Antibiotici per le infezioni genito-urinarie nelle donne

Quando i medici scrivono articoli sugli antibiotici e sulla loro importanza nel trattamento delle malattie del sistema genito-urinario, non devono pensare troppo per descrivere i sintomi, le cause dello sviluppo e le fasi della patogenesi. Queste sezioni dell'articolo non cambiano e l'uretrite, ad esempio, procederà con approssimativamente gli stessi sintomi di 1000 anni fa..

Ma la situazione non è affatto la stessa con il trattamento. Ogni anno compaiono diversi antibiotici efficaci, che dopo alcuni anni o addirittura mesi perdono la loro efficacia. C'è una lotta costante tra farmaci antibatterici e microbi..

Le primissime preparazioni di penicillina semplice, ottenute da Alexander Fleming durante la seconda guerra mondiale, curarono complicazioni purulento-settiche così gravi, e con tale efficacia che qualsiasi "Tienam" e "Augmentin" possono ora invidiare. E il punto non è nell'efficienza particolarmente elevata della penicillina, ma nel fatto che ha colto di sorpresa i microbi: erano disarmati. Adesso la situazione è cambiata.

Ciò è dovuto principalmente all'incredibile tasso di riproduzione dei microbi semplicemente dividendoli a metà e scambiando materiale genetico. Anche "puramente per caso" nascono mutazioni simili che consentono a singoli microrganismi di sopravvivere in condizioni di alte concentrazioni di antibiotici e farmaci antibatterici, e gli antibiotici sono utilizzati ovunque, e sono diventati parte del solito habitat dei microrganismi patogeni. Alcuni di loro, in generale, hanno imparato a usare gli antibiotici negli alimenti, poiché questo era un vantaggio competitivo..

Pertanto, quando si leggono articoli su quali antibiotici sono usati per le infezioni genito-urinarie nelle donne, possiamo tranquillamente mettere da parte quelli che sono stati scritti 15 o più anni fa. Consideriamo quali antibiotici vengono utilizzati per trattare la patologia del sistema genito-urinario nelle donne nel 2017 e quali di loro sono i più efficaci. Ma prima, scopriamo cosa si intende per malattie.

Indicazioni

A volte c'è confusione tra infezioni genito-urinarie e malattie a trasmissione sessuale. Le malattie a trasmissione sessuale sono trasmesse sessualmente, e questo è caratteristico della loro infezione, mentre si verificano altre vie di trasmissione e si realizzano molto meno frequentemente, ad esempio l'infezione da sifilide attraverso asciugamani sporchi.

Per quanto riguarda le infezioni genito-urinarie, si verificano a qualsiasi età, quando la via di trasmissione sessuale non è realizzata e le ragioni del loro verificarsi sono completamente diverse e la flora, oi microbi che le hanno causate, non sono patogeni specifici. L'infezione urogenitale è causata da cocchi, Escherichia coli, Proteus - microbi che sono costantemente in natura, sia all'esterno che all'interno del nostro corpo.

Questa confusione di concetti si verifica perché molte malattie sessualmente trasmissibili e patologie genito-urinarie si manifestano con gli stessi sintomi, ad esempio disturbi disurici, bruciore durante la minzione, crampi e alterazioni infiammatorie nei sedimenti urinari.

Tutti i patogeni delle infezioni a trasmissione sessuale sono parassiti altamente specializzati e assassini dei tessuti viventi, ed entrano nel corpo, anche trovandosi sulla membrana mucosa intatta di una persona sana.

Per quanto riguarda le infezioni ordinarie, è necessario un danno meccanico alla mucosa o una diminuzione dell'immunità sullo sfondo del raffreddore. In questo caso, viene attivata la flora condizionatamente patogena..

Inoltre, molto spesso, le donne sviluppano malattie infiammatorie degli organi genito-urinari con scarsa aderenza alle regole dell'igiene personale. Le donne hanno molte più probabilità degli uomini che i batteri del perineo e dell'ano entrino nella mucosa genitale, a causa delle caratteristiche strutturali.

Le infezioni urogenitali includono le seguenti malattie:

  • Uretrite o lesione infiammatoria dell'uretra.
    I sintomi principali sono minzione dolorosa, crampi, impulso frequente, presenza di secrezione dall'uretra;
  • La cistite è un processo infiammatorio più "alto" in cui la parete interna o la membrana mucosa della vescica si infiamma. I sintomi della cistite sono anche frequenti impulsi, crampi, dolore e una sensazione di svuotamento incompleto dopo la minzione. Molto spesso è una conseguenza dell'uretrite o dell'ipotermia. Con la cistite, il sangue può apparire nelle urine.
  • La pielonefrite è una lesione infiammatoria del sistema calice-pelvico dei reni, da cui inizia il suo percorso l'urina appena formata. Qui, i sintomi saranno già un aumento generale della temperatura (con un'esacerbazione di un processo cronico), debolezza, dolore lombare e cambiamenti significativi nei test delle urine.
  • Salpingite e salpingo-ooforite - infiammazione delle tube di Falloppio e infiammazione delle articolazioni delle tube e delle ovaie, chiamata anche annessite. È una malattia infiammatoria "pura" dei genitali, lontana dalle vie urinarie. Ma può avere una causa comune e lo stesso patogeno, a partire da una cistite innocua.
  • La colpite o vaginite è un'infiammazione della mucosa vaginale. Si manifesta come dolore, disagio, secrezione, spesso combinata con uretrite ed endocervicite ascendente o infiammazione della cervice, che può portare a endometrite.

Tutte queste, così come molte altre malattie infiammatorie e purulente, ad esempio la bartolinite, richiedono la prescrizione di farmaci antibatterici per il trattamento del sistema genito-urinario nelle donne.

Agenti causali

Devi sapere che la maggior parte delle infezioni del sistema genito-urinario (MPS) sono batteriche, ma a volte si riscontrano anche lesioni virali, ad esempio, con condilomi e herpes genitale. In questo caso, gli antibiotici non aiuteranno..

Il patogeno più comune è l'enterobacteriaceae o l'Escherichia coli. E. coli viene rilevato in oltre il 95% di tutte le donne e nell'intestino si trova necessariamente anche nelle persone sane e prende parte attiva ai processi di digestione. Questo microbo colonizza l'intestino dei neonati già 40 ore dopo la nascita. Meno comunemente, le infezioni sono causate da streptococchi e stafilococchi, lievito, proteo e klebsiella.

Gli antibiotici per le infezioni del sistema genito-urinario nelle donne, e in effetti per qualsiasi malattia, dovrebbero essere prescritti solo da un medico. Il fatto è che gli antibiotici sono diversi, alcuni non uccidono i microrganismi, ma solo inibiscono e fermano il loro sviluppo. Questi sono antibiotici batteriostatici, ad esempio il cloramfenicolo. Altri farmaci che uccidono i germi sono antibiotici battericidi. E questo non significa affatto che uccidere i microrganismi sia meglio che "inibirli".

Appuntamento

Naturalmente, prima di iniziare il trattamento, è desiderabile ottenere dati accurati su quale microrganismo o associazione microbica ha causato l'infiammazione e a quale antibiotico sono sensibili. Per fare ciò, è necessario eseguire i test appropriati, il più delle volte, strisci o secrezioni, urina e inocularli su supporti speciali.

Dopo aver isolato una coltura pura, è necessario determinarne la sensibilità agli antibiotici. In questo caso, la terapia antibiotica è definita razionale e mirata. Questo metodo è "mirato" ed è il migliore, ma richiede molto tempo.

Nel secondo caso viene prescritta una terapia antibiotica empirica. Lei suggerisce che la malattia con un quadro tipico è causata da agenti patogeni tipici, che sono più comuni negli ultimi anni e che non "sorprenderanno".

Di conseguenza, il medico prescrive esattamente quegli antibiotici per il sistema genito-urinario per le donne, che sono più spesso prescritti per un quadro clinico simile. La terapia empirica inizia molto spesso il trattamento e quindi quando i risultati del test sono appropriati, il trattamento può essere regolato.

Vale anche la pena notare che gli antibiotici sono suddivisi in battericidi e batteriostatici. Il batteriostatico inibisce la crescita dei batteri e battericida li uccide.

In alcuni casi, ad esempio, con la sepsi urologica, quando un gran numero di agenti patogeni sono nel sangue di una persona e si moltiplicano, l'uso di antibiotici battericidi è pericoloso per la vita.

Infatti, con il decadimento di un numero enorme di cellule microbiche, molte tossine, proteine ​​patogene e antigeni entreranno nel flusso sanguigno. Ciò causerà uno shock tossico-infettivo, pertanto, gli antibiotici battericidi non dovrebbero essere usati per la sepsi, ma solo farmaci batteriostatici. Pertanto, un tentativo analfabeta di utilizzare l'antibiotico "più forte" può uccidere una persona.

Resistenza

Ci sono grossi problemi con la scelta degli antibiotici per il sistema genito-urinario delle donne con associazioni microbiche, nonché con l'isolamento dei rappresentanti della cosiddetta flora ospedaliera o nosocomiale (Klebsiella, Staphylococcus aureus, cocchi Gram-negativi, enterococchi, Pseudomonas aeruginosa) come patogeni.

Questa flora è resistente (resistente) a molti tipi di antibiotici. Le difficoltà sorgono anche in presenza di una patologia cronica e acuta combinata, nonché in presenza di infezione da malattie veneree, ad esempio tricomoniasi, che si verificano sullo sfondo di pielonefrite cronica e annessite.

Inoltre, basta sapere che il 30% degli E. coli patogeni isolati è insensibile all'ampicillina e al biseptolo, e il gruppo più attivo di farmaci antibatterici sono i fluorochinoloni, ai quali non più del 10% della microflora totale ha una resistenza, e molti altri fatti della "vita" dei batteri.

Le informazioni periodiche sulla resistenza emergente dei patogeni, pubblicate nelle pubblicazioni mediche online, sono molto importanti per un medico, un farmacologo clinico coinvolto nella selezione dei regimi terapeutici.

Caratteristiche:

Quando si prescrivono antibiotici per il sistema genito-urinario nelle donne, è imperativo tenere conto dello stato immunitario del paziente, della presenza di malattie concomitanti, dello stato del fegato e dei reni, poiché alcuni antibiotici possono essere dannosi in presenza di insufficienza epatica e renale cronica.

È necessario sapere quali farmaci sta assumendo il paziente e quali interazioni possono verificarsi tra loro quando si prescrivono antibiotici. Inoltre, oggigiorno ci sono molti pazienti con infezione da HIV che richiedono un approccio speciale al trattamento..

Dopo la fine del ciclo di terapia antibiotica, è imperativo correggere la disbiosi intestinale, che si sviluppa quasi sempre, sia dopo i regimi prescritti dal medico che dopo l'automedicazione.

