborare i genitali con clorexidina dopo aver visitato una piscina pubblica;
  • Fare una doccia calda dopo il nuoto per aumentare la temperatura corporea
  • aumentando il numero di visite dal medico;
  • fermare regolarmente il processo infiammatorio nell'uretra usando la procedura di instillazione;
  • avvicinarsi responsabilmente alla propria salute, intraprendendo il trattamento della cistite;
  • vestirsi bene dopo l'attività sportiva, fornendo al corpo il calore necessario, soprattutto alle gambe e alla testa.

Inoltre, le raccomandazioni sono valide solo al momento della remissione della cistite. A una domanda tipica: "È possibile entrare nella piscina con cistite nella fase acuta" - la risposta è inequivocabile: è impossibile. Ciò contribuirà alla transizione del processo infiammatorio in una forma cronica subacuta. Dopo il trattamento, il paziente decide da solo se è possibile visitare la piscina con cistite, tenendo conto dei rischi.

Riassumiamo

Alla domanda sui nostri lettori se sia possibile contrarre la cistite in piscina, i nostri esperti rispondono che tali rischi esistono. L'infiammazione dell'epitelio dell'uretra e della vescica dopo aver visitato la piscina indica la loro infezione. La cistite cronica di solito peggiora dopo aver nuotato in una piscina. Questo può essere evitato se vengono seguite le raccomandazioni del medico...

In altre parole, se soffri di cistite, puoi visitare la piscina solo sotto la supervisione del tuo medico, che ti darà i consigli necessari..

È possibile nuotare con la cistite in mare o in piscina?

Sul mare

In caso di infiammazione della mucosa vescicale, si sconsiglia di nuotare anche in acque ben riscaldate dal sole. La causa principale della malattia è quasi sempre associata all'ipotermia. Di conseguenza, il sistema immunitario si indebolisce ei batteri nella vescica vengono attivati ​​e migrano verso i reni senza ostacoli..

È vietato nuotare con la cistite in mare a causa di disagio, dolore pelvico o rettale, sensazione di bruciore e altri sintomi.

Se non ci sono manifestazioni acute della malattia, e quindi rimanere in mare è possibile solo se il tempo di balneazione è ridotto a 5-7 minuti a una temperatura ottimale dell'acqua di almeno 24... 25 ° C. Dopo il bagno, lavati con acqua calda e pulita, asciuga bene il corpo con un asciugamano e assicurati di cambiare il costume da bagno bagnato per asciugare i vestiti.

Non puoi sederti sulla sabbia, sull'erba, sul terreno. La lettiera è necessaria. Ciò è particolarmente importante all'inizio dell'estate, quando la stagione fredda viene sostituita dal tempo soleggiato. Il calore ingannevole provoca il desiderio di immergersi nel mare.

La sabbia sulla spiaggia è un'ulteriore fonte di irritazione uretrale e danni alla mucosa della vescica. In questo caso, la perfusione (circolazione sanguigna) dell'organo peggiora e si apre il percorso verso l'infezione..

Diagnostica

Poiché la causa della cistite è un fattore batterico, la base per le misure diagnostiche sono i test batteriologici delle urine..

L'inoculazione batteriologica è considerata informativa. Viene eseguito per identificare la microflora patogena, condurre test di sensibilità agli agenti antibatterici.


Il secondo esame batteriologico è la microscopia delle urine. Consente solo di identificare visivamente i batteri, ma dipende dal fattore umano, perché un assistente di laboratorio potrebbe non notare l'agente patogeno o determinare in modo errato l'appartenenza al gruppo.

Oltre a questi test, conducono analisi cliniche generali di urina e sangue, che aiuteranno a determinare il grado di danno, lo stato del corpo.

Un altro esame importante è l'ecografia. L'esame ecografico della vescica e degli organi pelvici viene eseguito per determinare la localizzazione dell'infiammazione, l'area, la probabilità di diffusione ad altri organi.

Perché la cistite spesso peggiora dopo aver bevuto alcolici

Il nuoto in piscina con cistite non è raccomandato per i seguenti motivi:

  • possibile ipotermia;
  • inquinamento delle acque dovuto a un livello di disinfezione insufficiente;
  • acqua dura, clorata, irritante per l'uretra;
  • mancato rispetto da parte di altri visitatori delle norme di igiene personale.


Il nuoto in piscina per la cistite è sconsigliato a causa del possibile inquinamento dell'acqua.
Dopo la piscina, devi:

  • fatti una doccia;
  • assicurati di lavare con sapone;
  • togliti velocemente il costume da bagno;
  • cambiare in vestiti asciutti.