Infine, il medico si trova talvolta di fronte al problema della scelta dei farmaci, in base al rapporto tra i concetti di farmacoeconomia - prezzo e qualità. I farmaci originali importati altamente efficaci, sviluppati e prodotti dai leader dell'industria farmaceutica globale, sono spesso troppo costosi per i pazienti e gli analoghi domestici non sono sufficientemente efficaci rispetto ai farmaci originali.

Quindi, ad esempio, il costo dell'antibiotico ceftriaxone nelle farmacie nel dicembre 2017 in Russia (una fiala per diluire la sostanza secca del peso di 1 grammo) è:

  • Rocefin - Svizzera, Hoffman - La Roche - da 426 rubli;
  • Ceftriaxone - Russia - da 17 rubli.

Questa enorme fascia di prezzo (più di 25 volte) non può essere spiegata solo da costi di trasporto, dazi doganali e tasse. Si tratta, tra l'altro, della sostanza attiva, che nel primo caso ha qualità svizzera.

Gamma

Considera i principali rappresentanti dei farmaci antibatterici. Quali antibiotici vengono utilizzati per le infezioni del sistema genito-urinario nelle donne ea quali gruppi appartengono?

Penicilline

Al giorno d'oggi, è stato rivelato che gli agenti causali delle infezioni genito-urinarie sono altamente resistenti all'ampicillina, soprattutto quando l'E. Coli è isolato con proprietà patogene. Questo è il motivo per cui le penicilline naturali non vengono praticamente utilizzate, ma vengono utilizzati farmaci semisintetici, combinati e altri farmaci migliorati..

I più comunemente usati sono Flemoxin Solutab, così come gli antibiotici con azione a lungo termine dopo un'iniezione: Extensillin, Retarpen e Bitsillin. In relazione agli stafilococchi, l'attività si trova nel farmaco semisintetico Oxacillin. Attualmente, la combinazione di ampicillina con acido clavulanico è ampiamente utilizzata come terapia empirica - questi sono Amoxiclav, Augmentin.

La stragrande maggioranza di questi farmaci è battericida. Sopprimono la sintesi della parete cellulare e il microbo muore. Anche gli enterococchi, la neisseria, gli actinomiceti e altri agenti patogeni di infezioni "semplici" sono sensibili a questo gruppo di antibiotici. Nel caso in cui Pseudomonas aeruginosa sia isolato, è possibile utilizzare Pipracil o Carbenicillina.

Cefalosporine

Questi antibiotici sono stati suddivisi in diverse generazioni e la maggior parte di loro si presenta sotto forma di "polvere da sparo". Cefazolin e Cefalexin appartengono alla prima generazione, possono essere utilizzati per isolare la flora gram-positiva.

I farmaci di seconda generazione non vengono praticamente utilizzati, ma i farmaci di terza generazione sono ampiamente utilizzati negli ospedali: si tratta di Cefotaxime, Ceftriaxone (Rocefin) e Ceftazidime, che vengono utilizzati per via parenterale.

I farmaci di quarta generazione, come Maxipim o Cefepim, sono usati per trattare casi complessi e infezioni complicate in ambiente ospedaliero. Di solito, le infezioni urogenitali ambulatoriali non vengono trattate con le cefalosporine, ad eccezione di Cephalexin e Cefaclor, che sono indicate in casi clinici semplici..

Fluorochinoloni

Attualmente, i più efficaci sono i farmaci antibatterici del gruppo dei fluorochinoloni. Sono battericidi, interrompono la sintesi del materiale ereditario nei patogeni e distruggono la parete cellulare dei microbi. Esistono anche diverse generazioni di fluorochinoloni e molti di loro sono anche usati per trattare le infezioni a trasmissione sessuale. Questi sono farmaci come:

  • Ciprofloxacina - Tsifran, Tsiprobay;
  • Ofloxacin (Zanocin o Tarivid);
  • Nolicina o norfloxacina, utile per eliminare gli agenti patogeni nel tratto urinario superiore.
  • Abaktal. È indicato non solo per le infezioni comuni, ma anche per l'infezione da micoplasma..

Tutti i fluorochinoloni sono controindicati per l'uso nei bambini, nelle donne in gravidanza e durante l'allattamento. Ma questi farmaci sono anche molto efficaci nel trattamento della gonorrea, della cistite di varie eziologie e della clamidia e sono disponibili in compresse, il che aiuta a prenderli in regime ambulatoriale..

Aminoglicosidi

Questi farmaci vengono somministrati per via endovenosa e intramuscolare, quindi non vengono praticamente utilizzati in regime ambulatoriale. Il loro uso è limitato dalla loro elevata tossicità per i reni e dall'ototossicità. Pertanto, elencheremo semplicemente questi farmaci:

  • Gentamicina,
  • Netilmicin,
  • Amikacin.

Quest'ultimo può essere efficace per le infezioni complicate del tratto urinario. La comodità degli aminoglicosidi è che vengono prescritti una volta al giorno..

Tetracicline

I farmaci a base di tetraciclina sono ampiamente usati nella pratica ambulatoriale, perché esistono forme di compresse. Molto spesso è Doxiciclina. I farmaci sono efficaci nella clamidia, nelle infezioni gonococciche, nel micoplasma e nella sconfitta di varie parti delle vie urinarie.

Macrolidi

Impossibile non menzionare i macrolidi. Questi antibiotici sono efficaci non solo contro molti clamidia, streptococchi e stafilococchi, ma anche contro la sifilide. Stiamo parlando di farmaci come:

  • Azitromicina (Sumamed)
  • roxitromicina o Rulid.

Hanno principalmente un effetto batteriostatico e ad alti dosaggi hanno anche un effetto battericida. Un grande vantaggio è lo sviluppo molto lento della resistenza batterica a questi agenti.

Derivati ​​nitrofuranici

Una conversazione sugli agenti antibatterici sarebbe incompleta senza i derivati ​​del nitrofurano. Questi farmaci vengono assunti in compresse e sono ampiamente utilizzati nella pratica ambulatoriale. Questi antibiotici hanno proprietà notevoli: la resistenza ad essi si sviluppa raramente e possono essere utilizzati a lungo, anche nei bambini piccoli.

Questi farmaci includono Furadonin, Furagin, Nifuratel (Macmiror). Hanno un effetto batteriostatico contro un'ampia gamma di agenti patogeni. Si tratta di vari bastoncini e cocchi gram-negativi e gram-positivi, Trichomonas, ma questi farmaci vengono utilizzati solo a bassi dosaggi e sotto forma di assunzione costante al fine di prevenire l'esacerbazione delle infezioni croniche del tratto urinario.

Cioè, è giustificato prescrivere Furagin a un bambino per diversi mesi dopo un intervento chirurgico ai reni, ma è irrazionale usarlo nelle donne con colpite acuta. Ci sono altri mezzi per questo..

Applicazione

Sopra, sono stati considerati vari rappresentanti di antibiotici per il trattamento del sistema genito-urinario nelle donne. Resta da vedere quando e come applicarli..

Uno dei motivi principali dell'appuntamento è un quadro clinico pronunciato (reclami e sintomi) e l'isolamento di microrganismi patogeni. Non ci possono essere lamentele, ma nel caso in cui microbi patogeni si trovino in grandi quantità nelle urine o nelle secrezioni, è necessaria la nomina di antibiotici.

La terza ragione per la nomina di questi farmaci è la prevenzione delle ricadute, per questo i farmaci sono prescritti a basse dosi per un corso sufficientemente lungo.

Per il trattamento ambulatoriale, i farmaci vengono utilizzati in compresse o capsule per somministrazione orale. Nel caso in cui vi sia un decorso grave di infezione, vengono prescritti farmaci parenterali per la somministrazione intramuscolare ed endovenosa, solo in ospedale.

La durata media del trattamento di una malattia acuta è diversa: nella cistite acuta - in media da 7 a 10 giorni, e nella pielonefrite acuta, gli antibiotici sono raccomandati per almeno due settimane.

In conclusione, va detto che il medico ha sempre una scelta e non si limita a un singolo rimedio. Quindi, ad esempio, con la cistite, il medico può prescrivere Nolitsin o Ciprolet dal gruppo dei fluorochinoloni, Cefotaxime o Ceftriaxone dal gruppo delle cefalosporine, Flemoxin Solutab e Augmentin dal gruppo delle penicilline.

Più grave è l'infiammazione e più profonda è l'infezione, maggiore sarà l'enfasi sulla nomina delle cefalosparine. Quindi, nella pielonefrite acuta, le cefalosporine della 3a e 4a generazione sono prescritte per la somministrazione intramuscolare e endovenosa. Nel caso di un decorso complicato, fluorochinoloni o aminoglicosidi vengono aggiunti in un breve corso.

Ma in ogni caso, l'uso di antibiotici da parte di non specialisti è come camminare in un campo minato. Una persona non può essere consapevole delle reazioni avverse e dell'attività del farmaco, può scegliere la frequenza di somministrazione e la durata della terapia sbagliate e annullerà tutti i successi intermedi.

Inoltre, con le sue azioni, aumenterà solo il numero di microrganismi che hanno familiarizzato con l'antibiotico, "sondato il nemico" e allo stesso tempo sono sopravvissuti con calma alla sua nomina sbagliata. Pertanto, per non danneggiare non solo te stesso, ma anche altre persone, consulta sempre prima un medico..

Infezioni del tratto urinario nelle donne. Sintomi, trattamento, farmaci durante la gravidanza

Le infezioni del tratto urinario nelle donne sono infezioni delle vie urinarie con batteri patogeni e sono caratterizzate dalla comparsa di sintomi specifici.

Tipi di infezione

Le infezioni del tratto urinario sono diverse: esiste una speciale classificazione estesa per distinguerle.

Per localizzazione
Disturbi delle vie urinarie superioriSono interessati i reni, i tubuli renali, il bacino e gli ureteri. In via di sviluppo: pielonefrite, carbonchio renale, ascessi.
Disturbi delle basse vie urinarieLa vescica e l'uretra sono colpite.
Secondo il grado di complicanza
Forma sempliceÈ caratterizzato da una leggera deviazione del lavoro degli organi urinari senza anomalie strutturali.
Forma complicataProcede con gravi disfunzioni degli organi urinari. In alcuni casi, è complicato dall'infiammazione degli organi vicini.
Dalla natura dei sintomi e dalla forma del corso
Sintomi clinici (acuti)I sintomi sono evidenti e si verificano frequentemente.
Infezioni asintomatiche (latenti), forma cronicaSono caratterizzati dall'assenza o da sintomi lievi, che possono essere aggravati dall'esposizione a un fattore (ad esempio, raffreddore o consumo di un prodotto irritante). Può accompagnare una persona per molto tempo.
A titolo di infezione
OspedaleL'infezione si verifica in ambiente ospedaliero durante procedure diagnostiche o terapeutiche (ad esempio, cateterismo uretrale).
Acquisita dalla comunitàL'infezione non è associata a procedure mediche e si verifica al di fuori dell'ospedale.