Lavare immediatamente i costumi da bagno stretti.

Ciò è dovuto a diverse ragioni:

  • Ipotermia. Sebbene l'acqua della piscina abbia una temperatura confortevole, non è difficile ammalarsi mentre si nuota. La malattia viene "presa" quando escono fuori dopo aver visitato la piscina o si cambiano troppo a lungo in uno spogliatoio fresco.
  • Reazione al cloro, che irrita le mucose, soprattutto nelle persone con allergie. Le persone con intolleranza a questa sostanza, che fa parte di molti disinfettanti, devono scegliere piscine prive di cloro, dove l'acqua viene disinfettata con fluoro.
  • Contaminazione microbica. Sebbene l'acqua nelle piscine sia clorata, le persone che nuotano lasciano così tanta urina che non può essere disinfettata. La microflora patogena entra nei genitali e da lì entra nell'uretra e nella vescica, causando un'esacerbazione della malattia.

L'alcol che entra nel corpo viene escreto attraverso i reni con l'urina ed entra nella vescica. L'alcol etilico ha un effetto irritante sulle pareti dell'organo, che provoca la cistite. L'infiammazione è particolarmente comune dopo aver bevuto birra..

Nella parete della vescica si verificano reazioni infiammatorie che rendono questo organo vulnerabile ai microrganismi. L'effetto provocatorio dell'alcol veniva utilizzato per diagnosticare la cistite indolente causata da malattie sessualmente trasmissibili.

Con l'introduzione di nuovi metodi diagnostici, come la reazione PCR, l'alcol non viene più utilizzato come provocatore, ma nella cistite cronica il suo uso è indesiderabile.

Motivo n. 2: irritazione

Quando il traffico della piscina aumenta, sorge la domanda di una maggiore depurazione dell'acqua. Ciò avviene tramite filtrazione e disinfezione. La filtrazione non rappresenta alcun pericolo per le persone galleggianti: viene effettuata con l'ausilio di appositi filtri e, grazie a ciò, l'acqua viene ripulita dai detriti e rimane pulita a lungo.

Ma la disinfezione dell'acqua, soprattutto con l'uso di cloro o bromo, può nuocere alla salute. La clorazione dell'acqua in piscina è un processo inevitabile: batteri e microbi patogeni vengono distrutti immediatamente e per molto tempo.

In un fiume

Oltre al tempo instabile e all'ipotermia, quando si nuota nel fiume, è necessario prestare attenzione alla purezza dell'acqua. Non nuotare in luoghi sconosciuti. L'acqua può essere contaminata da fitoplancton, batteri fecali, sostanze umiche, acidi umici, acidi fulvici, effluenti industriali che si depositano sul fondo.

Non ci si dovrebbe fidare di una valutazione superficiale "ad occhio" e "con l'olfatto". L'accumulo di microrganismi patogeni su un costume da bagno (soprattutto nella zona genitale) è un modo per far penetrare l'infezione attraverso l'uretra. Questo è un rischio aggiuntivo di malattie renali o complicanze di una malattia cronica esistente.

Percorso sessuale

Sebbene la cistite non si qualifichi come una malattia a trasmissione sessuale, il rapporto sessuale è una via comune di trasmissione da partner a partner. I microrganismi patogeni penetrano dalla vagina nella mucosa del pene ed entrano nella vescica attraverso l'uretere. La probabilità di infezione di un partner da parte di un uomo non è meno probabile. Se ha un'infiammazione nell'uretra, allora con lo sperma l'infezione esce, entrando nella vagina. I virus possono essere trasmessi solo attraverso rapporti sessuali non protetti.

È possibile fare un bagno di vapore nel bagno per la cistite cronica

Anche se lo stabilimento balneare fa bene alla salute, è meglio non visitarlo quando la cistite peggiora. Il calore che riscalda l'area della vescica allevia temporaneamente i sintomi, ma poi le manifestazioni della malattia si intensificano. Questo perché un aumento della temperatura stimola la riproduzione di microbi patogeni e l'espansione dei vasi sanguigni durante le procedure del bagno "stimola" l'infiammazione.

Puoi andare allo stabilimento balneare solo quando i sintomi acuti della malattia diminuiscono durante l'assunzione di antibiotici.

Sintomi clinici di infiammazione

Se le raccomandazioni generali per l'assunzione di procedure idriche vengono violate, dopo un po 'può svilupparsi un'infiammazione del sistema genito-urinario, accompagnata da sintomi primari. Una persona inizia a sentire dolore nell'addome inferiore, c'è una falsa sensazione che la vescica si riempia di urina. I segni clinici della malattia si manifestano in modi diversi.

Nonostante le manifestazioni dolorose della malattia, che infastidiscono una persona per molto tempo, i sintomi possono scomparire in un paio di giorni. La cistite può continuare a svilupparsi anche se il trattamento è stato somministrato correttamente. Le pareti della vescica si infiammano e si gonfiano. Questa condizione è caratterizzata da un intenso dolore alla fine del processo di svuotamento dell'urina. Le sensazioni dolorose compaiono quando lo sfintere inizia a contrarsi intensamente. Nella fase acuta, il dolore inizia a disturbare costantemente.

Bagni caldi e caldi

I bagni caldi per la cistite sono controindicati. Portano un po 'di sollievo, ma possono attivare batteri patogeni, provocare lo sviluppo di pielonefrite e causare sanguinamento. Per gli stessi motivi, in caso di infiammazione acuta della vescica, si sconsiglia la visita alla sauna..

Puoi fare semicupi caldi con camomilla o calendula, ma non più di 15 minuti. Non utilizzare cosmetici e sapone. Dopo la procedura, è necessario asciugare e avvolgere la zona pelvica con un panno caldo, una sciarpa o un fazzoletto per evitare un rapido calo della temperatura corporea.

Motivo n. 3: infezione

La possibilità di contrarre la cistite aumenta in quelle piscine in cui la visita non ha bisogno di essere approvata da un certificato sanitario. È meglio non visitare affatto queste piscine.

Spesso una persona può non sospettare di essere infettata da un'infezione e, essendo arrivata in una piscina comune, non infetta specificamente i bagnanti. Pertanto, è necessario sottoporsi a un esame e, se viene rilevata la malattia, non è possibile visitare la piscina.

Le piscine che possono essere utilizzate con i bambini sono un altro pericolo. Ci possono essere 2 opzioni per lo sviluppo di eventi: un bambino, vista la sua immediatezza (o una situazione stressante), può alleviare se stesso direttamente in piscina - questo può causare l'infezione non solo nel bambino stesso (se, ad esempio, un paziente con cistite nuota in piscina), anche un adulto può essere infettato (se il bambino ha un'infezione). La seconda opzione: se anche un adulto non segue le regole per stare in piscina, il risultato è lo stesso: l'infezione si trasmette attraverso l'acqua. Come proteggere tuo figlio e te stesso in questa situazione?

Prima di visitare la piscina, parla con il bambino, spiegagli che se vuole andare in bagno, non devi sopportare, ma devi dirglielo subito. Ai genitori, a loro volta, può essere data la seguente raccomandazione: non forzate i vostri figli a soffrire; se durante la lezione il bambino vuole usare il bagno, portalo via, questo aiuterà a mantenere la salute non solo del tuo bambino, ma anche degli altri nuotatori.

Quando non puoi

Tutti i trattamenti con l'acqua sono migliori durante la remissione. Sono severamente vietati per qualsiasi patologia della sfera genito-urinaria, altre malattie infettive e la presenza dei seguenti sintomi:

  • aumento della temperatura corporea, brividi;
  • mal di testa;
  • debolezza;
  • ematuria (sangue nelle urine);
  • mestruazioni (se durante questo periodo sono comparsi segni di cistite);

Se persistono manifestazioni pericolose, dovresti vedere uno specialista.

La frequente voglia di andare in bagno che si verifica durante un'esacerbazione della malattia non è il miglior background per l'allenamento sportivo. Tuttavia, non si dovrebbe pensare che lo sport dovrà arrendersi. Durante il periodo in cui non ci sono manifestazioni acute della malattia, è utile un'attività fisica moderata. Previene la congestione nella zona pelvica, aumenta il tono del corpo e rimuove le tossine.

Non dovresti essere coinvolto in alcuni sport a causa del rischio di aumento dello stress, ipotermia, spremitura della zona della vescica e disidratazione:

  • nuoto e acquagym;
  • bodybuilding;
  • sci e pattini;
  • slittino dalle montagne;
  • sollevamento pesi e lotta;
  • Ciclismo;
  • Corsa sulla lunga distanza

Tutti gli altri sport non sono controindicati, ma le persone che soffrono di cistite cronica non dovrebbero essere impegnate a livello professionale. In caso di dubbi, è necessario fissare un appuntamento con un urologo e consultare i problemi che sono sorti. Quindi puoi essere sicuro che le attività sportive saranno utili..