Fasi e gradi

Tutti i tipi di malattie infettive hanno 4 fasi principali:

  1. Periodo di incubazione. Inizia dal momento in cui un agente estraneo entra nel corpo umano. Inoltre, il microrganismo patogeno inizia a moltiplicarsi attivamente e creare colonie (CFU).
  2. Periodo prodormale. È caratterizzato dalla comparsa di segni generali di infezione infettiva senza sintomi specifici di una particolare malattia. La persona inizia a sentirsi debole, perde l'appetito, la temperatura corporea del paziente aumenta.
  3. Il periodo di sviluppo della malattia. In questa fase compaiono sintomi specifici della malattia, sulla base dei quali vengono prescritti test ed esami per ulteriori diagnosi. Durante lo sviluppo della malattia, c'è anche una ristrutturazione attiva del sistema immunitario: inizia a sintetizzare anticorpi specifici volti a distruggere i microbi e neutralizzare le tossine che rilasciano.
  4. Rekovalency (periodo di recupero). Durante il periodo di recupero, i sintomi dell'infezione vengono gradualmente eliminati e si forma l'immunità al tipo di microrganismo che ha causato la malattia. In alcuni casi, la patologia può trasformarsi in uno stato cronico..

Sintomi

Le infezioni del tratto urinario nelle donne hanno sintomi comuni:

  • bisogno troppo frequente di urinare, accompagnato da dolore e crampi;
  • cambiamento nel colore e nell'odore delle urine (diventa più scuro e acquisisce un forte odore sgradevole).

Inoltre, diversi tipi di infezioni hanno i loro sintomi caratteristici:

  • Uretrite: bruciore e prurito nell'uretra e durante la minzione, secrezione mucosa purulenta dall'apertura urinaria.
  • Cistite: una sensazione di svuotamento incompleto della vescica, che provoca dolori al basso ventre.
  • Pielonefrite: dolore acuto nella parte bassa della schiena e nella piccola pelvi, febbre, grave debolezza di una persona, vomito, edema.

Ragioni per l'aspetto

Le infezioni del tratto urinario nelle donne (i sintomi della malattia sono specifici, quindi è impossibile diagnosticare erroneamente) si sviluppano più spesso che negli uomini. Ciò è dovuto al fatto che l'uretra nel corpo femminile è corta e stretta e si trova anche vicino all'ano - per questo motivo, è più facile per i batteri penetrare nell'uretra e influenzare gli organi urinari..

La causa più comune di cistite o uretrite è che E. coli entra nel canale uretrale (questo può accadere se una persona usa la carta igienica da dietro in avanti dopo il movimento intestinale).

Inoltre, la causa dell'infezione può essere:

  • inosservanza delle regole di igiene intima;
  • contatto sessuale con una persona infetta senza preservativo;
  • lesioni e anomalie congenite nella struttura delle vie urinarie (in questo caso, il flusso di urina diventa difficile, il che contribuisce alla penetrazione e alla riproduzione dei patogeni)
  • la presenza di pietre o sabbia nei reni e nella vescica;
  • malattie infiammatorie e infettive degli organi riproduttivi interni;
  • reflusso vescico-ureterale o stasi urinaria;
  • bassa immunità;
  • diabete mellito (influisce sulla diminuzione dell'immunità);
  • uso di contraccettivi interni (spirale uterina, cappucci vaginali);
  • l'uso di spermicidi, poiché irritano la mucosa genitale e facilitano la penetrazione dei batteri.

Le donne in menopausa e postmenopausa sono particolarmente inclini a sviluppare infezioni genito-urinarie. I cambiamenti ormonali che si verificano durante questo periodo portano al fatto che la mucosa delle vie urinarie diventa più sottile e più suscettibile alla penetrazione di agenti patogeni.

Diagnostica

Le infezioni del tratto urinario nelle donne, i cui sintomi sono quasi sempre evidenti, vengono diagnosticate utilizzando metodi di laboratorio speciali:

MetodoDescrizione
Analisi generale delle urineConsente di determinare le proprietà dell'urina (colore, consistenza, trasparenza). La presenza di muco e un aumento del numero di leucociti nelle urine indica un processo infiammatorio negli organi urinari..
Analisi delle urine secondo il metodo NechiporenkoCon questa analisi è possibile determinare il numero esatto di leucociti e cilindri (molecole proteiche normalmente assenti) nelle urine e stabilire la gravità del processo infiammatorio.
Cultura dell'urina per flora con determinazione della sensibilità agli antibioticiL'urina del mattino viene utilizzata per la ricerca. Con l'aiuto di un'analisi della flora, è possibile determinare quale tipo di batteri ha causato l'infiammazione e il tipo appropriato di antibiotico per il trattamento (poiché diversi tipi di batteri possono essere resistenti a determinati tipi di antibiotici).
Analisi delle urine secondo ZimnitskyRivolto allo studio della funzione renale. Sta nel fatto che una persona durante il giorno deve raccogliere l'urina in contenitori speciali ogni 3 ore e registrare tutta l'assunzione di liquidi.

Le analisi elencate sono le principali quando si effettua una diagnosi. Se si sospetta un danno renale, viene prescritto un ulteriore studio sul siero del sangue: se il livello di urea e creatinina in esso è aumentato, ciò indica che si sta verificando un processo infiammatorio attivo nei reni.

Inoltre, inoltre (in presenza di eventuali malattie degli organi urinari o un quadro poco chiaro delle analisi), possono essere prescritti studi strumentali:

  • Ultrasuoni dei reni e della vescica: mostra la struttura dei tessuti degli organi, consente di identificare la presenza di pietre in essi.
  • Tomografia computerizzata: consente di ottenere immagini volumetriche degli organi urinari e identificare varie malattie che potrebbero causare infiammazioni.
  • Cistoscopia: progettata per osservare le pareti interne della vescica. Un tubo ottico viene inserito nell'organo attraverso il canale uretrale, grazie al quale si ottengono le immagini.

Quando vedere un dottore

Le infezioni infettive degli organi urinari sono molto pericolose: possono portare all'interruzione del funzionamento degli organi e causare grave intossicazione del corpo (a causa del fatto che l'escrezione di urina verrà interrotta, da cui i batteri patogeni vengono rimossi dal corpo).

Pertanto, è necessario consultare immediatamente un medico quando compaiono i sintomi caratteristici dell'infezione: dolore e sensazione di bruciore durante la minzione, prurito degli organi genitali esterni, sensazione di svuotamento incompleto della vescica. Il rinvio tempestivo a uno specialista aiuterà a prevenire la disfunzione d'organo.

Con la pielonefrite, prima c'è debolezza e la temperatura corporea aumenta, un po 'più tardi c'è dolore nella parte bassa della schiena.

Prevenzione

Le infezioni delle vie urinarie nelle donne i cui sintomi interferiscono con la vita quotidiana possono essere prevenute seguendo le regole di prevenzione:

  • Trattare tempestivamente tutte le malattie infiammatorie nel corpo (indipendentemente dalla loro posizione, poiché l'infezione può entrare nel tratto urinario attraverso il sangue o la linfa).
  • Con la voglia di urinare, non tollerare a lungo, ma svuota la vescica il prima possibile.
  • Osservare l'igiene intima (lavare quotidianamente le aree vaginali e anali con le mani pulite dalla parte anteriore a quella posteriore, dal pube all'ano).
  • Usa il preservativo quando fai sesso con uno sconosciuto o un partner regolare infetto.

Metodi di trattamento

Nella maggior parte dei casi, le infezioni delle vie urinarie vengono trattate in regime ambulatoriale. Ma se il paziente è in pessime condizioni e il lavoro degli organi viene interrotto (il più delle volte si osserva con danni ai reni), è necessario il ricovero in ospedale.

L'obiettivo della terapia è distruggere i microrganismi patogeni, alleviare l'infiammazione e il dolore e normalizzare il funzionamento degli organi urinari..

Farmaci

Per le lesioni infettive delle vie urinarie, vengono sempre prescritti farmaci antibatterici (antibiotici). La scelta del farmaco dipende dal tipo di batteri, dall'età della donna e dalle controindicazioni.

I tipi di antibiotici più comunemente prescritti sono:

  • Antibiotici ad ampio spettro: hanno un effetto antimicrobico pronunciato. È importante che il principio attivo dell'antibiotico venga escreto attraverso i reni, pertanto, per le infezioni del tratto urinario, vengono solitamente prescritti farmaci come Amoxiclav, Ceftriaxone, Doxiciclina.
  • Farmaci sulfanilamide: combattono efficacemente gli agenti infettivi, vengono escreti attraverso i reni e allo stesso tempo non hanno un effetto tossico sui reni. I farmaci sulfanilamide includono: "Urosulfan", "Biseptol", "Etazol".
  • Farmaci nitrofurici: hanno un effetto sui batteri gram-positivi e gram-negativi. Per uso interno, nomini "Furazolidone", "Negram". Per lavare i genitali, prescrivere soluzioni "Furacilin".

Gli antibiotici possono essere somministrati sotto forma di pillole o iniezioni, a seconda della gravità della malattia.

Insieme agli antibiotici, vengono prescritti anche i seguenti gruppi di farmaci:

Gruppo di farmaciattoStrutture
FANSHanno un effetto complesso: alleviano il dolore e l'infiammazione. Aiuta ad abbassare la temperatura corporea."Ibuprofene", "Nise", "Nimesulide".
AntispasticiPromuove il rilassamento dei muscoli delle vie urinarie e la normalizzazione della produzione di urina."No-shpa", "Drotaverin".
PhytopreparationsNormalizzano il lavoro delle vie urinarie, hanno un leggero effetto analgesico e antinfiammatorio."Fitolysin", "Kanephron".
Probiotici e prebioticiAbitano nell'intestino con batteri benefici, contribuiscono alla normalizzazione della digestione (poiché gli antibiotici influenzano negativamente lo stato della microflora intestinale)."Linex", "Hilak Forte", "Acipol", "Bifiform".

Rimedi popolari

I rimedi popolari sono molto efficaci nel trattamento delle infezioni del tratto urinario. Con l'aiuto di loro, puoi ottenere un miglioramento significativo nel funzionamento dei reni e della vescica ed eliminare i sintomi della malattia..