Perché la piscina è utile?

Durante la riabilitazione e il recupero dalla cistite, il nuoto, al contrario, è raccomandato.

Il nuoto rafforza il corpo e allevia l'infiammazione

Funziona così:

  • elimina il processo infiammatorio. L'attività fisica migliora la circolazione sanguigna, costringendola a muoversi più velocemente attraverso i vasi sanguigni. Di conseguenza, l'infiammazione e il dolore diminuiscono, la minzione è normalizzata;
  • rafforza il corpo. Il nuoto è una variante dell'attività fisica che ti consente di distribuirli uniformemente a tutti i muscoli. Visitando la piscina, puoi migliorare il funzionamento del sistema nervoso, cardiovascolare e muscolo-scheletrico. Le procedure regolari dell'acqua sono simili all'indurimento: rafforzano il sistema immunitario, prevenendo il rischio di sviluppare infezioni, inclusa la cistite;
  • rilassamento del sistema nervoso. Il nuoto calma, elimina gli effetti dello stress, gli spasmi muscolari. È importante per la prevenzione delle malattie neurogeniche..

regole

Nella forma acuta di cistite, è severamente vietato nuotare in bacini naturali e piscine pubbliche. Fare il bagno aumenta la possibilità di infezione attraverso gli ureteri ai reni.


Se le procedure idriche in vacanza sono ancora accettate, utilizzare solo detergenti delicati per l'igiene intima.

Ma, se le procedure idriche sono ancora accettate in vacanza, dovresti:

  • scegli solo serbatoi caldi;
  • ridurre al minimo la permanenza in acqua;
  • in caso di brividi uscire immediatamente dall'acqua;
  • sciacquare sempre i genitali dopo aver nuotato in mare, in piscina e dopo aver urinato;
  • utilizzare per l'igiene intima solo detergenti delicati che non irritano le mucose;
  • asciugare e cambiare rapidamente in abiti asciutti;
  • non camminare con i capelli bagnati dopo il bagno;
  • vestiti più caldi, proteggendo l'area pelvica (donne) e l'area sovrapubica (uomini);
  • utilizzare il calore secco per alleviare i sintomi;
  • per ridurre il dolore, fare pediluvi caldi (38 °... 40 ° C);
  • aumentare la quantità di bevanda a 2 litri al giorno per scovare i microrganismi patogeni;
  • dimentica il cibo piccante, salato, in scatola, le carni affumicate;
  • non bere bevande gassate e alcolici;
  • utilizzare antispastici prescritti da un medico;
  • utilizzare decotti a base di erbe con effetti antibatterici e antinfiammatori.


Nella forma acuta di cistite, dovrebbero essere usati antispastici prescritti dal medico..

Il decorso acuto della malattia comporta il rifiuto di tutti i tipi di nuoto. Durante questo periodo, dovresti fare solo una doccia calda senza limiti di tempo, non nuotare.

Come proteggersi dalle infezioni

Durante un'esacerbazione di un'infezione del tratto urinario, è meglio abbandonare completamente le procedure di balneazione e acqua. Tuttavia, ciò non significa che d'ora in poi il piacere di fare il bagno sia vietato. Dopo il completamento delle procedure di trattamento, dovrebbe passare del tempo affinché il corpo acquisisca forza e acquisisca nuova forza. Prima di riprendere a nuotare, è necessario consultare un medico in modo che prescriva farmaci che funzionano come vaccino per la cistite. Ciò contribuirà a prevenire la diffusione dell'infezione..

Non sottovalutare i vantaggi di stare in acqua. Le procedure dell'acqua sono utili per persone di qualsiasi età. Le moderne strutture idrauliche sono dotate di tutto il necessario e sono completamente sicure per la salute. È importante solo seguire semplici regole e raccomandazioni generali, in modo da non causare accidentalmente danni irreparabili alla salute..

È possibile visitare durante la malattia

Prima di andare in vacanza, è necessario rafforzare il sistema immunitario e fare scorta, dopo aver consultato un medico, con farmaci preventivi..


Come misura preventiva in vacanza, i medici raccomandano di non impegnarsi in rapporti sessuali non protetti..