Tuttavia, la medicina tradizionale non è un sostituto completo del trattamento farmacologico standard, quindi devono essere utilizzate insieme. Inoltre, non usare rimedi popolari senza il permesso di un medico..

Mirtilli rossi e mirtilli rossi

I mirtilli rossi e i mirtilli rossi hanno effetti antinfiammatori, antimicrobici e analgesici pronunciati. Inoltre, le bacche hanno un effetto diuretico, che è importante per le lesioni del tratto urinario..

Si consiglia di bere ogni giorno 200-300 ml di succo appena spremuto o succo di mirtilli rossi o mirtilli rossi.

Inoltre, dalle foglie delle piante, puoi preparare un infuso curativo:

  1. Prendere 30-40 g di mirtillo rosso e foglie di mirtillo rosso, tritare.
  2. Quindi versare le foglie con acqua calda (temperatura non superiore a 80 gradi) e lasciare in infusione il composto per 30 minuti.
  3. Dopo 30 min. filtrare l'infuso e bere. Il corso del trattamento è di 1 settimana 2-3 volte al giorno.

Infuso di rosa canina

La rosa canina è ricca di vitamina C e ha anche effetti antinfiammatori e diuretici. L'infuso di rosa canina aiuta ad accelerare l'escrezione di urina ed eliminare rapidamente i sintomi della cistite.

Per preparare l'infuso, mettere 100 g di frutti di bosco in un thermos e riempirli di acqua calda per 3 ore, dopodiché si può usare una bevanda al posto del normale tè.

Decotto di gemme di betulla

I boccioli di betulla hanno un effetto antibatterico, quindi vengono utilizzati nel trattamento di malattie infettive.

Per preparare il brodo hai bisogno di:

  1. Macina 100 g di gemme di betulla.
  2. Quindi versare la materia prima con 0,5 litri di acqua calda e mettere a fuoco medio.
  3. Aspetta che l'acqua bolle e dopo 2-3 minuti. togliete il brodo dal fuoco.
  4. Raffreddare il brodo e assumere 150 ml 3 volte al giorno prima dei pasti.

Il corso del trattamento è di 5-7 giorni.

Camomilla

La camomilla per le infezioni del tratto urinario può essere utilizzata sia internamente che esternamente per lavare i genitali. La pianta ha effetti antinfiammatori, antisettici e rigeneranti.

Per preparare il brodo hai bisogno di:

  • Versare 2 cucchiai. l. fiori di camomilla 0,5 litri di acqua calda e mettere il contenitore con le materie prime a fuoco medio.
  • Dopo che il composto bolle, cuocilo a fuoco lento per altri 5 minuti, quindi togli dal fuoco e lascia raffreddare.

È necessario lavare i genitali esterni con un decotto 2 volte al giorno. Dopo la procedura, il brodo non ha bisogno di essere lavato via dalla pelle.

Per l'ingestione, si consiglia di preparare un infuso, poiché viene preparato più velocemente: è necessario versare 1 cucchiaino. fiori di camomilla con acqua calda, coprire il contenitore con un coperchio e lasciare agire per 15-20 minuti. Successivamente, la miscela deve essere filtrata. È necessario utilizzare l'infuso 2-3 volte al giorno dopo i pasti. Il corso del trattamento è di 7 giorni.

Dieta e regime alimentare

Durante il trattamento delle infezioni del tratto urinario, è necessario aumentare l'assunzione di liquidi. Ciò è necessario affinché l'urina, i sali e i batteri in essa contenuti vengano rapidamente eliminati dal corpo. Si consiglia di bere acqua, tisane e decotti.

È inoltre necessario seguire una dieta mirata a ridurre l'irritazione delle vie urinarie, ridurre l'infiammazione e la quantità di sali nel corpo..

Per tutta la durata del trattamento, quanto segue deve essere escluso dalla dieta:

  • cibi salati e in salamoia;
  • piatti grassi, speziati, affumicati;
  • spezie e spezie;
  • legumi e acetosa;
  • cipolle, aglio, rafano;
  • salsa di soia, maionese e ketchup acquistati in negozio;
  • agrumi;
  • caffè e tè nero e verde;
  • bevande gassate;
  • alcol;
  • piatti dolci.

Brodi magri, pollo bollito, pesce, verdura e frutta dovrebbero prevalere nella dieta per le infezioni del tratto urinario. Sono ammessi anche cereali e pasta. Puoi mangiare latticini a basso contenuto di grassi ogni 2-3 giorni.

Intervento operativo

È estremamente raro - in caso di lesioni, anomalie strutturali congenite o ostruzione delle vie urinarie a causa della presenza di calcoli. Devono esserci indicazioni rigorose per l'intervento chirurgico.

A seconda delle indicazioni, durante l'intervento possono espandere le vie urinarie, rimuovere calcoli o correggere patologie della struttura. Dopo l'operazione, viene prescritta una terapia antibatterica e antinfiammatoria, nonché l'aderenza a una dieta.

Possibili complicazioni

Le infezioni del tratto urinario, i cui sintomi possono essere di varia intensità e gravità, portano a gravi conseguenze se non trattate. L'infiammazione causata da un'infezione può diventare cronica e quindi i suoi sintomi infastidiranno costantemente una persona.

Inoltre, l'infezione e l'infiammazione possono penetrare negli organi riproduttivi e colpire l'utero e le tube di Falloppio. Questo è pericoloso perché in futuro una donna potrebbe diventare sterile o avere problemi a portare un feto, poiché il rischio di aborto spontaneo aumenta a causa di infezioni..

In rari casi, il processo infettivo porta a sepsi o ascessi - di solito queste condizioni si sviluppano solo con una prolungata assenza di trattamento. La sepsi e l'ascesso sono pericolosi perché portano alla morte di una persona.

L'infezione renale può portare a insufficienza renale, che può anche essere fatale se non trattata. Se l'insufficienza renale si sviluppa in una donna incinta, il suo rischio di parto prematuro e aborto spontaneo aumenta notevolmente..

Poiché l'escrezione urinaria è compromessa nelle lesioni infettive, senza trattamento, una persona può manifestare incontinenza o reflusso (lancio inverso dell'urina dalla vescica negli ureteri).

L'incontinenza porta a un deterioramento della qualità della vita del paziente e problemi psicologici e nel secondo caso può verificarsi uno shock tossico (poiché le sostanze nocive non saranno escrete dal corpo).

Le lesioni infettive delle vie urinarie possono portare all'infezione di altri organi, quindi è importante rilevare i sintomi della patologia nel tempo. Con l'inizio tempestivo del trattamento, l'infezione può essere completamente curata in soli 3-5 giorni..

Design dell'articolo: Vladimir il Grande

Video sulle infezioni urinarie

Malysheva sulle infezioni urinarie nelle donne:

Infezioni urogenitali: elenco e farmaci per il trattamento.

L'uso di agenti antibatterici per MPI

Normalmente, l'urina di una persona sana è quasi sterile. Tuttavia, il tratto uretrale ha una propria flora sulla mucosa, quindi viene spesso registrata la presenza di organismi patogeni nel fluido urinario (batteriuria asintomatica).

Se l'analisi ha mostrato intere colonie di E. coli nelle urine, è necessaria una terapia antibiotica. In questo caso, la malattia ha sintomi caratteristici e procede in forma cronica o acuta. Il trattamento con agenti antibatterici con cicli lunghi a bassi dosaggi è anche indicato come prevenzione delle ricadute.

Inoltre, i regimi di trattamento antibiotico per le infezioni del tratto urinario sono forniti per entrambi i sessi, così come per i bambini..

Pielonefrite

  1. Ai pazienti con patologie lievi e moderate vengono prescritti fluorochinoloni orali (ad esempio, Zoflox 200-400 mg 2 volte al giorno), Amoxicillina protetta da inibitori, in alternativa alle cefalosporine.

Donne in posizione e bambini sotto i 2 anni di età vengono ricoverati in ospedale e prescritti un trattamento parenterale di cefalosporine, quindi trasferiti alla somministrazione orale di Ampicillina con acido clavulanico.

La cistite e l'infiammazione nel canale uretrale di solito procedono in modo sincrono, quindi gli agenti antibatterici vengono utilizzati allo stesso modo.

Infezione senza complicazioni negli adultiInfezione complicataIncintaBambini
Durata del trattamento3-5 giorni7-14 giorniIl medico prescrive7 giorni
Farmaci per il trattamento principaleFluorochinoli (Ofloxin, Oflocid)Trattamento con farmaci usati per infezioni non complicateMonurale, amoxicillinaAntibiotici del gruppo delle cefalosporine, amoxicillina in combinazione con un acido clavulante di potassio
Medicinali di riservaAmoxicillina, Furadonina, MonuralNitrofurantoinaMonurale, Furadonin

Informazioni aggiuntive

In caso di un decorso complicato e grave della condizione patologica, è richiesto il ricovero obbligatorio. In un ambiente ospedaliero, uno speciale regime di trattamento farmacologico viene prescritto attraverso il metodo parenterale. Va tenuto presente che nel sesso più forte qualsiasi forma di infezione genito-urinaria è complicata.

Con un decorso lieve della malattia, il trattamento viene effettuato su base ambulatoriale, mentre il medico prescrive farmaci per la somministrazione orale. È consentito utilizzare infusi di erbe, decotti come terapia aggiuntiva su raccomandazione di un medico.

Antibiotici ad ampio spettro nel trattamento dell'MPI

I moderni agenti antibatterici sono classificati in diversi tipi che hanno un effetto batteriostatico o battericida sulla microflora patogena. Inoltre, i farmaci sono suddivisi in antibiotici ad ampio e stretto spettro. Questi ultimi sono spesso usati nel trattamento dell'MPI.

Penicilline

  1. L'ampicillina è un agente orale e parenterale. Ha un effetto distruttivo su una cellula infettiva.
  2. Amoxicillina: il meccanismo d'azione e il risultato finale sono simili al farmaco precedente, è altamente resistente all'ambiente acido dello stomaco. Analoghi: Flemoxin Solutab, Hikontsil.

Cefalosporine

Questa specie si differenzia dal gruppo delle penicilline per la sua elevata resistenza agli enzimi prodotti da microrganismi patogeni. I preparati del tipo di cefalosporina sono assegnati alla carta da parati per i pavimenti. Controindicazioni: donne in posizione, allattamento. L'elenco delle terapie MPI comuni include:

  1. Cephalexin - un rimedio contro l'infiammazione.
  2. Ceclor - cefalosporine di seconda generazione, destinate alla somministrazione orale.
  3. Zinnat - fornito in varie forme, a bassa tossicità, sicuro per i bambini.
  4. Ceftriaxone - granuli per una soluzione che viene successivamente somministrata per via parenterale.
  5. Cephobid - Cefalosporine di 3a generazione, iniettate per via endovenosa, intramuscolare.
  6. Maxipim - appartiene alla 4a generazione, il metodo di somministrazione è parenterale.

Fluorochinoloni

Gli antibiotici di questo gruppo sono i più efficaci per le infezioni del tratto genito-urinario, dotati di effetto battericida.

Tuttavia, ci sono gravi svantaggi: tossicità, effetti negativi sul tessuto connettivo, possono penetrare nel latte materno e passare attraverso la placenta.

Per questi motivi, non sono prescritti a donne in gravidanza, donne che allattano, bambini sotto i 18 anni, pazienti con tendinite. Può essere prescritto per il micoplasma.

Questi includono:

  1. Ciprofloxacina. Perfettamente assorbito dal corpo, allevia i sintomi dolorosi.
  2. Ofloxin. Ha un ampio spettro di azione, grazie al quale viene utilizzato non solo in urologia.
  3. Nolitsin.
  4. Pefloxacina.

Aminoglicosidi

Il tipo di farmaci per la somministrazione parenterale nel corpo con un meccanismo d'azione battericida. Gli antibiotici-aminoglicosidi sono usati a discrezione del medico, poiché hanno un effetto tossico sui reni, influenzano negativamente l'apparato vestibolare, l'udito. Controindicato nelle donne in posizione e nelle madri che allattano.

  1. La gentamicina è un farmaco di 2a generazione di aminoglicosidi, è scarsamente assorbito dal tratto gastrointestinale, per questo motivo viene somministrato per via endovenosa, intramuscolare.
  2. Netromicina - simile al farmaco precedente.
  3. L'amikacina è abbastanza efficace nel trattamento dell'MDI complicato.

Nitrofurani

Un gruppo di antibiotici con azione batteriostatica, manifestato contro microrganismi gram-positivi e gram-negativi. Una delle caratteristiche è la quasi totale assenza di resistenza nei patogeni. La furadonina può essere prescritta come trattamento. È controindicato durante la gravidanza, l'allattamento, ma può essere assunto dai bambini dopo 2 mesi dalla data di nascita.

Farmaci antivirali

  1. Farmaci anti-erpetici - Acyclovir, Penciclovir.
  2. Interferoni - Viferon, Kipferon.
  3. Altri farmaci: Orvirem, Repenza, Arbidol.

Farmaci antifungini

Per il trattamento dell'MPI vengono utilizzati due tipi di agenti antifungini:

  1. Azoli sistemici che sopprimono l'attività dei funghi: Fluconazolo, Diflucan, Flucostat.
  2. Antibiotici antifungini: nistatina, levorina, amfotericina.

Antiprotozoico

Gli antibiotici di questo gruppo aiutano a sopprimere gli agenti patogeni. Nel trattamento dell'MPI, il metronidazolo è più spesso prescritto. Abbastanza efficace per la tricomoniasi.

Antisettici usati per prevenire le infezioni a trasmissione sessuale:

  1. A base di iodio - Soluzione o supposta di Betadine.
  2. Preparati con una base contenente cloro - soluzione di clorexidina, Miramistin sotto forma di gel, liquido, supposte.
  3. Prodotti a base di Gibitan - Geksikon in candele, soluzione.

Altri antibiotici per il trattamento delle infezioni del sistema genito-urinario

Il farmaco Monural merita un'attenzione speciale. Non appartiene a nessuno dei gruppi di cui sopra ed è universale nello sviluppo di un processo infiammatorio nell'area urogenitale nelle donne. In caso di MPI non complicato, l'antibiotico viene prescritto una volta. Il farmaco non è vietato durante la gravidanza, è consentito anche per il trattamento di bambini dai 5 anni.

Farmaci per il trattamento del sistema genito-urinario delle donne

Le infezioni del sistema genito-urinario nelle donne possono causare le seguenti malattie (le più comuni): patologia delle appendici e delle ovaie, infiammazione bilaterale delle tube di Falloppio, vaginite. Per ciascuno di essi viene utilizzato un regime di trattamento specifico che utilizza antibiotici, antisettici, antidolorifici e agenti a supporto della flora e dell'immunità..

Antibiotici per patologia delle ovaie e appendici:

  • Metronidazolo;
  • Tetraciclina;
  • Cotrimossazolo;
  • Combinazione di gentamicina con cefotaxima, tetraciclina e norsulfazolo.

Terapia antibiotica per l'infiammazione bilaterale delle tube di Falloppio:

  • Azitromicina;
  • Cefotaxime;
  • Gentamicina.

Agenti antibatterici antifungini e antinfiammatori ad ampio spettro prescritti per le vaginiti:

Antibiotici per il trattamento del sistema genito-urinario negli uomini

Negli uomini, i microrganismi patogeni possono anche causare alcune patologie per le quali vengono utilizzati agenti antibatterici specifici:

  1. Prostatite: ceftriaxone, levofloxacina, doxiciclina.
  2. Patologia della vescicola seminale: eritromicina, metaciclina, macropen.
  3. Malattia dell'epididimo: levofloxacina, minociclina, doxiciclina.
  4. Balanopostite: la terapia antibiotica viene compilata in base al tipo di patogeno presente. Agenti antifungini per uso topico - Candide, Clotrimazolo. Antibiotici ad ampio spettro - Levomekol (a base di levomicetina e metiluracile).

Uroantisettici a base di erbe

Nella pratica urologica, i medici possono prescrivere uroantisettici sia come terapia principale che come trattamento ausiliario..

Kanephron

Kanefron ha una comprovata esperienza tra medici e pazienti. L'azione principale è volta ad alleviare l'infiammazione, distruggere i microbi e ha anche un effetto diuretico.

La preparazione contiene frutti di rosa canina, rosmarino, erba centaurea. Viene utilizzato internamente sotto forma di pillole o sciroppo.

Fitolisina

Fitolisina - è in grado di rimuovere gli agenti patogeni dall'uretra, facilita l'uscita dei calcoli, allevia l'infiammazione. La preparazione contiene molti estratti di erbe e oli essenziali, viene prodotta una pasta per preparare una soluzione.

Urolesan

L'uro-antisettico a base di erbe, prodotto sotto forma di gocce e capsule, è rilevante per la cistite. Ingredienti: estratto di coni di luppolo, semi di carota, oli essenziali.

Medicinali per alleviare i sintomi dell'infiammazione del sistema genito-urinario: antispastici e diuretici

Si consiglia di iniziare il trattamento dell'infiammazione delle vie urinarie con farmaci che bloccano l'infiammazione, ripristinando l'attività delle vie urinarie. Per questi scopi vengono utilizzati antispastici e diuretici..

Antispastici

Sono in grado di eliminare la sindrome del dolore, migliorare il deflusso di urina. I farmaci più comuni includono:

  • Papaverina;
  • No-shpa;
  • Bencyclan;
  • Drotaverina;
  • Kanephron;
  • Ibuprofene;
  • Ketanoff;
  • Baralgin.

Diuretici

Diuretici per rimuovere i liquidi dal corpo. Sono usati con cautela, poiché possono portare a insufficienza renale, complicare il decorso della malattia. I principali farmaci per MPI:

  • Aldactone;
  • Ipotiazide;
  • Diuver.

Oggi la medicina è in grado di aiutare in modo rapido e indolore nel trattamento delle infezioni del sistema genito-urinario, utilizzando agenti antibatterici. Per fare ciò, è sufficiente consultare un medico in tempo e sottoporsi agli esami necessari, sulla base dei quali verrà elaborato un regime di trattamento competente.

Consiglia altri articoli correlati

Compresse per il trattamento delle infezioni genitali. Quali farmaci funzionano meglio

Le pillole per le infezioni genitali o altri farmaci sono prescritti esclusivamente da un medico. Se al paziente viene diagnosticata una MST, è necessario un trattamento eziologico. Nel caso dell'autoterapia, non solo non puoi curare l'infezione, ma anche fare in modo che diventi resistente o insensibile agli antibiotici.

Un trattamento scorretto nell'80% dei casi porta a complicazioni, infiammazione concomitante (cistite, uretrite) con diffusione agli organi pelvici adiacenti o infezione cronica. Se ciò accade, nel 40-50% dei casi i pazienti sviluppano infertilità e anche gli uomini sviluppano impotenza..

La velocità con cui viene trasmessa un'infezione genitale

Le persone hanno una diversa suscettibilità ai processi infettivi. È stato dimostrato che le donne sono maggiormente a rischio di contrarre un'infezione genitale (60% in più di casi), da cui dovranno prendere le pillole in futuro. Ciò è dovuto alla struttura anatomica dei genitali. Le donne sviluppano la cistite infettiva più velocemente.

Negli uomini, l'infezione genitale è asintomatica nel 50% dei casi. Questo è pericoloso perché gli uomini hanno maggiori probabilità di trasportare virus e batteri..

Fattori che influenzano la probabilità che una persona contragga un'infezione genitale:

  1. Stato generale di immunità. Se una malattia virale o batterica è stata trasferita entro un mese prima del rapporto non protetto, l'immunità è indebolita e le possibilità di infezione aumentano del 60-70%. L'immunità può essere indebolita da una dieta scorretta, quantità insufficiente di vitamine (periodo primavera-inverno).
  2. Disponibilità di vaccini. Profilassi specifica e un livello sufficiente di anticorpi salvo infezione da epatite B, papillomavirus. Maggiori informazioni sui vaccini contro il papillomavirus in questo articolo.
  3. Lo stato del vettore umano. La quantità di virus o batteri nel sangue del portatore. Se ci sono meno batteri, le possibilità di infezione sono ridotte..
  4. Equilibrio acido-base dell'ambiente vaginale nelle donne. La disbiosi vaginale contribuisce alla riproduzione attiva di virus e batteri.
  5. La velocità e la forza del rapporto. Se non ci sono stati abbastanza preliminari prima del rapporto, è stata rilasciata una quantità insufficiente di lubrificazione o il sesso ha avuto luogo in una forma approssimativa, allora appaiono più microfessure che sanguinano. L'infezione entra nel corpo più rapidamente attraverso il sangue..
  6. Protezione durante il rapporto. Un preservativo protegge dalle infezioni batteriche, l'HIV, ma non protegge dal papillomavirus (a causa dei micropori nella sua struttura).

Non utilizzare spermicidi con i preservativi. Ciò danneggia l'integrità del preservativo e l'infezione genitale diventa più facile da penetrare attraverso i micropori del lattice..

Un'infezione genitale virale si trasmette più velocemente di una batterica. Ciò è dovuto al fatto che le particelle virali penetrano rapidamente nelle cellule epiteliali e iniziano a moltiplicarsi lì. È più difficile per le particelle batteriche farlo, devono entrare in un ambiente favorevole per la riproduzione..