Come misure preventive (preventive) in vacanza, i medici raccomandano:

  • Non raffreddare eccessivamente.
  • Dopo aver nuotato in mare, fiume, piscina, fare una doccia e cambiare rapidamente vestiti asciutti.
  • Non sedersi per terra, erba, pietre fredde o bordi della piscina piastrellati senza una lettiera. In spiaggia è meglio utilizzare un lettino o una sdraio.
  • Utilizzare piscine con trattamento dell'acqua senza cloro.
  • Non urina in mare o in piscina: durante la minzione, le pareti dell'uretra si rilassano e l'acqua, insieme ai batteri, entra nell'organo.
  • Tratta tutte le malattie infettive in tempo.
  • Non fare sesso non protetto.
  • Osserva l'igiene intima.
  • Indossa biancheria intima realizzata con tessuti naturali o maglieria.
  • Non massaggiare.
  • Dormi a sufficienza, cammina più spesso all'aria aperta, fai sport.
  • Passa a una dieta a base di frutta e verdura.

★ Il dottore mi ha proibito di andare in piscina. 8 casi in cui il nuoto è controindicato.

La medicina non conosce ancora la risposta esatta alla domanda sulla sicurezza del bagno per le persone con un'immunità indebolita o con malattie croniche. Ma la pratica clinica conferma la conclusione che nuotare in un bacino idrico fresco, in piscina, è categoricamente controindicato per eventuali malattie infiammatorie croniche in fase acuta, soprattutto se la diagnosi è cistite.

Il nuoto in piscina con cistite non è raccomandato, poiché ciò porta a complicazioni. Con questa patologia, è consigliabile osservare il riposo a letto e stare al caldo.

Con acuto

Questa forma della malattia è accompagnata da sintomi gravi. Il nuoto influenzerà negativamente le condizioni della vescica, anche se il paziente elimina i sintomi dolorosi con un antibiotico ad azione rapida.

Se trascuri questa condizione di trattamento, il processo patologico può diffondersi ai reni, causando lo sviluppo della pielonefrite.

Con la cistite emorragica (ci sono impurità del sangue nelle urine), il nuoto può causare un aumento del sanguinamento.

Misure di prevenzione

Per evitare di contrarre un'infezione nel corpo, dovresti seguire semplici regole:

  • Vai a strutture balneari che richiedono un certificato sanitario. In questo caso, puoi essere certo che non ci siano persone infette nelle vicinanze..
  • Prima di nuotare, devi lavarti usando prodotti per l'igiene speciale, dopo aver nuotato, fare una doccia calda.
  • Asciugare e indossare indumenti asciutti dopo la doccia. Non puoi uscire subito. È necessario che il corpo si raffreddi alla temperatura normale.
  • Non ingoiare acqua o urinare durante il nuoto. Se stai visitando la piscina con un bambino, parlagli delle regole di condotta.
  • Consultare uno specialista e determinare il tempo massimo trascorso in acqua e l'attività fisica consentita.

Il rispetto di queste misure preventive aiuterà a proteggere dalla comparsa o esacerbazione di malattie infiammatorie.

★ Il dottore mi ha proibito di andare in piscina. 8 casi in cui il nuoto è controindicato.

L'uretra corta nelle donne si trova vicino all'ano, una potenziale fonte di batteri, quindi hanno maggiori probabilità di contrarre la cistite. Per prevenire l'infezione, è consigliabile attenersi alle seguenti regole durante le procedure dell'acqua:

  • Evitare di nuotare in acqua fredda.
  • Docce prima e dopo aver visitato il tappeto blu.
  • Non puoi andare in piscina, che non richiede un certificato da un medico.
  • È controindicato nuotare in un serbatoio chiuso per qualsiasi malattia infettiva.
  • Prima e dopo le procedure idriche, è necessario osservare gli standard igienici..
  • Si consiglia di limitare il tempo trascorso in acqua a 5-7 minuti.

Il gruppo a rischio comprende quelle donne che hanno sofferto di cistite almeno una volta. La ricaduta della malattia è più probabile con l'ipotermia statistica causata dall'acqua fredda. I brividi associati al congelamento portano inevitabilmente al fatto che le difese del corpo falliscono. Un costume da bagno bagnato in materiale sintetico è un ottimo terreno fertile per i batteri. L'esposizione prolungata agli indumenti bagnati può causare cistite.

Per prevenire lo sviluppo della malattia, dovresti evitare le basse temperature dell'acqua

L'acqua salata ha un effetto negativo sugli organi genitali esterni. Scorrendo verso l'interno, irrita la mucosa dell'uretra, riducendone la resistenza ai batteri. Per evitare ciò, si consiglia di risciacquare sempre il sale rimanente sotto la doccia.