La profilassi post-esposizione contro le infezioni genitali virali con pillole o antisettici è inutile.

Ad esempio, il virus dell'epatite B è altamente contagioso. È sufficiente che il fluido del partner nella quantità di 0,0000001 ml colpisca la mucosa per essere infettato.

L'infezione batterica inizia a moltiplicarsi attivamente 3-4 ore dopo essere entrata in un ambiente favorevole. Con l'immunità di un paziente indebolita e un'infezione grave (con un gran numero di microbi, più di 103).

Quali farmaci vengono usati per trattare le malattie sessualmente trasmissibili

Le infezioni sessuali non vengono trattate solo con le pillole. Unguenti, supposte vaginali e rettali (supposte) vengono utilizzate attivamente. Se un'infezione genitale è penetrata nella cavità orale o sulla congiuntiva dell'occhio, aggiungere gocce, compresse antisettiche per il riassorbimento. Sono disponibili numerosi farmaci per stimolare l'immunità sotto forma di una soluzione per iniezione intramuscolare.

Gruppi di farmaci, compresse che vengono utilizzati per trattare le infezioni genitali:

  1. Antibiotici Questi medicinali vengono somministrati per via orale in compresse per infezioni genitali o iniezioni intramuscolari. Gli antibiotici inibiscono la crescita dei batteri nel corpo e li uccidono. Questo gruppo è prescritto per la gonorrea, la sifilide, la clamidia.
  2. Antiprotozoico. Le compresse del tipo Metronidazolo sono prescritte per la sconfitta dei protozoi (Trichomonas, clamidia, ureaplasma).
  3. Antifungini. I farmaci vengono iniziati insieme agli antibiotici e per il trattamento concomitante della candidosi (Fluconazolo, Fucis, Griseofulvin).
  4. Antiretrovirali. I farmaci sono prescritti per l'infezione da HIV. Le compresse vengono prese rigorosamente nei tempi e nei programmi, affinché la vita rallenti la moltiplicazione del virus nel sangue. A volte vengono somministrati farmaci per l'epatite B (Zidovudina, Lamivudina, Raltegravir).
  5. Immunostimolanti o immunomodulatori. Prescritto per infezione virale da herpes, papillomavirus, HIV. Un esempio di farmaco sono le supposte di Viferon da un'infezione genitale. Il principale ingrediente attivo è l'interferone. C'è un gruppo che migliora l'immunità cellulare e il farmaco Timalin.
  6. Trattamento sintomatico. Prescrivere farmaci antinfiammatori, pomate e gel topici per alleviare il prurito, con proprietà rigeneranti e ripristinanti del pH.

Acyclovir, Valacyclovir, Ganciclovir sono farmaci anti-erpetici di cui non è stata confermata l'efficacia negli studi clinici contro le verruche genitali.

Il gruppo farmacologico di compresse o farmaci per le infezioni genitali in una forma diversa viene selezionato in base alla prescrizione del medico.

I farmaci topici sono meno efficaci e sono più spesso usati per alleviare i sintomi piuttosto che per curarli. E le pillole per le infezioni hanno un effetto generalizzato, rimuovono l'agente patogeno con maggiore attenzione.

Ma le compresse hanno una serie di effetti collaterali su fegato, reni, sistema circolatorio..

È INTERESSANTE! A volte il medico combina gruppi di farmaci e, dopo aver assunto antibiotici, aggiunge farmaci antifungini. Gli antibiotici modificano l'equilibrio acido-base, che provoca la crescita dei funghi. Molto spesso, durante il trattamento, il mughetto può svilupparsi o peggiorare.

Cosa significa prevenire le infezioni genitali

È impossibile prevenire le infezioni genitali con le pillole prima o immediatamente dopo il rapporto. Non prendere antibiotici o altri farmaci in anticipo. Porteranno solo effetti collaterali al corpo.

Oltre al virus dell'herpes e al papillomavirus, i preservativi (maschi o femmine) sono in grado di proteggere dalla maggior parte delle infezioni. Usa un preservativo 1 volta.

Le supposte e le paste spermicide, come "Pharmatex", "Patenteks ovale", proteggono da gravidanze indesiderate e da una serie di batteri che causano malattie sessualmente trasmissibili. Devono essere inseriti nella vagina 5-10 minuti prima del rapporto. Non proteggono dalle infezioni genitali, ma riducono solo del 30-40% la probabilità di malattia.

È INTERESSANTE! I preservativi sono trattati con sostanza spermicida nonoxynol-9. Secondo gli studi dell'OMS del 2001, questa sostanza non protegge da batteri e virus a trasmissione sessuale.

Le soluzioni antisettiche (Miramistin, Horhexidine, Betadine) possono essere utilizzate entro due ore dal rapporto non protetto. Ridurranno la probabilità di infezione del 60% con tali microrganismi:

  1. treponema pallido (l'agente eziologico della sifilide);
  2. gonococco (l'agente eziologico della gonorrea);
  3. trichomonas (tricomoniasi).

Per gli uomini, il pene (glande, prepuzio, scroto e pube) può essere trattato. Si consiglia alle donne di trattare i genitali esterni, il pube, l'interno delle cosce. Puoi inserire una supposta di Betadine nella vagina. Dopo il trattamento, si consiglia di non andare in bagno per due ore.

Non vale la pena iniettare antisettici nell'uretra da soli in caso di infezione genitale, quindi puoi provocare la cistite.

La vaccinazione contro l'HPV (papillomavirus umano) e l'epatite B sono modi che impediranno definitivamente la trasmissione sessuale di questi virus.

Riepilogo e consigli utili

In caso di rapporti sessuali imprevisti e non protetti, devi:

  1. urinare abbondantemente;
  2. lavati le mani e i genitali esterni;
  3. trattare le superfici esterne (pube, interno coscia) con un antisettico disponibile;
  4. consultare un medico.

Queste azioni sono solo il 3-5% in grado di prevenire il possibile verificarsi di infezioni. Le donne non dovrebbero lavarsi con soluzioni antisettiche, questo interromperà la microflora naturale della vagina e potrebbe provocare ulteriormente lo sviluppo di infezioni.

  • Solo la vaccinazione contro il virus dell'epatite B e il papillomavirus umano sarà in grado di proteggere da queste infezioni genitali senza pillole aggiuntive con una probabilità del 98%.
  • Dopo 2-3 settimane, si consiglia di visitare un medico e condurre test per probabili infezioni genitali..
  • Articoli che ti interessano

Vogliamo fornirti materiali che saranno utili per le persone sessualmente attive. Il piacere a volte nasconde molti pericoli.

Articoli utili:

Revisione di 5 gruppi di antibiotici per il trattamento del sistema genito-urinario negli uomini e nelle donne

Uno dei motivi più comuni per visitare un urologo oggi sono le infezioni genito-urinarie (UTI), che non devono essere confuse con le IST. Questi ultimi vengono trasmessi sessualmente, mentre gli MPI vengono diagnosticati a qualsiasi età e insorgono per altri motivi.

Il danno batterico agli organi del sistema escretore è accompagnato da un forte disagio: dolore, sensazione di bruciore, frequente bisogno di svuotare la vescica, rilascio di secrezioni patologiche dall'uretra. In un corso grave di infezione, è possibile sviluppare sintomi febbrili e di intossicazione intensi..

La migliore opzione di trattamento è l'uso di antibiotici moderni, che consentono di sbarazzarsi della patologia rapidamente e senza complicazioni..

Cos'è MPI?

Le infezioni urogenitali includono diversi tipi di processi infiammatori nel sistema urinario, inclusi i reni con ureteri (formano le sezioni superiori del MEP), così come la vescica e l'uretra (sezioni inferiori):

  • Pielonefrite - infiammazione del parenchima e del sistema caliceale renale, accompagnata da sensazioni dolorose nella parte bassa della schiena di varia intensità, nonché grave intossicazione e sintomi febbrili (letargia, debolezza, nausea, brividi, dolori muscolari e articolari, ecc.).
  • La cistite è un processo infiammatorio nella vescica, i cui sintomi sono frequenti bisogno di urinare con una sensazione concomitante di svuotamento incompleto, dolore acuto, a volte sangue nelle urine.
  • Uretrite: danno all'uretra (la cosiddetta uretra) da parte di agenti patogeni, in cui la secrezione purulenta appare nelle urine e la minzione diventa dolorosa. C'è anche una costante sensazione di bruciore nell'uretra, secchezza e crampi..

Ci possono essere diversi motivi per le infezioni del tratto urinario. Oltre al danno meccanico, la patologia si verifica sullo sfondo dell'ipotermia e della diminuzione dell'immunità, quando viene attivata la microflora condizionatamente patogena.

Inoltre, l'infezione si verifica spesso a causa della scarsa igiene personale, quando i batteri entrano nell'uretra dal perineo..

Le donne si ammalano molto più spesso degli uomini a quasi tutte le età (ad eccezione degli anziani).

Antibiotici nel trattamento dell'MPI

Nella stragrande maggioranza dei casi, l'infezione è di natura batterica. L'agente patogeno più comune è un rappresentante delle enterobatteri - E. coli, che viene rilevato nel 95% dei pazienti. Meno comuni sono S. saprophyticus, Proteus, Klebsiella, entero- e streptococchi.

Inoltre, la malattia è spesso causata da una flora mista (un'associazione di diversi patogeni batterici).

Pertanto, anche prima dei test di laboratorio, l'opzione migliore per le infezioni del sistema genito-urinario sarà il trattamento con un ampio spettro di antibiotici..

I moderni farmaci antibatterici sono divisi in diversi gruppi, ognuno dei quali ha uno speciale meccanismo di azione battericida o batteriostatica..

Alcuni farmaci sono caratterizzati da uno spettro ristretto di attività antimicrobica, cioè hanno un effetto dannoso su un numero limitato di specie di batteri, mentre altri (di ampio spettro) sono progettati per combattere diversi tipi di patogeni.

Sono gli antibiotici del secondo gruppo che vengono usati per trattare le infezioni del tratto urinario..

Per saperne di più: Antibiotici per malattie sessualmente trasmissibili

Penicilline

Articolo principale: penicilline - elenco dei farmaci, classificazione, storia

I primi ABP scoperti dall'uomo sono stati per lungo tempo una terapia antibiotica quasi universale. Tuttavia, nel tempo, i microrganismi patogeni sono mutati e hanno creato sistemi di difesa specifici, che hanno richiesto il miglioramento dei farmaci.

Al momento, le penicilline naturali hanno praticamente perso il loro significato clinico e al loro posto vengono utilizzati antibiotici semisintetici, combinati e protetti da inibitori della serie delle penicilline..

Le infezioni genito-urinarie vengono trattate con i seguenti farmaci di questa serie:

  • Ampicillin®. Farmaco semisintetico per uso orale e parenterale, che agisce come battericida bloccando la biosintesi della parete cellulare. È caratterizzato da una biodisponibilità piuttosto elevata e da una bassa tossicità. È particolarmente attivo contro Proteus, Klebsiella ed Escherichia coli. Per aumentare la resistenza alle beta-lattamasi, viene prescritto anche il farmaco combinato Ampicillina / Sulbactam®.
  • Amoxicillina®. In termini di spettro di azione antimicrobica ed efficacia, è simile al precedente ABP, tuttavia, è caratterizzato da una maggiore resistenza agli acidi (non si decompone in un ambiente di stomaco acido). Vengono utilizzati anche i suoi analoghi Flemoxin Solutab® e Hikontsil®, nonché antibiotici combinati per il trattamento del sistema genito-urinario (con acido clavulanico) - Amoxicillina / Clavulanate®, Augmentin®, Amoxiclav®, Flemoklav Solutab®.

Studi recenti hanno rivelato un alto livello di resistenza degli uropatogeni all'ampicillina e ai suoi analoghi.

Ad esempio, la sensibilità di E. coli è leggermente superiore al 60%, il che indica la bassa efficacia della terapia antibiotica e la necessità di utilizzare farmaci antibiotici di altri gruppi. Per lo stesso motivo, l'antibiotico sulfonamide Co-trimoxazole® (Biseptol®) non viene praticamente utilizzato nella pratica urologica..

Studi recenti hanno rivelato un alto livello di resistenza degli uropatogeni all'ampicillina® e ai suoi analoghi.

Cefalosporine

Articolo principale: cefalosporine - elenco completo di farmaci, classificazione, storia

Un altro gruppo di beta-lattamici con effetto simile, che si differenzia dalle penicilline per una maggiore resistenza agli effetti distruttivi degli enzimi prodotti dalla flora patogena.

Esistono diverse generazioni di questi farmaci e la maggior parte di essi è destinata alla somministrazione parenterale..

Da questa serie, i seguenti antibiotici sono usati per trattare il sistema genito-urinario negli uomini e nelle donne:

  • Cephalexin®. Un farmaco efficace per l'infiammazione di tutti gli organi urogenitali per somministrazione orale con un elenco minimo di controindicazioni.
  • Cefaclor® (Ceclor®, Alfacet®, Taracef®). Appartiene alla seconda generazione di cefalosporine e viene utilizzato anche per via orale.
  • Cefuroxime® e suoi analoghi Zinacef® e Zinnat®. Disponibile in diverse forme di dosaggio. Può anche essere prescritto ai bambini nei primi mesi di vita a causa della bassa tossicità.
  • Ceftriaxone®. Viene venduto sotto forma di polvere per la preparazione di una soluzione che viene somministrata per via parenterale. I sostituti sono Lendacin® e Rocefin®.
  • Cefoperazone® (Cefobid®). Rappresentante della terza generazione di cefalosporine, che viene somministrato per via endovenosa o intramuscolare per infezioni genito-urinarie.
  • Cefepim® (Maxipim®). La quarta generazione di antibiotici di questo gruppo per uso parenterale.

I farmaci elencati sono ampiamente utilizzati in urologia, ma alcuni di essi sono controindicati nelle donne in gravidanza e in allattamento..

Fluorochinoloni

Articolo principale: elenco di tutti gli antibiotici fluorochinolonici

Gli antibiotici più efficaci oggi per le infezioni genito-urinarie negli uomini e nelle donne.

Si tratta di potenti droghe sintetiche con azione battericida (la morte dei microrganismi si verifica a causa della violazione della sintesi del DNA e della distruzione della parete cellulare).

Sono agenti antibatterici altamente tossici. Scarsamente tollerato dai pazienti e spesso causa effetti indesiderati dalla terapia.

Controindicato in pazienti con intolleranza individuale ai fluorochinoloni, pazienti con patologie del SNC, epilessia, persone con patologie renali ed epatiche, donne in gravidanza, allattamento, nonché pazienti sotto i 18 anni di età.

  • Ciprofloxacina®. Viene assunto per via orale o parenterale, è ben assorbito ed elimina rapidamente i sintomi dolorosi. Ha parecchi analoghi, compreso Tsiproby® e Tsiprinol®.
  • Ofloxacin® (Ofloxin®, Tarivid®). Fluorochinolone antibiotico, ampiamente utilizzato non solo nella pratica urologica per la sua efficacia e un'ampia gamma di azione antimicrobica.
  • Norfloxacin® (Nolicin®). Un altro farmaco per la somministrazione orale, nonché per la somministrazione endovenosa e intramuscolare. Ha le stesse indicazioni e controindicazioni.
  • Pefloxacin® (Abaktal®). Efficace anche contro la maggior parte dei patogeni aerobici, assunti per via parenterale e orale.

Questi antibiotici sono indicati anche per il micoplasma, poiché agiscono sui microrganismi intracellulari meglio delle tetracicline precedentemente ampiamente utilizzate..

Una caratteristica dei fluorochinoloni è un effetto negativo sul tessuto connettivo.

È per questo motivo che è vietato l'uso di farmaci fino all'età di 18 anni, durante i periodi di gravidanza e allattamento, nonché per le persone con diagnosi di tendinite..

Aminoglicosidi

Articolo principale: tutti gli aminoglicosidi in un articolo

Classe di agenti antibatterici destinati alla somministrazione parenterale. L'effetto battericida si ottiene inibendo la sintesi di proteine ​​di anaerobi prevalentemente gram-negativi. Allo stesso tempo, i farmaci di questo gruppo sono caratterizzati da tassi piuttosto elevati di nefro- e ototossicità, che limita l'ambito della loro applicazione..

  • Gentamicin®. Un farmaco della seconda generazione di antibiotici-aminoglicosidi, che è scarsamente adsorbito nel tratto gastrointestinale e quindi viene somministrato per via endovenosa e intramuscolare.
  • Netilmecin® (Netromycin®). Appartiene alla stessa generazione, ha un effetto simile e un elenco di controindicazioni.
  • Amikacin®. Un altro aminoglicoside efficace per le infezioni del tratto urinario, particolarmente complicate.

A causa della lunga emivita, i farmaci elencati vengono utilizzati solo una volta al giorno. Sono prescritti per i bambini fin dalla tenera età, ma sono controindicati per le donne che allattano e le donne in gravidanza. Gli antibiotici-aminoglicosidi di prima generazione non sono più utilizzati nel trattamento delle infezioni da MEP.

Nitrofurani

Antibiotici ad ampio spettro per infezioni del sistema genito-urinario con effetto batteriostatico, che si manifesta in relazione alla microflora sia gram-positiva che gram-negativa. Allo stesso tempo, la resistenza agli agenti patogeni non si forma praticamente..

Questi farmaci sono destinati all'uso orale e il cibo aumenta solo la loro biodisponibilità. Per il trattamento delle infezioni da MVP viene utilizzata la Nitrofurantoina® (nome commerciale Furadonin®), che può essere somministrata ai bambini a partire dal secondo mese di vita, ma non alle donne in gravidanza e in allattamento.

L'antibiotico Fosfomycin® trometamolo, che non appartiene a nessuno dei gruppi sopra elencati, merita una descrizione a parte. È venduto in farmacia con il nome commerciale Monural ed è considerato un antibiotico universale per l'infiammazione del sistema genito-urinario nelle donne..

Questo agente battericida per le forme non complicate di infiammazione MEP è prescritto come un corso di un giorno - 3 grammi di fosfomicina® una volta (se indicato, due volte). Approvato per l'uso in qualsiasi fase della gravidanza, praticamente non dà effetti collaterali, può essere utilizzato in pediatria (dai 5 anni).

Quando e come vengono utilizzati gli antibiotici per l'MPI?

Normalmente, l'urina di una persona sana è praticamente sterile, tuttavia, l'uretra ha anche la sua microflora sulla mucosa, quindi la batteriuria asintomatica (presenza di microrganismi patogeni nelle urine) viene diagnosticata abbastanza spesso. Questa condizione non si manifesta esternamente in alcun modo e nella maggior parte dei casi non richiede terapia. L'eccezione sono le donne incinte, i bambini e le persone con immunodeficienza..

Se nelle urine si trovano grandi colonie di E. coli, è necessario un trattamento antibiotico. In questo caso, la malattia procede in forma acuta o cronica con sintomi gravi..

Inoltre, la terapia antibiotica viene prescritta in cicli lunghi a basse dosi per prevenire le ricadute (quando una riacutizzazione si verifica più spesso di due volte ogni sei mesi).

Di seguito sono riportati gli schemi per l'uso di antibiotici per le infezioni urinarie in donne, uomini e bambini.

Pielonefrite

Le forme lievi e moderate della malattia sono trattate con fluorochinoloni orali (ad esempio, Ofloxacin®, 200-400 mg due volte al giorno) o un Amoxicillin® protetto da inibitori. I farmaci di riserva sono le cefalosporine e il cotrimossazolo®.

Alle donne in gravidanza viene mostrato il ricovero in ospedale con terapia iniziale con cefalosporine parenterali (Cefuroxime®) seguita da un passaggio alle compresse - Ampicillin® o Amoxicillin®, comprese quelle con acido clavulanico. Anche i bambini di età inferiore a 2 anni sono ammessi in ospedale e ricevono gli stessi antibiotici delle donne in gravidanza.

Leggi avanti: Antibiotici per la pielonefrite in compresse

Cistite e uretrite

Di norma, la cistite e un processo infiammatorio aspecifico nell'uretra si verificano contemporaneamente, quindi non vi è alcuna differenza nella loro terapia antibiotica. Per le forme di infezione non complicate, il farmaco di scelta è Monural®.

Inoltre, con un'infezione non complicata negli adulti, viene spesso prescritto un ciclo di 5-7 giorni di fluorochinoloni (Ofloxacin®, Norfloxacin® e altri). Sono riservati Amoxicillina / Clavulanate®, Furadonin® o Monural®. Le forme complicate sono trattate allo stesso modo, ma il corso della terapia antibiotica dura almeno 1-2 settimane.

Per le donne in gravidanza, il farmaco di scelta è Monural®; in alternativa possono essere utilizzati beta-lattamici (penicilline e cefalosporine). Ai bambini viene prescritto un ciclo di 7 giorni di cefalosporine orali o Amoxicillina® con clavulanato di potassio.

Leggi: Antibiotici per la cistite nelle donne e negli uomini

Informazioni aggiuntive

Va tenuto presente che le complicazioni e un decorso grave della malattia richiedono il ricovero obbligatorio e il trattamento con farmaci parenterali. I farmaci orali sono generalmente prescritti in regime ambulatoriale.

Per quanto riguarda i rimedi popolari, non hanno un effetto terapeutico speciale e non possono essere un sostituto della terapia antibiotica..

L'uso di infusi e decotti a base di erbe è consentito solo previo accordo con il medico come trattamento aggiuntivo.

E ancora: antibiotici affidabili per l'ureaplasma nelle donne

Antibiotici necessari per trattare le infezioni urogenitali (pagina 1 di 3)

  • astratto
  • Antibiotici necessari per trattare le infezioni urogenitali
  • introduzione

Avere
Le infezioni rologiche sono malattie comuni sia nella pratica ambulatoriale che in ospedale. L'uso di antibiotici nel trattamento delle uroinfezioni ha una serie di caratteristiche che devono essere prese in considerazione quando si sceglie un farmaco.

Il trattamento delle infezioni del tratto urinario, da un lato, è più facile rispetto alle infezioni di altre localizzazioni, poiché in questo caso è quasi sempre possibile una diagnosi eziologica accurata; inoltre, la stragrande maggioranza delle uroinfezioni sono monoinfezioni, ad es..

sono causati da un unico agente eziologico, quindi non richiedono una prescrizione combinata di antibiotici (ad eccezione delle infezioni causate da Pseudomonas aeruginosa
).

D'altra parte, con infezioni complicate delle vie urinarie, c'è sempre un motivo (ostruzione o altro) che supporta il processo infettivo, che rende difficile ottenere una cura clinica o batteriologica completa senza una correzione chirurgica radicale..

  1. Le concentrazioni della maggior parte dei farmaci antibatterici nelle urine sono decine di volte superiori al siero o le concentrazioni in altri tessuti, che, in condizioni di bassa carica microbica (osservata in molte uroinfezioni), consente di superare un basso livello di resistenza e ottenere l'eradicazione del patogeno.
  2. Pertanto, nel trattamento delle infezioni urologiche, il fattore decisivo nella scelta di un antibiotico è la sua naturale attività contro i principali uropatogeni..
  3. Allo stesso tempo, in alcune localizzazioni di uroinfezioni (ad esempio, nel tessuto della ghiandola prostatica), ci sono seri problemi per molti antibiotici per raggiungere un livello adeguato di concentrazioni tissutali, il che può spiegare l'effetto clinico insufficiente anche con la sensibilità accertata del patogeno al farmaco in vitro.
  4. 1. Eziologia delle infezioni urologiche

I microrganismi uropatogeni che causano oltre il 90% delle infezioni del tratto urinario includono i batteri della famiglia delle Enterobacteriacea
e, così come P. aeruginosa
, Enterococcus faecalis
, Staphylococcus saprophyticus
.

Allo stesso tempo, microrganismi come S. aureus
, S. epidermidis
, Gardnerella vaginalis
, Streptococcus spp.

, difteroidi, lattobacilli, anaerobi, praticamente non causano queste infezioni, sebbene colonizzino anche il retto, la vagina e la pelle.

Va sottolineato che le infezioni del tratto urinario acquisite in comunità nella pratica ambulatoriale e ospedaliera sono nella stragrande maggioranza dei casi causate da un microrganismo - Escherichia coli, quindi, il fattore decisivo nella scelta di un antibiotico è la sua naturale attività contro l'E..

coli e, in una certa misura, il livello di resistenza acquisita nella popolazione. Allo stesso tempo, nelle infezioni nosocomiali, aumenta l'importanza di altri microrganismi uropatogeni con un livello di resistenza imprevedibile (determinato da dati epidemiologici locali)..

Nell'eziologia delle infezioni delle parti inferiori del tratto urogenitale, i microrganismi atipici (Chlamydia trachomatis
, Ureaplasma urealyticum
), cosa deve essere considerato quando si prescrive un farmaco antibatterico.

Il ruolo condizionatamente eziologico di vari uropatogeni è presentato in tabella. 1.

Pertanto, il fattore determinante nella possibilità di utilizzare un antibiotico per le infezioni urogenitali è la sua attività contro i patogeni dominanti:

Infezioni acquisite in comunità: E. coli

Infezioni ospedaliere: E. coli e altri enterobatteri, enterococchi, S. saprophyticus, in terapia intensiva + P. aeruginosa

  • Uretrite non gonococcica: microrganismi atipici
  • Prostatite batterica: enterobatteri, enterococchi, eventualmente microrganismi atipici.
  • 2. Caratteristiche dei principali gruppi di farmaci antibatterici in relazione ai principali agenti causali delle infezioni urogenitali
  • 2.1 Antibiotici beta-lattamici
  • Penicilline naturali:

    benzilpenicillina, fenossimetilpenicillina

Solo alcuni batteri gram-positivi sono sensibili a questi farmaci, l'E. Coli e altri microrganismi gram-negativi sono resistenti. Pertanto, la nomina di penicilline naturali per le infezioni urologiche non è giustificata..

  1. Penicilline sensibili alla penicillina:

    oxacillina, dicloxacillina
  2. Questi farmaci sono attivi anche solo contro i batteri gram-positivi, quindi non possono essere prescritti per le infezioni urologiche..
  3. Aminopenicilline:

    ampicillina, amoxicillina

Le aminopenicilline sono naturalmente attive contro alcuni batteri gram-negativi - E. coli
, Proteus mirabilis
, così come gli enterococchi. La maggior parte dei ceppi stafilococcici sono resistenti. Negli ultimi anni, nei paesi europei e in Russia, un aumento della resistenza dei ceppi di E acquisiti in comunità.

coli alle aminopenicilline, raggiungendo il 30%, il che limita l'uso di questi farmaci per le uroinfezioni. Tuttavia, elevate concentrazioni urinarie di questi antibiotici tendono a superare le concentrazioni minime inibitorie (MIC) e solitamente si ottengono benefici clinici nelle infezioni non complicate.

La nomina di aminopenicilline è possibile solo per infezioni lievi non complicate (cistite acuta, batteriuria asintomatica), ma solo come alternativa grazie alla disponibilità di antibiotici più efficaci.

Tra le aminopenicilline orali, è preferita l'amoxicillina, con un migliore assorbimento e un'emivita più lunga.

Aminopenicilline in combinazione con inibitori della β-lattamasi:

amoxicillina / clavulanato, ampicillina / sulbactam

Lo spettro di attività naturale di questi antibiotici è simile a quello delle aminopenicilline non protette; allo stesso tempo, gli inibitori delle β-lattamasi proteggono queste ultime dall'idrolisi delle β-lattamasi, che sono prodotte da stafilococchi e batteri gram-negativi. Di conseguenza, il livello di resistenza E.

coli alle penicilline protette basse.

Allo stesso tempo, va sottolineato che in alcune regioni della Russia c'è stato un aumento della percentuale di ceppi resistenti di E. coli alle aminopenicilline protette, pertanto questi farmaci non sono più considerati mezzi ottimali per la terapia empirica delle infezioni urogenitali acquisite in comunità e possono essere prescritti solo in caso di documentata sensibilità dei patogeni ad esse. Le aminopenicilline protette, come altri gruppi di penicilline semisintetiche, penetrano scarsamente nel tessuto della ghiandola prostatica, e quindi non dovrebbero essere prescritte per il trattamento della prostatite batterica, anche se i patogeni sono sensibili ad esse in vitro.

Penicilline antipseudomonali:

carbenicillina, piperacillina, azlocillina

Mostra un'attività naturale contro la maggior parte degli uropatogeni, compreso P. aeruginosa
. Allo stesso tempo, i farmaci non sono stabili alle β-lattamasi, quindi, al momento, il livello di resistenza dei ceppi ospedalieri di microrganismi gram-negativi può essere elevato, il che limita il loro uso nelle infezioni del tratto urinario ospedaliero.

Penicilline antipseudomonali in combinazione con inibitori della β-lattamasi:

ticarcillina / clavulanato, piperacillina / tazobactam

Rispetto ai farmaci non protetti, sono più attivi contro i ceppi ospedalieri di Enterobacteriacea
e e stafilococchi. Allo stato attuale, in Russia c'è un aumento della stabilità di P.

aeruginosa a questi antibiotici (ticarcillina / clavulanato più di piperacillina / tazobactam).

Pertanto, per le uroinfezioni ospedaliere nei reparti urologici, la nomina di ticarcillina / clavulanato è giustificata, allo stesso tempo, nelle unità di terapia intensiva (ICU), dove P. aeruginosa è di grande importanza eziologica
, possibile uso di piperacillina / tazobactam.

Cefalosporine di prima generazione:

cefazolina, cefalexina, cefadroxil

Mostrano una buona attività contro i batteri gram-positivi, allo stesso tempo hanno un debole effetto su E. coli
, contro altri enterobatteri sono praticamente inattivi. In teoria, i farmaci orali (cefalexina e cefadroxil) possono essere prescritti per la cistite acuta, ma il loro uso è limitato a causa della disponibilità di antibiotici molto più efficaci.

Cefalosporine di seconda generazione:

cefuroxima, cefuroxima axetil, cefaclor

La cefuroxima axetil e il cefaclor per via orale mostrano un'attività naturale contro gli agenti causali di uroinfezioni acquisiti in comunità: in termini di spettro di attività e livello di resistenza, sono simili ad amoxicillina / clavulanato, ad eccezione di E.

faecalis
. In termini di attività contro E. coli e livello di resistenza acquisita, sono inferiori ai fluorochinoloni e alle cefalosporine orali di terza generazione, pertanto non sono considerati mezzi di scelta per il trattamento delle uroinfezioni.

Cefalosporine di terza generazione:

parenterale - cefotaxime, ceftriaxone, ceftazidime, cefoperazone; orale - cefixime, ceftibuten

Mostri l'attività alta contro microrganismi gram-negativi - i principali agenti causativi di uroinfezioni; due farmaci (ceftazidima e cefoperazone) sono attivi anche contro P. aeruginosa
. Nelle infezioni da pseudomonas uro, la ceftazidima è preferibile al cefoperazone, poiché raggiunge concentrazioni urinarie più elevate.

Le cefalosporine parenterali di terza generazione dovrebbero essere prescritte esclusivamente in ospedale (nella pratica ambulatoriale non hanno vantaggi rispetto ai farmaci orali), e cefotaxime e ceftriaxone non dovrebbero essere usati in terapia intensiva, poiché non agiscono su P. aeruginosa
.

Le cefalosporine orali di terza generazione possono essere utilizzate nella pratica ambulatoriale nel trattamento di varie infezioni urogenitali non complicate e complicate. A causa del fatto che il livello di resistenza di E. coli nel nostro paese a cefixime e ceftibuten è minimo (